mondorealenumero103

 

Embed or link this publication

Description

mondorealenumero103

Popular Pages


p. 1

n.103 anno iv numero 26 22 luglio 2011 mondore@le torna martedì 2 agosto con il numero 104 editoriale di simone di giulio scrivo questo editoriale per due motivi da una parte quello di difendere l operato di un collega e dell intera categoria cui mi vanto di appartenere dall altro quello di far prendere atto che i regolamenti non fanno testo almeno nel comune in cui risiedo parola dell assessore alle attività produttive sergio di raimo che nell ultimo consiglio comunale non ha trovato di meglio che attaccare il collega paolo mastrantoni sul contenuto di un articolo inerente i contributi versati per gli agricoltori setini che coltivano carciofi il nodo che di raimo si è sentito in dovere di sciogliere è quello del marchio igp indicazione geografica protetta conditio sine qua non per ottenere il finanziamento elargito dal comune 1.000 euro di raimo ha giustificato le sue scelte quella di non guardare al marchio e ha gratuitamente attaccato il collega dicendo che il regolamento andava interpretato e ammettendo che la cosa non è comunque di sua competenza rimandando come al solito agli uffici comunali ora io mi chiedo ma se non è di sua competenza caro assessore di grazia lei che cosa ci sta a fare lì non mi risulta che sia stato eletto per ricoprire quell incarico bensì nominato tra l altro al bilancio mentre le attività produttive è stata una conseguenza della prima delega non mi sembra che i suoi colleghi bernabei cardarello grenga orlandi e maurizi abbiano mai scaricato le loro responsabilità sugli uffici comunali anzi spesso li hanno addirittura attaccati per aver sforato nelle competenze e poi cosa vuol dire interpretare un regolamento semmai andrebbe rispettato un regolamento oppure nella peggiore delle ipotesi scritto e sottoscritto da persone competenti facile dare la colpa alla stampa o ai governi centrali che tagliano ogni volta che non si riesce a risolvere un problema facile attualitÀ latina giuseppe ciarrapico ancora nei guai per una truffa di 45milioni sezze con la dondi sembra arrivato finalmente il momento dell addio attualitÀ sermoneta beccato e denunciato il piromane che non ti aspetti maenza il terzo polo apre i tavoli priverno manifestazione eclatante dei commercianti di via consolare rifugiati e favole sezze e bassiano si tolgono da ogni responsabilitÀ sulla vicenda campoli scarica la colpa sulla gestione della karibÙ cultura norma festival 6 serate imperdibili cantagirando il 30 sbarca ad aprilia sezze onorati al bouquet d arte

[close]

p. 2

speciale di simone di giulio mondore@le numero 103 22 luglio 2011 campoli risponde all interrogazione di casadei e scarica tutto sulla gestione della karibù question time infuocato quello che si è tenuto lo scorso 18 luglio nell aula consiliare alessandro di trapano il tema del giorno quello dei rifugiati sollevato dal consigliere di opposizione paolo casadei ed esploso con la vicenda di bassiano è stato affrontato per ultimo e non sono mancate le polemiche a rispondere all interrogazione naturalmente non c era l assessore competente il dimissionario umberto marchionne quindi la patata collente è passata nelle mani del sindaco andrea campoli che ha ripercorso l intera vicenda a dire il vero campoli che evidentemente si riserva di aggiungere i dati richiesti da casadei nella risposta scritta non si è tanto attenuto alle domande del firmatario dell interrogazione ma qualche indicazione l ha data nessun accenno alle polemiche politiche scaturite dalla vicenda piuttosto un inquadramento di sezze nel contesto più generale campoli ha parlato del 28 aprile giorno della concertazione sul tavolo della provincia per dare disponibilità ad ospitare gli immigrati a sezze ha spiegato il primo cittadino spettavano 25 unità ma nessuno si è degnato di comunicare nominativi e luoghi in cui sarebbero stati ospitati campoli ha poi spiegato che in un secondo momento al comune di sezze sarebbero stati assegnati ulteriori 33 immigrati tutti alla cooperativa karibù stavolta però al comune sarebbero stati comunicati i nomi e la nazionalità dei rifugiati ma a questo punto qualcosa non è andato come ci si attendeva e la situazione sarebbe esplosa con il caso di bassiano campoli si è limitato a dire che qualcuno sicuramente ha sbagliato nella gestione della faccenda chiaro riferimento alla coo rifugiati scaricabarile reciproco perativa sociale karibù e si è riservato di agire anche legalmente qualora le istituzioni chiamate in causa stabilissero delle illegalità nella gestione della vicenda nessun accenno infine al risvolto politico della questione con sommo rammarico dell interrogante casadei che ha già affermato di essere intenzionato a preparare una mozione da discutere in consiglio comunale e di serafino di palma che ha precisato che un interrogazione sulla karibù a seguito di un articolo tratto da l espresso fu fatta nel lontano 2009 ma nessuno si degnò di approfondire la questione cacciotti nessun accordo con villa rosa il sindaco di bassiano nega i contatti con la comunità alloggio e scrive alle autorità competenti di domiziana tosatti non ne sapeva nulla lo ha ribadito più volte e adesso che è stato tirato in mezzo al momento del verbale raccolto dai vigili nella testimonianza rilasciata da un cittadino ivoriano di 47 anni che parlando italiano si è reso portavoce di tutti gli altri il sindaco di bassiano costantino cacciotti ha voluto chiarire la propria posizione inviando una lettera ufficiale al prefetto d acunto al questore d angelo alla procura della repubblica al comando dei carabinieri di bassiano e al sindaco di sezze andrea campoli il cittadino ivoriano moumouni savadogo ha dichiarato di aver saputo che cacciotti avesse preso accordi con la casa alloggio villa rosa per la collocazione delle circa 50 persone in attesa sembra del riconoscimento dello status di rifugiati politici nella villa di via olivelle pontine sulla provinciale ninfina i° al civico 63 ritengo doveroso precisare di non aver fatto nessun accordo con la comunità alloggio villa rosa per l accoglienza dei citati immigrati né tanto meno ha scritto di essere a conoscenza della provenienza e dello stazionamento legittimo o meno delle persone individuate nel sito inoltre devo rappresentare che la strada di accesso all abitazione di via olivelle è chiusa con sbarramento per motivi di sicurezza a seguito del cedimento della banchina stradale a far data dal 18 marzo 2011 come da ordinanza n° 4 /2011 nella lettera il primo cittadino ha 2 chiesto che sia verificata la legittimità della presenza degli immigrati nell abitazione e di prendere i provvedimenti di competenza una bomba ad orologeria di cui forse nessuno all inizio aveva captato la gravità gli immigrati erano stati assegnati alla cooperativa sociali karibù di sezze che è accreditata per l ospitalità dei rifugiati politici ma che non ha strutture per l accoglienza per questa si serve di diverse case alloggio sul territorio tra queste villa rosa sita in via melogrosso n 100 all interno del comune di sezze i circa 50 cittadini provenienti da varie parti dell africa sono stati tuttavia non si sa ancora il perché ed attraverso quale tramite dirottati presso la grande abitazione di via olivelle a bassiano il sociale non è affare e non è business ha dichiarato l assessore ai servizi sociali giovanbattista onori il sociale è accoglienza ma non assistenzialismo noi lo conosciamo ed operiamo nella massima trasparenza insieme alla cooperativa sociale utopia 2000 alla quale abbiamo affidato la gestione del complesso la peschiera dove è nata una casa famiglia e dove gli ospiti per la maggior parte minori di origine rom sono inseriti in percorsi di formazione professionale esistono chiaramente delle responsabilità che vanno individuate e se qualcuno sarà ritenuto colpevole dovrà giustamente pagare

[close]

