UCA IN...FORMA 2

 

Embed or link this publication

Description

Notiziario on line dell'Unione Club Amici

Popular Pages


p. 1

Cliquez ici pour la traduction française Il parere di Ivan Perriera Siamo al secondo numero del nostro UCA IN…FORMA e ci sembra necessario spiegare il perché della decisione di realizzare un notiziario. L’Unione Club Amici ha sentito la necessità di dar corpo alle nostre idee, con lo scopo di informare gli utenti del turismo itinerante, sul nostro impegno a favore dell’intero settore. Da tempo ci siamo resi conto di quanto, ogni giorno, la nostra “creatura” (UCA) abbia continuato a crescere, assieme alle aspettative che gli altri hanno su di essa. La partecipazione alle Fiere e l’adesione alla FICM ci hanno convinti che era arrivato il momento di realizzare uno strumento, da affiancare al nostro sito, che potesse permetterci di far conoscere meglio i nostri progetti e le nostre attività, sia ai visitatori delle tante fiere di settore, che ai Club di tutta Europa che aderiscono alla FICM. Così come quando, tanti anni fa, ci parlarono di Internet, riuscimmo ad essere lungimiranti (nonostante l’assoluta ignoranza da parte di molti di noi), anche adesso vogliamo condividere l’utilità di un “magazine” che accompagnerà le nostre iniziative. La distribuzione avverrà in modi diversi a seconda delle occasioni: Fiere: Grazie all’instancabile lavoro del nostro webmaster, Claudio Carpani, e la disponibilità di Sauro Sorbini, responsabile della stesura e dell’impaginazione, sarà possibile pubblicare tutte quelle notizie di comune interesse che distribuiremo durante le manifestazioni nazionali. FICM: Dopo essere stato tradotto in Francese (la lingua ufficiale della Federazione) UCA IN…FORMA , verrà inviato a tutti i club aderenti alla FICM, così da far conoscere anche ai presidenti d’oltralpe, le nostre iniziative. Occasioni Speciali Per il 2012 abbiamo accettato la proposta di organizzare, grazie alla disponibilità del Gruppo Camperisti Orobici di Bergamo, il 36° EUROCC della FICM ed è inutile sottolineare l’utilità che il nostro UCA IN…FORMA potrà avere, anche, per tale occasione. Il “PDF” del notiziario sarà consultabile sul nostro sito a disposizione di tutti gli utenti; sarà condivisibile con i siti di tutti i Club aderenti all’Unione Club Amici e verrà pubblicato sulla pagina UCA di Facebook. Per tutti questi motivi, riteniamo che UCA IN…FORMA sarà di assoluto supporto al nostro “portale” E’ ovvio che, trattandosi di un prodotto consultabile da Internet, le pagine possono essere 4, 44, 444 dipenderà solo dal messaggio che vorremo veicolare dal nostro sito internet. E’ cominciata una nuova era per l’Unione Club Amici, un momento determinante nel quale è indispensabile far conoscere quello che la nostra Unione ha fatto per l’intero settore, ha promosso iniziative utili a tutti i possibili fruitori, a prescindere dall’adesione o meno a Club o a Federazioni. Allo stesso modo, abbiamo cominciato a sottoscrivere convenzioni che saranno concesse a tutti i possessori di Camping Card Internazionale, a prescindere dalla provenienza della stessa, da quale organizzazione sia distribuita, italiana o estera. Anche questa, sembrerà strano, ma risulta essere un’esclusiva per la quale l’Unione Club Amici sta lavorando…! SOMMARIO pag. 2 Welcome CCI / FICM nuovo Presidente pag. 3 Camper Assistance / Attenti ai documenti pag. 4 Atti unilaterali e smentite pag. 5 Quattro cose che il cellulare può fare pag. 6 Incontri dei Club pag. 7 N° 72 Valtopina! pag. 8 Pneumatici&neve: segui le regole pag. 9 Sicurezza in viaggio / Buono a sapersi pag. 10 Festa d’autunno - Castagnata pag. 11 Zogo dell’oca de Miran UCA IN...FORMA 1

[close]

p. 2

FICM: nuovo Presidente Giovedi 1° Dicembre parte una nuova fantastica e vantaggiosa iniziativa nata a favore di tutti i possessori di camper purchè in possesso della “Camping Card International”, (non importa il club d’appartenenza). Questa iniziativa è partita nel territorio del maceratese ma è già ampliata ad altre province e regioni spesso mete del turismo itinerante. Tutti gli amanti del plein air potranno usufruire di sconti e servizi particolari in tutte le attività commerciali che esporranno il logo di seguito riportato. L’idea nasce per coadiuvare commerciante e consumatore in questo grande periodo di crisi economica che pesa nel nostro paese. Le attività commerciali che aderiscono all’iniziativa, con trattamenti economici agevolati, faciliteranno i nostri acquisti che come tutti noi sappiamo, dal semplice fine settimana al periodo vacanziero, influiscono molto nel nostro budget. L’iniziativa comprende qualsiasi attività commerciale, dal grande supermarket al piccolo negozio di alimentari nostrano, dal bar per la colazione al centro estetico o parrucchiere, senza tralasciare le attività commerciali dedicate al settore del plen air. All’interno del sito www.camperclubcorridonia.it o chiamando il n° 0733/433300 (per info o per ricevere la brochure cartacea direttamente a casa vostra) troverete l’elenco completo di tutte le attività commerciali che partecipano all’iniziativa, elenco che settimanalmente verrà ampliato con nuove adesioni. Certi dell’utilità di quanto proposto auguriamo a tutti buon viaggio e buone spese. Geom. Daniele Marcelletti Presidente Camper Club Corridonia Buongiorno a tutti, all’Assemblea generale d’autunno 2011 in Francia ha fatto seguito una nuova riunione del Consiglio. In questa occasione, il Consiglio di amministrazione della FICM, in data 18 ottobre 2011 a Blavozy (F), ha deliberato di sostituire il Presidente Alessandro ICHINO (CH), che ha rinunciato all’incarico: al suo posto è stata eletta all’unanimità Rose Marie DELANNOY (E). Benvenuta alla nostra nuova Presidente della FICM. Saluti. Yves LEVIONNOIS Segretario generale FICM A nome di tutti i membri dell’UNIONE CLUB AMICI, invio le felicitazioni al nuo- vo Presidente, Rose Marie Delannoy. Invio un ringraziamento tutto particolare al Presidente uscente Alessandro Ichino, per l’amicizia con la quale ci ha accolto nella FICM. Cara Rose Marie, ad maiora. Ivan Perriera 2 UCA IN...FORMA

