Catalogo Erickson 2016-2017

 

Embed or link this publication

Description

Educazione e didattica

Popular Pages


p. 1

Educazione e didattica 2016 I 2017

[close]

p. 2

Per rispondere alle esigenze dei nostri lettori, sempre alla ricerca di materiali e strumenti speci ci per sviluppare al meglio la loro professionalità, abbiamo raccolto una selezione delle migliori pubblicazioni, soluzioni digitali e proposte formative Erickson in tre cataloghi tematici PROPOSTE IN AMBITO DIDATTICO e EDUCATIVO PROPOSTE IN AMBITO PSICOLOGICO e SANITARIO PROPOSTE IN AMBITO SOCIALE e WELFARE Tutti i cataloghi sono organizzati per aree tematiche, che puoi ritrovare anche nel nostro sito www.erickson.it Navigando all’interno dei canali tematici, puoi esplorare tutte le proposte sul tema: libri, software, convegni e corsi di formazione. In più tanti approfondimenti, video e infografiche. 2.000 titoli 450 prodotti multimediali più di 100 corsi di formazione Scopri le proposte digitali multipiattaforma Da quest’anno sono disponibili i nostri nuovi software in versione multipiattorma per TABLET, SMARTPHONE e DESKTOP (Windows e Mac). Ecco i primi titoli: In volo con la matematica (pag. 30), Alla festa con Tina Talpina 2 (pag. 43), Recupero in ortografia (pag. 74) e Dislessia evolutiva (pag. 105) Usa al meglio il tuo BONUS INSEGNANTE con Tutte le proposte editoriali e formative Erickson rientrano tra gli acquisti previsti dalla Carta del Docente Legge 107/2015 «La Buona Scuola» Per saperne di più www.erickson.it/Pagine/Buona-scuola-faq.aspx

[close]

p. 3

Sommario LIBRI | SOFTWARE | E-BOOK | DVD | GIOCHI EDUCATIVI | RIVISTE | SERVIZI ONLINE | FORMAZIONE DIDATTICA3 LE GUIDE ERICKSON 4 DIDATTICA INCLUSIVA E BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI 6 PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO E PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 14 PROGETTO DIMMI 16 DIDATTICA FACILITATA E SEMPLIFICATA 17 METODOLOGIE DIDATTICHE E EDUCATIVE APPRENDIMENTO COOPERATIVO TECNOLOGIE PER LA DIDATTICA INSEGNARE CON LE MAPPE DIDATTICA PER COMPETENZE DISPERSIONE SCOLASTICA/ORIENTAMENTO METODOLOGIE, STRUMENTI E APPLICAZIONI NIDO D’INFANZIA 20 20 22 23 24 24 25 29 IL METODO ANALOGICO DI CAMILLO BORTOLATO 30 MATERIALI PER LA DIDATTICA 41 PREREQUISITI41 GIOCHI EDUCATIVI: TABLOTTO E GIOCADOMINO 44 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI 47 COMPITI48 DIDATTICA PER COMPETENZE 50 MATEMATICA52 NUMERI E CALCOLO 52 LOGICA E PROBLEM SOLVING 57 MATEMATICA PER LA SCUOLA SECONDARIA 59 GEOMETRIA60 STRUMENTI DI VALUTAZIONE 62 LETTURA E SCRITTURA 63 AV VIAMENTO63 LETTURA E COMPRENSIONE DEL TESTO 69 ORTOGRAFIA72 GRAMMATICA76 ARRICCHIMENTO LESSICALE 77 PRODUZIONE DEL TESTO E SCRITTURA CREATIVA 79 STRUMENTI DI VALUTAZIONE 80 ABILITÀ COGNITIVE 81 MOTIVAZIONE E METODO DI STUDIO 81 MEMORIA82 RELAZIONI VISUO-SPAZIO-TEMPORALI 83 POTENZIAMENTO COGNITIVO 84 STORIA, GEOGRAFIA, SCIENZE 85 LINGUE STRANIERE 89 LABORATORI E ATTIVITÀ DI GRUPPO 93 ITALIANO L2 96 DISLESSIA E ALTRI DSA 97 DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO 98 STRUMENTI COMPENSATIVI 98 GUIDE E MATERIALI PER I DSA 102 DISLESSIA104 DISGRAFIA108 DISORTOGRAFIA109 DISCALCULIA112 DISPRASSIA114 DISABILITÀ - AUTISMO 115 DISABILITÀ INTELLETTIVA 116 DISABILITÀ SENSORIALE 118 AUTONOMIA E ABILITÀ FUNZIONALI 119 DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO 120 COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA 127 ADHD129 ATTENZIONE E CONCENTRAZIONE 130 IPERATTIVITÀ132 PSICOLOGIA135 EDUCAZIONE EMOTIVA E SOCIOAFFETTIVA 136 EMOZIONI136 RELAZIONI140 SESSUALITÀ142 AUTOSTIMA144 PSICOLOGIA SCOLASTICA DELL’EDUCAZIONE 145 BULLISMO145 STRATEGIE E TECNICHE DI INTERVENTO 146 AUTOEFFICACIA148 TEST E STRUMENTI DI VALUTAZIONE 149 DIAGNOSI FUNZIONALE / ICF GENITORI E FIGLI 150 151 FAVOLE E STORIE PER CRESCERE 152 ESSERE GENITORI 154 ALTRE PROPOSTE 158 UNIVERSITY&RESEARCH160 ERICKSON LIVE 161 LA FORMAZIONE ERICKSON 162 INDICE ANALITICO E DEGLI AUTORI 167 ORDINI DIRETTI: MODALITÀ E VANTAGGI 174

[close]

p. 4

Per una consultazione più veloce del catalogo, guarda i simboli Età più adatta per l’utilizzo S Libri con schede operative F Libri liberamente fotocopiabili (nelle parti segnalate) LIM Software studiati per l’utilizzo con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM) Su www.erickson.it troverai la versione dimostrativa, la galleria di immagini, uno sfondo per il desktop, la guida all’utilizzo e i requisiti minimi di sistema richiesti Leggi l’approfondimento o guarda il video di presentazione su www.erickson.it DSA Legge 170/2010 Materiali ideali per l’identificazione, la prevenzione e l’intervento nei Disturbi Specifici di Apprendimento (dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia) DALLE RICERCHE DELL’UNIVERSITÁ DI PADOVA DIP. PSICOLOGIA DALLE RICERCHE DELL’UNIVERSITÁ DI FIRENZE DALLE RICERCHE DELL’UNIVERSITÁ DI TRIESTE Materiali realizzati con la consulenza scientifica di: – Università di Padova (dip. psicologia) – Università di Trieste – Università di Firenze QR code da inquadrare con lo smartphone per accedere direttamente ad approfondimenti o video online PREZZI Per tutti gli ordini diretti alle Edizioni Centro Studi Erickson di libri e KIT (software + libro) si applicano condizioni speciali. Per tutti i dettagli vai a pagina 174. Alcuni prezzi sono contrassegnati da asterischi: * prezzo speciale per l’acquisto dell’intera collana (solo ordini diretti alle Edizioni Centro Studi Erickson) ** prodotti a prezzo fisso (salvo promozioni speciali) Per essere sempre aggiornato sulle novità Erickson visita il sito www.erickson.it iscriviti al nostro servizio newsletter newsletter.erickson.it Seguici su Facebook www.facebook.com/EdizioniErickson per trovare le schede aggiornate di tutti i prodotti editoriali, i nostri servizi e le proposte formative per essere sempre aggiornato sulle novità e non perdere le promozioni in corso per ricevere ogni giorno notizie, eventi, idee, curiosità, approfondimenti dal mondo Erickson! La libreria a misura di famiglia Dall’esperienza Erickson, una struttura dedicata ai bambini, ai ragazzi e ai loro insegnanti e genitori. • oltre 15.000 libri, software, giochi e materiali educativi • incontri con l’autore • laboratori creativi e di lettura dedicati a grandi e piccoli è aperta presso la sede della casa editrice in Via del Pioppeto 24, Gardolo, Trento. ORARI: lunedì-venerdì: 9.00-19.00 (orario continuato); sabato: 9.00-13.00 e 15.00-19.00 tel. 0461 993963 – lalibreria@erickson.it www.facebook.com/LaLibreriaErickson Per contattarci UFFICIO ORDINI E ABBONAMENTI Tel. 0461 950690 – numero verde 800 844052 (dal lunedì al venerdì, ore 8.00-19.00; sabato ore 8.00-12.00) email: info@erickson.it (riviste: ufficioabbonamenti@erickson.it) UFFICIO AMMINISTRAZIONE Tel. 0461 950690 (dal lunedì al venerdì, ore 8.00-18.00) email: amministrazione@erickson.it REDAZIONE LIBRI E RIVISTE Tel. 0461 950689 – email: redazione@erickson.it ASSISTENZA SOFTWARE Tel. 0461 956726 – email: software@erickson.it UFFICIO FORMAZIONE Tel. 0461 950747 – email: formazione@erickson.it UFFICIO STAMPA Tel. 0461 950690 – email: ufficiostampa@erickson.it DOVE SIAMO Edizioni Centro Studi Erickson Via del Pioppeto 24 – 38121 Trento Tel. 0461 950690 – Fax 0461 950698

[close]

p. 5

Se non si è pronti a sbagliare, difficilmente si riuscirà a inventare qualcosa di originale. Ken Robinson DIDATTICA www.erickson.it/Didattica

