Nuova carta dei servizi

 

Embed or link this publication

Description

Nuova carta dei servizi

Popular Pages


p. 1

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.1 di 16

[close]

p. 2

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.2 di 16 INDICE 1 – PREMESSA 2 – RIFERIMENTI DEL CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE 3 – PRESENTAZIONE DEL CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE 4 – POLITICA DELLA QUALITÀ 5 – PRINCIPI FONDAMENTALI 6 – COS’È IL C.F.P. 6.1 IL PROGETTO PEDAGOGICO 6.1.1 L’ORIENTAMENTO 6.1.2 LA PROGETTUALITA’ E L’ORGANIZZAZIONE DEI PERCORSI DI FORMAZIONE 6.2 LE FIGURE DI RIFERIMENTO 6.3 LA CONTINUITÀ DEL PERCORSO 6.4 L’ASSISTENZA POST CORSO 6.5 I CORSI DEL CFP 6.6 I SERVIZI DI SEGRETERIA DIDATTICA ED AMMINISTRATIVA 7 - INDICATORI DI QUALITA’ 7.1 ASPETTATIVE DEGLI UTENTI ED INDICATORI 7.2 LA SICUREZZA 7.3 LA TRASPARENZA

[close]

p. 3

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.3 di 16 1 - PREMESSA La carta dei servizi è uno strumento che regola i rapporti fra il C.F.P. come fornitore di servizi e gli utenti, è “una dichiarazione di intenti” con la quale ci rendiamo garanti del servizio reso secondo i principi fondamentali espressi nell’art. 3 della Costituzione Italiana e dalla direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27-01-1994, oltre che dalla legge 1044/71 che sanciscono e tutelano il rispetto dei principi di uguaglianza, imparzialità, tutela della dignità della persona, e che vietano ogni forma di discriminazione basata sul sesso, sull'appartenenza etnica, sulle convinzioni religiose, e impegna tutti gli operatori e la struttura nel rispetto di tali principi. La carta dei servizi rappresenta uno strumento di comunicazione finalizzato al miglioramento della qualità del servizio erogato. In esso sono descritti finalità, modi, criteri e strutture attraverso cui il servizio viene attuato, diritti e doveri, modalità e tempi di partecipazione, procedure di controllo che l’utente ha a sua disposizione. La Carta è lo strumento fondamentale con il quale si attua il principio di trasparenza, attraverso la esplicita dichiarazione dei diritti e dei doveri sia del personale, sia degli utenti. Nella definizione della carta dei servizi diventa importante l’individuazione degli indicatori che definiscono gli obiettivi di qualità che il servizio intende raggiungere e mantenere. 2 - RIFERIMENTI DEL CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE SETTORE RESPONSABILE N. TEL FAX E - MAIL Direzione Federico Carollo 041/2697711 041/5348617 direzione@istitutoberna.it Amministrazione Stefania Andreatta 041/2697711 041/5348617 amministrazione@istitutoberna.it Segreteria Marina Spolaore 041/2697711 041/5348617 segreteria@istitutoberna.it Orientamento Claudia Sorice 041/2697711 041/5348617 claudia.sorice@istitutoberna.it Vicedirezione Renato Zambotti 041/2697711 041/5348617 direzione@istitutoberna.it Meccanico Eugenio Colizzi 041/2697711 041/5348617 eugenio.colizzi@istitutoberna.it Elettrico Stefano Busetto 041/2697711 041/5348617 stefano.busetto@istitutoberna.it

[close]

