Made in Padova 2

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

02

[close]

p. 2

intro scoprire valorizzare e aggregare lo spirito creativo del nostro territorio e farlo conoscere nel mondo sono gli obiettivi del premio design made in padova promosso dalla camera di commercio di padova con la collaborazione di confindustria padova È questa la grande novità introdotta nell edizione 2011 del progetto made in padova nato all interno del comitato per lo sviluppo territoriale della camera di commercio di padova e che vede impegnati assieme l ente camerale confindustria upa cna parco scientifico e tecnologico galileo e scuola italiana design di padova con il premio i promotori intendono sviluppare la comunicazione dell identità produttiva padovana e del suo territorio in maniera coordinata ed efficace per valorizzare e rendere note le eccellenze produttive nell industria e nell artigianato padovani creando nuove opportunità di visibilità e promuovendo il sistema padova all estero in un ottica di rete tra le imprese le aziende che partecipano dovranno dimostrare di avere una cultura orientata al design come strategia di ricerca e innovazione di prodotti o processi industriali in un momento di crisi economica come quello attuale è importante promuovere il design creativo che rappresenta la marcia in più su cui devono puntare le imprese per essere competitive nel mercato internazionale qualità e design sono infatti due elementi strategici per lo sviluppo dell economia provinciale padovana e la forza del made in italy l obiettivo è stimolare l attenzione delle imprese nei confronti dell innovazione aiutandole ad uscire dalla crisi facendo leva sull importanza del design che non va visto solo come qualità estetica e funzionale del prodotto ma anche come attitudine alla ricerca di valore nei percorsi di progettazione e comunicazione la camera di commercio di padova è fortemente convinta che questo progetto possa avere ricadute positive e qualificanti su numerosi ambiti di promozione territoriale in primis una maggiore abilità del territorio a rappresentarsi all esterno sia a livello nazionale che internazionale puntiamo inoltre a sviluppare una maggiore vitalità e distinzione dei prodotti e delle eccellenze produttive made in padova mirando a rendere il più possibile concrete e visibili l innovazione e l eccellenza dei prodotti che identificano il marchio padova in italia e nel mondo roberto furlan presidente della camera di commercio di padova una analisi seppur sintetica del rapporto tra design innovazione e sviluppo territoriale non può prescindere da alcune brevi considerazioni sulla struttura produttiva della nostra regione che presenta un tessuto imprenditoriale composto prevalentemente da imprese di piccola dimensione ad elevata densità il rapporto tra attività economiche indipendenti e abitanti nella nostra area è circa di uno a dieci come nel resto del paese sono presenti alcune importanti aree caratterizzate da elevati livelli di concentrazione e specializzazione imprenditoriale i cosiddetti distretti produttivi in questa articolazione sono presenti settori estremamente diversificati che riguardano sia beni di consumo come l articolo sportivo il mobile la calzatura sia nicchie produttive di eccellenza nell ambito della meccanica e dell elettronica questi aspetti tratteggiano i contorni generali di un sistema produttivo territoriale ad elevata integrazione e diversificazione fortemente orientato all esportazione lo scenario attuale in cui operano le piccole e medie aziende presenta alcuni aspetti critici il mercato è infatti caratterizzato dalla stagnazione della domanda fenomeno aggravato dalla crisi economica tuttora in atto e dalla globalizzazione della concorrenza che fa si che sempre nuovi competitori internazionali si presentino sul nostro mercato queste condizioni inducono le imprese alla ricerca di vantaggi competitivi nuovi e diversi rispetto ai vecchi fattori della competizione quali il costo del lavoro delle materie prime e dell energia che oggi invece rappresentano proprio il principale punto di forza dei paesi emergenti il rilancio delle nostre produzioni deve quindi puntare sull insostituibile valore aggiunto che deriva dalla qualità dei prodotti e dal loro contenuto in termini di innovazione in questo contesto competitivo il design industriale costituisce una risorsa strategica insostituibile per alimentare la competitività dei nostri distretti produttivi il design interpretato come sintesi progettuale degli aspetti estetici e funzionali che caratterizzano il prodotto è infatti in grado di rivitalizzare i distretti riposizionandoli a livelli di eccellenza perché fa leva sui valori legati all immagine ed alla creatività che contraddistinguono il prodotto italiano universalmente riconosciuti ed apprezzati le piccole e medie imprese di successo come testimonia made in padova sono quelle che hanno saputo acquisire le competenze necessarie per sviluppare una nuova competitività che richiede capacità progettuali ed ideative unitamente alla conoscenza