La Gazzetta della Puglia - numero 4 - 2011

 

Embed or link this publication

Description

Mensile di attualità e cultura in Puglia

Popular Pages


p. 1

la gazzetta m en si le d in f o rm az io n e anno xxiv­ gennaio-aprile 2011 ­ n 1/4 della puglia della copia gratuita per i sostenitori fondato da domenico tedeschi unione editoriale ­ amministrazione e redazione 20148 ­ milano via s altamura 11 ­ telefono e fax 02/36.51.30.48 ­ redazione 70121 ­ bari via p petroni 5 telefono e fax 080/52.44.392 registrazione n 438 27/6/88 del trib di milano sped in abb postale art 2 comma 20/lett c legge 662/96 taxe perçue/tassa riscossa cpc roserio milano il 1° maggio papa benedetto xvi ha ufficialmente proclamato santo papa giovanni paolo ii autori accorsi e ferro wojtyla beato regione salento niente di fatto l g g di pietro filomeno roma ­ messe concerti e mostre sono stati il programma di eventi dedicato alla beatificazione di papa giovanni paolo ii iniziato sabato 30 aprile nella capitale in piazza san pietro e a 6 anni dalla morte papa wojtyla è stato beatificato in un contesto di festa che ha previsto numerosi incontri di tipo religioso e culturale durante tutto il fine settimana e non solo come da programma sabato 30 aprile si è tenuta una veglia di preghiera al circo massimo dalle 21 fino alle 22.30 con il collegamento video del santo padre e il giorno dopo domenica 1° maggio alle 10 è stata celebrata,in piazza san pietro la cerimonia presieduta da papa benedetto xvi i a pag 6 a richiesta del referendum per la regione salento avanzata da 59 consigli comunali è crollata davanti alla corte di cassazione quest ultima il 1° febbraio scorso ha respinto la proposta perché non l ha ritenuta conforme alle norme dell articolo 132 della costituzione senza entrare troppo nei dettagli il motivo sostanziale della bocciatura è questo « le deliberazioni comunali ­ si legge nella sentenza ­ a tal fine presentate a questo ufficio non contengono la richiesta dei consigli volta alla creazione della regione salento ma solo la richiesta che le popolazioni interessate siano chiamate a referendum per decidere i a pag 8 «101 persone che hanno fatto grande milano» g papa giovanni paolo ii andrea accorsi e daniela ferro hanno scritto un volume intitolato 101 personaggi che hanno fatto grande milano partendo da diocleziano e sant ambrogio bonvesin de la riva e gian galeazzo visconti e in 522 pagine pubblicate dalla newton compton hanno descritto la vita e le opere di ogni personaggio con dovizia di particolari un libro interessantissimo da leggere e da consultare f presicci a pag 15 una nuova scoperta scientifica e i possibili risvolti era un pugliese doc zaganellate di zaganella farfuglia maschera della puglia il cuore bioartificiale l università del minnesota ha condotto un esperimento per ora solamente su topi e suini dando vita al primo cuore bioartificiale che vive e batte senza bisogno di essere legato ad un corpo sembra un film di fantascienza invece è tutto vero il processo si chiama decellularizzazione e consiste nel togliere cellule dal cuore dell animale morto con l uso di composti chimici a questo punto lo scheletro proteico è stato quindi ripopolato con cellule staminali cardiache quattro giorni dopo le cellule hanno cominciato a contrarsi e dopo otto giorni i cuori bioartificiali di topi e maiali hanno cominciato a battere quando abbiamo visto che il cuore cominciava a battere siamo rimasti senza parole ha scritto uno dei ricercatori ott still su nature medicine secondo doris taylor direttrice del centro per la ricostruzione cardiaca dell università del minnesota è un passo essenziale sulla via dei trapianti soprattutto per chi è in attesa da anni rappresenta un punto di partenza per la creazione non soltanto di cuori artificiali ma anche di vasi sanguigni e altri organi ricordando chechele jacubino È primavera eccola la primavera più tarda a giungere è la sera e il mattin dopo bello si spera sogni e speranze lontane a morte suon le campane per il giappon e terre libiane non v è primavera per i giovani che vedon i sogni lor vani da giochi di poter insani i cervelli le nostre intelligenze han preso tutti le diligenze per soddisfare le lor esigenze questa la primavera italiana senza speranze la lotta è vana della gioventù operosa e sana che l italia sia destra della democrazia onesta l elmo si cinga la testa i g «l ambasciatore della puglia» i a pagina 2 calcio serie a e b 2010/2011 i calendari di tutte le partite i a pag 12 banca popolare di puglia e basilicata sede legale matera via timmari 25 tel 0835.332649 fax 0835.331334 dir gen altamura ba via o serena 13 tel 080.8710111 fax 080.8710714 sedi operative altamura ba via o serena,13 gravina in puglia ba piazza cavour 20 tel 080.3221511 fax 080.3256382 taranto ta via di palma 46/50 tel 099.4541111 fax 099.4541339 ufficio rappresentanza presidenza dir gen bari ba via venezia 13 tel 080.5254911 nelle pagine interne i informazioni dalla lombardia pagg 2 ­ 3 ­ 4 i informazioni dalla puglia dalle provincie del salento pagg 10 ­ 11 gazzettino sportivo pag 12 lex semper loquitur gazzettino medico pagg 13 ­ 14 miscellanea attualità e recensioni pagg 5 ­ 15 i informazioni dall italia/europa pag 6 da foggia e provincia pag 7 da bari e provincia pagg 8 ­ 9 iiii informazioni dalla puglia i informazioni dalla puglia f iliale via di m ilano s anta m argherita 4 tel 02.86453958

[close]

p. 2

p agina 2­ gennaio aprile 11 d alla l ombardia la gazzetta della puglia la giornata infatti è proseguita anche con i festeggiamenti per i trenta anni di telenorba l aspetto più ludico e mondano infatti si è svolto presso un noto locale della movida milanese in cui i due presidenti montrone e abbascià hanno tagliato la torta dei trent anni vedi foto e dato modo al selezionato parterre composto dai soci dell arp e da personaggi dello spettacolo e della politica di degustare direttamente dalle magiche mani di chef pugliesi i cibi squisiti e abbondanti dai sapori caratteristici anche in questo caso milano si è rivelata città accogliente amica della puglia e adeguata cornice per la presentazione delle potenzialità meridionali e del loro sviluppo su scala nazionale milano ­ a metà aprile la nota emittente televisiva pugliese telenorba è sbarcata a milano con il suo seguito di giornalisti e rappresentanti del mondo della cultura della politica dell imprenditoria per presentare il nuovo canale digitale «tg norba 24» la peculiarità di tale canale di informazione visibile su tutto il territorio nazionale nasce dall intuizione dell emittente di conversano di partire dal meridione per diffondersi sul territorio nazionale non perdendo la sua caratteristica tipicamente meridionale la nuova iniziativa editoriale è stata presentata in un convegno dal titolo «ii ruolo dell informazione televisiva nell italia federale il caso tg norba 24» tenutosi nella prestigiosa cornice della sala convegni di palazzo reale accanto al duomo il convegno presieduto dall ing luca montrone presidente del gruppo norba e moderato dal direttore vincenzo magistà ha visto tra gli altri la partecipazione come relatori del presidente dell ente fiera del levante l economista gianfranco viesti del presidente della provincia di bari francesco schitulli della senatrice adriana poli bortone del sindaco di bari michele emiliano del vicesindaco di milano riccardo de corato dell assessore della regione il patron luca montrone prossima l apertura di una redazione tg norba 24 a milano telenorba in lombardia g foto vito suriano della discussione esaminando il lavoro svolto dai canali di telenorba in questi anni avendo presente il pluralismo dell informazione e le caratteristiche di imparzialità e originalità È stato spiegato che la cornice in cui collocarsi è quella di un sud che dialoga proprio il governatore vendola ha evidenziato che il nostro sud si racconta poco e in compenso è raccontato dagli altri non sempre bene ecco allora l obiettivo di telenorba raccontare il sud le sue forze opportunità e intelligenze si tratta di un passaggio che non riguarda solo un flusso che va da sud a nord ma anche come il convegno ha dimostrato di un flusso comunicativo che va anche da nord a sud facendo prevalere la fiducia e i fatti concreti in questo senso l intervento di adriana poli bortone che ha invitato a riappropriarsi dell orgoglio meridionale il presidente schittulli dopo un garbato battibecco con il sindaco emiliano che ha fatto crescere interesse per il convegno milanese dandogli adeguata vivacità in chiave amministrativa barese ha collocato l impegno di telenorba non solo in campo informativo ma anche sul più ampio versante culturale quindi della formazione dell utenza il sindaco emiliano ha affermato che la tv è una fede ed è utile per educare alla democrazia l assessore colucci ha poi parlato delle tv locali come strumento e veicolo di coesione territoriale fattori di democrazia e fattori di sviluppo anche economico tutti elementi di alto profilo in cui le nostre emittenti si ritrovano appieno e che hanno trovato l attenzione del numeroso pubblico presente ma a milano non si trattava solo di fare cultura in senso accademico a picicco lombardia alessandro colucci del ministro raffaele fitto il contributo in video conferenza del ministro allo sviluppo economico paolo romani del presidente della regione puglia nichi vendola e del presidente della regione lombardia roberto formigoni a fare gli onori di casa e a curare l accoglienza a milano dei conterranei pugliesi l arp associazione regionale pugliesi con il suo presidente dina abbascià di fronte al numeroso pubblico di pugliesi di pugliesi-milanesi di giornalisti e direttori di testata ­ mentre i canali del gruppo norba trasmettevano in diretta interviste alle autorità intervenute ­ gli illustri relatori hanno rivolto grandi elogi all emittente telenorba e al suo gruppo per il qualificato servizio di comunicazione svolto da trent anni e per aver sviluppato tanti settori legati alle nuove tecnologie e alle nuove possibilità offerte dalla distribuzione digitale multipiattaforma satellitare e digitale terrestre si è entrati poi nel vivo g foto vito suriano milano ­ una sera di luglio del 77 mario dilio giornalista e scrittore barese amico di tommaso fiore di cui carlo levi scrisse che «senza di lui non avrei capito le facce dolenti del sud» e per anni a milano capo ufficio stampa all alfa romeo seduto con l indimenticato pittore filippo alto a un tavolo de la porta rossa in via vittor pisani elogiando le attività del titolare del locale chechele jacubino disse che bisognava nominarlo ambasciatore della puglia nessuno meglio di chechele aveva fatto conoscere meglio ai milanesi la nostra regione l aveva anche fatta amare persino agli stranieri al punto che un prestigioso giornale inglese gli dedicò un articolo con tanto di foto chechele aveva una villa nel suo paese natale apricena amata da federico il anche perché vi poteva soddisfare il suo amore per la caccia e vi invitava gli amici più cari !venite ­ diceva ­ vi mostrerò com è bella questa regione che si chiama puglia non solo il mio paese che pure ha dei gioielli da vantare» le pensava tutte per attirare l attenzione sulla puglia i cui caratteri originari operosità e orgoglio sono noti a chi la frequenta una sera si svolse al cida centro informazioni d arte in via brera una serata ispirata dall inchiesta dell europeo i trulli che vanno in rovina di salvatore giannella gli organizzatori che facevano parte della redazione del settimanale il milanese gli chiesero di portare taralli olive e schegge di formaggio e lui cuore grande si presentò con orecchiette preparate dalla moglie nennella mozzarelle e altre specialità della sua terra chechele si trovava ad apricena quando gli arrivò la richiesta e non perse tempo prese il primo treno e piombò a milano prima di mettersi in viaggio aveva già dato disposizioni ricordando «l ambasciatore della puglia » a milano chi era chechele jacubino per i sottoscrittori il nostro nuovo c.c n.150-532/6 banca popolare di puglia e basilicata filiale di milano iban it19 i053 8501 6000 0000 0000 532 intestato a unione editoriale quella sera al dibattito parteciparono domenico porzio giornalista e scrittore tra i fondatori della rivista oggi tornato da pochi giorni dalla sua taranto il direttore del settimanale giovanni valentini lo stesso giannella il fotografo piero raffaelli vincenzo buonassisi presente anche guido lenoci il famoso gallerista di via brera che nella sua apollinaire aveva ospitato tutti i maggiori nomi dell avanguardia pittorica da meroni a christo javaceff lenoci di martina franca amico di dino buzzati raffaele carrieri paolo grassi pierre restany padre dell iperrealismo accolse l invito ad esporre in una sala tutta per lui una decina di opere che facevano parte della sua collezione lo scultore paradiso proiettò un suo documentario sulle tarantolate di galatina quando comparve chehele presentato dal padrone di casa nencini titolare della galleria boccioni si prese la sua buona parte di applausi il giorno dopo confessò a un amico «vorrei fare qual cosa per dire grazie a milano milano mi ha dato fama benessere economico e tante soddisfazioni» parlava quasi inebriato guardando verso la stazione centrale quel ventre metallico che disorientava i meridionali al loro primo approdo nella metropoli lombarda nacque così il premio milano di giornalismo che aveva in giuria personaggi di primissimo piano il poeta alberico sala critico d arte del corriere i pittori giuseppe migneco e ibrahim kodra lo storico dell arte raffaele de grada ugo ronfani vicedirettore de il giorno e critico teatrale lo scrittore paolo mosca già direttore de la domenica del corriere e all epoca di play boy filippo alto che ha dipinto la puglia con profondo amore e poesia il barocco di lecce i trulli l ulivo saraceno sciancato ma forte a dispetto degli anni che ha sulle spalle la prima edizione fu assegnata a giovanni valentini che a soli 29 anni guidava l europeo la seconda a gino palumbo che da direttore aveva triplicato le vendite de la gazzetta dello sport la terza a franco di bella direttore del corriere e ad alberto cavallari corrispondente da parigi dello stesso quotidiano «sarò presente alla premiazione» scrisse in un telegramma cavallari che salirà poi sulla plancia del giornale di via solferino e mantenne la promessa alle serate dedicate alla consegna dei riconoscimenti prendevano parte parecchie personalità per citarne qualcuna la scrittrice milena milani lo scrittore giovanni testori che curava la terza pagina del corriere in una occasione anche il sindaco carlo tognoli il direttore de la gazzetta di parma baldassarre molassi arrivava puntualmente dalla sua città a chechele luccicavano gli occhi accomodato vicino a un capasone il panciuto contenitore in cui una volta i contadini facevano fermentare il mosto seguiva con aria rapita la lettura della motivazione del premio fatta dal segretario dava del tu a tutti chechele e tutti ricambiavano era una persona amabile generosa intelligente molto comunicativa ad apricena aveva fatto il fornaio e il pane continuava a farlo alla porta rossa lo faceva con passione c erano clienti attori funzionari di polizia cantanti scrittori diventati suoi amici che quando uscivano dal suo ristorante lo abbracciavano poi gli venne un altra idea il premio puglia e in giuria volle anche il presentatore daniele piombi sempre la puglia la puglia nel cuore forse anche da lassù pensa alla sua puglia alla nostra puglia quella puglia che rapisce il cuore di chi la visita come accadde a carlo castellaneta che in valle d ltria ebbe subito una visione da sogno «i trulli con le cupole di zucchero gli ulivi dallo zoccolo possente muretti a secco e un vibrare di cicale» un preludio indimenticabile era martina franco presicci vittorio zucconi riceve da cheche insieme alla moglie nennella il premio di giornalismo la porta rossa» g nella foto da sx 1993

[close]

