Il mio leone

 
no ad

Embed or link this publication

Description

percorso didattico in lingua friulana per l'accoglienza

Popular Pages


p. 1

ACnaLdeAIVSScSueEle e 4primarie Marilenghe te scuele I ambients dal Friûl SIENCIS Il gno leon INTERCULTURE E CONVIVENCE CIVÎL Figuris gjeometrichis MATEMATICHE I cjastelîrs STORIE

[close]

p. 2

Marilenghe te scuele 2014 Progetto realizzato con il sostegno di Bando per il finanziamento dei progetti speciali per la Scuola - Anno 2014 (Decreto del direttore centrale n. 3427 del 05.06.2014) Il progetto “Marilenghe te scuele furlane” promosso dalla Società Filologica Friulana si è posto come obiettivo la produzione di moduli e materiali didattici, indirizzati ai docenti della scuola primaria, per l’insegnamento e l’uso della Lingua Friulana per veicolare le discipline curricolari, per rispondere alle necessità formative previste dalla normativa di tutela della marilenghe (L.R. 29/2007). I moduli didattici così realizzati utilizzano l’approccio CLIL (Content and Language Integrated Learning o “Apprendimento Integrato di Lingua e Contenuto”), con il quale si intende conseguire il duplice obiettivo di prestare attenzione sia alla disciplina che alla lingua veicolare. Sono state sviluppate delle unità didattiche integrate per ciascuna classe della scuola primaria, dalla prima alla quinta, su diverse discipline: educazione civica, educazione fisica, geografia, matematica, musica, scienze, sicurezza casa scuola, storia,tecnologia e informatica. La realizzazione dei materiali didattici è stata affidata ad un gruppo di ricerca costituito da docenti della scuole primarie del Friuli, appositamente formati, con competenze specifiche nella didattica in marilenghe. Coordinamento Rosalba Perini Componenti il gruppo di ricerca Sonia Cargnelli (I.C. Tricesimo), Paola Cencini (I.C. Pagnacco), Sandro Fabello (I.C. Codroipo), Monica Medeot (I.C. Cormons), Lorella Moretti (I.C. Codroipo), Tamara Pozzebon (I.C. Tricesimo), Miriam Pupini (I.C. Cividale del Friuli), Cristina Santi (I.C. Maniago), Luigina Santi (I.C. Maniago), Angela Tedeschi (I.C. Pagnacco), Giuliana Tommasini (I.C. Maniago), Nicola Tosolini (I.C. Tavagnacco), Anna Zossi (I.C. Tavagnacco). Coordinamento editoriale Anna Maria Domini Grafica e impaginazione Davide Carli Segreteria di redazione Elena De Sanctis Traduzioni Paolo Roseano Stampa Tipografia Martin, Cordenons © Societât Filologjiche Furlane, 2015 ISBN 978-88-7636-214-9

[close]

p. 3

UNE PROPUESTE Premesse di Rosalba Perini DI LETURE Il progjet “Marilenghe te scuele 2014” al fâs stât su trê fats une vore sempliçs, che cui che al insegne te scuele furlane – massime te scuele primarie – ju cognòs benon: 1. Nol è facil vê a disposizion materiâi didatics par furlan che a ledin daûr des ultimis indicazions (come chês dal 2012), ven a stâi che a sedin organizâts daûr dai ponts di fonde dal document programatic: il profîl dal student, che al è struturât daûr des competencisclâf europeanis; i obietîfs pal svilup des dissiplinis che a rapresentin lis pistis culturâls e didatichis che si à di percori e che a judin a finalizâ la azion educative; i obietîfs di aprendiment dissiplinârs, specifics, che a caraterizin une cierte fase dal studi (tal nestri câs la scuele primarie) e che a son ancje i criteris pe valutazion des competencis. 2. A coventin percors CLIL (Content and Laguages Integrated Learning) in lenghe furlane organics, coerents, flessibii e sostignibii sul plan de economicitât des propuestis e de coerence cul curriculum statâl, che però a tegnin presint ancje la specificitât dal nestri contest. 3. Ai mestris, che a àn competencis diferentis in lenghe furlane, si à di ufrîur imprescj par che a puedin tacâ a doprâ il furlan in classe, par puartâ indenant lis ativitâts didatichis normâls dai plans dissiplinârs de scuele primarie, cu la convinzion che invistî su la lenghe furlane al vûl dî invistî su la competence lenghistiche, ma ancje sul svilup cognitîf, metacognitîf, interculturâl e relazionâl dai scuelârs. I obietîfs Il progjet al à dôs finalitâts: judâ la riflession e la cussience dai docents e, tal stes timp, valorizâ i materiâi didatics produsûts in autonomie des scuelis, tant che espression di percors valits e significatîfs di aprendiment in lenghe furlane, di sigûr no dal insegnament de lenghe furlane. No je nissune pretese di dâ guidis o modei prescritîfs sul plan metodologjic-didatic, tant mancul di imponi schemis di progjetazion CLIL, in plene cussience des logjichis e des normativis che a regolin il “fâ scuele” in Italie e, duncje, dal principi che al riclame la libertât didatiche. Par ce che al rivuarde la lenghe, al è di segnalâ che il formât adotât al consee un percors che ta cheste prime fase si invie in lenghe furlane e taliane, duncje no dome in lenghe furlane, come invezit al sarà fat tes prossimis publicazions. Si à fate cheste sielte sedi par facilitâ i docents che a tachin a lavorâ cul metodi CLIL frontant pe prime volte l’ûs veicolâr de lenghe furlane pal insegnament des materiis curicolârs, sedi par chei che a àn chê di sperimentâ gnovis strategjiis metodologjichis. Implant concetuâl e metodologjic I pilastris che a tegnin sù i materiâi a son doi: 1. la atenzion ai contignûts dissiplinârs corispondents aes cinc classis de scuele primarie, cul rimant a esemplis di ativitâts davueltis in variis dissiplinis e in lenghis diferentis (siencis, matematiche, musiche, storie, gjeografie, educazion fisiche, inglês…) e la adesion a une culture e a une prassi di progjetazion formative par competencis trasversâls; 2. la adozion de struture di lezion CLIL daûr des propuestis dai esperts de Universitât Ca’ Foscari di Vignesie, par garantî la unitarietât di un scheme comun di progjetazion, ma rispietant tal stes