[close]

p. 6

Conoscere, intervenire, riflettere e collaborare Strategie efficaci per gli insegnanti a pagina 6 a pagina 102 a pagina 116 NOVITÀ a pagina 120 a pagina 132 a pagina 118 La collana che fornisce agli insegnanti una serie di volumi completi relativi agli aspetti fondamentali delle varie forme di Bisogni Educativi Speciali presenti nelle nostre scuole. Frutto del lavoro dei maggiori esperti nei vari campi di riferimento, le Guide Erickson presentano non solo le caratteristiche dei disturbi e le ricadute in ambito scolastico e non, ma anche gli strumenti di valutazione e intervento psicoeducativo e le strategie per affrontarli. Collegandosi al sito risorseonline.erickson.it/leguide è possibile trovare: • learning object da utilizzare in classe o per il lavoro individuale • normativa italiana di riferimento • contatti dei Centri Territoriali di Supporto • articoli di approfondimento RISORSE AGGIUNTIVE ONLINE • video-interviste ai maggiori esperti sull’argomento • link utili

[close]

p. 7

5 Ogni volume, un percorso in 4 tappe 12 CONOSCERE, OSSERVARE, VALUTARE Si dà una definizione chiara ed esaustiva del disturbo, fornendo strumenti per l’osservazione e la valutazione PROGRAMMARE E AGIRE Si espongono strategie e interventi concreti per far fronte con efficacia alle particolari esigenze didattico-educative 3 RIFLETTERE E COMPRENDERE Si approfondiscono i risvolti emotivi e relazionali conseguenti ai disturbi 4 ALLEARSI E CONDIVIDERE Si suggeriscono strategie per la costruzione di una rete di intervento sinergico per migliorare il benessere del bambino In ogni capitolo è possibile trovare… una linea temporale sequenziale che illustra in quale fase si collocano le proposte presentate nel capitolo Quadro conoscitivo introduttivo Diagnosi e individuazione precoce Modelli/teorie di riferimento Caratteristiche dei DSA Progettazione e intervento Lavoro sugli aspetti emotivomotivazionali Costruzione delle alleanze educative MAPPA DEI CONTENUTI Di che cosa tratteremo in questo capitolo? rISOrSA COMPAgNI gruppo classe – ambiente di apprendimento Promuovere conoscenza reciproca Livello personale facilita Prosocialità Livello interpersonale Livello sistematico favorisce Aiuto reciproco Apprendimento reciproco significativo turoring tra pari Apprendimento cooperativo favoriscono Lavoro di coppia didattica laboratoriale Amicizia comunicazione difficile comportamenti complessi Learning Together (Johnson e Johnson) didattica per competenze strutturando – interdipendenza positiva – responsabilità individuale e di gruppo – interazione promozionale faccia a faccia – abilità sociali – valutazione individuale e di gruppo meglio 4 alunni Gruppo di livello eterogeneo una mappa concettuale che illustra i principali contenuti e le relazioni che intercorrono tra di loro 42 Sezione I – Attivare i processi di apprendimento caPItolo 1 la rIsorsa coMPaGnI dI classe Il caso di Marco Carlo Scataglini, Sofia Cramerotti e Dario Ianes Un sostegno inteso come copertura Marco è uno studente con disabilità grave e con disturbi del comportamento, che frequenta il secondo anno della scuola secondaria di primo grado. in considerazione della gravità del caso e soprattutto dei problemi di gestione dei suoi comportamenti, che risultano notevolmente «disturbanti» per il normale svolgimento delle attività didattiche in classe, la scuola ha deciso di assegnargli 18 ore di sostegno (tra quelle messe a disposizione complessivamente dall’ufficio Scolastico Provinciale) svolte da un unico insegnante specializzato, mentre il Comune ha nominato per lui un assistente per altre 12 ore. in pratica, l’orario di presenza a scuola di Marco (30 ore settimanali) risulta interamente «coperto» dal sostegno e dall’assistenza forniti da queste due figure. la maggior parte delle attività dello studente viene svolta nell’aula per il sostegno insieme al docente specializzato, mentre le ore di assistenza vengono effettuate in un laboratorio per l’autonomia e l’operatività, nel quale sono presenti anche altri studenti con disabilità, i relativi assistenti e almeno un docente di sostegno. Marco, nella sua classe, partecipa alla ricreazione e, frequentemente, assiste alle ore di educazione fisica in palestra. esempi di caso in cui si descrivono, attraverso brevi racconti, i bambini in situazioni tipiche della loro quotidianità 50 Sezione I – Attivare i processi di apprendimento Come allestire spazi di apprendimento accoglienti? Quali attività favoriscono la coesione del gruppo classe? L’ambiente accogliente in classe Un’altra cosa che possono fare gli insegnanti è creare un am- biente che non solo dimostri l’importanza dell’amicizia, ma che faccia sentire gli alunni a loro agio con i compagni. A tal fine si possono disporre gli arredi della classe in modo da promuovere le interazioni sociali, e cambiare periodicamente la sistemazione dei banchi cosicché gli alunni abbiano l’opportunità di sedere vicino a compagni diversi. Altri modi per promuovere le interazioni sociali consistono nel decorare la classe con cartelloni sull’amicizia, nel far lavorare i ragazzi in gruppi e predisporre il materiale e le attività in modo tale che tutti vi possano partecipare. Un clima amichevole in classe si può ottenere anche fornendola di materiali e giochi adatti all’età degli alunni che la frequentano, che li aiuteranno a sviluppare delle abilità di gioco che promuovono le interazioni sociali. Un ambiente piacevole a scuola può essere promosso attraverso attività di gruppo che favoriscono il senso di coesione della classe. Queste attività facilitano l’instaurarsi di nuove amicizie e promuovono l’accettazione, in quanto creano un’identità forte di classe che riconosce le somiglianze tra gli alunni così come il particolare contributo individuale di ogni componente del gruppo. Ad esempio, gli alunni possono realizzare un libro della classe, un giornalino, un grande collage o un murale, che richiedano e riconoscano in modo chiaro il lavoro e la partecipazione di tutti. Altre attività utili per aiutare gli alunni a conoscersi meglio sono, ad esempio, i giochi con i nomi, le interviste tra i compagni (Chesser, 2000) e le «pagine gialle» della classe, in cui ogni alunno si presenta e illustra, con testi e immagini, qualcosa in cui è particolarmente bravo. Cosa si intende per interdipendenza funzionale e affettivorelazionale? L’apprendimento collaborativo tra i compagni di classe Anna Carletti e Andrea Varani; Dario Ianes e Vanessa Macchia Perché un insieme di persone diventi un gruppo occorre che condivida un obiettivo o una finalità e agisca in modo coordinato per il suo raggiungimento. L’azione organizzata dei suoi membri determina un’interdipendenza sul piano funzionale, e le relazioni che inevitabilmente si innescano attivano un’interdipendenza anche di tipo affettivo-relazionale. Ciò rende il gruppo un insieme dinamico che non corrisponde, per quantità e qualità, alla somma domande e frasi di sintesi a lato del paragrafo per indicare al lettore di cosa si sta parlando 118 Sezione I – Attivare i processi di apprendimento Alcune domande all’esperto... Flavio Fogarolo Perché è importante parlare di competenze compensative e non solo di strumenti compensativi? Perché l’efficacia di questi strumenti dipende di gran lunga più da quello che i ragazzi sanno fare che dagli strumenti stessi. le competenze vanno costruite attraverso un processo formativo in cui gli insegnanti, e la scuola tutta, devono svolgere un ruolo attivo e non possono limitarsi a consentire che le tecnologie e gli strumenti compensativi siano semplicemente utilizzati dagli alunni con dsa. Il computer è uno strumento compensativo che funziona (nel senso che davvero serve a compensare il disturbo) solo se il nostro allievo lo sa usare bene, con piena sicurezza, sapendolo adattare con flessibilità alle proprie esigenze di studio. ossia se c’è vera competenza. Cosa intendiamo quando parliamo di didattica compensativa? Parliamo di «didattica compensativa» per indicare come questo tipo di approccio debba andare oltre il semplice impiego personale di strumenti e strategie, per coinvolgere globalmente l’attività di insegnamento, in un ambiente educativo che tenga conto delle difficoltà di ciascuno e si organizzi in modo da agevolare i diversi stili di apprendimento personali. compito dell’insegnante è certamente anche quello di promuovere un efficace metodo di studio e di lavoro, che tenga conto delle oggettive difficoltà dell’alunno con dsa per individuare, assieme a lui e ai genitori, delle soluzioni operative — e compensative — il più possibile efficaci (figura 2.8). ossia di promuovere le «competenze compensative». Cosa sono le strategie compensative? Possiamo chiamare «strategie compensative» l’insieme di procedimenti, espedienti, stili di lavoro o apprendimento in grado di ridurre, se non superare, i limiti della disabilità o del disturbo. alcune sono elaborate autonomamente dall’alunno, spesso per tentativi ed errori, altre possono essere proposte o suggerite interviste ai maggiori esperti sugli aspetti più dibattuti e attuali dei disturbi 102 Sezione I – Attivare i processi di apprendimento con banchi a isola per favorire le modalità cooperative di lavoro in piccolo gruppo e la modalità di disposizione dei banchi a ferro di cavallo per potenziare le modalità interattive e dialogiche di lezione. Di seguito invece proponiamo due allestimenti d’aula riferiti a specifici progetti didattici e pedagogici, che mettono al centro l’alunno e la classe come comunità di apprendimento, protagonista del processo di ricerca e scoperta nell’intero processo di apprendimento: l’aula prevista nel progetto nazionale «A scuola senza zaino» e l’aula allestita come «Centro di apprendimento», che fa specifico riferimento alla teoria delle intelligenze multiple di Gardner. approfondimento: L’AULA DEL PrOgETTO «A SCUOLA SENzA zAINO» Marco Orsi Il clima che si respira nella classe, le relazioni che vi si instaurano, i modi di lavorare da soli, tutti insieme, in piccoli gruppi, a coppie, i materiali e gli strumenti che vengono impiegati, gli arredi e la loro disposizione possono dare la misura di un ambiente formativo ispirato alla comunità di ricerca, ai valori della responsabilità e dell’ospitalità. L’insegnante ha un ruolo di organizzatore della «ricerca» e di facilitatore del lavoro di tutti. L’aula viene così a essere rappresentata come luogo di riferimento identitario, la «casa base» nella quale il singolo alunno e il gruppo degli allievi trovano un riferimento costante, un punto d’appoggio, un ambiente personalizzato dal quale poi è possibile partire per aprirsi agli incontri e alle occasioni esterne all’aula ed esterne alla scuola. La figura 2.2 indica una modalità, non l’unica, di organizzare l’aula nel progetto «A scuola senza zaino», che rende possibile l’intreccio tra spazio politopo e tempo policronico. L’area 1 è l’area tavoli per il lavoro individuale, a coppie o a gruppi. L’area 2 è la zona del forum per i momenti nel grande gruppo; qui le attività possono essere: la presa di decisione, le spiegazioni, le piccole conferenze, i racconti, le discussioni guidate. Il forum è costituito da 3 panche disposte a ferro di cavallo e da un tappeto anallergico che può essere utilizzato per la lettura e per altre attività individuali o di gruppo. Le aree contrassegnate dal numero 3 sono costituite da mini-laboratori che possono essere dedicati, ad esempio, alle arti grafiche e pittoriche, alle discipline scientifiche, alla lingua, ecc. L’area 4, che chiamiamo dei cervelli elettronici, prevede due computer che vengono utilizzati con software didattici e collegamento a internet e quindi impiegati come strumenti per l’approfondimento delle varie discipline (italiano, storia, matematica, ecc.). L’area 5 invece è il tavolo dell’insegnante (non una cattedra), dove è previsto che il docente possa lavorare con un massimo di 2-3 allievi in un affiancamento personalizzato. Gli armadi a giorno (6) sono attrezzati con materiale didattico, il più svariato possibile, congruente con le attività didattiche della classe. Il materiale è riposto in modo che sia facilmente accessibile. box di approfondimento con la spiegazione di alcuni concetti e termini chiave 88 Sezione I – Attivare i processi di apprendimento In sintesi ✔ Il senso di essere un gruppo nasce quando i membri che lo costituiscono scelgono di stabilire relazioni personali e dirette e si impegnano a mirare al benessere e all’autorealizzazione di ciascun componente. Il compito di educatori e insegnanti è quello di coltivare la rete di relazioni personali e di continuare a ricostruirla, a ravvivarla e ripararla se si rompe. ✔ Per valorizzare il gruppo classe l’insegnante deve tener conto del livello personale, interpersonale e sistemico. ✔ Per far diventare la classe una vera comunità è necessario l’uso di strategie di sostegno alla prosocialità a livello globale di scuola, a livello di classe, con azioni come gruppi di apprendimento cooperativo e tutoring, a livello dei singoli alunni, con aiuto formale e informale tra loro, e a livello di comunità extrascolastica. ✔ Per facilitare l’accettazione e le interazioni sociali con gli alunni con disabilità è importante che i compagni imparino almeno in parte le loro modalità di comunicazione e a interpretarne i comportamenti. ✔ Il tutoring migliora i risultati ottenuti sia dal tutor che dal tutee nella materia prescelta: il tutor rivede, consolida e assimila meglio, il tutee ha un apprendimento più personalizzato, riceve un feedback regolare sui propri sforzi ed è soggetto a un attento monitoraggio. ✔ l’apprendimento cooperativo è un metodo di insegnamento/apprendimento che utilizza i piccoli gruppi, grazie ai quali è possibile apprendere e migliorare le relazioni sociali. ✔ l’approccio Learning together si fonda su cinque principi: l’interdipendenza positiva, la responsabilità individuale e di gruppo, l’interazione promozionale faccia a faccia, le abilità sociali e la valutazione individuale e di gruppo. ✔ la dimensione ideale dei gruppi cooperativi è di quattro alunni. I gruppi possono essere omogenei, eterogenei o casuali, ma il più funzionale all’inclusione è il tipo eterogeneo. ✔ nei gruppi cooperativi i ruoli dovrebbero corrispondere a funzioni che favoriscano la gestione e il funzionamento del gruppo, che lo stimolino e che promuovano l’apprendimento degli studenti. ✔ Vi sono tre principali modalità con cui si può organizzare un contesto di apprendimento in gruppi cooperativi: attività di creazione di clima di classe, attività cooperative semplici, attività cooperative complesse. a queste si aggiunge una modalità definita di «confine». ✔ l’attuazione di una didattica laboratoriale consente di attenuare la centralità della classe e di conferire rilevanza primaria alla persona di ogni alunno. ✔ Il docente nel laboratorio non è più colui che somministra conoscenze e comunica alla classe informazioni e soluzioni in posizione asimmetrica, ma diventa il regista dell’azione educativo-didattica. sintesi finali dei concetti fondamentali di ogni capitolo Per saperne di più bit.ly/16CD_guide-erickson