delle tecnologie disponibili e dei bisogni espressi dal mercato massimo malaguti direttore generale pst galileo scuola italiana design even a synthetic analysis of the relation between design innovation and regional development cannot merely prescind from brief considerations about the productive structure of our region which is characterized by an entrepreneurial fabric consisting mainly of small-sized companies yet at a very high density the ratio of independent economic enterprises to the inhabitants of our area is approximately one to ten as in the rest of the country there are some important areas with high levels of entrepreneurial concentration and specialization the so-called industrial districts this expression comprises extremely diversified branches which include consumer goods such as sports equipment furniture and footwear as well as niches of productive excellence in mechanics and electronics these aspects outline the general contours of a highly integrated and diversified regional productive system which is strongly oriented towards export the present scenario in which the small and medium-sized companies act has some critical issues the market is in fact characterized by a stagnating demand a phenomenon exacerbated by the still ongoing economic crisis and by the globalization of the competition which translates in the continuous appearance of new international competitors on our market to spot foster and combine the creative spirit of our district and to convey it to the world these are the goals of the design made in padua award promoted by the chamber of commerce of padua in collaboration with confindustria padua this is the big news announced in the 2011 edition of the made in padua project which came to life within the territorial development committee of the chamber of commerce of padua with the combined efforts of confindustria upa cna the galileo science and technology park and the italian school of design with the award the promoters aim to develop the message of the productive identity of padua and its district in a coordinate and efficient manner in order to enhance and showcase the productive excellence in the industry and crafts economy of padua by creating new opportunities of visibility and by promoting the padua system abroad with an eye to business networking the participating companies must demonstrate to possess a corporate culture that views design as strategy of research and innovation of products or industrial processes at a time of economic crisis such as the present it is important to promote creative design which represents that extra gear to which companies must aim for being competitive on the international market quality and design are in fact two strategical elements for the development of the local economy of the padua district and of the strength of the made in italy the goal is to stimulate the companies attention to innovation helping them to overcome the crisis by leveraging the importance of design which should not be seen as a mere aesthetic and functional quality of the product but rather as proneness to the strive for value in its design and communication the chamber of commerce of padua is strongly convinced that this project may have a positive and qualifying impact on many areas of the promotion of the territory primarily an increased capacity of the district to portray itself to the outside both nationally and internationally furthermore we aim to develop a greater verve and distinction for our products and for the outstanding productive quality made in padua striving to concretise and emphasize the innovation and excellence of the products that distinguish the padua label in italy and worldwide roberto furlan chairman of the chamber of commerce of padua these conditions lead the companies to search for new competitive advantages different from the old means of competition such as the cost of labour raw materials and energy which today represent just the very strength of the emerging countries the relaunch of our productions must aim at the irreplaceable added value coming from the quality of our products and from their content in terms of innovation in this context of competition industrial design makes for an invaluable strategic resource to fuel the competitiveness of our productive districts design interpreted as a synthesis of the aesthetic and functional aspects that characterize a product is in fact capable of revitalizing the districts repositioning them on levels of excellence because it appeals to the universally acknowledged and appreciated values linked to the image and creativity that distinguish the italian product the successful small and medium-sized companies as made in padua highlights are those that have been able to acquire the skills needed to develop a new competitiveness which requires designing and devising capacity combined with understanding of the available technology and the demands expressed by the market massimo malaguti general manager galileo stp italian school of design