[close]

p. 4

FASE FASE CENTRALE FASE INIZIALE FINALE DI ELABORAZIONE INPUT timp la libertât di elaborazion di ogni singul docent-autôr e la declinazion dai itineraris su la fonde dal contest specific di riferiment. Par chest motîf, ogni unitât didatiche e presente sfumaduris e carateristichis propriis: une varietât che e rimande ae ricjece di significâts e di ativitâts che a son il patrimoni de nestre scuele furlane. STRUTTURA DELLE ATTIVITÀ IN UNA LEZIONE CLIL Coerente con gli obiettivi formativi 1. MOTIVAZIONE 2. ESPOSIZIONE 3. FISSAZIONE 4. RIUTILIZZO 5. SINTESI / CONTROLLO Imparâ lis dissiplinis in lenghe furlane Imparâ i contignûts des dissiplinis al è un aspiet une vore impuartant, parcè che se il scuelâr nol rive a capî i contignûts nol pues nancje trasformâju in cognossince. Cuant che si insegne par furlan, cheste situazion e pues jessi problematiche, parcè che il scuelâr al pues vê cualchi dificoltât lenghistiche e une “cjame cognitive” in plui, che a son dificoltâts che a domandin strategjiis smiradis par fâ che i contignûts a sedin acessibii, che i concets si puedin capî e imparâ un pôc a la volte. Dut câs, dal sigûr i insegnants consapevui a san gjestî la situazion fasint sieltis didatichis e metodologjichis che a van plui in là dal fat che a stan doprant une lenghe minoritarie par insegnâ. Chescj insegnants a son bogns di trasformâ il progjet di lenghe furlane intun ambient di aprendiment integrât gnûf, cambiant il so stîl di insegnament e adatantlu aes gnovis modalitâts di aprendiment dai students. Organizazion dal test In chest IV volum, pensât pe classe IV de scuele primarie, a son 4 percors cun articolazions, modei, rapresentazions e organizazions didatichis une vore diferentis, che no van simpri daûr dal scheme CLIL che si à vût iniment te premesse. Ancje la mape cognitive no je simpri la modalitât che e ven sielzude par rapresentâ i procès cognitîfs al inizi, ma cualchi volte si le dopre par organizâ e svilupâ i contignûts. Par rispiet viers des sieltis personâls di ogni autôr e de autenticitât des esperiencis documentadis, i itineraris a son stâts ripuartâts cence adataments che a disvinidrissaressin, in part, la lôr autenticitât. 1. Percors par imparâ I ambients dal Friûl Siencis di Nicola Tossolini Scuele Primarie di Felet (UD) Un progjet interdissiplinâr complet, profont, interessant, che al cjape dentri siencis, storie, gjeografie, tecnologjie e lis met in relazion cu la lenghe furlane. Al è impuartant ricuardâ che ta chest percors la vision interdissiplinâr e la sô atuazion didatiche a son facilitadis doprant lis strategjiis plui eficacis (come il Cooperative Learning) e lis T.I.C. Il percors al è insiorât cun bielis fotografiis e cuntune ricercje lessicografiche ben fate. Al è un percors che, in pratiche, al esaurìs l’impegn di un an scuelastic intîr. 2. Percors par imparâ Ducj par un, un par ducj! Il gno leon Interculture e educazion ae convivence di Sonia Cargnelli e Tamara Pozzebon Pastore Scuele Primarie di Tresesin (UD) Te presentazion si dîs che “chest percors, dividût in 3 modui, al vûl fâ nassi une clime sociâl di bon acet e di rispiet, acetant la unicitât di ogni persone tal interès dal grup, doprant lis specificitâts epistemologjichis e di contignût di diviersis dissiplinis che a vegnin veicoladis in lenghe furlane”. Scoltâ, fâ bon acet, rispietâ, valorizâ lis diversitâts a son temis sensibii e atuâi, che a vierzin lis puartis di une dimension di riflession sul plan etic, ma che a metin ancje adun i contignûts de educazion ae citadinance. Chest al è un percors interdissiplinâr impuartant o, ancjemò miôr, une oportunitât par pensâ, che dal sigûr e judarà i scuelârs e i insegnants a jemplâ i spazis “blancs” dal libri cun peraulis gnovis, cun peraulis di amôr. 3. Percors par imparâ Figuris gjeometrichis Matematiche di Cristina e Luigina Santi, Giuliana Tommasini Scuele Primarie di Vivâr (PN) Une propueste origjinâl par insegnâ/imparâ la gjeometrie cuntune didatiche gnove, che si fonde su la esplorazion dai procès cognitîfs e che e puarte indenant l’itinerari di svilup che al è stât proponût pe classe seconde de scuele primarie. La metodologjie e fâs stât sul aprendiment par scuvierte, cuntun ûs strategjic e smirât des domandis che, un pas a la volte, a permetin di inviâ itineraris gnûfs di ricercje (prin operative e po dopo concetuâl) cuntune progression che e partìs des esperiencis concretis e che e rive fin tal plan rapresentatîf. 4. Percors par imparâ I cjastelîrs Storie di Monica Medeot Scuele Primarie di Cormons (GO) Il percors storic sui cjastelîrs al è un lavôr pedagogjic ben fat, aprofondît e ben articolât, che al da la pussibilitât di studiâ la storie dal Friûl e di metile in relazion cu la gjeografie, cu la storie de art e cu la culture. Il riclam a esperiencis e contignûts spiegâts in tierce al permet di imbastî un itinerari unic, cun continuitât di temis e di significâts. Chest chi al è un passaç indispensabil par che i scuelârs a imparin a ricostruî e a colegâ il “fat storic”, a studiâlu di plui di un pont di viste, a capîs lis sôs causis e i siei efiets. Un aspiet che al è stât curât in mût particolâr al è chel de relazion tra la storie e la gjeografie, “par vie de colegance une vore fuarte che e je tra i popui e lis regjons là che a son a stâ” (In. Naz. 2012). Cu la sperance che chest lavôr al sedi une oportunitât reâl par insiorâ il curriculum locâl e un piçul pas viers une proiezion de scuele furlane te dimension europeane e internazionâl. ABREVIAZIONS L.I. Lenghe taliane L.F. Lenghe furlane LIM Lavagne Interative Multimediâl MCE Moviment di Cooperazion Educative