p. 3

speciale di simone di giulio mondore@le numero 103 22 luglio 2011 chiediamo al sindaco di fare trasparenza sull operato di alcuni politici che siedono tra i banchi dopo quello che sta accadendo sulla situazione dei profughi a sezze l italia dei valori vuole vederci chiaro se ci fossero delle irregolarità ci rivolgeremo agli enti preposti i fatti accaduti e riportati dai quotidiani locali si legge in una nota del partito ci inducono a riflettere su come persone che amministrano il nostro paese possano fare buono e cattivo tempo esclusivamente per interessi personali anche su persone che fuggono dai loro paesi afflitti da guerre e gravissimo il fatto che venga messa a disposizione una casa per 50 profughi con situazioni igienico-sanitarie critiche ed è altrettanto assurdo che la responsabile della casa è una signora 85enne residente in una casa di riposo sul territorio setino quale villa rosa questi profughi vengono trattati come pacchi non come persone alcuni personaggi prosegue la nota dei responsabili setini del partito di antonio di pietro hanno pensato bene di creare un business sulla pelle di chi è meno fortunato approfittando della situazione di estrema povertà in cui versano queste persone ci rivolgiamo al sindaco campoli affinché si faccia trasparenza sull operato di alcuni politici che siedono nei banchi comunali siamo convinti che sul territorio setino ci sono molte organizzazioni di volontariato e non che veramente hanno a cuore chi è meno fortunato al contrario dell udc l idv di sezze chiede chiarezza favole e immancabile vox populi nessun accenno alle conseguenze politiche della questione rifugiati ma la piazza si scatena di simone di giulio tutti ad aspettare il sindaco e alla fine nessuno davvero soddisfatto delle dichiarazioni del primo cittadino che come nella migliore tradizione che ha contraddistinto la sua opera nei quattro anni trascorsi ha preferito `volare basso e gettare acqua sul fuoco sempre più caldo delle polemiche al cospetto delle dichiarazioni soft di campoli quindi fanno da contraltare tutte quelle voci che nell ultima settimana hanno infiammato l agora setina dalle dimissioni di marchionne alla posizione di casalini tutto diventa inevitabilmente fiaba nessun motivo collegabile ai rifugiati ha spinto l assessore a dimettersi quindi nessuno adesso si metta a speculare marchionne ha lasciato per aver avuto un incarico da aldo forte in regione il resto sono favole così come l assenza di casalini dai banchi al momento della discussione dell interrogazione presentata da casadei nessun collegamento tra le due cose quindi favole roba da bambini che non hanno nulla da fare e perdono interi pomeriggi tra porta pascibella ferro di cavallo zoccolanti centro commerciale le fontane o piazza de magistris a parlare di scrivanie che volano verso noti esponenti politici locali magari commissari di un partito di centro di cui non farò il nome oppure di referti ospedalieri di confronti serrati all interno della maggioranza di noti imprenditori setini che acquistano casali a bassiano li ristrutturano e poi ci infilano dentro una cinquantina di immigrati che non sanno nemmeno dove sono stati piazzati favole come quelle che si raccontano ai bambini per metterli a nanna gli unici a pagare dazio almeno fino a quando e se soprattutto la magistratura non riterrà opportuno andare in fondo alla questione sono quelli della karibù e paolo casadei i primi clamorosamente tirati dentro da campoli il secondo addirittura accusato di razzismo spicciolo la verità di solito sta nel mezzo anche se in questo caso nel mezzo sembrano esserci una cinquantina di `povericristi messi al centro di una storia sicuramente più grande di loro in cui qualcuno sicuramente ci ha speculato e questa purtroppo non è una favola direttore responsabile simone di giulio vicedirettore luca morazzano caporedattrice paola bernasconi redattori domiziana tosatti marco fanella roberto tartaglia mario giorgi responsabile web alessandra carconi progetto grafico e sito web sketch[idea stampato presso artegraf via marittima 75 priverno contatti www.onirikaedizioni.it www.myspace.com/mondoreale mondorealemagazine@gmail.com tel 3394966093 la redazione di mondore@le sede di onirika edizioni si trova in via casali iv tratto snc 04018 sezze lt testata registrata presso il tribunale di latina il 29 febbraio 2008 rg 128/08 vg cr.323 registrazione stampa n.892 iscritto al roc dal 7 marzo 2008 n° iscrizione 17028 ogni forma di collaborazione con onirika edizioni salvo accordi presi in precedenza È da ritenersi totalmente gratuita chiuso in redazione il 20 luglio 2011 3

[close]

p. 4

latina di simone di giulio mondore@le numero 103 22 luglio 2011 ciarrapico finisce ancora nei guai l editore e senatore del pdl avrebbe creato due società per ricevere indebitamente 45 milioni di euro nuovi guai giudiziari per il senatore del popolo della libertà giuseppe ciarrapico che avrebbe creato due cooperative editoriali per ricevere indebitamente contributi della presidenza del consiglio dei ministri realizzando una truffa da oltre 45 milioni di euro ai danni dell erario È questa l accusa della guardia di finanza di frosinone a carico dell editore di diversi quotidiani locali tra i quali ciociaria oggi e latina oggi e senatore del pdl il nucleo di polizia tributaria delle fiamme gialle ha scoperto il presunto mega raggiro nei confronti del dipartimento per l informazione e l editoria l autorità deputata al rilascio delle provvidenze per il settore i responsabili del danno erariale sono stati deferiti alla corte dei conti del lazio dopo un accurata indagine di natura contabile la finanza avrebbe ricostruito la truffa ascoltando persone informate sui fatti tra queste tutti i capi pro-tempore del dipartimento per l editoria di palazzo chigi secondo l indagine giuseppe ciarrapico avrebbe costituito due cooperative editoriali di cui erano amministratori due ultra ottantenni semplici prestanome anche loro segnalati alla corte dei conti il soggetto a cui erano di fatto riconducibili le due società si apprende dalla guardia di finanza era lo stesso ciarrapico attraverso artifizi e raggiri che si sono sostanziati nel presentare alla presidenza del consiglio dei ministri delle attestazioni palesemente false avrebbe chiesto l accesso ai contributi per l editoria nello specifico l editore e senatore del popolo della libertà avrebbe fatto ricorso ai benefici della legge 250/90 con due società diverse mentre in realtà esse sarebbero di fatto un unica impresa tutto ciò ha consentito eludendo le norme di incassare il doppio di quanto spettasse ciarrapico avrebbe anche operato assieme a propri congiunti sui conti correnti nei quali erano stati versati i contributi per l editoria i finanzieri hanno documentato come l editore in qualità di dominus delle due cooperative e unico referente di tutti i soggetti investiti di cariche sociali abbia gestito concretamente l operato delle società editrici secondo quanto accertato dalle indagini l editore avrebbe scelto gli amministratori svuotati di qualsiasi potere decisionale stabilito le modalità d impiego delle risorse finanziarie e in un occasione sarebbe addirittura intervenuto personalmente presso alti livelli istituzionali per difendere i propri interessi economici connessi all attività editoriale delle due società di rubbo e pd sulla portualitÀ le decisioni adottate dal pdl sul progetto del porto di foce verde relativamente al bilancio comunale appena approvato sono in linea di coerenza con il programma del sindaco di giorgi e della maggioranza sottoscritto da tutte le forze politiche che compongono la maggioranza in consiglio comunale lo ha affermato il capogruppo del popolo della libertà in consiglio comunale giuseppe di rubbo che ha aggiunto il nostro programma prevede di dare priorità al portocanale di rio martino opera la cui sostenibilità tecnica e finanziaria è accertata questo però non vuol dire abbandonare l idea di una portualità a foce verde anzi siamo disposti a valutare progetti e procedure certamente meno impattanti dal punto di vista ambientale e concretamente realizzabili rispetto al progetto del prof noli anche utilizzando gli studi le analisi e le verifiche effettuati dallo stesso noli se avessimo agito diversamente in consiglio ha continuato il consigliere di rubbo non saremmo stati coerenti con il nostro programma sindacale vogliamo invece agire in un ottica di concretezza e per questo abbiamo voluto dare un segnale importante su questa linea anche il sindaco giovanni di giorgi non capisco l atteggiamento di coloro che hanno firmato il programma della maggioranza in cui non è contemplato il progetto zaccheo del porto di foce verde la nostra posizione è molto chiara la posizione del consigliere regionale galetto su questo tema invece è quanto meno incoerente sulla portualità provinciale è intervenuto anche il partito democratico che in una riunione tenutasi nei giorni scorsi ha preso in esame il problema in provincia di latina in un settore d intervento che certamente costituisce uno dei principali fattori dello sviluppo turistico del nostro territorio di fronte alle polemiche di questi giorni si legge in una nota 4 dei responsabili provinciali avulse da qualsiasi seria programmazione riguardando anche progetti non previsti nel piano regionale del porti tra l altro del tutto obsoleto il partito democratico viste le devastanti conseguenze sulla stabilità delle spiagge e delle dune nell intero litorale della provincia provocate anche da modeste opere foranee realizzate per la ricostruzione protetta di spiagge ritiene che debba essere eseguito quanto prima uno studio approfondito da parte di esperti di dinamica dei litorali di riconosciuta qualità e di alta professionalità al fine di individuare sulla nostra costa le tipologie portuali e i siti che hanno maggiore vocazione naturale con l obiettivo di poter soddisfare la forte richiesta di posti barca senza produrre danni pesanti e irreversibili alle spiagge e alle dune che certamente sono una risorsa insostituibile per la qualità dell ambiente e per lo sviluppo economico pontino il partito ha pertanto stabilito di organizzare quanto prima un convegno riguardante non solo le potenzialità della nautica nel nostro territorio fondata su criteri di sicura sostenibilità ma nel contempo anche le misure di tutela delle nostre coste chiamando a portare illuminati contributi scienziati delle migliori università delle città marinare italiane e studi tecnici di accertato prestigio nel frattempo il partito democratico si appella al senso di responsabilità delle forse politiche di latina e provincia e ai consiglieri regionali tutti affinché sia inoltrata alla governatrice del lazio renata polverini un richiesta di moratoria degli interventi portuali progettati e in particolare l ampliamento del porto di anzio opera che a detta di studi di grande professionalità ed esperienza comporterebbe devastanti accelerazioni dei processi di erosione su tutta la costa pontina quantomeno fino a terracina

[close]