p. 4

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.4 di 16 Alimentazione ristorazione Mariateresa Masiero 041/2697711 041/5348617 mariateresa.masiero@istitutoberna.it Estetico Qualità Ledi Masiero 041/2697711 041/5348617 ledi.masiero@istitutoberna.it paola.cecchinato@istitutoberna.it Paola Cecchinato 041/2697711 041/5348617 3 – PRESENTAZIONE DEL CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Il modello organizzativo di ENDO-FAP Mestre Istituto Berna, prevede la seguente articolazione:  Presidente con funzioni politiche di definizione delle strategie del C.F.P. e degli obiettivi formativi e con funzioni di garanzia del perseguimento del carisma dell’Opera Don Orione  Direttore Didattico nominato dal Presidente con compiti di gestione delle risorse del C.F.P. per raggiungere gli obiettivi definiti e con funzioni di gestione della parte didattica dell’offerta formativa, rispettando i parametri di efficacia e di efficienza e perseguendo la vision (cosa fare) e la mission (progetto educativo).  Coordinatori di settore con funzioni di gestione dell’erogazione dei percorsi assegnati  Formatori con funzioni di assicurare il raggiungimento degli obiettivi formativi, didattici e di apprendimento inerenti l’area tematica che è stata loro affidata  Amministrazione  Segreteria  Responsabile Gestione Qualità  Responsabile progettazione  Referente orientamento L’ENDO-FAP Mestre Istituto Berna è iscritta nell’elenco regionale degli Organismi di Formazione accreditati al n. A 0135, ai sensi della DGR n. 2140 del 03/08/2001, (L.R. 19/2002) relativamente ai seguenti ambiti: Obbligo formativo, Formazione continua, Formazione superiore. TERRITORIO DI RIFERIMENTO PER LE AREE DI ATTIVITÀ L’Associazione svolge la sua attività nel territorio del Veneto nell’ambito della Formazione Professionale regionale e coerentemente alle specifiche aree di attività. E’ proprio l’ambito territoriale con il tessuto imprenditoriale formato dalla piccola e media azienda che domanda formazione inserendosi nello scenario economico contemporaneo promovendo cinque dinamiche:  passaggio graduale, ma costante, verso una economia che ha nella flessibilità occupazionale il punto di forza e la sfida per il presente;  la diffusione globale delle nuove tecnologie;  la progressiva terziarizzazione ed internazionalizzazione dei processi;  la transizione ad un nuovo modello di organizzazione e di gestione delle risorse umane;

[close]

p. 5

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.5 di 16  l’affermarsi del concetto di qualità totale. La formazione rispetto alle aree di attività prevede significativi mutamenti:  nuove competenze richieste dall’innovazione tecnologica;  aumento delle sfide professionali;  necessità di specializzazione tecnica;  sviluppo di nuovi linguaggi tecnici e crescente attenzione alle competenze linguistiche;  maggiore importanza di una cultura di base polivalente;  crescente importanza delle abilità comportamentali;  sviluppo di professioni e di abilità di integrazione;  diversificazione delle tipologie e delle forme giuridiche di rapporto di lavoro;  sviluppo di una cultura della mobilità professionale, organizzativa e geografica;  alternanza continua di studio e di lavoro. L’ENDO FAP Mestre Istituto Berna in tale contesto territoriale e in tale scenario economico e formativo svolge le seguenti attività, consapevole della necessità di rispondere alla domanda formativa del Cliente con un rinnovato investimento sulla risorsa umana.  Attività di formazione professionale in obbligo formativo e apprendistato nei settori elettromeccanico, turistico alberghiero, benessere (estetico);  Corsi di formazione continua di aggiornamento e di riqualificazione in collaborazione con le imprese per lavoratori occupati;  Attività di formazione professionale per soggetti giovani e adulti svantaggiati o normata da specifiche leggi (handicap, invalidità, disagio, emarginazione, insuccesso scolastico;  Attività di orientamento professionale, consulenza, bilancio di competenze e accompagnamento individualizzato;  Iniziative formative di rimotivazione e sostegno, rivolte a tipologie di utenza che si trovano in situazione di “debolezza”. 4 - POLITICA DELLA QUALITA’ Il CFP ENDO - FAP MESTRE riconosce di avere il dovere prioritario di contribuire alla realizzazione della missione dell’Opera don Orione, definita con il Progetto formativo orionino, attraverso la realizzazione di efficaci servizi formativi, coerenti con le politiche di tale Ente. In particolare si propone di raggiungere il livello maggiore possibile in fatto di formazione umana, religiosa, culturale e professionale nel sviluppo del metodo preventivo che possiamo chiamare sistema cristiano-paterno. “Fondamento del sistema –scrive don Orione – non solo deve essere la ragione e la amorevolezza, ma la fede e la religione cattolica – praticata – e il soffio di un’anima e di un cuore di educatore che ami veramente Dio e lo faccia amare, dolcemente, insegnando ai giovani le vie del Signore. L’educatore deve sempre parlare il linguaggio della verità con la ragione con il cuore e con la fede”. I tratti fondamentali del sistema cristiano-paterno sono:  La ragione e la religione  La visione critica degli avvenimenti  Lo spirito di famiglia  L’uso retto del tempo libero  Lo stimolo alla virtù e alla perfezione morale  L’adesione ai valori popolari  La bontà, la comprensione, la fermezza  Una didattica snella  La disciplina appropriata  L’osservazione, lo studio e l’accompagnamento costante degli alunni