[close]

p. 3

indice index alberto del biondi p 4 prodotto fashion design product fashion design intervista alberto del biondi interview alberto del biondi dove noventa padovana where noventa padovana alkè p 8 prodotto veicoli utility elettrici product electric utility vehicles intervista lamberto salvan interview lamberto salvan dove padova where padova ciak roncato p 12 prodotto articoli da viaggio product travel articles intervista federica roncato interview federica roncato dove campodarsego where campodarsego diemme p 16 prodotto caffè product coffee intervista giannandrea dubbini interview giannandrea dubbini dove albignasego where albignasego malvestio p 20 prodotto arredamenti ospedalieri product hospital furniture intervista marino malvestio interview marino malvestio dove villanova where villanova mazzari p 24 prodotto pasticceria product pastry intervista maurizio mazzari interview maurizio mazzari dove padova where padova pub company p 28 prodotto software publishing product software publishing intervista andrea gaiba interview andrea gaiba dove s giacomo di albignasego where s giacomo di albignasego pubcompany w w w pubcompany c o m the publisher s service company valbona p 32 prodotto conserve alimentari product canned food intervista cristina marchetti interview cristina marchetti dove lozzo atestino where lozzo atestino

[close]

p. 4

alberto del biondi www.albertodelbiondi.com il sogno di alberto del biondi è oggi una realtà unica in europa un officina di design operante a livello mondiale da dove inizia questa storia «spesso si afferma che il talento imprenditoriale e creativo trae origine dalla propria famiglia e dal luogo in cui si nasce e ci si forma per me è un affermazione che calza perfettamente sono nato a padova nel settembre del 1963 in una città definita da shakespeare culla delle arti attualmente punto di riferimento nel design industriale e della calzatura ho appreso ed elaborato le tecniche del design di accessori moda presso l azienda di famiglia a contatto con i maestri artigiani famosi in tutto il mondo dopo aver trascorso alcuni anni in viaggio sono rientrato a padova dove ho deciso di realizzare il mio sogno fondare un autentica industria del design una sorta di factory alla andy wharol un laboratorio del design della calzatura e accessori moda che è diventato punto di riferimento ed eccellenza a livello internazionale nel giro di pochi anni sono riuscito a collaborare con i massimi brand internazionali del design ho avuto la possibilità di collaborare con personalità uniche come ralph lauren renzo rosso tommy hilfiger calvin klein e tanti altri dal 1983 disegno collezioni di calzature borse e accessori per i più importanti e prestigiosi brand del mercato mondiale per me è fondamentale preservare la coerenza del dna di un brand dall idea creativa iniziale al modo di presentarlo.» il vostro headquarters è un luogo prezioso e speciale perchè «un luogo di lavoro può essere semplicemente uno spazio in cui si concentrano le attività manageriali di un azienda ma per me l azienda è un luogo sacro che deve avere un anima uno spazio in cui le energie creative produttive e manageriali trovano un punto di incontro e di forza per questo ho creato un officina creativa di 9.000 mq di cui 1.000 dedicati al laboratorio per la prototipia progettata per favorire lo sviluppo della creatività e il continuo scambio interdisciplinare un autentico tempio del design in cui ogni dettaglio racconta la mia filosofia verso il mondo creativo dove la ricerca del nuovo è sempre basata sulle solide radici della tradizione artigianale italiana.» quanto conta la persona la sua motivazione ed entusiasmo «un azienda che ha nella creatività il suo punto d eccellenza ha sicuramente bisogno di un punto di riferimento che ne incarni le proprie doti io vivo con l azienda e l azienda trae forza dal mio impegno manageriale e creativo il mio team annovera circa cento professionisti tra designer stilisti e modellisti supportati da esperti di materiali trend hunters analisti di mercato specialisti di marketing graphic e industrial designers e architetti per me sono una famiglia e sono la base su cui si fonda la mia azienda.» quali saranno le parole chiave nel design del futuro «credo che il design non sia fine a se stesso ma parte integrante di un processo volto a creare oggetti frutto della ricerca creativa anche di sicuro successo sul mercato per questo l organizzazione dell azienda si ispira ai concetti del project management in grado di sviluppare un progetto da un idea creativa iniziale al prototipo finale pronto per l industrializzazione nel rispetto di timing e costi concordati e con uno spiccato orientamento al mercato e alle sue esigenze la chiave di volta è la ricerca la linfa vitale dell industria del design essa deve essere riversata senza timori sia in termini di processo produttivo che di contenuti creativi ultimamente mi sono concentrato sulla mia primaria passione verso le calzature e gli accessori esplorando tutte le strade relative all eco-sostenibilità ed anche al