[close]

p. 3

Quando, durante un Incontro Nazionale Presidenti UCA, venne presentata la proposta Parcheggio Assistenza Degenti, ricordo feci un vero e proprio balzo sulla sedia sia per la geniale intuizione del proponente che per la mia totale condivisione. Questo mio assenso derivava dall’aver da tempo considerato l’urgente necessità di dare soluzione a questo particolare fenomeno di accampamento, molto percepibile, sul territorio in cui vivo, Lungo i viali, e non solo, che circondano il complesso ospedaliero universitario più importante della città bivaccano, è proprio il caso di dirlo, equipaggi provenienti da località lontane, costretti a quella situazione per la triste necessità di assistere ammalati lungodegenti presenti nei reparti di quelle cliniche. Questi nostri meno fortunati “colleghi” si trovano, in quei momenti, di fronte al problema del dover essere presenti per fornire assistenza ai loro cari ricoverati e risiedere e/o albergare in città, a parte i costi spesso proibitivi, presenta molteplici difficoltà di soluzione. La scelta del camper, quando possibile, è determinata da motivi di funzionalità ed anche di economia. Il dare una mano, un aiuto concreto a soggetti che attraversano questi particolari momenti è nel DNA dell’Unione Club Amici, voluta sin dal suo sorgere per offrire, quando possibile, collaborazione e assistenza. Personalmente e a nome del Circolo che ho l’onore di presiedere, mi sono attivato facendo, da tempo, opportuna richiesta scritta presso la Direzione Sanitaria di una importante clinica del distretto cittadino citando in partico- lare l’iniziativa dell’UCA e allegando tutte le adesioni già in atto. (Ancona, Bergamo,Campobasso,Forlì, Reggio Emilia e così via …) La risposta ricevuta ha unicamente precisato che il terreno sul quale potrebbe trovare accoglienza questa richiesta è di proprietà del Comune e che lo stesso è l’unico che può fornire parere favorevole. La richiesta, comunque, veniva girata a tale istituzione e sarebbe stata loro cura informar- mi sulle determinazioni del Comune stesso. Tutto ciò in data 29 novembre 2009 … e a tutt’oggi non se ne è saputo nulla !!! Certamente non demorderò perché non si deve mai demordere ma di sicuro questo scarso interesse a questa importante quanto umana iniziativa sia delle Istituzioni che delle Direzioni Sanitarie finisce per avvilire e, spesso, determina scoraggiamento e quant’altro. Questo mio intervento, che mi auguro venga letto da chi pratica camperismo e, in qualche modo, abbia a che fare con Istituzioni e Direzioni Sanitarie, vuole solo reiterare l’invito a tutti gli affiliati UCA perché si ritrovino energie e forza nel perorare e proporre la realizzazione di tali aree presso le strutture ospedaliere. In questa proposta, Parcheggio Assistenza Degenti, non vi è nulla di futile e frivolo. Nulla di superficiale e inutile. E’ solo una straordinaria idea voluta dalla nostra Unione e che non trova corrispondenza alcuna da parte di ben più vecchie e note organizzazioni del nostro settore. E allora, mi raccomando, diamoci da fare. Claudio Carpani Siamo in periodo di viaggi, tempo di vacanze natalizie (ma la raccomandazione vale per tutto l’anno!): si presti grande attenzione alle carte d’identità prorogate. Le postille, i documenti cartacei di proroga o i timbri dei comuni applicati sulle vecchie carte d’identità valgono assai poco. C’è infatti una circolare del Ministero degli interni emanata sotto silenzio qualche tempo fa, che di fatto, invita chi ha il documento d’identità prorogato (dalla validità di 5 anni a quella di 10) a rifare la tessera di riconoscimento visto che un notevole numero di Paesi esteri non ne riconosce la validità. Per le carte d’identità elettroniche la proroga è gratuita ma il rifacimento (da cartaceo a elettronico) costa alcune decine di euro. La solita storia italiana, altri fanno pasticci e se vuoi metterti in regola… devi pagare!!! UCA IN...FORMA 3

