Le attività dei Servizi Educativi dei Musei Civici di Cagliari 2016/17

 

Embed or link this publication

Description

Le attività dei Servizi Educativi dei Musei Civici di Cagliari 2016/17

Popular Pages


p. 1

Giardini Pubblici, Largo Giuseppe Dessì Piazza Palazzo 6 Cittadella dei Musei, Piazza Arsenale 1 Le attività dei Servizi Educativi dei Musei Civici di Cagliari Anno Scolastico 2016-2017 1

[close]

p. 2

Tutti i percorsi didattici presenti in questo catalogo sono progettati e realizzati dall’Associazione Orientare per conto del Comune di Cagliari. Tutti i diritti dei percorsi didattici presentati in questo catalogo sono riservati all’Associazione Orientare. 2

[close]

p. 3

La didattica nei Musei Civici di Cagliari L’Associazione Orientare gestisce, per conto del Comune di Cagliari – Assessorato alla Cultura, i servizi didattici dei Musei Civici di Cagliari. La programmazione didattica proposta consiste in percorsi di visita guidata tematica, corredati di attività di laboratorio, all’interno dei tre Musei Civici: la Galleria Comunale d’Arte, il Palazzo di Città e il Museo d’Arte Siamese Stefano Cardu. La progettazione è rivolta ad alunni della scuola dell’infanzia, della scuola primaria, della scuola secondaria di primo e secondo grado e persegue, in linea con le direttive ministeriali, le seguenti finalità: »» l’attivazione, fin dall’infanzia, di un interesse profondo e responsabile verso il patrimonio artistico locale e nazionale, fondato sulla consapevolezza del suo valore estetico, storico e culturale; »» l’acquisizione di strumenti e di metodi per l’analisi, la comprensione e la valutazione di prodotti artistici particolarmente rappresentativi della nostra e di altre civiltà; »» il potenziamento della sensibilità estetica nei confronti degli aspetti visivi della realtà e dell’ambiente. Le varie proposte perseguono, inoltre, singoli obiettivi specifici e mirano a promuovere sul territorio la conoscenza delle collezioni custodite nei Musei Civici, mediante un’analisi volta ad approfondirne i diversi aspetti, quali i vari generi artistici, le personalità artistiche di spicco e i molteplici punti di vista consentiti dalla ricchezza e dalla pluralità di espressioni rappresentate dalle opere delle collezioni. I percorsi presentati possono essere personalizzati previo accordo con gli operatori. 3

[close]

p. 4

Sommario »» La didattica nei Musei Civici di Cagliari 2 »» Sommario3 »» Musei Civici Cagliari 4 »» Galleria Comunale d’Arte 6 »» Palazzo di Città 7 »» Museo d’Arte Siamese “Stefano Cardu”  8 »» Premessa ai percorsi 9 »» Percorsi rivolti alla Scuola dell’Infanzia 10 »» Percorsi rivolti alla Scuola Primaria 11 »» Percorsi rivolti alla Scuola Secondaria di primo grado 12 »» Percorsi rivolti alla Scuola Secondaria di secondo grado 13 »» Modalità di prenotazione e contatti 14 »» I percorsi 16 4

[close]

p. 5

Musei Civici 5

[close]

p. 6

Musei Civici Cagliari Il Sistema Museale del Comune di Cagliari è costituito da tre musei: il Palazzo di Città, la Galleria Comunale d’Arte, il Museo d’Arte Siamese “Stefano Cardu”. Le tre strutture sono destinate all’esposizione dei principali nuclei del patrimonio artistico, acquisito dal Comune a partire dai primi del Novecento, mediante acquisti e donazioni da parte di generosi collezionisti e artisti. Le collezioni permanenti sono costituite da capolavori, espressione dell’arte sarda e dell’arte italiana prevalentemente novecentesca, ai quali si accostano preziosi oggetti d’arte orientale e manufatti che testimoniano la ricchezza della cultura e delle tradizioni isolane. I Musei Civici propongono inoltre un’ampia offerta di esposizioni temporanee, finalizzate a coinvolgere il pubblico di residenti e turisti con opere di grande richiamo, che valorizzano e rinnovano l’offerta museale. I Musei Civici riconoscono alla funzione educativa un ruolo primario, che si sviluppa attraverso specifici progetti rivolti a fasce di pubblico diversificate, giovani e adulti fidelizzati da un costante lavoro di contatto. Visite guidate tematiche, laboratori, conferenze, aperitivi culturali, reading letterari e rappresentazioni teatrali attraggono nel corso dell’anno numerosi visitatori, cui sono dedicate offerte studiate in base alle esigenze dei differenti target. 6