[close]

p. 6

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.6 di 16  La riduzione delle sanzioni al minimo  La preghiera per gli alunni Un educatore secondo don Orione deve coltivare le seguenti attitudini:  Essere nemico dei vizi e medico dei viziosi  Correggere soprattutto con la forza dell’esempio e con la dolcezza degli avvertimenti  Odiare i vizi ma amare con la più tenera carità quelli che hanno mancato  Far comprendere che si vuole il vero bene del giovane L’ENDO-FAP Mestre Istituto Berna fa proprie queste linee orientatrici e tratti carismatici del suo fondatore e intende impegnare le sue energie al raggiungimento dell’obiettivo primario: la formazione integrale del giovane iscritto alla propria scuola. L’ENDO-FAP Mestre Istituto Berna identifica nei giovani, nelle famiglie, nei partecipanti alle attività formative, i soggetti destinatari prioritari delle proprie attività. In secondo ordine ritiene importante evidenziare il rapporto di collaborazione con le Associazioni sociali e imprenditoriali, le Istituzioni pubbliche, gli Enti locali committenti o destinatari delle attività. L’ENDO-FAP Mestre Istituto Berna si impegna: verso i giovani a fornire una formazione professionale adeguata ai fabbisogni del mondo produttivo con particolare attenzione alla trasmissione di valori di natura etico - morale religiosa verso le famiglie ad assicurare un ambiente formativo e educativo improntato all’accoglienza, al rispetto della persona, alla socialità e all’educazione integrale del giovane, . verso i partecipanti alle attività formative a fornire una formazione adeguata alle aspettative ed in linea con le esigenze del mondo del lavoro verso le associazioni sociali e imprenditoriali a tenere aperta una linea di dialogo e collaborazione reciproca per cogliere le esigenze del mondo produttivo e tradurle in percorsi formativi aggiornati verso le Istituzioni pubbliche e gli Enti locali committenti si impegna a realizzare le attività formative nel rispetto delle norme e delle direttive emanate sul versante della progettazione, erogazione, monitoraggio e valutazione 5 - PRINCIPI FONDAMENTALI FORMAZIONE INTEGRALE DELL’UOMO Prendersi cura della formazione umana, religiosa, culturale e professionale della persona. BONTA’, COMPRENSIONE E FERMEZZA Educare in modo paterno con la forza dell’esempio e la dolcezza degli avvertimenti. TRASPARENZA E COMUNICAZIONE Nei rapporti con i ragazzi, le famiglie e con l’esterno, ENDO FAP Mestre Istituto Berna pone particolare attenzione a favorire la chiarezza e la comprensibilità della comunicazione, garantendo, tra l’altro l’identificabilità e la disponibilità del proprio personale addetto. PARTECIPAZIONE I ragazzi e le famiglie potranno avanzare proposte, richieste, suggerimenti e inoltrare reclami. EFFICIENZA ENDO FAP Mestre Istituto Berna si pone come obiettivo il graduale e continuo miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza delle attività formative offerte.

[close]