[close]

p. 8

6 Didattica inclusiva e Bisogni Educativi Speciali pp. 366 a colori – € 18,50 ISBN 978-88-590-0805-7 BES a scuola I 7 punti chiave per una didattica inclusiva Frutto del lavoro dei maggiori esperti del settore, grazie alla sua impostazione teorico-operativa, la guida BES a scuola illustra, in 7 punti chiave, i principi di una didattica inclusiva volta a migliorare le condizioni di apprendimento degli alunni con qualsiasi tipo di Bisogno Educativo Speciale, nonché di tutti gli studenti del gruppo classe. A ogni punto chiave è dedicato un capitolo del volume: – La risorsa compagni di classe – L’adattamento come strategia inclusiva – Strategie logico-visive, mappe e aiuti visivi – Processi cognitivi e stili di apprendimento – Metacognizione e metodo di studio – Emozioni e variabili psicologiche nell’apprendimento – Valutazione, verifica e feedback. Il volume si conclude con un Questionario, disponibile anche online, finalizzato a misurare il grado di inclusività della propria didattica. Guarda il video youtu.be/57HBf7Lkkdo LE GUIDE a pagina 4 DISLESSIA e altri DSA a scuola pag. 102 DISABILITÀ INTELLETTIVA a scuola pag. 116 DISABILITÀ SENSORIALE a scuola pag. 118 AUTISMO a scuola pag. 120 ADHD a scuola pag. 132 pp. 200 – € 19,50 ISBN 978-88-590-0631-2 Per saperne di più bit.ly/16CD_didatticacompetenze Caterina Scapin e Franca Da Re Didattica per competenze e inclusione Dalle indicazioni nazionali all’applicazione in classe Come costruire un curricolo per competenze nella scuola dell’infanzia e del primo ciclo, alla luce delle Raccomandazioni Europee e delle Indicazioni Nazionali 2012? Come realizzare percorsi didattici per sviluppare le competenze negli alunni, per verificarle, per valutarle? Come affrontare le difficoltà di apprendimento in classe? Partendo dal presupposto che ciascun alunno ha diritto a una personalizzazione dell’insegnamento, questo libro propone un modello di curricolo diversificato per competenze e unità di apprendimento, in modo tale che tutti possano realizzare le proprie specificità e maturare le competenze chiave per la cittadinanza e l’apprendimento permanente. pp. 200 – € 18,50 ISBN 978-88-590-0611-4 Per saperne di più bit.ly/16CD_compresenza Dario Ianes e Sofia Cramerotti (a cura di) Compresenza didattica inclusiva Indicazioni metodologiche e modelli operativi di co-teaching Questo libro presenta una serie di riflessioni e metodologie per applicare la compresenza in classe, valorizzando la didattica inclusiva. In particolare è analizzata la compresenza tra insegnanti curricolari e insegnanti di sostegno, i quali dovrebbero essere docenti della classe e non solo dell’alunno con disabilità. L’obiettivo è quello di evidenziare e promuovere esperienze di co-teaching, in cui due insegnanti pianificano e propongono, insieme, le diverse attività didattiche agli studenti della classe in una dimensione inclusiva: solo in questo modo è infatti possibile assicurare a tutti gli alunni il pieno sviluppo delle loro capacità. Inoltre, con la compresenza i docenti possono svolgere attività didattiche che sarebbe molto difficoltoso realizzare solo con l’apporto di un solo insegnante. pp. 159 – € 18,50 ISBN 978-88-590-0764-7 Heidrun Demo (a cura di) Didattica delle differenze Proposte metodologiche per una classe inclusiva Il libro presenta cinque approcci che contribuiscono alla realizzazione della didattica inclusiva nella scuola primaria: l’approccio autobiografico, il metodo Montessori, la didattica aperta, la didattica delle intelligenze multiple e l’apprendimento cooperativo. Ogni proposta è presentata nelle sue linee generali e accompagnata da spunti operativi. Per saperne di più bit.ly/16CD_didatticadifferenze NOVITÀ pp. 346 – € 17,50 ISBN 978-88-590-0975-7 Dario Ianes, Andrea Canevaro (a cura di) Buone prassi di integrazione e inclusione scolastica NUOVA EDIZIONE 20 realizzazioni efficaci Dopo più di dieci anni dalla sua prima edizione e le numerose ristampe, il volume appare ora in una veste rinnovata, per presentare ai lettori una nuova serie di buone pratiche che testimoniano il cammino fatto, e quello ancora da fare, dalla Scuola italiana nella direzione di una didattica inclusiva. Questenuove20 buone prassi,tratteeadattateda articoli pubblicati sulla rivista «Difficoltà di Apprendimento e Didattica Inclusiva», sono state realizzate nella scuola d’infanzia, primaria e secondaria.

