Italiana n. 6

 
no ad

Embed or link this publication

Description

rivista Rai Com

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2

2

[close]

p. 3

THINK GLOBAL, LIVE ITALIAN 3

[close]

p. 4

11 BEAUTY AND SAFETY FOR ITALIAN VILLAGES Amatrice will remain in the catalogue of I Borghi più belli d’Italia 40 FOR A PUBLIC SERVICE WITH AN INTERNATIONAL CALLING Agreement between Rai and Arte with a view to production projects of international interest 52 ITALIAN IN MUSIC, MUSIC IN ITALIAN The language of songs according to Lorenzo Jovanotti and Vasco Brondi 4

[close]

p. 5

78 A NATION OF SAINTS, POETS, AND… FENCERS Fencing is the most awarded sport in the history of Italian Olympic Games 120 CONFRONTING THE ABSOLUTE Elisa Fuksas: The Courage to Dare 94 ROME, THE FRIDGE AND THE TV They Call Me Jeeg cannot not take into account the places where it was filmed 5

[close]

p. 6

CO N T E N TS / SOMMARIO 6 Letter from the Editor 7 Lettera dell’Editore VITA ITALIANA 11 Beauty and safety for Italian Villages Amatrice will remain in the catalogue of I Borghi più belli d’Italia 11 Bellezza e sicurezza per i Borghi italiani Amatrice resterà nel catalogo de I Borghi più belli d’Italia 23 Thinking with Your Fingers 23 Pensare con le dita BELLEZZA ITALIANA 31 An idealistic and provocative champion Muhammad Ali recognized the weight of his pulpit and used it to speak justice 31 Un campione idealista e provocatorio Muhammad Ali comprese di poter usare la propria fama per parlare di giustizia 37 Ossessione Vezzoli: A ‘stalker-style’ documentary 37 Ossessione Vezzoli è un documentario in “stile stalker” 40 For a public service with an international calling Agreement between Rai and Arte with a view to production projects of international interest 41 Per un servizio pubblico a vocazione europea Accordo Rai-Arte in vista di co-produzioni d’interesse internazionale 45 Golf Puts the Spotlight on Italy 45 Il Golf porta l’Italia al centro del mondo CREATIVITÀ ITALIANA 52 Italian in music, music in Italian The language of songs according to Lorenzo Jovanotti and Vasco Brondi 53 L’italiano della musica, la musica dell’italiano Il linguaggio delle canzoni secondo Lorenzo Jovanotti e Vasco Brondi 59 Valuable Italians Research quantifies the brand value of our renowned celebrities 59 Italiani preziosi Uno studio quantifica il valore di marca dei nostri connazionali illustri 64 The Internet of Robots 65 Internet of Robots 6

[close]

p. 7

68 Illustration beyond the screen 69 L’illustrazione che va oltre lo schermo PASSIONE ITALIANA 74 A Story of Movable Types 75 Una storia di caratteri mobili 78 A Nation of Saints, Poets, and… Fencers Fencing is the most awarded sport in the history of Italian Olympic Games 79 Un popolo di santi, poeti e… schermidori La scherma è la disciplina più premiata nella storia olimpica italiana 83 Chronicles from the Distant Past 83 Cronache dal passato remoto 88 Nibali, the makings of a hero When heart goes hand in hand with valour 88 Nibali, la formula dell’eroe Quando il cuore fa rima con valore FANTASIA ITALIANA 94 Rome, the fridge and the TV They Call Me Jeeg cannot not take into account the places where it was filmed 94 Roma, il frigorifero, la televisione Lo chiamavano Jeeg Robot non può prescindere dai luoghi dove è stato girato 102 The little girl from the fairground 102 La bambina delle giostre 109 Poets Climbing off their Pedestals 109 Il poeta scende dal piedistallo ANIMA ITALIANA 114 The Racing Driver and the Director 114 Il pilota e il regista 120 Confronting the Absolute Elisa Fuksas: The Courage to Dare 121 Confrontarsi con l’assoluto Elisa Fuksas: Il coraggio di osare 124 She married an aristocratic comedian and was happy 125 Sposò un comico nobile e fu felice 129 The seductive power of music 129 Il potere di seduzione della musica 132 Suggestions 7

