Giornale Pezzullo giugno 2011

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

anno 2011 numero 2 quale idea di scuola per la formazione della persona editoriale di carla savaglio sommario marco ragazzo esemplare il pezzullo alla caritas progetto comenius progetto marte difesa personale fiera in mensa energia nucleare google e la black list milano rossonera 2 3 4 5 6 7 8 9 10 il pezzullo e la solidarietà 11 relax e sogni danza lenta 14 16 i nostri contatti utsmag@gmail.com www.itcpezzullo.it riflettere sulle problematiche educative comporta necessariamente riferirsi allo scenario all interno del quale l istituzione scolastica oggi si trova calata il contesto complessivo è quello infatti di una società in trasformazione che interessata negli ultimi decenni da significative trasformazioni ha assunto sempre più le caratteristiche di una società complessa fortemente articolata essa infatti da un lato si connota come ricca di risorse e opportunità dall altro si presenta contraddittoria e ambivalente soprattutto per i molteplici cambiamenti e discontinuità È evidente del resto la repentinità con cui si verifica ogni processo evolutivo sia esso tecnologico o scientifico economico politico o culturale anche i saperi grazie allo sviluppo delle tecnologie e alla globalizzazione del mercato dei servizi e della cultura si arricchiscono si ridefiniscono si ampliano con ritmi alquanto intensi tanto che all uomo del nostro tempo si impone la necessità di interpretare quotidianamente un enorme flusso di informazioni e di aggiornare costantemente il proprio patrimonio conoscitivo la plurietnia e la multiculturalità poi costituiscono un ulteriore spinta all apertura e al pluralismo culturale in quanto i numerosi stranieri presenti nel mondo occidentale sono portatori di nuovi elementi che vanno ad innestarsi sulle culture cosiddette dominanti per far fronte agli sviluppi della società dell informazione e della conoscenza e ai connessi problemi sociali particolarmente urgenti come l aumento della disoccupazione i paesi dell unione europea a partire dagli anni novanta del secolo appena trascorso mediante programmi d azione comunitaria hanno investito sulla formazione e sull istruzione ambiti privilegiati per formare il cittadino del xxi secolo investire sul capitale umano creare le condizioni per l apprendimento che duri tutta la vita combattere il fenomeno della dispersione scolastica nelle sue varie forme ridurre la disoccupazione e l esclusione sociale migliorare le condizioni di vita del cittadino europeo costituiscono gli obiettivi prioritari dei sistemi educativi degli stati comunitari emersi tra l altro dal consiglio di lisbona 2000 alla scuola in tale scenario vengono assegnate pertanto nuove responsabilità e nuove finalità ciò che appare necessaria è un offerta formativa di qualità che partendo dalla centralità dell allievo garantisca la formazione di persone che possano affrontare in maniera positiva e costruttiva l incertezza e la mutevolezza degli orizzonti sociali al fine di sviluppare un identità consapevole e aperta si tratta di garantire l esercizio dei diritti costituzionalmente sanciti quali il diritto all apprendimento e il diritto di cittadinanza degli alunni la sfida più rilevante resta in tal senso quella di coniugare gli obiettivi di respiro europeo e nazionale con le esigenze specifiche espresse dal territorio perseguire obiettivi in termini di formazione comporta la consapevolezza che si tratta di dare vita ad una processualità che fa configurare i risultati volta per volta conseguiti non come punti di arrivo ma come momenti che contrassegnano un percorso in permanente fase di evoluzione È questo l impegno assunto dall itc e liceo scientifico tecnologico pezzullo che attraverso una progettualità diffusa e articolata anche nel corso di quest anno scolastico ha voluto adottare un modello di scuola centrato sulla persona e sui suoi bisogni di crescita sui suoi problemi e sulle sue scelte proteso all innovazione continua e alla ricerca di progetti espliciti ed intenzionali cercando di rispondere alle esigenze di tutti nell ambito apprenditivocognitivo e nel più ampio processo formativo certamente si tratta di un compito assai arduo che continueremo a perseguire nella consapevolezza che per realizzare la formazione di cittadini attivi in una società mutevole plurale e discontinua occorre operare sulla base di un confronto aperto e democratico in un processo di sempre maggiore responsabilizzazione condiviso da tutti gli operatori della scuola attraverso relazioni collaborative e non conflittuali contribuendo a proporre un educazione tesa a favorire scelte autonome e feconde quale risultato del progetto di vita di ciascuno alunno sostanziato dai valori che orientano la società in cui egli vive in questa prospettiva si ringraziano tutti i docenti il personale non docente e gli alunni che con il loro impegno la loro partecipazione e condivisione hanno contribuito a rendere la scuola una comunità di apprendimento e di buone pratiche.