p. 3

la gazzetta della puglia d alla l ombardia gennaio aprile 11 ­ p agina 3 l arp di milano ha organizzato il primo convegno su una pagina del tutto sconosciuta della nostra storia allo spazio oberdan lo sterminio dei pugliesi in crimea milano ­ agli inizi di dicembre a milano si è svolto un grande convegno promosso dall arp associazione regionale pugliesi di milano che ha dedicato attenzione a una pagina sconosciuta della storia dell emigrazione pugliese nel mondo una pagina tanto sconosciuta quanto tragica e per certi aspetti attuale ci riferiamo allo sterminio degli italiani in crimea avvenuto nella prima metà del secolo scorso questi i fatti agli inizi dell ottocento diverse centinaia di pugliesi in particolare delle città di bari molfetta bisceglie e trani emigrarono nella penisola di crimea ucraina in particolare a kerc zona di terre fertili era chiamata il granaio del mondo era fiorente anche l attività marinara nella quale i nostri antenati eccellevano provenendo da città tipicamente dedite alla pesca e alla cantieristica navale nei decenni questa comunità di emigranti pugliesi di circa 4.500 persone divenne benestante e progredì molto nell attività agricola marittima e commerciale ricordiamo ad esempio i pomodori di kerc con la buccia spessa che si prestavano a viaggiare diversi giorni per il mondo questi pionieri costruirono anche una chiesa di media capienza e finanziarono un parroco per curare la loro assistenza spirituale oltre ad aver istituito una scuola italiana i primi problemi giunsero nel 1928 dopo circa un secolo di benessere e prosperità a causa degli espropri delle aziende agricole i colcos voluti da stalin contro la piccola proprietà terriera i problemi si acuirono dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale e l occupazione tedesca della crimea riconquistata poi dai sovietici nel 1942 gli italiani alleati della germania hitleriana vennero considerati dai russi nemici e potenziali traditori e per questo deportati in kazachstan e in siberia con l intento neppure tanto segreto di farli perire tutti il viaggio diede già un ottimo contributo a questo nefasto obiettivo il trasporto su navi e vagoni piombati durò due mesi e decimò subito bambini e anziani per il freddo la fame e i disagi i superstiti furono internati nei campi di ladella cattura da parte della polizia speciale e i tremendi viaggi sui vagoni blindati ma anche la loro vita prima di questa tragedia le tradizioni il dialetto i cibi cartellate orecchiette cucinate alla maniera nostra le feste comunitarie l armonia familiare un certo pathos ha creato la lettura dei diari dei deportati da parte dell attore gerardo placido con il sottofondo musicale di un violoncello al convegno hanno fatto pervenire il loro patrocinio i comuni interessati di bari bisceglie molfetta trani la regione puglia la regione lombardia e la provincia di milano personalmente hanno altresì partecipato il sindaco di bisceglie avv francesco spina per la puglia e il vicepresidente della provincia di milano ing umberto maerna per portare il saluto e l impegno delle istituzioni a prendere in carico la vicenda di tale comunità avvalendosi di gemellaggi e dell istituzione di corsi di lingua e cultura italiana «puglia una regione per il cinema» milano ­ in collaborazione con l arp di milano la fondazione cineteca italiana presso la sala «alda merini» spazio oberdan della provincia di milano è stata dedicata di recente una rassegna alla regione puglia vivacissimo teatro in cui modernità e tradizione si intrecciano creando un mileu culturale capace di interpretare le tendenze più moderne senza perdere mai di vista le proprie radici dieci sono stati i titoli tra cui alcuni capolavori già noti come nel caso di nostra signora dei turchi di carmelo bene e l inedito per milano milanesi del tacco struggente ricostruzione del processo di immigrazione dalla puglia a milano con immagini d archivio e interviste a molti personaggi della musica e dello spettacolo diventati simboli di milanesità ma con origini pugliesi da celentano ad abatantuono a jannacci a muti e al vicesindaco de corato milano ha rappresentato per molti emigranti una possibilità di lavoro ma anche il miraggio della modernità i voro i famigerati gulag ma questa tragedia sconosciuta ai libri di storia non ha avuto purtroppo ancora termine in quanto a distanza di settant anni la autorità ucraine non hanno ancora riconosciuto da un punto di vista storico e giuridico la deportazione della comunità italiana e di quella pugliese in particolare e lo sterminio alla quale fu sottoposta neppure le autorità italiane sono riuscite a concedere ai nostri connazionali tale riconoscimento e la cittadinanza italiana ai sopravvissuti e ai discendenti dei deportati una comunità oggi ridotta a circa 300 persone spogliate di ogni proprietà e di risorse che vive tra difficoltà e stenti su questa triste pagina della storia del secolo scorso l arp ha inteso fare luce e opera di conoscenza e di promozione organizzando un convegno durato tre giorni che ha visto come relatori docenti universitari e ha altresì ascoltato gli interventi di alcuni ex deportati che supportati da filmati e da una mostra fotografica hanno raccontato le ore drammatiche a p g nella foto una famiglia di pugliesi emigrante in crimea fra 100 progetti concorrenti al jolli hotel del forum di assago fra circa quattrocento soci dell arp di milano alla puglia il premio «pianeta acqua» la regione puglia si è aggiudicata il premio nazionale pianeta acqua ­ sezione civile nell ambito del forum sul risparmio e conservazione della risorsa idrica promosso dalla regione emilia romagna e ciò per il progetto relativo all impianto di fitodepurazione di melendugno le unico al mondo per le portate smaltibili l impianto in questione dovrà servire un consorzio di abitanti fra i comuni di calimera martignano melendugno e relative marine in tutto dono circa 41.000 i cittadini residenti in queste località il progetto pugliese è stato premiato a livello nazionale su un totale di circa 100 progetti che hanno concorso l impianto vincitore si pone come esperienza pilota nel campo della gestione delle acque in puglia mirando a coniugare l esigenza della depurazione e dello smaltimento delle acque reflue con quella della riqualificazione ambientale e dell arricchimento del mosaico eco-paesaggistico regionale e ciò sarà reso possibile per il tramite della creazione di un area umida per la tutela sia della fauna e sia della flora tipiche di tali ambienti così ancora una volta una iniziativa di tale portata avveniristica vede la puglia premiata perché al passo con le esigenze della ricerca scientifica più avanzata carnevale ambrosiano al bano tra i pugliesi meneghini ni locali che sono giunti a salutare i conterranei in clima di grande cordialità poi ecco l ospite d onore della serata il grande albano carrisi che ­ dopo la cena ­ è salito sul palco e ha deliziato il pubblico con alcuni dei suoi maggiori successi e con l ultima canzone presentata al festival di sanremo al termine della sua esibizione gli ascoltatori sono rimasti ancora più incantati nell ammirare il corpo di ballo brasiliano costituito da fantastiche e slanciate fanciulle coperte di piume e paillettes che hanno coinvolto tutti i presenti intervenendo in sfrenati balli di gruppo e le sorprese non sono finite tre danzatrici del ventre hanno completato la serata con le loro sensuali movenze tra gli applausi degli intervenuti così tra danze balli animazione musica e la presenza straordinaria delle telecamere di telenorba che immortalavano la serata i nostri gaudenti stanchi ma contenti hanno lasciato l hotel mentre la pioggerellina del primo mattino iniziava a cadere e introduceva al più sobrio clima quaresimale i i g foto vito suriano milano ­ il carnevale ambrosiano è notoriamente più lungo di quello romano perché finisce con il sabato grasso e non il martedì grasso e i pugliesi-milanesi prima di prendere le ceneri segno di conversione e di penitenza all inizio del tempo quaresimale non si sono fatti mancare nulla per una festa di carnevale all insegna del buon gusto e dello stare bene insieme gli ampi locali del jolly hotel del forum di assago sono stati la meta di circa quattrocento ospiti che tra stuzzicanti aperitivi pietanze prelibate musica dal vivo e danze hanno trascorso la serata allietati dal brio del presidente dell arp associazione regionale pugliesi di milano cav dino abbascià e dal suo direttivo che si è occupato dell accoglienza e del programma di intrattenimento che non fosse la solita festa si è capito dalla presenza dei rappresentanti di origine pugliese delle istituzio g nella foto da sx al bano carrisi con il presidente dell arp cav dino abbascià la tua voce 24 ore su 24 la tua voce 24 ore su 24 fm 91,950 radio meneghina fm 91,950 radio meneghina quotidiano radiofonico indipendente di informazione cultura economia e varietà fondato e diretto da e-mail segreteria@radiomeneghina.it tullio barbato via fax e telefonica 02-48518913 www.radiomeneghina.it quotidiano radiofonico indipendente di informazione cultura economia e varietà fondato e diretto da e-mail segreteria@radiomeneghina.it tullio barbato via fax e telefonica 02-48518913 www.radiomeneghina.it

[close]

p. 4

p agina 4­ gennaio aprile 11 d alla l ombardia la gazzetta della puglia la fiera del turismo di milano ha promosso a pieni voti l immagine della puglia stand puglia bit bit e fuori bit 2011 ni giganti che pubblicizzavano nazioni e paesaggi e i luoghi più significativi della città palazzi storici note discoteche sale artistiche piazze hanno visto per quattro giorni un insieme di eventi promozionali per giornalisti operatori turistici politici ma anche curiosi desiderosi di assaggiare qualche specialità locale in questi contesti si sono svolte sfilate di moda danze concerti mostre degustazioni persone significative sono state invitate da presidenti di province sindaci e assessori a cene di gala caratterizzate da pietanze tradizionali di vari paesi mentre la serata era allietata da suonatori tamburelli danzatrici in costume evidenti anche le strategie comunicative e commerciali la puglia ad esempio ha schierato le sue province suddivise in base alla peculiarità storica del territorio i presidenti delle province di taranto brindisi e lecce hanno pubblicizzato il salento invece le tre province di bari barletta-andria-trani e foggia sono stata più coese nel presentare l ambiente del nord barese e qui con un colpo da maestri se possiamo dirlo con legittimo orgoglio infatti nel contesto di quel fuori bit di cui sopra i nostri hanno montato un grande stand addirittura in piazza duomo a milano unica regione presente e in così grande stile il progetto dal tema «puglia una vacanza da film» ha visto la boom di presenze milano­con le sue 100.000 presenze interne alla fiera e le 100mila presenze fuori si è conclusa la trentunesima edizione della borsa internazionale del turismo a milano si è potuto così assistere a cartelloni di eventi mostre fotografiche appuntamenti musicali culturali ed enogastronomici l occasione è stata utile per far incontrare domanda e offerta turistica il boom di presenze si è registrato negli stand regionali di puglia e basilicata anche altamura era presente con il suo desk in piazza duomo in merito l assessore con delega al turismo giovanni saponaro ha fatto il punto della situazione sulla fiera che da qualche giorno ha calato il sipario «il costo per lo spazio ­ ha riferito ­ è stato di 2.000 euro più iva sono serviti per allestire all interno dello stand della provincia di bari bat e foggia un desk in piazza duomo a milano oltre a questi vi sono anche quelli relativi alle partecipazioni istituzionali tra giovedì e venerdì 24 e 25 febbraio ndr secondo un monitoraggio della provincia di bari ci sono stati 20.000 visitatori con una massiccia presenza internazionale soprattutto russi» milano ­ anche quest anno a febbraio si è svolta a milano la borsa internazionale del turismo bit giunta alla trentunesima edizione la fiera che presenta le bellezze turistiche culturali gastronomiche del pianeta si tratta dell offerta turistica internazionale veicolata dagli enti locali e nazionali e dagli stessi operatori del settore tramite le loro organizzazioni il mondo si apre a milano ma anche milano si apre al mondo l occasione e la novità quest anno è stata fornita dal cosiddetto fuori bit considerando che da tutto il mondo sono confluiti a milano sindaci amministratori personaggi dello spettacolo e della cultura giornalisti per la promozione delle diverse regioni italiane e mondiali quasi dispiaceva utilizzare nomi e risorse solo di giorno negli enormi padiglioni della fiera perché non valorizzarli creando eventi e incontri anche di sera e fuori dagli ambienti fieristici e così hanno fatto gli esperti di comunicazione e di promozione territoriale la città si è riempita di cartello proiezioni di scene di film famosi girati in queste zone e dico di più lo stand ha visto anche una massiccia distribuzione di taralli biscotti dolcetti mozzarelle vini e liquori lo stesso sindaco di milano letizia moratti vi ha dedicato una visita poi si è svolta una riuscita conferenza stampa tra amministratori pugliesi e lombardi di origine pugliese collante delle manifestazioni era costituito dall arp l associazione regionale pugliesi di milano È intervenuto anche il noto cabarettista uccio de santis in più a rallegrare l ambiente la banda di gioia del colle con il sindaco in testa con tanto di fa scia tricolore indossando la quale si è messo a servire personalmente i tanti convenuti alla degustazione di mozzarella a dedurre dall affluenza e dal gradimento pare che i milanesi abbiano apprezzato sicuramente questa estate vedremo più turisti anche grazie a questo tipo di manifestazioni e all impegno degli amministratori a farsi personalmente promotori ­ o meglio ambasciatori di turismo pugliese i g nella foto da sx il presidente dell arp abbascià l intervistatrice di telenorba e l assessore regione lombardia colucci i a milano dal 30 maggio al 3 giugno con la presenza del papa 37ª edizione del festival della valle d itria vii incontro delle famiglie presentato il cartellone 2011 milano ­ con la pubblicazione della lettera di benedetto xvi inviata all arcivescovo della città ambrosiana card dionigi tettamanzi si è avviato ufficialmente il cammino verso il vii incontro mondiale delle famiglie esso si terrà a milano dal 30 maggio al 3 giugno 2012 e vedrà la presenza del papa in città per la conclusione dell evento ratzinger nel suo messaggio ricorda che la celebrazione dell incontro «non dovrebbe rimanere un evento isolato ma collocarsi dentro un adeguato percorso di preparazione ecclesiale e culturale» tra due anni la città di sant ambrogio e san carlo accoglierà le famiglie di tutto il mondo l appuntamento del 2012 mobilita già da ora l intera diocesi a tutti i livelli le attese da parte della chiesa universale infatti sono molte ma «l efficienza operativa dei milanesi assicura una buona organizzazione e una felice riuscita dell evento» lo sostiene il cardinale ennio antonelli presidente del pontificio consiglio per la famiglia ricordiamo che la città meneghina dopo l incontro mondiale delle famiglie 2012 festeggerà il 1.700° anniversario dell editto di milano 2013 e expo 2015 in tale ottica sarà opportuno e necessario un ampio coinvolgimento istituzionale sulle iniziative costituendo un occasione di lavoro a tutti i livelli capace di operare significative ed efficienti ricadute positive per la migliore riuscita organizzativa di questi eventi che onorano la metropoli lombarda la centralità della città ambrosiana della milano in marcia verso i grandi eventi storici economici e socio-culturali emerge proprio in questi momenti milano ­ martina franca saluterà il 15 luglio la 37ª edizione del festival della valle d itria in programma aureliano in palmira direttore giacomo sagripanti regista timothy nelson la rappresentazione verrà replicata il 17 nel suggestivo cortile del secentesco palazzo ducale per assistere all opera fioccano da tempo le prenotazioni non solo da ogni angolo del paese ma come sempre anche dall estero non meno attesa il 24 per der ring des polycrates e das geheime konigreich prima volta in scena in italia direttore roman brogli sacher regista gabriele lavia una coproduzione con theater lubeck replica il 26 al teatro verdi il 29 e il 31 luglio verrà proposto il novello giasone di francesco cavalli riadattato da alessandro stradella prima esecuzione mondiale in tempi moderni dopo il ritrovamento del manoscritto autografo considerato perduto un capolavoro del xvii secolo il programma contiene anche una serie di interessantissimi concerti che si svolgeranno oltre che nello stesso palazzo ducale nella basilica di san martino nel chiostro di san domenico e in altri prestigiosissimi luoghi il 3 e il 5 agosto in collaborazione con l accademia del bel canto «r celletti» gli appassionati potranno assistere a opera workshiop il festival si concluderà il 6 agosto con una serata straordinaria dedicata al premio celletti 2011 il cartellone verrà come ogni anno presentato a milano al piccolo teatro paolo grassi in via rovello dall infaticabile dotto presidente franco punzi e dal direttore alberto triola l appuntamento è per il 18 maggio al termine farà la sua parte il capocollo di martina franca noto e apprezzato in tutto il mondo deliziando il palato dei convenuti melomani cantanti giovani e di gran nome in alcune edizioni si è vista fra gli altri magda olivero direttori d orchestra critici musicali giornalisti il festival d itria è un occasione da non perdere e nessuno la perde il 15 luglio a martina franca arriveranno inviati di tutti i maggiori quotidiani nazionali e riviste specializzate l presicci c quaranta tanti auguri il 18 aprile presso la facoltà di scienze linguistiche e letteratura straniera dell università cattolica di milano si è laureata in scienze linguistiche col massimo dei voti 110/110 la nostra collega giornalista direzione e redazioni 20148 milano via saverio altamura n 11 telefono e fax 02/36.51.30.48 70121 bari via prospero petroni n 5 telefono e fax 080/52.44.392 direttore responsabile domenico tedeschi responsabile redazione puglia milly chiusolo stampa tip mil srl via monferrato n 9/11 20094 corsico-mi tutti i diritti sono riservati manoscritti foto diapositive disegni e altro materiale anche se non pubblicati non saranno restituiti le redazioni non sono responsabili delle opinioni espresse dagli autori degli articoli pubblicati attivita editoriale non commerciale ai sensi dell art 4 dpr 26 ottobre 1972 n 633 e successive modifiche gli avvisi pubblicitari sono omaggio della direzione a ditte ed enti che offrono un contributo per il sodalizio ordinario 30 euro sostenitore 50 euro e benemerito 300 euro francesca soffientini «la gazzetta della puglia» formula alla neo dottoressa francesca le più vive felicitazioni per un semper ad majora c/c banca popolare di puglia e basilicata filiale di milano n.150-532/6 abi 5385-0 cab 01600 bic bpdmit3b intestato all unione editoriale.

[close]

