Attività clinico-scientifica 2009-2010 IRCCS Ospedale San Camillo Venezia

 

Embed or link this publication

Description

Relazione biennale sull'attività clinico-scientifica 2009-2010 dell'Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) Ospedale San Camillo di Venezia, specializzato nella neuroriabilitazione motoria, della comunicazione e del comportamento.

Popular Pages


p. 1

IRCCS FONDAZIONE OSPEDALE SAN CAMILLO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Venezia - Lido ATTIVITÀ CLINICO-SCIENTIFICA Progetti di ricerca 2009 - 2010

[close]

p. 2

ISTITUTO DI DIRITTO PRIVATO CERTIFICATO UNI EN ISO 9001:2008 Testi elaborati da: Direzione Scientifica IRCCS Fondazione Ospedale San Camillo Venezia - Lido Curatrice: Lisa De Rossi - Resp. Ufficio Stampa Stampa: Grafiche Liberalato srl - Mestre Venezia

[close]

p. 3

INDICE PRESENTAZIONE Direttore Generale pag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Direttore Scientifico pag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Direttore Sanitario pag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 7 9 ASPETTI ORGANIZZATIVI Strutture Generali pag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Consiglio Scientifico Internazionale pag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Comitato Tecnico Scientifico pag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Regolamento Comitato Tecnico Scientifico pag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Comitato Etico pag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Regolamento Comitato Etico pag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dipartimenti e Servizi pag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Laboratori e Centri di Ricerca pag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 33 37 41 45 49 59 75 ATTIVITÀ SCIENTIFICA Rendiconto Ricerca Corrente 2009 pag. 81 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Produzione Scientifica 2009 pag. 149 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ricerca Finalizzata 2009 - Ministero della Salute . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 161 Bando Giovani Ricercatori 2009 - Ministero della Salute . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 185 Rendiconto Ricerca Corrente 2010 pag. 199 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Produzione Scientifica 2010 pag. 287 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ricerca Corrente 2011 pag. 307 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Progetto Conto Capitale 2010 - Ministero della Salute . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 439 Ricerca Europea Seventh Framework Programme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 447 Ricerca Sanitaria Finalizzata Regione Veneto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pag. 545 Convenzioni e Collaborazioni Nazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pag. 569 Convenzioni e Collaborazioni Internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 571 3

[close]

p. 4

ATTIVITÀ CLINICO ASSISTENZIALE Organizzazione dell'Attività Sanitaria pag. 575 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Attività di Governo Clinico pag. 581 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Attività Sanitaria pag. 587 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tabella Ricoveri pag. 611 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Attività Ambulatoriali pag. 615 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ATTIVITÀ DIDATTICA E FORMATIVA Progetti Formativi Interni rivolti all'Aggiornamento Scientifico . . . . . . . . . . . . pag. 619 Progetti Formativi Interni rivolti all'Assistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 621 Convenzioni per Formazione e Didattica pag. 623 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Eventi Scientifici organizzati pag. 627 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Biblioteca pag. 633 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . APPENDICE Manuale della Qualità pag. 639 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

[close]