[close]

p. 7

Galleria Comunale d’Arte La Galleria Comunale d’Arte sorge all’interno dello splendido scenario dei Giardini Pubblici. Il prospetto principale neoclassico è stato realizzato nel 1828, mentre il blocco originario del fabbricato, prima sede della polveriera regia, risale alla fine del 1700. E’ all’inizio degli anni Trenta che l’edificio subisce delle nuove modifiche per divenire Galleria d’Arte. In quella occasione i lavori di sistemazione e adattamento dell’edificio furono affidati al progettista cagliaritano Ubaldo Badas. Il Museo è oggi sede permanente delle due più importanti raccolte d’arte del Comune di Cagliari: la Collezione Ingrao, costituita dalle opere dei più grandi maestri italiani del Novecento, da Umberto Boccioni a Giorgio Morandi, da Filippo De Pisis a Mario Mafai e la Collezione di Artisti Sardi, fra i quali spiccano i nomi di Francesco Ciusa, Giuseppe Biasi, Maria Lai e Costantino Nivola. La Collezione Ingrao Una selezione di circa 250 opere, di cui 40 sono scultoree, compone il percorso espositivo della collezione. Iter scandito in 13 sale dislocate sui due livelli della Galleria, piano terra e primo piano. La visita parte al piano terra con la tradizione accademica e neoclassica, ancora molto forte a metà Ottocento, testimoniata da un dipinto di Gennaro Maldarelli, datato 1840, messo a confronto con la modernità dei paesaggi macchiaioli di Domenico Colao. Si prosegue con l’esperienza Liberty e Simbolista di importanti artisti quali Leonardo Bistolfi e Adolfo De Carolis. Un’intera sala è dedicata alle 32 opere di Umberto Boccioni, importante esponente del movimento futurista italiano. La visita continua al primo piano del museo con il “Ritorno all’ordine” di coloro che furono protagonisti dell’avanguardia: Mario Sironi, Gino Severini, Carlo Carrà, solo per citarne alcuni. Prezioso scrigno è la sala dedicata all’opera di Giorgio Morandi che espone al pubblico tre oli, un’acquaforte, nove disegni a china e matita. Da segnalare ancora una serie di dipinti realizzati da Filippo De Pisis, Mario Mafai, Felice Casorati, Ottone Rosai e Mino Maccari. Altre 250 opere, tra pitture, disegni, incisioni, terrecotte, bronzi, gessi, marmi, sculture lignee, sono infine ospitate in tre sale al piano terra, definibili come “depositi visitabili” o, meglio, “stanze del collezionista”, ambienti che, oltre a completare l’intero corpus, vorrebbero suggerire il “caos” tipico della quadreria dalla quale provengono. La Collezione Sarda Due sale della nuova ala del museo custodiscono 74 opere, tra dipinti e sculture, una panoramica esaustiva dell’arte e insieme della storia e della cultura della Sardegna del secolo scorso. Una ricca e prestigiosa raccolta di opere la cui storia va di pari passo con quella della Galleria, inaugurata, nel 1933, come sede museale in occasione della IV Mostra del Sindacato Regionale Fascista Belle Arti. Il percorso, che si apre significativamente con La madre dell’ucciso, il gesso originale di Francesco Ciusa con il quale, nel 1907, l’artista trionfò alla Biennale di Venezia, è rappresentativo dell’originalità e dell’unicità dell’esperienza delle arti visive in Sardegna: si va dai paesaggi di sapore ancora ottocentesco, realizzati da Felice Melis Marini, alla sagace e spregiudicata satira rivolta da Tarquinio Sini alla modernità. Spiccano Processione del Corpus Domini e Ballo tondo, due oli di Giuseppe Biasi, unanimemente riconosciuto come il maggior pittore sardo del primo Novecento. Dal neorealismo di artisti come Aligi Sassu e Foiso Fois si prosegue con le ricerche d’avanguardia dell’opera di Mauro Manca, figura centrale per gli sviluppi dell’arte isolana, riferimento irrinunciabile per la generazione dei più giovani che iniziarono ad organizzarsi in associazioni artistiche e culturali come Studio 58 e Gruppo di Iniziativa Democratica. C.ARTE.C. - CAVA ARTE CONTEMPORANEA C.ARTE.C., Cava Arte Contemporanea, è il nuovo spazio espositivo dei Musei Civici di Cagliari, dedicato al contemporaneo e ai progetti di arte pubblica. Lo spazio, che sorge lungo il costone roccioso che delimita i Giardini pubblici, si raggiunge dalla Galleria percorrendo il breve 7