p. 5

la gazzetta della puglia m iscellanea gennaio aprile 11 ­ p agina 5 il primato negativo purtroppo è appannaggio della regione campania il corsivetto di antonio focone si attenua la crisi ma l usura resta in ascesa l usura è un reato previsto e punito dall articolo 644 del codice penale che ricorre quando una persona approfittando dello stato di bisogno di un altra si fa da questa dare o promettere sotto qualsiasi forma per sé e per gli altri come corrispettivo di un prestito di denaro o della prestazione di una cosa mobile interessi o altri vantaggi usurari per stato di bisogno si intende una situazione di disagio economico che induce la persona a chiedere la sovvenzione e che ne limita la libertà di scelta rendendola facile preda dello strozzino È la legge a stabilire il limite oltre al quale gli interessi sono usurari comunque sono sempre illegali gli interessi che considerato il tasso medio praticato per operazioni similari risultino sproporzionati rispetto alle prestazioni di denaro o di altra utilità il limite oltre il quale gli interessi sono usurari è costituito dal tasso effettivo globale medio il cosiddetto tegm maggiorato del 50 la rilevazione viene effettuata dalla banca d italia per conto del ministero dell economia e delle finanze le tabelle dei tassi medi vengono pubblicate nella g.u con decreto del ministro dell economia e sono disponibili anche sul sito internet della banca d italia la rilevazione ha una periodicità trimestrale aumenta l indebitamento delle famiglie al sud e gli usurai ne approfittano a lanciare l allarme di recente che vede famiglie e imprese del mezzogiorno in crisi per via dei debiti è vraindebitamento delle famiglie del mezzogiorno nel 2010 è cresciuto del 156,2 rispetto al 2009 e l usura è aumentata del 117,6 dati allarmanti questi che fanno riflettere la società civile e il mondo economico-finanziario unitamente ai problemi annessi alla sopravvivenza delle famiglie meno abbienti a rischio ci sono 681.000 famiglie e 716.000 piccoli imprenditori secondo i dati di contribuenti.it È da sottolineare che il debito medio delle famiglie meridionali ha raggiunto i 31.200 euro mentre quello dei piccoli imprenditori si attesta a 49.300 euro in tale contesto emergono fattori di incertezza di non poco conto fenomeni che però mettono in discussione anche il modo di agire e di operare dei controlli nella giungla degli usurai il primato della campania tra le regioni più esposte al rischio usura conferma il trend già emerso negli anni scorsi nel 2009 il sovra indebitamento delle famiglie era cresciuto del 62,3 rispetto all anno precedente e la propensione delle famiglie napoletane all usura nello stesso anno era arrivata al 44 secondo il rapporto svimez 2010 associazione per lo sviluppo dell industria nel mezzogiorno tra il 1990 e il 2009 circa 2 milioni 385mila persone hanno abbandonato il meridione per cercare altrove un posto di lavoro come non chiedersi se ci sia ancora un futuro credibile per un mezzogiorno dimenticato un po da tutti ma soprattutto dai suoi politici mala tempora currunt il terremoto in giappone ha provocato morte fame distruzione di un territorio devastato e prostrato dalla libia soffiano venti di rivoluzione i mercenari del cinico e crudele rais gheddafi compiono eccidi contro il popolo non risparmiando donne e bambini i più deboli e i più indifesi quale ignobile vigliaccata un offesa all umanità intera secondo me giocar di fioretto con l arma della diplomazia contro un dittatore non credo dia dei risultati la storia insegna che mai la diplomazia fu arma vincente contro un despota un dittatore infatti la diplomazia contro gheddafi ha fallito e tutti stanno pensando al dopo gheddafi italia francia germania insomma con l europa anche l america e la cina non credo siano tempi belli per l umanità in casa nostra non siamo da meno lampedusa è stata letteralmente invasa da profughi che dall egitto dall india dalla libia ma soprattutto dalla tunisia sbarcano e liberamente circolano per l isola una polveriera umana pronta ad esplodere situazione ritornata alla normalità grazie all intervento di berlusconi con maroni il turismo unica fonte di reddito per l isola si troverebbe a dover essere per questo in grave difficoltà per quanto il ministro dell interno maroni si impegni a risolvere il problema in collaborazione non facile con le altre regioni,il problema però resta sempre un problema v è anche il pericolo di migranti detenuti evasi dalle carceri libiche e tunisine insieme alla probabile presenza di terroristi infiltrati che preoccupa non poco la nostra sicurezza vi risparmio cari amici lettori i mala tempora currunt di casa nostra È sempre la solita storia bersani contro berlusconi di pietro giustizialista bossi in attesa di come si mettono le cose per poi decidere il fare i piccoli partiti satelliti girano intorno agli altri fini e casini colonnelli in congedo cercano con l esercito dei proseliti un dopo berlusconi tutto come ieri anche oggi e il popolo cioè noi paghiamo le tasse e possiamo solo brontolare:«mala tempora currunt» che brutti tempi stata contribuenti.it secondo il monitoraggio condotto da tale associazione la campania risulta la regione con il tasso di usura più elevato la campania felix degli antichi romani è solo un vecchio e nostalgico ricordo purtroppo dopo aver attivato lo sportello a tutela dei cittadini contro gli strozzini l associazione nazionale ha stilato una lista nera in cui dietro la campania ci sono puglia sicilia calabria basilicata e molise tra le regioni fortemente indebitate stando sempre ai dati diffusi dai rappresentanti di contribuenti.it il so g carpentieri indicazioni utili per votare correttamente dall assessorato al welfare regione puglia servizio pugliesi nel mondo i referendum di giugno roma ­ il 12 e 13 giugno prossimi si ritorna alle urne si vota per il referendum nonostante sulla rete l informazione abbondi i media tradizionali non hanno ancora dedicato spazio all argomento e molti cittadini sono confusi a riguardo dai recenti sondaggi risulta non esser chiara a molti la modalità di voto al contrario indipendentemente dagli orientamenti espressi il fatto che il governo stia anche in questi giorni discutendo sul nucleare non facilita le cose per ora ci possiamo però affidare con certezza alla pubblicazione ufficiale queste sono le denominazioni sintetiche pubblicate dalla cassazione referendum popolare n 1 ­ modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici di rilevanza economicaabrogazione referendum popolare n 2 ­ determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all adeguata remunerazione del capitale investitoabrogazione parziale di norme referendum popolare n 3 ­ nuove centrali per la produzione di energia nucleare abrogazione parziale di norme referendum popolare n 4 ­ abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010 n 51 in materia di legittimo impedimento del presidente del consiglio dei ministri e dei ministri a comparire in udienza penale quale risultante a seguito della sentenza n 23 del 2011 della corte costituzionale in sintesi e in parole molto più semplici i cittadini italiani sono chiamati a rispondere a 4 domande quattro voti i primi due sulla privatizzazione dell acqua notare bene bisogna votare sì se non si è d accordo con la privatizzazione dell acqua si deve votare no se si è favorevoli alla privatizzazione dell acqua il terzo voto è sulla produzione di energia nucleare anche qui bisogna fare attenzione si vota sì se non si è d accordo con le centrali nucleari si vota no se si è favorevoli alle centrali nucleari il quarto voto è per l eliminazione del legittimo impedimento del presidente del consiglio dei ministri e dei ministri stessa modalità di voto contrario votare sì se non si è d accordo sul legittimo impedimento votare no se si è favorevoli al legittimo impedimento concorso fotografico 2011 d alla p uglia ­ «pugliesi nel mondo concorso fotografico per il 150° dell unità d italia» titola il bando di concorso esposto nell albo pretorio del comune di bari infatti l assessorato regione puglia al welfare ­ servizio pugliesi nel mondo nell ambito delle celebrazioni per i 150 anni della ricorrenza dell unità d italia ha indetto il primo concorso fotografico del 2011 intitolato «i tre colori della emigrazione» queste le finalità che persegue il concorso registrare e raccontare attraverso la capacità sintetica ed evocativa delle immagini i diversi aspetti e le sfaccettature più variegate della emigrazione pugliese evidenziando nel contempo la stretta connessione tra emigrazione e l unità d italia possono partecipare alla «tenzone» tutti i cittadini pugliesi e tutti i membri delle associazioni e federazioni dei pugliesi nel mondo indipendentemente dalla cittadinanza agli studenti delle scuole di primo e secondo grado e degli atenei pugliesi chiamati ad inviare una immagine che racconti un aspetto specifico dell emigrazione pugliese sulla base delle due sezioni proposte testimonianze della emigrazione pugliese nella storia foto di famiglie in partenza foto di gruppo di pugliesi all estero foto eloquenti di mezzi di trasporto in partenza foto storiche dell emigrazione sudnord italia e qualsiasi altra immagine che racconti l emigrazione pugliese nella storia l emigrazione pugliese oggi foto che raccontino attraverso storie di identità esodo e nel contempo appartenenza alla propria terra il fenomeno della fuga dei cervelli l emigrazione ai tempi del web l emigrazione dei giovani d oggi l emigrazione come esperienza che accomuni tutti gli italiani per ulteriori informazioni per richiedere la modulistica e i termini per la presentazione della domanda di partecipazione indirizzare a regione puglia servizio pugliesi nel mondo segreteria organizzativa o telefonare al +39 080 5405776 oppure per fax allo 080 5405764 email comunicazione.serviziopugliesinelmon do@regione.puglia.it w e b http www.pugliesinelmo ndo.net riapre la spiaggia di monopoli dalla puglia ­ finalmente un motivo di gioia per tutti gli amanti delle spiagge pugliesi È recentissima infatti la notizia diffusa da un comunicato ansa dell iniziativa di rifacimento che verrà avviata a brevissimo mirata alla ricostituzione delle spiagge pugliesi in particolare i lavori di intervento per ripristinare i lidi costieri sono rivolti alla spiaggia che sorge nel cuore del centro storico di monopoli e sul litorale capitolo le correnti marine che agiscono in questa zona sono altamente corrosive e con l andare del tempo hanno rovinato il litorale attraverso una vera e propria azione demolitrice ma ora su decisione delle istituzioni preposte è stato deciso di intervenire per restituire tutta la sua bellezza ad una spiaggia che è sempre stata tale i turisti non devono più preoccuparsi entro l estate le coste di monopoli torneranno ad essere belle e curate come un tempo promessa della regione puglia ulivi pugliesi per pasqua a roma dalla puglia ­ quest anno la pasqua si è tinta di colori e profumi pugliesi anche a roma in occasione della domenica delle palme infatti piazza san pietro è stata addobbata completamente da fiori ulivi e piante provenienti dalla puglia l iniziativa è stata promossa dalla camera del commercio di bari che tra l altro ha sostenuto il relativo onere la caratteristica di questa novità è stata la collocazione proprio in piazza san pietro a roma di 13 ulivi secolari pugliesi inoltre sono stati posti in essere tutti quegli accorgimenti utili per ricreare il paesaggio tipicamente meridionale piantando gli ulivi sul terreno rosso che ricorda quello pugliese ma non è tutto sono state anche realizzate delle composizioni floreali che hanno addobbato tutto san pietro in più due ulivi sono stati piantati sotto le statue di san pietro e san paolo e altri­hanno confermato i promotori­verranno piantati in questi giorni nei giardini del vaticano f soffientini manuela panzeri f soffientini

[close]

p. 6

p agina 6­ gennaio aprile 11 d all i talia /e uropa la gazzetta della puglia il curriculum vitae il 1° maggio papa benedetto xvi ha proclamato santo il suo predecessore papa wojtyla beato sieme amedeo minghi tosca i matia bazar la premiata forneria marconi e roby facchinetti non è mancata la musica classica con l esecuzione di un ave maria con le testimonianze di don massimo camisasca cardinale stanislaw dziwisz andrea riccardi padre lucio maria zappatore monsignor domenico sigalini elio toaff e joaquìn navarro valls questi giorni di festa hanno visto l apertura straordinaria di tutti i musei romani ed altri eventi culturali non direttamente legati alla figura di papa giovanni paolo ii per accogliere i numerosi fedeli nel modo migliore in città sono stati distribuiti 35 punti di informazione per fornire cartine di roma con l ausilio di circa 600 operatori un grazie va alle forze dell ordine centinaia di operatori della polizia municipale dell arma della polizia di stato dei servizi sociali oltre a operatori e volontari della protezione civile intanto dalla citta del vaticano apprendiamo che il 22 ottobre anniversario di inizio del pontificato è la data in cui ogni anno si celebrerà il nuovo beato giovanni paolo ii È quanto si legge nel decreto emanato dalla congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti a decorrere dalla beatificazione tenutasi il primo maggio il testo inoltre sancisce che il culto liturgico del nuovo beato sarà iscritto per ora nei calendari della diocesi di roma e in quelle della polonia il testo pubblicato dall osserva chi è stato il papa venuto dall est karol josef wojtyla nasce a wadowic cittadina a 50 km da cracovia il 18 maggio 1920 figlio di karol sarto che dal 1900 aveva servito l esercito austriaco come sottufficiale e di emilia kaczorowska figlia di un sellaio a 9 anni josef perde la madre e il 9 dicembre 1932 perde anche il fratello edmund intanto superati gli esami di maturità 14 maggio 1938 si iscrive all università jagellonica alla facoltà di lettere e filosofia con l occupazione nazista chiuse le università il giovane karol lavora come operaio 1940-44 in una cava di pietra e dopo in una fabbrica chimica solvay il 18 febbraio 1941 gli muore il padre arriva la «chiamata» e frequenta i corsi di formazione del seminario maggiore clandestino di cracovia dopo aver subìto un incidente stradale finalmente arriva il giorno della tonsura 9 novembre 1944 e il 1° novembre 1946 viene ordinato sacerdote prosegue gli studi all angelicum di roma torna a cracovia nel 1949 e successivamente viene 1958 nominato vescovo da papa pio xii e arcivescovo di cracovia nel 1964 nel 1967 paolo vi lo nomina cardinale viene eletto papa lunedì 16 ottobre 1978 il 2 aprile 2005 alle ore 21,37 papa giovanni paolo ii muore all età di 84 anni nel suo appartamento privato i dalla prima pagina al termine sono state esposte le spoglie di papa giovanni paolo ii per essere venerate dalle tante centinaia di migliaia di fedeli accorsi per l evento dopo si è tenuto l incontro di lunedì 2 maggio con la messa delle 10.30 sempre in piazza officiata dal cardinale tarcisio bertone ma non è finita qui ci sono stati anche gli eventi culturali due mostre e un concerto la prima karol il papa dei popoli è stata una mostra fotografica allestita in piazza della repubblica dal 29 aprile al 13 maggio oltre 150 foto video e oggetti del papa sono stati i protagonisti della mostra all altare di dio allestita nei musei capitolini a palazzo caffarelli dal 28 aprile fino al 25 settembre un incontro all insegna della musica è stato invece quello programmato sempre per lunedì 2 maggio alle 19 in piazza del campidoglio in concerto si è esibita l orchestra stabile di sanremo diretta da fabrizio santori che ha aperto con un inedito magnificat a due voci in tore romano stabilisce ancora che nell arco dell anno successivo alla beatificazione ossia fino al 1° maggio 2012 sarà possibile celebrare messe di ringraziamento i cui luoghi e date saranno stabiliti dai singoli vescovi per le rispettive diocesi o dai superiori generali per le famiglie religiose prima di chiudere questo nostro breve servizio non possiamo non ricordare che la beatificazione di karol wojtyla papa giovanni paolo ii è stata proclamata ­ ripetiamo ­ il primo maggio dopo sei anni dalla morte avvenuta alle 21,37 del 2 aprile 2005 e ciò per volere di benedetto xvi che ha derogato alle norme che prevedono di attendere 5 anni dalla morte per aprire il processo canonico per la beatificazione il 13 maggio 2005 poco dopo la sua elezione papa ratzinger annunciò il suo consenso all apertura immediata della causa canonica per wojtyla era stato proprio quest ultimo a derogare per la prima volta a questa norma per la beatificazione di madre teresa di calcutta i g nelle foto papa giovanni paolo ii i torino ha ospitato il congresso a cura di agostino picicco e francesco lenoci dell arp di milano grande adunata dei sodalizi pugliesi d europa torino ­ si è svolta di recente a torino l assemblea delle associazioni di emigranti pugliesi di tutta europa per eleggere la propria rappresentanza in seno al consiglio generale dei «pugliesi nel mondo» che comprende i rappresentanti di tutte le associazioni pugliesi dei cinque continenti si tratta di un organismo previsto dalla legge della regione puglia n 23 del 2000 che raggruppa le associazioni riconosciute dalla regione e iscritte in un apposito albo regionale gestito dal servizio dei pugliesi nel mondo l assemblea di torino che ha visto la partecipazione di 33 presidenti di associazioni europee e di esponenti e dirigenti della regione puglia non si è occupata solo di adempimenti previsti dalla citata legge ma ha colto l occasione di tali significative presenze per fare il punto sulle necessità e sullo stato delle associazioni degli emigranti ovviamente quelle all estero ad esempio belgio germania francia svizzera hanno espresso difficoltà legate ai rapporti con i consolati l opportunità di un rientro ecc diverso il discorso delle associazioni italiane È toccato a chi scrive svolgere una riflessione sul ruolo e sulle modalità operative delle associazioni di pugliesi in italia oltre milano anche roma e torino hanno associazioni ricche di presenze e attività ho parlato dello sforzo di queste associazioni per giungere a definire ruolo e obiettivi allo stato attuale ma considerando sempre la necessità di essere aderenti al contesto e ai nuovi bisogni una moderna e dinamica associazione di emigranti deve essere a impostata culturalmente ricca di eventi che promuovano eccellenze autori ricchezze di terra di puglia b fondata sull amicizia dei soci che prima che soci sono amici e ciò è favorito da eventi di aggregazione e di accoglienza c aperta al sociale a milano ad esempio si sono svolte attività molto innovative di attenzione ai carcerati organizzando recite negli istituti penitenziari con protagonisti gli stessi detenuti dattenta alla comunicazione ormai la gestione del sito internet come biglietto da visita del contatto rapido e non dispendioso con i soci tramite newsletter facebook canale you tube periodico associativo è realtà consolidata e efficace organizzativamente nel senso di gestione trasparente attenzione alla pratiche burocratiche all archivio ai contatti con gli enti pubblici territoriali associazioni pro loco ecc non sono mancati anche momenti conviviali per la promozione del marchio puglia a picicco don tonino bello beato se ne parlerà in venezuela 21 dicembre 2007 da parte del vescovo luigi martella del «nulla osta» da parte della congregazione delle cause dei santi a iniziare l iter per la causa di beatificazione nel mese di aprile 2008 sono stati nominati i componenti del tribunale ecclesiastico un dato di fatto sono tantissimi coloro che si augurano di vivere abbastanza per essere presenti il giorno della proclamazione a santo di don tonino bello e non si tratta solo di un modo di allungarsi la vita ma del bisogno di rendere omaggio al citato grande dono che il padreterno ha fatto alla puglia e al mondo intero per don tonino «vivere insieme alla sequela di cristo sul passo degli ultimi» non è stato uno slogan ma il modo concreto di vivere il suo ministero episcopale condividendo anzi incarnando i problemi le angosce le speranze della gente trasformando la cultura attraverso un dialogo franco e senza paure facendo in modo che l annuncio profetico dell amore ai poveri e agli umili diventasse realtà per lui essere chiesa significava «praticare accoglienza portare gli uni i pesi degli altri esprimere simpatia per gli ultimi compassione per i sofferenti schieramento con gli oppressi compagnia con i lontani attenzione per i problemi planetari» don tonino ha considerato la promozione umana come parte integrante dell evangelizzazione secondo don tonino i gravi problemi del meridione o del sud del mondo in generale non vanno risolti con l assistenzialismo ma stimolando tutti soprattutto i giovani a essere protagonisti del loro futuro e del loro sviluppo lo stile di pellegrino con il quale il vescovo si recava dagli emigranti è descritto in una lettera del 21 novembre 1987 «verrò da povero a poveri senza apparati senza clamore con tanta fraterna solidarietà ma verrò soprattutto a prendere a prendere un frammento dei valori nei quali voi continuate a credere e che da noi forse si stanno malinconicamente logorando la speranza la centralità dell uomo la pace che nasce dalla giustizia la solidarietà con i poveri e i sofferenti una diversa qualità della vita» sempre disponibile al primo passo e all accoglienza don tonino aveva visitato personalmente i suoi diocesani residenti in australia ottobre 1983 argentina ottobre 1985 stati uniti d america agosto 1986 e venezuela luglio 1988 in particolare le tappe del viaggio in venezuela furono caracas isola margarita valencia porto gabello chichiriviche barquisimeto maracaybo testimonia l ing vito lazzaro allora presidente dell associazione pugliese di caracas che nella capitale del venezuela l incontro si svolse nel salone della chiesa madonna di pompei gestita dai padri scalabriniani ed è proprio a vito lazzaro membro del consiglio generale «pugliesi nel mondo» e residente a caracas che ci siamo rivolti per avere supporto logistico ai fini dell organizzazione di un convegno che consenta di parlare di don tonino bello nella foto nei luoghi da lui visitati 20 anni fa con l unico intento di far nuovamente riecheggiare le sue meravigliose richieste «donaci signore la grazia dello stupore restituiscici il gusto delle esperienze che salvano non risparmiarci la gioia degli incontri decisivi che abbiano il sapore della prima volta» il 20 aprile 1995 il cardinale carlo maria martini ricordando don tonino bello alessano 1935-molfetta1993 scrisse «a distanza di anni monsignor bello continua a costituire un luminoso esempio di vita evangelica e di testimonianza missionaria don tonino proclamò il vangelo perché lo viveva in prima persona fu fedele alla chiesa perché la contemplava quale corpo di cristo si faceva prossimo a tutti e a ciascuno nella carità perché si era lasciato completamente conquistare dall amore di gesù figlio del padre e rivelatore della vita trinitaria» del compianto vescovo di molfetta monsignor antonio bello per tutti don tonino in tante chiese pugliesi e del resto del mondo a fine ottobre 2007 è stato ricordato il 25° anniversario di consacrazione episcopale e l 8 dicembre il 50° anniversario di ordinazione sacerdotale a coronamento di questi importanti anniversari c è stato l annuncio in data i