p. 7

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.7 di 16 CONTINUITA’ ENDO FAP Mestre Istituto Berna pone tra i propri obiettivi la continuità del rapporto con il partecipante alla formazione, con verifiche periodiche dei risultati, con incontri aperti che potranno essere informativi, formativi, di indagine, ecc., anche a seconda delle esigenze del partecipante stesso. 6 - COS’È IL C.F.P. Il CFP offre un servizio di formazione al lavoro e alla persona che risponde ai bisogni dei ragazzi e delle famiglie. Per raggiungere tali finalità esso ricerca l’integrazione tra gli aspetti professionali e tecnici e quelli morali. Il CFP rappresenta un luogo ricco di rapporti sociali ed educativi in grado di favorire lo sviluppo morale e professionale dei ragazzi. Attraverso il servizio del CFP viene offerta alle famiglie e ai ragazzi in particolare pari opportunità di accesso al lavoro e di crescita professionale. 6.1 IL PROGETTO DIDATTICO Il progetto didattico del CFP ENDO - FAP Mestre Istituto Berna è basato sull’integrazione tra teoria e pratica; gli allievi hanno in dotazione laboratori dove sperimentare le conoscenze acquisite. Il corpo docenti è ben preparato, motivato e orientato all’operatività. Il progetto pedagogico mette al centro la persona curandone lo sviluppo professionale, morale e spirituale. 6.1.1 L’ORIENTAMENTO Lo sportello dell’Ufficio orientamento è nato per prevenire e superare l’eventuale disagio che può insorgere nello studente e per fornire tutte quelle indicazioni di carattere psicologico, metodologico, ecc. che contribuiscono allo “star bene a scuola”. Tra le attività che il C.F.P. organizza con l’apporto di tutte le componenti riveste un posto particolarmente rilevante la consulenza psicologica da parte di una figura specialistica. Gli appuntamenti con lo sportello Ufficio orientamento hanno luogo fuori dell’orario scolastico. 6.1.2 LA PROGETTUALITÀ E L’ORGANIZZAZIONE DEI PERCORSI DI FORMAZIONE Gli strumenti per garantire e attuare i principi fondamentali a cui il CFP si ispira sono : a) Criteri trasparenti nella definizione e composizione delle classi. Le classi vengono formate in modo da rispettare il più possibile i seguenti criteri. - il principio di equieterogeneità - la scelta professionale espressa dalla famiglia e dallo studente - eventuali altre esigenze espresse dalla famiglia. b) Servizi e risorse strutturali (palestre attrezzate per una vasta gamma di attività, mensa, biblioteca, laboratori informatici, laboratori tecnico - operativi diversi per i vari settori) che non solo valorizzano l’offerta, ma rappresentano anche strumenti preziosi per assicurare agli studenti pari opportunità di apprendimento e di conoscenza. c) Eliminazione delle barriere architettoniche . La struttura della scuola è pienamente accessibile da parte dei soggetti disabili. d) Attività di sostegno, recupero finalizzate a prevenire l’insuccesso scolastico. e) Iniziative didattiche e culturali che sviluppano l’educazione interculturale e la formazione del cittadino europeo. I contenuti La caratteristica del CFP è quella di fornire una preparazione culturale ad ampio spettro di contenuti (le materie coprono l’area matematica, delle scienze naturali , linguistica e letteraria, storica ed economica, motoria e tecnico - operativa).

[close]

p. 8

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.8 di 16 Il CFP offre attualmente i seguenti indirizzi: - elettrico - meccanico - motorista - ristorazione - estetico La scuola considera fondamentale avvicinare gli studenti ai luoghi e alle procedure del mondo del lavoro, e anche a tale scopo orienta le uscite didattiche e i percorsi di stage. Questi rientrano nel computo dei giorni di lezione. Vengono perciò programmati nella progettazione generale ed organizzati dai Consigli di Classe. Uscite e stage hanno una regolamentazione apposita espressa in una istruzione operativa. Il metodo di lavoro La preparazione culturale generale offerta dal CFP è orientata significativamente verso le metodologie del lavoro garantendo comunque nell’area culturale il raggiungimento degli standard minimi previsti dai Patti stato regioni. Questo significa che, indipendentemente dalla materia insegnata, viene richiesto agli studenti un lavoro di risoluzione di problemi, esplicitazione di ipotesi, verifica e controllo di procedure. L’apprendimento a memoria di termini , informazioni e concetti precisi è una base necessaria per questo lavoro: non è però, da solo, sufficiente per ottenere buoni risultati. I formatori del CFP si impegnano, quindi, non solo a fornire informazioni tramite la spiegazione orale, l’uso dei manuali e degli strumenti e dei laboratori, ma anche a guidare gli studenti in analisi autonome a partire da casi concreti coerenti con i programmi di insegnamento. Il lavoro a scuola e il lavoro a casa sono entrambi necessari e si integrano a vicenda. L’impegno medio di lavoro complessivo necessario a casa è di circa tre ore al giorno. La costanza e la regolarità nell’impegno sono particolarmente importanti. Accoglienza e integrazione La scuola favorisce l’accoglienza e l’inserimento degli studenti, con particolare riguardo alle classi iniziali e alle situazioni di disagio scolastico , attraverso i seguenti strumenti : - Incontro di presentazione , all’inizio dell’anno scolastico, con gli studenti e i genitori delle classi prime - Progetto Accoglienza nuovi iscritti . Nei primi giorni dell’anno, per gli studenti delle classi prime vengono organizzate attività di conoscenza e di ambientamento nella scuola, - Attività di sostegno e recupero per gli studenti in difficoltà Verifiche : tipologie e scadenze Anche se le materie riservano, per i diversi spazi in orario dedicati loro, un tempo diverso alle verifiche, il piano annuale delle verifiche prevede almeno DUE prove individuali a trimestre scritte e regolarmente archiviate, per le materie che prevedono questo tipo di valutazione. Il risultato di tutte le prove viene comunicato agli studenti nel più breve tempo possibile . Si può andare dalla comunicazione immediata per brevi prove orali ad uno spazio massimo di 15/20 giorni per le più impegnative prove scritte o di laboratorio che richiedono tempi di correzione lunghi. I compiti scritti vengono consegnati agli studenti per la presa visione Su richiesta gli studenti possono fotocopiare il compito dato in visione ma devono restituire quanto prima l’originale, che va conservato agli atti della scuola. Comunicazioni a studenti e famiglie Il C.F.P. è una scuola superiore: le comunicazioni sono quindi di regola affidate agli studenti stessi. Le date delle riunioni del Consiglio di Classe vengono comunicate in classe . La scuola si impegna a dare la comunicazione con un congruo anticipo (minimo una settimana ). Gli studenti sono però responsabili della comunicazione alle famiglie .