comfort ho brevettato diversi progetti per mio conto o per i clienti sto lavorando assieme a podologhi ed istituti di ricerca per studiare soluzioni tecnologiche che garantiscano un maggior confort e per ideare materiali interamente riciclabili e biodegradabili è fondamentale per me garantire che l azienda sia sempre determinata a proiettarsi nel futuro a intuire ciò che accadrà a saper cogliere gli elementi significativi del domani per tradurli in prodotti di successo valore valore e ancora valore per i clienti per questo ho sviluppato relazioni e collaborazioni con primari istituti internazionali di ricerca tra i quali viu venice international university chicago art institute e la partecipazione al progetto elogico per il design ecosostenibile.» the dream of alberto del biondi is today a unique reality in europe a worldwide operating design workshop where does this story begin from «it is often said that entrepreneurial and creative talent have their roots in the family and place where you were born and raised for me this is a well fitting statement i was born in padua in september of 1963 in a city by shakespeare defined as nursery of arts today a benchmark in industrial and footwear design i have learned and refined the design techniques for fashion accessories in my family s company and in collaboration with master artisans of worldwide fame after some years of traveling i returned to padua where i decided to fulfil my dream to found a real design industry a sort of andy warhol factory a designer lab for footwear and fashion accessories that today has become an international benchmark of excellence within just a few years i succeeded in collaborating with the international top brands in design i have had the opportunity of working together with unique personalities like ralph lauren renzo rosso tommy hilfiger calvin klein and many others since 1983 i have been designing collections of footwear handbags and accessories for the most important and prestigious brands in the world to me it is crucial to preserve the dna of a brand from the initial creative idea to its final presentation.» your headquarters is a very precious and special place why «a workplace can merely be a space where the managerial activities of a company are concentrated but to me the corporation is a sacred place that should have a soul a meeting point where creative productive and managerial energy can bundle their strengths therefor i have built a creative workshop of 9.000 square meters of which 1.000 dedicated to the prototyping lab designed to foster the development of creativity and continuous interdisciplinary exchange a true design temple where each detail conveys my philosophy towards the creative world in which the search for the new is always founded on the solid roots of the italian artisan tradition.» how much count the person his motivation and his enthusiasm «a company that has its strength in creativity certainly needs a benchmark that embodies its very talents i live with the company and the company draws its strength from my managerial and creative commitment my team counts about a hundred professionals including designers fashion stylists and pattern makers supported by experts in materials trend hunters market analysts marketing specialists graphic and industrial designers and architects to me they are a family and they are the foundation of my company.» which will be the future key words of design «i believe that design is not a purpose in itself but part of a process aimed to creating objects that are the result of creative research but certainly also successful on the market hence the corporate organization is guided by the principles of project management capable of developing a project from the initial creative idea to the final prototype ready for industrialization in respect of the agreed terms of timing and cost and with a strong focus on the market and its requirements the keystone is research the lifeblood of the design industry and as such must flow without restraints in terms of both the productive process and of creative contents lately i have been concentrating on my primary passion for footwear and accessories exploring all the roads towards both eco-sustainability and comfort i have patented a number of projects on my own behalf and for customers i am collaborating with podiatrists and research institutes in order to study technological solutions that will guarantee greater comfort and to devise entirely recyclable and biodegradable materials it is essential for me to guarantee that the company will always be determined to cast itself in the future to grasp what will happen to be able to seize the significant elements of tomorrow and translate them in successful products for today value value and more value for the customer that is why i have cultivated connections and partnerships with major international research institutes including viu venice international university chicago art institute and a participation in the elogico project for ecologically sustainable design.» 4