p. 5

sezze di simone di giulio mondore@le numero 103 22 luglio 2011 dondi a un passo dall addio il comune dopo 17 anni sembra intenzionato a rescindere la convenzione per le inadempienze sembra fatta per la rescissione della convenzione che lega il comune di sezze alla società dondi spa e che riguarda la gestione del servizio idrico integrato dopo 17 anni si potrebbe chiudere quindi uno dei nodi più intricati dell intera vita amministrativa della città che nel corso di quasi due decenni ha visto da una parte cittadini esasperati costi e tariffe non sempre giustificate e comitati sorti come funghi ma raramente presi in considerazione dall altra difese ad oltranza nei confronti della società veneta prese di posizione dubbia da parte di tutti gli amministratori che si sono succeduti sui banchi del consiglio comunale e via discorrendo ora però il dado sembra tratto e per la dondi si preannuncia un addio tra mille polemiche mentre stiamo chiudendo il giornale il consiglio si riunisce per trattare un punto cardine in un momento decisamente delicato da una parte la fatiscenza degli impianti con i cittadini a pagarne le conseguenze maggiori sia in termini economici che in termini pratici con l acqua che continua a scarseggiare nel periodo estivo dall altra con l onda lunga post-referendum che apre nuovi scenari il rapporto tra l attuale amministrazione a cui va reso l onore di essere stata la prima sotto comunque enormi solleciti di una parte delle minoranze ad affrontare seriamente la questione del rapporto con la concessionaria e la stessa concessionaria si sono deteriorati negli ultimi due anni dopo che il tanto contestato lodo arbitrale ha costretto il comune a rimborsare la società di rovigo da allora si è finalmente messa sotto la lente d ingrandimento la convenzione stipulata nel 1994 e la rottura è stata definitiva il comune ha iniziato ad applicare le penali e evidentemente la risposta della concessionaria non è stata sufficiente a garantirgli fiducia per i restanti 13 anni che mancavano per la scadenza della convenzione soddisfazione in attesa delle decisioni definitive e dei dettagli dello scioglimento del contratto con la dondi è stata espressa sia dalla maggioranza che dalle opposizioni mentre qualcuno guarda già al futuro e non riesce a vedere il bicchiere mezzo pieno restano nel dubbio le richieste che la dondi farà per lasciare la gestione del servizio idrico setino e soprattutto a destare preoccupazione è l ipotizzato passaggio in acqualatina che secondo molti sarà come passare dalla padella alla brace quello che emerge comunque è un cambio di strategia atteso per 17 anni progetto comenius sul tema dell umorismo coinvolti tre istituti scolastici in tutta europa tra i quali il pacifici e de magistris i ll make you laugh vi farò ridere questo il titolo del progetto comenius a cui prenderà parte l i.s.i.s.s pacifici e de magistris di sezze insieme ad altri tre istituti scolastici europei il progetto nasce dal lavoro sinergico tra l istituto scolastico di sezze diretto dalla professoressa anna giorgi l assessore alle politiche scolastiche remo grenga e l europarlamentare roberto gualtieri l assessore grenga ed il sindaco andrea campoli hanno espresso grande soddisfazione per il risultato raggiunto iniziative come queste ha dichiarato grenga sono il frutto del lavoro svolto in collaborazione con le istituzioni sovranazionali con cui abbiamo instaurato dei rapporti sicuramente virtuosi un segno tangibile che dove c è qualità l europa lo riconosce l onorevole roberto gualtieri ha sottolineato come il valore dei progetti comenius sta nel loro fine promuovere la conoscenza delle diversità linguistiche e culturali europee attraverso periodi di studio e formazione all estero i destinatari del programma ha aggiunto l europarlamentare sono insegnanti studenti e operatori dalle scuole prescolari alle scuole secondarie in questo contesto è fondamentale che gli istituti italiani e del lazio attivino le loro capacità ed energie per partecipare attivamente attraverso idee e progetti ad un vero processo di integrazione europea quello che parte dal mondo della formazione il tema affrontato dal progetto è il senso dell umorismo l idea è quella di mostrare come le persone ridono sulle stesse cose pur appartenendo a paesi differenti indipendentemente dalla razza lingua e cultura le persone sorridono nello stesso modo ogni scuola coinvolta nell iniziativa dovrà raccogliere un certo numero di barzellette e le invierà ad altre scuole gli studenti decideranno quali storielle sono simili a quelle del loro paese in ogni scuola inoltre sarà allestito uno spazio comenius aggiornato ogni due-tre settimane che dovrà mostrare i progressi del progetto il fine ultimo del progetto ha dichiarato la professoressa anna giorgi è quello dell integrazione gli studenti delle diverse scuole lavoreranno come un unico team imparando il lavoro di gruppo mentre gli insegnanti avranno modo di confrontarsi con altri colleghi apprendendo nuovi metodi di insegnamento ringrazio i docenti che saranno impegnati in prima persona nella realizzazione del progetto e in particolare il sindaco andrea campoli l assessore remo grenga e l onorevole roberto gualtieri con i quali si è instaurato un lavoro fondato su una politica di sistema che rappresenta sicuramente un valore aggiunto per la nostra scuola 5

[close]

p. 6

sermoneta di domiziana tosatti mondore@le numero 103 22 luglio 2011 il piromane che non ti saresti aspettato colto in flagranza di reato un minorenne attivo nella protezione civile nella zona dell oasi di ninfa un volontario della protezione civile di sermoneta è stato colto sul fatto e denunciato dai carabinieri della stazione locale per il tentato incendio di alcune sterpaglie la denuncia è avvenuta nei giorni scorsi nell ambito dell attività del controllo del territorio l autore del fatto sembra un minorenne attivo all interno dell associazione è stato sorpreso nella zona dell oasi di ninfa mentre tentava per fortuna senza riuscirci di dare fuoco ad alcune sterpaglie da quelle parti passavano gli uomini dell arma che fermato il ragazzo lo hanno denunciato e segnalato alle autorità competenti un fatto di indiscutibile spessore soprattutto in considerazione di quanto avvenuto la scorsa estate quando si creò un vero e proprio casosermoneta con incendi in serie e fu proprio lì si disse lo scorso anno che si crearono dei sospetti dal momento che gli incendi si verificavano puntualmente laddove l associazione operava anche in appostamenti segreti con il corpo forestale dello stato ora le indagini potranno limitarsi al dato di fatto e verificato accaduto nei giorni scorsi oppure estendersi ai casi precedenti quel che non si sa è il movente che ha spinto il giovane ad appiccare l incendio tra le ipotesi più immediate c è la ricezione di fondi da parte dell associazione in caso di interventi ma tre le molto probabili soprattutto considerando la giovanissima età del volontario potrebbe esserci il desiderio di acquisire un ruolo di maggior rilievo all interno dell apc segnalando ed intervenendo per primo sul luogo dell incendio mortificato il presidente dell associazione tra le più attive del territorio antonio mercuri sono senza parole conoscendo solo in modo relativo i fatti ha commentato posso dire che la rosa dei nomi di restringe a non più di cinque o sei persone questo è tutt altro rispetto a quello che trasmettiamo io per primo ai nostri volontari nelle prossime ore sentirò il comando dei carabinieri per capire l intera dinamica dei fatti mercuri un plauso alle forze dell ordine antonio mercuri presidente dell associazione di protezione civile di sermoneta ha deciso di assumere una posizione drastica nei riguardi del volontario denunciato e d altro canto di difendere chi ha sempre operato nella tutela dell ambiente e del territorio il fatto che dopo numerosi incendi negli ultimi anni ha commentato si sia giunti finalmente alla possibile identificazione di un responsabile non può che accrescere la stima nei confronti delle forze dell ordine lo scorso avevamo addirittura insieme ad un privato ha ricordato avviato una raccolta fondi per l istituzione di un premio per chi avesse contribuito all identificazione dei piromani ed il premio verrà assegnato a chi di dovere anche se il presunto incendiario è un volontario della nostra associazione la difesa per gli altri volontari tuttavia è d obbligo l apc ringrazia pubblicamente ha concluso mercuri i volontari che in questi giorni come ogni anno si sono offerti gratuitamente per i compiti di avvistamento e spegnimento a difesa del territorio e dell ambiente d.t mondore@le online su onirikaedizoni.it quote rosa sermoneta ok bassiano e maenza no il caso del rimpasto della giunta comunale di roma imposto dal tribunale per la questione quote rosa ha destato scalpore lo prevedeva però una norma del regolamento comunale e il sindaco alemanno ha dovuto provvedere sui lepini la situazione invece com è donne in prima linea al comune di sermoneta che è stato il primo della provincia ormai già sette anni fa ad eleggere un sindaco donna giuseppina giovannoli è al guida del comune dei caetani dal 2004 dopo aver ricoperto la carica di consigliere comunale ed assessore alla pubblica istruzione nella stessa coalizione c è mafalda cantarelli in forza al popolo della libertà ed attuale delegato proprio alla carica che fu del primo cittadino una donna anche tra i banchi dell opposizione maria marcelli eletta nella lista uniti per sermoneta ed esponente del partito democratico esempio non unico ma raro di certo sì in provincia di latina si sono drasticamente ridotte invece le donne sedute sui banchi del consiglio comunale di norma tre fino al maggio 2011 solo una dall ultima tornata elettorale si tratta di nadia dell omo assessore ai servizi sociali 6 e alle pari opportunità tante tuttavia le donne anche molto giovani candidate nelle due liste che si sono confrontate lo scorso giugno niente di fatto tuttavia per nessuna di loro che non sono riuscite a conquistare un posto in consiglio in alcuni casi per una manciata di preferenze pecora nera in tal senso è il comune di bassiano dove la politica continua ad essere ad esclusivo appannaggio maschile nessuna donna siede in consiglio e poche sono anche le candidate in occasione delle elezioni promette bene tuttavia la coordinatrice comunale del circolo del pd caterina corvo determinata e sempre in prima linea non spaventate dai vecchi volponi della politica non è da escludere che alle prossime elezione sarà proprio la candidata alla carica di sindaco del suo partito discorso analogo per maenza dove rosalba napoleoni vera e propria sorpresa della tornata elettorale per preferenze ottenute che hanno costituito una bella spinta nella rielezione del sindaco mastracci oltre a sedere in consiglio come lei in opposizione pina masocco non ha poi ottenuto incarichi in giunta d.t