[close]

p. 9

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.9 di 16 Per favorire la trasparenza delle operazioni , all’inizio dell’anno viene consegnato a ciascun allievo il calendario di massima delle scadenze di comunicazione. La nostra scuola segue la scansione dei quadrimestri. L’esito dello scrutinio quadrimestrale e di quello finale viene comunicato con la pagella. Perché le famiglie possano seguire più da vicino l’andamento scolastico, viene distribuito ad ogni studente un libretto scolastico con le valutazioni, le assenze e le giustificazioni, le convocazioni dei genitori e le attività stabilite dal consiglio di classe. I documenti ufficiali ( ad es. le pagelle quadrimestrali) devono essere riconsegnati firmati da un genitore entro i termini indicati di volta in volta. Ogni insegnante dedica un’ora alla settimana per eventuali incontri diretti con i genitori. Il calendario delle disponibilità viene affisso all’inizio dell’anno e viene anche consegnato all’allievo. Allo scopo di evitare sovraffollamento di genitori, i colloqui avvengono in genere per appuntamento. In caso di necessità, l’appuntamento può essere preso anche dal genitore direttamente attraverso la segreteria della scuola. Alla fine dell’anno, gli insegnanti, sulla base del piano di lavoro iniziale e del lavoro svolto, ricostruiscono il percorso seguito.. Se ne può richiedere copia in segreteria. Sempre all’inizio dell’anno viene illustrato e data copia all’allievo del Regolamento del CFP mentre viene illustrato e fornita copia nel sito del CFP del Patto educativo di corresponsabilità. Attività di sostegno e recupero. Gli interventi didattici educativi integrativi sono le attività di recupero o di sostegno rivolte agli studenti che si trovino in difficoltà. Compatibilmente con le risorse del Centro vengono attivati corsi di Recupero e Sostegno pomeridiani approvati dal Consiglio di Classe su richiesta di studenti in difficoltà o dei docenti stessi. 6.2 LA CONTINUITA’ NEL PERCORSO SCOLASTICO L’Attestato di Qualifica Professionale rilasciato dalla Regione Veneto è un documento valido a livello europeo e consente:  la partecipazione a Concorsi Pubblici  la continuità nel percorso scolastico previo accertamento dei crediti acquisiti da parte di una apposita Commissione istituita dall’Istituto scelto dall’allievo per proseguire negli studi. 6.3 L’ASSISTENZA POST CORSO Tutti i percorsi triennali prevedono un periodo di stage presso Aziende convenzionate con il CFP, dove è possibile “provare” le potenzialità, le competenze e la preparazione dell’allievo. Durante il periodo di vacanza estivo, Il CFP offre agli allievi che lo richiedano un tirocinio lavorativo, durante il quale essi possono affinare la loro preparazione professionale. Alla fine del percorso triennale, i coordinatori del Corso sono disponibili per facilitare il contatto tra le domande pervenute da parte delle aziende e le richieste di inserimento lavorativo dell’allievo stesso.