[close]

p. 5

5

[close]

p. 6

la sensibilità estetica sviluppata da alberto del biondi nel settore creativo e moda guarda anche verso nuovi orizzonti spaziando dall interior all industrial design fino all architettura come si evince dalla stessa factory che ha realizzato a padova the strong aesthetic sense developed by alberto del biondi in the creative and fashion industry aims to new horizons roaming from interior and industrial design to architecture as expressed through the very factory that he built in padua 6

[close]

p. 7

7

[close]

p. 8

alkè www.alke.com quella di alkè è una storia tutto sommato recente ma proprio questo sorprende chiunque tutto ha inizio nel 1992 quando la famiglia salvan avvia un attività di ricerca e prototipazione di veicoli cosiddetti utility mezzi da lavoro fino ad allora presenti con caratteristiche e prestazioni assai diverse È una storia quella di alkè che nasce da una passione la meccanica la riparazione fatta in casa di motori lo smontare e il saldare pezzi nel 1997 esce la prima gamma at orientata al segmento agricolo e della manutenzione del verde È subito un successo che porterà a sviluppare nuove linee di veicoli professionali sempre più concorrenziali di dimensione compatta ed ecologici fino ad arrivare ad oggi in cui alkè è presente in 30 paesi del mondo con un forte posizionamento sui prodotti di fascia alta e ad impatto ambientale zero come siete arrivati ad affermare i vostri prodotti così in fretta «ci siamo accorti che i mezzi in commercio avevano dei limiti importanti e abbiamo puntato a realizzare dei veicoli con prestazioni decisamente migliori un esempio è la scelta vincente di aver adottato per i veicoli elettrici la tecnologia impiegata nei carrelli elevatori questo ci ha permesso di realizzare veicoli con una componentistica più durevole e con una maggiore potenza oggi l elettrico rappresenta circa l 80 del nostro fatturato e l obiettivo nel medio termine è quello di produrre esclusivamente veicoli a emissioni zero tutto questo è più facile a dirsi che a farsi i nostri veicoli infatti sono al dì fuori del circuito tradizionale delle concessionarie al momento non esistono rivenditori puri di veicoli elettrici e quindi oltre alla rete commerciale di importatori puntiamo moltissimo sul web per far conoscere i nostri prodotti.» il vostro successo sta anche nell aver dimostrato che questo tipo di veicoli possono rispondere a diverse funzioni e a diversi terreni «rispetto all iniziale orientamento al segmento agricolo ci siamo accorti anche attraverso le richieste dei nostri clienti che vi era una domanda potenziale e crescente di mezzi adatti a più situazioni ad esempio abbiamo riscontrato come nei litorali e nei villaggi turistici avere dei mezzi silenziosi e senza emissioni di gas di scarico come quelli elettrici consente di sbrigare delle mansioni senza disturbare i bagnanti o gli ospiti oppure l avere messo a disposizione dei mezzi con una trazione a quattro ruote motrici si è dimostrato vincente negli aeroporti nordici dove si opera spesso in condizioni climatiche molto rigide ancora a londra i nostri veicoli ecologici sono stati scelti per svolgere le attività logistiche necessarie al funzionamento del bike sharing così come siamo stati contattati dal comparto delle municipalizzate per risolvere le esigenze dei servizi ambientali nelle città.» sabbia ghiaccio pendenze come affrontate queste sfide dal punto di vista della progettazione «la progettazione è svolta internamente dalla divisione tecnica come internamente sono gestiti anche prototipazione produzione e post-vendita grazie ai sistemi di progettazione 3d nella nuova serie xt siamo passati dalla prototipazione fisica in officina ai nuovi sistemi di modellazione stile automotive questo ci consente di testare al meglio lo stress e la resistenza sulle parti e di passare alla fase di stampaggio più rapidamente le moderne tecnologie permettono di simulare il comportamento del veicolo nelle diverse situazioni d uso in questo modo riusciamo ad avere dei prototipi sempre più vicini a quella che sarà la produzione vera e propria cosa molto importante soprattutto con veicoli come quelli della nuova gamma xt caratterizzati da soluzioni tecniche all avanguardia e in grado di offrire performance di altissimo livello per un veicolo elettrico quattro ruote motrici.» che sorprese riserva alkè per il futuro «per il futuro stiamo studiando la possibilità di mettere in produzione mezzi idonei anche al trasporto di persone stiamo sviluppando inoltre delle tecnologie legate al controllo remoto delle prestazioni dei nostri veicoli questo ci consente già ad esempio di monitorare in tempo reale dalla nostra sede di padova lo stato di salute di mezzi che operano in altri paesi dove non vi è un servizio capillare di assistenza siamo in grado quindi di diagnosticare a distanza i problemi e