Thanner

 
no ad

Embed or link this publication

Description

percorso didattico in lingua friulana sulla vita e le opere di Gian Paolo Thanner

Popular Pages


p. 1

Thanner… mûrs e ûfs dûrs par un pitôr Istituto Comprensivo di Tricesimo Scuola Primaria “G. Ellero” classe IV C A. S. 2015/2016

[close]

p. 2

Istituto Comprensivo di Tricesimo Sede: Via Volontari della Libertà, 20 – 33019 TRICESIMO (UD) Tel. 0432851372 – Fax 0432853037 email: istituto@ictricesimo.org Cod. Fisc. 80006660304 Par cure di Pozzebon Tamara, Cargnelli Sonia e Pinzan Marica Tresesin, Març 2016 Quest'opera è stata rilasciata con licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale. Per leggere una copia della licenza visita il sito web http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/.

[close]

p. 3

Istituto Comprensivo di Tricesimo classe IV C, scuola primaria di Tricesimo anno scolastico 2015/2016 “Mûrs e ûfs dûrs par un pitôr” descrizione del percorso didattico realizzato La proposta didattico-educativa documentata nel presente lavoro ha preso vita con l’obiettivo di far conoscere ai bambini la bellezza del nostro patrimonio artistico popolare e alcuni aspetti e alcuni eventi caratterizzanti la storia del popolo friulano. Questo in relazione alla costruzione di una coscienza di appartenenza e con un costante confronto nel tempo tra passato e presente che contribuisse ad arricchire in loro, sia il senso civico sia l’ amore per la nostra terra. Perciò, data la necessità di dare al percorso il carattere di un racconto interattivo, si è scelta la figura storica di Gian Paolo Thanner come sfondo integratore, in considerazione della possibilità di visitare gli affreschi realizzati dall’artista nelle chiesette presenti sul territorio, collocate vicino alla scuola. Il percorso “Mûrs e ûfs dûrs par un pitôr” prende dunque vita a partire dalla conoscenza della vita e degli affreschi dell’artista Gian Paolo Thanner e può essere considerato come un viaggio nel tempo, precisamente a cavallo del Cinquecento nel periodo in cui visse il Thanner (1475 circa/1555). Periodo in cui il popolo friulano viveva una realtà difficile caratterizzata da fame, morte, paura, sconvolgimenti come la crudele “Zobia grassa” e disastrosi eventi come il terremoto del 1511. In questa caotica realtà l’artista Gian Paolo Thanner ha realizzato la sua carriera pittorica. Con i suoi tratti grossolani, tanto da essere definito “autore di stile popolaresco”, ha rappresentato sulle pareti delle chiesette il mondo reale e quello soprannaturale. Con la sua opera l’artista è riuscito a soddisfare le richieste della povera gente, che per assicurarsi una migliore condizione di vita, sia terrena che ultraterrena, era disposta a rinunciare alla cosa più preziosa che aveva per abbellire e rendere più accoglienti le case di Dio. Tuttavia la paura, il terrore e la morte sono state emozioni e realtà che il nostro popolo ha spesso conosciuto in varie epoche storiche. Per questo motivo, in una prospettiva di riflessione sulle analogie storiche, sociali ed emotive, le docenti hanno voluto ricordare il terribile “Orcolat” che ha colpito la nostra regione il 6 maggio 1976 e che quest’anno vede il quarantesimo anniversario. A completamento del percorso, grazie alla collaborazione delle associazioni locali “Memorie tricesimane” e

[close]

p. 4

“Insieme per”, gli allievi hanno potuto visitare le chiesette e ammirare gli affreschi del Thanner. Il percorso, di ideazione interdisciplinare e trasversale, è stato proposto in una classe quarta composta da 18 alunni di cui 6 stranieri, e interamente realizzato nello spazio di un’ora settimanale. Per soddisfare le necessità individuali di apprendimento degli allievi, in alcuni casi peculiari, tutti i materiali didattici sono stati opportunamente arricchiti di immagini e strutturati con richieste linguistiche adeguate alle competenze comunicative del singolo. La lingua maggiormente utilizzata nel percorso è stata quella friulana, perché le insegnanti hanno ritenuto importante raccontare la storia e l’arte del popolo friulano in lingua madre. Alcune attività sono state trattate anche in lingua inglese, e/o mediate in lingua italiana, per facilitare l'apprendimento dei contenuti e delle strutture caratterizzanti le due lingue attraverso un approccio contrastivo. A conclusione del percorso sono state predisposte delle prove di competenza linguistica, graficamente motivanti, perché gli alunni potessero mettere in pratica le conoscenze acquisite e le abilità linguistiche maturate. Le insegnanti