[close]

p. 9

DSA Legge 170/2010 Didattica inclusiva e Bisogni Educativi Speciali 7 Dario Ianes e Sofia Cramerotti (a cura di) Alunni con BES Bisogni Educativi Speciali Indicazioni operative per promuovere l’inclusione scolastica sulla base della DM 27/12/2012 e della CM n. 8 6/3/2013 Alunni con BES fornisce gli strumenti metodologici e operativi per realizzare una presa in carico globale e inclusiva di tutti gli alunni. Nel LIBRO sono proposti, attraverso i contributi dei massimi esperti di didattica inclusiva: – suggerimenti per impostare percorsi educativo-didattici realmente inclusivi; – riflessioni di carattere teorico; – numerosi spunti di lavoro; – proposte specifiche per alunni con Bisogni Educativi Speciali. Il CD-ROM allegato contiene un software gestionale finalizzato a facilitare e velocizzare le attività gestionali di insegnanti e dirigenti, tramite preziose funzioni quali l’importazione, il salvataggio e il trasferimento dei dati mediante chiavetta USB. Per saperne di più bit.ly/16CD_BES Contiene la guida e il software per la gestione dei Piani Didattici Personalizzati (PDP) e del Piano Annuale per l’Inclusività (PAI) pp. 375 + CD-ROM – € 22,00 ISBN 978-88-590-0351-9 LIBRO pp. 287 – € 19,50 ISBN 978-88-7946-815-2 CD-ROM € 58,00** ISBN 978-88-7946-788-9 KIT (libro + CD-ROM) € 77,50 ISBN 978-88-7946-861-9 Sul KIT si applica lo sconto riservato ai libri Dario Ianes Bisogni Educativi Speciali e inclusione Valutare le reali necessità e attivare tutte le risorse Il LIBRO illustra un nuovo modello di lettura delle difficoltà di «funzionamento educativo-apprenditivo», basato sull’ICF dell’OMS e utilizzabile dagli insegnanti, per cogliere in tempo i vari Bisogni Educativi Speciali e attivare tutte le risorse possibili secondo i principi della «speciale normalità». Il volume contiene inoltre quattro strumenti di autovalutazione delle prassi scolastiche di integrazione-inclusione. Il CD-ROM, disponibile anche separatamente, è uno strumento concreto per individuare tutte le necessità educative speciali, gestire con metodo e precisione i dati relativi agli alunni con BES e attivare in maniera tempestiva le risorse per l’integrazione, l’inclusione e l’individualizzazione. pp. 366 + CD-ROM € 19,50 ISBN 978-88-6137-293-1 Dario Ianes e Vanessa Macchia La didattica per i Bisogni Educativi Speciali Strategie e buone prassi di sostegno inclusivo Per rispondere ai bisogni educativi speciali di molti alunni, il libro presenta metodi specifici di lavoro e «buone prassi». L’insegnante avrà così a disposizione una cornice culturale generale, modelli operativi, esempi e buone prassi. In particolare, le strategie didattiche proposte mirano a: – coinvolgere attivamente i compagni di classe; – sviluppare l’autoregolazione metacognitiva e comportamentale; – adattare gli obiettivi curricolari e il materiale normale di apprendimento. Al libro è allegato un CD-ROM con più di 100 articoli stampabili. CONVEGNO NAZIONALE LA SCUOLA DEL PRESENTE TRA EDUCAZIONE E DIDATTICA PROMUOVERE L’INCLUSIONE VALORIZZANDO LE DIFFERENZE In collaborazione con: Salerno, 1-3 dicembre 2016 SALERNO www.formazione.erickson.it

[close]

p. 10

8 Didattica inclusiva e Bisogni Educativi Speciali NOVITÀ DALLE RICERCHE DELL’UNIVERSITÁ DI PADOVA DIP. PSICOLOGIA pp. 94 + 8 protocolli per la compilazione di gruppo + 8 protocolli per la compilazione individuale – € 29,00 ISBN 978-88-590-0900-9 Cesare Cornoldi, David Giofrè e Carmen Belacchi Indicatori BES e problemi di adattamento Questionari osservativi per la scuola primaria I questionari osservativi Indicatori BES e problemi di adattamento nascono per guidare gli insegnanti a una prima ricognizione di eventuali Bisogni Educativi Speciali (BES) e dei livelli di adattamento degli allievi delle cinque classi della scuola primaria, ricognizione che, se necessario, potrà poi essere approfondita in contesti specialistici. Lo strumento, che non ha scopi diagnostici ed è stato validato e standardizzato coinvolgendo circa 2400 alunni, si articola in due parti: – il Questionario Adattamento per Insegnanti (QAI), che esamina il grado di adattamento del bambino attraverso situazioni/competenze particolarmente significative della vita quotidiana facenti parte del repertorio ICF; – il QuestionarioBisogniEducativiSpeciali(QBES), che propone item-indicatori per ciascun tipo di BES, in modo da permettere a insegnante e specialista di focalizzarsi sul possibile problema del bambino. Come utile sussidio complementare, viene proposto anche un Questionario AdattamentoperGenitori,la prospettiva dei quali può completare la delineazione del quadro sulla situazione di alunni che necessitano di riscontri aggiuntivi e maggiori approfondimenti. QUeStionario adattamento Per genitori (Qag) 69 Grafico decrescente autovalori 6 5 4 Autovalore 3 2 1 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Fattore Fig. 5.1 Scree test di Cattell sul Questionario Adattamento per Genitori. 84 IndIcatorI BES E proBlEmI dI adattamEnto TABELLA 5.3 Analisi fattoriale (PAF) rotazione obliqua (Promax) del QAG Questionario Bisogni Educativi Speciali (QBES) Mai o Qualche quasi mai volta (per niente) (poco) sS(tapabenbszasaIo-t)1e7mS(memolptore) 23. Dimostra buone competenze nei contesti che richiedono l’uso di abilità visuo-spaziali? 1 18 2 3 19 4 24. Sa sfruttare adeguatamente lo spazio del foglio quando disegna? 1 16 2 3 20 4 25. Presenta nel complesso scarse abilità intellettive? 1 2 3 21 4 26. È di ambiente sociale svantaggiato? 27. A causa della sua origine straniera, ha ancora una insufficiente conoscenza della lingua italiana? 1 1 2 31 4 9 2 34 4 28. Il livello culturale della sua famiglia è molto basso? 1 2 3 10 4 29. Quando legge, comprende i legami fra informazioni presenti nel testo? 1 23 2 38 4 30. Nei testi, comprende il significato di parole nuove sulla base del contesto in cui sono inserite? 1 2 36 4 1 .791 .790 .652 .560 .514 .460 Fattore 2 .594 .553 .495 .491 .423 .393 .380 3 .368 31. Capisce il contenuto delle lezioni senza bisogno di facilitazioni? 1 234 32. Sa usare strumenti (forbici, squadra, riga, ecc.) che richiedono l’uso indipendente ma coordinato delle mani? 1 234 33. Il bambino si dimostra poco agile in giochi di destrezza? 1 234 34. Il bambino ha difficoltà a svolgere attività che comportano movimenti di tutto il corpo? (Ad esempio vestirsi, afferrare la palla) 1 234 35. Si distrae facilmente? 1 234 36. È spesso irrequieto o iperattivo? 1 234 37. Incontra difficoltà nel mantenere l’attenzione sui compiti o sui giochi in cui è impegnato? 1 234 38. È in movimento continuo come se avesse dentro un motorino che non si ferma? 1 234 39. Presenta difficoltà a usare modalità di comunicazione non verbale, come lo sguardo diretto, l’espressione mimica, le posture corporee e i gesti che regolano l’interazione sociale? 1 234 40. È completamente assorbito da uno o più tipi di interessi ristretti, ripetitivi e/o stereotipati? 1 234 41. Presenta problemi nell’apprendimento della lettura? 1 234 42. Presenta problemi nell’apprendimento della scrittura? 1 234 43. Presenta problemi nell’apprendimento del calcolo? 1 234 © 2015, C. Cornoldi, D. Giofrè e C. Belacchi, Indicatori BES e problemi di adattamento, Trento, Erickson LIBRO pp. 184 – € 16,00 ISBN 978-88-7946-839-8 E-BOOK € 9,99** ISBN 978-88-590-0355-7 Dario Ianes La speciale normalità Strategie di integrazione e inclusione per le disabilità e i Bisogni Educativi Speciali Per realizzare una buona qualità dell’integrazione scolastica degli alunni con disabilità e un’efficace azione inclusiva per i molti più alunni con Bisogni Educativi Speciali abbiamo la necessità di rendere sempre più «speciale» la «normalità» del far scuola tutti i giorni. La normalità della didattica e delle attività educative e formative va decisamente arricchita di strategie efficaci e aspetti tecnici che provengono dalla pedagogia speciale e dalla psicologia dell’educazione. In questo modo, per l’alunno disabile o con Bisogni Educativi Speciali, la normalità del relazionarsi e dell’imparare con tutti gli altri alunni, che gli dà identità, appartenenza, sicurezza, autostima riesce anche ad essere efficace a produrre apprendimenti e nell’aiuto concreto rispetto alle sue specifiche problematiche, anche complesse. DALLE RICERCHE DELL’UNIVERSITÁ DI PADOVA DIP. PSICOLOGIA pp. 224 – € 20,00 ISBN 978-88-7946-461-1 Alessandra Terreni, Maria Lucina Tretti e Palma Roberta Corcella Materiali IPDA per la prevenzione delle difficoltà di apprendimento Strategie e interventi Prevenire le difficoltà di apprendimento fin dall’ultimo anno della scuola dell’infanzia; potenziare i prerequisiti cognitivi che stanno alla base dell´apprendimento di scrittura, lettura e calcolo; rinforzare e consolidare le competenze anche di quei bambini che presentano buone prestazioni; limitare il disagio e la conseguente dispersione scolastica; creare una continuità didattica fra scuola dell’infanzia ed elementare. Sono questi gli obiettivi dei Materiali IPDA, un´opera che, sulla base di uno specifico Questionario Osservativo (vedi sotto), consente di potenziare e/o recuperare il livello di sviluppo di quelle capacità che sottostanno agli apprendimento scolastici di base. pp. 215 + DVD – € 18,50 ISBN 978-88-590-0423-3 Andrea Canevaro Scuola inclusiva e mondo più giusto «Si corre da una pagina all’altra di questo libro raccogliendo idee, analogie, analisi, collegamenti laterali tra personaggi (talvolta strani), fiabe, storia, filosofia, cultura, attualità, economia, scuola, mondo, ecologia, etica, politica…» Dario Ianes. In allegato, un DVD con un’intervista di Dario Ianes ad Andrea Canevaro. Le due voci più forti nell’ambito dell’integrazione scolastica che si intrecciano e si confrontano, dando vita a una testimonianza autentica e illuminante sul vero valore della diversità. DALLE RICERCHE DELL’UNIVERSITÁ DI PADOVA DIP. PSICOLOGIA pp. 136 + CD-ROM € 45,00 ISBN 978-88-6137-893-3 Alessandra Terreni, Maria Lucina Tretti, Palma Roberta Corcella, Cesare Cornoldi e Patrizio Emanuele Tressoldi Test IPDA Questionario Osservativo per l’Identificazione Precoce delle Difficoltà di Apprendimento Uno strumento innovativo — più agile dei test formali ma altrettanto valido e attendibile—per valutare, nei bambini in età prescolare, aspetti comportamentali, motricità, comprensione linguistica, espressione orale, metacognizione e altre abilità cognitive (memoria, orientamento, ecc.) che si ritengono prerequisiti agli apprendimenti scolastici.