p. 5

Direttore Generale Dott. Pietro Gonella La relazione sulle varie attività realizzate nel biennio 20092010 rappresenta un’occasione privilegiata per far conoscere in modo più dettagliato ad una platea più ampia dei soli addetti ai lavori i significativi cambiamenti intervenuti nell’assetto istituzionale nonché nell’organizzazione e nel funzionamento dell’IRCCS San Camillo di Venezia-Lido. Nel mese di dicembre 2008 la Provincia Lombardo Veneta dell’Ordine Religioso dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi (Camilliani) - proprietaria di quattordici strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali insistenti nei territori delle Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna - ha ottenuto l’approvazione ministeriale della Fondazione “Opera San Camillo” costituita ad hoc con l’intendimento di trasferirle l’amministrazione e la gestione delle predette strutture in regime di contratto di affitto di azienda. In data 10 marzo 2009 la Provincia Lombardo Veneta ha, con specifico rogito notarile, concesso - in regime di affitto - alla suddetta Fondazione, iscritta al Registro delle Persone Giuridiche presso la Prefettura di Milano al n. 894, l’amministrazione e la gestione delle quattordici strutture sopra menzionate, tra le quali era ricompresa anche la struttura Ospedale San Camillo IRCCS di Venezia-Lido, cui è stato riconosciuto - con decreto ministeriale 18 marzo 2005 - il carattere scientifico nella disciplina di “Neuroriabilitazione motoria, della comunicazione e del comportamento”, carattere confermato per un ulteriore triennio con decreto ministeriale 22 novembre 2010. Successivamente, nel mese di maggio 2009, è stato concordato nel corso di un’apposita riunione svoltasi presso il Ministero della Salute - alla presenza dei rappresentanti della Regione Veneto, dell’Azienda ULSS 12 Veneziana e della Provincia Lombardo Veneta proprietaria della struttura ospedaliera riconosciuta IRCCS - sulla necessità di addivenire alla costituzione di una Fondazione ad hoc per l’amministrazione e la gestione dello stesso ai sensi e per gli effetti delle disposizioni del Decreto Legislativo n. 288/2003: si doveva in buona sostanza procedere allo scorporo dalla Fondazione “Opera San Camillo” della struttura ospedaliera del San Camillo di Venezia-Lido ponendola sotto l’egida della Fondazione IRCCS “Ospedale San Camillo”, quale nuovo soggetto giuridico autonomo e distinto. Dopo circa quattro mesi, e precisamente in data 8 settembre 2009, è stato di conseguenza approvato dalla Provincia Lombardo Veneta, con specifico rogito notarile, l’atto costitutivo ed il relativo allegato Statuto della Fondazione IRCCS “Ospedale San Camillo”. Nel frattempo, agli inizi di ottobre 2009, il Consiglio Provinciale della Provincia Lombardo Veneta ha nominato il sottoscritto Commissario Straordinario dell’IRCCS Ospedale San Camillo. 5

[close]

p. 6

In data 10 dicembre 2009 la Fondazione IRCCS “Ospedale San Camillo” è stata iscritta al Registro delle Persone Giuridiche presso la Prefettura di Venezia al n. 409, realizzando così il perfezionamento dell’iter per l’acquisizione della nuova soggettività giuridica autonoma e distinta dall’originaria Fondazione “Opera San Camillo”. In data 16 dicembre 2009 si è tenuto a Verona il primo Consiglio di Amministrazione nella composizione prevista in via provvisoria dall’atto costitutivo dell’8 settembre 2009. In data 1 aprile 2010 ha iniziato l’operatività giuridica della Fondazione IRCCS “Ospedale San Camillo”, per cui lo stesso nel biennio 2009-2010 è stato amministrato e gestito: - dall’1 gennaio 2009 al 9 marzo 2009 dalla Provincia Lombardo Veneta; - dal 10 marzo 2009 al 31 marzo 2010 dalla Fondazione “Opera San Camillo”; - dall’1 aprile 2010 al 31 dicembre 2010 dalla Fondazione IRCCS “Ospedale San Camillo”. In data 1 settembre 2010 ha avuto inizio, con l’insediamento del Consiglio di Amministrazione per il triennio 2010-2013, la prima gestione ordinaria della Fondazione IRCCS in parola. I primi mesi di mandato commissariale sono trascorsi nell’impegno di procedere al perfezionamento dei trasferimenti giuridico-amministrativi della autorizzazione all’esercizio delle attività istituzionali nonché dell’accreditamento istituzionale delle stesse in capo alla Fondazione IRCCS. Nei quindici mesi di gestione commissariale, da ottobre 2009 a dicembre 2010, ci si è prefissi da un lato di implementare nell’assetto aziendale una robusta cultura amministrativa ancorchè si fosse e si sia in presenza di un IRRCS di diritto privato, e ciò nella incontrovertibile convinzione che esercita concretamente una funzione di indubbia rilevanza pubblica (con l’introduzione, ad esempio, di un sistema di reclutamento delle risorse umane attraverso procedure di pubblico concorso), dall’altro di dare soluzioni prospettiche a varie problematiche di ordine prettamente gestionale quali miglioramento del lay-out edilizio e non, della situazione tecnologico-impiantistica e degli impianti elevatori, della logistica. Pur rimandando - per quanto attiene agli aspetti tecnico-sanitari ed igienistico-organizzativi nonché ai profili della ricerca, importante e fondamentale peculiarità di un IRCCS - agli editoriali del Direttore Sanitario e del Direttore Scientifico che seguono, non posso chiudere senza rappresentare che nel 2010 è stato raggiunto l’obiettivo prioritario posto dallo scrivente a fine 2009, obiettivo consistente nel superare i 300 punti di IFN/Impact Factor Normalizzato e tale obiettivo troverà ulteriori conferme nel 2011 e anni seguenti. 6