[close]

p. 4

“ATTI UNILATERALI” E SMENTITE: Spett.le Ass. C.ri Matera, Gentile Raffaele Motola, ho ricevuto copia della pagina de Il Campeggio Italiano (vedi sopra) dove leggo una tua lettera a me indirizzata, ma da me mai ricevuta, senza che il Direttore della rivista, né il presidente nazionale, si preoccupasse di inviarmene copia per eventuali miei commenti. Ma la lettera è a tua firma e quindi è a te che devo precisare che il testo della stessa è impreciso, denigratorio nei confronti del comportamento dell’Unione Club Amici e assolutamente falsa, nella parte nella quale asserisci che la modifica dello statuto sia stata una decisione NON assembleare. Come scritto al Presidente Amicucci (anche di questa mia risposta nell’articolo non vi è traccia) la decisione di aderire ad una Federazione internazionale è stata ampiamente discussa, richiesta e sollecitata da tutti i presidenti presenti, almeno nelle ultime 4 assemblee nazionali, e che, anche la modifica dello statuto è stata annunciata, inserita nell’ordine del giorno, e discussa al primo punto in occasione dell’ultima Assemblea Nazionale di Carrara, tenutasi durante TOUR.it a gennaio 2011. Per quanto sopra, e come dimostrano tutte le e-mail che vi ho sempre inviato, e che come hai potuto vedere ne conservo copia, la tua lettera è da definirsi colma di imprecisioni che, conoscendoti, non possono che essere frutto di cattiva informazione che ti è stata fornita all’interno del Club Associazione Campeggiatori Matera, aderente all’Unione sin dalla sua nascita e confermata, oltre che dalle tante telefonate ed e-mail fatte in questi lunghi QUINDICIANNI, anche dalla squisita ospitalità ricevuta da parte dell’allora Vice Nicola Catalano che, nel portarci i saluti dell’allora Presidente sofferente, ci ha fatto gli onori di casa presso la vostra sede che all’epoca (se non ricordo male 1997) era presso l’agri- turismo Masseria del Pantaleone e dove abbiamo discusso ampiamente dei progetti dell’Unione Club Amici, durante un mio giro per l’Italia con lo scopo di conoscere tutti i Club che avevano dato vita all’Unione Club Amici. Presenti all’incontro, il mio vicepresidente di allora e molti soci con i quali ci siamo intrattenuti quella sera. Se questo non bastasse a definire la tua affermazione priva di ogni fondamento: “con atto unilaterale da parte dell’UCA, il Club lucano si trovò tra le Associazioni aderenti al neonato organismo”, basterebbero i 15 anni durante i quali avete ricevuto tutti gli aggiornamenti dell’archivio, tutte le convocazioni ufficiali, tutta la corrispondenza, tutte le telefonate e gli incontri degli ultimi anni con il Coordinatore di Area, Franco Morano, che mi ha sempre aggiornato sui vostri cordiali (allora) contatti, senza che mai nessuno abbia mai messo in discussione l’adesione alla nostra Unione Club Amici o che abbiate mai mandato richiesta in tal senso. Avete partecipato pochissimo, questo è vero, ma noi non ve ne abbiamo mai fatto una colpa perché, quando vi abbiamo contattato la vostra disponibilità (come in occasione del Presepe Vivente del Natale scorso, per il quale ti ho contattato – quale referente “UCA” ed ho ricevuto la tua totale disponibilità) è sempre stata degna di ogni rispetto. La forza dell’Unione Club Amici è stata, e sarà, proprio quella di continuare a riscontrare INDISCUSSI successi a favore del settore, promuovendo progetti per tutti, A PRESCINDERE dall’affiliazione a questo o quel sodalizio e a prescindere dalla partecipazione assidua di questo o di quel club aderente. Viste le e-mail che ti ho rimandato, i chiarimenti che ho anticipato per telefono e ribadito adesso, resto in attesa di tua rettifica e di pubblicazione di questa mia; per quanto riguarda, invece, la formale richiesta di dimissioni dall’Unione Club Amici (ad oggi lette solo sul giornalino della vostra federazione) attendo formale e specifica comunicazione. 4 UCA IN...FORMA

[close]