[close]

p. 7

sermoneta di domiziana tosatti mondore@le numero 103 22 luglio 2011 troppi ritardi sui cantieri in centro scarsella muove un interrogazione rivolta al presidente del consiglio comunale torelli e al sindaco sono diversi i cantieri aperti nel centro storico di sermoneta e tutti relativi a luoghi di particolare interesse sia per i residenti che per i visitatori ritardi tuttavia si stanno verificando in relazione all ultimazione ed alla consegna dei lavori antonio scarsella capogruppo consiliare del gruppo misto ed esponente del partito democratico ha rivolto a tal proposito un interrogazione al presidente del consiglio comunale luigi torelli e al sindaco giuseppina giovannoli i cantieri in oggetto sono il restauro delle mura la sistemazione della piazza del belvedere il recupero dell ex mattatoio-welcome point ed il cantiere della chiesa sant angelo per quanto riguarda il restauro delle mura ha osservato scarsella attualmente i lavori sono concentrati nell area del giardino degli aranci e del lavatoio quest ultimo pezzo del patrimonio storico è ancora utilizzato dalle donne il giardino degli aranci invece ha ricordato è stato acquisito al patrimonio comunale circa dieci anni fa al fine di farlo diventare un parco pubblico nei lavori di restauro è stata abbattuta la casetta realizzata ormai decenni fa sembra siano stati tagliati gli alberi di agrumi e si stanno facendo nuove scalinate e ripulendo le mura esterne nell interrogazione il consigliere di opposizione ha chiesto quali siano i tempi di ultimazione dei lavori ed il motivo per cui si è scelto di abbattere la casetta esistente ma anche di conoscere il progetto definitivo ed in quale modo l intera area sarà restituita alla società la richiesta dei tempi di ultimazione dei cantieri soprattutto in relazione alle esigenze dei cittadini riguarda anche gli altri lavori piazza belvedere ha spiegato è inagibile da un anno l amministrazione aveva assicurato che i lavori sarebbero stati ultimati entro lo scorso mese di giugno ma così non è stato anche il restauro dell ex mattatoiowelcome point doveva essere ultimato da un anno ma ancora si parla di mancanza dell impianto elettrico di infiltrazioni di acqua e di mancato collegamento alla rete idrica e fognaria nel caso del cantiere presso la chiesa sant angelo invece oltre i tempi dei lavori che si sono dilatati il maggiore disagio riguarda l occupazione di una porzione della piazza adiacente da parte delle strutture dello stesso cantiere i cittadini sono praticamente dei prigionieri ha sollecitato scarsella impossibilitati ad utilizzare gli autoveicoli anche per le emergenze nuovo riconoscimento per la differenziata al comune dei caetani si merita anche quest anno il titolo di riciclone con soglie ben oltre il 60 di domiziana tosatti ancora una volta sermoneta si conferma regina della raccolta differenziata in provincia di latina legambiente ha infatti premiato ancora una volta il comune caetano per la buona gestione del ciclo dei rifiuti assegnandogli il primo posto in provincia ed il terzo nella regione lazio di questa speciale classifica dei comuni il cui indice di raccolta differenziata supera il 60 fanno parte solo sette comuni della nostra regione della provincia di latina oltre a sermoneta tra i cosiddetti comuni ricicloni troviamo roccagorga lenola e campodimele cisterna di latina è stato invece premiato dal cial consorzio imballaggi alluminio come miglior comune dell area centro italia nella raccolta e trattamento dell alluminio di rilievo i risultati confermati dal comune di sermoneta che si è attestato sul 67,6 di raccolta differenziata e a 68,3 per l indice di buona gestione numeri che hanno permesso di risparmiare 52 chilogrammi di anidride carbonica altrimenti dispersa nell ambiente i sermonetani hanno scommesso con noi sin dal 2004 sul porta a porta hanno commentato il sindaco giuseppina giovannoli ed il delegato all ambiente mauro battisti ed oggi siamo diventati un modello da imitare abbiamo iniziato nel 2004 questa avventura della raccolta porta a porta ci abbiamo creduto tutti fin dal principio ed oggi ci ritroviamo tra i paesi più ricicloni del centro italia nonostante le difficoltà hanno concluso l impegno della cittadinanza è sempre stato alto e per questo non possiamo che ringraziare ancora una volta tutti i sermonetani 7

[close]

p. 8

priverno di mario giorgi mondore@le numero 103 22 luglio 2011 sponzilli rassicura ma i dubbi rimangono nonostante la lettera del direttore generale dell asl al sindaco macci l osservatorio non si fida renato sponzilli direttore generale dell azienda asl ha preso carta e penna ed ha scritto al sindaco di priverno umberto macci che gli aveva segnalato la preoccupazione dei cittadini per la chiusura nelle ore notturne del punto di primo intervento dell ex ospedale regina elena nella sua lettera il direttore generale della asl si legge in una nota del comune ha dato assicurazione sul fatto che a partire dal 1° agosto verrà ripristinato integralmente h24 il servizio relativo al punto di primo intervento ppi presso la struttura di piazzale san marco inoltre renato sponzilli ha confermato anche l attivazione della struttura di madonna delle grazie che innalzerà di molto il livello dei servizi per i cittadini non solo di priverno ma di tutto il territorio una notizia pur nella precarietà di un servizio sanitario sempre più carente nel centro collinare lepino che dovrebbe dunque far piacere anche perché alle nostre latitudini nel pianeta sanità da alcuni anni ci si deve accontentare davvero di poco eppure c è chi continua a manifestare preoccupazione per un quadro sanitario decisamente desolante e l osservatorio sulla sanità locale composto da esponenti di pd sel idv e associazione 3l che ancor prima della lettera di sponzilli al sindaco aveva fatto proprio lo sdegno dei cittadini e organizzato per mercoledì 20 e giovedì 21 luglio due manifestazioni di protesta a priverno e a latina l ultimo regalo hanno scritto in un volantino i rappresentanti dell osservatorio che abbiamo ricevuto è la soppressione del turno di notte nel punto di primo intervento prima ancora c erano stati la riduzione dell ambulatorio di ostetricia la fine dell ambulatorio chirurgico le difficoltà dei servizi di ecografia di cardiologia e di radiologia legate alla presenza di un solo medico non rimpiazzabile nemmeno se pensionato insomma una continua spoliazione di risorse umane e strumentali per far fronte alle esigenze di altri presidi e poi la vicenda scandalosa del consultorio vero fiore all occhiello dell intera asl da settimane ormai senza più medico ginecologo che lascia un utenza vastissima di donne e di coppie che in quella struttura avevano da anni trovato un punto di riferimento preziosissimo e gratuito senza servizi per la difesa della loro salute e la tutela della loro maternità una situazione preoccupante secondo l osservatorio sulla sanità locale che getta ombre anche sulla nuova struttura di madonna delle grazie che si sta ristrutturando con queste premesse ci si chiede in quel volantino che cosa diventerà con quale personale per fare cosa di qui una decisione forte manifestare in maniera rumorosa per farsi sentire e tempo di dire basta questa comunità ha già dato abbastanza è ora di pretendere il rispetto della nostra dignità e del nostro diritto alla salute è stato l annuncio delle due manifestazioni perciò di fronte all inerzia scandalosa dei nostri amministratori è tempo che le cittadine e i cittadini dell intero comprensorio diventino protagonisti in prima persona di questa battaglia e così i circoli del pd di sel dell idv e l associazione 3l quelli che hanno costituito l osservatorio sulla sanità locale hanno deciso di organizzare due appuntamenti importanti coinvolgendo quanti vivono ogni giorno sulla loro pelle la grave situazione sanitaria a priverno e nell intero comprensorio collinare mercoledì 20 luglio si è svolto un presidio a borgo s antonio a priverno davanti il consultorio per chiedere a gran voce il ripristino immediato di quel servizio mentre il giorno successivo il presidio è stato organizzato a latina sotto la sede della asl per far arrivare ai vertici dell azienda la voce della protesta ancora non è dato sapere al di là delle rassicurazioni del direttore generale al sindaco cosa effettivamente intenda fare l azienda e se ci sia la volontà di presentare e discutere magari in una pubblica assemblea un eventuale progetto priverno sulla sanità si sa però che tra l opposizione e la maggioranza consiliare continuano reciproche accuse da una parte di inerzia assoluta dall altra di pura demagogia arrivano le tre r proposte da sel simone d errico propone di migliorare la raccolta rifiuti attraverso riduzione riciclo e riutilizzo di luca morazzano smaltimento e raccolta dei rifiuti ossia problemi che dalle notizie dei tg e dagli assilli del quotidiano sono entrati negli ultimi anni nella routine di tutti i giorni per i cittadini dove più e dove meno l immondizia causa malumori non certo solo per i cattivi odori che mana e priverno non fa eccezione dalle contestatissime isole ecologiche e i costi sostenuti per la loro costruzione passando per il sistema di raccolta differenziata il problema dei rifiuti ingombranti e l attuale funzionamento del servizio le piaghe per i cittadini del popoloso paese lepino non mancano in tale contesto si inserisce l intervento del giovane esponente di sel simone d errico che argomenta il problema rifiuti a priverno necessita di una soluzione alternativa all attuale sistema che anche i meno lungimiranti sanno sia destinato allo sfacelo come sel oltre a criticare abbiamo stilato una soluzione plausibile essa è composta 8 da tre erre riduzione riciclo e riuso ma serve l aiuto di tutti va fatta quindi una premessa prima di attuare qualsiasi tipo d intervento ovvero che che bisognerà porre particolare attenzione alle relazioni con la cittadinanza da costruire con il confronto la trasparenza la dimostrazione di affidabilità delle strutture pubbliche azioni dirette possono svolgersi parlando con i cittadini informandoli e attuando politiche di sensibilizzazione a partire dai bimbi nelle scuole che giocano un ruolo fondamentale in qualità di veri propagandisti e controllori del servizio differentemente della giunta macci noi vogliamo che i cittadini siano informati a questo punto bisognerà darsi degli obiettivi che siano tra essi consequenziali 1 prevenzione attraverso la riduzione della produzione di rifiuti 2 la loro differenziazione mirata al riciclo 3 il loro riutilizzo in varie forme