di suggerire al nostro cliente le soluzioni stiamo anche ricercando delle alternative ai limiti imposti dalle batterie esistenti oggi sul mercato il litio è ancora molto costoso e questo ci spinge a verificare nuove alternative abbiamo recentemente testato con successo un nuovo brevetto tecnologico di derivazione militare che risponde alle necessità di costo-efficacia.» the story of alkè is altogether a recent one yet for this precise reason it surprises everybody it all begins in 1993 when the salvan family starts a business for the researching and prototyping of so-called utility vehicles work vehicles that up till then only existed with quite different characteristics and performance alkè is a story that begins with passion mechanics home-made repairs of engines disassembly and soldering of parts in 1997 the first product line is launched at aimed to the agricultural sector and greenery maintenance an instant success that will soon lead to the development of new lines of increasingly competitive work vehicles compact sized and environmentally friendly up till today now that alkè is present in 30 countries around the world with a strong position on zero environmental impact high-end products how have you succeeded in making your products a name so fast «we realized that the vehicles on the market had important limitations and we have aimed to develop our owns with a significantly better performance one example is the winning choice of adopting forklift technologies for our electric vehicles this has allowed for making vehicles with much more powerful and resistant components today the electrical count for about 80 of our revenues and the medium term goal is to produce exclusively zeroemission vehicles all this is easier said than done in fact our vehicles are out of the traditional dealer circuit in this moment there are no exclusive dealers of electric vehicles and so outside the commercial network of importers we aim very much at the internet to promote our products.» your success also lies in having demonstrated how these type of vehicles can carry out various functions in diverse terrains «if compared to the initial focus on the agricultural field we have become aware also through the requests of our customers that there was a potential and increasing demand for vehicles that were suited for multiple situations for example we have realized how in coastal areas and in holiday villages having silent and zero-emission vehicles like the electrical allows for carrying out tasks without disturbing the bathers or guests or to have offered four-wheel driven vehicles has proven to be successful in northern airports where they often have to work in harsh climatic conditions then again in london our environmentally friendly vehicles have been chosen for the logistics related to the functioning of the bike sharing project just as we have been contacted by the municipal sector to find solutions for the urban environmental services.» sand ice slopes how do you face these challenges in terms of design «the design is internally done by our technical division as internally we manage also prototyping production and after-sales thanks to 3d projection systems in our new xt series we have passed from the physical prototyping in the workshop to new modelling systems like those of the automotive industry this allows us to optimize the testing of the stress and resistance of the parts and accelerate the passage to the moulding phase these modern technologies allow for the simulation of the performance of the vehicle in the diverse using contexts this way we succeed in having our prototypes increasingly closer to what will be the actual production which is very important especially for vehicles that are like those of the new xt range characterized by forefront technical solutions and capable of offering performance of the highest level for an electric four-wheel drive vehicle.» what will alkè surprise us with in the future «for the future we are considering the possibility of putting into production means that also are suitable for passenger transport moreover we are developing other technologies linked to the remote control of the performance of our vehicles this will already allow for say the real-time monitoring of the well-functioning of our vehicles abroad directly from our headquarters in padua especially in those countries where we don t have a widespread servicing network we are thus able to remotely diagnose problems and suggest the solutions to our customer we are also seeking alternatives to the limitations that are imposed by the batteries that today are available on the market lithium is still very expensive and this encourages us to test new alternatives recently we have successfully tested a newly patented technology of military origin that meets the needs of cost-effectiveness.» 8