p. 5

noi pubblichiamo, altri no... Di seguito, anche se l’hai già ricevuta, più di una volta, la lettera inviata ad Amicucci e a tutti i Club dell’Unione Club Amici. Ti informo, inoltre, che visto e considerato che non ci è stato dato giusto spazio per una eventuale nostra posizione, la presente e-mail viene inviata a tutti i club aderenti all’UCA e pubblicata, assieme alla pagina allegata, sul nostro sito. In questo modo, approfittando della vostra foto pubblicata, anch’io potrò farvi conoscere a quanti non leggono il vostro giornalino. A presto Ivan Perriera Coordinatore Nazionale Unione Club Amici ________________________________________________ Di seguito pubblichiamo l’opportuna replica di Raffaele Motola. Chissà perché non se ne trova riscontro nelle pagine de “Il Campeggio Italiano”, che pure, per obblighi di legge e di correttezza, dovrebbe pubblicarla. Caro Ivan, in merito alla tua lettera del 6 Settembre 2011 voglio, come da te richiesto e per mia onestà intellettuale, rettificare alcune mie affermazioni contenute nella Lettera Aperta a Ivan Perriera e pubblicata da “Il Campeggio Italiano”. Premesso, che alla base delle affermazioni, relative alla mancanza di informazioni ai Club Uca, circa la decisione di quest’ultima di aderire alla FICM, e quella che definisce “atto unilaterale” l’adesione di alcuni anni fa all’UCA dell’Associazione Campeggiatori Matera, vi è stata una inadempienza tutta interna da parte di coloro che, incaricati di passare di volta in volta le varie notizie, non hanno assolto il loro compito …(omissis) L’Associazione Campeggiatori Matera …(omissis) chiede la cancellazione dall’UCA.Absit iniuria verbis! Raffaele Motola Presidente Federazione Regionale Campeggiatori di Basilicata ________________________________________________ (ndr) Va sottolineato che al momento l’Associazione Campeggiatori Matera è ancora presente nell’elenco dei Club aderenti, in quanto non si possono accettare le dimissioni inviate dal “Presidente Regionale Campeggiatori” che non ha alcun titolo legale per prendere decisioni per conto di un Club, seppure appartenente alla Federazione Regionale. QUATTRO COSE CHE IL CELLULARE PUO’ FARE Ci sono alcune cose che si possono fare in caso di gravi emergenze. Il cellulare può effettivamente essere un salvavita o un utile strumento per la sopravvivenza.Controlla le cose che puoi fare. 1 – Emergenza: Il numero di emergenza per il cellulare è il 112 in tutto il mondo. Se ti trovi fuori dalla zona di copertura della rete mobile e c’è un’emergenza, componi il 112 e il cellulare cercherà qualsiasi rete esistente per stabilire il numero di emergenza per te; è interessante sapere che questo numero 112 può essere chiamato anche se la tastiera è bloccata. Provalo. 2 - Hai chiuso le chiavi in macchina? La tua auto ha l’apertura/chiusura con telecomando? Questa funzionalità può risultare utile. Una buona ragione per avere un telefono cellulare: se chiudi le chiavi in auto e quelle di ricambio sono a casa, chiama qualcuno a casa ma su un cellulare dal tuo cellulare. Tenendo il tuo cellulare a circa 30 cm. dalla portiera, dì alla persona a casa di premere il pulsante di sblocco delle chiavi di ricambio, tenendolo vicino al suo cellulare. La tua auto si aprirà. Così si evita che qualcuno debba portarti le chiavi. La distanza è ininfluente. Potresti essere a centinaia di km. e se è possibile raggiungere qualcuno che ha l’altro telecomando per la tua auto, è possibile sbloccare le porte (o il baule). N.d.r.: funziona benissimo! Lo abbiamo provato e abbiamo aperto l’auto con un cellulare! 3 – Riserva nascosta della batteria Immagina che la batteria del telefono sia molto bassa. Per attivare, premere i tasti *3370# Il cellulare ripartirà con questa riserva e il display visualizzerà un aumento del 50% in batteria. Questa riserva sarà ripristinata alla prossima ricarica del tuo cellulare. 4- Come disattivare un telefono cellulare RUBATO? Per controllare il numero di serie (Imei) del tuo cellulare, digita i caratteri *#06# Un codice di 15 cifre apparirà sullo schermo. Questo numero è solo del tuo portatile. Annotalo e conservarlo in un luogo sicuro. Quando il telefono ti venisse rubato, è possibile telefonare al provider della rete e dare questo codice. Saranno quindi in grado di bloccare il tuo telefono e quindi, anche se il ladro cambia la scheda SIM, il telefono sarà totalmente inutile. Probabilmente non recupererai il tuo telefono, ma almeno sai che chi ti ha rubato il cellulare non può né usarlo né venderlo. Se tutti lo faranno, non ci sarà motivo di rubare telefoni cellulari. ATM - inversione numero PIN (buono a sapersi!) Se dovessi mai essere costretto da un rapinatore a ritirare soldi da un bancomat, è possibile avvisare la polizia inserendo il PIN# in senso inverso. Per esempio, se il tuo numero di pin è 1234, dovresti digitare 4321. Il sistema ATM riconosce che il codice PIN è stato invertito rispetto alla carta bancomat inserita nella postazione ATM. La macchina ti darà il denaro richiesto, ma la polizia – all’insaputa del ladro – sarà mandata immediatamente alla postazione ATM. Questa informazione è stata recentemente trasmessa su CTV da Crime Stoppers, tuttavia è raramente usata perché la gente semplicemente non la conosce. UCA IN...FORMA 5

[close]