[close]

p. 5

Ducj par un, un par ducj! Sonia Cargnelli e Tamara Pozzebon Pastore I.C. di Tricesimo - Scuola Primaria di Tricesimo INTERCULTURA ed EDUCAZIONE alla CONVIVENZA CIVILE Percors p 2 ar im parâ • Neveade Questa unità, progettata in 3 moduli ha la finalità generale di creare un clima sociale di accoglienza e • Il gno leon rispetto reciproco, utilizzando le specificità epistemologiche e di contenuto di diverse discipline veicolate in Lingua Friulana. Questo fascicolo vede la pubblicazione del modulo Il gno leon, mentre i moduli • Kirikou che completano il percorso didattico – Neveade e Kirikou – verranno pubblicati successivamente. Tempi complessivi di svolgimento • 20 ore totali circa Modulo 1 - Neveade: 2-3 ore Modulo 2 - Il gno leon: 8-10 ore Modulo 3 - Kirikou: 8 ore Traguardi di competenza Traguardi formativi per la scuola primaria1 • I traguardi formativi della scuola primaria sono riferiti alla padronanza degli alfabeti di base e allo sviluppo delle competenze di comprensione, lettura e produzione di testi, nonché di riflessione linguistica. La presenza del contesto plurilinguistico sviluppa la consapevolezza di un uso funzionale della lingua in cui i vari linguaggi si integrano nella comunicazione e nella rappresentazione delle conoscenze. La lingua nativa e le altre lingue sono trasversali allo sviluppo delle competenze interculturali e di cittadinanza. Finalità formative generali2 • Imparare la pluralità culturale tramite la varietà delle esperienze linguistiche e la curiosità verso il nuovo e il diverso. • Capacità di preservare il valore della testimonianza quale voce dell’identità linguistica, storica e culturale della comunità locale e dell’identità personale di ognuno. 1 Ai sensi del Capo III, art. 14, comma 2, della legge regionale n. 29/2007 e del Capo II del Regolamento recante disposizioni per l’insegnamento della lingua friulana nel territorio della Regione Friuli Venezia Giulia, emanato con Decreto del Presidente della Regione 23.08.2011, n 0204/Pres. Allegato alla delibera N. 1034 del 8 giugno 2012. 2 “Indicazions pe programazion didatiche curiculâr daûr de leç 482/99”, pag. 12 • Prendere coscienza dei livelli e dei gradi di appartenenza e affermazione identitari diversi che risultano dalla pluralità e complessità del contesto sociale locale e di quello allargato. Obiettivi di apprendimento disciplinari Educazione alla cittadinanza • Confrontare la propria esperienza umana con quella di altre persone e interagire positivamente con le stesse. • Maturare la consapevolezza che la conoscenza del diverso ci aiuta ad essere aperti alla tolleranza, al rispetto e alla comprensione reciproca. Arte e immagine • Utilizzare le conoscenze e le abilità relati- ve al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi (espressivi, narrativi, rappresentativi e comunicativi) e rielaborare in modo creativo le immagini con molteplici tecniche, materiali e strumenti (grafico-espressivi, pittorici e plastici, audiovisivi e multimediali). • Osservare, esplorare, descrivere e leggere immagini (opere d’arte, fotografie, manifesti, fumetti, lungometraggi animati, film) e messaggi multimediali (spot, brevi filmati, videoclip). • Individuare in un’opera d’arte, sia antica che moderna, gli elementi essenziali della forma, del linguaggio, della tecnica e dello stile dell’artista per comprenderne il messaggio e la funzione. • Familiarizzare con alcune forme d’arte e di produzione artigianale appartenenti alla propria e ad altre culture. • Conoscere i principali beni artistico-culturali presenti nel territorio di appartenenza e maturare sensibilità per la loro tutela. Storia • Organizzare la conoscenza, tematizzando e usando semplici categorie (alimentazione, difesa, cultura). Geografia • Rendersi conto che lo spazio geografico è un sistema territoriale, costituito da elementi fisici e antropici legati da rapporti di connessione e/o di interdipendenza. • Individuare, conoscere e descrivere gli elementi caratterizzanti dei paesaggi (di montagna, collina, pianura, costieri, vulcanici) con particolare attenzione a quelli friulani. Inglese • - Collaborare attivamente con i compagni nella realizzazione delle attività collettive o di gruppo dimostrando interesse e fiducia verso l’altro e individuare differenze culturali senza avere atteggiamenti di rifiuto. • - Interagire nel gioco e comunicare in modo comprensibile. • - Saper stabilire relazioni tra elementi linguistico-comunicativi e culturali appartenenti alla lingua materna e alla lingua straniera. Tecnologia e informatica • utilizzare strumenti informatici e di co- municazione in situazioni significative di gioco e di relazione con gli altri.