[close]

p. 8

LETTER FROM THE EDITOR The first issue of the new series of Italiana opens with a voice of hope for the future of Italy’s damaged beauty: the president of The Most Beautiful Villages of Italy, Fiorello Primi, tells of the need to unite beauty and safety when protecting the historical and human heritage that exists throughout our country. A dialogue between Italiana and Anci (the National Association of Italian Municipalities) naturally begins with Amatrice, the historic village that was hit by an earthquake on 24 August. The conversation will continue to be developed in a TV Magazine distributed worldwide and through integrated cross-media campaigns. Another very important agreement was signed by Rai Com and the French-German broadcaster Arte, with the aim of developing co-productions of international interest. The collaboration will be not only for audio-visual material, but also for digital content. You will find more about it in this issue, together with two documentaries focusing on art: Elisa Fuksas’ piece on the Opera del Duomo Museum in Florence and Francesco Clerici’s on the art of lost-wax casting in bronze, a technique that has been practiced by Italian craftsmen for centuries. As the cover shows, sports play a big role in this issue. We will discuss the heart-wrenching fall taken by cyclist Nibali, the “Shark of the Strait”, during the Olympic Games, as well as the Olympic medals awarded to the Italian Fencing Team, and the momentous honour of hosting the Ryder Cup, the golf tournament that will take place for the first time in Italy in 2022. You will also find an analysis of the value of Italy’s unique heritage and specialities in terms of GDP, an article on the great composer Salvatore Sciarrino, an artistic dialogue between musicians Jovanotti and Brondi on the creation of the song L’estate addosso, featured in the musical score for Gabriele Muccino’s latest film… and more. In closing, I would like to thank Antonio Monda, artistic director of the Rome Film Festival, whose interview on the discovery of They Call Me Jeeg rounds out the article by Alessandro Boschi of Hollywood Party, Radio 3’s notorious cinephile programme. From saving Italian villages to suburban superheroes, that’s it for this issue. Think global, live Italian! Gian Paolo Tagliavia 8

[close]

p. 9

LETTERA DELL’EDITORE Il sesto numero di Italiana si apre con una voce di speranza per il futuro della bellezza italiana ferita: è il presidente de I Borghi Più Belli d’italia, Fiorello Primi, che ci parla della necessità di unire bellezza e sicurezza nella salvaguardia del Patrimonio storico e umano diffuso nel nostro territorio. Non poteva che prendere avvio da Amatrice, borgo storico colpito dal sisma del 24 agosto, il dialogo tra Italiana e l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (Anci), un dialogo che si svilupperà nel Magazine Tv venduto in tutto il mondo e in un sistema crossmediale integrato di comunicazione e promozione del Made in Italy. Un altro accordo molto importante è stato stipulato da Rai Com con il broadcaster franco-tedesco Arte, che prevede la realizzazione di co-produzioni d’interesse internazionale, in una collaborazione che non riguarderà solo l’audiovisivo ma anche i contenuti digitali. Ne parliamo in questo numero, insieme al bel documentario artistico realizzato da Elisa Fuksas sull’Opera del Duomo di Firenze e a quello di Francesco Clerici sull’antica arte della fusione a cera persa del bronzo, un’eccellenza plurisecolare degli artigiani italiani. Come si evince già dalla copertina, lo sport è ben presente in questo numero: dall’umanissima caduta alle Olimpiadi del ciclista Nibali, lo Squalo dello Stretto, al medagliere olimpionico della nostra scherma, fino all’importante conquista della Ryder Cup di golf, che nel 2022 si svolgerà per la prima volta in Italia. E poi una analisi sul valore in termini di PIL delle eccellenze italiane, un articolo sul nostro grande compositore Salvatore Sciarrino, il dialogo artistico tra i musicisti Jovanotti e Brondi sulla nascita della canzone L’estate addosso, colonna sonora dell’ultimo film di Gabriele Muccino… Chiudo con un ringraziamento ad Antonio Monda, direttore artistico della Festa del Cinema di Roma, la cui intervista sulla scoperta di Lo chiamavano Jeeg Robot completa il bell’articolo di Alessandro Boschi di Hollywood Party, famigerato programma cinefilo di Radio 3. Dal salvataggio dei borghi italiani ai supereroi di periferia, per questo numero è tutto. Think global, live italian! Gian Paolo Tagliavia 9