[close]

p. 8

tratto di strada che sale verso viale Buoncammino. Cava di pietra cantone, con la quale è stata costruita la città nel Medioevo, il sito è stato rifugio durante i bombardamenti aerei che hanno devastato Cagliari nel secondo conflitto mondiale, dimora per i senzatetto e deposito per le opere d’arte. Dopo un importante lavoro di consolidamento e conservazione, l’ambiente ha mutato destinazione d’uso e, in quanto luogo caro ai Cagliaritani per la sua storia e per le suggestioni che è in grado di evocare, costituisce ora un nuovo e dinamico spazio espositivo adatto ad ospitare esposizioni temporanee, attività site-specific e residenze d’artista. Attualmente C.ARTE.C. ospita la mostra Rosanna Rossi. Percorsininterrotti “materiali altri”, la seconda sezione dell’intensa monografica dedicata dai Musei Civici all’artista cagliaritana Rosanna Rossi, tra i più significativi esponenti dell’Astrazione in Italia. L’esposizione accoglie opere realizzate dalla Rossi a partire dagli anni Novanta, attestazione della sua continua ricerca e sperimentazione sui materiali: gli assemblaggi, i ready made, ma anche le immagini più significative degli interventi di Arte pubblica, compresi alcuni disegni inediti dei progetti. 8

[close]

p. 9

Palazzo di Città Il Palazzo di Città è uno storico edificio di Cagliari, sede municipale dal Medioevo fino alla fine del XIX secolo, quando una riunione del Consiglio Comunale, presieduto dall’allora Sindaco Ottone Bacaredda, in data 14 dicembre 1896, decretò il trasferimento del Comune dall’antica alla nuova sede, ancora da costruirsi nella via Roma. Nel piano alto furono sistemate alcune aule per gli alunni delle scuole elementari, mentre il primo piano ospitò il Conservatorio di Musica Pier Luigi da Palestrina, fino al 1970, anno in cui venne trasferito nell’attuale sede di via Bacaredda. Dopo anni di abbandono, in seguito ad accurati lavori di restauro, il Palazzo è stato restituito alla cittadinanza e recentemente destinato alla esposizione permanente della Collezione di Arte contemporanea del Comune di Cagliari e alle mostre temporanee di opere grafiche, pittoriche, scultoree, di oreficeria, di installazioni, fotografia, cinema e arti applicate, testimonianza artistica delle civiltà occidentale e orientale. 9

