Premio poesia e fotografia 30 maggio 2016

 

Embed or link this publication

Description

Premio poesia Il sogno e fotografia Le rughe della scuola

Popular Pages


p. 1

PREMIO POESIA “IL SOGNO” Aula Magna Liceo Classico Niccolini Palli 30 maggio 2016

[close]

p. 2

1° CLASSIFICATO VALERIA PITARI con la poesia “Oro” Sms Michelangelo Classe 3B 2° CLASSIFICATO ALEX CARNIERI con la poesia “Il sogno” Sms Michelangelo Classe 2C 3° CLASSIFICATO ALESSIO MASCAGNI con la poesia “Pensando a te” Sms Michelangelo Classe 3C

[close]

p. 3

4° CLASSIFICATO IRENE GALLO con la poesia “Vivi il tuo sogno” SMS Borsi Classe 3C 5° CLASSIFICATO LORENZO FIORDI con la poesia “Il sogno” SMS Michelangelo Classe 2C Menzione speciale a AURORA SAGGIO SMS Michelangelo

[close]

p. 4



[close]

p. 5



[close]

p. 6



[close]

p. 7



[close]

p. 8



[close]

p. 9



[close]

p. 10



[close]

p. 11

PREMIO DI FOTOGRAFIA “Le rughe della scuola” Aula Magna Liceo Classico Niccolini Palli 30 maggio 2016

[close]

p. 12

concorso riservato agli studenti dell’ISIS Niccolini Palli

[close]

p. 13

FOTO N° 01 PRIMA CLASSIFICATA GIUDIZIO: OTTIMA Titolo: Letture senza tempo Autrice: Giorgia Pastorelli (classe IV A Liceo Classico) Motivazione: Anche per mezzo della diversa modalità di lettura dei due soggetti di differente età questa foto, scattata nella sede di Via E. Rossi, rende adeguatamente l’idea del trascorrere del tempo e della evoluzione strumentale nella scuola

[close]

p. 14

FOTO N° 11 SECONDA CLASSIFICATA GIUDIZIO: OTTIMA Titolo: Porta sfaccettata Autrice: Margherita Papini (Classe IV B Liceo Classico) Motivazione: La foto, scattata al primo piano della sede di Via E. Rossi, concilia una buona tecnica (piacevole l’uso del bianco/nero) con l’ottima selezione del particolare, che già di per sé attesta della “ruga” in cui versa strutturalmente la scuola

[close]

p. 15

FOTO N° 10 TERZA CLASSIFICATA GIUDIZIO: OTTIMA Titolo: Palazzo di Cnosso Autrice: Deborah Battini Tassara (classe II B Liceo Scienze Umane) Motivazione: Nel contrasto fra la penombra dell’atrio (sede di Via Goldoni) e la luce che si intravede oltre il portone di ingresso si configura la dialettica fra le “rughe” dell’edificio, nella parte dove vi si accede, e la luce che proviene dall’esterno e sarà percepibile nelle sovrastanti aule dove si fa insegnamento

[close]

Comments

no comments yet