[close]

p. 10

V I TA “Oh! Dolci baci, o languide carezze, Mentr’io fremente Le belle forme disciogliea dai veli! Svanì per sempre il sogno mio d’amore... L’ora è fuggita, E muoio disperato, E muoio disperato! E non ho amato mai tanto la vita!” Tosca Di Giacomo Puccini, su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica Prima rappresentazione: Roma, Teatro Costanzi, 14 gennaio 1900 “Oh tender kisses, sweet caresses, While, trembling, I beheld Her beautiful form freed of its gown. Gone forever is my dream of love. Time has fled, and I die in despair! I die in despair, But never have I loved life so much!” Tosca By Giacomo Puccini, libretto by Giuseppe Giacosa and Luigi Illica Premiere: Rome, Teatro Costanzi, January 14, 1900

[close]

p. 11



[close]

p. 12

VITA ITALIANA The time truly has come to make a medium- to longterm plan to make places and people safe 12

[close]

p. 13

VITA ITALIANA BEAUTY AND SAFETY FOR ITALIAN VILLAGES AMATRICE WILL REMAIN IN THE CATALOGUE OF I BORGHI PIÙ BELLI D’ITALIA by Fiorello Primi, President of I Borghi Più Belli d’Italia The August 24th, 2016 earthquake was a strong blow to a large area of Central Italy, and, above all, it was a strong blow to the communities that suffered, in addition to the actual physical damage, a great loss of life. We know that death and destruction are often due to the inept usage of the local area and the underestimation of the fact that the area sits on top of a part of the Earth’s crust that is always moving. It is equally true that when there is such a violent earthquake in a place where there are dwellings that have been built in different periods and following different building methods, the risk of them crumbling and causing victims skyrockets. Italy has become the first country in the world in terms of its ability to handle emergencies; however, it falls short of this in terms of prevention, be it against earthquakes, hydrological instability or fire risk. The time truly has come to make a medium- to long-term plan to make places and people safe that is capable of ensuring high standards in terms of the safeguarding of human life. Hundreds of billions of euros have been spent and will continue to be spent to provide remedies to catastrophes, while much less would be needed for global preventive action. The first line of defence in prevention lies in the local municipal administration, whose increasing economic difficulties are, however, a stumbling block both for local maintenance activities and investment in cultural and historical heritage. Just as in the case of the earthquake that struck the Abruzzo region, this time some of the small towns that are BELLEZZA E SICUREZZA PER I BORGHI ITALIANI AMATRICE RESTERÀ NEL CATALOGO DE I BORGHI PIÙ BELLI D’ITALIA di Fiorello Primi, Presidente de I Borghi più belli d’Italia Il sisma del 24 agosto 2016 ha colpito duramente un’ampia area dell’Italia centrale, e soprattutto ha colpito duramente le comunità che hanno subito, oltre ai danni materiali, la perdita di vite umane. Sappiamo che le morti e le distruzioni sono spesso dovute al maldestro uso del territorio e alla sottovalutazione del fatto che ci si trova sopra una cro- sta terrestre in costante movimento. È altrettanto vero che quando il terremoto colpisce in maniera così violenta luoghi dove esistono abitazioni costruite in epoche diverse e con tecniche diverse, il rischio di crollo e di vittime aumenta a dismisura. L’Italia è diventata il primo Paese al mondo in quanto a capacità di affrontare le emergenze ma non è al primo posto in termini di prevenzione, che sia contro i terremoti, il dissesto idrologico, il rischio di incendi. È veramente giunto il tempo di un piano a medio e lungo termine per la messa in sicurezza dei luoghi e delle persone, in grado di garantire elevati standard di salvaguardia della vita umana. Centinaia di miliardi di euro sono stati spesi e verranno ancora spesi per rimediare alle catastrofi, mentre ne occorrerebbero molti meno per un intervento globale di prevenzione. Il primo presidio per la prevenzione risiede nelle amministrazioni comunali, le cui crescenti difficoltà economiche sono però di ostacolo sia alle attività di manutenzione del territorio, sia agli investimenti sul patrimonio culturale e storico. Anche questa volta, come accadde per il terremoto che colpì l’Abruzzo, alcuni centri facenti parte della 13