[close]

p. 10

Museo d’Arte Siamese “Stefano Cardu” Il Museo Cardu, sito all’interno della Cittadella dei Musei, presenta una notevole varietà di pezzi artistici di origine e di culture asiatiche differenti. Si tratta di opere e preziosi oggetti portati a Cagliari negli ultimi anni dell’Ottocento dal cagliaritano Stefano Cardu, alla fine del suo avventuroso viaggio nell’estremo Oriente. Sculture, argenti, porcellane, armi, una notevole varietà di pregiatissimi pezzi artistici, datati tra il 1400 e il 1800. La preponderanza degli esemplari provenienti dall’antica Thailandia fa si che il Museo Cardu sia la più grande raccolta di arte siamese presente in Europa. Di notevole interesse anche il nucleo di avori giapponesi, le porcellane cinesi e le armi provenienti dalla Malesia. Recentemente la raccolta si è arricchita di un consistente nucleo di sculture birmane, date in comodato d’uso gratuito dal collezionista Silvio Canese. La Collezione Cardu Il percorso espositivo inizia con il nucleo di argenti, oggetti preziosi per la scelta del materiale e per la raffinatezza delle tecniche di lavorazione, prevalentemente sbalzo e niello, che rivelano l’alto livello della produzione raggiunto dagli artigiani siamesi nella seconda metà dell’Ottocento. Numerose sono le sculture di tema religioso realizzate con vari materiali, legno, avorio e, soprattutto, bronzo. Spiccano le rappresentazioni di Buddha stante o sdraiato in Nirvana. Segue un nucleo consistente di avori giapponesi, oggetti e statuette che testimoniano la grande rivoluzione culturale, politica e sociale che nel XVII secolo ha visto andare al potere la borghesia mercantile. Tra le porcellane emergono quelle siamesi realizzate con la tecnica bencharong e i vasi cinesi del periodo MING e dei primi imperatori QING, notevoli per bellezza di forma, qualità, decorazione, smalti e tecnica esecutiva. Una sezione del Museo è dedicata alle armi, una raccolta di grande interesse per la presenza delle armi siamesi, ancora poco note, che formano il gruppo più nutrito e significativo. Tra queste prevalgono i pezzi di lusso, realizzati con abbondante uso d’argento, di raffinatissima lavorazione. Molti degli esemplari esposti erano destinati solo alla parata e fra questi citiamo le lance della guardia reale e un paio di rare “lance di stato” della Malacca. Caratteristici sono i pungoli da elefante, talvolta utilizzati come armi. Una parte assai rara della collezione è costituita dalla numismatica, con monete dall’XI al XIX secolo. La Collezione Canese Il percorso del Museo si è recentemente arricchito di una nuova collezione. Si tratta di una raccolta di opere birmane, giunta a Cagliari grazie ad un comodato d’uso concesso dal proprietario, Silvio Canese. Ad accogliere il visitatore sono due coppie di Nat, entità imprevedibili di origine umana che la tradizione voleva ci si dovesse ingraziare per propiziare i raccolti, allontanare i pericoli e gli spiriti negativi, persino per preservarsi dalle malattie e dalla morte. Tra le tante immagini di Buddha, spiccano i due gruppi scultorei in calcite che all’immagine di Buddha a tutto tondo associano due rilievi narrativi. Vera rarità è la scultura che rappresenta la nascita di Rahula, il figlio della principessa Yasodhara, rappresentata sdraiata su un fianco, nato lo stesso giorno in cui suo padre, Siddharta, abbandonò il palazzo per dedicarsi alla vita ascetica e diventare Buddha. Il corpus comprende, inoltre, due ventagli cerimoniali, sei punzoni in bronzo per tatuaggi, alcuni grandi vasi che spiccano per la pregevole lavorazione della lacca dorata ed intarsiata con pasta vitrea di vari colori. A completare la raccolta cinque libri manoscritti, alcuni dei quali decorati con elementi vegetali, floreali e geometrici, opere che dialogano amabilmente con i libri miniati della Collezione Cardu. 10