[close]

p. 7

Direttore Scientifico Prof. Leontino Battistin E’ con viva soddisfazione che riassumo l’attività svolta dal nostro IRCCS nel corso degli ultimi due anni, nonché i principali programmi per il futuro. Devo in primo luogo sottolineare il significativo sviluppo dell’attività scientifica dell’IRCCS. Vi sono stati importanti nuovi ingressi di ricercatori molto affermati che hanno stabilito un rapporto di collaborazione scientifica continuativa con questo Istituto. Innanzitutto il Prof. Carlo Semenza, Ordinario di Neuropsicologia all’Università di Padova e afferente al Dipartimento di Neuroscienze della stessa Università, che da molti anni è un punto di riferimento internazionale della sua disciplina; il Prof. Niels Birbaumer, Ordinario di Neurologia all’Università di Tübingen, Germania, scienziato di fama internazionale nonché autorevole componente del Board Editoriale di prestigiose Riviste in ambito di neuroriabilitazione; il Prof. Corrado Angelini, Ordinario di Neurologia all’Università di Padova e afferente al Dipartimento di Neuroscienze della stessa Università, ampiamente noto nel mondo scientifico internazionale per i suoi contributi nell’ambito della patologia neuromuscolare. E’ con piacere poi che rilevo che per la prima volta l’IRCCS ha ospitato un docente ricercatore che ha voluto fare il periodo di sabbatico presso il nostro Istituto; mi riferisco alla Prof.ssa Annalena Venneri, Ordinario di Neuropsicologia presso l’Università di Sheffield, Inghilterra, di grande spessore scientifico nel campo delle ricerche di Neuroimaging funzionale applicate alla Neuropsicologia. E’ verosimile che la Prof.ssa Venneri possa prolungare ulteriormente il suo soggiorno a Venezia. Anche nello staff permanente dell’IRCCS ci sono stati nuovi ingressi. Voglio in particolare ricordare quello del Dr. Angelo Antonini che dopo vari soggiorni all’estero e un periodo di lavoro a Milano è venuto a Venezia; gli è stata affidata l’Unità dipartimentale per la Malattia di Parkinson e le Malattie Extrapiramidali, campo nel quale egli ha una riconosciuta competenza e attività scientifica di caratura internazionale. Questo incremento e sviluppo dell’attività scientifica si è tradotto tanto nell’anno 2009 che nel 2010 in un significativo aumento delle pubblicazioni scientifiche, e di conseguenza anche dell’Impact Factor che ha superato quota 300 ed è quindi sostanzialmente raddoppiato rispetto agli anni precedenti. A conferma di quanto sopra esposto, è con viva soddisfazione che abbiamo appreso nei mesi recenti che l’IRCCS Ospedale S. Camillo ha vinto un progetto di ricerca del Ministero della Salute in conto capitale per l’acquisto di grandi apparecchiature per euro 1.300.000 e pari quota dovrà venire cofinanziata dalla Regione Veneto; troverete pubblicato il progetto in questo volume. Inoltre, della Ricerca Finalizzata 2009 il nostro IRCCS ha vinto tre progetti, di cui 7

[close]