[close]

p. 2

pagina 2 marco ragazzo esemplare di carla savaglio la tragica morte di marco ci lascia sconvolti e attoniti e ci interroga sulla complessità del vissuto del mondo giovanile a cui la scuola è chiamata ogni giorno a individuare segnali di disagio a volte latenti e a dare risposte risolutive per quanto di competenza È quello che il corpo docente del pezzullo si adopera a compiere nella prassi quotidiana della sua opera di educatore e formatore tezza tenerli nel suo intimo l occhio vigile dei docenti ha visto in marco un ragazzo sempre coinvolto nelle diverse attività curricolari propositivo e ben inserito nel contesto della classe encomiabile poi il rispetto che mostrava per le regole del vivere insieme marco giovane alunno del nostro istituto con un tale profilo umano e scolastico come si poteva pensare che avesse premeditato di chiudere in modo così tragico la sua giovane vita proprio nel momento in cui doveva aprirsi al mondo che gli stava davanti e che con la sua bella intelligenza non poteva non promettergli un inserimento da protagonista come si può in una situazione tale in cui tutti siamo chiamati come cittadini e come istituzione a riflettere su un gesto estremo e partecipare al dolore dei familiari degli amici e di quanti gli sono stati vicini in questo breve percorso di vita lasciarsi andare in fredde illazioni sulla causa del gesto imputandolo anche se con un forse dubitativo all azione formativa della scuola compito dei mezzi di comunicazione è riportare le notizie con quel sano distacco che non esclude la partecipazione emotiva che questi casi implicano e non quella di erigersi a giudici sentenziando verdetti su basi infondate il dirigente scolastico dell itc e liceo scientifico tecnologico pezzullo di cosenza ma marco non ha mai manifestato disagi e se questi ci fossero stati ha saputo con estrema riserva-

[close]

p. 3

pagina 3 ciò che ci rimane dei ragazzi di cittadinanza attiva ­ democrazia partecipazione nel periodo febbraio/aprile di quest anno abbiamo avuto la possibilità di partecipare al progetto por una scuola per la democrazia con i proff.romano e gallo e con la collaborazione della prof.ssa brunetti siamo stati formati alla cittadinanza attiva dopo aver frequentato il corso durante il quale abbiamo imparato il significato di solidarietà e tolleranza siamo stati messi alla prova per mettere in pratica i valori che ci sono stati insegnati nei giorni 5-6-7 maggio siamo stati ospiti del centro caritas di colle oppio ­ roma a contatto diretto con le persone che frequentano la mensa siamo stati divisi in gruppi con mansioni differenti alcuni accoglievano i bisognosi all entrata verificando se possedessero il tesserino e i nominativi venivano registrati nel database del computer in modo tale da avere a fine giornata il quadro preciso di chi avesse usufruito de servizio altri servivano i pasti aiutavano tra i tavoli lavavano le stoviglie a fine servizio ciascuno di noi provvedeva alla pulizia dei locali naturalmente non eravamo da soli normalmente ci sono le persone fisse che settimanalmente si alternano poi altri ragazzi frequentanti le scuole della zona gruppi cattolici scout e acr noi abbiamo avuto la possibilità di lavorare con un gruppo di ragazzi americani e ciò ci ha dato la possibilità di mettere in pratica anche la nostra conoscenza dell inglese sicuramente questa esperienza ci ha arricchito le realtà di coloro che utilizzano il servizio sono le più molteplici e forse non sempre si riesce a capire in un contatto così breve quelle che sono le reali difficoltà giornaliere di ciascuno rimane comunque un momento importante abbiamo compreso che l emarginazione non è un problema di soldi è sostanzialmente un problema di solitudine si sono chiuse le porte del lavoro si è entrati in contrasto con la propria famiglia o forse piccoli e bisognosi di cure ed affetto siamo stati abbandonati una malattia che d improvviso ci cambia le cose alcool o stupefacenti una breve reclusione per non parlare degli ospiti di oltremare a cui si devono aggiungere come minimo la difficoltà della lingua la lontananza dalle proprie radici culturali dai sentimenti più cari insomma abbiamo avuto l opportunità non solo di aiutare il prossimo ma anche di crescere moralmente e capire la fortuna che abbiamo di fronte a chi sta peggio di noi a proposito tutto si è svolto con grande allegria i ragazzi alla caritas

[close]

p. 4

pagina 4 le istituzioni a sostegno del progetto comenius di deborah molinaro grande interesse ha suscitato negli enti locali la tematica watermanagement del progetto comenius che il nostro istituto e il dirigente scolastico carla savaglio sta realizzando con gli altri partner stranieri olandesi austriaci e inglesi in particolare il comune di cosenza ha stipulato un protocollo di intesa per mettere a disposizione della scuola gli esperti del settore che contribuiranno ad una migliore conoscenza da parte degli alunni coinvolti del territorio e della gestione dell acqua che viene utilizzata questa collaborazione è iniziata il 7 aprile con l incontro che gli alunni hanno avuto con il vice sindaco del comune di cosenza on franco ambrogio che ha illustrato in maniera dettagliata tutta la problematica relativa alla gestione dell acqua nel nostro territorio ripercorrendone le fasi storiche prevedendo le domande dei ragazzi l onorevole ambrogio ha parlato della questione acqua pubblica o privata e del dibattito che questa ha scatenato in parlamento in vista del prossimo referendum al quale tutti saremo chiamati a partecipare per l importanza che riveste l acqua come bene indispensabile per la vita e che come tale deve essere garantito a tutti on franco ambrogio e il dirigente scolastico alunni partecipanti fino a qualche decennio fa l acqua era considerata un bene inesauribile un diritto che come l aria non aveva alcun valore economico con il passare degli anni e soprattutto negli ultimi tempi si è capito che prima o poi questo bene prezioso rischia di esaurirsi a causa dell effetto serra che ha innalzato la temperatura del globo provocando lo scioglimento dei ghiacciai che rappresentano le più grandi riserve d acqua dolce della terra già nel 1994 a livello nazionale gli organi politici competenti si sono interessati a questa problematica avvertendo l esigenza di riorganizzare il settore idrico italiano emanando la legge galli che prevede l affidamento della gestione delle acque da parte delle regioni ad aziende specializzate in calabria la distribuzione dell acqua e la manutenzione della rete idrica dalla sorgente all acquedotto è stata affidata al gruppo so ri cal società risorse idriche calabresi che come previsto dalla legge gestisce le nostre risorse idriche la conferenza è stata molto interessante e il percorso formativo iniziato con l ente comunale proseguirà con la visita che gli alunni guidati da esperti effettueranno ripercorrendo tutto il tragitto che le acque seguono dalla sorgente fino all acquedotto e si concluderà in occasione del meeting del maggio 2012 con l incontro presso il comune di cosenza delle autorità locali con tutti i partner stranieri la conferenza