[close]

p. 10

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.10 di 16 6.4 I CORSI DEL CFP PER L’ANNO FORMATIVO 2016-2017 OPERATORE MECCANICO 1^ A MECCANICI OPERATORE ALLA RIPARAZIONE DI VEICOLI A MOTORE: INDIRIZZO RIPARAZIONE PARTI E SISTEMI MECCANICI ED ELETTROMECCANICI DEL VEICOLO A MOTORE 1^ B MECCANICI OPERATORE ELETTRICO 1^C ELETTRICI OPERATORE DELLA RISTORAZIONE: INDIRIZZO PREPARAZIONE PASTI OPERATORE DELLA RISTORAZIONE: INDIRIZZO SERVIZI DI SALA E BAR OPERATORE DELLA RISTORAZIONE: INDIRIZZO PREPARAZIONE PASTI OPERATORE DELLA RISTORAZIONE: INDIRIZZO SERVIZI DI SALA E BAR OPERATORE DELLA RISTORAZIONE: INDIRIZZO PREPARAZIONE PASTI OPERATORE DELLA RISTORAZIONE: INDIRIZZO SERVIZI DI SALA E BAR OPERATORE DEL BENESSERE: INDIRIZZO ESTETISTA 1^ A RISTOR. 1^ B RISTOR. 1^ C RISTOR. 1^ ESTETISTE OPERATORE MECCANICO OPERATORE ALLA RIPARAZIONE DI VEICOLI A MOTORE: INDIRIZZO RIPARAZIONE PARTI E SISTEMI MECCANICI ED ELETTROMECCANICI DEL VEICOLO A MOTORE OPERATORE ELETTRICO 2^ MECCANICI. 2^ MOTORISTI 2^ ELETTRICI OPERATORE DELLA RISTORAZIONE: INDIRIZZO PREPARAZIONE PASTI OPERATORE DELLA RISTORAZIONE: INDIRIZZO SERVIZI DI SALA E BAR OPERATORE DEL BENESSERE: INDIRIZZO ESTETISTA 2^ CUOCO 2^ CAMERIERE 2^ ESTETISTE OPERATORE MECCANICO 3^ MECCANICI.

[close]

p. 11

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.11 di 16 OPERATORE ALLA RIPARAZIONE DI VEICOLI A MOTORE: INDIRIZZO RIPARAZIONE PARTI E SISTEMI MECCANICI ED ELETTROMECCANICI DEL VEICOLO A MOTORE OPERATORE ELETTRICO 3^ MOTORISTI 3^ ELETTRICI OPERATORE DELLA RISTORAZIONE: INDIRIZZO PREPARAZIONE PASTI OPERATORE DELLA RISTORAZIONE: INDIRIZZO SERVIZI DI SALA E BAR OPERATORE DEL BENESSERE: INDIRIZZO ESTETISTA ABILITAZIONE PROFESSIONALE PER ESTETISTA 3^ CUOCO 3^ CAMERIERE 3^ ESTETISTE 4^ ESTETISTE

[close]

p. 12

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.12 di 16 6.6 I SERVIZI DI SEGRETERIA DIDATTICA ED AMMINISTRATIVA Ai fini di una chiara ed efficace redazione della carta dei servizi vengono individuati i sotto indicati standard e fattori di qualità tendenti al miglioramento della funzionalità dei Servizi di segreteria ed amministrativi. CRITERI DI EFFICIENZA EFFICACIA FLESSIBILITA’ Tempi di attesa allo sportello da dieci minuti a zero, rilascio documenti da due giorni a zero Individuazione immediata della persona o ufficio preposti alla risoluzione delle varie problematiche Informatizzazione di tutte le procedure amministrative Favorire l’organizzazione e la partecipazione a corsi di formazione professionale e aggiornamento del personale Semplificare le procedure linguaggio e struttura della modulistica comprensibile a tutti all’insegna della correttezza, rispetto, cordialità e pacatezza. Rapporti con il pubblico approfondimento delle dinamiche relazionali Individuare fasce orario funzionali alle esigenze dell’utenza e del territorio Derogare dagli orari, tempi e modalità stabiliti onde favorire particolare esigenze manifestate dall’utenza. La Scuola si impegna a rendere tutte le procedure il più celeri possibili, fermo restando la possibilità di discostarsi dagli standard fissati sia riducendo i tempi che dilatandoli in caso di particolari necessità. Analiticamente vengono fissati i seguenti criteri: CERTIFICAZIONI Il rilascio dei certificati è effettuato nel normale orario di apertura della segreteria al pubblico entro il tempo massimo di 2 giorni lavorativi ORARI Gli uffici di segreteria garantiscono il seguente orario di apertura al pubblico: SEGRETERIA DIDATTICA Dal lunedì al venerdì ore 7,45 – 11,45 e dal lunedì al venerdì anche dalle 13,00 – 16,00. Il sabato dalle 8,30 – 12,30 SEGRETERIA AMMINISTRATIVA Dal lunedì al venerdì ore 8,30 – 12,30 e dal lunedì al giovedì anche dalle 14 – 16. I suddetti orari possono avere carattere di flessibilità in caso di particolari necessità e sono suscettibili di variazione in caso di esigenze diverse manifestate dall’utenza e deliberate dal Consiglio direttivo. L’orario di ricevimento sarà affisso sulla porta degli Uffici di Segreteria. Ogni eventuale variazione sarà tempestivamente comunicata. Vengono stabilite le seguenti modalità di risposta telefonica: nome dell’istituzione e dell’impiegato che risponde; individuazione del quesito. L’interessato sarà messo in contatto, nel più breve tempo possibile, con la persona o l’ufficio competente. Tutte le pratiche relative alla gestione del personale sono attivate in tempi brevi e opportunamente programmate. Sono di volta in volta fissati appuntamenti in orario compatibile con le esigenze di servizio del personale, al fine di consentire un’agevole