[close]

p. 6

Ducj par un, un par ducj! Obiettivi linguistici orali e scritti • Comprensione orale e scritta - capire brevi testi semplici legati all’esperienza e/o strutturati per l’apprendimento disciplinare - formulare pensieri nel linguaggio quotidiano (utilizzato in contesto familiare e scolastico) - costruire una competenza graduale nella padronanza e nel repertorio linguistico • Produzione orale e scritta - costruire una competenza graduale nella padronanza e nel repertorio linguistico - produrre testi brevi e semplici legati all’esperienza o strutturati per l’apprendimento disciplinare sia a livello orale che scritto Obiettivi trasversali • Ambito relazionale e individuale - essere motivati ad apprendere - maturare e dimostrare autonomia e responsabilità - maturare e dimostrare collaborazione e interazione • Cognitivo - acquisire conoscenze concettuali e procedurali - acquisire capacità di comprensione - dimostrare capacità di elaborazione • Metacognitivo - acquisire conoscenze delle procedure di apprendimento - maturare controllo operativo - acquisire capacità di utilizzare il pro- prio bagaglio di conoscenze e competenze Contenuti • L’unità intende affrontare il tema della diversità, intesa nelle sue varie forme e aspetti, in relazione al singolo ed al gruppo di interazione sociale. • Si sviluppa quindi in tre moduli che approfondiscono il tema in modo graduale proponendo un approccio possibile con il diverso: prima di tutto l’accoglienza. Nel secondo modulo sarà stimolata la presa di coscienza che se esiste diversità esiste altresì la possibilità, che deve essere assunta in prima persona quotidianamente e da tutti, di costruire terreno culturale comune, di crescita e condivisione, dove il conflitto è parte di un processo che porta a nuova coesione sociale in senso antropologico-sociale. La terza fase è una riflessione più approfondita e personale, dove ciascuno deve mettersi in discussione in prima persona e analizzare qual è il proprio vissuto nei confronti del diverso, come vi si è approcciato e per quale motivo, esaminando se i comportamenti e le scelte attuate sono frutto di non conoscenza, di paura o di motivazioni preconcette indotte da errate e dannose ideologie legate ai contesti e non aperte al cambiamento costruttivo. • L’introduzione di ogni modulo contiene la declinazione delle specifiche di contenuto. L’unità, perciò, si articola in: LA DIVERSITÂT Modulo 1  dâ acet Modulo 2  cjatâ une maniere di lâ dacuardi Modulo 3  ognidun al è impuartant Strumenti per i tre moduli 1 testi Neveade, di Emanuele Bertossi, Circolo Culturale Menocchio, 2008 materiali didattizzazione del materiale (scelta e adattamento di alcune immagini, riassunto didascalico) risorse LIM 2 testi Il mio leone di Mandana Sadat, Terre di Mezzo, Milano, 2011 materiali e attività didattizzazione del materiale (scelta e adattamento di alcune immagini, mappa mentale su foglio di carta da pacco e stesura di un racconto possibile), produzione di disegni a partire dalla lettura e dall’osservazione delle immagini proposte dall’autrice, divisione del racconto in parti, registrazione, (montaggio della narrazione digitale a cura delle insegnanti). Il racconto può essere tradotto anche in lingua inglese, la narrazione vedrà allora tre tracce linguistiche: friulano, italiano e inglese. risorse LIM, attrezzatura informatica necessaria alla registrazione e al montaggio del lavoro. 3 lungometraggio Kirikù e la strega Karabà di Michel Ocelot, Studiocanal, Francia, 1998 materiali e attività didattizzazione del materiale (traduzione e adattamento di alcune delle proposte contenute nel dossier elaborato per la regione Lombardia e scaricabile dal sito Lombardia Cinema Ragazzi). risorse LIM effetto cinema SUGGERIMENTI E APPROFONDIMENTI Metodologie 1. rallentare il ritmo nel parlato, effettuare numerose pause, articolare bene le parole 2. utilizzare lessico semplice e attentamente scelto in base al livello linguistico 3. utilizzare strutture grammaticali conosciute 4. utilizzare frasi semplici e brevi 5. introdurre gradualmente e consapevolmente strutture grammaticali sconosciute ai bambini 6. utilizzare mimica e gestualità 7. utilizzare ripetizioni, fare numerosi esempi 8. parafrasare e riformulare i contenuti 9. utilizzare poco le espressioni figurate 10. enfatizzare con il tono della voce le parti più importanti 11. evitare la traduzione nella madrelingua Strategie 1. evitare l’insegnamento frontale 2. favorire l’interazione linguistica (dialogo) 3. favorire la negoziazione (continua revisione della comprensione) del significato 4. valorizzare le pre-conoscenze 5. essere flessibili nella programmazione e nella realizzazione delle proposte 6. integrare elementi verbali e iconografici