p. 8

due di Ricercatori senior, Prof. Carlo Semenza e Dr. Angelo Antonini, e uno di un giovane Ricercatore, Dr. Andrea Caria, il tutto per complessivi euro 900.000. Ovviamente le sei linee di Ricerca Corrente già illustrate nei volumi precedenti ma anche in questo sono state perseguite dai nostri ricercatori con risultati molto apprezzabili. Inoltre, il lettore troverà pubblicati anche i Progetti di Ricerca vinti a livello regionale ed europeo. L’IRCCS è stato presente a numerosi eventi scientifici nazionali e internazionali con apporti molto significativi e fra tutti voglio ricordare in particolare il Congresso Mondiale della Federazione di Neuroriabilitazione svoltosi a Vienna nel marzo 2010, ove la presenza del nostro IRCCS a livello di contributi scientifici e letture magistrali è stata da tutti ampiamente apprezzata e sottolineata. Ricordo che anche a livello dell’attività didattica e formativa ci sono stati significativi progressi e collegamenti con le Università del territorio, in particolare Padova, Venezia e Verona. Infine, l’attività assistenziale si è mantenuta costantemente a livello di eccellenza e di ciò fa fede l’indice di attrattività per pazienti da fuori Regione che si mantiene intorno al 30%. Ci sono stati ulteriori elementi di sviluppo; fra questi mi piace segnalare la costituzione dell’Ufficio Stampa affidato ad una valida giornalista professionista, Lisa De Rossi, che ha dato un contributo estremamente significativo, non solo nell’attività di ufficio stampa, ma anche nella realizzazione del nuovo sito web del nostro IRCCS. Ricordo che la valida Dr.ssa Alessandra Ori ci ha lasciati per un’altra sede, forse però solo transitoriamente, e che al suo posto nell’ambito della Segreteria Scientifica sono entrate la Dr.ssa Viviana Zanin e la Dr.ssa Cristina Cavallarin, entrambe molto valide ed entusiaste; è poi imminente l’arrivo in veste di prima responsabile della Segreteria Scientifica della Dr.ssa Iolanda Attanasio, che ha maturato una notevole esperienza al Ministero della Salute. Da ultimo, una nota purtroppo molto dolorosa; ci ha lasciato dopo lunga incurabile malattia il Dr. Lamberto Piron, colonna portante di questo IRCCS, medico e ricercatore di grande spessore e persona di squisita umanità. Lo ricorderemo sempre e istituiremo a suo nome un Premio di studio permanente. Sono molto fiducioso che nell’immediato futuro riusciremo a potenziare ancora di più l’attività scientifica e in particolare quella dei laboratori di ricerca neurobiologica, ma non solo e sarà altresì possibile un miglioramento della situazione logistico-organizzativa. E’ quindi con l’orgoglio di due anni di intensa attività a tutti i livelli che chiudo questa breve presentazione esprimendo un grazie sincero e sentito a tutti i Collaboratori, a tutto il Personale medico e non medico, nonché alle Segreterie, agli Uffici tecnico-amministrativi e in modo particolare ai Padri Camilliani che hanno sempre sostenuto le nostre iniziative con grande entusiasmo e disponibilità, con estrema apertura al progresso della conoscenza, il tutto con il fine ultimo di perseguire al massimo il bene dei malati. 8

[close]

p. 9

Direttore Sanitario Dr. Cristiano Massaro Questo ormai consueto appuntamento biennale ci consente non solo di presentare i dati di attività pertinenti al periodo, ma anche di testimoniare, pur nelle difficoltà sempre crescenti dovute al contesto politico-economico nazionale, il continuo impegno e la convinta adesione ai concetti di miglioramento continuo che hanno sempre caratterizzato la storia del San Camillo, certamente dalla data del suo riconoscimento come IRCCS, ma anche in precedenza, quando, primo ospedale del Veneto, ha conseguito la certificazione secondo il modello UNI EN ISO 9001. È infatti con orgoglio che ci accingiamo al quarto rinnovo della certificazione (secondo la nuova revisione 2008 della norma) dopo aver conseguito sia il rinnovo dell’autorizzazione all’esercizio che l’accreditamento istituzionale. Infatti, con il decreto del Segretario Regionale per la Sanità n. 19 del 2 marzo 2010 “L. R. n. 22 del 16.08.2002 - Conferma dell’autorizzazione all’attività di assistenza ospedaliera di ricovero e ambulatoriale della casa di cura privata Ospedale San Camillo di Venezia, via Alberoni 70, di proprietà della Provincia Lombardo Veneta dell’Ordine religioso dei chierici regolari ministri degli infermi e concessa in affitto d’azienda alla Fondazione Ospedale San Camillo con sede in Venezia Lido, via Alberoni 70.” per le funzioni già provvisoriamente accreditate, della struttura sanitaria di ricovero “Ospedale San Camillo” con sede al Lido di Venezia in via Alberoni 70”, la Regione del Veneto ha confermato l’autorizzazione all’esercizio. Con successiva deliberazione di Giunta Regionale n. 1156 del 23 marzo 2010 è stato formalmente confermato l’accreditamento provvisorio di funzioni/attività ospedaliere in capo alla Fondazione “Ospedale San Camillo”, accreditamento provvisorio già riconosciuto in precedenza alla Provincia Lombardo Veneta. Infine, con la deliberazione della Giunta Regionale n. 3132 del 14 dicembre 2010 “Lr n. 22/02 - accreditamento istituzionale, per le funzioni già provvisoriamente accreditate, della struttura sanitaria di ricovero “Ospedale San Camillo” con sede al Lido di Venezia in via Alberoni 70”, la Regione del Veneto ha rilasciato l’accreditamento istituzionale dell’attività ospedaliera e dell’attività ambulatoriale. Tutto questo non deve però farci abbassare il livello di attenzione: è in dirittura d’arrivo il Piano socio-sanitario regionale 2012-2014, che vede affermarsi un nuovo e diverso impianto della rete riabilitativa, in cui il nostro IRCCS aspira naturalmente ad assumere un ruolo centrale. Gli elementi di cui dobbiamo tener conto per le future strategie sono i seguenti: - i ricoveri in riabilitazione mostrano una tendenza all’aumento, così come il totale delle relative giornate; 9