[close]

p. 13

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.13 di 16 soluzione nel disbrigo delle pratiche. Il rilascio di certificati di servizio su richiesta dell’interessato su apposito modulo con l’indicazione esplicita del motivo della richiesta. I tempi di consegna si concordano direttamente con l’incaricato secondo le esigenze del richiedente e compatibilmente con il lavoro dell’ufficio. Di tutti gli atti e documenti scolastici relativi alla carriera degli allievi e gli esami si può prendere visione su richiesta verbale o scritta da parte di chi vi abbia interesse per la difesa di interessi giuridici, fatta salva la riservatezza di terzi. Il rilascio di fotocopie comporta dei costi. Al fine di migliorare e rendere più celere il servizio sarà favorita l’informatizzazione dei servizi di segreteria, attivando tutte le procedure mediante l’utilizzo di appositi software. Verranno predisposti per le varie richieste moduli caratterizzati da un linguaggio semplice e chiaro. Il personale di segreteria è pronto a dare assistenza e consulenza in caso di difficoltà nella compilazione dei moduli. I rapporti con l’esterno saranno caratterizzati dalla massima correttezza. In particolare i rapporti con gli enti Pubblici saranno improntati alla reciproca collaborazione e alla tempestiva risoluzione delle varie pratiche. I rapporti con i privati (fornitori) sono regolati dalle normative vigenti (Dgr. 2547 del 07/08/07. Al fine di assicurare la massima trasparenza e correttezza nell’azione amministrativa si evidenziano i particolari accorgimenti propedeutici all’individuazione e alla scelta della ditta contraente che verranno adottati durante la gara posta in essere al fine di consentire al Consiglio di gestione di deliberare gli acquisti secondo quanto previsto dalla normativa: nella lettera- invito, da trasmettere alle ditte ritenute idonee alla fornitura, sarà precisato che le offerte devono pervenire tramite FAX o E-mail. I pagamenti saranno effettuati entro il termine massimo di 60 gg. Dal ricevimento del documento contabile (fattura), previo collaudo della merce acquistata. GESTIONE AMMINISTRATIVA INFORTUNI STUDENTI Le modalità seguite dal CFP in caso di infortunio degli studenti durante l’attività formativa sia nel CFP che in azienda durante lo stage: 1) COMUNICAZIONE DA PARTE DEL DOCENTE circa le dinamiche dell’infortunio – IMMEDIATAMENTE 2) CONSEGNA CERTIFICATO DEL PRONTO SOCCORSO da parte dell’infortunato o di un suo familiare – IMMEDIATAMENTE 3) (a) Pratica INAIL · Denuncia alla Questura – Subito dopo la consegna della documentazione di cui al punto 2) · Invio documentazione INAIL – Entro 48 ore dall’accaduto 3) (b) Pratica ASSICURAZIONE – Invio dei documenti da parte della segreteria – IMMEDIATAMENTE 7 – INDICATORI DI QUALITÀ 7.1 ASPETTATIVE DEGLI UTENTI ED INDICATORI La qualità intesa come corrispondenza alle aspettative degli utenti è una componente importante nel servizio del CFP ENDO-FAP Mestre Istituto Berna e viene pianificata e verificata costantemente. Gli indicatori di qualità esprimono i livelli di servizio che si vogliono rispettare a tutela degli utenti. Le aspettative dei clienti sono monitorate in modo continuo e l’organizzazione viene predisposta per rispondere a esse.