[close]

p. 7

Il gno leon La diversitât: Sonia Cargnelli e Tamara Pozzebon Pastore cjatâ une maniere di lâ dacuardi I.C. di Tricesimo - Scuola Primaria di Tricesimo Percors p 2 ar im parâ Disciplina di riferimento INTERCULTURA ed EDUCAZIONE alla CONVIVENZA / Discipline coinvolte DI TUTTE… UN PO’ Tempi indicativi di svolgimento • 8-10 ore Gli insegnanti presentano ai bambini una storia per sole immagini (silent book), da visionare con la LIM. Questo permette di osservare i particolari di forma, colore e narrazione iconica nel dettaglio anche da lontano e stimola osservazioni condivise e accurate senza che il lavoro venga interrotto dalla necessità di mostrare le immagini, come accade quando si legge una storia illustrata da un libro. Abilità comunicative su cui si può lavorare: • ascolto • comunicazione orale • lettura • scrittura Il lessico si arricchisce di vocaboli inerenti luoghi, animali, piante di altri ambienti geografici e tradizioni culturali diverse. Il linguaggio acquisisce strutture (funzioni) per chiedere, per ricevere risposte e per descrivere e raccontare. Lezione 1: lettura delle immagini e costruzione orale condivisa della storia suggerita dalle immagini in modo anche letterale (successivamente il prodotto narrativo viene riportato in forma scritta dagli insegnanti); realizzazione di una matrice cognitiva in riferimento ai significati e alle informazioni che si possono cogliere dalle immagini (preparare una matrice bianca, che i bambini possano riempire lavorando in piccoli gruppi dopo la condivisione). Lezione 2 e 3: assegnare i disegni da realizzare ascoltando le preferenze espresse dai bambini in relazione alle immagini d’autore; successivamente distribuire le parti della storia per prepararne la registrazione (soprattutto in caso di bambini che non sono madrelingua friulana, è necessario poter dedicare attenzione alla recitazione e alla pronuncia). Lezione 4: realizzare le registrazioni delle tracce vocali. Strumenti testi Silent book “Il mio leone”, di Mandana Sadat, Edizioni Terre di Mezzo. materiali fogli da disegno, colori, mappa mentale bianca (per fornire la struttura del ragionamento guidato in forma di lezione dialogica). risorse LIM, computer con i software necessari alla registrazione audio, all’elaborazione delle immagini ed al successivo montaggio della storia. Obiettivo formativo1 • Preservare il valore della testimonianza e l’identità linguistica, storica e culturale della comunità locale e di ogni persona Obiettivi linguistici in relazione alle forme linguistiche descritte alla voce “forme linguistiche” • essere in grado di rispondere a semplici domande riferite al racconto con le immagini • saper inventare un racconto riferito alle immagini • realizzare una mappa mentale riferita all’opera scelta, alla storia, ai significati dei disegni • imparare e recitare una parte di racconto • realizzare una registrazione audio Attività • Il gno leon - lettura della storia - invenzione di un racconto riferito alle immagini - realizzazione di una mappa mentale riferita all’opera scelta, alla storia narrata in essa, ai significati anche simbolici delle immagini per saper trarre degli insegnamenti o delle riflessioni 1 “Indicazions pe programazion didatiche curiculâr daûr de leç 482/99”, pag. 12

[close]