[close]

p. 14

VITA ITALIANA part of I Borghi più belli d’Italia (The Most Beautiful Villages in Italy) network were also affected by the quake. The towns of Amatrice, Norcia, Preci, Visso, Treia and San Ginesio all suffered more or less serious damage which, however, also generated intense feelings of distress and uncertainty vis-à-vis living in a potentially dangerous place. Amatrice was the hardest hit, with the highest number of victims and almost total devastation. We are all aware of how complicated it is to talk about the future when faced with such a dramatic present. This is precisely what has made it possible to measure the strength and determination of a community and its representatives in their immediate desire to remain steadfast in their will to stay on that hill and rebuild the village with a view to safety, as well as to its original beauty. I Borghi più belli d’Italia, an association of small Italian towns of historical interest, has decided to immediately commit itself to helping the community of Amatrice to realise this project of rebirth and life as soon as possible. After all, in Italy we have extraordinary examples of reconstruction using the best building methods and the best project technologies that have restored villages to their original splendour and their original form of urban and social organisation, thereby preventing them from being “deported” into new “non-places” and losing the sense of community and belonging that has been built up over the centuries. From Friuli-Venezia Giulia to Umbria up to the villages of Abruzzo, people have understood that neither remaining for decades in shacks nor that every tragedy must degenerate into a “bad deal” is inevitable. As an Association, we have launched fundraising initiatives to “adopt” the rebuilding or restoration of goods that are part of the cultural and social heritage of Amatrice.The objective we have set is 500,000 euros, which will be used transparently and in agree- 14

[close]

p. 15

VITA ITALIANA È veramente giunto il tempo di un piano a medio e lungo termine per la messa in sicurezza dei luoghi e delle persone rete de I Borghi più belli d’Italia sono stati interessati dal sisma. Amatrice, Norcia, Preci, Visso, Treia, San Ginesio hanno subito danni più o meno gravi ma che hanno drammaticamente evocato sentimenti di incertezza e di paura dell’abitare in un luogo potenzialmente pericoloso. Amatrice è il borgo più colpito, con il maggior numero di vittime e la quasi totale distruzione. Siamo tutti consapevoli di quanto sia complicato parlare di futuro quando si ha di fronte un presente così drammatico. È proprio su questo che abbiamo potuto misurare la forza e la determinazione di una comunità e dei suoi rappresentanti nel voler da subito tenere ferma la volontà di rimanere su quella collina e di ricostruire il borgo all’insegna, oltre che dell’originale bellezza, della sicurezza. L’associazione de I Borghi più belli d’Italia ha deciso da subito di impegnarsi per aiutare la comunità di Amatrice a realizzare quanto prima questo progetto di rinascita e di vita. Del resto in Italia abbiamo esempi eccezionali di ricostruzione fatta utilizzando le migliori pratiche edilizie e le migliori tecnologie progettuali che hanno restituito ai Borghi il loro splendore originale e la loro forma di organizzazione urbanistica e sociale. Si è così evitata la “deportazione” in nuovi “non luoghi” e la perdita del senso di comunità e appartenenza costruito nel corso dei secoli. Dal Friuli-Venezia Giulia all’Umbria fino ai Borghi d’Abruzzo, si è capito che non è ineluttabile rimanere per decenni nelle baracche, e nemmeno che ogni tragedia debba mutarsi in un “brutto affare”. Come Associazione abbiamo avviato una raccolta di fondi per “adottare” la ricostruzione o il restauro di un bene facente parte del patrimonio culturale e sociale di Amatrice. L’obiettivo che ci siamo dati è di 500.000 euro, che verranno utilizzati in maniera trasparente e in accordo con l’Amministrazione comunale. A questa operazione concorre anche la 15

[close]

Comments

no comments yet