[close]

p. 9

sotto il nuovo veicolo alkè xt 4wd a zero emissioni below the new alkè xt 4wd zero emission vehicle 9

[close]

p. 10

10

[close]

p. 11

ritratti di alcune lavorazioni interne di alkè durante le quali ogni nuovo veicolo viene assemblato e controllato manualmente da personale competente pictures of some of alkè s internal production processes in which every vehicle is manually assembled and checked by skilled employees 11

[close]

p. 12

ciak roncato www.ciakroncato.com certo di strada ne hanno fatto le valigie da quando antonio roncato nell ormai lontano 1956 decise di dare corpo ad una intuizione mettendosi a produrle per conto proprio oltre cinquant anni di storia tre generazioni sempre pronte a guardare avanti e a non mollare un attimo le redini dell azienda dagli iniziali bauli in legno alle valigie in fibrone poi in alluminio o in tessuto materiali di volta in volta nuovi per prodotti che devono adeguarsi ad un mercato che non ne vuole mai sapere di restare fermo tanto meno quando si parla di tempo libero l offerta si fa più ricercata attraverso una gamma di soluzioni sempre più diversificata valigie che diventano trolley e si fanno più leggeri e ridotti nelle dimensioni per scivolare velocemente ai check in degli aeroporti sempre affollati le borse fanno spazio ai computer crescono gli accessori e i gusti si moltiplicano sportive colorate pratiche resistenti vintage e potremmo andare avanti per molto forniture agli enti pubblici alla grande distribuzione al singolo viaggiatore o alle aziende e così la storia va avanti mentre in europa sono poche le aziende che producono valigie a produrle continua un azienda nel paesino di campodarsego quella di quel tale antonio roncato che come tanti suoi coetanei aveva trovato il coraggio nel dopoguerra di lanciarsi senza paracadute per dare vita allo speciale boom economico targato nordest e se oggi mancano i produttori significa che mancano anche quelli che fanno i macchinari quegli stessi macchinari che come vecchi dischi usati hanno ripreso a cantare nelle fabbriche del lontano oriente così per continuare a fare valigie va a finire che tocca arrangiarsi anche su questo coinvolgendo le mani di esperti meccanici per inventarsi più che prodotti nuovi processi eppure di questi tempi viene da chiedersi come è possibile ancora inseguire il mercato senza farsi male lo chiediamo a federica roncato nipote di antonio ora responsabile del commerciale italia e impegnata a fare avanzare nel futuro assieme alle sorelle francesca e fabiana la lunga tradizione aziendale di famiglia «negli anni novanta producevamo quasi tutto in italia dalle valigie in propilene all abs e all alluminio mai i costi erano importanti e molte valigie restavano invendute per via dei prezzi inevitabilmente alti era più una perdita che altro così abbiamo iniziato a progettare e realizzare i campioni qui per poi produrli in cina il rammarico a distanza di anni è stato il vedere nelle fiere come quella di canton le copie delle nostre valigie esposte ad un prezzo molto inferiore » con la serie 101 evolution in alluminio realizzate una inversione di tendenza tornate a produrre una valigia 100 made in italy per consolidare i mercati esteri perché questa scelta e cosa ha comportato «abbiamo scelto questo materiale proprio perché è una linea nata nel 1980 ma che vediamo ancora nel catalogo del 2010 si tratta di una valigia che è andata benissimo non solo negli anni novanta in italia ma soprattutto all estero ci siamo detti perché non riproporla nel 2010 pur sapendo che ci sono delle difficoltà poiché l alluminio è comunque poco utilizzato per il viaggio in italia c è da considerare comunque che nemmeno in cina sanno produrre una valigia di questo tipo una scelta che punta a consolidare la tradizione riprendendo il motivo delle righe orizzontali che ancora rappresenta la nostra identità aziendale tanto che lo riproponiamo dappertutto la vera sfida per il futuro è quella di cercare di produrre una linea assolutamente simile alla 101 evolution in alluminio ma in policarbonato.» come nasce una valigia nuova quali sono gli ingredienti necessari alla progettazione «la scelta dei materiali dei colori nasce proprio dall esigenza di mercato giriamo per negozi di moda cerchiamo gli accessori li studiamo li trasformiamo e li adattiamo alle valigie stiamo studiando dei materiali più leggeri oggi se la valigia non è leggera non si vende siamo insomma sempre in fase di studio continuo di ricerca il nome è una garanzia ma occorre anche innovarsi sempre e al prezzo giusto.» they have come a long way those suitcases since antonio roncato