[close]

p. 5

LA VITE Zuan Puli Thanner al jere nassût a Cividât viers il 1475 intune famee di artiscj che a vignivin di un paisut de Baviere (Gjermanie) clamât Landshut. Il pari a si clamave Nardin e al jere une vore brâf a lavorâ il len, sô mari invezit a si clamave Barbare. Zuan Pauli Thanner al veve maridât une femine di Tarcint, di non Catine, cun jê al veve vût un frut di non Checo che i veve dât un nevôt di non Zuan. Come che e voleve la tradizion di famee tant il fi che il nevôt dal Thanner a jerin deventâts pitôrs. Il Thanner al jere un brâf pitôr, ma al jere plui bulo a fâ afrescs. Intal 1511, al jere stât un brut orcolat che al veve butât jù cuasi dutis lis cjasis e ancje cualchi gleseute. La int, braurose di mantignî la devozion intal Signôr, e veve fat il pussibil par tornâ a fâ su chestis glesiis dant il lavôr a artiscj pôcs cjârs come Zuan. Il lavôr dal afrescadôr al varès rindût lis cjasis dal Signôr plui bielis. Intal timp di 11 agns (1524-1535) Zuan al veve afrescjat une vore di gleseutis inte zone di Tresesin. Al puest dal so lavôr a si contentave ancje dome di cualchi ûf dûr o di pôcs carantans. La puare int, cuant che al jere vivût il Thanner, e veve pôc di ce jessi contente. La gole di tirâ sù chestis gleseutis al jere il mût di dâ un sens ae puaretât e di cuietâ il lôr dolôr. La linie dal timp

[close]

p. 6

L’ORCOLAT L'ORCOLAT SEONT DI NO AL È. .. DISTRUZION PÔRE CONFUSION DISORIENTAMENT TERÔR DISPERAZION SOCORS E VALÔR MUART DOLÔR RICOSTRUZION SPERANCE FIDANCE INTAL TERITORI FUARCE

[close]

p. 7

Daspò di velis sielzudis, met intai spazi lis peraulis justis distruzion - pôre - confusion - disorientament - terôr - disperazion - socors e valôr - muart - dolôr - ricostruzion - sperance - fidance intal teritori – fuarce Intal 1511 in Friûl al è stât un brut _______. L'_______ al è un sconvolziment de tiere une vore fuart. Al puarte __________, _____ e _____. La int e jere plene di ____ parcè che a viodeve colà jù lis cjasis, lis glesiis, i puints. Inte _________ e intal ______________ lis personis a àn tacat a puartâ, cun _____, socors a int feride e spaventade. La ___________ e jere inte muse des personis restadis in vite, ma par fortune intal lôr cûr nol jere dome _____ ma tante ________. La ______ di volontât e la _______ _____ _______ a àn fat sì che la ____________, ancje se lente, a vedi viodût il so compiment.

[close]

p. 8

And now...read in english! In 1511 in Friul there is a violent earthquake. Earthquake is a disorder of the earth which can be very strong. It brings destruction, terror and death. People is very afraid because they see houses fall in pieces and also churches and bridges. In the confusion and in the disorder people start, with very courage, to help who is wounded and afraid. On survivors’ faces you can see the despair, but fortunately a lot of people can react and hope in their hearts. The determination and confidence in the territory allow the reconstruction.

[close]

p. 9

Ancje intal 1976 al è stât un brut orcolat in Friûl. Chest an a si ricuarde il cuarantesim aniversari dal orcolat. Stant che a son passats tancj agns, il timp nol à scancelât la pôre e il dolôr intal cûr dalis personis che lu an cognossût.