[close]

p. 11

Didattica inclusiva e Bisogni Educativi Speciali DdA 9 Difficoltà di Apprendimento e Didattica Inclusiva Strategie, strumenti e materiali per la scuola e la professione Rivista trimestrale Lo strumento più utilizzato da chi vuole trovare metodi e strategie per una didattica sensibile alle differenze individuali DdA rappresenta il miglior supporto tecnico-professionale per il recupero e il sostegno e per intervenire con competenza sull’ampia gamma di difficoltà presenti in ogni classe. La storica Rivista Erickson dà spazio a numerosi approfondimenti, per rispondere in modo efficace alle esigenze degli insegnanti e dei professionisti dell’educazione. • pratica, operativa, utile per i professionisti dell’educazione • tanti contenuti: non solo difficoltà di apprendimento, ma anche BES, didattica inclusiva, DSA… • La Rivista e l’archivio in formato digitale: tutti gli articoli dal 2001 in poi sempre a disposizione online DIREZIONE SCIENTIFICA Dario Ianes (Università di Bolzano) PERIODICITÀ Quattro numeri annui (ottobre, dicembre, febbraio, aprile) più due fascicoli di Difficoltà in Matematica (ottobre, febbraio) e due di Disturbi di Attenzione e Iperattività (dicembre, aprile), per complessive 992 pagine. QUOTE DI ABBONAMENTO € 39,80** (abb. individuale) € 56,00** (abb. per enti, scuole e istituzioni) Per informazioni sulle modalità di abbonamento vai su riviste.erickson.it o chiama lo 0461 950690 Tra le tematiche affrontate – Didattica inclusiva – Bisogni educativi speciali e PEI – Disturbi specifici di apprendimento – Didattica delle discipline curricolari – Abilità cognitive – Educazione emotiva e socio-affettiva – Aspetti relazionali e comportamento – Gestione della classe – Disabilità e autonomie – Osservazione e valutazione in classe Modalità di presentazione dei contenuti – Le risposte degli esperti – Studi di caso – Percorsi operativi – Metodologie didattiche innovative – Laboratori e attività di gruppo – Buone prassi – Questionari e strumenti di valutazione – Rubriche IN ALLEGATO A «DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO E DIDATTICA INCLUSIVA» Difficoltà in Matematica Sostegno e insegnamento individualizzato La rivista specifica per le difficoltà in matematica, che presenta la ricerca nazionale e internazionale più all’avanguardia nel settore e seleziona i contributi che meglio possono guidare l’applicazione didattica operativa. DIREZIONE SCIENTIFICA Daniela Lucangeli (Università di Padova) Disturbi di Attenzione e Iperattività Diagnosi, interventi e ruolo della scuola La rivista approfondisce le modalità di valutazione diagnostica, i diversi approcci terapeutici e abilitativi, il ruolo degli operatori scolastici, i risultati di ricerche sperimentali e le diverse esperienze sul campo. DIREZIONE SCIENTIFICA Gian Marco Marzocchi (Università di Milano - Bicocca) MAGGIORI INFO SU: riviste.erickson.it

[close]