[close]

p. 7

la gazzetta della puglia d alla p uglia /f oggia gennaio aprile 11 ­ p agina 7 da una indagine la 13ma condotta dal consorzio interuniversitario «almalaurea» l epidemia preoccupa la regione la situazione dei laureati in capitanata foggia ­ il consorzio interuniversitario «almalaurea» monitora l inserimento lavorativo dei laureati fino ai primi cinque anni successivi al conseguimento del titolo le indagini effettuate da tale consorzio sono uno strumento fondamentale per valutare l efficacia esterna del sistema universitario e misurare l apprezzamento del mondo del lavoro nei confronti dei laureati il rapporto di almalaurea traccia la radiografia del capitale umano uscito dalle università e costituisce un punto di riferimento per tutti coloro che guardano con interesse il sistema di istruzione superiore del paese nei suoi diversi aspetti l indagine 2010 riferita al 2009 ha coinvolto quasi 400.000 laureati di 54 atenei aderenti al consorzio sono stati intervistati 178.000 laureati post-riforma ad un anno dalla conclusione degli studi 38.000 laureati di secondo livello a tre anni e 29.000 laureati pre-riforma a cinque anni due specifiche indagini sperimentali compiute esclusivamente via web hanno inoltre riguardato 92.000 laureati di primo livello del 2007 e 61.000 del 2005 rispettivamente a tre e cinque anni dalla laurea dall indagine effettuata presso l università degli studi di foggia emerge che i laureati nel 2009 sono stati 1.162 e l età media dei laureati è di quasi 28 anni mentre la media del voto di laurea è di poco più di 106 la durata media degli studi è di 4 anni e mezzo il numero di intervistati è stato di 1.039 di cui la lebbra dell olivo dilaga in puglia dalla puglia ­ «continuiamo a tenere alta l attenzione sulla diffusione invasiva della lebbra dell olivo per prevenire ulteriori infezioni del morbo che rischia di essere letale per la olivicoltura pugliese» l assessore alle risorse agroalimentari della regione puglia dario stefàno spiega la strategia messa a punto dall osservatorio fitosanitario della regione puglia quali azioni di indirizzo per gli agricoltori utili a contenere i danni determinati dal colletotrichum gloeosporioides agente responsabile della malattia che pur presente nelle nostre aree olivicole da moltissimo tempo non si era mai manifestata con la virulenza degli ultimi anni si tratta di un ulteriore intervento che segue la richiesta al ministero delle politiche agricole alimentarie forestali di interventi straordinari per la crisi del settore olivicolo soprattuto nelle province di brindisi e lecce dove la diffusione del batterio ha provocato ingenti danni economici a causa delle precipitazioni frequenti e abbondanti che hanno caratterizzato l annata agraria 2010/2011 intanto circa il persistere dell annoso problema in ordine alla crisi idrica si registra una nuova intesa regione-governo «di concerto con l acquedotto pugliese gestore del servizio idrico integrato in puglia abbiamo individuato una serie di interventi di valenza strategica la cui realizzazione permetterà di raggiungere l obiettivo di affrancare il territorio pugliese dalle problematiche legate alla carenza di approvvigionamento idrico attraverso opere che permetteranno di ottenere una maggiore disponibilità della risorsa idrica e un ottimizzazione delle strutture di distribuzione della stessa» così l assessore regionale alle opere pubbliche e protezione civile fabiano amati ha commentato la proposta pugliese di rimodulazione dell intesa generale quadro tra la regione puglia e il ministero delle infrastrutture e trasporti uomini 37,3 e le donne 62,7 a un anno dalla laurea nel 2010 il 45,2 dei laureati ha partecipato ad almeno un attività di formazione nella fattispecie ad esempio chi ha svolto attività di tirocinio/praticantato è stato il 19,1 chi ha seguito un master universitario di i livello il 7,8 chi ha svolto uno stage in azienda il 13,2 chi un corso di formazione professionale 7,0 mentre il 42,2 ha trovato lavoro gli uomini sono stati il 46,8 e le donne il 39,5 il 20,8 non lavora e non cerca e il 37 è in cerca di prima occupazione il guadagno medio mensile dei neo lavoratori è di 941 euro dal rapporto si evince con chiarezza che gli amministratori locali de vono porsi sempre più e con maggiore incisività l obiettivo di attivare interventi per la creazione di nuove opportunità di lavoro e di sostenere la salvaguardia di posti in situazioni di difficoltà impiegando e mettendo sul tavolo della concertazione università aziende parti sociali amministrazioni locali impegni sforzi e risorse economiche per cogliere in modo significativo la necessità di far fronte alla attuale situazione occupazionale e ciò per dare la giusta considerazione alla principale domanda di di tantissimi giovani ciro troccoli g nella foto foggia piazza cavour i divergenze dal centro-destra la protezione civile si preannunciano in puglia mutamenti microclimatici con danni alla fauna «l ente idrico è un inutile carrozzone» manfredonia ­ una nota del consigliere regionale pdl del 19 aprile giandiego gatta nella foto a lato informa che «l istituzione dell ente idrico in sostituzione dell ato è nient altro che un operazione gattopardesca che di fatto riproduce aggirando la normativa statale con conseguenti rischi di oneroso contenzioso e successive ennesime nuove pronunce di incostituzionalità la situazione preesistente sul cui fallimento pure non c erano dubbi di sorta trattasi di un nuovo carrozzone o poltronificio che dir si voglia i cui inutili costi ricadranno sulle spalle dei cittadini mentre non avranno né potranno avere alcun effetto concreto sul necessario ed urgente potenziamento del nostro servizio idrico che continuerà a dipendere dall aqp mentre al contrario potrebbero arrecare danni al servizio stesso attraverso i rallentamenti procedimentali e le duplicazioni di competenza che hanno già segnato i rapporti tra ato ed acquedotto determinando ritardi pesanti e perdite di risorse talora anche irrimediabili molto meglio sarebbe stato affidare i suoi compiti ad un apposito ufficio regionale evitando aggravi di costi tentazioni clientelari elefantiasi burocratiche che rischiano di riproporre la nota massima per cui in puglia l acqua serve molto più a mangiare che a bere» i guai dell energie alternative dalla puglia ­ tra le regioni italiane la puglia è stata la prima ad attivarsi nella scelta delle energie alternative il via l ha dato dieci anni fa la stessa regione dal primo momento in cui si è insediato vendola ha puntato sullo sviluppo energetico delle fonti alternative in particolare nel settore eolico e fotovoltaico la scelta del sole e del vento fonti pulite ha però scatenato una vera e propria corsa all oro con metodi naturalmente da far west ha scritto nino cirillo:«arriva lo sviluppatore contatta piccole amministrazioni con le casse vuote e contadini che ormai delle loro terre non vivono più presenta il progetto delle pale impacchetta tutto e aspetta la grande azienda per rivendersi a milioni di euro quell autorizzazione e perché cominci un altro affare questo alla luce del sole ma altrettanto discutibile un kw di energia che vale 6,5 centesimi di euro verrà pagato a chi la produrrà con queste pale praticamente il doppio e per quindici lunghissimi anni chi ci rimette è il povero cittadino che paga la bolletta» il messaggero 19 novembre 2010 p 13 secondo i dati dell assessore regionale all ambiente lorenzo nicastro siamo ormai a una produzione di il fotovoltaico ha prodotto un impatto ancora più negativo per forza rispetto all eolico gli incentivi rendono tre volte di più e così in mezzo agli ulivi secolari e ai campi di tendoni d uva fanno brutta mostra di sé mega impianti di pannelli solari la provincia più invasa è quella di brindisi 251 impianti nel 2009 e 578 nel 2010 il trucco è semplice per aggirare le regole imposte dalla regione si costruiscono impianti di dimensioni più piccole uno accanto all altro e sorgono anche in aree protette come quella di caracci a pochi passi da brindisi con grave danno alla fauna il direttore generale dell agenzia regionale per la protezione dell ambiente giorgio assennato ha preannunciato gravi mutamenti microclimatici il presidente della provincia massimo ferrarese in una lettera a vendola «la proliferazione di impianti fotovoltaici è ormai una vera e propria calamità paragonabile a una piena inarrestabile verso la quale bisogna alzare una possente diga» il brindisino febbraio 2011 p iii modesta riflessione a buoi fuggiti a che cosa serve chiudere la stalla per i sottoscrittori questo il nostro nuovo c.c n.150-532/6 banca popolare di puglia e basilicata filiale di milano iban it19 i053 8501 6000 0000 0000 532 intestato a unione editoriale 2.300 megawatt circa 1.800 pale fra impianti installati e autorizzati come se non bastasse il piano energetico ambientale regionale pear consente di arrivare entro il 2016 a 4.000 megawatt le richieste già adesso sono per altri 30mila megawatt qualcosa come oltre 12mila pale eoliche se questa non è pazzia che cos è né va meglio col fotovoltaico potenza prevista dal pear 500 megawatt di cui 360 già installati 5mila richiesti a essere interessata non è solo la terraferma ma anche il mare dei quattordici progetti presentati la regione ne ha approvati sinora uno a tricase le con le torri a una ventina di chilometri dalla costa non è d accordo però che vengano piantate alle isole tremiti almeno questo conseguenze inevitabili corruzione e inchieste penali ricorsi al tar e al con siglio di stato infiltrazione della delinquenza organizzata e intimidazione ai contadini proprietari dei terreni devastazione del paesaggio insomma un disastro eppure i segnali che si sarebbe potuto arrivare a tanto ci sono stati tutti nel 2008 viene arrestato il sindaco di ascoli satriano fg antonio rolla per abusi connessi alla realizzazione di un parco eolico nel 2009 vengono arrestati dieci persone a seguito di un inchiesta della procura antimafia di lecce sul clan bruno e sul parco eolico di torre santa susanna br nel 2010 finisce sotto inchiesta tutta la giunta di sant agata di puglia fg per il parco eolico del sud appennino dauno nel 2011 cioè oggi la procura di napoli ha aperto un inchiesta sul parco eolico di castellaneta ta tra i più grandi d europa 276 pale p filomeno g nelle foto dimostranti contro l eolico

[close]

p. 8

p agina 8­ gennaio aprile 11 d alla p uglia /b ari la gazzetta della puglia lum del principe d altavilla «boemondo era il figlio maggiore di roberto il guiscardo duca di puglia e di calabria nato durante il matrimonio di quest ultimo con alberada di buonalbergo che fu più tardi annullato fu battezzato col nome di marco in onore al santo patrono di san marco argentano ma diventò noto come boemondo a causa di una leggendaria creatura biblica che portava tale nome si sposò nel 1.106 a chartres con costanza di francia figlia di filippo i di francia servì sotto suo padre nel grande attacco ai balcani contro l impero bizantino 1080-1085 e comandò i normanni durante l assenza del guiscardo 10821084 penetrando in tessaglia così come a larissa venendo però respinto da alessio i comneno quest antica reciproca ostilità ebbe grande influenza nel determinare il corso della politica del regno dell imperatore nel periodo che va dall epoca di boemondo che suo padre aveva destinato al trono di costantinopoli a quella di ruggero ii la figlia dell imperatore anna comnena ha lasciato un bel ritratto di boemondo nella sua alessiade ella lo incontrò per la prima volta quando aveva 14 anni e ne restò affascinata anna non ha lasciato alcun ritratto similare di qualsivoglia altro principe crociato» canosa ­ il 10 aprile è andata in onda su raiuno la messa solenne dalla cattedrale di san sabino di canosa di puglia della bat nuova provincia di barletta ­ andria ­ trani per celebrare il ix centenario della morte di boemondo i d altavilla conte di taranto e principe d antiochia canosa è sempre viva nei cuori dei concittadini sparsi per il mondo e pertanto si è voluto cogliere l occasione per aprire una finestra dall antica canusium terra di principi imperatori e vescovi rivolgendosi ai propri fratelli a tutti coloro che non conoscono la antichissima città che prevalentemente è agricola ma anche ricca di tante antichità e agli abitanti della normandia che ha dato i natali al principe boemondo per celebrare con tutti gli onori il ix centenario della sua morte 1111 ­ 2011 si è costituito un comitato di cui fanno parte il comune di canosa di puglia la basilica cattedrale san sabino la fondazione archeologica canosina la società di storia patria per la puglia la santa messa è stata ufficiata dall arciprete monsignore felice bacco e concelebrata da don mario porro e dal vice parroco don peppino balice accompagnata da canti della corale composta di 40 elementi diretta dal maestro salvatore sica e deliziata dalle musiche dell organista gianvito pizzolorusso e dalla solista lucia azzellino diaferio da rilevare la partecipazio la rai il 10 aprile ha ripreso la cerimonia celebrata nella cattedrale s sabino per il suo condottiero canosa commemora il principe boemondo i d altavilla ne di personaggi non in forma ufficiale in quanto la funzione era rivolta ai malati e sofferenti la cattedrale di san sabino fu costruita durante il ducato longobardo già dedicata a santi giovanni e paolo accolse nelle sue mura il venerabile corpo di san sabino patrono di canosa ivi traslate solennemente dal vescovo pietro ii il 1° agosto del 1800 successivamente fu restaurata e ampliata dal principe boemendo le cui spoglie giacciono nel mausoleo a lui dedicato accanto al porticato della cattedrale nella cappella dedicata alla madonna della fonte di pietà icona regalata da boemondo alla nostra cattedrale sono stati collocati al fianco delle porte bronzee del mausoleo i costumi originali indossati sia dal principe boemondo e sia dalla madre alberada allestiti dallo scenografo e costumista damiano franco le iniziative per ricordare boemondo non terminano ma proseguiranno con un fitto calendario · dal 5 al 7 maggio convegno internazionale la cui direzione scientifica sarà affidata a cosimo damiano fonseca presso il centro servizi culturali · mostra permanente di monete normanne presso palazzo monsignor minerva · concorsi a livelli scolastici · laboratori di burattini per celebrare le gesta del popolo normanno · cortei storici da svolgersi nei mesi estivi quando i connazionali che non hanno perso il senso del campanilismo ritorneranno nel paese d origine con l auspicio di incontrare e vivere in prima persona questi momenti storici e unici si dà appuntamento nei prossimi mesi estivi soprattutto per i ferianti del mese di agosto nell accogliente e meravigliosa canosa ma prima di chiudere riportiamo un breve curricu giuseppe s tedeschi rg nella foto i costumi degli altavilla È successo a casamassima la cassazione ha stoppato il referendum per un semplice errore procedurale uovo di pasqua con due preservativi per sorpresa bari ­ un bimbo rompe l uovo di pasqua e nella sorpresa trova due preservativi peccato che a scoprire il cadeau sia stato appunto proprio un innocente bambino che aperto il dolce di cioccolato regalatogli dagli ignari nonni ha trovato una scatoletta con all interno due preservativi il bambino di 6 anni gli ha guardati e ha chiesto ai genitori allibiti «ma cosa sono » l incredibile fattaccio è accaduto in quel di casamassima ba come riporta affari italiani.it a quel punto tutti e due i genitori papà e mamma hanno velocemente tolto dalle mani del piccolo la scatola e hanno distratto il figlio facendogli aprire altre uova decisamente più adatte alla sua età «sicuramente si tratta di una manomissione» assicura l ufficio consumatori della lindt allertato dalla signora milva coretti 43 anni che da roma dove abita insieme con il marito e il figlio ha trascorso le vacanze pasquali a casa dei suoceri in puglia l uovo della lindt era stato acquistato dai nonni in un ipermercato di casamassima «l uovo fa sapere la casa produttrice è stato sicuramente manomesso in un momento successivo anche perché i profilattici erano in un contenitore che noi non utilizziamo tutte le nostre sorprese sono custodite in un barattolo blu sigillato» la lindt per scusarsi in ogni modo dell inconveniente che non è da addebitare alla produzione ha comunque deciso di inviare alla famiglia altre uova la mamma che non sa se la confezione dell uovo fosse o meno integra commenta l episodio «fosse stato il primo aprile avrei capito ma fare uno scherzo simile a pasqua è davvero inconcepibile e poi è risaputo che le uova di cioccolato sono destinate ai bambini uno scherzo davvero stupido» o di pessimo gusto regione salento niente di fatto g di p filomeno i dalla prima pagina se distaccarsi dalla regione puglia e istituire la regione salento» gazzetta ufficiale n 28 4 febbraio 2011 semplice errore procedurale si consolano i promotori del referendum al quale si può porre rimedio e spiegano anche come se si richiede senza perdere tempo ai consigli comunali di riapprovarle nella formula corretta le delibere si possono ripresentare l operazione sembra facile ma non lo è prosegue infatti la sentenza della cassazione « la mancanza del presupposto previsto dal-la costituzione rende inutile attendere il decorso del termine per eventuali integrazioni previsto dall articolo 42 ultimo comma della legge 25 maggio 1970 numero 352 e impone l immediata dichiarazione della illegittimità della domanda» ivi alla notizia che la cassazione ha stoppato il referendum ci sono stati vari commenti positivi il sindaco di brindisi domenico mennitti che si è sempre dichiarato contrario «il nostro dissenso si spiega con ragioni di ordine organizzativo del territorio detto in parole povere non abbiamo francamente mai creduto all idea che tre province potessero fare da sole un sistema ritenendo invece che certi discorsi andassero affrontati su terreni ben più ampi» nuovo quotidiano di puglia 4 febbraio 2011 p 5 tra i più soddisfatti di sicuro il presidente della regione niki vendola che alla nascita dell iniziativa aveva usato parole durissime definendola un impostura politico-mediatica dal fiato corto contenti anche quelli che avevano paventato una triste lite tra lecce taranto e brindisi per diventare capoluogo del nuovo organismo istituzionale lecce avrebbe rivendicato la sua lunga tradizione cultura le il privilegio di città d arte e di sede universitaria da mezzo secolo brindisi avrebbe vantato la sua antica tradizione storica al punto di essere stata capolinea dell antica via appia e un porto naturale da cui sono partite per secoli intere generazioni crociate comprese verso il resto del mondo taranto avrebbe vantato anch essa la sua storia millenaria un porto altrettanto naturale e non secondo a quello di brindisi il centro siderurgico più grande del mediterraneo e un numero di abitanti più alto del salento insomma si sarebbe avuta una seconda bat chi però spera che la sentenza della cassazione abbia posto fine a ogni velleitarismo secessionista si sbaglia di grosso il promotore del movimento della regione salento paolo pagliaro editore dell emittente televisiva telerama «noi rispettiamo la sentenza ma il progetto andrà comunque in porto studieremo le successive azioni da intraprendere la regione salento diventerà una realtà» ivi la storia continua quindi e con sviluppi che molti avevano già previsto il movimento si sta attrezzando per scendere in campo partito tra i partiti nelle prossime competizioni elettorali sarà un errore o una scelta giusta si vedrà i la puglia aiuta l albania nell assistenza psichiatrica bari ­ il modello italiano della riforma basaglia ha ispirato il progetto di cooperazione internazionale whcb che vede protagoniste le regioni puglia e sardegna grazie a questo intenso lavoro iniziato nel 2007 sono già stati raggiunti risultati importanti nell assistenza territoriale come l apertura a valona della prima casa famiglia nell ambito del programma art gold delle nazioni unite 2007-2008 che la regione puglia ha finanziato la casa abitata da 10 donne ex ricoverate ha rappresentato la prima importante esperienza di lavoro d integrazione sociale e di rete nel territorio cui ha fatto seguito l apertura di due nuove case famiglia e che ha permesso di ridurre grazie anche all attività del centro comunitario di salute mentale di 90 unità i posti letto del grande ospedale psichiatrico cittadino il cuore del progetto di cooperazione che si avvale di un qualificato supporto tecnico-scientifico è il processo di deistituzionalizzazione manicomiale come punto di riferimento per la riforma del sistema psichiatrico in albania con l obiettivo di sviluppare un programma di cure basato sulla salute mentale di comunità.

