OGM - Ortaggi Geneticamente Modificati

 

Embed or link this publication

Description

Stories

Popular Pages


p. 1

ortaggi geneticamente modificati racconto scritto da dario guadagnini per la quinta proposta di scrittura del forum www.inpuntadipenna.org incipit da 1984 george orwell 1

[close]

p. 2

ortaggi geneticamente modificati it was a bright cold day in april and the clocks were striking thirteen il tempo trascorre ma ritorna rimane stabile nelle cause conseguente negli effetti indipendentemente dalle nostre pretese sanzioni censorie iscritte e registrate a suo tempo nell index librorum ora un nuovo mondo si delinea un nuovo mondo coraggioso vago in questo suolo cercando significato alla speranza al dissenso resisto agli sguardi insofferenti fraudolenti di chi ti vuol veder piegato alle trame della necessità sfido il loro controllo con la sola forza di sostenerli iride contro iride assumendomi le mancanze versando tributo all orgoglio ferito consapevole del limite perché in quel luogo risiede la ragione sono una zucca perciò viaggio verso la natura a lei pagherò dazio per quel che ha richiesto e non ho saputo e potuto darle desidero fortissimamente voglio andarle incontro con cautela naturalmente dopotutto sto parlando di fenomeni riproduttivi quando sarà il momento confesserò colpevolezza ed innocenza ma non ora marco mio compagno di scuola alle elementari è sempre stato un po riservato un bel tipetto originale soprattutto particolare dentro soprannominato cetriolo a causa del lungo collo proteso in avanti munito di arti inferiori strambi convessi collegati a piedi che a noi sembravano interminabili alle nostre provocazioni reagiva con lieve sorriso la tipica e contenuta reazione di chi sorvola le sciocchezze liquidandole con tranquilla rassegnazione benevola si intravedeva in lui l uomo organizzato del futuro quel tipo di individuo che mette in giusta sequenza i quadratini noi a confronto eravamo dei ragazzini ruspanti che intuivano il proprio stato infantile istintivo elementi vitali e distruttivi allo stesso tempo dai quali prorompe energia unendoci usavamo tale primordiale potere nei confronti di cetriolo dentro quel mondo di congiure mal programmate e scherzetti proverbiali da ricordare solo dopo l alcool test marco superava con saltelloni piuttosto disinvolti gli sgambetti e grazie all accessorio periscopico evitava preventivamente i cazzotti ai nostri occhi seppur nella sua precoce risoluta sobrietà presentava degli aspetti eterei che non potevamo cogliere sembrava una specie di barone rampante con i piedoni ben piantati a terra più avanti nel tempo ci specializzammo scoprendo il lato intimo dell essere arrampicante il solco per entrare nella sua esclusività era tracciato non reagiva con stizza al fatto di essere penetrato tuttavia manifestava fisicamente il momento con percettibile dondolio del corpo le gambe vibranti ed elastiche sembravano due fusti fibrosi e davano l impressione di essere elementi portanti adatti a sostenere scosse di buona entità già avrebbe potuto permettersi una frequenza ondulatoria degna di un metronomo considerata la stabile piattaforma su cui poggiava allora ero una zucca bonacciona non mi andava di ricorrere a mezzi impropri preferivo il dialogo spontaneo alla provocazione non come oggi che sono diventato un rompipalle di prima categoria comunque oggi l ortaggio è cresciuto consolidato nelle proporzioni si è aggiunta la pancia abbastanza voluminosa rende ancora meglio l idea di cetriolo plantari e collo evidenziano senza equivoco l esistenza dell essere in qualità di specie il carattere dimostra quella stessa prudente riservatezza originata dai reconditi puntelli della responsabilità coltivata con dovizia dai propri giardinieri 2

[close]

p. 3

molto urbani non ci siamo mai persi completamente di vista tutto sommato il canale è rimasto aperto perché con lo scorrere del tempo abbiamo reciprocamente e silenziosamente accettato le nostre diversità attribuendo ad esse un qualche significato sarà per questo motivo che qualche confidenza mi viene concessa con il timbro postale bene in evidenza ritiene che mantenga sufficiente riservatezza alle sue donazioni non ha torto anche se qualche tentativo mancino rimane ancora inespresso dietro le pieghe del mio cosciente ora che siamo l uno di fronte all altro iride contro iride desidero fortissimamente voglio non perdere l occasione per discutere sul significato di quella giornata che agli intenditori di letterarie memorie rievoca la momentanea impressione di chaucer una visione per spettatori in attesa di episodi romantici ricorda anche gli spunti ed i desideri nostalgici rappresentati dal browning ed a voi cari figliuoli e dolci amichette può ricordare il desiderato riverbero sensuale di un volto sconosciuto incrociato per caso nella scalinata di una cittadina medievale ma non è così mi dispiace tanto ma non è proprio così fatalmente lo scherzetto d aprile arriva con uno schiaffo sul coppino arriva con george quel vento fresco profondo e soffocante che inclina il mento verso il petto nel tentativo di fuggirlo significa scappare dall irrequieto tormento inespresso che ci portiamo dietro anche il tuo che te la cavi tanto bene a questa mia presa di posizione marco risponde con il piglio del pescatore che tiene saldamente la canna tesa aspettando l emersione di un trota da 4 kili ho intenzione di farmi crescere i baffi ­ così hai deciso di farti crescere i baffi baffi d artista concreto fai lo spiritoso ma in fondo sei come winston smith ti fai crescere i baffi perché non hai più julie al tuo fianco ed i tuoi silenziosi piani ribelli sono svaniti ­ ii cetriolo mi osserva tranquillo e risponde ogni ortaggio ha i propri baffi piuttosto zucca geneticamente sostenibile di quali ulteriori presagi ti occupi attualmente non ho altre previsioni al momento mi sento come un groviglio arroventato da sfaldare e raffreddare bene hai una valanga di pensierini non detti mi rispondi per le rime ora sale il disagio e marco tergiversa senza dondolare mi risponde vado è l una eccolo il tiro mancino adesso vedo chiaramente il poster gigante dell uomo con i baffi dal volto duro ma non sgradevole con sotto la scritta a caratteri cubitàli the big brother is watching you voglio fortissimamente voglio sublimare l attimo svaporarlo come la nube grigia che si allontana in favore del cielo terso voglio confidarmi con ippolito dai vieni caro amico di viaggi notturni dimmi con decisione ciò che si toglie al pensiero non è vietato alla speranza fammi riscoprire carlino altoviti per indovinar cosa fosse quello spazio infinito d azzurro che pareva un pezzo di cielo caduto schiacciatosi in terra ma non è così cari amici di prima allora trasalgo dove vai ­ dalla flora ­ adesso faccio lo spiritoso cosa vai a fare il gentleman in osteria la risposta arriva tagliente come il ritmo osceno del cinismo tutto quello che era proibito diventa ora obbligatorio ­ altro tiro mancino ora vorrei scalare il monte cristallo trasformarmi in acqua tuffarmi in rivoli gagliardi sgorgare in flussi decisi immerso nel vortice dei mulinelli per confondermi verso roccie conclusive elemento negli elementi ma no no no devo rimanere collegato perché ora c è la crisi economica c è l ici l iva l irpef c è la grecia anche questa adesso c è la speculazione finanziaria ma che cos è la speculazione è forse il prisma di newton no quella deve essere la rifrazione è forse il prisma dei pink floid in the dark side of the moon forse si deve essere quella parte di luce non scomposta è quella monumentale imposta da pagare ben conosciuta ma che ci ostiniamo a smentire finchè non diventa obbligatoria tradotta in euro che volano 3