p. 12

10 Didattica inclusiva e Bisogni Educativi Speciali NOVITÀ pp.308 – € 19,50 ISBN 978-88-590-1051-7 Per saperne di più bit.ly/16CD_BiLS Michele Daloiso (a cura di) I Bisogni Linguistici Specifici Inquadramento teorico, intervento clinico e didattica delle lingue I bambini e ragazzi con Bisogni Linguistici Specifici (BiLS) manifestano forti difficoltà nelle discipline di area linguistica (italiano L1 e L2, lingue straniere, lingue classiche), in conseguenza di uno sviluppo atipico nelle aree del linguaggio, della comunicazione e dell’apprendimento (es. disturbi specifici del linguaggio, disturbi specifici di apprendimento, disturbo semantico-pragmatico, disturbo della comprensione del testo). Frutto della collaborazione con i maggiori esperti italiani e internazionali, il volume fornisce a insegnanti e educatori che operano nell’ambito dell’educazione linguistica linee guida precise per la progettazione di interventi glottodidattici personalizzati e/o individualizzati. pp. 235 a colori – € 20,00 ISBN 978-88-590-0637-4 Flavio Fogarolo e Claudia Munaro Fare inclusione Strumenti didattici autocostruiti per attività educative e di sostegno Molti insegnanti di sostegno o educatori, per favorire e motivare l’apprendimento o, in generale, l’azione educativa, costruiscono autonomamente materiali didattici di vario tipo. Questo libro offre spunti e di idee per migliorare la qualità e l’efficacia di tali strumenti e indica una serie di suggerimenti concreti per realizzarli, ottimizzando le risorse in termini di tempo e di costi. Le proposte sono divise in 18 sezioni e comprendono: strutture verticali, orizzontali e basi girevoli; strumenti adattati per indicare, afferrare, scrivere, disegnare, tagliare e unire; segnatempi; contenitori; attività e proposte con materiale sensoriale, chiodini, catene e moschettoni; giochi didattici che prevedono la realizzazione di percorsi. pp. 324 – € 20,00 ISBN 978-88-7946-570-0 NOVITÀ pp. 224 – € 19,50 ISBN 978-88-590-0973-3 Guarda il video youtu.be/ 4sQJd6XzZUQ Silvia Andrich e Lidio Miato La didattica inclusiva Organizzare l’apprendimento cooperativo metacognitivo Ilvolumeproponeilmodello dell’«apprendimento cooperativo metacognitivo», una modalità di gestione democratica della classe, centrata sulla cooperazione, sull’interdipendenza dei ruoli e sull’uguaglianza delle opportunità di successo formativo per tutti. Un’attenzione particolare è riservata all’integrazione dell’alunno disabile, che deve rimanere in classe il più a lungo possibile e fare le stesse cose che fanno i suoi compagni. Gianluca Daffi (a cura di) Gli alunni con Funzionamento Intellettivo Limite pp. 248 – € 19,50 ISBN 978-88-7946-480-2 Dario Ianes e Sofia Cramerotti Comportamenti problema e alleanze psicoeducative Strategie di intervento per la disabilità mentale e l’autismo Come intervenire efficacemente con l’alunno in difficoltà, aggressivo, che si isola, che compie atti di autolesionismo? Il volume risponde a questi interrogativi ponendo alla base dell’intervento psicoeducativo il concetto di alleanza con il bambino, con i suoi bisogni, con le persone di riferimento educativo. L’opera è un vero e proprio “libro-laboratorio”: accanto alle concrete indicazioni operative ci sono vari aspetti più strettamente teorici sui comportamenti problema che sono approfonditi attraverso la presentazione di numerose ricerche, esperienze e strumenti. Teorie, intervento didattico Contenuti e proposte operative Educare in tempo di pace e di guerra. Dialogare con la resilienza per contribuire alla costruzione di processi inclusivi Il pro lo «mutante» dell’insegnante specializzato. Diversi «vestiti» in diverse «stagioni»? Quando la barriera è nei dati… Il repository di UNIMORE per monitorare le carriere universitarie di studenti con Bisogni Educativi Speciali Indagine sulle percezioni del livello di ef cacia dei docenti e sui loro atteggiamenti nei confronti dell’inclusione Bullismo verso la disabilità: un caso limite Il volume, in linea con la normativa vigente, indivi-Glioperantiverbalieletecnichedimandingepairingnei soggetti con Disturbi dello Spettro Autistico Scritti di P. Aiello, R. Bellacicco, A. Capannini, I. Carter, J.P. Coyle, F. Corona, C. Cozzarelli, T. Fratini, D.C. Di Gennaro, dua nella scuola la protagonista del riconoscimentoD.M.Dimitrov,G.Guaraldi,F.Julien-Gauthier,E.Malaguti, S. Nocera, E.M. Pace, M. Pavone, C. Raspanti, U. Sharma, M. Sibilio, C. Zaffagnini, I. Zollo Contenuti Far evolvere il sostegno si può (e si deve). Alcuni contributi di ricerca in Pedagogia e Didattica speciale e della presa in carico degli studenti con Funziona-aldibattitosullaLegge107 Le nuove frontiere dell’inclusione: CBR e welfare generativo AEnbtbi,oSncaumoelen,tIostiintudzivioiQdnuiua€ale3n8€d,83o03,l5a0 comunicazione visivo-gestuale diventa Numeri singoli € 10,00 una lingua Musicoterapia nel contesto scolastico per un dialogo mento Intellettivo Limite (FIL) e offre un contributoIN13TE2eCRR10O4Ni1NmmA6VZiaEngIGOgiiNNoOALE inclusivo Scritti di L. Arcangeli, M. Bartolucci, D. Camedda, R. Cavalieri, H. Demo, A. Farinella, B. Galante, D. Ianes, G. Martone, A. Mura, S. Nocera, L. Pasqualotto, M. Sannipoli, M. Santi, C. Trusio, A.L. Zurru Pratiche e innovazioni teorico e operativo per favorirne l’integrazione.intuteladeiminori www.convegnominori.it ECMCREDITI Dopo un quadro introduttivo del profilo diAbbonamentoindividuale€33,50 Enti, Scuole, Istituzioni € 38,80 Numeri singoli € 10,00 funzionamento e dei bisogni educativi di questi soggetti, il libro si focalizza sull’inquadramento RISPOSTEPERILPRESENTE SFIDE PER IL FUTURO Palacongressi di Rimini 14 e 15 ottobre 2016 nel sistema di classificazione ICF, per poi, infine, #AUTISMI www.convegnoautismi.it proporre suggerimenti operativi per la ge- stione e l’integrazione degli alunni con FIL nella classe: stesura del PDP, strategie didattiche compensative, facilitazioni dei processi di pensiero e dei materiali di studio, modalità di valutazione. Diretto agli insegnanti di ogni ordine e grado, il libro si propone l’obiettivo di trasmettere agli operatori le conoscenze e le competenze necessarie per un intervento adeguato ed efficace. ISSN 1720-996X 15/1 febbraio 2016 Erickson L’integrazione scolastica e sociale Edizioni Centro Studi Erickson S.p.A. – Bimestrale – Poste Italiane s.p.a. – Sped. in A.P. – D.L. 353/03 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) art. 1, c. 1, DCB Trento. In caso di mancato recapito rinviare all’Uf cio di Trento CPO, detentore del conto per restituzione al mittente, previo pagamento resi. Contiene I.P. ISSN 1720-996X Erickson L’integrazione scolastica e sociale 15/2 maggio 2016 Edizioni Centro Studi Erickson S.p.A. – Bimestrale – Poste Italiane s.p.a. – Sped. in A.P. – D.L. 353/03 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) art. 1, c. 1, DCB Trento. In caso di mancato recapito rinviare all’Uf cio di Trento CPO, detentore del conto per restituzione al mittente, previo pagamento resi. Contiene I.P. disabilità diversità svantaggio 15/1 febbraio 2016 L’integrazione scolastica e sociale Rivista pedagodgiiscoa-bgiiulriidtiàca diversità Direttore svantaggio Marisa Pavone 15/2 maggio 2016 Monogra a L’integrazioneCantiere aperto Qualità scolasticaForum News e sociale Rivista pedagogico-giuridica Direttore Marisa Pavone Monogra a Forum Cantiere aperto News Recensioni Riviste Erickson TIENI AGGIORNATA LA TUA PROFESSIONALITÀ L’INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE Direzione scientifica Marisa Pavone Condirezione Andrea Canevaro e Dario Ianes Periodicità 4 numeri annui (febbraio, maggio, settembre, novembre) per 400 pp. complessive Quote di abbonamento € 33,50** (privati) € 38,80** (enti, scuole, istituzioni) MAGGIORI INFO SU: riviste.erickson.it

[close]

p. 13

Didattica inclusiva e Bisogni Educativi Speciali 11 LIBRO pp. 273 – € 17,00 ISBN 978-88-590-0916-0 E-BOOK € 9,99** ISBN 978-88-590-0933-7 Dario Ianes L'evoluzione dell'insegnante di sostegno Verso una didattica inclusiva NOVITÀ Proposto in una nuova edizione rivista e ampliata, L’evoluzione dell’insegnante di sostegno stimola il dibattito già vivacemente avviato alla sua prima pubblicazione, aggiornandolo ai più recenti testi di legge e dando voce alla pluralità di posizioni che provengono dal mondo della scuola e delle Associazioni. pp. 120 – € 5,00 ISBN 978-88-590-1207-8 Scarica gratis l’instant ebook Insegnanti di sostegno: verso la separazione delle formazione e dei ruoli? bit.ly/16CD_insegnante-sostegno Per saperne di più bit.ly/16CD_ evolvere-il-sostegno Dario Ianes (a cura di) Evolvere il sostegno si può (e si deve) Alcuni contributi di ricerca in Pedagogia e Didattica speciale al dibattito sulla Legge 107 IL GOVERNO VUOLE RIFORMARE IL SOSTEGNO, MA IN QUALE DIREZIONE? La comunità scientifica della Pedagogia e Didattica speciale si è attivata fortemente su questo tema e oggi vale davvero la pena che faccia sentire la sua voce al riguardo. In questo libro vengono riportati alcuni studi con dati di ricerca originali elaborati dai gruppi delle Università di Perugia, Padova, Cagliari e Bolzano, che dimostrano che forme evolutive verso una didattica inclusiva con ruoli paritari tra curricolare e sostegno sono possibili e portano a situazioni didattiche migliori, anche in termini di risultati di apprendimento e di socialità in tutti gli alunni. pp. 223 – € 19,50 ISBN 978-88-6137-379-2 Vito Piazza L’insegnante di sostegno Competenze tecniche e aspetti emotivi Questa libro esamina non solo le competenze «ufficiali» (il sapere, le conoscenze giuridiche e normative, l’attuazione di strategie didattiche), ma anche quelle emotive che l’insegnante specializzato deve sviluppare alla ricerca dell’empatia, della capacità di comprendere l’altro, in particolar modo l’alunno con disabilità. Il volume offre tecniche e suggerimenti pratici, ma suscita anche motivazione per un lavoro che impone di andare incontro all’altro con speranza. LIBRO pp. 112 – € 13,00 ISBN 978-88-590-0024-2 E-BOOK € 9,99** ISBN 978-88-590-0371-7 Carlo Scataglini Il sostegno è un caos calmo E io non cambio mestiere «Mi piace l’idea di provare a raccontare alcune esperienze che mi sono capitate in più di vent’anni di lavoro, di incontri, di emozioni. Di spiegare le ragioni per cui, secondo me, il mondo del sostegno è una specie di «caos calmo», un ossimoro disordinato e lento, generativo e immobile, difficile da vivere e magnifico, spaventoso e intrigante, per il quale niente è semplice o scontato, niente è uguale due volte di seguito. Nemmeno aprire la porta ed entrare in classe al mattino: tutto è sempre una nuova scoperta.» pp. 480 – € 19,50 ISBN 978-88-6137-342-6 Carlo Scataglini, Sofia Cramerotti e Dario Ianes Fare sostegno nelle scuole superiori Dagli aspetti teorico-metodologici alla dimensione operativa Questo libro affronta i temi cardine del sostegno nella scuola secondaria di secondo grado: con l’aiuto di box operativi e di casi concreti propone mirate considerazioni teoriche sugli aspetti cognitivi ed emotivo-motivazionali, scandisce le tappe fondamentali del Piano educativo individualizzato, prende in esame i metodi più efficaci nei processi di insegnamento-apprendimento con gli studenti con BES, ripercorre il quadro normativo di riferimento, gettando uno sguardo anche sul Progetto di vita. Presenta inoltre schede di aiuto, simulazioni di percorsi svolti, esempi di facilitazione. NOVITÀ pp. 166 – € 19,00 ISBN 978-88-590-0969-6 bit.ly/16CD_costruiremateriali-multimediali Flavio Fogarolo e Gianfranco Campagna Costruire materiali didattici multimediali Metodologie e strumenti per l’inclusione Il volume affronta il tema dei prodotti multimediali autocostruiti, fornendo indicazioni operative e suggerendo una serie di sistemi autore semplici ma efficaci, spesso gratuiti, che consentono all’insegnante di implementare percorsi didattici di qualità in tempi ragionevoli e senza bisogno di cimentarsi in complessi percorsi di addestramento informatico. Il libro è anche una guida operativa per i corsi di specializzazione per il sostegno che prevedono, a conclusione delle attività formative sulle tecnologie della comunicazione e dell’informazione (T.I.C.), la realizzazione di un prodotto multimediale finalizzato alla didattica speciale con l’uso di queste tecnologie. Ti stai preparando per l’ammissione a un Corso di specializzazione per il sostegno? Scopri le nostre proposte per affrontare al meglio la prova! bit.ly/16CD_ specializzazionesostegno