[close]

p. 9

priverno di mario giorgi mondore@le numero 103 22 luglio 2011 via consolare inizia la protesta eclatante dopo i tentativi di trattativa naufragati il comitato dei commercianti ha deciso di passare alla serrata continua il braccio di ferro tra commercianti e residenti di via consolare e l amministrazione comunale di priverno sulla chiusura della principale arteria cittadina al traffico veicolare tutti i pomeriggi dei giorni feriali in verità più che di un braccio di ferro si tratta di un vero e proprio dialogo tra sordi perché non ci si incontra e se talvolta le parti hanno modo di sedersi attorno ad un tavolo si ripropongono le solite vecchie questioni si chiedono proposte e comunque non si trova una soluzione allora a questo punto il comitato dei commercianti e dei residenti ha deciso di uscire allo scoperto in maniera alquanto plateale voi chiudete la strada al traffico veicolare e allora in quelle ore noi chiudiamo le serrande dei nostri negozi e con un comunicato firmato dal comitato i cittadini e i commercianti interessati alla chiusura di via consolare hanno dapprima rifatto la storia recente della vicenda e poi annunciato la loro decisione di agire in maniera eclatante per vedere l effetto che fa visto che discorsi richieste e promesse sembrano rimanere sempre parole al vento in data 28 giugno si legge nel comunicato su invito ufficiale dell amministrazione comunale si è tenuta una riunione tra una nostra delegazione composta di commercianti e residenti di via consolare e una rappresentanza di assessori e consiglieri di maggioranza per valutare e concordare possibili soluzioni per il problema della chiusura al traffico di via consolare abbiamo subito mantenuto l impegno lì assunto di far conoscere agli amministratori le nostre proposte alternative sulle quali aspettavamo come da precedente impegno ufficialmente assunto dal vice sindaco rinaldo giordani una valutazione dell intera giunta comunale da definirsi in tempi concordati precisamente entro il 7 luglio 2011 a più di una settimana oltre tale scadenza non è pervenuta nessuna risposta ufficiale salvo comunicazioni verbali da noi stessi sollecitate di alcuni assessori che però nulla modificano rispetto alla situazione precedente quello che oggi noi vogliamo denunciare continua la nota del comitato di commercianti e residenti di via consolare e far conoscere a tutta la cittadinanza è l offesa e la totale mancanza di rispetto mostrate dai nostri amministratori nella più totale indifferenza verso persone che ancor prima di essere dei commercianti sono esseri umani ricordiamo a questi signori che a prescindere dalle posizioni sostenute si può essere legittimamente contrari o favorevoli i commercianti ed i residenti che hanno sollevato il problema meritano rispetto come persone come cittadini di questa comunità e come lavoratori di un settore che tanto peso ha nell economia di questa città poi commercianti e residenti passano a spiegare la loro prossima mossa non avendo ancora ricevuto nessun segnale di disponibilità al confronto per la soluzione di un problema che attanaglia ormai da mesi un intera categoria produttiva che registra perdite economiche pesanti e crea disagio a migliaia di residenti del centro storico commercianti e residenti hanno deciso di organizzare una manifestazione di protesta venerdì 22 luglio quasi in coincidenza con la distribuzione di questo giornale venerdì infatti alle ore 17:30 in concomitanza con l inizio della chiusura del traffico di via consolare tutti i commercianti i residenti e i cittadini che vorranno sostenere la causa partiranno in corteo da piazza giovanni xxiii e sfileranno pacificamente per le vie della città mentre i negozi resteranno chiusi alla fine il corteo farà ritorno in piazza del comune e lì verranno spiegate le ragioni della protesta i negozi alzeranno la saracinesca alle ore 20 quando cioè il transito in via consolare verrà riaperto 9

[close]

p. 10

maenza di luca morazzano mondore@le numero 103 22 luglio 2011 il terzo polo apre i tavoli di confronto aldo polidoro lancia intanto un allarme nemmeno un applicato nelle scuole che sono chiuse continua nel suo processo di genesi il terzo polo di maenza il movimento politico che da subito si è dichiarato alternativo all attuale amministrazione ma allo stesso modo anche agli altri schieramenti esistenti ponendo un ragionamento che ai colori di destra o di sinistra anteponga i programmi e le idee svela ulteriori passi che dimostrano la consistenza del progetto dopo essersi costituito radicato ed aver elaborato un suo organigramma ha infatti iniziato una serie di incontri con le altre forze politiche del paese e quanto si apprende da un comunicato del coordinatore aldo polidoro che fa il punto di un confronto costruttivo avuto con alcuni esponenti di centrosinistra nell incontro tenuto nelle passate sere abbiamo piacevolmente scoperto una sintonia di intenti ben oltre le aspettative e quello che mi meraviglia piacevolmente che si trattava di esponenti della sinistra maentina dissidenti rispetto alla corrente centrista di maggioranza nel paese questo lascia presagire che intavolando un ragionamento intelligente e scevro da pregiudizi a ma maggior ragione sarà possibile dialogare anche con le forze istituzionali costituite dal pd tornando alla riunione tutti eravamo concordi nella stessa linea politica di lavorare per maenza e per i maenzani e al i fuori di ragionamenti matematici per la stesura delle liste o dell assegnazione preventiva dei posti si è parlato di una lista civica che innanzitutto dovrà comprendere persone valide preparate con e voglia di lavorare per il proprio paese l unico tassello fisso p quello del candidato sindaco che sarà una donna già scelta dal terzo polo il resto si deciderà in seguito per quanto riguarda il programma c è solo l imbarazzo della scelta trai punti da inserire le cose da fare sono tantissime e quindi gli spunti non mancano di certo l occasione dell incontro ha però rappresentato anche un tavolo di disquisizione sul problema scuola c è una questione a nostro modo di vedere seria e che invece sta rischiando di passare inosservata ci facciamo meraviglia non c e alcun commento da parte di chi di dovere e riguarda appunto la scuola media statale leone xiii sita in via san sebastiano la stessa passata negli scorsi anni sotto la direzione totale della scuola media anna frank di roccagorga dopo aver perso la sua denominazione con l unificazione delle presidenze e il trasferimento degli uffici nella sede di roccagorga in questo periodo estivo è completamente chiusa non ci sono dipendenti a disposizione degli alunni per poter richiedere qualche certificato o bisogna andare a roccagorga per qualsiasi cosa merito anche del decreto taglia personale del ministero ma anche di una certa trascuratezza del problema da parte delle istituzioni preposte un applicato dislocato a maenza non si potrebbe avere e evitare così disservizi ai familiari e studenti quello che più ci preoccupa è il silenzio con il quale è passato il provvedimento per farci sentire dobbiamo attendere che come successo nel dopoguerra e fino al 1947 maenza perse il comune ritrovandosi annessa a priverno possibile mai che il consiglio d istituto o i rappresentanti maentini in esso o il delegato scuola del comune non abbiano mai alzato la voce per farlo sapere a tutta la popolazione e fare dimostrazioni anche ad andare a finire sotto le finestre del provveditorato ai studi di latina invito l amministrazione comunale a farsi carico per quello che ne e rimasto da farsi a combattere con carte fabbisogni esigenze disservizi alla popolazione e far ritornare tutto a maenza compreso la denominazione della scuola l orgoglio maentino si capisce dalle parole di polidoro è uno dei valori fondamentali su cui poggia il neonato movimento dimostriamo il nostro amore per maenza per la scuola,e soprattutto per i nostri figli che alcuni se ne sono già andati via in altre scuole dell obbligo come priverno ecco perché sostengo che per maenza bisogna mollare posizioni politiche preconcette e pensare allo sviluppo del nostro paese e importante puntare su noi stessi riscoprire quelle individualità che meritano di essere valorizzate per far si che nelle stanze dei bottoni sia della suola che del comune si siano preferibilmente maentini capaci parole accorate cui ora dovranno far seguito i fatti ma a livello di determinazione e di idee i presupposti di riuscita non mancano chiesti i soldi per la videosorveglianza la giunta vara all unanimità il progetto per garantire la sicurezza richiesti 50mila euro in regione di luca morazzano dai danneggiamenti dei giochi nei parchi alla loggia dei mercanti indebitamente adibita ad urinale e altri danni vari alle autorità mentine non mancavano certo gli spunti tali da indurre a prendere dei provvedimenti in tutta risposta il comune di maenza ha deciso di dotarsi di un sistema di videosorveglianza per garantire la sicurezza questo è quanto emerge dalla deliberazione della giunta comunale numero 86 del 13 luglio 2011 assente il solo mario iagnocco gli altri assessori e il primo cittadino hanno votato all unanimità la richiesta di fondi alla regione per l intervento di videosorveglianza riferendosi legge regionale numero 15 del 2001 per la promozione di interventi volti a favorire un sistema integrato di sicurezza e ai dgr 187 e 192 del 6 maggio 2011aventi ad oggetto rispettivamente l approvazione dei criteri e delle modalità per la realizzazione di interventi volti alla realizzazione del suddetto sistema e le deroghe poste dal comma 3 dell articolo 7 della legge il ciò si legge sempre nella stessa delibera considerato la necessità di realizzare un sistema di videosorveglianza urbana che si integri con quello già operativo e che consenta di completare il perseguimento degli obbiettivi di potenziamento della sicurezza urbana della prevenzione dei 10 fenomeni di microcriminalità della repressione dei comportamenti vandalici che danneggiano beni pubblici anche di valore storico ed architettonico in base a ciò viene richiesto alla regione il contributo di cinquantamila euro a copertura dei costi di realizzazione del progetto allegato nella stessa delibera protocollata lo stesso giorno numero 3341 del 13 luglio presso l ufficio di polizia locale ed inviata all ufficio competente della pisana in attesa di riscontro la speranza è che intanto tale provvedimento verrà a rendersi superfluo per un improbabile ravvedimento di comportamento dei soliti incivili ma a dire il vero tale ipotesi è assai flebile intanto come da progetto allegato l intenzione è quella di posizionare ben dodici apparati in otto diverse postazioni posizionate davanti al palazzo comunale in via leone xiii davanti alla scuola elementare oramai ex in piazza santa reparata alla scuola media in via san sebastiano in via lepri in via circonvallazione in via dante alighieri in viale della repubblica e in corso d italia il tutto coordinato da un centro telematico posizionato nell ufficio di polizia locale capace di sorvegliare in tempo reale le postazioni nonché registrare h24.