[close]

p. 5

pagina 5 tutti in coro un festival di carta marte non solo dio della guerra ma anche musica arte teatro di deborah molinaro il dirigente dell istituto i.t.c e liceo scientifico pezzullo di cosenza dott.ssa carla savaglio è stata promotrice insieme all ufficio scolastico regionale per la calabria di un progetto per le aree a rischio dal titolo marte ­ musica arte teatro coordinato divina lappano che ha come obiettivo primario quello di coinvolgere e promuovere nei ragazzi l interesse per una serie di attività laboratoriali che li avvicinino a forme di comunicazione e di linguaggi verbali e non verbali .si è pensato che una rappresentazione teatrale fosse la miglior forma espressiva per coinvolgere il pubblico giovane questo progetto ha come scopo il prevenire il disagio che si avverte nel contesto scolastico dovuto alla mancanza di motivazioni e alla scarsa autostima che spesso determina negli allievi l allontanamento dalle attività curriculari l assenteismo e lo scarso profitto ciò potrebbe servire a ridurre la dispersione scolastica uno dei problemi più gravi che affligge la popolazione giovanile ed inoltre consente agli allievi anche quelli diversamente abili in orario pomeridiano a rimanere nella scuola non più intesa come luogo da rifuggire e in cui annoiarsi ma vista e vissuta come luogo che accoglie pur con sue regole necessarie a preparare alla vita nel pieno rispetto di sé degli altri e delle istituzioni occorre che la scuola li stimoli alla creatività e susciti il loro interesse verso il territorio e l ambiente circostante aiutandoli a leggerne i messaggi e coglierne i problemi questo è un obiettivo che può essere collegato alla tematica di cittadinanza e costituzione promossa dalle istituzioni come mezzo per lo sviluppo e la maturazione completa dell allievo sono proprio i laboratori artistico-musicali-teatrali che possono stimolare la creatività e l interesse motivando gli allievi al superamento delle diffidenze e l appiattimento culturale il maestro spiega l esercizio i ragazzi all opera tali attività possono far emergere potenzialità nascoste e soprattutto migliorare il rapporto con il gruppo di lavoro sono previste inoltre attività di sensibilizzazione e informazione rivolte ai genitori degli alunni per affrontare le problematiche inerenti al disagio dei giovani le attività svolte all interno del progetto riguardano elementi di dizione impostazione della voce,movimento corporeo in uno spazio teatrale costruzione di un personaggio della scena dei costumi e delle luci per la realizzazione di questo progetto è stato coinvolto il dott carlo fanelli docente di discipline dello spettacolo in drammaturgia del corso di laurea in comunicazione e dams presso l università degli studi della calabria per quanto riguarda la riscrittura di un testo teatrale nella fattispecie antigone di sofocle mettendo soprattutto in evidenza il tema del tiranno e la differenza tra la legge naturale e la legge positiva dante de rose attore di prosa per quel che riguarda la messa in scena e la dott.ssa gatto esperta nel formare i docenti e i genitori sulle metodologie adeguate per affrontare le situazioni a rischio il suddetto progetto è diviso in moduli che riguardano il linguaggio musicale teatrale corporeo e scrittura creativa si è scelto il teatro perché si configura come prezioso strumento formativo multidisciplinare e interdisciplinare insostituibile come strumento di attivazione emotiva dinamico relazionale culturale e interculturale del discente in questa ottica il teatro diventa strumento pedagogico ­ trasversale a tutti i linguaggi e alle discipline curriculari e concorre alla maturazione globale dell allievo che è il fine ultimo di ogni corso di studi e di ogni attività didattica.