[close]

p. 14

12 Didattica inclusiva e Bisogni Educativi Speciali Ivan Sciapeconi e Eva Pigliapoco VERIFICHE PERSONALIZZATE Nelle versioni base, facilitata e sempli cata per la scuola primaria La serie di volumi VERIFICHE PERSONALIZZATE offre agli insegnanti di scuola primaria materiali specifici per la valutazione degli alunni, tra cui prove di verifica dei principali contenuti disciplinari e prove per la valutazione delle competenze applicate a contesti di vita reale. Propone inoltre strategie efficaci per creare metodologie di valutazione personalizzabili. Ogni verifica è proposta in tre versioni corrispondenti ad altrettanti livelli di complessità per consentire agli alunni di dimostrare al meglio quanto effettivamente hanno appreso. Verifica base: completa e destinata al gruppo classe, contiene tutti gli elementi di base per la successiva facilitazione e semplificazione. Verifica facilitata: con esempi o aiuti visivi che facilitano lo svolgimento della prova senza ridurne la difficoltà (complessiva), per gli alunni con fragilità o DSA (legge 170/10). Verifica semplificata: con la riduzione complessiva del compito e la semplificazione del lessico, per gli alunni con maggiori difficoltà cognitive (legge 104/92). Le prove di verifica delle competenze, proposte come verifiche individuali o in apprendimento cooperativo, sono state strutturate su attività prevalentemente interdisciplinari e si basano su compiti di realtà. I TRE LIVELLI DI VERIFICA Ogni verifica, composta da due o tre pagine, è proposta su tre livelli: verifica base, verifica facilitata e verifica semplificata. Preposizioni semplici e articolate NOME DATA ITALIANO - GRAMMATICA COME TI SENTI PRIMA DI INIZIARE? Completa le frasi con la preposizione semplice giusta. Preposizioni semplici e articolate NOME DATA Scrivi le preposizioni semplici giuste. ITALIANO - GRAMMATICA COME TI SENTI PRIMA DI INIZIARE? PREPOSIZIONI SEMPLICI E ARTICOLATE NOME DATA ITALIANO - GRAMMATICA COME TI SENTI PRIMA DI INIZIARE? SEGNA CON UNA X LA FRASE GIUSTA. ✗ C’È UNA FARFALLA SU UN FIORE. C’È UNA FARFALLA CON UN FIORE. C’è una farfaalla _____ un fiore. C’è una farfalla _____ i fiori. suC’è una farfalla _____ un fiore. C’è una farfalla _____ i fiori. C’È UNA FARFALLA IN UN FIORE. C’È UNA FARFALLA TRA I FIORI. C’è una farfalla ____ un fiore. C’è una farfalla ____ogni fiore. Addizioni con parole! Come si formano le preposizioni articolate? Completa le «operazioni». di + la = ______________ ______ + il = al di + _______ = degli a + le = _______________ ______ + lo = allo su + _______ = sulle in + lo = ______________ ______ + la = sulla da + ________= dai di + i = ________________ ______ + gli = negli a + _________= agli © 2016, I. Sciapeconi e E. Pigliapoco, Verifiche personalizzate – Classe terza, Trento, Erickson 123 C’è una farfalla ____ un fiore. C’è una farfalla ____ ogni fiore. Completa le «operazioni» per ottenere le preposizioni articolate. di + la = _d__e_ll_a_________ ______ + i = dei di + _______ = degli a + le = _______________ ______ + lo = allo a + _______ = al in + lo = ______________ ______ + la = nella in + ________ = negli su + i = ________________ ______ + gli = sugli su + _________ = sullo © 2016, I. Sciapeconi e E. Pigliapoco, Verifiche personalizzate – Classe terza, Trento, Erickson 125 C’È UNA FARFALLA PER OGNI FIORE. C’È UNA FARFALLA SU UN FIORE. C’È UNA FARFALLA IN UN FIORE. C’È UNA FARFALLA CON UN FIORE. COMPLETA LE OPERAZIONI. DI + LA = __D__E_L_L_A_______ A + LE = _______________ IN + LO = ______________ SU + I = ________________ © 2016, I. Sciapeconi e E. Pigliapoco, Verifiche personalizzate – Classe terza, Trento, Erickson 127 VERIFICA BASE Ha tutti gli elementi di complessità. VERIFICA FACILITATA La complessità del compito cognitivo rimane inalterata. Sono forniti richiami o modelli da imitare. VERIFICA SEMPLIFICATA La complessità del compito cognitivo è ridotta. Sono presentati meno item per ciascun esercizio. NOVITÀ QUARTAClasse MATpEsrMciAumTIoCaAlr•aSiCaIENZE Ivan Sciapeconi e Eva Pigliapoco VERIFICHE PERSONALIZZATE Nelle versioni base, facilitata e sempli cata NOVITÀ Classe prima pp. 200 - € 21,50 – ISBN 978-88-590-0887-3 Classe seconda pp. 200 - € 21,50 – ISBN 978-88-590-0784-5 Classe terza – Italiano, storia, geografia pp. 256 – € 21,50 – ISBN 978-88-590-1066-1 Classe terza – Matematica, scienze pp. 224 – € 21,50 – ISBN 978-88-590-1096-8 Classe quarta – Italiano, storia, geografia pp. 270 – € 21,50 – ISBN 978-88-590-1161-3 Classe quarta – Matematica, scienze pp. 230 – € 21,50 – ISBN 978-88-590-1216-0 DISPONIBILE DA NOVEMBRE 2016 ITALIANO - GRAMMATICA ITALIANO - GRAMMATICA Analisi logica: soggetto, COME TI SENTI PRIMA Analisi logica: soggetto, COME TI SENTI PRIMA ANALISI LOGICA: SOGGETTO, predicato ed espansioni Ecco un esempio di come lo stesso esercizio è proposto nelle tre modalitàNOME DATA DI INIZIARE? predicato ed espansioni NOME DATA DI INIZIARE? PREDICATO ED ESPANSIONI NOME DATA ITALIANO - GRAMMATICA COME TI SENTI PRIMA DI INIZIARE? Riscrivi i sintagmi nelle caselle giuste. • Le scimmie si arrampicano sugli alberi. Soggetto ___________________ Predicato ___________________ Espansione ___________________ • Nel mare vivono i pesci. Soggetto ___________________ Predicato ___________________ Espansione ___________________ • Le giraffe hanno il collo lungo. VERIFICA BASESoggetto ___________________ Predicato ___________________ Espansione ___________________ La consegna prevede di collegare i•Il cane di Sara abbaia agli altri cani. Soggetto disegni alle parole corrispondenti.___________________ Predicato ___________________ Espansione ___________________ • Nella stalla dormono gli asinelli. Soggetto ___________________ Predicato ___________________ Espansione ___________________ • In primavera le rondini tornano. Soggetto ___________________ Predicato ___________________ Espansione ___________________ Riscrivi i sintagmi nelle caselle giuste. • Le scimmie / si arrampicano / sugli alberi. Soggetto Predicato _L_e__s_c_i_m__m__ie________ _s_i_a__rr_a__m__p_i_c_a_n_o____ Espansione _s_u_g__li_a__lb__e_r_i _______ • Nel mare / vivono / i pesci. Soggetto ___________________ Predicato ___________________ Espansione ___________________ • Le giraffe / hanno / il collo lungo. VERIFICA FACILITATASoggetto ___________________ Predicato ___________________ Espansione ___________________ Il primo item della prova indica•Il cane / di Sara / abbaia / agli altri cani. Soggetto Predicato Espansione all’alunno il tipo di compito da___________________ ___________________ ___________________ svolgere.•Nella stalla / dormono / gli asinelli. Soggetto Predicato Espansione ___________________ ___________________ ___________________ • In primavera / le rondini / tornano. Soggetto ___________________ Predicato ___________________ Espansione ___________________ COLORA I SOGGETTI. LE SCIMMIE SI ARRAMPICANO SUGLI ALBERI. NEL MARE NUOTANO I PESCI. LE GIRAFFE HANNO IL COLLO LUNGO. VECORLORIAFI PIRCEDAICATI.SEMPLIFICATA RimaneIL CANE l’esemDI SApRAio svoltoABBeAIAl.a prova ha un numero minore di item. IN PRIMAVERA TORNANO LE RONDINI. NELLA STALLA DORMONO GLI ASINELLI. Per saperne di più bit.ly/16CD_verifiche-personalizzate