[close]

p. 10

- la distribuzione regionale dei posti letto per la nostra specializzazione non è omogeneo; - è prevista una forte presenza delle strutture territoriali nella definizione di quello che viene definito “Percorso Riabilitativo Unico Integrato”; - la necessità di un’ulteriore qualificazione dei posti letto per riabilitazione, sia intensiva che estensiva, (e quindi dei diversi presidi presenti ad oggi nella regione) secondo il modello ormai consolidato e fruttifero detto “hub & spoke”. Ovviamente, in via preventiva, il PSSR 2012-2014 andrà ad individuare su scala regionale il fabbisogno dei posti letto di riabilitazione e la loro allocazione, tenendo conto, all’interno dei processi di riorganizzazione/riconversione degli Ospedali di zona, dei profili epidemiologici e demografici, dell’attuale consistenza dei posti letto di riabilitazione, della necessità di una maggiore integrazione col territorio. Più specificamente, è di estremo interesse la previsione di sviluppo di questa rete su due direttrici che sostanziano il nostro portato specifico, e cioè la riabilitazione intensiva neurologica da una parte e le gravi neurolesioni e i politraumi dall’altra. L’adozione del modello ICF (International Classification of Functioning), così come indicato dal Ministero della Salute, utile ad analizzare le condizioni di salute e insieme definire un profilo del funzionamento, implica altresì il potenziamento ed il rafforzamento delle reti riabilitative intra- e inter-aziendali, sulla base della complessità dei casi trattati e dell’intensità di prestazioni erogate, fino ad arrivare a veri e propri percorsi integrati (si parla di “Percorso Riabilitativo Unico Integrato”), auspicabilmente per singola patologia o per patologie omogenee, che dovrà tenere in considerazione l’appropriatezza dei vari setting terapeutici della rete riabilitativa. Il Progetto Riabilitativo Individuale, lo strumento consolidato che da anni il nostro IRCCS utilizza con successo, e che a breve sarà disponibile nel formato elettronico, sarà il locus in cui tutte le professionalità sanitarie interessate (medici specialisti, case manager, infermieri, psicologi, fisioterapisti, logopedisti, terapisti occupazionali e altri) si ritroveranno insieme al paziente e ai suoi caregiver. La definizione degli obiettivi specifici, il loro monitoraggio periodico, la valutazione finale e, per estrapolazione, la misurazione di opportuni indicatori di esito sono fra gli elementi che speriamo diventino patrimonio professionale condiviso. Naturalmente, è nostro intento mantenere l’impegno delle tre ore giornaliere di riabilitazione, non onnicomprensive ma fornite da specifiche professionalità riabilitative, a cui vanno ad aggiungersi le prestazioni riabilitative e di counselling erogate dal personale dedicato all’assistenza, e quelle aggiuntive previste dai diversi progetti e protocolli di ricerca. Un ultimo punto di domanda riguarda la durata della degenza consentita, che si vuole collegare (nel caso delle patologie di ambito neurologico) ad indicatori di gravità non ancora definiti, atteso che la rispondenza ai criteri di appropriatezza dei nostri ricoveri è stata sempre certificata dall’attività dei vari Nuclei di controllo che nel corso di questi anni hanno visitato l’IRCCS: probabilmente sarà una sfida (e non l’unica né l’ultima) da raccogliere negli anni futuri. 10