p. 6

Novembre: GLI INCONTRI DEI CLUB Nel mese di novembre si sono Emilia Romagna (fino a Imola), ve promosse dall’UCA a favore dei svolte le riunioni d’area dei pre- Marche, Umbria, San Marino – camperisti a livello nazionale han- sidenti dei club dell’Unione Club coordinatore Pietro Biondi) era- no così acquisito un valore “inter- Amici. In particolare: no presenti Ass. Amici Castellani nazionale”. Favorevole impressio- - il 12 novembre a Bergamo (area Ravenna con Alberto Cervelli; La ne e anche compiaciuto stupore Nord Ovest – coordinatore Pa- Chiocciola Terni con Pio Borsini; ha suscitato nei colleghi dei club squale Cammarota) erano pre- Club Le Sorgenti Nocera Umbra europei l’informazione che tutte senti Camper Club Italia Bologna con Lorenzo Picchiarelli; C.C. Ci- le nostre iniziative siano gratuite con Mario Mariani; Quelli che il vitanova Marche con Gabriele e aperte a tutti, anche ai non as- camper Bologna con Claudio Car- Gattafoni ; C.C. Corridonia sociati. pani; C.Solidale Mantova Man- con Daniele Marcelletti; C.C. Val- Le associazioni aderenti all’UCA tova con Morena Giosuè; Gr.C.sti lesina Jesi con Emilio Stronati; C.C. hanno ora, grazie all’adesione alla Orobici Bergamo con Luigi Perola; Montepulciano con Monia David- FCMI, un’ulteriore opzione di scel- C.C.Torrazzo Cremona con Enrico di; C.C. Pesaro con Alfredo Bonelli; ta per acquisire la Camping Card Grazioli; C.C.Ghirlanda Cinisello B. Romagna C.C. Forlì per delega ad International, oltre a quelle già at- con Leone Dagui; Alberto Cervelli. tive (e che tali rimarranno) di otte- - il 19 novembre a Pianiga (area - il 27 novembre a Pergusa (area nerla tramite Confedercampeggio Nord Est – coordinatore Dino Ar- Sicilia Sardegna – coordinatore o ACTI Italia. tusi) erano presenti Rivars Regi- Rosario Petrocito) erano presenti Si è ampiamente dibattuto su que- stro Italiano Gorizia con Claudio Camperisti Nisseni; Club Campeg- ste problematiche e, considerata Galliani; Caravan Club Gorizia con giatori Sicilia; Club Plein Air Enna; l’utilità della affiliazione a questo Anna Grazia Scardovelli; Camper Associazione Campeggiatori Sici- organismo Internazionale, si è ri- Club I Girasoli Pianiga (VE) con lia; Club Camperisti Catanesi; Mi- volto ai Presidenti (anche ai non Carlo Franceschetti; Camper Club silmeri Camper Club. presenti) un caloroso invito a va- Marco Polo Cerea (VR) con Flavio lutare con attenzione le ultime Superbi; Camper Caravan Club Bi- I coordinatori d’area hanno ricor- convenzioni stipulate dall’UCA at- siaki Monfalcone (TS) con Gaspare dato che, nel corso dell’ultima riu- tinenti non solo con campeggi o compagnie di navigazione ma estese anche ad Agri- turismi, Centri Benessere, Assicurazioni, Aree di so- sta e quant’altro. Alcuni i interventi hanno inoltre sottolineato l’esi- genza di una maggiore vi- sibilità delle iniziative UCA ed anche di un depliant cartaceo, la cui distribu- zione possa servire a fare conoscere ed apprezzare Sopra, da sinitra: Carlo Franceschetti, Dino Artusi, Coordinatore Area Nord Est, e l ‘Avv. Massimo le nostre iniziative e i no- Calzavara, Sindaco di Pianiga. Nella pag. successiva due momenti dell’incontro di Bergamo stri servizi. Alagna; Camper Club Soave (VR) con Luisella Crestan; Camper Club Feltrino e Primiero Feltre (BL) con Gianvittorio Zucco; Holiday Camper Club Rovereto (TN) con Vittorio Zanettin; - il 20 novembre a Valtopina (area nione di tutti i Presidenti, tenutasi a Parma, è stata comunicata l’adesione dell’UCA alla Fédération International de Club de Motorhomes (FICM), facendo così entrare la nostra associazione in un circuito internazionale. Tutte le iniziati- Nell’incontro di Bergamo si è esaminato l’impegno assunto dal Gruppo Camperisti Orobici che, per conto dell’UCA, ha accettato l’impegnativo onere di organizzare il XXXVI° Euroraduno FICM, nel prossimo mese di Maggio 2012. 6 UCA IN...FORMA

[close]

p. 7

Pasquale Cammarota ha svolto una ampia e dettagliata disamina su quanto previsto e richiesto per il raduno europeo e ha concluso la presentazione richiedendo la massima cooperazione. E’ richiesta in particolare la collaborazione di persone con conoscenza delle lingue europee (francese, inglese e tedesco). Sono previsti in arrivo da 400 a 600 equipaggi. Il programma prevede anche prolungamenti di visita a Bologna e Venezia (se ne occuperanno rispettivamente il Camper Club Italia ed il Club i Girasoli). All’incontro di Pianiga si è avuta inoltre una gradita partecipazione: la visita del Sindaco della città, Massimo Calzavara, il quale ha rivolto parole di benvenuto a tutti, evidenziando come il suo Comune abbia già deliberato la costruzione di un’area di sosta che sarà realizzata in centro al paese per l’inizio della prossima primavera Al termine dell’incontro di Valtopina, è avvenuta la cerimonia della consegna al Sindaco della cittadina, Giuseppe Mariucci, della targa di Comune Amico del turismo Itinerante ed è così entrato a far parte di questo circuito UCA. A Pergusa, dopo aver discusso i punti all’Ordine del Giorno i Presidenti si sono dati appuntamento ad una prossima Tavola Rotonda che avrà come scopo quello dell’elezione del Coordinatore Regionale. A tale incontro parteciperanno anche altri Club che hanno manifestato il desiderio di conoscere in modo più approfondito le attività dell’Unione Club Amici. Nr. 72: VALTOPINA! Al termine dell’incontro di Valtopina si è svolta una breve cerimonia per la consegna della targa di Comune Amico del Turismo Itinerante al Sindaco del Comune di Valtopina, Giuseppe Mariucci. A rappresentare l’Unione Club Amici erano presenti il Coordinatore nazionale Ivan Perriera, il Coordinatore d’area Pietro Biondi e i Presidenti e i Soci dei Club interventui all’incontro, che si è svolto nell’ambito del Raduno ottimamente organizzato dal Club Le Sorgenti di Nocera Umbra, in occasione della Festa del Tartufo: è stata l’occasione, per apprezzare una volta di più le eccellenze gastronomiche della zona. Valtopina va ad arricchire la già importante lista dei Comuni Amici del Turismo Itinerante: siamo a quota 72! UCA IN...FORMA 7