[close]

p. 11

pontinia di roberto tartaglia mondore@le numero 103 22 luglio 2011 nominati i membri delle commissioni cinque i prescelti tre in quota alla maggioranza e due all opposizione marson è già al lavoro continuano le manovre organizzative della nuova amministrazione comunale sono stati nominati i 5 membri delle varie commissioni di cui 3 in quota alla maggioranza e 2 all opposizione le commissioni consiliari permanenti del comune di pontinia sono la commissione urbanistica e lavori pubblici la commissione cultura pubblica istruzione e servizi sociali bilancio agricoltura commercio industria e artigianato ambiente e sanità statuto e regolamenti affari generali e infine trasparenza di queste l unica non elettiva è la commissione affari generali poiché composta dai vari capigruppo consiliari e dal sindaco se si tratta di discussioni generali o dal presidente del consiglio comunale se si tratta di discussioni riguardanti l ordine del giorno del prossimo consiglio comunale altra particolarità è rappresentata dalla commissione trasparenza che avendo per natura lo scopo di fare chiarezza sull operato della giunta vede come presidente un membro dell opposizione in questo turno la commissione trasparenza verrà presieduta da paolo torelli che è risultato anche membro della commissioni statuto e regolamenti nonché della commissione agricoltura resta inoltre sempre aperta e calda la questione delle deleghe per lo più fa parlare la delega all urbanistica che tombolillo tiene tutta per sé nonostante sia molto ambita tanto da bottoni quanto da medici tutti gli esponenti dell opposizione consiliare ed anche soggetti esterni come marson di orme pontine hanno evidenziato che lo sviluppo urbanistico di pontinia è rimasto fermo alla prima elezione di tombolillo 18 anni fa marson ha proposto anche di dare forza allo sportello unico per le attività produttive suap importante punto di riferimento per le pratiche e le informazioni inerenti la localizzazione di impianti produttivi di beni e servizi la loro realizzazione e ristrutturazione e di far recepire ai cittadini di pontinia il nuovo piano casa nazionale che chiede alle regioni di approvare entro il 13 settembre 60 giorni dall entrata in vigore della legge specifiche leggi per incentivare la razionalizzazione del patrimonio edilizio e la riqualificazione delle aree urbane il nuovo piano casa nazionale ammette un incremento fino al 20 del volume di un edificio ad uso residenziale e fino al 10 di una superficie coperta da edifici ad uso diverso ammette inoltre i cambi d uso purché si tratti di destinazioni tra loro compatibili o complementari lavori alle idrovore di mazzocchio di roberto tartaglia a breve verranno avviati i lavori di ristrutturazione dell impianto idrovoro più importante tra tutti quelli realizzati nel periodo fascista l impianto di mazzocchio di proprietà del consorzio di bonifica vedrà la messa a nuovo dell edificio nel quale sono poste le paratoie a motore necessarie per la regolamentazione del flusso d acqua proveniente dal canale cavatella i lavori sono stati finanziati dall area di bacino della regione lazio per un importo totale di 550mila euro lo stabile vedrà la sostituzione degli infissi la realizzazione di un parapetto in metallo che verrà posizionato nei pressi dei comandi di manovra delle suddette paratoie una riverniciatura protettiva delle pareti delle vasche che contengono le paratoie ed il rifacimento di tutto l impianto elettrico oltreché lavori sulla pavi mentazione sul tetto e sui muri l impianto di mazzocchio è stato inaugurato nel 1933 ed è tra i più grandi d europa grazie al suo corretto funzionamento è possibile prosciugare circa 10mila ettari di terreno che altrimenti tornerebbero a vivere nello stato di palude gli effetti impressionanti di un simile malfunzionamento sono già stati vissuti negli ultimi anni della guerra quando l esercito tedesco per allargare il fronte e mettere in difficoltà lo sbarco delle truppe statunitensi optò proprio per il blocco delle 6 pompe dell impianto di mazzocchio proprio per via di tale rilevanza storica i lavori in oggetto sono stati preventivamente approvati dalla soprintendenza dei beni architettonici e paesaggistici del ministero dei beni culturali l arpa certifica il degrado del fiume linea da una serie di analisi effettuate dall arpa lazio sul fiume linea è emerso che non vi sono particolari situazioni di inquinamento chimico o biologico né anomalie rispetto alle analisi degli anni passati nello stesso periodo la situazione del fiume linea scrive l arpal nel periodo estivo è ricorrente e sovrapponibile a quella rilevata negli anni passati ed è causata prevalentemente dallo sfalcio delle sponde del fiume sembra ovvio a detta degli esperti dell ente che una simile situazione ed una conseguente ridotta capacità di scorrimento dell acqua provochi una moria di pesci il documento dell arpal però evidenzia un importante stato di incuria e sporcizia lungo le sponde del fiume appare evidente la situazione di degrado ambientale che si manifesta lungo le sponde del fiume si legge su cui sono riversati rifiuti solidi di vario genere plastica lattine carta ed altro l arpal in chiusura fa appello alla regione lazio alla provincia di latina e al comune di pontinia nonché ad asl e consorzio di bonifica si chiede agli enti di intervenire per la rimozione di quanto segnalato al fine di eliminare la situazione di degrado del corso d acqua in oggetto valorizzando sia la risorsa idrica che le forme di vita che in essa abitualmente vivono le analisi sono state effettuate a seguito delle reiterate richieste pervenute da giorgio libralato e dalla provincia di latina come riportato anche nella lettera accompagnatoria proprio di giorgio libralato sono le foto fortemente esplicative dello stato in cui versa il fiume r.t

[close]

p. 12

roccagorga di mario giorgi mondore@le numero 103 22 luglio 2011 acque agitate nel partito democratico alfredo ciotti si dichiara indipendente con una lettera al sindaco al capogruppo e al segretario a voler usare un eufemismo nel pd di roccagorga si registra un certo movimento ma forse sarebbe meglio dire che qualche nodo comincia a venire al pettine di interventi battute accuse controaccuse difese e quant altro se ne sono registrati parecchi negli ultimi tempi ora però arriva il classico sasso nello stagno a lanciarlo è un giovane consigliere comunale del partito di bersani alfredo ciotti con una lettera inviata al sindaco carla amici al capogruppo del pd e al segretario cittadino erasmo spaziani alfredo ciotti afferma a chiare note di uscire dal gruppo consiliare del pd e si dichiara indipendente credo che oramai non esistano più le condizioni politico-amministrative per continuare il mio percorso all interno della maggioranza del comune di roccagorga purtroppo dopo solo tre mesi dal mio insediamento come consigliere di maggioranza in quota pd si sono verificati fatti e vicende che con sofferenza mi hanno portato a maturare la convinzione che non esistano più le condizioni per andare avanti sono convinto che anche altri consiglieri con le mie stesse preoccupazioni ritengono che non ci siano più e che forse è ora di dire che non ci siano mai stati i presupposti per lavorare ciotti si scusa poi se in questa mia breve parentesi amministrativa non sono riuscito a portare a termine gli impegni presi ma credetemi cari cittadini in questa amministrazione l unico sentimento che vige è quello del dubbio dell illazione e del sospetto poi alfredo ciotti ci va giù pesante una maggioranza quella del pd piegata alla volontà di un gruppo di amici che tra insulti personali e attacchi gratuiti tenta di mortificare il confronto dentro e fuori il comune secondo il giovane consigliere comunale rocchigiano anche il segretario politico spaziani nell ultimo direttivo del pd è caduto in questa trappola dovrebbe solo vergognarsi tuona ciotti chi lo ha attaccato con quella cattiveria e violenza e non finisce qui credo si legge ancora nella lettera che a roccagorga dopo due anni di amministrazione amici si sia arrivati ad un bivio in campo ci sono solo elementi di divisione e vendette e precisa se per il segretario spaziani fatico a comprendere le ragioni per cui è stato vittima di un attacco da parte dei gendarmi dell amministrazione per quanto mi riguarda so bene quale è il motivo della mia persecuzione infatti il motivo a suo dire sarebbe quello di non aver votato l azienda speciale ma ciotti ritiene di avere una valida giustificazione cari cittadini amici di partito e d amministrazione dichiara ma si può votare una cosa che non si conosce e per giunta su cui sono evidenti le contraddizioni sia sotto il profilo politico che amministrativo alfredo ciotti conclude il suo scritto affermando in maniera inequivocabile che ormai è giunto per lui il tempo di dichiararsi indipendente perché solo così ritiene di poter ripagare al meglio la fiducia datami da tanti cittadini del mio paese la sensazione è che le vicende un pò agitate in casa pd a roccagorga non finiscano qui anche orsini interviene sul polverone amici ancora non si placano gli echi per il rinvio a giudizio di carla amici il sindaco di roccagorga infatti finirà in tribunale per una questione legata alla multi servizi del comune di aprilia i commenti sono arrivati da più parti r in più forme comprese petizioni per le dimissioni volantini e polemiche come quella innescata con il camaleontico ex sindaco rocchigiano loreto bevilacqua a bocce ormai quasi ferme giunge l analisi di leo orsini rocchigiano di spicco trapiantato da anni a roma a leggere le cronache di tutti i giornali e fogli locali ti sembra che le notizie riferiscono una realtà difficilmente apparente ma terribilmente concreta di presunti reati che avrebbero causato danni erariali ingenti e forse concreti continui a leggere ti senti con politici e persone vagamente interessati alle evidenze pubbliche di certi fatti e un parlare che serve a non precisare per condurre la riflessione in un porto delle nebbie in cui tutto si evidenzia rarefatto ed impalpabile allora con l aiuto della memoria inquadri una scena che a distanza di anni è fortemente visibile quando nelle feste patronali sant erasmo e sant antonio si assisteva al rito dei fuochi d artificio i nostri occhi guardavano non tanto gli effetti dei medesimi esplosioni nel cielo di luci e colori ma i luoghi dove cadevano le scintille per capire subito se potessero provocare un incendio quindi si guardava non nel cielo ma in basso ed il terreno così illuminato ti appariva in tutta la nudità della notte ma di un bianco cimiteriale uno spuntone di croce arrugginita rovi secchi pietre calcaree tronchi d albero bruciati qualche vecchio suppellettile i fatti riportati dai giornali in effetti si accostano all im-magine ma cambia il materiale racchiuso nella scena ora vi sono le persone giovani studenti politici il resto della popolazione casalinghe operai impiegati artigiani pensionati professionisti e questa immagine angosciante di una società che non legge non discute come se l omertà possa mettere al riparo 12 dalla assunzione di una qualche responsabilità e un sentimento comune tra la popolazione che si giustifica per il fatto che quanto riportato dai giornali non è successo a roccagorga dove anzi la presenza politica degli attori è ben salda sul palcoscenico qualche vecchio politico da me interpellato nel concordare sulla sordina imposta in modo garbato e apparentemente indi-retto mi solleva un problema morale e anche politico risolvibile all istante con tanto di dimissioni per motivi di opportunità ma qui è dura devi fare i conti con le pulsioni soggettive e della sregolatezza faccio quello che voglio io qui arriva una citazione nel tentativo di tracciare un parallelo il bravo michele dau su l osservatore romano del 16 luglio per facilitare la comprensione di questo crescente primato delle pulsioni soggettive riporta quanto scrisse john henry newman al duca di norfolk la coscienza è una severa consigliera ma è stata rimpiazzata da una sua contraffazione è il diritto di agire a proprio piacimento nel caso specifico però ti accorgi che poco importa delle ragioni che si riferiscono a modelli comportamentali negativi o positivi ma dentro la cultura liberaldemocratica forse la manifestazione di questa scarsa sensibilità soprattutto da parte di un politico deriva dall educazione politica del soggetto in questione che ha vissuto tutti i momenti formali di una evoluzione del pensiero intrinseco al soggetto partito non è ininfluente il fatto che noi parliamo di un esponente del partito democratico il nostro esponente politico non è venuto dal nulla è parte integrante di una visione autoritaria che non pare guardi oltre il presente e che si rinserri nella conser-vazione di quello che si è raggiunto la nostra ha smarrito il senso di un progetto comune nel senso della comunità di roccagorga e questa scelta di non dimettersi impedisce la confusione nel corpo sociale determinando la rinuncia a rappresentarlo ed ad orientarlo