[close]

p. 15

Didattica inclusiva e Bisogni Educativi Speciali 13 INVALSI per tutti Strategie, metodi e strumenti per prepararsi alle prove nella classe inclusiva Il progetto «INVALSI per tutti» fornisce agli insegnanti della scuola primaria un training specifico per allenare gli alunni in vista delle prove. Ideata e sviluppata da insegnanti, questa serie di volume ha lo scopo di fornire molteplici indicazioni pratiche sulle prove stesse nell’ottica di promuovere: – l’inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali; – una corretta modalità di costruzione di prove bilanciate e pesate per difficoltà; – la valutazione oggettiva dell’apprendimento degli alunni con Bisogni Educativi Speciali. INVALSI per tutti non è una raccolta delle prove INVALSI degli anni precedenti, ma uno strumento per favorire una didattica personalizzata e allo stesso tempo inclusiva che sappia valorizzare gli stili di apprendimento di tutti gli alunni. NOVEDMABRE NOVITÀ SCHEDE PREPARATORIE SENZA PAROLE Lettura dell’insegnante. PRIMA PARTE C’era una volta, nel paese di Gatticanì, un’allegra compagnia di bambini così amici-amici che non si lasciavano mai, se non la notte per andare a dormire. Rinetta testa-di-nuvola era la più grande: abile a raccontare storie, ne aveva una buona in ogni occasione. Ruggero cuor-di-leone era sempre pronto a gettarsi nella mischia per difendere i più deboli e piccini. Rubino, argento-vivo, ne combinava di tutti i colori, ma aveva un cuore timido e fragile come cristallo. Un giorno la nonna disse a Rinetta: «Vai nel bosco con i tuoi amici, i lamponi sono ormai dolci come il miele, raccoglietene tanti e farò una buona torta!». Gli amici-amici partirono con i loro cestini e s’incamminarono per il sentiero del bosco che conoscevano bene. Lungo la strada Rinetta raccontava la storia del drago Romario e del cavaliere solitario Rincisvaldo che gli aveva tagliato l’enorme coda con la portentosa e magica spada Fulgenzia, quand’ecco che, nei pressi di una grotta, sentirono un grande boato squarciare il silenzio del bosco. «Che cosa è stato?» si chiesero i bambini in coro. «Forse i boscaioli stanno tagliando gli alberi!» «Forse si prepara un gran temporale!» «Forse è meglio che ce ne andiamo! Brrr…» 24 © 2016, E. Zanchetta et al., INVALSI per tutti – Italiano classe seconda, Trento, Erickson LE SCHEDE PREPARATORIE Attività inserite sullo sfondo integratore di una storia esemplificativa, per creare un clima positivo in classe, disporre all’attenzione e alla concentrazione, alla collaborazione, alla creatività. SCHEDA A.0 (continua) LE FOCHE MATEMATICHE E I NUMERI LAVORA IN COPPIA CON UN COMPAGNO! FATE ATTENZIONE ALLE PAROLE DELLA MATEMATICA! COMPLETA LA LINEA DEI NUMERI. 0 ___ ___ ___ ___ 5 ___ ___ ___ 9 ___ ___ ___ ___ 14 15 ___ ___ ___ ___ 20 SCOPRI IL NUMERO E SCRIVILO SULLA RIGA ACCANTO. • SI TROVA FRA 9 E 11 ________________________ • PRECEDE IL NUMERO 15 ________________________ • È FORMATO DA DUE DECINE ________________________ • SEGUE IL NUMERO 17 ________________________ • È MAGGIORE DI 6, MINORE DI 9 E NON È 7 ________________________ RISCRIVI I NUMERI CHE HAI SCOPERTO IN ORDINE DAL PIÙ PICCOLO AL PIÙ GRANDE. _____ _____ _____ _____ _____ COLORA LE CASELLE CON I NUMERI ADATTI. 13 > _____ 9 15 11 4 < _____ 3 5 14 17 < _____ 20 18 16 11 > _____ 9 12 10 © 2016, P. Tasco et al., INVALSI per tutti – Matematica classe seconda, Trento, Erickson 43 LE SCHEDE DI ACCOGLIENZA Attività di accoglienza comuni a tutti gli alunni della classe, che sono invitati a svolgerle riuniti in coppia o in piccoli gruppi, di composizione eterogenea. LE SCHEDE-ATTIVITÀ: I TRE LIVELLI DI FACILITAZIONE LIVELLO A - per tutti. LIVELLO B - per gli alunni con Bisogni Educativi Speciali – testi e consegne in stampato maiuscolo; – consegne accompagnate da simboli che facilitano la comprensione; – testi facilitati e accompagnati da immagini, proposte operative e espliciti suggerimenti sulle strategie e sugli strumenti da utilizzare; – comprensione del testo mediata da attività che focalizzano l’attenzione sulle singole tappe del processo. A. NUMERI SCHEDA 1a IL GIOCO DELL’OCA 1. LEGGI E RISPONDI. LIVELLO A A. NUMERI SCHEDA 1b IL GIOCO DELL’OCA 1. OSSERVA, LEGGI E RISPONDI. LISA Sono alla casella numero 13. Ora avanzo di 9 caselle. Ero alla casella numero 17. Ora mi trovo alla casella 21. MARCO IN QUALE CASELLA SI FERMA LISA? SEGNA LA RISPOSTA CON UNA CROCETTA. 23 22 20 QUANTI PUNTI HA FATTO MARCO CON IL DADO? SEGNA LA RISPOSTA CON UNA CROCETTA. 354 46 © 2016, P. Tasco et al., INVALSI per tutti – Matematica classe seconda, Trento, Erickson LISA SONO ALLA CASELLA NUMERO 13. ORA AVANZO DI 9 CASELLE. MARCO ERO ALLA CASELLA NUMERO 17. ORA MI TROVO ALLA CASELLA 21. Edi Zanchetta, Francesca Furlan e Diana Fedrigo Classe seconda – Italiano pp. 252 - € 20,00 – ISBN 978-88-590-1003-6 Patrizia Tasco, Chiara De Somma e Monica Bertacco Classe seconda – Matematica pp. 218 - € 20,00 – ISBN 978-88-590-1004-3 Edi Zanchetta, Francesca Furlan e Diana Fedrigo Classe quinta – Italiano pp. 300 + risorse online € 21,50 – ISBN 978-88-590-1162-0 Patrizia Tasco, Chiara De Somma e Monica Bertacco Classe quinta – Matematica pp. 240 - € 21,50 – ISBN 978-88-590-1214-6 DISPONIBILE DA NOVEMBRE 2016 A. NUMERI SCHEDA 1c IL GIOCO DELL’OCA RITAGLIA IL DADO IN FONDO ALLA PAGINA E COSTRUISCILO. INCOLLA LA PEDINA SU UN CARTONCINO E RITAGLIALA. LANCIA IL DADO E POSIZIONA LA PEDINA SUL NUMERO INDICATO DAL DADO. PUOI GIOCARE QUANTE VOLTE VUOI. LIVELLO C - per gli alunni con Bisogni Educativi Speciali – testi e consegne in stampato maiuscolo; – consegne accompagnate da simboli che facilitano nella comprensione; – testi ridotti e semplificati; – attività che invitano a manipolare, rappresentare, utilizzare semplici simbolizzazioni e inerenti al lessico e alla comprensione dei dati espliciti. IN QUALE CASELLA SI FERMA LISA? CROCETTA. 23 22 20 SEGNA LA RISPOSTA CON UNA QUANTI PUNTI HA FATTO MARCO CON IL DADO? CON UNA CROCETTA. 354 SEGNA LA RISPOSTA © 2016, P. Tasco et al., INVALSI per tutti – Matematica classe seconda, Trento, Erickson 49 LIVELLO B C. DATI E PREVISIONI SCHEDA 2d RIFLETTO SUL LAVORO INDICA CON UNA CROCETTA CIÒ CHE HAI FATTO PER COMPLETARE LE SCHEDE. HO LETTO IL TESTO E LE CONSEGNE HO OSSERVATO LE IMMAGINI HO RILETTO IL TESTO PER CAPIRE MEGLIO LA CONSEGNA HO ESEGUITO LE CONSEGNE IN MODO COMPLETO HO DISEGNATO LA SITUAZIONE HO UTILIZZATO LA LINEA DEI NUMERI HO RICAVATO INFORMAZIONI DA UNA TABELLA HO LETTO UN GRAFICO HO ESEGUITO OPERAZIONI HO UTILIZZATO IL RIGHELLO HO SCOPERTO LA REGOLA DI UNA SEQUENZA MI VALUTO CONFRONTA IL LAVORO CHE HAI SVOLTO SULLE SCHEDE CON QUELLO DEI TUOI COMPAGNI. COME VALUTI IL TUO LAVORO? INDICA LA RISPOSTA COLORANDO LA FACCINA ADATTA. HO SVOLTO LE ATTIVITÀ CON SICUREZZA SONO MIGLIORATO DEVO ESERCITARMI ANCORA LE SCHEDE DI AUTOVALUTAZIONE – Riflessione sulle abilità acquisite; – Autovalutazione delle difficoltà incontrate dei risultati raggiunti. SCHEDE FINALI A BELNUMERO C’È LA SAGRA PAESANA I BIGLIETTI DELLA LOTTERIA Durante la sagra del paese, si svolge una lotteria: ogni 5 biglietti acquistati viene dato in omaggio un altro biglietto. Luca riceve in omaggio 2 biglietti: quanti biglietti ha acquistato? 5 2 10 Ambito: numeri Processo 4: Risolvere problemi utilizzando strategie in ambiti diversi – numerico, geometrico, algebrico (individuare e collegare informazioni utili, individuare e utilizzare procedure risolutive, confrontare strategie di soluzione, descrivere e rappresentare il procedimento risolutivo, ecc.) Si chiede al bambino di risolvere un quesito utilizzando la struttura moltiplicativa. La difficoltà principale risiede nella comprensione e rappresentazione mentale della situazione: l’alunno va guidato a leggere attentamente il testo e a soffermarsi sul quantificatore «ogni». Per facilitare il compito si suggerisce di far rappresentare la situazione con un disegno: LE SCHEDE FINALI Le schede finali suggeriscono agli insegnanti una prova da sottoporre agli alunni sotto forma di problem solving e un testo da proporre agli alunni per la comprensione. LIVELLO C © 2016, P. Tasco et al., INVALSI per tutti – Matematica classe seconda, Trento, Erickson 51 Per saperne di più bit.ly/16CD_invalsi-per-tutti 194 © 2016, P. Tasco et al., INVALSI per tutti – Matematica classe seconda, Trento, Erickson 210 © 2016, P. Tasco et al., INVALSI per tutti – Matematica classe seconda, Trento, Erickson

[close]

Comments

no comments yet