[close]

p. 11

Decreto di Istituzione dell'IRCSS Ospedale San Camillo 11

[close]

p. 12

DECRETO 22 NOVEMBRE 2010 Conferma del carattere scientifico dell’IRCCS Fondazione «Ospedale San Camillo», in Venezia. (10A14898) (G.U. Serie Generale n. 294 del 17 dicembre 2010) IL MINISTRO DELLA SALUTE D’INTESA CON IL PRESIDENTE DELLA REGIONE VENETO Visto l’art. 42, comma 1, della legge 16 gennaio 2003, n. 3, recante delega al Governo per l’emanazione di un decreto legislativo concernente il riordino della disciplina degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico; Visto il decreto legislativo 16 ottobre 2003, n. 288, concernente il riordino degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico e, in particolare, l’art. 14, comma 3, recante la disciplina del procedimento per il riconoscimento; Visto il decreto del Ministro della salute, d’intesa con il Presidente della Regione Veneto, del 18 marzo 2005, con il quale e’ stato riconosciuto, per un periodo di tre anni, il carattere scientifico dell’Istituto Ospedale San Camillo, per la disciplina di «Neuroriabilitazione motoria, della comunicazione e del comportamento»; Visto, altresì, l’art. 15, comma 1, del sopraindicato decreto secondo cui ogni tre anni le Fondazioni IRCCS, gli Istituti non trasformati e quelli privati inviano i dati aggiornati in merito al possesso dei requisiti di cui all’art. 13, comma 3 del decreto medesimo; Considerato che l’iter per la suddetta conferma e’ stato sospeso in attesa che l’Istituto in parola si scorporasse dalla Provincia Lombardo-Veneta dell’Ordine Religioso dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi (Camilliani) di cui faceva parte, e costituisse un soggetto giuridico nelle forme e nei modi previsti dal codice civile al fine di consentire, in tal modo, una sua precisa individuazione ed una autonomia giuridica, gestionale ed economico-finanziaria; Accertata l’avvenuta costituzione del nuovo soggetto giuridico, denominato «Fondazione Ospedale San Camillo», attraverso l’iscrizione dello stesso al Registro delle Persone giuridiche della Prefettura di Venezia al n. 409; Considerato che la nuova veste giuridica conseguita dall’Istituto non incide sulla validita’ di quegli atti, acquisiti prima del suddetto scorporo, comprovanti la sussistenza dei requisiti richiesti dalla legge per la conferma del riconoscimento scientifico; Acquisita l’istanza del 22 marzo 2008 dell’Ospedale «San Camillo», per la conferma del riconoscimento di Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico, per la disciplina sopra detta; 12

[close]

p. 13

Vista da ultima la deliberazione n. 1156 del 23 marzo 2010, con la quale la Giunta regionale del Veneto ribadisce il parere favorevole all’istanza di conferma del riconoscimento scientifico presentata dall’IRCCS il 22 marzo 2008 poi costituitosi in Fondazione, per la sussistenza delle medesime condizioni di coerenza con la programmazione sanitaria regionale; Vista la relazione riguardante la site - visit effettuata presso l’Istituto in data 30 novembre 2008; Accertata la sussistenza dei requisiti previsti dall’art. 13, comma 3, lettere da a) ad h), del decreto legislativo 16 ottobre 2003, n. 288; Visto il parere favorevole della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province Autonome di Trento e Bolzano espresso nella seduta del 23 settembre 2010; Vista la legge n. 172 del 13 novembre 2009, con la quale viene istituito il Ministero della salute; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 15 dicembre 2009, che nomina il sottoscritto Ministro della salute; Decreta: E’ confermato, per un periodo di tre anni, a decorrere dalla data di pubblicazione del presente decreto in Gazzetta Ufficiale, il carattere scientifico dell’IRCCS Fondazione «Ospedale San Camillo», con sede legale in Venezia, Strada comunale Alberoni n. 70, Istituto con personalita’ giuridica di diritto privato, per la disciplina di «Neuroriabilitazione motoria, della comunicazione e del comportamento». Roma, 22 novembre 2010 Il Ministro della salute Il presidente della Regione Veneto Fazio Zaia 13