[close]

p. 13

cultura di simone di giulio mondore@le numero 103 22 luglio 2011 ad aprilia la seconda tappa del cantagirando che si terrà a norma domenica 4 settembre durante questo appuntamento ci sarà una prima scrematura di ogni categoria formata da sei cantanti ne passeranno solo quattro l attesa è ovviamente per il 17 settembre si svolgerà a sezze dove tutto è iniziato la finale per questo evento la location cambia e diventa il più importante auditorium mario costa in località anfiteatro entusiasti gli organizzatori dell associazione clan siryo ideatrice ed organizzatrice della manifestazione per la serata di aprilia prevista l esibizione dei partecipanti che sono in gara per vincere una borsa di studio da utilizzare presso la melody music school diretta da michelangelo tagliente tra gli insegnanti luca pitteri fabrizio palma e loretta martinez di amici di maria de filippi allo spettacolo canoro si affiancheranno altre esibizioni per offrire uno show completo in programma anche i balletti coreografati dalla ballerina daniela persichino della palestra gym up di sezze e alcuni sketch comici dal canto alla moda il cantagirando 2011 ha pensato anche a questo durante la serata ci saranno infatti tre sfilate uno di intimo una di abbigliamento casual e infine una con abiti eleganti seconda tappa del cantagirando c ero anch io 2011 l appuntamento è per sabato 30 luglio ad aprilia in piazza roma a partire dalle alle 21 continua così la manifestazione canora iniziata giovedì 6 luglio a sezze in occasione della quarta sagra della panzanella una serata che ha riscosso grande successo di pubblico inaugurando sotto i migliori auspici questa settima edizione della kermesse canora divenuta ormai un classico nell estate della provincia di latina ad esibirsi sul palco diciotto cantanti divisi in tre categorie giovanissimi giovani e senior di fronte a loro una giuria che a fine gara ha consegnato in buste chiuse ad ognuno il punteggio ricevuto risultante di tre variabili di tecnica presenza scenica e interpretazione dai partecipanti più giovani a quelli con maggiore esperienza tutti hanno dimostrato grande professionalità nonostante l emozione un livello tecnico generalmente alto ha fatto sì che questa prima serata desse il via ad una manifestazione che vedrà altre tappe lungo tutta l estate per la terza serata che si svolgerà sabato 6 agosto ci si sposterà infatti a priverno mentre il 12 sarà la volta di pontinia ancora una serata immediatamente dopo ferragosto il 20 a roccagorga per giungere alla semifinale venerdÌ letterari tocca a giancarlo onorati di paola bernasconi lagrime dolori e speranze la colonia agricola pontina gli uomini e le istituzioni italiane e americane che hanno fatto la sua storia questo il titolo del nuovo libro del professore di storia e filosofia giancarlo onorati che verrà presentato venerdì 22 luglio alle 18.00 presso il museo archeologico in largo b buozzi a sezze presentato dal dirigente dott formicuccia vedrà gli interventi del prof pio pistilli dell università la sapienza di roma del prof gian carlo mancini dall università tor vergata e di pier luigi de rossi dell archivio storico di cori presenti anche le istituzioni a partire dal sindaco dott andrea campoli che sarà affiancato dall assessore alla cultura remo grenga e dalla dirigente scolastica dell i.s.i.s.s pacifici e de magistris di sezze anna giorgi presso l archivio storico del comune di sezze è conservato un fondo denominato colonia agricola pontina piuttosto ponderoso contando sessantuno unità archivistiche tra buste e registri relativi soprattutto al carteggio amministrativo e alla documentazione contabile dell orfanotrofio denominato colonia agricola pontina orfani di guerra e dell influenza spiega onorati nell ottobre del 2009 ho iniziato su invito del dott giuseppe anelli direttore dell archivio la ricognizione del materiale archivistico e ben presto mi sono reso contro della necessità di estendere la ricerca per comple tare un puzzle che cominciava da subito a presentarsi come complesso e avvincente in altri archivi e in modo particolare quello privato del prof luigi ficacci e quello dell american red cross conservato a washington una motivazione forte a condurre il lavoro mi proveniva anche dai racconti di mio suocero roberto santia che era stato ricoverato alcuni mesi nella struttura dopo la seconda guerra mondiale il volume di trecento pagine si avvale anche di un sostanzioso catalogo fotografico ed è in corso di stampa presso la casa editrice moderata durant di cori ad essere analizzato un arco temporale che va dal 1918 al 1951 e si concentra soprattutto sull orfanotrofio sito in via cappuccini istituto realizzato anche grazie a privati cittadini all epoca della tragica epidemia influenzale conosciuta come la spagnola durante la quale persero la vita oltre novecento persone lasciando orfani novantasei bambini tali locali dell ex convento dei cappuccini vennero in seguito riadattati e negli anni trenta al loro interno nacque un corso di avviamento all agricoltura riconosciuto dal ministero della pubblica istruzione una ricerca scrupolosa ed attenta che nelle parole dello stesso autore ha l obiettivo specifico di ridare consistenza storica a persone fatti e situazioni inghiottite in una sorte di damnatio memoriae antica norba e museo civico un unico biglietto per l intero periodo estivo a partire da domani e per ogni sabato fino al al 6 agosto sarà possibile con l acquisto di un ticket-pacchetto visitare il museo civico archeologico ed il sito dell antica norba l iniziativa è della direzione scientifica del museo che opera in collaborazione con l assessorato comunale alla cultura proseguono quindi gli eventi culturali nell ambito della valorizzazione del museo padre annibale gabriele saggi e del sito archeologico il pacchetto visita comprende la visita guidata al museo prima ed agli scavi di norba poi alla scoperta dell antica civiltà che per prima visse in questa terra lepina a coloro che acquisteranno il pacchetto sarà dato anche del materiale informativo in formato cartaceo per le prenotazioni è possibile contattare dal martedì al sabato e dalle ore 9.30 alle ore 17 il numero 0773.353806 oppure scrivere a cultura@comunedinorma.it 13

[close]