[close]

p. 4

verso la volta celeste è la tassa per le ochette che starnazzano sotto il ponte dei sospiri a venezia anche se il mio smarrimento è palese cerco di riprendermi ancora una volta con una battuta degna della migliore osteria d italia che sta per chiudere dopo i bagordi aciduli degli ultimi clienti bel colpo questa me la segno vai vai vai dalla flora quel bel vestitino rosso in flanella ti rende allegro con brio vedo marco allontanarsi con il suo passo sicuro ho la sensazione che la nostra conversazione non si ripeterà ,almeno in questi termini in fin dei conti potevamo intuire quello che ci siamo detti anche solo blaterando diversamente ed abilmente balbettando cinguettando indubbiamente roteando su noi stessi ma ora sappiamo esattamente come dobbiamo comportarci e mantenere il contegno dei nostri pensieri ci conosciamo da una vita in fondo potevamo mettere in conto anche questa sconveniente divagazione sotto il ponte dei sospiri sono nel quasi pieno delle mie facoltà genetiche rimanderò le considerazioni sui cuori di tenebra sui buchi neri del sole sono un ortaggio come quasi tutti gli altri ed ho il sacrosanto diritto anch io di abbeverarmi dalla flora futura aridità permettendo marco si sta allontanando troppo cetrioloooo aspetta vengo anch io finalmente una buona notizia c è la camicetta di flanella rossa ed i capelli sciolti color cipolla della flora che ci attendono con sornione sorriso sibillino prende il bottiglione e versa versa versa all osteria troviamo pel di carota anche lui alto e magro da bamboccio ma rigido come un palo d acciaio inox pelo color di zolfo con la faccia spiritosa da pippo lentigginoso anche lui ruspante figlio delle prealpi a 20 anni è partito zaino in spalla girovagando mezz europa cosa voleva fare il giovane holden poi dopo qualche anno è tornato nella sua terra in quel suolo penetrante negli intrecci ricavati dai boschi fitti di misteri arborei preparatori di fatiche ma anche di armonie dispensate da suoni rassicuranti e dal colore verde espresso in molte tonalità forse queste cose hanno riempito lo zaino ora grazie a questi precedenti pippo carotone impaglia seggiole ed intaglia il legno artigiano riconosciuto tassato con la nuova imposta sulle ochette questa volta penso attraverso monologo interiore che non sia l eredità del lato oscuro della luna ci troviamo davanti a questo lungo bancone di fòrmica con sotto la vetrinetta per le pastine alla mia sinistra pippo dritto come un punto esclamativo aperto verbalmente a qualsiasi discussione ma risolutivo nelle decisioni alla mia destra cetriolo che sembra una parentesi tonda chiusa ovviamente pronto a percepire il ritmo fluente del linguaggio i nostri sguardi si incrociano veloci e dissipano nell ambiente una somma di scariche elettriche ,un fulmine che precipita al suolo intanto flora corre di qua e di là lungo il bancone sembra una papera a bersaglio mentre noi spariamo con fucili da luna-park alla sagra del paese lei continua nelle sue occupazioni e poi travasa travasa travasa il vino è l iperbole del tempo che scorre ma ritorna l una è passata aspetterò l imbrunire e poi confesserò i will confess but not yet i must hold out till the pain becomes unbearable non ora anche se dovessi essere l ultimo uomo in europa three more kicks two more kicks and then i will tell them what they want faccio una dedica a pippo detto pel di carota a cetriolo un po meno e la flora lei riscuote ricuote riscuote 4

[close]

p. 5

citazioni da 1984 di george orwell il testo originariamente fu intitolato the last man in europe aldous axley nuovo mondo coraggioso da confessione di un italiano di i nievo j.d salinger il giovane holden 5

[close]

Comments

no comments yet