[close]

p. 9

la gazzetta della puglia gravina ­ abbiamo incontrato la direttrice dei lavori di scavo che continuano in quel di gravina per fare il punto della situazione direzione ricordiamo affidata a suo tempo alla professoressa marina castoldi a che punto sono gli scavi di jazzo fornasiello professoressa si è conclusa nell ottobre 2010 la seconda campagna di scavi nel sito di jazzo fornasiello sede di un abitato peuceta che occupava un area di circa 10 ettari ai piedi del costone murgiano sotto il monte fornasiello l indagine è condotta dal 2009 dall università degli studi di milano sotto la sua direzione con la collaborazione dei dottori alessandro pace alfonso bentivegna marcella leone e di laureandi dell ateneo milanese in collaborazione con la soprintendenza ai beni archeologici della puglia e con l ente parco nazionale dell alta murgia come state operando lo scavo si è concentrato nel settore nord-orientale del villaggio dove è stato rinvenuto in stato di crollo un imponente complesso lungo circa 10 metri articolato in più vani paralleli delimitati da muri di pietre a doppio paramento e con tetto di tegole lo scavo del 2010 ha permesso di seguire meglio le fasi di vita dell edificio che comprende una fase arcaica seconda metà vi sec a.c caratterizzata dalla presenza di vivaci ceramiche di produzione locale e di coppe da vino di produzione metapontina e una fase più recente v­prima metà del iv sec a.c cui sono riferibili le strutture murarie rimaste in situ e numerosi fram d alla p uglia /b ari a colloquio con la prof castoldi direttrice i lavori archeologici di gravina gennaio aprile 11 ­ p agina 9 continuano gli scavi g l autore menti di grossi dolii per derrate moltissime le ceramiche locali e d importazione a fasce a motivi floreali a vernice nera indicative di un ceto di agiati proprietari terrieri che richiedevano per la convivialità i raffinati prodotti delle città magnogreche quali reperti si trovano durante gli interventi di scavo numerosi anche gli ossi animali tra i quali un giovane cane in perfetta connessione anatomica che richiederanno per un interpretazione puntuale l intervento di specialisti di archeozoologia si segnala anche il ritrovamento di due sepolture di neonati prive di corredo tumulati all interno di ceramiche d uso comune un dolio e una pentola da cucina risalenti probabilmente alla prima metà del iv sec a.c quando l edificio era forse già in stato d abbandono più conosciuto ed esplorato da tempo è il sito della collina di botromagno rispetto al vicino insediamento di botromagno che ha restituito prevalentemente tombe di personaggi eminenti quella di jazzo fornasiello è un archeologia del coccio che ha a che fare con le testimonianze della vita quotidiana rappresentate da frammenti di ceramiche che una volta classificati e studiati potranno fornire preziose informazioni sulla vita e sui costumi degli antichi abitanti del sito qual è il programma della campagna di scavi a jazzo fornasiello lo scavo continuerà nei prossimi anni ma quanto ritrovato consente di ricostruire un operoso borgo di allevatori e di coltivatori che richiama quella che è stata fino a poco tempo fa la realtà contadina dell area murgiana in quella continuità tra passato e presente che caratterizza questo territorio la prossima campagna di scavo si terrà nel mese di settembre 2011 per l occasione gli scavatori saranno affiancati da un equipe del centro televisivo universitario dell ateneo milanese che girerà tra gravina e altamura un documentario sullo scavo di jazzo e sul territorio murgiano lo scavo proseguirà dal 5 settembre al 1 ottobre 2011 lo staff è a disposizione per conferenze e visite guidate curriculum vitae della direttrice i lavori marina castoldi ha studiato a milano all università degli studi dove si è laureata in lettere classiche e specializzata in archeologia dal 1981 lavora presso l università degli studi di milano come ricercatore di archeologia classica ha al suo attivo numerose lezioni e seminari per i corsi di laurea in lettere in scienze dei beni culturali e per la scuola di specializzazione in archeologia dal 2003 insegna archeologia della magna grecia dal 1981 è coordinatore didattico della scuola di specializzazione in archeologia dal 1998 coordinatore del seminario di aggiornamento tecnicoscientifico con visite a laboratori di analisi tecnologiche previsto per gli iscritti al iii anno di corso della scuola l attività di scavo si è concentrata dal 1977 al 1999 nell abitato di viii-vii sec a.c in località incoronata presso metaponto mt nel 2002 si segnala la partecipazione alla missione dell università per la ricognizione archeologica dell acropoli di gortina creta dal 2005 è responsabile scientifico del progetto oltre la chora scavi e ricerche archeologiche nel metapontino ha partecipato a diverse attività di ricerca con università soprintendenze musei collabora da anni con la soprintendenza archeologica della lombardia con le civiche raccolte archeologiche di milano dove sta partecipando al riallestimento della sala greca con il civico museo paolo giovio di como i suoi campi di ricerca documentati da oltre 100 pubblicazioni in italia e all estero riguardano l archeologia greca e italica e la bronzistica greca e romana con particolari interessi nei confronti dell artigianato piccola plastica recipienti arredi tecnologie della ceramica figurata della coroplastica architettonica È particolarmente impegnata anche nella divulgazione scientifica i rg nelle foto la direttrice i lavori prof marina castoldi una iniziativa del wwf sono un centinaio le scuole calcio di tutta italia affiliate al grande milan occore un restauro smaltimento lampadine a fluorescenza monopoli ­ grazie all assessorato all ambiente il comune di monopoli è stato scelto in occasione dell ora della terra dal wwf e dal consorzio ecolight per la speciale campagna di sensibilizzazione che mira a favorire il recupero delle lampadine a fluorescenza per la raccolta differenziata di questo tipo di lampadine monopoli è una delle tre città italiane individuate per questa iniziativa sull intero territorio nazionale le altre sono carugate milano e corchiano viterbo oltre alla raccolta e allo smaltimento in modo differenziato delle lampadine fluorescenti il comune ha distribuito un apposito vademecum che spiega anche il recupero e il ritiro dei materiali elettrici ed elettronici i raee dai piccoli ai grandi elettrodomestici dai computer ai giochi elettronici per arrivare agli oggetti di uso più comune ma che hanno un qualche componente elettronica sono due le strade possibili per conferirli in maniera corretta portarli alle piazzole ecologiche del proprio comune oppure consegnarli in negozio nel momento in cui si acquista il prodotto elettronico nuovo dal mese di giugno dell anno scorso infatti è in vigore il cosiddetto decreto uno contro uno che permette al consumatore di lasciare in negozio il proprio rifiuto elettronico al momento dell acquisto di un apparecchiatura simile per esempio comprando un lettore dvd sarà possibile consegnare il vecchio registratore vhs ormai non più funzionante i milan lab anche a gravina g di n angiulli il monumento ai caduti della grande guerra gravina ­ il gruppo bronzeo del monumento ai caduti della grande guerra 1915­18 collocato al centro della villa comunale è opera dello scultore angelo galli 1870­1933 un celebre artista pittore e scultore di viggiù va l opera rappresenta uno dei più bei monumenti del genere in puglia i soldati in basso congelati nello scatto che precede la carica allora preparata con la distribuzione di vino in abbondanza per ubriacarli perché non c era la droga che oggi è somministrata ai soldati impegnati in prima linea accentuano il dinamismo del gruppo accompagnato nelle retrovie dallo slancio della donna e del prigioniero metafora del popolo che si ribella all oppressore che reca ancora ai polsi le catene recise le facciate del monumento sono piene dei nomi dei caduti tutti giovani sani e robusti strappati alle famiglie e all agricoltura mentre arrivavano i telegrammi alle famiglie con la triste notizia della morte del congiunto figlio o marito e padre c era chi viveva estraneo ai lutti della guerra le nonne raccontavano che un giorno una mamma che aveva ricevuto il telegramma per la perdita del secondo figlio andò furiosa e disperata a battere i pugni sul portone di una casa di signori in via s sebastiano dove una ragazza suonava il pianoforte e urlò mentre i nostri figli muoiono lontano da casa come carne da cannone qui c è chi si diverte a suonare il piano vergogna col passare del tempo s impone anche un richiamo collettivo per restaurare gli elenchi delle facciate perché i nomi sono ormai quasi illeggibili i gravina ­ un centinaio le scuole calcio affiliate al grande milan un vero e proprio progetto nazionale per avvicinare i ragazzi allo sport e aiutare i giovani talenti ad emergere e soprattutto per insegnare ai ragazzi che il calcio non è solo un mestiere per miliardari ma una vera a propria palestra di vita nato dalla volontà dei dirigenti del milan sono tante le scuole dislocate in italia e all estero che hanno condiviso l idea e si sono affiliate alla società rossonera dopo avere superato la prima selezione sono gli stessi dirigenti del milan che si occupano di verificare la preparazione dei tecnici e di valutare l idoneità della struttura tutto viene valutato con la massima attenzione «il progetto delle scuole calcio è molto importante e deve sposarsi con le nostre idee deve esserci comunione di intenti e chi si affilia a noi deve rispettare le nostre indicazioni e quelle dei nostri uomini» ha dichiarato pochi giorni fa filippo galli ex giocatore del milan e attuale responsabile nazionale del settore giovanile milan lab è arrivato anche a gravina grazie alla tenacia di christian divella il giovane responsabile marketing e comunicazione del progetto e a quella della famiglia battista campus estivi vengono organizzati in località di vacanze estive come a noli e spotorno in liguria molte le iscrizioni a una scuola di calcio ma soprattutto una strada utile per insegnare ai più giovani ad accarezzare i propri sogni e perché no anche a realizzarli i

[close]

p. 10

p agina 10 ­ gennaio aprile 11 d alla p uglia s alento la gazzetta della puglia ne ha parlato di recente a martina franca il professor francesco lenoci della cattolica di milano san pio e don tonino bello due devoti alla madonna martina f ­ francesco lenoci docente alla cattolica e vicepresidente dell associazione regionale pugliesi è tornato a parlare di san pio e di don tonino bello devoti della madonna e lo ha fatto nel suo solito modo appassionato con uno stile semplice elegante efficace che affascina chi lo legge o l ascolta «padre pio ­ ha iniziato ­ ce lo ricordiamo tutti fu proclamato santo il 16 giugno 2002 quel giorno un suo grande amico sia in terra che in cielo papa giovanni paolo ii disse insegna anche a noi ti preghiamo l umiltà del cuore per essere annoverati tra i piccoli del vangelo ai quali il padre ha promesso di rivelare i misteri del suo regno » e poi ancora lenoci «padre pio ha sempre guardato alla vergine maria quale prototipo di umiltà» una virtù oggi purtroppo quasi inesistente nel mondo dominano l arroganza la presunzione il disamore per il prossimo la corsa al denaro e al potere lenoci ha parlato in dicembre nella chiesa del carmine di martina franca la sua splendida città natale accennando a «una meravigliosa testimonianza di amore modestia dolcezza e umanità» una meditazione «fatta da padre pio il 4 agosto 1959 in attesa della madonna di fatima a san giovanni rotondo» il 5 agosto l effigie della vergine arriva nella chiesa del convento ma padre pio è a letto per un focolaio bronco-pneumonico con pleurite siero emorragica il 6 verso le 13 chiede di essere trasportato su una sedia nella sacrestia la statua viene abbassata fino al suo viso e padre pio in lacrime la bacia mettendo un rosario nelle sue mani poi torna a letto «mentre la statua fa il giro di tutti i re come ci ha insegnato l indimenticabile vescovo di molfetta da tutti ricordato come don tonino bello «È alla madonna che dobbiamo chiedere di liberarci dall ansia della metropoli» parti della casa sollievo della sofferenza» dopo un paio d ore ­ ha proseguito l oratore padre pio sempre su una sedia si fa trasportare fino alla finestra del coro della chiesa e sempre con le lacrime agli occhi saluta l elicottero che ha porta a bordo la statua della madonna il 7 agosto prima dell alba lascia sedia e letto È in piedi felice e celebra la messa nonostante sia sconsigliato da tutti il professor gasbarrini lo visita e `attonito lo trova guarito» era felice ha commentato lenoci come don tonino bello «quando in fin di vita con il corpo coperto di metastasi ma con il volto che poteva sempre guardare il volto della madonna nei tanti quadri che aveva fatto collocare alle pareti della stanza si sente chiedere dal suo medico che lui con un garbato eufemismo definiva `scettico «don tonino tu mi vuoi bene?» racconta attonito il medico che quel suo paziente assolutamente impossibilitato a spostarsi «incrociò le mani le mise dietro al suo collo e facendo forza tutta la forza che gli era rimasta ancora in corpo si arrampicò fino ad arrivare al suo viso e piangendo cominciò a baciarlo» don tonino bello concluse la sua vita terrena il 20 aprile 93 recitando su richiesta del dottore un «ave maria assieme a lui padre pio pronunciando la giaculatoria gesù e maria gesù e maria » lenoci vive a milano ha lo studio alla terrazza martini e conosce bene la città le giornate di chi vive a milano ha ricordato per definizione sono contraddistinte dall ansia della metropoli «È quell ansia che in buona sostanza rende i `milanesi specialisti del sorpasso niente di più falso l ansia del sorpasso da tempo si è impadronita di tutti i cittadini martinesi pugliesi italiani europei del mondo» e ha aggiunto che l ansia del sorpasso ci fa guadagnare tempo ma ci fa perdere il fratello che cammina accanto a noi «ci mette nelle vene una frenesia della velocità ma svuota di tenerezza i nostri giorni ci fa premere sull acceleratore ma non dona alla nostra fretta sapori di carità» se oggi non sappiamo più attendere ­ ha detto ancora lenoci ­ è perché siamo a corto di speranza se ne sono disseccate le sorgenti «soffriamo una profonda crisi di desiderio come ci ha insegnato don tonino è alla madonna che dobbiamo chiedere di liberarci dall ansia della metropoli» e ha invitato ad abolire le barriere di ogni tipo facendo trionfare l amore l amore per l altro che non è diverso da noi restaurata la statua di vittorio emanuele ii lecce ­ dopo circa un anno di lavori di restyling finalmente è riapparsa la statua bronzea di vittorio emanuele ii nella piazza omonima di fronte alla chiesa di santa chiara il 26 marzo scorso l amministrazione comunale di lecce alle ore 11,30 inizio cerimonia l ha riconsegnata alla città laddove era posizionata all interno appunto dell omonima piazza alla manifestazione hanno presenziato numerose autorità tra cui il primo cittadino paolo perrone il restauro frutto di un lavoro certosino e minuzioso ha rimesso a nuovo uno dei monumenti più significativi della città risalente al lontano 1889 oltre alla revisione statica alla statua è stato restituito l equilibrio cromatico originale fr pr rg nella foto l intervento del prof lenoci alla sua sx il sindaco di martina franca palazzo i per il prossimo concorso miss italia martina franca possibile candidata martina f ­ si avvicendano le candidature dopo quella di margherita di savoia ora arriva anche martina franca che pare sia interessata alla kermesse tutta nostrana di miss italia donde la puglia si candida ad essere la nuova patria del concorso intanto il primo cittadino di martina franco palazzo veste i panni del cunctator il temporeggiatore non si espone più di tanto «stiamo valutando ­ dichiarato ­ la candidatura certo ci interessa» e ciò dopo che il suo omologo di salsomaggiore ha infatti decretato la fine della competizione nel territorio parmense la patron di miss italia patrizia mirigliani ha dichiarato ufficialmente di essere in cerca di un nuovo comune che possa accogliere la competizione nazionale intanto dalle dichiarazioni di palazzo si notano gli ovvi problemi economici che potrebbero ostacolare ancora una volta la fattibilità dell iniziativa «abbiamo difficoltà economiche» ha fatto sapere il primo cittadino per ospitare miss italia un comune dovrebbe infatti sborsare ben 600mila euro e coi tremonti che corrono qualsiasi comune avrebbe difficoltà ma martina franca ha dalla sua un passato che l ha vista ospitare la gara già nel 1975 quando ad essere incoronata fu livia jannoni poi divenuta modella «per ora valutiamo tutto aggiunge palazzo ­ ne stiamo già parlando dato che abbiamo già ricevuto la proposta» i il grande filosofo tedesco immanuel kant 17241804 diceva che «il rispetto che ho per gli altri è il riconoscimento della dignità che è negli altri» bisogna imparare ad essere cittadini riconoscendo i propri doveri presenti e futuri e a capirne le ragioni si diventa cittadini si può dire fin dal giorno in cui ci si rende conto di essere una persona tra molte persone di vivere in altri termini in una società l uomo non è solo vive con gli altri È un essere cosciente e responsabile dovrà decidere sulle sue azioni e sulle corrette forme di comportamento civico nasce e/o dovrebbe nascere così il senso del rispetto verbo che nella nostra società sta scomparendo minorenni violenti e vili che si ispirano alle gang di usa e america latina la devianza minorile è in aumento con vittime e carnefici di età sempre più giovane i ragazzi crescono in un clima di irresponsabilità e di licenza ritengono di fare sempre ciò che vogliono di non rispondere mai come non rispondono a scuola delle loro azioni avallati da educatori che tendono a minimizzare tutto nel nome diseducativo che «i tempi sono cambiati» la scuola deve educare e la violenza e le baby gang non reprimere dimenticando che una comunità civile si basa sull osservanza delle regole elementi fondanti della democrazia della quale spesso ci «riempiamo la bocca» a ciò si aggiunge il sistema meno saldo di valori cultura e vigilanza familiare le cronache ci dicono che non di rado lo sbocco è in atti criminali sia tra figli dei ghetti che tra giovani borghesi il disprezzo di ogni regola giorno per giorno sempre più diffuso specialmente nei luoghi deputati alla formazione socio-culturale delle nuove generazioni porta inevitabilmente al ricorso sempre più frequente di quelle forme di criminalità predatoria da punire e non certo da tollerare mai generalizzare d accordo ma non di rado un velo si squarcia sulla presunta normalità della vita sociale e zone dolenti del costume sempre più spesso vengono rivelate dalla cronaca nera ed ecco a nudo emergono dei casi limite sì ma indicativi dello stato di pericolosità morale diffusa dalle mille tolleranze e suggestioni in atto del malcostume opposto alla condotta corretta al comportamento decoroso alle convinzioni morali di gran parte dei giovani atti vandalici furti scippi estorsioni e rapine insulti aggressioni e pestaggi assunzione di sostanze alteranti dall abuso di alcol alla droga fino ad arrivare a violenze sessuali una cancrena scava tenacemente nel tessuto della vita sociale è l insinuarsi della decadenza del sistema di valori culturali ed antropologici che alimentano il libertinaggio alla sana democrazia la tolleranza di ogni sorta di abusi esibizionistici facilita la disobbedienza mentre l atmosfera sociale scettica e protestataria resta alla radice di un cedimento psicologico e morale sempre più diffuso che rende arduo il compito delle famiglie e delle istituzioni non reagirà la grande immensa maggioranza della gente onesta e normale l allarme sociale nel vasto campionario di trasgressioni di queste bande giovanili fa riflettere non sanno o non vogliono accettare che uno stato di diritto si fonda sul rispetto delle regole un fenomeno che mette in discussione non solo l assenza delle famiglie ma soprattutto i valori tradizionali della scuola che si sono impoveriti alcuni sono addirittura scomparsi una gioventù senza futuro è triste futuro per tutti g carpentieri