p. 14

cultura di domiziana tosatti mondore@le numero 103 22 luglio 2011 sei eventi imperdibili in dieci giorni entra nel vivo l edizione 2011 del norma musica festival che tra questa settimana e la prossima cala sul tavolo 6 pezzi da novanta si parte domenica 24 luglio con una serata tutta dedicata ai classici della canzone napoletana interpretati dagli allievi del corso di canto tenuto dal maestro carlo desideri habitué della manifestazione che si svolge all interno della villa del cardinale stavolta però la serata sotto le stelle non si terrà nella classica sede dell hotel normiciano ma nello scenario della piscina comunale a partire dalle 22 l attenzione di tutti poi si sposterà sui corsi e sui concerti finali dei tanti allievi che in questa edizione stanno affrontando in maniera del tutto diversa rispetto al solito lo studio dei loro strumenti dal 27 luglio al 3 agosto saranno ben 5 le classi che chiuderanno il loro corso con concerti assolutamente da non perdere si parte proprio mercoledì 27 con la chiusura del corso di clarinetto iniziato il 20 del maestro marino cappelletti presidente dell accademia musicale il seminario poi la sera successiva sarà il pianoforte il protagonista sulla scena con la chiusura del corso anch esso iniziato il 20 luglio della maestra antonella lunghi il 29 luglio ad esibirsi saranno i cantanti del maestro carlo desideri che dopo la serata dedicata alla musica napoletana si cimenteranno sulle arie perfezionate durante il corso iniziato il 21 il 30 luglio invece torna la magia dello strumento del corno con gli studenti di luca benucci che ancora una volta non ha voluto far mancare la sua presenza nel corso del norma musica festival che si esibiranno in un concerto per soli fiati una brass ensemble che chiuderà la masterclass tenuta da uno dei più apprezzati cornisti del mondo il 3 agosto si chiuderà la prima parte dei corsi del norma musica festival 2011 con il concerto degli allievi di chitarra del maestro nello alessi corso che inizierà il 25 luglio insomma un occasione da non perdere in un finale di mese che ha già regalato mille emozioni e che darà il via simbolico alla seconda parte del festival normiciano anch essa ricca di interessanti spunti alcuni dei quali saranno presentati nel corso della conferenza stampa che gli organizzatori hanno fissato per venerdì 5 agosto a partire dalle 19 soddisfazione per quanto si è riuscito a fare finora è stata espressa da marino cappelletti presidente dell accademia musicale il seminario che ha spiegato questa prima parte dell edizione 2011 è stata davvero emozionante e c è molta soddisfazione da parte nostra mia personale e della direzione dell hotel nel notare il massiccio arrivo di studenti da ogni parte del mondo e la grande disponibilità da parte degli insegnanti chi è venuto qui nella villa del cardinale per la prima volta si è trovato davvero bene e ha già confermato che sarà presente anche in futuro chi invece c era già stato come i maestri lunghi desideri alessi e benucci non hanno voluto far mancare il loro apporto anche in questa edizione chiaro segnale che continuiamo a crescere e a portare musica di qualità esibendola al pubblico a roccagorga prima edizione di la vita vale una giornata di cultura e beneficenza in onore di valentina bevilacqua una ragazza di 30 anni scomparsa lo scorso anno a causa di un cancro al pancreas la manifestazione che si svolge in piazza guglielmo marconi a roccagorga questo venerdì comincia alle 17 con l apertura della mostra di arte contemporanea esposizione maschere dal mondo alle 18 conferenza dibattito sulla prevenzione del cancro con interventi del dr luigi rossi e della d.ssa antonella calogero mentre alle 18,45 è previsto il via del reading di poesie e racconti maratona musicale bookcrossing e degustazioni di prodotti tipici alle 21,30 il concerto saltarello felix durante la manifestazione organizzata dagli amici di valentina ci sarà una raccolta di fondi che saranno devoluti all airc nuovo appuntamento con l arte a sermoneta di paola bernasconi inaugurata sabato 16 luglio con una performance di body art delle artiste carla nico e marcela lima l intervento sonoro del contrabbassista pepe vilaplana herruzo josè e i contributi video di francesco faralli e di paolo ruffini la rassegna arte al chiodo 2011 che resterà aperta fino al 16 agosto la location nella quale si svolge è lo spazio d arte il chiodo di sermoneta che si trova in piazza del popolo curato da claudio muolo l allestimento si intitola ero convinto di essere un mito ed è stato organizzato dall associazione il chiodo con il patrocinio del comune di sermoneta e la collaborazione dello studio marameo a cui si deve l illuminazione artistica questa mostra aggiunge luigi ferdinando giannini presidente dell associazione culturale il chiodo impreziosisce e arricchisce di significati l offerta della rassegna arte al chiodo 2011 il merito va al curatore claudio muolo attento a ogni forma d arte anche quelle meno convenzionali corpo potere società corpo come espressione multipla interfac14 cia con il mondo esterno che possiede in sé i segni del contesto dentro il quale agisce corpo come mezzo attraverso il quale l uomo opera e si rappresenta ed è proprio il rapporto tra il corpo e le sue mediazioni attraverso i mezzi di comunicazione o la chirurgia estetica il concetto cui ruota attorno ero convinto di essere un mito ad esporre gli artisti irregolari dell atelier blu cammello di livorno e la tinaia di firenze in un workshop diretto da riccardo bargellini il primo attivo dal 1999 fa parte del network europeo di outsider art e permette agli utenti del dipartimento di salute mentale adulti della asl di livorno di partecipare ad attività finalizzate allo sviluppo del loro potenziale creativo il secondo invece è nato all interno dell ospedale psichiatrico v chiarugi di firenze a metà degli anni settanta e da allora ha realizzato più di centocinquanta esposizioni che hanno permesso ai ricoverati di esprimere la loro creatività la rassegna sarà ad ingresso gratuito e per maggiori informazioni c è il sito internet.

[close]

p. 15

cultura di luca morazzano mondore@le numero 103 22 luglio 2011 giustizia d altri tempi in fatti e misfatti e stata una bella serata quella dello scorso 15 luglio presso il giardino del castello baronale di maenza e il perché lo si è dovuto all occasione ovvero alla presentazione del libro di alessandro pucci fatti e misfatti la fatica letteraria dell ex sindaco maentino raccoglie al suo interno brevi storie da leggere veramente tutte d un fiato l una dopo l altra che riportano sentenze curiose molto boccaccesche emesse dalla procura di priverno che riguardano la stessa priverno maenza roccagorga sonnino prossedi e in senso lato tutti i paesi dei monti lepini in quel periodo ci riferiamo agli anni intorno al 1947 quando maenza come comune era ancora annesso a priverno e in cui la giustizia era forse meno garantista ma probabilmente più a misura d uomo era un periodo in cui i giudici facevamo praticamente tutto dalle indagini preliminari al pubblico ministero e via discorrendo ma soprattutto si sapevano calare nei panni de nel contesto dei giudicati che avevano davanti questo è emerso in una serata fresca in cui tra un racconto e l altro riportati da un libro che narra una storia di una prostituta di due giovani colti in fragrante di un accoppiamento animale e altro ancora gli aneddoti sciorinati durante la disquisizione dagli ospiti intervenuti il sindaco di priverno umberto macci il presidente della camera penale di latina paolo censi il consigliere dell ordine degli avvocati giovanni lauretti l ex sindaco di prossedi franco solli hanno accompagnato gli ospiti rapiti anche dagli intermezzi musicali del maestro faiola per un appuntamento che verrà ripetuto a fine mese a badino e che presentanel migliore dei modi un libro da leggere e che soprattutto come detto dall avvocato lauretti potrebbe aver dato l idea per una futura raccolta ancora di maggior respiro gran gala d estate a borgo da 14 anni organizziamo il gala d estate e ciò per noi è motivo di grande soddisfazione anche perché da quest anno la federazione ci ha finalmente riconosciuti a livello nazionale questo fa capire la qualità della manifestazione e i progressi fatti a livello organizzativo con queste parole il maestro simone seccafien descrive il quattordicesimo gala d estate tributo alla danza in programma venerdì 22 luglio al ritrovo di borgo carso una manifestazione che è diventata un must per tutti gli appassionati o semplici curiosi della danza sportiva un evento nell evento all interno del gala si terrà difatti la latinacup gara a inviti a livello professionistico giunta alla sua quinta edizione con l evento che vedrà in gara anche gli specialisti di danze standard show-dance tra cui la latinense barbara milani sulle danze latino-americane saranno presenti dodici coppie di ballerini a livello nazionale di cui due a livello mondiale cioè nino langella e ola moshena finalisti ai mondiali e ferdinando iannaccone e yulia musikina direttamente dalla trasmissione televisiva ballando con le stelle di quest anno si esibiranno inoltre professionisti di tango argentino a livello mondiale come i finalisti nazionali simone facchini e gioia abballe specialisti di liscio folk come carso mirko ermeti e sandra filippi e infine sonia onelli luca ferrari e rosa nalli per la danza moderna della scuola il carillon di loredana guttoriello per la serata prevista anche la possibilità di cenare e di ballare grazie alla alessandro band l invito che faccio è quello di avvicinarsi alla danza sportiva perché è una pratica molto elegante e allo stesso tempo fondamentale per la crescita e la capacità di gestione del proprio corpo conclude il maestro seccafien nella nostra scuola ci sono bambini che si avvicinano alla danza già a partire dai sei anni ed è bello vederli arrivare anche con i genitori che già ballano con noi continuano gli appuntamenti dell estate normiciana di paola bernasconi dal 21 al 26 luglio norma diventa il centro del mondo grazie alla quindicesima edizione del norbanus un festival internazionale di cui sono promotori l associazione folklorica arti e tradizioni popolari ju borgo in collaborazione con il gruppo folklorico norbanus con il patrocinio dell assessorato alla cultura del comune di norma della regione lazio e della provincia di latina in piazza caio cestio potrete ammirare le esibizioni di artisti provenienti da italia messico argentina brasile cile senegal e serbia dopo l inaugurazione di ieri con la sfilata e la rassegna dei vari inni nazionali la manifestazione farà tappa in alcuni centri limitrofi per concludersi martedì 26 a norma avendo ospitato oltre 250 gruppi folklorici provenienti da tutto il mondo con la partecipazione di circa 1500 persone alla manifestazione questo festival a livello internazionale per il risultato ottenuto e per l importanza culturale che ricopre merita di essere considerato un appuntamento a cui non si può mancare spiegano gli organizzatori vede la permanenza per oltre una settimana di giovani di varie etnie che attraverso canti e balli tradizionali manifestano le proprie arti e culture creando un atmosfera di fratellanza e di rispetto che è e dovrebbe essere alla base di una buona convivenza tra i popoli un evento che non è solo arte ma un augurio alla pace in onore di tutto ciò il paese sarà inoltre addobbato per tutta la settimana con i colori e le bandiere dei vari stati partecipanti il 28 luglio sarà invece la volta della musica italiana con i gordon rock cover band dei nomadi che si esibirà in piazza caio cestio alle 21.30 mentre la sera successiva sul palco i fly blues tribute band di zucchero per sabato 30 luglio spazio invece alla comicità di colorado cafè con carmine faraco gli appassionati di storia ed archeologia saranno infine interessati alle visite guidate presso il museo civico archeologico e il parco archeologico dell antica norba tutti i sabati fino al 6 agosto l assessorato alla cultura del comune dà infatti la possibilità a chi vuole di godere di una passeggiata di circa due ore per costi e prenotazioni potete contattare il museo stesso al numero 0773353806 15

[close]

Comments

no comments yet