[close]

p. 6

pagina 6 virus la riscossa il pezzullo ealla difesa personale di arianna grano l autostima è alla base dell equilibrio psicologico dell essere umano e incide sui rapporti a livello sociale e individuale l aggressione fisica è da sempre un metodo di controllo e sottomissione in tutte le società infatti la donna ha interiorizzato la teoria della propria debolezza dipendenza e sacrificio personale oggi mentre crediamo di esserci liberate da questi meccanismi di oppressione nella pratica abbiamo ancora paura È invece importante che le donne utilizzino l aggressione come base di reazione per opporsi e proteggersi dal pericolo reale dello stupro siamo pronte a difendere con tutte le nostre forze tutto quello che per noi conta veramente tutto quello in cui mettiamo il nostro amore e le nostre energie invece quando si tratta dei nostri corpi siamo abituate a dissociarci da loro come qualcosa che non ci appartiene dimostrazione sopra e sotto per questo il nostro corpo è il primo passo da iniziare per il recupero dell autostima l autostima è il riconoscimento dei nostri diritti di persone libere e autodeterminate uno di questi diritti è quello di proteggere l integrità fisica e psicologica della persona in base a questo noi affermiamo l inviolabilità del corpo femminile a ogni intervento esterno che sia privo del nostro consenso tanto più forte è la nostra autostima tanto più difficile è rimanere imprigionate nel ruolo di vittime che è il ruolo che dà potere all aggressore la difesa personale è prima di tutto un atteggiamento mentale un attitudine credere di essere deboli e vivere secondo questa convinzione rende oggettivamente deboli se viceversa la donna ricerca aree per sviluppare la sua potenzialità le trova tanto più consapevoli saremo della nostra forza tanto più potremo abbattere gli ostacoli imposti dalla società le ragazze a roma

[close]

p. 7

pagina 7 fiera in mensa di arianna grano accoglienza durante i quali i migranti possono trovare pasti caldi e assistenza cosenza vuole essere il villaggio della solidarietà sulle orme del suo santo francesco il cui motto charitas scolpito sui portali delle chiese echeggia ancora nella piazza della città l accoglienza dei migranti che durante i 4 giorni di fiera vivono in condizioni disagiate è il tentativo di attuare questo messaggio charitas come amore scambievole gratuito e soprattutto come incontro con l altro con questa esperienza si è capito quando sia difficile la vita per queste persone che cercano solo un po d amore logo del progetto dal 15 al 20 marzo torna fiera in mensa un appuntamento sempre nuovo ma tradizionale per la nostra associazione che ormai da 10 anni sceglie di promuovere nella città di cosenza una vera e propria festa dell accoglienza l esperienza di fiera in mensa è stata fatta da tanti giovani giovanissimi e adulti di ac un occasione di servizio e solidarietà concreta ma soprattutto un segno che rappresenta l impegno di una città e una chiesa accogliente questo è il segno che l ac insieme a tante altre associazioni ecclesiali e non offre alla città di cosenza per promuovere la cultura dell incontro del dialogo e della convivialità delle differenze essa è stato seme fecondo per le nostre comunità la nostra chiesa e la città di cosenza un segno che ha fatto crescere tanto ciascuno di noi l iniziativa di fiera in mensa si svolge in contemporanea alla fiera di san giuseppe strutturata in 5 giorni di foto dell evento omofobia quando la politica discrimina di emanuel mauro rispetta le regole che anche gli animali rispettano dicosenza in data 18/04/2011 nei pressi del cinema chiarazioni pesanti forse troppo tradizionalistiche nei modernissimo si è svolto un sit-in di protesta contro le confronti di una società che ha la necessità di evolversi dichiarazioni offensive nei confronti delle minoranze e che mantengono una distanza enorme fra l attuale stato delle donne fatte da assunta almirante donna assundel paese e la sua realtà quale l omosessualità il ruolo ta la vedova di giorgio almirante ha affermato che la della donna sempre più equiparato a quello dell uomo e società odierna è priva di valori quei valori infine ma non meno importante il ruolo che sono mantenuti vivi dalla chiestop all omofobia di una chiesa che si addentra sempre di sa in primo luogo la vedova dichiapiù nella politica che non dovrebbe esra che la società e la famiglia sono sere suo interesse cosa possiamo dire rovinate dal pensiero odierno e di queste affermazioni tra l altro non che le donne hanno perso di vista il smentite che la tradizione spesso loro posto il loro scopo la famiglia rischia di fossilizzare il paese in un punto e la casa lei infatti critica la dondi stasi dove non si trova il meglio di na in genere dicendo che è per nessuna caratteristica il sit-in di protecolpa del troppo libertinaggio e di sta comunque si è svolto regolarmente una maggiore uniformità con la dalle ore 17:30 a seguire con cartelloni controparte che la famiglia va in e fischi cercando di ottenere dichiaraziorovina afferma che le donne sono ni o spiegazioni riguardo parole tanto biologicamente differenti dagli uopesanti parole che discriminano parte mini e su questo basa la sua teoridella società parte del nostro stesso a che vede la donna discriminata mondo se è vero che quest evoluzione è nei confronti degli uomini ma la sig.ra almiranti non si sbagliata dovremmo chiederci se rimanere stazionari ferma qui infatti considera in maniera critica l umanità nel periodo buio della nostra era sarebbe stato meglio di alcuni preti nei confronti delle persone ritenendo che bisogna mantenere una certa autorità e distacco condanna inoltre la decisione della chiesa di utilizzare come testimonial nichi vendola che,secondo lei non