[close]

p. 11

la gazzetta della puglia d alla p uglia /s alento gennaio aprile 11 ­ p agina 11 all «euroflora» di genova la puglia si piazza fra le prime nel settore floro-vivaistico trionfo del salento si aggiudica 9 medaglie dalla puglia ­ il salento protagonista a euroflora 2011 con le sue più belle produzioni È svolto in questi giorni e si è concluso il 1° maggio a genova la più importante fiera internazionale del settore floro-vivaistico alfiere della manifestazione in questa edizione è stato il fiore che unisce» un vero e proprio invito a condividere e riscoprire le ragioni profonde di una pacifica convivenza tra gli uomini attraverso il mantenimento di un equilibrato e quotidiano rapporto con la natura la provincia di lecce insieme a regione puglia unioncamere puglia e provincia di bari hanno curato l allestimento di uno spazio espositivo unico in cui tutti i produttori sono stati protagonisti otto le medaglie riconosciute da giurie di esperti di rilievo internazionale un risultato senza precedenti che premia la nostra provincia «grazie alle qualificate professionalità e competenze dei nostri operatori sono stati ad oggi ben cinque medaglie d oro e tre d argento i premi che i salentini sono riusciti a spuntare in una competizione internazionale così importante si tratta di riconoscimenti che attestano il livello e la qualità che i nostri operatori hanno raggiunto in questi anni in un settore della nostra economia che occupa ben 560 ettari di territorio coinvolgendo in modo particolare le realtà di leverano e di taviano veri poli di eccellenza a livello nazionale» è quanto ha dichiarato l assessore all agricoltura e risorse del mare della provincia di lecce francesco pacella «come assessore al ramo sono soddisfatto del riscontro positivo che abbiamo potuto registrare in questa 10ª edizione di euroflora gli attestati che sono arrivati ai nostri operatori testimoniano un trend in crescita di un settore economico vitale e vivace nel quale la provincia si è impegnata in prima linea per favorire ed innescare processi di crescita» ha così concluso francesco pacella le medaglie d oro sono state assegnate ­ per la produzione della crisantemina all azienda agricola di cagnazzo rocco ­ per la produzione delle calle colorate all azienda agricola di perrone salvatore natalino ­ per la produzione del garofano all azienda agricola pittuini ­ per la produzione statice all azienda floricol tura albano ­ per la produzione infine della bocca di leone all azienda di landolfo cosimo sono state invece assegnate le medaglie d argento ­ per la produzione di gerbere all azienda agricola la macchia maria antonietta ­ per la produzione di calle bianche all azienda di durante maria antonia insieme con il negozio di fiori bora bora di leverano da il pitaccino news g nella foto un coltura di fiori pugliesi nella tratta fra turano e squinzano novoli ha feteggiato l ambito traguardo raggiunto dall ultacentenaria concittadina rubano il rame e i treni si fermano dalla puglia ­ È assurdo che nel 2011 il traffico ferroviario venga interrotto per colpa dei ladri sì ladri di rame che senza grossi problemi hanno sottratto mezzo chilometro di cavi in rame dai binari delle ferrovie dello stato nel tratto che unisce brindisi a lecce logica conseguenza tutti i treni hanno subito dei gravi ritardi in attesa che i tecnici risolvessero il problema tra le stazioni di tuturano e squinzano se fosse un caso isolato potremmo dedicarci alla mera cronaca ma fatti del genere avvengono spesso e obbligano quanto meno a una riflessione sull attuale sicurezza delle nostre infrastrutture i binari devono esser protetti per evitare trafugamenti come in questo caso ma soprattutto eventuali manomissioni ipotesi ancor più inquietante la polizia ferroviaria sta conducendo un indagine per scovare i ladri di rame ma indipendentemente dal buon esito di quest ultima lo stato di sicurezza della rete ferroviaria nazionale è immutabilmente insufficiente per nulla consolante il fatto che questo stato di cose non sia un problema regionale ma dell italia intera senza distinzione alcuna di territorio intanto la nostra puglia continua ad essere sfruttata calpestata umiliata e avvelenata questa volta siamo in provincia di lecce consapevoli di non assistere ad uno scandalo ma a ciò che se volessimo ben operare diverrebbe presto una normale routine quotidiana non è solo un problema del sud che veste suo malgrado la maglia nera campania in testa ma è un problema nazionale che interessa a macchia di leopardo tutto il bel paese nove persone residenti a copertino nel leccese sono state denunciate a piede libero per violazione alle norme sulla tutela dell ambiente dopo aver acquistato i lotti nell area industriale di copertino per costruirci capannoni per l appunto industriali hanno trasformato l area in una discarica e compiuto diversi abusi edilizi nonna francesca una vita lunga 109 dalla puglia ­ francesca vetrugno è nata a novoli il 14 aprile del 1902 da luigi vetrugno ad anna maria ricciato il 25 novembre del 1943 nel bel mezzo del secondo conflitto mondiale si sposa con luigi d elia dal quale ha due figli È lei la donna più longeva di novoli del salento festeggia questa importante ricorrenza con sobrietà così com è nello stile della sua famiglia lo fa circondata dall affetto di parenti amici e conoscenti centonove candeline che le consentono di essere annoverata tra le donne più longeve della regione la terza per l esatezza entrando a far parte della speciale classifica dei cinquanta ultracentenari d italia a certificare questo splendido record di vita l ufficio anagrafe del comune di novoli che grazie al lavoro dei dipendenti comunali gabriele lorenzo carmelo invidia e giovanna greco in contatto con i vari urp ed uffici anagrafe di comuni e città pugliesi hanno potuto controllare e validare la ricerca già effettuata lo scorso anno e certificata nel 2011 e che comunque entrerà nella storia del comune nord-salentino nonna francesca infatti è la più longeva mai vissuta che il paese abbia mai avuto il 14 aprile per la nonna del salento è il giorno del taglio della torta una festa semplice quella voluta dalla famiglia d elia ­ vetrugno poco chiasso sorrisi e sopratutto tanto riposo lucidissima nelle attività quotidiane come nei ricordi di una vita spesa tra re i suoi ultimi compleanni ­ specifica chi la conosce ­ nonna francesca non ne ha mai voluto sapere lei è sopratutto donna riservata le basta stare con i famigliari più stretti con i nipoti nella discrezione più assoluta ama vivere così e noi non possiamo che accontentarla» a novoli il sindaco oscar marzo vetrugno così come avvenuto lo scorso anno si recherà con una delegazione di amministratori in rapprsentenza di tutta la comunità novolese per porgere gli auguri a francesca tanta la soddisfazione del primo cittadino «a nome personale dell amministrazione comunale e di tutti i novolesi che mi onoro di rappresentare non posso che esprimere gli auguri più fervidi a francesca vetrugno ed alla sua famiglia voglio altresì comunicare la nostra grande felicità nonna francesca è il nostro emblema e simbolo di inno alla vita lo è la sua storia ed i traguardi che lei donna tenace del sud ha raggiunto in questi anni ­ afferma ­ la sua esistenza e le 109 candeline da spegnere sono la dimostrazione evidente che novoli al pari del salento può fregiarsi di avere un ambiente sano e nel quale la qualità della vita e l ambiente sono buone anche se i livelli di guardia e monitoraggio non devono mai abbassarsi non possiamo che augurare a nonna francesca ogni bene ed altri cento di questi giorni ­ conclude marzo vetrugno ­ » da ilvillaggioweb.itblog del nord-salento antonio alberti la famiglia ed i suoi vigneti situati nel circondario del paese francesca vetrugno nonostante qualche fastidioso acciacco comparso negli ultimi periodi e che le impedisce di deambulare con facilità rimane donna del sud tenace e volitiva e con un gran cuore «lei ­ raccontano i famigliari ­ è pronta a fare un caffé alle persone che vngono a farle visita e passa la giornata a guardar la tv o a leggere in tranquillità le sue amate riviste di attualità» c è poi una curiosità che caratterizza le storie legate alla vita di nonna francesca una curiosità che va raccontata «la verità è che di festeggia i

[close]

p. 12

p agina 12 ­ gennaio aprile 11 g azzettino sportivo la gazzetta della puglia campionati di calcio serie a e serie b girone di andata e girone di ritorno calendari 2010/2011 di tutti gli incontri tutte le partite di serie a 1° incontro a 29 agosto 10 r 16 gennaio 11 bari-juventus bologna-inter chievo-catania fiorentina-napoli milan-lecce palermo-cagliari parma-brescia roma-cesena sampdoria-lazio udinese-genoa 2° incontro a 12 settembre 10 r 23 gennaio 11 brescia-palermo cagliari-roma catania-parma cesena-milan genoa-chievo inter-udinese juventus-sampdoria lazio-bologna lecce-fiorentina napoli-bari 3° incontro a 19 settembre 10 r 29 gennaio 11 bari-cagliari cesena-lecce chievo-brescia fiorentina-lazio milan-catania palermo-inter parma-genoa roma-bologna sampdoria-napoli udinese-juventus 4° incontro a 22 settembre 10 r 02 febbraio 11 bologna-udinese brescia-roma cagliari-sampdoria catania-cesena genoa-fiorentina inter-bari juventus-palermo lazio-milan lecce-parma napoli-chievo 5° incontro a 26 settembre 10 r 06 febbraio 11 bari-brescia catania-bologna cesena-napoli chievo-lazio fiorentina-parma juventus-cagliari milan-genoa palermo-lecce roma-inter sampdoria-udinese 6° incontro a 03 ottobre 10 r 13 febbraio 11 bologna-sampdoria chievo-cagliari fiorentina-palermo genoa-bari inter-juventus lazio-brescia lecce-catania napoli-roma parma-milan udinese-cesena 7° incontro a 17 ottobre 10 r 20 febbraio 11 bari-lazio brescia-udinese cagliari-inter catania-napoli cesena-parma juventus-lecce milan-chievo palermo-bologna roma-genoa sampdoria-fiorentina 8° incontro a 24 ottobre 10 r 27 febbraio 11 bologna-juventus chievo-cesena fiorentina-bari genoa-catania inter-sampdoria lazio-cagliari lecce-brescia napoli-milan parma-roma udinese-palermo 9° incontro a 31 ottobre 10 r 06 marzo 11 bari-udinese brescia-napoli cagliari-bologna catania-fiorentina cesena-sampdoria genoa-inter milan-juventus palermo-lazio parma-chievo roma-lecce 10° incontro a 07 novembre 10 r 13 marzo 11 bari-milan bologna-lecce fiorentina-chievo inter-brescia juventus-cesena lazio-roma napoli-parma palermo-genoa sampdoria-catania udinese-cagliari 11° incontro a 10 novembre 10 r 20 marzo 11 brescia-juventus cagliari-napoli catania-udinese cesena-lazio chievo-bari genoa-bologna lecce-inter milan-palermo parma-sampdoria roma-fiorentina 12° incontro a 14 novembre 10 r 03 marzo 11 bari-parma bologna-brescia cagliari-genoa fiorentina-cesena inter-milan juventus-roma lazio-napoli palermo-catania sampdoria-chievo udinese-lecce 13° incontro a 21 novembre 10 r 10 aprile 11 3brescia-cagliari catania-bari cesena-palermo chievo-inter genoa-juventus lecce-sampdoria milan-fiorentina napoli-bologna parma-lazio roma-udinese 14° incontro a 28 novembre 10 r 17 aprile 11 bari-cesena bologna-chievo brescia-genoa cagliari-lecce inter-parma juventus-fiorentina lazio-catania palermo-roma sampdoria-milan udinese-napoli 15° incontro a 05 dicembre 10 r 15 aprile 11 catania-juventus cesena-bologna chievo-roma fiorentina-cagliari lazio-inter lecce-genoa milan-brescia napoli-palermo parma-udinese sampdoria-bari 16° incontro a 12 dicembre 10 r 01 maggio 11 bologna-milan brescia-sampdoria cagliari-catania genoa-napoli inter-cesena juventus-lazio lecce-chievo palermo-parma roma-bari udinese-fiorentina 17° incontro a 19 dicembre 10 r 08 maggio 11 bari-palermo catania-brescia cesena-cagliari chievo-juventus fiorentina-inter lazio-udinese milan-roma napoli-lecce parma-bologna sampdoria-genoa 18° incontro a 06 gennaio 11 r 15 maggio 11 bologna-fiorentina brescia-cesena cagliari-milan genoa-lazio inter-napoli juventus-parma lecce-bari palermo-sampdoria roma-catania udinese-chievo 19° incontro a 09 gennaio 11 r 22 maggio 11 bari-bologna catania-inter cesena-genoa chievo-palermo fiorentina-brescia lazio-lecce milan-udinese napoli-juventus parma-cagliari sampdoria-roma tutte le partite di serie b 1° incontro a 22 agosto 10 r 15 gennaio 11 atalanta-vicenza frosinone-empoli grosseto-ascoli livorno-sassuolo modena-piacenza padova-novara pescara-siena portogruaro-cittadella reggina-crotone torino-varese triestina-albinoleffe 2° incontro a 28 agosto 10 r 22 gennaio 11 albinoleffe-livorno ascoli-modena cittadella-torino crotone-padova empoli-pescara novara-triestina piacenza-frosinone sassuolo-grosseto siena-reggina varese-atalanta vicenza-portogruaro 3° incontro a 05 settembre 10 r 29 gennaio 11 ascoli-albinoleffe atalanta-frosinone cittadella-novara grosseto-vicenza livorno-siena modena-padova portogruaro-sassuolo reggina-piacenza torino-crotone triestina-pescara varese-empoli 4° incontro a 11 settembre 10 r 05 febbraio 11 albinoleffe-varese crotone-modena empoli-triestina frosinone-portogruaro novara-grosseto padova-reggina pescara-atalanta piacenza-ascoli sassuolo-torino siena-cittadella vicenza-livorno 5° incontro a 18 settembre 10 r 12 febbraio 11 albinoleffe-crotone ascoli-empoli cittadella-frosinone grosseto-piacenza livorno-portogruaro reggina-modena sassuolo-vicenza siena-atalanta torino-novara triestina-padova varese-pescara 6° incontro a 25 settembre 10 r 19 febbraio 11 atalanta-reggina crotone-sassuolo empoli-grosseto frosinone-varese modena-triestina novara-livorno padova-albinoleffe pescara-torino piacenza-siena portogruaro-ascoli vicenza-cittadella 7° incontro a 02 ottobre 10 r 26 febbraio 11 albinoleffe-pescara ascoli-livorno cittadella-empoli grosseto-frosinone piacenza-padova reggina-vicenza sassuolo-atalanta siena-modena torino-portogruaro triestina-crotone varese-novara 8° incontro a 10ottobre 10 r 01 marzo 11 atalanta-torino crotone-varese empoli-piacenza frosinone-reggina livorno-cittadella modena-albinoleffe padova-grosseto pescara-sassuolo portogruaro-novara triestina-siena vicenza-ascoli 9° incontro a 13 ottobre 10 r 05 marzo 11 albinoleffe-frosinone ascoli-crotone cittadella-sassuolo grosseto-portogruaro modena-empoli novara-atalanta piacenza-triestina reggina-pescara siena-padova torino-vicenza varese-livorno 10° incontro a 16 ottobre 10 r 12 marzo 11 atalanta-ascoli crotone-piacenza empoli-siena frosinone-modena livorno-torino padova-cittadella pescara-grosseto portogruaro-varese sassuolo-novara triestina-reggina vicenza-albinoleffe 11° incontro a 23 ottobre 10 r 19 marzo 11 albinoleffe-portogruaro ascoli-cittadella grosseto-livorno modena-sassuolo novara-vicenza padova-pescara piacenza-atalanta reggina-empoli siena-crotone torinofrosinone varese-triestina 12° incontro a 30 ottobre 10 r 27 marzo 11 atalanta-padova cittadella-grosseto empoli-crotone frosinone-triestina livorno-reggina novara-albinoleffe pescara-modena portogruaro-piacenza sassuolo-siena torino-ascoli vicenza-varese 13° incontro a 06 novembre 10 r 02 aprile 11 albinoleffe-sassuolo ascoli-novara crotone-pescara grosseto-torino modena-livorno padova-empoli piacenza-vicenza reggina-portogruaro siena-frosinone triestina-atalanta varese-cittadella 14° incontro a 09 novembre 10 r 09 aprile 11 atalanta-modena cittadella-reggina frosinone-crotone grosseto-varese livorno-triestina novara-empoli pescara-piacenza portogruaro-padova sassuolo-ascoli torino-albinoleffe vicenza-siena 15° incontro a 13 novembre 10 r 16 aprile 11 albinoleffe-cittadella crotone-livorno empoli-atalanta modena-vicenza padova-frosinone pescara-ascoli piacenza-novara reggina-torino siena-grosseto triestina-portogruaro varese-sassuolo 16° incontro a 20 novembre 10 r 22 aprile 11 ascoli-varese atalanta-crotone cittadella-piacenza frosinone-pescara grosseto-albinoleffe livorno-empoli novara-reggina portogruaro-siena sassuolo-triestina torino-modena vicenzapadova 17° incontro a 27 novembre 10 r 30 aprile 11 atalanta-livorno crotone-vicenza empoli-sassuolo frosinone-ascoli modena-cittadella padova-varese pescara-portogruaro piacenza-torino reggina-albinoleffe siena-novara triestina-grosseto 18° incontro a 04 dicembre 10 r 07 maggio 11 albinoleffe-empoli ascoli-padova cittadella-triestina grosseto-modena livorno-pescara novara-crotone portogruaro-atalanta sassuolo-piacenza torino-siena varese-reggina vicenza-frosinone 19° incontro a 11 dicembre 10 r 14 maggio 11 atalanta-albinoleffe crotone-cittadella empoli-portogruaro frosinone-novara modena-varese padova-sassuolo pescara-vicenza piacenza-livorno reggina-grosseto siena-ascoli triestina-torino 20° incontro a 18 dicembre 10 r 21 maggio 11 albinoleffe-piacenza ascoli-reggina cittadella-atalanta grosseto-crotone livorno-padova novara-pescara portogruaro-modena sassuolo-frosinone torino-empoli varese-siena vicenza-triestina 21° incontro a 08 gennaio 11 r 29 maggio 11 atalanta-grosseto crotone-portogruaro empoli-vicenza frosinone-livorno modena-novara padova-torino pescara-cittadella piacenza-varese reggina-sassuolo siena-albinoleffe triestina-ascoli