[close]

p. 14

STATUTO DELLA FONDAZIONE "OSPEDALE SAN CAMILLO" Articolo 1 Denominazione e Sede 1. Per iniziativa della Provincia Lombardo Veneta dell’Ordine Religioso dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi è costituita la Fondazione denominata “FONDAZIONE OSPEDALE SAN CAMILLO” con sede legale in Venezia, attualmente al n. 70 della Strada Comunale Alberoni. Il trasferimento della sede legale presso altro indirizzo nell’ambito del Comune di Venezia non comporterà modifica del presente statuto. 2. La Fondazione è destinata a gestire l’Ospedale classificato IRCCS di Venezia Lido Alberoni di proprietà dell’Ente fondatore. 3. La Fondazione, che ha natura privata, è disciplinata dalle disposizioni di cui al presente Statuto, da quelle di cui al Libro I, Titolo II del Codice Civile, nonché per quanto applicabili dalle disposizioni di cui al D. Lgs. 16.10.2003, n. 288. Articolo 2 Missione e Finalita' 1. La Fondazione, ispirata al carisma ed alla filosofia dell’Ente fondatore, intende concorrere alla difesa ed alla cura della vita e della persona sofferente e bisognosa, dal concepimento alla morte naturale. 2. La Fondazione non ha scopo di lucro ed ha durata illimitata e si propone esclusivamente fini di solidarietà sociale nei settori dell’assistenza sanitaria, socio sanitaria e della ricerca scientifica di particolare interesse sociale. 3. La Fondazione, secondo gli standard di eccellenza tempo per tempo definiti, persegue attività di assistenza sanitaria e socio sanitaria, nonché attività di ricerca sanitaria, prevalentemente di tipo clinico e traslazionale nel settore della neuroriabilitazione. 4. La Fondazione persegue in particolare le seguenti finalità: - assistere e curare pazienti affetti da bisogni riabilitativi e socio sanitari, identificando specifici interventi terapeutici interdisciplinari e provvedendo al successivo controllo periodico, ivi compreso un adeguato supporto di riabilitazione fisica e psichica. Per tali finalità la Fondazione può avvalersi anche di personale qualificato proveniente da altri Stati europei e non europei; 14

[close]

p. 15

- promuovere attività di ricerca al fine di acquisire nuove conoscenze sull’eziologia di patologie disabilitanti e sulle caratteristiche biologiche e cliniche dei pazienti affetti da bisogni riabilitativi, stimolando e supportando lo sviluppo di nuove modalità terapeutiche e tecnologie per migliorare la diagnosi e la terapia; - garantire uno stretto rapporto tra l’assistenza e la ricerca clinica, sperimentale e gestionale, favorendo il trasferimento rapido dei risultati ottenuti dalla ricerca all’assistenza; - svolgere attività di addestramento e formazione permanente, nonché di formazione specialistica, in collaborazione con le Università ed altre Istituzioni nazionali ed internazionali ed in armonia con la programmazione regionale ed i programmi di educazione continua in medicina; - stabilire opportune forme di collaborazione scientifica con enti, istituzioni, laboratori di ricerca italiani e stranieri, nonché con altri organismi internazionali al fine di realizzare: programmi coordinati; attuare comuni progetti di ricerca; condividere protocolli di assistenza; operare la circolazione e la diffusione delle conoscenze; - tutelare la proprietà intellettuale dei risultati dell’attività di ricerca e la valorizzazione economica degli stessi; - sperimentare e monitorare forme innovative di gestione ed organizzazione in campo sanitario e della ricerca; - promuovere la partecipazione dei soggetti pubblici e privati allo svolgimento delle predette attività. 5. La Fondazione, al fine esclusivo di reperire risorse aggiuntive da destinare alla ricerca ed alla qualificazione del personale, potrà inoltre svolgere, in proprio o con altri soggetti pubblici e privati, attività strumentali, anche produttive, nel rispetto delle disposizioni di legge vigenti per gli enti non lucrativi. Articolo 3 Patrimonio e mezzi di sostentamento 1. La Fondazione trae i mezzi per il proprio funzionamento dal patrimonio e dalle risorse economiche realizzate annualmente e segnatamente: a) dai frutti del patrimonio iniziale di euro 200.000,00 (euro duecentomila) ricevuto all’atto della costituzione dall’Ente fondatore e da quello successivamente accumulato a qualunque titolo; b) dai beni mobili ed immobili ed altre utilità conferiti, all’atto della costituzione della Fondazione o anche successivamente, dall’Ente fondatore e da altri soggetti pubblici e privati, anche a titolo di successione; c) dai contributi attribuiti alla Fondazione dallo Stato e da altri Enti pubblici, anche territoriali per lo svolgimento delle attività di assistenza sanitaria, socio sanitaria e di ricerca; 15

[close]

Comments

no comments yet