[close]

p. 8

pagina 8 centrale nucleare in calabria no di maila turano tutti siamo consapevoli che la calabria rileva un gap infrastrutturale molto elevato rispetto al resto d italia l obiettivo della popolazione calabrese e degli stessi governatori è quello di promuovere un adeguato sviluppo la sfiducia dominante nella costruzione della centrale nucleare come mezzo di sviluppo economico e sociale calabrese viene dettata dalla consapevolezza che la nostra regione ha bisogno di altri mezzi ed incentivi utilizzando al meglio le risorse naturali anche nel campo dell energia è necessario investire nelle energie rinnovabili visto le caratteristiche naturali della regione e considerando che questa è una terra baciata dal sole sarebbe più giusto effettuare investimenti nelle energie rinnovabili si considerano tali quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono esauribili nella scala dei tempi umani e per estensione il cui utilizzo non pregiudica le risorse naturali per le generazioni future sono dunque generalmente considerate fonti di energia rinnovabile il sole il vento il mare il calore della terra ovvero quelle fonti il cui utilizzo attuale non ne pregiudica la disponibilità nel futuro considerando tutto questo possiamo tranquillamente affermare che la terra calabrese può sfruttare al massimo le sue doti naturali da non dimenticare che la calabria è stata dichiarata denuclearizzata cioè è contraria all energia nucleare ed in particolare non accetta di interrare nel suo territorio scorie radioattive molti sono i problemi che oggi affliggono questa regione e aggiungerne altri sarebbe veramente disastroso purtroppo la nostra regione ha avuto decenni di malgoverno e problemi come l inquinamento dei mari il degrado delle aree urbane e la mancata valorizzazione dei beni culturali sono andati avanti non si può trascurare che una centrale nucleare sarebbe molto costosa anche se in seguito la sua energia potrebbe apportare molti vantaggi di natura solo economica ricordiamoci di chernobyl la centrale nucleare esplosa nel 1986 che ha allarmato non solo l ucraina la quale ha ancora grandi problemi ma anche l europa orientale e le zone circostanti in germania la gente protesta per ottenere la chiusura delle centrali nucleari e noi invece progettiamo di costruirle sapendo benissimo i danni che potrebbero arrecare a questa terra ancora denuclearizzata tutti sappiamo le conseguenze disastrose delle radiazioni è stato statisticamente affermato che la nascita delle bambine femmine nelle zone vicine a centrali nucleari è molto bassa e su 5 nascituri solo una è femmina ed è per questo che noi calabresi dobbiamo lottare per la nostra salute per il nostro territorio per il nostro futuro referendum indipendenza energetica si o no di emanuel mauro il 12/13 giugno ci troveremo di fronte ad una scelta molto importante e impegnativa nucleare si o nucleare no questa scelta verrà riproposta così come nell 87 a tutti gli italiani attraverso un referendum sarà arduo scegliere per via di paure e panico infatti ad alcuni allarmisti il nucleare potrebbe sembrare pericoloso e gli avvenimenti di fukushima sembrano averne concretizzato tali paure atomo molti si domandano se l italia sarà a rischio oppure se da questo ne potrà trarre reali vantaggi dal punto di vista economico una centrale nucleare sul nostro suolo potrebbe ridurre drasticamente il ruolo delle altre potenze europee sulla nostra indipendenza energetica oggi infatti noi acquistiamo più dei 2/3 dell energia da altre nazioni e questa quantità di energia è acquistata anche dalla francia dalla svizzera e dalla russia ma analizziamo meglio la provenienza di questa energia una piccola parte viene acquistata dalla francia e un altra parte invece dalla russia che a noi vendono l esubero quell energia invece che noi acquistiamo dalla svizzera ­che sostiene in casa tutta la produzione propria è energia riciclata comprata dalla francia e rivenduta con un prezzo maggiorato all italia.dal punto di vista invece ambientale l energia nucleare con i dovuti accorgimenti risulta pulita e ammortizzabile ecologicamente con le dovute procedure creando scarti non tossici e/o radioattivi ovviamente c è una ricaduta emotiva che scoraggia la gente i disagi avvenuti in giappone ovvero di una centrale nucleare che sta per collassare creando gravi rischi per la salute dei cittadini avvenimenti accaduti dopo un terremoto e un inondazione che hanno portato moltissimi altri danni altro rammarico degli italiani è la paura di rimanere tecnologicamente arretrati paura non reale perché il nuovo progetto si baserà su tecnologie odierne molto più sicure di quelle utilizzate durante la costruzione di centrali nucleari come la famosissima chernobyl e la struttura di fukushima ­ costruita su un progetto americano vecchio di 10 anni ovviamente un minimo di rischi sarà sempre presente così come nelle centrali elettriche o di altra specie presenti sul territorio ma ovviamente darà un enorme contributo al sostentamento energetico del paese inoltre siamo circondati da centrali nucleari le più vicine sono in francia un avaria in una qualsiasi di queste centrali porterà danni anche a noi sicuramente una delle scelte migliori per l italia sarebbe quella di accettare il nucleare proprio per permettere alla nostra nazione di avere finalmente la propria indipendenza energetica.