[close]

p. 8

Pneumatici&neve: segui le regole Dal 15 Novembre sui tratti autostradali riportati di seguito è obbligatorio montare pneumatici da neve o avere catene a bordo. Il nuovo codice della strada, varato nel 2010, infatti prevede per i gestori di strade e autostrade la possibilità di rendere obbligatori gli pneumatici invernali o le catene a bordo anche in assenza di neve. La sanzione applicata agli automobilisti che vengono trovati sprovvisti di catene a bordi o di gomme da neve va da 80 a 318 euro. I dati sono aggiornati al 14 Novembre 2011. Per i tratti non autostradali e per leggere tutte le disposizioni aggiornate consigliamo di consultare il sito http://poliziadistato.it/articolo/21073 Autostrada A1 da Bologna Casalecchio ad Arezzo Autostrada A3 da Padula-Buonabitacolo a Frascineto Autostrada A4 da Brescia Est a Sirmion e da Venezia a Trieste Autostrada A5 da Aosta al traforo; nel tratto Quincinetto-Aosta, dal km 53.192 al km 110.934. Autostrada A6 da Marene a Savona. Autostrada A7 da Serravalle a Genova Bolzaneto Raccordo autostradale A26/A7 (tratto Predosa - Bettole): dal km 0.00 al km 17.000. Autostrada A11 dal km 0.000 al km 81.100. Autostrada A14 da Bologna (inizio autostrada) a An- cona Sud e da Giulianova a Poggio Imperiale. Autostrada A16 da Napoli a Candela. Autostrada A23 da Palmanova a Udine e tra Carnia e il Confine di Stato Autostrada A24 da Vicovaro-Mandela a BascianoVilla Vomano) Autostrada A25 tratto Svincolo di Torano-Pescara: da svincolo direzionale Torano a Pescara innesto A14 Autostrada A26 tra l’allacciamento con la A10 e Alessandria Autostrada A27 tra Vittorio Veneto sud e l’innesto con la SS51 Autostrada A28 da Portogruaro a Conegliano e Raccordo Villesse Gorizia Autostrada A32 nel tratto fra il km 35.000 e il km 72.385 Trafori: T1 Traforo Monte Bianco, dal km 9.550 all’imbocco traforo; T2 Traforo Gran San Bernardo. Norme e regole per pneumatici invernali Per pneumatici invernali si intendono per legge, tutti quei pneumatici che hanno stampigliato sul fianco, una delle seguenti sigle; " M+S" oppure "MS", "M-S" o "M&S" Per i pneumatici invernali è prevista la possibilità di utilizzare anche pneumatici con codice di velocità inferiore a quello prescritto sul libretto di circolazione, purchè non inferiore a "Q" - 160 Km/h, con l' obbligo di rispettare il limite di velocità ammessa dal costruttore dei pneumatici ed è richiesta l' esposizione di una targhetta monitori a bene in vista all' interno del veicolo. cat. Q - 160 Km/h Pneumatici invernali chiodati; Le caratteristiche dei pneumatici invernali chiodati rimangono invariate rispetto quelli senza chiodi, ma con l' obbligo di rispettare le seguenti condizioni: Montaggio su tutti i pneumatici del veicolo o eventuale rimorchio. Limite di velocità a 90 km/h su strade ordinarie e di 120 km/h in autostrada. Applicazione dei paraspruzzi dietro le ruote posteriori. L' uso è limitato ai veicoli con peso complessivo inferiore a 35 ql. L' uso è altresì limitato al periodo compreso fra il 15 di novembre e il 15 di marzo con possibilità da parte degli Enti Regionali di demandare deroghe. L' uso dei pneumatici chiodati è diverso nei vari paesi europei ed è vietato in Germania, Olanda, Polonia e Portogallo. Pneumatici con le catene; L' utilizzo delle catene da neve è prescritto quando viene esposto il segnale raffigurato qui a fianco ma comunque è ammesso il transito anche senza catene se il veicolo è equipaggiato con pneumatici da neve "M+S". (D.P.R. n° 495/1992) E' comunque consigliato di non superare in nessun caso il limite dei 50 km/h quando si viaggia con le catene da neve. 8 UCA IN...FORMA

[close]