[close]

p. 13

la gazzetta della puglia roma ­ il titolare può controllare in tempo reale lo stato della propria patente presso l anagrafe nazionale degli abilitati alla guida utilizzando il portale dell automobilista su questo portale il ministero dei trasportii ha attivato il servizio online di verifica del saldo dei punti sulla propria patente di guida occorre semplicemente iscriversi al sito seguendo le istruzioni presenti sulla home page È possibile utilizzare anche l utenza telefonica 848782782 ma attenzione non è un numero verde la telefonata può essere effettuata solo da apparecchio fisso al costo di una chiamata urbana secondo le tariffe del proprio gestore telefonico ecco come si recupera il punteggio la mancanza di decurtazioni dei punti per il periodo di due anni consecutivi determina la nuova attribuzione del completo punteggio iniziale per i titolari di patente che per almeno due anni hanno mantenuto 20 punti è previsto l accreditamento di 2 punti fino a raggiungere il tetto massimo complessivo di 30 punti dal 13 agosto 2010 per i patentati da meno di tre anni è stato introdotto un ulteriore meccanismo premiale nel caso non vengano commesse violazioni che prevedono decurtazione di punti verrà attribuito sul loro titolo di guida un punto ogni anno fino ad un massimo di tre il punteggio perso può essere recuperato frequentando anche dei corsi specifici con obbligo però di esame finale presso tutte le autoscuole o presso gli altri soggetti autorizzati dal ministero dei trasporti l ex semper loquitur gennaio aprile 11 ­ p agina 13 tutte le informazioni utili da conoscere per chi guida i veicoli a motore la patente e il saldo punti in che modo vengono decurtati i punti il punteggio di ciascun conducente subisce riduzioni ad ogni comunicazione relativa alle violazioni che prevedono decurtazione di punteggio come descritti nella tabella riportata di seguito tabella delle penalità a ­ 10 punti b ­ 8 punti c ­ 6 punti d ­ 5 punti e ­ 4 punti f ­ 3 punti g ­ 2 punti h ­ 1 punto il punteggio previsto per ciascuna violazione è indicato nel verbale di contestazione quando la decurtazione viene annotata nell archivio nazionale degli abilitati alla guida l utente riceve al proprio domicilio una comunicazione della avvenuta decurtazione e se si commettono più violazioni contemporaneamente qualora vengano accertate contemporaneamente più violazioni per le quali è prevista la decurtazione di punteggio e nessuna sanzione accessoria di sospensione o di revoca della patente dovranno essere detratti al massimo 15 punti se si perdono in parte o tutti i punti 1 ­ qualora dal 13 agosto 2010 venga commessa un infrazione da almeno 5 punti cui seguadel conducente responsabile della violazione in caso di mancata contestazione immediata dell infrazione se il proprietario omette di fornire i dati identificativi scatterà per lui una sanzione che va da un minimo di 263 euro fino ad un massimo di 1.050 euro non gli verranno però decurtati i punti sulla patente sulla base di motivazioni documentate ed attendibili il proprietario dell auto ha la possibilità di giustificare la sua impossibilità a conoscere e dunque a comunicare i dati del conducente queste le principali novità previste dal decreto legge n 262 del 3 ottobre 2006 covertito in legge 24 novembre 2006 n 286 che modifica l articolo 126-bis del codice della strada il provvedimento dispone la riattribuzione dei punti sottratti dalla patente del proprietario del veicolo per non aver dato le generalità del conducente responsabile dell infrazione secondo le nuove norme perdono efficacia anche i provvedimenti di revisione di patente ai sensi dell articolo 126-bis comma 6° c.d.s adottati a seguito della perdita totale di punteggio se tra i punti decurteti sono compresi quelli sottratti al titolare della patente in quanto proprietario del veicolo no nell arco di successivi 12 mesi altre due violazioni da almeno 5 punti ciascuna è prevista la revisione della patente di guida 2 ­ alla perdita totale del punteggio non consegue la sospensione immediata della patente di guida ma la sua revisione la revisione della patente deve essere effettuata entro 30 giorni dal momento in cui perviene la comunicazione che la dispone durante questo periodo il conducente però può continuare a circolare in caso di sanzione obbligo dei dati del conducente il proprietario del veicolo deve fornire agli organi di polizia entro 60 giorni dalla notifica i dati personali e della patente neopatentati secondo quanto previsto dall articolo 117 c.d.s i conducenti di motocicli e di autovetture sono soggetti a limitazioni di guida per un periodo iniziale dopo il conseguimento della patente limitazioni per i motociclisti i conducenti di motocicli che dopo i 18 anni hanno conseguito la patente a limitata sono soggetti per due anni a condurre veicoli di potenza effettiva non superiore a 25 kw questa limitazione non si applica al titolare di patente a che ha superato un esame specifico con un motociclo di elevate prestazioni come indicato nella patente stessa limitazioni per gli automobilisti i conducenti di autovetture titolari di patente di categoria b rilasciata dal 1° gennaio 2010 per il primo anno non potranno condurre veicoli di elevate prestazioni rapporto potenzatara superiore a 50 kw/t le limitazioni non operano per i veicoli di soggetti diversamente abili i titolari di patente b rilasciata anche prima di quella data per i primi tre anni devono rispettare il limite di velocità di 100 km/h in autostrada e di 90 km/h sulle strade extraurbane principali decurtazione di punti secondo quanto previsto dall articolo 126-bis c.d.s il titolare di patente da meno di tre anni vede raddoppiata la quantità di punti sottratta in relazione all infrazione commessa i il 7 aprile è entrata in vigore la nuova tassazione sulle locazioni la nuova cedolare secca roma ­ la cedolare secca altro non è che un sistema di tassazione alternativo all irpef che si attua su opzione per le persone fisiche che concedono in locazione immobili ad uso abitativo sono pertanto escluse da tale regime fiscale le locazioni ad uso abitativo effettuate nell esercizio d impresa/arti e professioni o da enti non commerciali per poter tassare i redditi da locazione con l imposta sostitutiva cedolare secca i soggetti interessati dovranno non solo fare apposita opzione con le modalità che verranno stabilite con un prossimo provvedimento ma dovranno anche comunicare all inquilino con lettera raccomandata la volontà di aderire a tale regime questa comunicazione dovrà avvenire prima della scelta a pena di inefficacia e includerà la rinuncia da parte del locatore all aggiornamento del canone inclusa la variazione istat per tutta la durata dell opzione la persona fisica che opta per la cedolare secca applicherà al canone di locazione annuo in misura integrale stabilito dalle parti nel contratto la percentuale del · 21 per i contratti di locazione diversi da quelli a canone concordato · 19 per i contratti a canone concordato relativi ad abitazioni ubicate nei comuni ad alta tensione abitativa la cedolare secca può essere applicata anche ai contratti di locazione per i quali non è previsto l obbligo di registrazione tale imposta andrà a sostituire non solo l irpef e le relative addizionali ma anche l imposta di bollo e l imposta di registro sul contratto di locazione e sulle risoluzioni e proroghe resta fermo però l obbligo di · presentazione della dichiarazione dei redditi · registrazione del contratto che assorbe gli ulteriori obblighi di comunicazione la cedolare secca è in attesa di un decreto attuativo entro 90 giorni la cedolare secca dovrà essere versata entro il termine previsto per il pagamento dell imposta sui redditi delle persone fisiche al riguardo è previsto che entro 90 giorni dall entrata in vigore del d.lgs sul federalismo fiscale l agenzia provveda a indicare le modalità di versamento del saldo e dell acconto della cedolare secca quest ultimo sarà dovuto nella misura · dell 85 per l anno 2011 · del 90 per l anno 2012 e i successivi le eventuali imposte di bollo e di registro già pagate non sono rimborsabili abbattimento dell imposizione fiscale questo è confermato anche dalle nuove e pesanti sanzioni applicabili in caso di omessa registrazione del contratto e in caso di omessa o insufficiente dichiarazione del reddito da locazione la cedolare secca è stata introdotta con l intento di stimolare l emersione del sommerso nel settore delle locazioni e ciò anche attraverso le pesanti sanzioni previste per chi continuerà con gli affitti in nero risponde lo studio tedeschi commercialisti in milano modalità e termini di presentazione del modello 730-2011 sono ormai prossimi i termini per la presentazione della dichiarazione dei redditi per i contribuenti che utilizzano il modello 730 lavoratori dipendenti e pensionati e si avvalgono della possibilità di presentarlo al proprio sostituto d imposta datore di lavoro o ente che eroga la pensione la scadenza di presentazione è entro il 2 maggio 2011 per chi si avvale invece dei centri di assistenza fiscale o di un professionista abilitato il termine di consegna scade il 31 maggio 2011 i contribuenti che utilizzano infine il modello unico in quanto percettori di reddito da lavoro autonomo o d impresa avranno tempo sino al 16 giugno 2011 per la consegna della dichiarazione in formato cartaceo presso le poste se utilizzano invece la via telematica la scadenza per il modello unico è prorogata al 30 settembre 2011 detrazione premi assicurazione vita morte infortuni nel 730 e unico nella dichiarazione dei redditi 730 o modello unico in scadenza il 16 giugno è il giorno del versamento è possibile portare in detrazione e risparmiare imposte scaricando i premi di assicurazione pagati nell anno e per i quali sarà possibile detrarre il 19 fino ad un massimo di spesa 1.291,14 euro ma non per tutte le assicurazioni infatti dovremmo distinguere i contratti di assicurazione stipulati sino al 31 dicembre 2000 sulla vita e contro gli infortuni da quelli stipulati o rinnovati dal primo gennaio 2001 avranno altro trattamento e ancora da quelli che hanno ad oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente che preveda un indice di invalidità superiore al 5 anche nel caso di compagnie di assicurazioni straniere che prevedono il versamento del premio all estero aventi ad oggetto il rischio contro la vita e gli infortuni potrà sempre essere detratto dalla dichiarazione una scadenza fiscale fra le più importanti del mese di maggio il g.16 lunedì prossimo 16 maggio 2011 è una delle scadenze fiscali più importanti del mese trattasi nella fattispecie della scadenza per il versamento delle ritenute d acconto a valere sui compensi corrisposti nel mese precedente e per il versamento dell iva sia per i contribuenti mensili sia per quelli trimestrali la scadenza di norma cade il 16 di ogni mese e non come l anno scorso che passò al giorno 17 in quanto il 16 maggio cadeva di domenica allora automaticamente il termine ultimo slittò al primo giorno lavorativo successivo quest anno i contribuenti mensili dovranno quindi versare entro e non oltre il giorno 16 per l iva sul mese precedente e i contribuenti trimestrali dovranno versare entro e non oltre anche loro il 16 maggio 2011 l iva relativo al primo trimestre corrente anno imposta cedolare secca sugli affitti immobiliari del 21 o del 19 in vigore dal 2011 la manovra economica 2010 introduce la nuova imposta cedolare secca del 21 o 19 sulle locazioni immobiliari e non commerciali di case abitazioni appartamenti sul canone percepito dal primo gennaio 2011 ed era stato accennato a questa possibilità nel corso di comunicazioni ufficiali dedicate dagli enti preposti alla guida nuova riforma fiscale tributaria e sulla compilazione dei modelli 69 e c.d.c quando scatta la nuova cedolare secca sugli immobili a far data dal primo gennaio 2011 sarà possibile aderire al pagamento agevolato dell imposta gravante sugli immobili attraverso l unica imposta cedolare secca del 21 o 19 a seconda della tipologia di contratti stipulati o in essere se a canone concordato si riduce al 19 vedi articolo a lato i avviso ai nostri lettori lo studio tedeschi partners commercialisti in milano cura la pagina lex semper loquitur i lettori pertanto sono pregati di rivolgere le loro domande in materia fiscale direttamente a tedeschi partners via solari n 50 20144 milano o telefonando allo 02.45485155 a cura di d bianchi