[close]

p. 9

pagina 9 arriva la black list di google di samuel ferriolo recentemente l inventore del motore di ricerca googoogle ha introdotto in lingua inglese una nuova funzionalità che presto sarà disponibile in tutte le lingue chiamata blacklist questa funzionalità permette di isolare tutti i siti indesiderati per bloccare tale ricerca è stato introdotto un pulsante con scritto bloccare tutti i risultati questa nuova funzione che poi tanto nuova non è perchè era già stata introdotta in lingua inglese ora disponibile solo per google search sarà presto inserita anche in altre lingue e in tutti i motori di ricerca come google chrome internet explorer 8 e in mozilla firefox visto il grande successo ottenuto i siti si possono gestire ed eventualmente riabilitare rimuovendoli dalla propria personale lista nera i siti non sono ovviamente bannati per sempre google dice quanti siti sono stati bloccati per quella data ricerca e con un clic su show blocked results si può scoprire quali sono se invece si preme il link manage blocked results logo di google la lista nera non ti fare fatti la tua vita di deborah molinaro È questo il nuovo slogan della campagna contro la colonna sonora dell iniziativa è la canzone di nek e droga promossa dal governo e dal dipartimento per le da qui dove sono sottolineate le parole perchè la politiche antidroga in questo spot la droga è paravita è la cosa più bella che ho questa frase ha un gonata ad una ragazza che all inizio sembra amica significato molto forte come anche il progetto che ha ma poi si rivela un mostro pronto ad uccidere questo il supporto della rete internet e dei più famosi social spot la descrive per come è in realtà lo scopo di quenetwork tutti considerano questo slogan convincente sto progetto è quello di rovesciare l immagine della ed efficace e anche noi speriamo che si rivelerà tale droga che da molti giovani è vista come una via di perché la semplicità di un bacio il calore di un abbracfuga dai problemi o semplicemente una forma di cio non sono sostituibili dalla polvere bianca piacere e divertimento scena tratta dal video

[close]

p. 10

pagina 10 milan campione d italia milano tinta di rossonero di alessandro giordano dopo 7 anni di astinenza il milan torna campione d italia e conquista il 18° scudetto della sua storia i ragazzi dell allenatore toscano massimiliano allegri artefice di questa meravigliosa impresa al suo primo anno alla guida del milan hanno disputato un campionato pressoché impeccabile ,dimostrando una continuità non indifferente infatti da 30 giornate i rossoneri non si sono schiodati dalla prima posizione i neo-campioni d italia mettono fine a 4 anni di dittatura degli odiati interisti 5 se si considera lo scudetto assegnato loro a tavolino raggiungendoli anche come numero di scudetti È stato un campionato voluto soprattutto dal presidente silvio berlusconi dall amministratore delegato adriano galliani e dai tifosi che non aspettavano altro che riassaporare quella voglia di scudetto che da un po di anni era finita nel dimenticatoio la svolta si è verificata nel calcio-mercato dell estate 2010 quando nell ultima settimana di agosto il milan ha messo a segno due colpi decisivi lo svedese zlatan ibrahimovic ex inter e juventus e il brasiliano robinho oltre all acquisto di kevin prince boateng questi giocatori hanno fatto riaccendere la speranza nei tifosi rossoneri che finalmente hanno potuto competere con i cugini dell inter all inizio del campionato però i ragazzi di max allegri hanno fatto fatica a carburare infatti dopo la prima vittoria schiacciante con il lecce alla seconda giornata hanno subito la pesante sconfitta con il sorprendente cesena a questa sconfitta sono succeduti due o tre pareggi che hanno fatto nascere qualche dubbio sulla scelta dell allenatore ritenuto inesperto per gestire una squadra prestigiosa come il milan adriano galliani ribadisce che il tecnico livornese non si muoverà da milano e infatti la squadra prende fiducia e inizia a macinare gioco si vedono i primi risultati come la vittoria di napoli e soprattutto la vittoria con l inter che alza il morale e la voglia di continuare su questa strada nel mercato di gennaio viene ceduto ronaldinho non rientrante nei piani di allegri e arriva antonio cassano in rotta col presidente la festa della sampdoria vengono acquistati anche gli olandesi emanuelsson e van bommel quest ultimo risulterà decisivo per le vittorie successive il momento più difficile della squadra si è avuto quando il milan perde con il palermo e l inter vince col lecce portandosi a soli due punti dai rossoneri e la giornata seguente c è lo scontro diretto con i cugini questo è il punto di svolta del campionato o si vince oppure si consegna ancora una volta lo scudetto all inter ma il milan non delude infatti i rossoneri vincono con un sonoro 3 a 0 mettendo fuori gioco l inter da gennaio allenata da leonardo da 13 anni pilastro del milan di cui lo scorso anno era stato anche allenatore quindi una vittoria doppia anche nei confronti del traditore dopo questo risultato il primato del milan non è mai stato in discussione nella partita roma-milan è bastato un punto per laurearsi campioni d italia e ancora una volta il diavolo ha risposto all appello con lo 0 a 0 dando il via alla festa che premia la squadra che ha giocato meglio di chiunque altro ma la festa di roma è stato solo un antipasto di quello che succederà a milano quando i campioni d italia vengono accolti con grande entusiasmo dai tifosi e piazza duomo è completamente rossonera finita la partita con il cagliari si da il via alla premiazione della squadra proseguendo poi con lo strepitoso moonwalk ballato da boateng come aveva promesso risultando quasi identico al grande michael jackson questo è l ottavo scudetto dell era berlusconi che incrementa così il numero dei trofei vinti in 25 anni di presidenza al milan festeggiati quest anno con questo ora sono 27 trofei nessuno ha fatto come lui ed è per questo che gran parte del merito gli va riconosciuto oltre a quello che hanno fatto i dirigenti e soprattutto la squadra senza dimenticare che il milan è il club più titolato al mondo e non pensiamo che dopo questo successo si voglia fermare qui kevin prince boateng