p. 9

Sicurezza in viaggio con Truma invita camperisti e caravanisti italiani a verificare la conformità alla normativa UNI EN 1949 del proprio impianto a gas. I primi 500 campeggiatori che si presenteranno presso uno dei 53 Service Partners Truma tra il 1 dicembre 2011 e il 31 gennaio 2012 per effettuare un controllo del gas riceveranno in omaggio un accendigas firmato Truma. Truma, azienda leader nella produzione di sistemi di riscaldamento a Gpl per veicoli ricreazionali, ha investito molte risorse nella formazione tecnica della propria rete di assistenza. Oggi tutti i centri di assistenza Truma sono in grado di certificare la conformità dell’impianto del gas alla normativa UNI EN 1949, cioè quella norma che detta i requisiti di sicurezza nei confronti dell’installazione di sistemi a gas liquido in veicoli abitabili da diporto. Una norma alla quale i costruttori di camper e caravan si devono attenere dal 2002 e che ha permesso, grazie alla tecnologia di cui sono stati dotati i moderni regolatori Truma (Secumotion, MonoControl CS e DuoControl CS), l’uso del riscaldamento a gas anche durante la marcia. In realtà, i moderni impianti di riscaldamento a gas sono assolutamente sicuri. I dispositivi e le soluzioni che contribuiscono alla tranquillità delle famiglie di campeggiatori sono molteplici: dalla tradizionale termocoppia (un sensore di temperatura che interrompe il flusso del gas quando la stufa si spegne accidentalmente), ai tubi flessibili ad alta pressione originali Truma con dispositivi di protezione antirottura, fino ai regolatori di pressione con interruzione del flusso in caso di perdita di pressione nel circuito (Secumotion), e ai più recenti regolatori di pressione con sensore d’urto (MonoControl CS e DuoControl CS). La verifica di conformità alla normativa UNI EN 1949 è sicuramente consigliabile su veicoli vetusti, su mezzi acquistati di seconda mano o sui quali sono stati effettuati interventi di manutenzione che potrebbero aver coinvolto componenti dell’impianto del gas. In ogni caso Truma sug- gerisce questo tipo di controllo ogni due anni. Diversamente da altri paesi, non c’è nessuna legge che rende questo controllo obbligatorio. Tuttavia è una verifica che va nell’interesse dell’utente finale garantendo ulteriori margini di sicurezza a tutto l’equipaggio. D’altronde, tutti gli autoveicoli devono essere sottoposti a revisione periodica e così pure le caldaie ad uso domestico: perché dovrebbe essere diverso per l’impianto a gas di un veicolo ricreazionale? Comunque non c’è alcun obbligo, una volta individuati eventuali difetti di conformità (per esempio regolatori o tubi di gomma scaduti) di dare seguito all’intervento di manutenzione. In questo caso il Service Partner segnalerà sulla certificazione la non conformità accertata. Il controllo dell’impianto secondo la normativa UNI EN 1949 ha un costo di 45 euro + Iva e consiste in alcuni controlli e nell’analisi di una serie di caratteristiche relative all’impianto. Si controlleranno, per esempio, l’aerazione e il sistema di fissaggio delle bombole, il regolatore, l’aspetto e l’installazione conforme delle tubazioni rigide e flessibili nonché il sistema di scarico della combustione dei vari apparecchi a gas. Inoltre, si provveder a effettuare la prova di tenuta dell’impianto gas portandolo in pressione per la verifica di eventuali perdite. È possibile anche farsi redigere dal Service Partner un vero e proprio Libretto d’Impianto contenente le caratteristiche di tutte le apparecchiature installate, delle tubazioni, dei raccordi e della componentistica. Una carta d’identità utile anche a tenere traccia di eventuali modifiche che potrebbero invalidare, nel tempo, la conformità. La compilazione del libretto, che include anche il controllo dell’impianto secondo la normativa UNI EN 1949, ha un costo complessivo di 75 euro + Iva. I centri di assistenza Truma sono elencati nella sezione specifica del sito. Visitare il sito di seguito per conoscere i centri preposti in Italia: http://www.truma.com/it/it/home/index.php BUONO A SAPERSI!!! Che furbi questi sloveni… E' bene sapere questa novità. Chi valica il confine e transita in Slovenia faccia bene attenzione!!! 1200 euro e ritiro patente. Questi sono i nuovi radar sulle autostrade slovene si trovano abitualmente dai 100 ai 250 m dai caselli autostradali. Nelle vicinanze dei caselli il limite di velocità è di 40km/h. Le multe arrivano direttamente a casa… UCA IN...FORMA 9

[close]

p. 10

FESTA D’AUTUNNO - CASTAGNATA Quando è stato il momento di stabilire dove i Girasoli avrebbero fatto la Festa d’autunno la scelta non è stata facile ed alla fine è caduta sul Campeggio Azzurro sul Lago di Ledro (TN) e meta migliore ritengo non si potesse scegliere. Già nel pomeriggio di venerdì 21 ottobre i cinquanta equipaggi partecipanti hanno iniziato a pervenire nel bellissimo campeggio in riva al lago, dove siamo stati accolti con molto calore da parte della titolare. Gli spazi erano molto ampi, i servizi in piena efficienza e la prima impressione è stata veramente molto bella. Nella mattinata del sabato tutti i partecipanti si sono incamminati verso il centro storico di Pieve di Ledro dove in una cornice di belle case di montagna tutte in perfetto ordine, abbiamo visitato a gruppi il locale museo di erboristeria / farmacia dello storico farmacista Dr. Angelo Follina che la fondò nel lontano 1855. Oltre agli antichi arredi, la nostra brava guida Silvia ci ha illustrato la storia della farmacia che diede inizio alla produzione di pastiglie fatte a base di erbe medicinali locali illustrandoci il funzionamento delle numerose macchine ed attrezzature varie utilizzate allo scopo. Dopo l’interessante visita, in giro per il paese abbiamo scoperto negozi tipici per la vendita di prodotti dell’artigianato locale oltre alla bella parrocchiale. Successivamente siamo rientrati ai camper dove abbiamo pranzato. Nel primo pomeriggio chi in bicicletta chi a piedi abbiamo fatto un bel giro sul lungo lago che ci ha riservato piacevoli panorami fatti di un bellissimo sole e di bellissimi colori autunnali che hanno positivamente colpito tutti i partecipanti. A metà pomeriggio tutti nel capannone riscaldato (riscaldatore portato dal buon Franco a traino del suo camper e verso il quale non abbiamo parole di ringraziamento) per una tombolata che ha visto la partecipazione festosa di tutta la compagnia. Per la cena poi tutti in camper per poi ritrovarsi insieme nel capannone per la castagnata condita da dolci e buon vino, castagne che nel frattempo erano state arrostite dal nostro “Mastro castagnaio Lu- ciano” e dall’allievo “Giovanni” che alla fine si sono meritati il plauso di tutti gli intervenuti a cui si unisce anche la redazione nel redigere questo breve resoconto. Ma la sorpresa grande della serata è stata che la Signora titolare del campeggio, odorando la simpatia e la partecipazione dei Girasoli, ha chiamato ad allietare la serata un bravo giovane che con il suo Karaoke ha intrattenuto la compagnia fino alla mezzanotte quando non poteva non esibirsi il nostro Presidente con il suo formidabile sax, concludendo in tal modo una giornata veramente bella. La domenica mattina i Girasoli si sono risvegliati con calma dedicandosi chi ad un ulteriore uscita in bici, chi ad una passeggiata a piedi, raggiungendo le località vicine a Pieve di Ledro dove tra l’altro qualcuno ha visitato gratuitamente un Museo della Guerra o l’Archeopark con tanto di palafitte. Alle 12,30 tutti nuovamente nel capannone dove è stato servito spezzatino e polenta fatta di farina di produzione locale, il tutto contornato dalle innumerevoli prelibatezze che i Girasoli hanno portato spontaneamente in tavola e che hanno fatto da contorno ad un’allegria generale. A questo punto non poteva mancare l’estrazione a sorte di numerosi premi che il Club ha voluto mettere a disposizione, tra i quali segnaliamo per la bellezza quelli messi a disposizione dalla Pellicceria Luise di Vigodarzere che ringraziamo ancora una volta nelle persone della Signora Luciana e del Sig. Olivo. Nel primo pomeriggio tutti gli equipaggi hanno lasciato gradualmente il campeggio (con il quale è stata stipulata apposita convenzione di cui alla relativa rubrica), lasciandosi alle spalle un weekend fatto di allegria, di bellissimo tempo e di una buona organizzazione. A questo punto la redazione ringrazia a nome del Direttivo e del Presidente tutti coloro che hanno partecipato alla bella festa che è ben riuscita anche grazie alla fattiva collaborazione volontaria di molti soci. Carlo Franceschetti 10 UCA IN...FORMA