[close]

p. 10

L’ORCOLAT IN POESIE… La crosta da cjera Oh se il teremot al fos dome la crosta da cjera ch'a si môf sutila ingrispada pieluta sclapada strâts ch'a si sbruntin e si pochin fintremai ch'a si sclopin e si spachin e a ti frucin dut ce ch'a nol resist a chei scjassons… Massa biel s'al fos cussì il teremot che alora bastarès invece di spietâ a contâ i muarts fa cjasas ch'a resistino ai trimors plui fuarts che s'a la piês a si plein o si strucin a si sbreghin o si sclapin no ti lassin sfracheât sot il tet o un trâf come un passer sot 'na trapula tal prât… Ma biel o no biel l'è chest il teremot e sutila ingrispada crostuta sclapada cheste a è la piel da cjera… L. Zanier La crosta da tiere Oh se l'orcolat al fos dome la croste de tiere che a si môf sutile ingrispade pielute sclapade strâts che a si sbruntin e si pochin fintremai che a si sclopin e si spachin e a ti frucin dut ce che no resist a chei scjassons… Masse biel se al fos cussì l'orcolat che alore bastarès invezit di spietâ a contâ i muarts fâ cjasis che a resistin ai tremôrs plui fuarts che se a la piês a si plein o si strucin a si sbreghin o si sclapin no ti lassin sfracaiât sot il tet o un trâf come un passar sot une trapule tal prât… Ma biel o no biel al è chest l'orcolat e sutile ingrispade crostute sclapade cheste a è la piel de tiere… L. Zanier La crosta della Terra Oh se il terremoto fosse solo la crosta della Terra che si muove sottile increspata pellicina incrinata strati che si urtano e si spingono fino a che schiattano e si spaccano e frantumano ogni cosa che non resiste a quelle vibrazioni… Troppo bello se fosse così il terremoto che allora basterebbe invece di aspettare e poi contare i morti fare case che resistano agli scossoni più forti che se alla peggio si inclinano o ribaltano si squarciano o fessurano non ti lasciano schiacciato sotto il tetto o una trave come un passero sotto una trappola nel prato…. Ma bello o brutto è questo il terremoto una rugosa fessurata crosta sottile questa è la pelle della Terra….. L. Zanier

[close]

p. 11

Se al ven l’orcolat Se tu sês a scuele ● cuant che tu sintis la scosse ripariti sot dal banc; ● cuant che la scosse e je finide metiti in file indiane cui tiei compagns di classe; ● no sta cori, no sta a sburtâ chei altris, no sta a berlâ, sta cuiet; ● va fûr intal lûc di sigurece e rispuint al apel de mestre; ● cîr di meti in pratiche chel che tu as imparât intes provis di evacuazion. Se tu ti cjatis in cjase ● spiete la fine de scosse prime di jessi: a ti podaressin rivâ jù tancj rudinaçs (tocs di mûr sdrumâts); ● durant la scosse no sta doprâ l'assensôr e no sta lâ jù pes scjalis; ● ripariti sot de taule, sot dal jet o dongje struturis puartantis (mûrs); ● slontaniti da barcons, puartis a veri, mensulis e mobilis pesantis; ● no sta restâ intai puiûi (teracis) o intai barcons. Se tu ti cjatis di fûr ● slontaniti des cjasis e cîr un lûc viert cence pericui (un prât); ● no sta fermâti sot dai arbui, das lindis des gornis, dai lampions, das liniis eletrichis e telefonichis; ● no sta lâ in machine: lis stradis a scuegnin restâ libaris pai mieçs di socors.

[close]

p. 12

And now...read in english! IF YOU ARE AT SCHOOL ➢ when you feel the jolt, protect yourself under the desk ➢ when the jolt is finished queue with your schoolmates ➢ don’t run, don’t push the others, don’t shout, keep calm ➢ go outside to the safety place and answer to the teacher ➢ try to practice what you learned during the “evacuation test” IF YOU ARE AT HOME ➢ wait that the jolt ends before going out ➢ during the jolt don’t use the lift or the stairs ➢ protect yourself under the table, under the bed or next to the main walls ➢ go away from windows, doors, bookshelves and furniture ➢ don’t stay on terraces IF YOU ARE OUTSIDE ➢ go away from houses and look for an open place without danger ➢ don’t wait under the trees, rain-pipes, street lamps, electrical and phone lines ➢ don’t drive: street should stay free for means of firstaid

[close]

p. 13

IL VIAÇ DE FAMEE DAL THANNER La famee dal Thanner e vignive dal paisut di Landshut, dongje Monaco (Gjermanie). Chest al è il lôr viaç... GJERMANIE Landshut Cividât ITALIE

[close]

p. 14

Stracs a rivin in Friûl… In Friûl il Thanner… Cividât al è nassût Al à lavorat a... Cividât Magredis Dartigne Nimis Cuals Intal comun di Tresesin: Loneriac Laipac Tarcint a si è maridât Ribis Reane Vendoi Segnà Sedilis Adorgnan Monastêt Fraelac

[close]

p. 15



[close]

Comments

no comments yet