[close]

p. 14

p agina 14 ­ gennaio aprile 11 g azzettino medico la gazzetta della puglia ecco gli errori più comuni che devono essere evitati soprattutto con i primi caldi una estate al mare voglia di solare hip p o c at r es g a cura del professore medico gen sa me samuele valentino matologi oggi ritengono che la crema solare sia più dannosa che utile perché infonde una sensazione di sicurezza o protezione che fa stare al sole per tempi sconsideratamente lunghi i nostri bambini in particolare sono pieni di nei e di lentiggini solari segno evidente del danno da raggi ultravioletti gli stessi bambini un domani saranno a rischio di tumori cutanei un errore comune inoltre è legato alla crema solare una crema a protezione 20 protegge per il 92 per cento mentre una crema a protezione estrema o totale protegge al massimo per il 96 per cento ma è 5/6 volte più carica di filtri chimici È quindi illogico utilizzare per un bambino una crema con fattore di protezione superiore a 20 un altra falsa certezza è quella di ritenere che il danno alla pelle dei bambini possa essere scongiurato evitando l esposizione della pelle nelle ore più a rischio vale a dire dalle 11.00 alle 14.00 certamente le cose non stanno in questi termini infatti in tale fascia oraria possono essere evitati una parte dei raggi uvb responsabili degli eritemi e delle ustioni ma in tutto l arco della giornata sono comunque attivi e presenti i raggi uva responsabili sia dell invecchiamento precoce della cute e degli annessi cutanei sia di gran parte delle forme tumorali cosiddette cutanee un altro errore comune è credere che il primo sole di maggio o giugno quando l aria è più fresca sia più innocuo infatti il picco di maggior pericolosità dei raggi uv raggiunge il massimo proprio a maggio e giugno quali sono allora le regole e le raccomandazioni da rispettare eccone alcune innanzitutto non bisogna utilizzare creme solari in bambini fino ai quattro anni né esporli direttamente al sole bensì è opportuno proteggerli con l ombra il cappello gli occhialini e la maglietta dopo i quattro anni è necessario continuare a protegger i bambini seguendo queste indicazioni con l ombra il cappello gli occhialini e la maglietta utilizzando anche la crema solare intorno al fattore 20 e soprattutto solo nelle aree che rimangono scoperte le mamme a loro volta devono impostare per i propri bambini una corretta esposizione al sole che può risultare più efficace se è accompagnata dal buon esempio ricordando che la pelle di ognuno di noi ha un conta-tempo per le ore trascorse al sole che vale per tutta la vita la regola principale quindi è meno tempo al sole nell età infantile per poter stare più tranquilli al sole nell età adulta la cosiddetta rivoluzione al sole è un fenomeno che si è sviluppato negli anni 40 in america e negli anni 60 in italia infatti diversamente dalle abitudini del passato si era diffusa la convinzione che il sole facesse bene e rinforzasse la nostra salute e quindi via la maglietta cappello o altri indumenti che potessero fare da scudo i bambini di allora sono gli adulti o anziani di oggi e la conseguenza di questa idea sbagliata è sotto gli occhi di tutti pelle precocemente invecchiata dal sole con rughe e macchie e aumento dei tumori cutanei melanomi ed epiteliomi ma oggi abbiamo imparato qualcosa sembra proprio di no infatti i luoghi comuni sono sempre radicati nelle abitudini delle mamme anche di oggi per esempio un comune errore in spiaggia è ancora quello di spalmare la crema in abbondanza magari a più riprese o esporre i bambini al sole di giugno-luglio senza limitazioni anche la comunità europea si è messa in prima linea per diffondere una corretta informazione sulla esposizione al sole in età infantile riportiamo alcune raccomandazioni la crema solare che al primo sole compriamo come per soddisfare un bisogno primario irrinunciabile per noi e per i nostri figli viene solo in parte assorbita dalla pelle e in parte si scioglie dopo qualche tempo purtroppo non quantificabile la protezione solare svanisce e la pelle inizia a subire i danni dei raggi ultravioletti senza che ce ne accorgiamo i danni così sono di due tipi quelli dell assorbimento della crema solare e quelli del sole ecco perché molti der peso forma ricordarsi in mattinata si bruciano più calorie una colazione abbondante e una cena leggera sono il segreto per mantenere il peso forma soprattutto dopo i 40 anni da una recente ricerca inglese condotta presso l institute of metabolic science di cambridge su 6.764 uomini e donne risulta che il campione ingrassato percentualmente di meno è quello che ha assunto la maggior parte delle calorie dal 22 al 50 per cento del totale durante la mattinata non solo dai 40 anni in avanti il nostro metabolismo rallenta ma perdiamo anche circa il 30 per cento di massa muscolare se facciamo un lauto pasto e poi andiamo a letto gli zuccheri si depositano senza possibilità di essere bruciati la ricerca spiega quello che i nostri nonni hanno sempre saputo mangiare durante il giorno e alla sera una semplice zuppa intanto da un altra indagine relativa ai giovani quattordicenni è emerso che la vendita del farmaco noto come «pillola del giorno dopo» spopola tra le adolescenti nel 2007 in italia la domanda ha superato le 270mila confezioni 50 mila in più del 2006 sono le giovanissime appunto tra i 14 e i 20 anni a consumare oltre la metà delle confezioni vendute così sotto accusa finiscono i genitori che sembrano essere totalmente all oscuro delle abitudini sessuali dei propri figli solo 5 su cento immaginano che le figlie quattordicenni abbiano rapporti sessuali quando in realtà si tratta di ben oltre del 38 per cento samuele valentino il parlamento europeo ha varato le nuove norme che regolamentano il diritto alla sanità ue brevi per la salute frutta e verdura quotidianamente allungano la vita un elevato consumo di fibre in frutta verdura cereali integrali protegge dalle malattie e allunga la vita lo dimostra una ricerca che ha seguito per nove anni 400mila uomini e donne che introducevano con la dieta giornaliera dagli 11 ai 29 grammi di fibra in chi ne assumeva di più si è registrata una riduzione della mortalità e del rischio di malattie cardiovascolari respiratorie e infettive farsi curare all estero d ora innanzi sarà più agevole alea iacta est il dado è tratto cure all estero più facili dopo anni di negoziati il parlamento europeo ha dato il placet a nuove norme che consentiranno di scegliere liberamente di farsi curare in un altro paese ue la direttiva comunitaria che dovrà essere recepita negli ordinamenti nazionali sulle cure transfrontaliere fa chiarezza su una questione che in passato ha visto molti ricorsi alla corte di giustizia europea soprattutto per ottenere il rimborso dall assistenza sanitaria nazionale per le cure all estero oggi grazie alle nuove regole ogni cittadino della comunità europea che voglia farsi curare in un altro paese ue potrà farlo senza autorizzazione preventiva a meno che non abbia bisogno di un ricovero ospedaliero la prestazione sanitaria dovrà essere pagata ma si potrà poi richiedere regolare rimborso evitando così di creare un casus belli con le asl l autorizzazione del sistema sanitario del proprio paese sarà invece necessaria se ad esempio un cittadino comunitario vuole andare all estero per un assistenza altamente specializzata o particolarmente costosa l autorità sanitaria nazionale potrà anche dire di no ma solo dimostrando che il paziente trasferendosi all estero potrebbe correre un rischio o che quella stessa cura può essere offerta in tempo utile anche nel paese di residenza nel contesto sanitario europeo la direttiva approvata facilita l iter burocratico per i pazienti ma deve essere usata ponderando le scelte ciò al fine di non aggravare maggiormente il già precario equilibrio economico su cui si regge la nostra sanità nazionale specialmente in alcune regioni dell area centro-meridionale intanto sempre in tema di diritti nel campo della sanità riportiamo una recente sentenza della cassazione n 6375/2011 per i lavoratori in malattia che stabilisce se il dipendente esce di casa su consiglio del medico curante non può essere licenziato quindi «nessun addebito disciplinare può essere contestato al lavoratore che a casa per malattia si adegua alle prescrizioni del suo medico curante tenuto anche presente che nella fattispecie non è emerso lo svolgimento di altre attività lavorative da parte del lavoratore ma la ripresa di alcune attività della vita privata spostamenti in città a piedi e in auto per acquisti e altro cioè di attività di una gravosità di cui non è evidente la comparabilità a quella di un attività lavorativa a tempo pieno non può ritenersi che neanche su un piano logico e di fatto aspetto rilevante ai fini della logicità della motivazione sussistesse l onere per il lavoratore di provare a ulteriore conferma della certificazione medica la perdurante inabilità temporanea rispetto all attività lavorativa» l attività fisica controlla l ansia e contrasta l insonnia l attività fisica è di grande aiuto per tenere sotto controllo l ansia migliorare gli stati di nervosismo e per contrastare soprattutto l insonnia quando si fa ginnastica infatti aumenta nel cervello la produzione di alcuni neurotrasmettitori che agiscono in modo benefico sul tono dell umore nausea in gravidanza addio scoperti «i lillipops» liberarsi dal senso di nausea e malessere che accompagna i primi mesi di gestazione oggi è possibile basta un ghiacciolo una tipologia particolare a base di soli ingredienti naturali senza zuccheri e conservanti sperimentati da una giovane donna inglese che li ha ideati per se stessa «i lillipops» sono ora un fenomeno in tutta europa in merito il prof chiantera segretario aogoi ha affermato «i lillipops funzionano nel 95 dei casi sono un ottima alternativa ai farmaci anche perché privi di effetti collaterali» la scoperta tutta italiana per la sua peculiare natura è assolutamente innocua e quindi adatta per migliorare la sintomatologia simpatica e l idratazione in maniera semplice e gradevole «i lillipops» sono utili infatti per reidratare le future mamme che spesso hanno difficoltà ad assumere liquidi per i sottoscrittori questo il nostro nuovo di conto corrente bancario n.150-532/6 banca popolare di puglia e basilicata filiale di milano iban it19 i053 8501 6000 0000 0000 532 intestato a unione editoriale editrice de «la gazzetta della puglia» i

[close]

p. 15

la gazzetta della puglia r ecensioni gennaio aprile 11 ­ p agina 15 ed newton compton ­ autori accorsi e ferro ed messagero padova a picicco «101 personaggi che hanno fatto » sono tante le persone che hanno fatto grande milano tante anche quelle arrivate dalle altre regioni d italia dalla puglia domenico porzio tarantino che fu capo ufficio stampa della mondadori e assistente del presidente della stessa casa editrice arnoldo tra l altro con edilio rusconi fondò il settimanale oggi guglielmo miani di andria che nel 29 aprì una sartoria in via manzoni 46 divenendo poi famoso e stimato in tutti gli ambienti meneghini organizzò anche nel 60 una settimana inglese a milano collocando cabine telefoniche londinesi in diversi punti della città giacomo lezoche commercialista con studio in corso venezia 8 studioso dei problemi legati all immigrazione amico di intellettuali pugliesi tra i quali nino palumbo vittorio notarnicola grande giornalista caporedattore del corriere l avvocato nicola sbisà il pittore domenico cantatore di ruvo di puglia raffaele mattioli presidente della commerciale veniva dall abruzzo gaetano afeltra che fu vicedirettore del corriere direttore del corriere d informazioni e de il giorno da amalfi indro montanelli da fucecchio eugenio montale era ligure dino buzzati bellunese leo lonanesi originario di bagnacavallo provincia di ravenna e potremmo continuare parlando dei milanesi di spicco che hanno dato lustro alla città da giovanni ricordi ad angelo rizzoli il commenda dell editoria nato da genitori molto poveri in una soffitta di via manzoni andrea accorsi e daniela ferro hanno scritto un volume intitolato 101 personaggi che hanno fatto grande milano partendo da diocleziano e sant ambrogio bonvesin de la riva e gian galeazzo visconti e in 522 pagine pubblicate dalla newton compton hanno descritto la vita e le opere di ogni personaggio con dovizia di particolari un libro interessantissimo da leggere e da consultare in cui parlano di alda merini del suo percorso poetico della sua amicizia con giacinto spagnoletti autore anche di una storia della storia della letteratura del novecento che nella propria casa in via del torchio le fece conoscere maria corti giorgio manganelli il primo maestro di poesia e di amore per la giovane poetessa del suo matrimonio con il poeta tarantino michele pierri uomo schivo e solitario fondatore nel 48 dell accademia salentina salvatore quasimodo l operaio dei sogni non solo poeti scrittori e giornalisti sfilano in queste pagine da non perdere fitte come sono di notizie sulla vita e le opere dei tanti personaggi ma anche assi del pallone come giacinto facchetti il terzino gentiluomo giuseppe meazza artista del palleggio cantanti enzo jannacci giorgio gaber adriano celentamo musicisti giuseppe verdi carla fracci regina anzi leggenda della danza italiana ecco carlo gnocchi il santo dei mutilatini paolo grassi una vita per il teatro grande sostenitore del festival della valle d itria di martina franca mario negri il filantropo della ricerca medica un libro prezioso scritto con intelligenza e passione grande competenza insieme i due bravissimi autori l uno giornalista e ricercatore l altra docente hanno pubblicato anche milano criminale e il grande libro dei misteri di milano risolti e irrisolti anche questi della newton compton «ludovico necchi» martedì 29 marzo presso la prestigiosa cripta dell aula magna dell università cattolica di milano è stato presentato il volume ludovico necchi edizioni messaggero di padova collana i testimoni del concittadino agostino picicco la presentazione che rientra nell ambito delle iniziative per il novantesimo anniversario della fondazione dell università cattolica ha avuto come fine quello di far conoscere la figura di ludovico necchi milano 1876 ­ 1930 esponente significativo della cultura cattolica italiana all inizio del secolo scorso al fine di riproporne la biografia e ribadire i valori da lui incarnati e attuali anche oggi che emergono dalla pienezza della sua esistenza e dalla poliedricità dei suoi tanti ambiti di azione il dottor necchi infatti fu dirigente di azione cattolica pioniere della fondazione dell università cattolica premuroso padre di famiglia medico valentissimo docente universitario di biologia generale studioso amministratore comunale e provinciale servitore della patria come medico in prima linea durante la prima guerra mondiale senza dimenticare che alla base dell università cattolica c è stata la provvidenziale presenza di necchi per la conversione del fondatore agostino gemelli ­ ottenuta non con le prediche ma con l esempio della vita ­ e poi nello svolgimento di tutte le future attività quale consigliere autorevole saggio e discreto di gemelli stesso il messaggio della sua vita è che la santità è raggiungibile anche se si ha famiglia e ci si dedica nel mondo all attività accademica e a quella socio-politica come servizio alla comunità con coerenza di vita professando unità tra fede e azione su alcuni di questi aspetti della vita e della personalità di necchi alla presenza di numeroso e qualifica pubblico di autorità accademiche e docenti si sono confrontati con l autore avv agostino picicco l assistente ecclesiastico generale dell università cattolica del sacro cuore prof mons sergio lanza il cappellano dell università cattolica del sacro cuore e assistente nazionale dell associazione necchi padre luigi cavagna che ha parlato di necchi laico cristiano e terziario francescano il comandante l esercito in lombardia gen camillo de milato che ha parlato di necchi soldato il vicrpresidente della provincia di milano e assessore alla cultura ing umberto novo maerna che ha parlato di necchi amministratore locale fu infatti per sette anni consigliere comunale e per circa due anni consigliere provinciale un numeroso pubblico di autorità accademiche e docenti ha gremito la sala presenti anche le telecamere di telenorba franco presicci i direttore domenico blasi edizioni panico ­ dedicato ai 150 anni dell unità d italia umanesimo della pietra il 2 aprile nella sala consiliare del palazzo ducale a martina franca sono stati presentati i numeri del 2009 e del 2010 dell autorevole rivista riflessioniumanesimo della pietra lo ha fatto lo stesso direttore domenico blasi alla presenza degli autori e di un numeroso pubblico l incontro ­ ha detto blasi ­ s inquadra fra le manifestazioni programmate da varie associazioni nell anno giubilare angioino della città per il settimo centenario del riconoscimento istituzionale del `casale della franca martina da parte del principe di taranto filippo i d angiò 1294-1331 evento storico di notevole rilevanza per ribadire l identità culturale cittadina e soprattutto per mettere in relazione la fondazione di martina con le vicende storiche di numerosi centri demici della murgia dei trulli domenico blasi ha quindi illustrato i diversi capitoli della pubblicazione 2009 scritti da autorevolissimi storici tra i quali giovanni liuzzi angelo carmelo bello olga sarcinella il biologo francesco pinto il biologo marino giambattista bello ill demologo pietro piepoli nella miscellanea del 2010 l editoriale del direttore è dedicato al settecentenario della splendida città dei trulli evento al quale fanno riferimento alcuni dei 17 saggi ospitati che occupano 180 pagine tra questi luigi mongiello storico degli insediamenti masserizi giacinto giglio architetto paesaggista il 12 marzo nel salone di rappresentanza della società artigiana in piazza plebiscito umanesimo della pietra aveva ricordato italo palasciano giornalista professionista esperto dei problemi dell agricoltura pugliese e la sua intensa attività in seno al gruppo a tratteggiare la figura dello scomparso che tra l altro fu per tanti anni direttore di riflessioni-umanesino della pietra e per l istituto feltrinelli tra i curatori della bibliografia della stampa operaia e contadina in puglia dal 1846 al 1924 domenico blasi «l idomeneo n 12» l ultimo numero de l idomeneo n 12 2010 galatina edizioni panico pp 221 organo della società di storia patria di lecce è interamente dedicato alla ricorrenza dei 150 anni dell unità d italia in sostanza raccoglie gli atti di un apposito convegno di studi svoltosi a lecce il 21 e 22 ottobre 2010 non potendo entrare nel merito di ogni singolo saggio ne riportiamo solo i contenuti la poesia patriottica mario marti l idea di unità nazionale nelle storie letterarie in età moderna marco leone il contributo degli intellettuali meridionali all interno del dibattito pre-unitario salvatore capodieci la figura di sigismondo castromediano nel romanzo noi credevamo di anna banti antonio lucio giannone il brigante tallarico nel ricordo di sigismondo castromediano a-lessandro laporta appunti sulla civiltà letteraria storica e giuridica nel salento pre-unitario emilio filieri il nord e sud nel processo unitario luigi montonato i minori del risorgimento salen-tino salvatore coppola il federalismo paola marino l italia e l europa egidio zacheo come si vede a studi di carattere nazionale e sovranazionale si alternano contributi di natura meridionale e salentina centrale il discorso sulla sub-regione salento sull europa e il mediterraneo del salento viene ricostruito il processo risorgimentale in particolare vengono ricordati gli uomini che ne furono protagonisti dalla storiografia nazionale trascurati perché ritenuti a torto minori dell europa si sottolinea soprattutto la dimensione economica e politica dentro la quale l italia e quindi il sud dovrà giocarsi tutto il suo futuro del mediterraneo si ricordano i confini geografici e la ricchezza etnica e culturale scrive zacheo «l europa del mediterraneo è stata un prodigioso laboratorio di convivenza di integrazione di rifusione e l italia è stata il cuore di questo laboratorio già dante nutritosi e contaminatosi di tutte queste culture concepisce per primo l unità del genere umano oltre ogni divisione di razza e religione l idea com egli dice di una humana civilitas » pp 199-200 la rivista l idomeneo è nata nel 1998 il direttore scientifico è mario spedicato docente di storia moderna all università del salento il nome della rivista si ispira a idomeneo eroe della mitolo-gia greca che secondo la leggenda fondò la città di lecce si legge nel risvolto interno della copertina «l idomeneo tende a rilanciare la passione della ricerca archivistica per portare alla luce nuo-vi tasselli di storia comunale e regionale contribuendo così a una conoscenza più completa e dettagliata delle vicende nazionali e dell europa mediterranea» sinora ha collezionato una produzione scientifico-storiografica di notevole interesse sulla scia di una ricca e illustre tradizione rivista storica salentina rinascenza salentina rassegna salentina studi salentini contributi eccetera sul sito www.culturaservizi.it/vrd/idomeneo sono consultabili le intere annate l presicci p filomeno

[close]

Comments

no comments yet