in 1956 decided to give life to an intuition and started producing them over fifty years of history three generations always looking forward and never giving up the reins of the company not even for one moment first wooden trunks then fibre suitcases later in aluminium or in textile materials each time new for products that have to adjust to a market that never slows down least of all when talking about leisure time the offer refines through a range of increasingly diversified solutions suitcases become trolleys getting lighter and smaller in order to slide swiftly through the check-in counters of increasingly crowded airports bags make room for laptops accessories multiply and tastes change sportive coloured practical resistant vintage we could go on and on supplies to public institutions mass distributors single travellers or business corporations the story continues like this but in europe suitcase manufacturers are rare in the small village of campodarsego there is one factory that still produces them that of one antonio roncato who just like many of his postwar generation fellows had the guts for making this leap of faith embodying that special economic boom tagged north-east and if today manufacturers are rare it means that there is also a lack of those capable of producing the required equipment those same machines that like old used gramophone records have resumed playing in factories in the far east and so to continue to produce suitcases now means having to defend yourself also in this sense by means of the hands of experienced engineers for the development of new processes rather than products yet these days you must wonder how to continue staying ahead of the market trends without hurting yourself we ask this to federica roncato granddaughter of antonio today in charge of italian sales and committed to leading the longstanding family tradition into the future together with her sisters francesca and fabiana «in the nineties we produced almost everything in italy from propylene to abs and aluminium costs were never important and many suitcases remained unsold because of the inevitably high prices it was more of a loss if anything so we have started to design and manufacture the prototypes here and subsequently produce them in china years later our regret was to find on trade fairs such as cantons copies of our suitcases exhibited at a much lower price.» with the 101 evolution series in aluminium you trigger an inversion in the trend you return to producing a 100 made in italy suitcase to consolidate the foreign markets why this choice and what was involved «the material was really chosen because although the line was born in 1980 we still have it in our 2010 catalogue this suitcase went very well and not only in the nineties both in italy but especially abroad we said why not propose it again in 2010 even if we know that there will be difficulties because aluminium is not much used for traveling in italy but we must consider that not even in china they know how to produce a suitcase like this the choice is aimed at consolidating the tradition reverting to the pattern of the horizontal lines that still represents our corporate identity insomuch as we keep proposing it anywhere the true challenge for the future is to try to produce a line that is absolutely similar to the aluminium 101 evolution but made in polycarbonate.» how does a new suitcase come to life which are the ingredients for the design «the choice of the materials and colours is determined by the market trends we visit fashion boutiques we look for accessories we study them transform them and then we adapt them for the suitcases we are studying lighter materials today a suitcase that is not light weighted does not sell we are in short always in course of study of research our name is a guarantee but continuous innovation is also necessary and at the right price.» 12

[close]

p. 13

13

[close]

p. 14

14

[close]

p. 15

dal 1956 la famiglia roncato qui rappresentata dal titolare carlo e dalla figlia federica realizza articoli da viaggio adatti a soddisfare i gusti e le esigenze più diversificate attraverso una continua ricerca e sperimentazione di nuovi materiali e funzionalità nella pagina precedente il trolley flamengo starting from 1956 the roncato family here represented by owner carlo and his daughter federica has been producing travel accessories suited to the most diverse tastes and needs by means of continuous research end experimentation with new materials and functionalities in the previous page the flamenco trolley 15

[close]

Comments

no comments yet