p. 8

2 Il gno leon - La diversitât… - realizzazione dei disegni, che possono essere originali oppure ispirati alle immagini d’autore (scelta da farsi a seconda delle maturità grafico-pittorica e cognitiva dei bambini) - suddivisione della storia in sequenze narrative e assegnazione di una parte ad ogni bambino, avendo cura di calibrare la difficoltà della sequenza, sia nell’aspetto linguistico sia per le risorse cognitive che la recitazione richiede (si possono fare sequenze più semplici e sequenze più complesse) • Gli insegnanti provvederanno in seguito alla realizzazione del montaggio della storia in digitale (immagini, narrazione, musica, effetti). SOFTWARE PER MONTARE LA STORIA DIGITALE Audacity per la parte audio Gimp per le immagini Bombono DVD per realizzare il filmato • utilizzo del lessico presentato per narrare la storia (i bambini imparano una sequenza narrativa: in questo modo acquisiscono forme linguistiche di cui conoscono il significato e che possono utilizzare e generalizzare ad altri contesti) • Concatenazione: lettura della “storia silente”, focalizzazione dei nodi narrativi e dei significati importati (anche letterali), realizzazione della mappa mentale, stesura della storia e suddivisione in sequenze narrative, realizzazione dei disegni, assegnazione delle parti, registrazione e montaggio. Il gno leon Lezione 1 Leggi le immagini A voce Inventa una storia Lezione 2 e 3 Strutturare una storia Lavoro individuale Realizzare i disegni Lezione 4 Registrazione delle parti imparate Tutti i programmi sono scaricabili gratuitamente da internet. Forme linguistiche • semplici domande dirette in relazione all’ambiente e a una realtà culturale propria di un territorio diverso da quello di appartenenza: - Ce viodìno tes figuris? - Ce teritori isal? - Indulà isal? - Cuâi animâi vivino ta chest ambient? - Cui sono i personaçs? • semplici domande sul contenuto della storia: - Di ce fevelie la storie? - Cuâi sono i protagoniscj? - Ce sucedial? - Cemût si compuartial il leon cul frut? - Cemût si compuartino i oms cul leon? • domande di comprensione e arricchimento in relazione al lessico utilizzato per narrare la storia: - Come si dice leone? - Come si dice bambino? - Come posso dire …? A voce Realizzare la mappa 34

[close]

p. 9

2a UNITÀ 35 1a LEZIONE Inizi: leture de storie par figuris. In cheste ativitât al è un coinvolziment emotîf dai fruts in relazion cul argoment; Part centrâl e conclusion: produzion de suaze cognitive riferide ae opare sielte, ae storie, ai significâts dai disens par tirâ fûr insegnaments. ATIVITÂTS Grup classe l’insegnant ur mostre ai fruts la storie par figuris doprant la LIM, in mût di podê ve une vision une vore grande e complete dai disens. Lavôr di grup guidât i fruts, cul aiût dai mestris, a cirin di capî il significât de storie in relazion aes figuris presentadis ae classe cu la LIM. Lavôr di grup guidât prontâ la suaze cognitive considerant la edizion dal libri, l’aspiet grafic (colôrs, tecniche grafiche dai disens), l’aspiet comunicatîf dai disens (personaçs, ambients, evoluzion de storie...), insegnaments. APROFONDIMENT: suaze di esempli (pagjinis 36 -37). TIMP OBIETÎFS MATERIÂI OSSERVAZION VALUTATIVE 10’ a. lenghistics Libri Grât di coinvolziment, al è in stât di capî tescj curts e sempliçs Il gno leon motivazion e partecipazion di gjenar concret o pal aprendiment; al è in stât di produsi tescj curts e sempliçs di gjenar concret o pal aprendiment; al è in stât di formulâ il so pinsîr tal lengaç che si dopre pal ordenari te vite di ogni dì o te 15’ scuele; al à un repertori lenghistic leât al Figuris digjitâls Comprension orâl so nivel di competence; (LIM) dal contignût, produzion orâl de storie b. trasversâi ambit relazionâl e individuâl: jessi motivâts a imparâ; madurî e dimostrâ autonomie e responsabilitât; madurî e fâ 35’ viodi colaborazion e interazion; Sfuei grant Produzion orâl e scrite Cognitîf: acuisî cognossincis concetuâls di cjarte di pac, e di procedure; acuisî capacitât di penarei comprension; fâ viodi capacitât di elaborazion; Metacognitîf: acuisî cognossince des proceduris di aprendiment; madurî control operatîf; acuisî capacitât di doprâ il so bagai di cognossincis e competencis; c. aprendiment dissiplinâr si puedin sielzi fasint riferiment ae part introdutive gjenerâl e a lis tabelis di valutazion conclusive. La lenghe doprade dai mestris e je chê furlane. I fruts a puedin doprâ la lôr marilenghe. INTERCULTURE e EDUCAZION ae CONVIVENCE CIVÎL

[close]

p. 10

2 Il gno leon - La diversitât… Percors di leture de storie par imagjins IL GNO LEON di Mandana Sadat 3HUFRUVGLOHWXUH GHVWRULHSDULPDJMLQV ,/*12/(21 GL0DQGDQD6DGDW WLWXOGHVWRULH YLRGuQLSHUVRQDoV SOXLLPSXDUWDQWV XQH PDQLHUH SDUVWk LQVLHPH FKHD FMDWLQ QXVPRVWUHFKH RSRGuQ MHVVLDPvV DQFMHLQWH GLYHUVLWkW DXW{U FMDVHHGLWRUH FXYLHUWH YLRGuQO¶DPELHQW GHVWRULH ,/*12/(21 SHUVRQDoV XQHYRUH GLIHUHQWV WUDGLO{U  WUD /$$0,&,=,( HFRQWH DOq XQHVWRULH GLIDQWDVLH FKHQRj SHUDXOLV ILJXULV VLFODPH LFRO{UVQRVRQ FRPHLQWHUHDOWkW LGLVHQVQRjQ OLVSURSRU]LRQV GHUHDOWkW VLOHQWERRN