[close]

p. 11

sta, no basta na disgrassia e Nato, queo dea moto. Tutti insieme i nostri Pirati hanno montato Il gazebo De I Girasoli, dando lustro all’iniziativa dei Girasoli di curare il parcheggio con i quasi 50 camper che sono venuti in Via Belvedere per vedere la bella festa del “Zogo dell’Oca”. A tutti il mio personale “Grazie” per la disponibilità data anche in questa occasione. Dino Artusi La Fiera dell’Oca di Mirano è una manifestazione che nasce negli anni ‘80 e riprende l’antica tradizione di festeggiare il giorno di San Martino con un pranzo a base d’oca, secondo il detto “a San Martino oca, castagne e vino”. La “Compagnia dell’Oca” da allora ha lo scopo di promuovere e valorizzare l’oca, con mercatini, giochi, l’elezione di Miss Oca, tra i migliori esemplari esposti di 20 razze diverse e addirittura, per coloro che si rifiutano di mangiarla, la festa dell’Oca Scampada. Nei giorni di sabato 12 e domenica 13 Novembre si è svolta in piazza e nelle vie limitrofe la Fiera, in costume storico, ambientata nei primi del Novecento, con i tipici personaggi di allora - i carabinieri, lo strillone, lo studio fotografico, le maestrine, le servette - dove si espongono e vendono prodotti enogastronomici, oggetti con l’immagine dell’oca, varie curiosità. Gli artisti di strada hanno animato e intrattenuto i visitatori e l’osteria dell’Oca che ha ospitato gli ospiti per rifocillarsi un po’ con piatti gustosi e tipici della tradizione locale. E’ così che Mirano è divenuto in poco tempo il Paese dell’Oca e, dal 1998, un motivo in più per visitare la festa è il grande Zogo de l’Oca in Piazza, un percorso di 63 caselle, grandi tavole da 4 mq e alte 80 cm che, disposte attorno all’ovale della piazza, hanno formato un passaggio lungo 130 metri. Il gioco si è svolto la domenica pomeriggio, dopo la sfilata dei figuranti, tra sei squadre, dando vita ad uno spettacolo unico ed emozionante. Infatti solo all’ultimo minuto, grazie al n.6 uscito dai dadi la squadra di cam- po croce è riuscita è riuscita a battere i rivali di sempre, cioè la squadra di Mirano che fino a quel momento era sempre stata in testa. Domenica pomeriggio a Mirano non si poteva camminare tante erano le presenze…si parla di oltre 50.000 persone, in ogni caso il prezzo dei biglietti in tribuna era di euro 18 (posti d’onore) quasi più che andare a teatro, ma si sa il tempo era bello, la giornata primaverile, il fascino del gioco, l’organizzazione direi eccellente, tanto che questo mix ha fatto di Mirano la domenica del 13 Novembre potesse considerarsi la capitale dei giochi all’aperto. Chiudo con le belle parole scritte dalla Nuova Venezia: E’ festa di colori e di sorrisi: a detta di organizzatori e presenti uno dei giochi più belli di sempre, un’ora e mezza riempita di tutte le possibili prove, con continui colpi di scena e l’entusiasmo caloroso del pubblico incitato dai mattatori Salvatore Esposito e Roberto Gallorini. Il tempo dà un mano a fare il pienone per tutto il weekend. Già alla vigilia alberghi e ristoranti avevano registrato il tutto esaurito. Per gli amanti del gioco ricordo le frazioni in gara che erano, oltre a Mirano Capoluogo, Vetrego, Campocroce (Vincitrice), Ballò, Zianigo e Scaltenigo. Per quanto riguarda il parcheggio camper la nostra squadra, capitanata da Capitan Bepo, pirata con molte ore di navigazione in fatto di impalcatura, aiutato dai marinai e mozzi come Ciano el foghista, Joani el petroliere, Loris el milanista, Checco el Santo, Toni el saltafossi, Dino queo che varda, Icio succa peà e interi- UCA IN...FORMA 11

[close]

p. 12

Vesele Vanoce Bon Nadal Sretan Bozic Glædelig Jul Gajan Kristnaskon Hyvaa joulua Joyeux Noel Nadolig Llawen Shinnen omedeto Kala Christouyenna! Mele Kalikimaka Selamat Hari Natal Merry Christmas Gledileg Jol Natale hilare Sreken Bozhik Meri Kirihimete Merry Keshmish Pulit nadal Vrolijk Kerstfeest Feliz Natal Sarbatori vesele Hristos se rodi Feliz Navidad God Jul Sawadee Pee Mai Fröhliche Weihnachten Mutlu Noeller 12 UCA IN...FORMA

[close]

Comments

no comments yet