[close]

p. 14

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.14 di 16 ASPETTATIVE Imparare un mestiere ALLIEVO/ALLIEVA REQUISITO Raggiungimento degli obiettivi formativi INDICATORE E STANDARD PROMESSO %di raggiungimento obiettivi formativi >= 70% Chiarezza e coerenza del percorso formativo Facilità di apprendimento Documentazione di supporto Ambiente piacevole e sereno Professionalità dei docenti Completezza delle informazioni Progettazione sulle analisi dei fabbisogni inerenti il partecipante e le richieste di mercato Formazione continua del corpo docenti sulle metodologie didattiche Sviluppo di materiale didattico interno e testi Supporti informatici e audiovisivi Rispetto delle regole comportamentali di educazione e cortesia Prendersi cura dei partecipanti Competenze aggiornate, serietà, puntualità, capacità di relazione Rispetto del piano di comunicazione Nomina di un coordinatore referente % di gradimento dei partecipanti >=70% tasso di occupazione>=80% tasso di occupazione pertinente>=50% % di gradimento dei partecipanti>=70% Fornitura di dispense didattiche per ogni disciplina % di gradimento dei partecipanti>=70% % di gradimento dei partecipanti>=70% % di gradimento dei partecipanti>=70% nr ore formazione pro-capite % di gradimento dei partecipanti>=70% FAMIGLIA ASPETTATIVE REQUISITO Che il figlio impari un mestiere Stabilire comunicazioni con l'Ente formatore Un ambiente protetto Che il figlio trovi un lavoro Raggiungimento degli obiettivi formativi Rispetto del piano di comunicazione Nomina di un coordinatore referente Presenza di un coordinatore Rispetto del regolamento interno Raggiungimento degli obiettivi formativi INDICATORE E STANDARD PROMESSO %di raggiungimento obiettivi formativi >= 70% % di gradimento delle famiglie>=70% % di gradimento delle famiglie>=70% tasso di occupazione>=80% tasso di occupazione pertinente>=50

[close]

p. 15

ENDO-FAP Mestre Istituto Berna CARTA DEI SERVIZI ALMQ02 Rev. 9 12-09-2016 pg.15 di 16 COMMITTENTE PUBBLICO ASPETTATIVE Rispetto della convenzione REQUISITO Rispetto delle procedure di gestione della qualità INDICATORE E STANDARD PROMESSO Nr non conformità=0 Efficacia dell'intervento formativo Correttezza della rendicontazione finale Collocazione dei formati nel mercato del lavoro con mestieri coerenti Rispetto delle procedure di gestione della qualità Tasso di occupazione pertinente>=50% Livello di spesa >=95% Rispetto della capacità di spesa Rispetto delle procedure di gestione della qualità Livello di spesa >=95% AZIENDE FORNITRICI DI STAGE ASPETTATIVE Inserire stagisti preparati REQUISITO Percorso formativo orientato ad attività pratiche INDICATORE E STANDARD PROMESSO 30% del monte ore totale Rispetto della convenzione Nomina di un responsabile di stage % di gradimento dell'azienda>=60% Documentazione di supporto Fornitura del progetto di stage % di gradimento dell'azienda>=60% 7.2 LA SICUREZZA Esiste un piano di sicurezza che garantisce il possesso dei requisiti di legge in materia di sicurezza con la relativa documentazione tecnica e vengono effettuati i controlli periodici nelle varie strutture inoltre il personale viene periodicamente preparato ad attuare gli adempimenti previsti. 7.3 LA TRASPARENZA Il CFP considera la trasparenza una condizione fondamentale per garantire la partecipazione democratica e la corretta gestione del servizio in un Sistema Qualità. A tale proposito individua i seguenti strumenti principali . a) Gli Organi collegiali : Consiglio dei docenti, Consigli di gestione e Consigli di Classe b) La Bacheca generale di Istituto rivolta agli utenti e al personale della scuola, con esposizione di: - organigramma del CFP - orario - organizzazione degli spazi e delle strutture, - scadenze fondamentali dell’anno scolastico. c) I Verbali del Consiglio di Classe e del Collegio Docenti, consultabili a richiesta in Presidenza. d) Programmi svolti in visione su richiesta in Segreteria e) La possibilità di visione e di rilascio, su semplice richiesta, di copia dei seguenti documenti :

[close]

Comments

no comments yet