[close]

p. 11

pagina 11 il pezzullo e la solidarietà di deborah molinaro il 20 maggio nel nostro istituto si è tenuto l incontro con i missionari di stella cometa che hanno mostrato ai ragazzi le condizioni di vita nei paesi del terzo mondo con video immagini e con l intervento di una ragazza africana durante lo scorrere delle immagini il silenzio era assoluto e la commozione aveva invaso il cuore di tutti perché nonostante loro non hanno una casa stabile un vero letto e un vero bagno i loro sorrisi sono stupendi ed esprimono tutto il loro amore alla vita per questo don battista si è impegnato per costruire pozzi con acqua potabile sentieri migliori e nuove scuole nel commentare le immagini che scorrevano sul muro bianco i volontari si sono soffermati molto sulle immagini dei ragazzi disabili che insieme alle donne infetta da aids sono visti come una vergogna dai loro compaesani purtroppo molti di loro sono morti o sono destinati a morire e stella cometa cerca di diminuire proprio questo infatti i volontari prestano assistenza ai disabili e grazie alle donazioni hanno comprato nuove sedie a rotelle e vaccini per prevenire le malattie i progetti di stella cometa attivi in questi paesi sono molti e abbracciano tutti i campi hanno creato il progetto agricoltura con il quale hanno piantato alberi da frutta e ortaggi il progetto donne che è nato per ridare dignità alle donne a cui viene trasmesso l aids dai mariti e abbandonate dalla famiglia hanno parlato proprio di una di queste sara donna coraggio che ha trovato la forza di reagire entrando a far parte del gruppo di donne impegnate nel progetto lei lavorava come artigiana ma appena si è saputo della sua malattia ha perso tutto e come lei tante altre donne soffrono abbandonate dai loro amici più cari e parenti questo fa riflettere molto perché nonostante le loro condizioni pessime e disagiate non perdono mai il sorriso donando così al resto del mondo un importante lezione di vita foto dell incontro visita al palazzo campanella di annamary palmieri il giorno 5 maggio varie classi ci siamo recati per la visita del palazzo campanella dove ha sede il consiglio regionale di reggio calabria appena siamo arrivati ci hanno accolto nella struttura e per prima cosa ci sono stati descritti dei grandissimi quadri fatti ad olio il primo con una raffigurazione di san francesco di paola che attraversava il mare sul suo mantello,il secondo raffigurava una ragazza di nome scilla insieme al suo innamorato che fu trasformata in mostro dalla strega morgana perchè innamorata anch essa di quel ragazzo e il terzo quadro raffigurava proprio campanella .dopo di che siamo passati a visitare la biblioteca e prima di parlare di quest ultima è giusto ricordare un monumento di piombo che raffigura una campana con attorno 6 colombe dedicato a nicolas green sparato mentre era diretto a reggio così che la famiglia alla sua morte volle donare gli organi infatti quelle colombe stanno a significare i bimbi salvati da nicolas con le sue donazioni passando a parlare della biblioteca abbiamo visto una immensità di collane di libri di tutti i tipi ma la cosa che ci ha colpito di più sono stati i tantissimi libri antichi fatti ancora in cotone e molto pesanti poi siamo passati alla visita di tantissime aule dove avvengono le riunioni politiche e dove ci sono tantissimi quadri aula francesco fortugno e tutte le vittime della mafia aula antonino acri ognuna con una storia diversa e visitando una di queste sale abbiamo scoperto che l 8 marzo fu inaugurata a nome di tutte le donne una aula dove vi è raffigurata la storia di una donna calabrese giuditta elevato incinta ma che venne sparata dal suo datore di lavoro perché lei come tutte le altre voleva che le donne dovevano essere alla pari con gli uomini e dovevano avere gli stessi diritti e doveri visitando la sala più grande dove hanno sede le riunioni del consiglio con il presidente del consiglio talarico il presidente della regione calabria scopelliti e gli altri consiglieri di destra e sinistra ci è stato consegnato un test da compilare e alla fine di tutto questo erano giù ad aspettarci i grandissimi bronzi di riace che erano in quel museo perché alcuni scienziati li stavano ristrutturando perché in loro erano presenti alcuni tumori inoltre abbiamo visto altri pezzi storici ritrovati nell epoca e dopo tante foto,interventi,divertimenti siamo tornati nella nostra vita quotidiana spiegando a tutti i nostri più cari amici le meraviglie e le informazioni che c erano state date,consigliando anche loro a fare questa esperienza.