[close]

p. 11

11

[close]

p. 12

Premessa ai percorsi 12

[close]

p. 13

Percorsi rivolti alla Scuola dell’Infanzia La programmazione rivolta ai bambini della scuola dell’infanzia comprende numerose proposte didattiche, volte ad avvicinare i più piccoli all’arte, alla cultura materiale e alla realtà museale. Ognuna di esse si articola in una fase teorica e in una fase pratica di laboratorio. Durata di ogni percorso: 60 minuti visita tematica 30 minuti laboratorio 30 minuti Costo per bambino per un singolo incontro: Antico Palazzo 4,00 euro Galleria Comunale 4,00 euro Museo Cardu 4,00 euro Orario invernale: 10:00 - 18:00 Orario estivo 10:00 - 21:00 Giorno di chiusura: Antico Palazzo il Lunedì Galleria Comunale il Martedì Museo Cardu il Lunedì Materiali utilizzati fogli di carta bianca, fogli di cartoncino colorato, colori a cera, matite nere da disegno e colorate, gessetti, gomme per cancellare, carta per collage, colla in stick, forbici, temperalapis, tempere, acquarelli 13

[close]

p. 14

Percorsi rivolti alla Scuola Primaria La programmazione rivolta ai bambini della scuola primaria comprende un’articolata scelta di proposte didattiche. Ogni percorso, strutturato in una fase teorica e in una laboratoriale, è finalizzato all’acquisizione, da parte dei bambini, degli strumenti di lettura dell’opera d’arte e d’artigianato e di decodificazione dei vari linguaggi artistici Durata di ogni percorso: 60 minuti (visita tematica 30 minuti – laboratorio 30 minuti). Materiali per il laboratorio: fogli di carta bianca, fogli di cartoncino colorato, colori a cera, matite nere da disegno e colorate, gomme per cancellare, carta per collage, colla in stick, forbici, gessetti, temperalapis, carte prestampate e plastificate, stencil, pennarelli, fogli di polistirolo. Durata di ogni percorso: 60 minuti visita tematica 30 minuti laboratorio 30 minuti Costo per bambino per un singolo incontro: Antico Palazzo 4,00 euro Galleria Comunale 4,00 euro Museo Cardu 4,00 euro Orario invernale: 10:00 - 18:00 Orario estivo 10:00 - 21:00 Giorno di chiusura: Antico Palazzo il Lunedì Galleria Comunale il Martedì Museo Cardu il Lunedì Materiali utilizzati ove previsto fogli di carta bianca, fogli di cartoncino colorato, colori a cera, matite nere da disegno e colorate, gomme per cancellare, carta per collage, colla in stick, forbici, gessetti, temperalapis, carte prestampate e plastificate, stencil, pennarelli, fogli di polistirolo, tempere, acquarelli 14

[close]

p. 15

Percorsi rivolti alla Scuola Secondaria di primo grado La programmazione rivolta ai ragazzi della scuola secondaria di primo grado comprende visite guidate tematiche, eventualmente arricchite da attività di laboratorio. I ragazzi verranno guidati alla scoperta della cultura materiale, dei generi e delle correnti artistiche testimoniati dalle opere delle collezioni e delle esposizioni temporanee. Durata di ogni percorso: 60 minuti visita tematica 30 minuti laboratorio, ove previsto, 30 minuti Costo per ragazzo per un singolo incontro: Antico Palazzo 4,00 euro Galleria Comunale 4,00 euro Museo Cardu 4,00 euro Orario invernale: 10:00 - 18:00 Orario estivo 10:00 - 21:00 Giorno di chiusura: Antico Palazzo il Lunedì Galleria Comunale il Martedì Museo Cardu il Lunedì Materiali utilizzati ove previsto fogli di carta bianca, fogli di cartoncino colorato, colori a cera, matite nere da disegno e colorate, gomme per cancellare, carta per collage, colla in stick, forbici, gessetti, temperalapis, carte prestampate e plastificate, stencil, pennarelli, fogli di polistirolo, tempere, acquarelli 15

[close]

Comments

no comments yet