[close]

p. 11

37 ,/*12/(21 GL0DQGDQD6DGDW WLWXOGHVWRULH YLRGuQLSHUVRQDoV SOXLLPSXDUWDQWV XQH PDQLHUH SDUVWk LQVLHPH FKHD FMDWLQ QXVPRVWUHFKH RSRGuQ MHVVLDPvV DQFMHLQWH GLYHUVLWkW DXW{U FXYLHUWH YLRGuQO¶DPELHQW GHVWRULH FMDVHHGLWRUH ,/*12/(21 SHUVRQDoV XQHYRUH GLIHUHQWV WUDGLO{U  WUD /$$0,&,=,( DOq HFRQWH XQHVWRULH GLIDQWDVLH FKHQRj SHUDXOLV ILJXULV VLFODPH LFRO{UVQRVRQ FRPHLQWHUHDOWkW LGLVHQVQRjQ OLVSURSRU]LRQV GHUHDOWkW VLOHQWERRN 2a UNITÀ

[close]

p. 12

2 Il gno leon - La diversitât… 2a e 3a LEZIONE Inizi: tornâ a lei la suaze cognitive. In cheste ativitât al è un coinvolziment emotîf dai fruts in relazion cul argoment; Part centrâl: inmaneâ la conte (i fruts a produsin oralmentri e l’insegnant al scrîf); Conclusion: realizâ i disens leâts ae conte inmaneade, ancje cjalant lis figuris dal libri. ATIVITÂTS TIMP OBIETÎFS MATERIÂI Grup classe 10’ a. lenghistics Suaze prodote la volte tornâ a lei la suaze prodote al è in stât di capî tescj curts e sempliçs precedente, inte lezion precedente di gjenar concret o pal aprendiment; al è metude in biele in stât di produsi tescj curts e sempliçs di dai mestris, ogni frut gjenar concret o pal aprendiment; al è in al à la sô copie stât di formulâ il so pinsîr tal lengaç che si dopre pal ordenari te vite di ogni dì o te Grup classe: 30’ scuele; al à un repertori lenghistic leât al Fotocopie par ogni inmaneâ la conte cjalant i disens so nivel di competence; frut cu lis didascaliis (LIM). scritis e sieltis te lezion L’insegnant al scrîf la storie b. trasversâi precedente e stampe daûr dai sugjeriments dai fruts. ambit relazionâl e individuâl: jessi des figuris sieltis motivâts a imparâ; madurî e dimostrâ dal libri autonomie e responsabilitât; madurî e fâ Lavôr individuâl 20’ viodi colaborazion e interazion; Materiâi par disegnâ fâ i disens leâts ae conte inmaneade, Cognitîf: acuisî cognossincis concetuâls ancje cjalant lis figuris dal libri e di procedure; acuisî capacitât di comprension; fâ viodi capacitât di elaborazion; Metacognitîf: acuisî cognossince des proceduris di aprendiment; madurî control operatîf; acuisî capacitât di doprâ il so bagai di cognossincis e competencis; c. aprendiment dissiplinâr si puedin sielzi fasint riferiment ae part introdutive gjenerâl e a lis tabelis di valutazion conclusive. OSSERVAZION VALUTATIVE Comprension orâl dal contignût Comprension e produzion orâl Realizazion des ilustrazions grafichis pe storie La lenghe doprade dai mestris e je chê furlane. I fruts a puedin doprâ la lôr marilenghe. Inte tierce lezion: i arlêfs a finissin i disens e intal stes timp i mestris a distribuissin lis parts de conte di imparâ a memorie par cjase. 38

[close]

p. 13

39 2a UNITÀ 4a LEZIONE Inizi, part centrâl e conclusion: regjistrazion des parts imparadis dai fruts. La lezion e pues jessi utile ancje par finî i disens incomplets. ATIVITÂTS Grup classe i fruts a scoltin i compagns che a recitin lis lôr parts, cui che nol à finît il disen al pues finî il so lavôr TIMP OBIETÎFS MATERIÂI OSSERVAZION VALUTATIVE 60’ a. lenghistics PC cul microfon, disens Capacitât di scoltâ al è in stât di capî tescj curts e sempliçs e di esprimisi di gjenar concret o pal aprendiment; al è in lenghe in stât di produsi tescj curts e sempliçs di cun espression gjenar concret o pal aprendiment; al è in stât di formulâ il so pinsîr tal lengaç che si dopre pal ordenari te vite di ogni dì o te scuele; al à un repertori lenghistic leât al so nivel di competence; b. trasversâi ambit relazionâl e individuâl: jessi motivâts a imparâ; madurî e dimostrâ autonomie e responsabilitât; madurî e fâ viodi colaborazion e interazion; Cognitîf: acuisî cognossincis concetuâls e di procedure; acuisî capacitât di comprension; fâ viodi capacitât di elaborazion; Metacognitîf: acuisî cognossince des proceduris di aprendiment; madurî control operatîf; acuisî capacitât di doprâ il so bagai di cognossincis e competencis; c. aprendiment dissiplinâr si puedin sielzi fasint riferiment ae part introdutive gjenerâl e a lis tabelis di valutazion conclusive. Ae conclusion dal percors i fruts si gjoldin la conte in formât digjitâl che a àn metût adun i mestris. Une variante che si pues fâ e je chê di realizâ la conte ancje par inglês, cussì si pues meti adun une conte in trê lenghis. Dopo finît il percors, fâ lis verifichis che si proponin. B o n l a v ô r !INTERCULTURE e EDUCAZION ae CONVIVENCE CIVÎL