[close]

p. 12

pagina 12 visita ai laboratori dell arpacal di costantina bartella un gruppo di alunni del biennio dell istituto tecnico commerciale e liceo scientifico tecnologico pezzullo di cosenza accompagnati dalle prof.sse elena bruno e costantina bartella ha visitato i laboratori dell arpacal agenzia regionale per la protezione dell ambiente della calabria per poter seguire il procedimento analitico dal punto di vista chimico delle acque di scarico la visita è stata programmata nell ambito del progetto coordinato dalla dirigente scolastica dott.ssa carla savaglio eco-schools che è uno dei programmi internazionali della fee fondazione per l educazione ambientale volto alla diffusione di comportamenti sostenibili di buone pratiche per la salvaguardia ambientale attraverso molteplici attività di educazione e formazione in particolare all interno delle scuole il pezzullo già l anno scorso è stato uno degli istituti che si è distinto per la sua attenzione e cura verso i problemi ambientali e l incisiva azione di sensibilizzazione sugli alunni verso queste tematiche ottenendo il riconoscimento di ecoshools e l attribuzione della bandiera verde quest anno l attenzione è stata rivolta alla corretta gestione della risorsa acqua indispensabile per la vita e purtroppo diventata un bene esauribile verso il quale è necessario operare un intensa azione di sensibilizzazione soprattutto sui giovani per raggiungere tale scopo è stato avviato un percorso formativo attraverso lezioni tenute da esperti individuati dal cedam centro di educazione e documentazione ambientale dell unical e dall ing pietro reale del settore ambiente e demanio idrico della provincia di cosenza la scuola in questo modo si apre al territorio coinvolgendo enti istituzioni e tutte quelle figure professionali che possono contribuire a far conoscere i vari aspetti del problema in esame la dott.ssa rosaria chiappetta dirigente del servizio laboratorio chimico del dipartimento di cosenza dell arpacal su invito da parte della referente prof.ssa maria ruffolo ha aderito al progetto ecoschools consentendo la realizzazione di questa visita che ha dato l opportunità ai ragazzi di conoscere un ente territoriale che controlla la qualità delle acque attraverso vari tipi di analisi durante la visita sul campione di acqua sono state eseguite analisi volte ad evidenziare ad esempio la presenza di tensioattivi nitrati e solidi in sospensione l aver potuto constatare attraverso varie tecniche di laboratorio la presenza di numerose sostanze che apparentemente e ad occhio nudo non si rilevano e che sono dovute all azione antropica e all inquinamento è stato uno degli aspetti che ha più affascinato gli alunni e che difficilmente dimenticheranno i ragazzi nel laboratorio

[close]

p. 13

pagina 13 artisti del pezzullo di deborah molinaro grazie ai progetti comunicare attraverso l arte e agorà a cura della prof.ssa maria teresa aiello molti ragazzi del nostro istituto hanno realizzato dei quadri in occasione del centenario della scuola e dei 150 anni dell unità d italia si sono adottate varie tecniche quali la cera le tempere gli acquarelli e i pennarelli la mostra sarà inaugurata il 10 giugno 2011 giorno della manifestazione conclusiva delle attività progettuali effettuate i dipinti le opere degli alunni

[close]

p. 14

pagina 14 estate relax e sogni di alessandro giordano e deborah molinaro ibiza per voi del pezzullo si avvicina finalmente l estate e con lei anche la voglia di divertirsi quindi vogliamo consigliarvi anche solo per sognare i posti e le spiagge più famosi e alla moda del mondo una delle spiagge più frequentate è ibiza con i suoi 572 km2 di costa vi offre relax hotel di lusso sole e mare tutto quello che è necessario per passare una vacanza indimenticabile le spiagge dell isola sono famose per la loro bellezza e per l acqua cristallina grazie alla posidonia oceanica riconosciuta dall unesco come patrimonio dell umanità i luoghi in cui tutti possono scatenarsi sono sicuramente le discoteche tra le più frequentate c è il pacha che è la discoteca per eccellenza con una tradizione di vita notturna che risale agli anni 60 ed è la più cara dell isola un altra discoteca importante è l amnesia nella quale ci si tuffa tra le nuvole di schiuma e si balla al suono di famosissimi deejay ma tra i club più alla moda c è anche el divino con un assordante musica house mentre a el paradis potrete immergervi nelle feste d acqua tenute due volte a settimana tra le altre discoteche trov iamo l eden interamente allestita di egiziano e il privilege un grande complesso di terrazze bar e piste da ballo insomma vacanze come quelle che si passano ad ibiza non sono certo vacanze sprecate chiunque vada ad ibiza non ne rimarrà deluso un altro paradiso del divertimento è la spiaggia di tel aviv considerata da national geografic una delle dieci più belle del mondo paragonandola a miami la città gode di spiagge bianche e incontaminate oltre alle immense spiagge tel aviv è da tutti considerata la capitale della vita notturna di tutto il mar mediterraneo infatti è stata soprannominata la città che non dorme mai la maggior parte se non tutti i locali sono aperti 24h/24h in ogni ora del giorno si possono trovare feste e divertimento tutti i ristoranti hanno un locale notturno disponibile dalle 23 e non mancano mai serate a tema concerti di artisti locali e internazionali dj di fama mondiale che animano le serate in discoteca il quartiere più frequentato dai giovani è florentin situato a sud della città questo offre una vasta scelta di bar caffè ristoranti e disco pub alcuni di questi con ingresso gratuito 0ltre a questi due prestigiosi ruoli di vacanze e divertimento siamo obbligati a nominare luoghi altrettanto famosi come miami saint tropez playa paraìso in messico le maldive le hawaii la polinesia rio de janeiro cuba grecia turchia tel aviv

[close]

p. 15

pagina 15 capo redattori deborah molinaro alessandro giordano redattori ada aramini emanuel mauro arianna grano maila turano samuel ferriolo annamary palmieri

[close]

Comments

no comments yet