[close]

p. 14

2 Il gno leon - La diversitât… IL GNO LEON Un frut al è sentât comut sul savalon biel che, platât di daûr di une dune, un leon une vore grant e ros al è daûr a cjalâlu. Il leon nol è trist, al à dome fam. Bot e sclop il leon i salte intor al frut par mangjâlu. Il frut si spavente tant che i vegnin i voi come i nestris cuant che o fasìn une verifiche. Il leon, cuant che al viôt il frut che al vai, al à dûl di lui e al decît di viodi di lui. Sal cjape sù su la schene, lu puarte a spas inte savane e a stan insiemi dute la zornade. Ae fin de zornade i doi si indurmidissin. Alore un altri leon, dut neri, i salte intor al frut par mangjâlu. Il leon nol è trist, al à dome fam. I doi leons a barufin pal frut: chel ros al vûl difindilu e chel neri al vûl mangjâlu. Il frut al ven butât lontan e al cole cul cjâf intal savalon. Par fortune no si fâs mâl. Il leon ros al bat chel neri e al capìs che al à di tornâ a puartâ il frut li de sô famee. Intant che i doi si saludin, i oms dal borc a saltin fûr e i fasin cuintri al leon par parâlu vie. I oms no son triscj, a àn dome pôre dal leon parcè che a pensin che al sedi trist. Il leon al scjampe e il frut al torne li di sô mari. Al ven gnot e ducj a van a durmî. Il leon si insumie cul frut e il frut si insumie cul leon. Cussì i doi amîs a puedin stâ insiemi e zuiâ insiemi par simpri intai lôr siums. IL MIO LEONE MY LION Un bambino è seduto comodamente sulla sabbia, mentre da dietro una duna un gigantesco leone rosso lo sta osservando. Il leone non è cattivo, ha solo fame. Improvvisamente il leone assale il bambino per mangiarlo e il bambino si spaventa talmente che gli vengono gli occhi come i nostri durante le verifiche. Il leone si commuove alle lacrime del bambino e decide di prendersi cura di lui. Lo porta a passeggio nella savana e passano assieme l’intera giornata. Alla fine della giornata si addormentano e un leone nero li aggredisce per mangiare il bambino. Il leone non è cattivo, ha solo fame. I due leoni lottano per il bambino: quello rosso vuole proteggerlo e quello nero vuole mangiarlo. Il bambino viene catapultato lontano e atterra con la testa nella sabbia e per fortuna non si fa male. Il leone rosso sconfigge quello nero e capisce che deve riportare il bambino dalla sua famiglia. Mentre i due si salutano escono gli uomini dal villaggio che attaccano il leone per scacciarlo. Gli uomini non sono cattivi, pensano che il leone sia cattivo. Il leone scappa e il bambino ritrova la sua mamma. Scende la notte e tutti vanno a dormire. Il leone sogna il bambino e il bambino sogna il leone. I due amici possono così stare assieme e giocare assieme per sempre nei loro sogni. A child is sitting on the sand. A big red lion is hiding behind a dune and he is watching at him. The lion is not bad, he is only hungry. Suddenly the lion attacks the child because he wants to eat him. The child is scared and his eyes become like ours during a test. When the lion sees the boy crying, he feels pity for him and he decides to take care of him. They walk around in the savanna and they spend all the day together. At the end of the day, they fall asleep. At this point, another lion, a black one, attacks them because he wants to eat the child. The lion is not bad, he is only hungry. The two lions fight for the child: the red one wants to protect him, and the black one wants to eat him. The child is thrown away and falls with his head on the sand. Luckily, he does not get hurt. The red lion defeats the black one. He understands that he has to bring back the child to his family. The two say goodbye to each other. At that very moment, the men come out from the village and attack the lion. Humans are not bad, they just think that the lion is bad. The lion runs away and the child finds his mother. At night they all go to sleep. The lion dreams of the child, and the child dreams of the lion. In their dreams, the two friends can stay together and play forever. Traduzione a cura di Marica Pinzan 40

[close]

p. 15

Schede di Control Schede di Control 41 Bot e sclop il leon i salte intor al frut par mangjâlu. Il frut si spavente tant che i vegnin i voi come i nestris cuant che o fasìn une verifiche. Ae fin de zornade i doi si indurmidissin. Alore un altri leon, dut neri, i salte intor al frut par mangjâlu. Un frut al è sentât comut sul savalon biel che, platât di daûr di une dune, un leon une vore grant e ros al è daûr a cjalâlu. Il leon si insumie cul frut e il frut si insumie cul leon. Cussì i doi amîs a puedin stâ insiemi e zuiâ insiemi par simpri intai lôr siums. Sal cjape sù su la schene, lu puarte a spas inte savane e a stan insiemi dute la zornade. Intant che i doi si saludin, i oms dal borc a saltin fûr e i fasin cuintri al leon par parâlu vie. Coleghe ogni figure cu la sô didascalie Disegne i doi amîs Valutazion: osservâ, esplorâ, descrivi, riprodusi e stimâ une opare di art. 2a UNITÀ INTERCULTURE e EDUCAZION ae CONVIVENCE CIVÎL

[close]

Comments

no comments yet