Regolamento

 
no ad

Embed or link this publication

Description

regolamento

Popular Pages


p. 1

Regolamento interno del comitato CRI di Formello Il regolamento interno è un documento per la disciplina e l’organizzazione dell’attività dell’associazione e proposto dal Presidente e dal Consiglio Direttivo all’Assemblea ordinaria o straordinaria dei Soci. Questo in sede di presentazione ai Soci, può essere modificato e/o aggiornato al fine di creare una squadra di persone motivate ed interessate. Per raggiungere degli obiettivi di efficacia, efficienza e funzionalità è necessario l’impegno e la dedizione in prima persona di ogni Volontario. Ogni volontario può esprimere le proprie opinioni o critiche rispettando il lavoro degli altri al fine di migliorare l’organizzazione del comitato stesso. Questo comporta l’impegno di tutti, dal più anziano fino al Vol ontario ultimo entrato, affinché si possa andare nella giusta e corretta direzione per essere sempre più pronti a rispondere alle esigenze dei vulnerabili. Il regolamento interno è una fonte subordinata allo Statuto, al Regolamento ed al Codice Etico e non può quindi modificare le disposizioni di questi ultimi. Ai Volontari è richiesto:    Aderire totalmente ai 7 Principi Fondamentali; Attitudine al lavoro di squadra e alla gestione di gruppi di lavoro; Dedicare il tempo necessario. I Referenti operano nella propria area di competenza e in sinergia tra loro, garantendo la reciproca collaborazione per la funzionalità del comitato. Ogni Referente dovrà produrre, con cadenza quadrimestrale, un rendiconto dettagliato delle attività di competenza del proprio settore ed inviarlo al consiglio direttivo. I punti da rispettare sono i seguenti: 1. 2. I servizi iniziano e terminano in sede (eventuali deroghe dovranno essere autorizzate dal Presidente o Delegato di Area di competenza); I Volontari che chiedono di fare servizio fuori dal comitato devono essere preventivamente autorizzati come anche il mezzo CRI. Si ricorda che è il Presidente ad autorizzare l'utilizzo dei mezzi CRI; 1

[close]

p. 2

3. Tutte le attività devono essere caricate sul portale GAIA. Chi è impossibilitato ad usare il suddetto programma, può annotare le sue ore di servizio su un apposito “foglio ore” (Vedi Allegato 1 “Foglio ore”) appositamente controfirmato da un Responsabile o fare registrare la partecipazione su Gaia dal Referente dell’attività; 4. Il Volontario deve dare disponibilità di almeno 1 turno ogni 2 mesi,eventuali deroghe andranno concordate con il Direttivo. Il computo dei turni svolti è calcolato su base bimestrale; A fine turno riordinare e pulire la sede e/o l’ambulatorio SMUD, gettando la spazzatura negli appositi secchi per la raccolta differenziata. Si ricorda a tutti i volontari che il cartone del R.O.T (rifiuti ospedalieri trattati) non serve per raccogliere la carta ma SOLO i rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo!! Inoltre tutti i volontari saranno tenuti a partecipare alle pulizie generali (interne ed esterne) della sede; 5. 6. Per lo svolgimento di alcune attività specifiche è necessaria una formazione con relativo brevetto e/o re-training. Il Consiglio ritiene indispensabile partecipare al corso sulla sicurezza ( Dlgs 81/08)per una maggiore tutela nello svolgimento delle attività;Per questo motivo chi non sarà in possesso di tale requisito non potrà partecipare alle attività del comitato, salvo eventuale deroga concessa dal Presidente in accordo con il Responsabile della sicurezza; Il servizio SMUD viene svolto dal medico, l’autista e un Volontario, tranne accordi diversi e motivati con il Referente dell’attività, questo per rispettare sia la privacy e la sensibilità del paziente che è in visita, sia per avere il massimo rispetto per i medici che fanno servizio, e quindi comportarsi in modo consono alla situazione; 7. 8. In caso di servizi che prevedono più turni si richiede la massima puntualità per il cambio turno, in quanto la postazione non può essere lasciata scoperta. I Volontari del turno precedente non devono trovarsi costretti a rimanere più a lungo in servizio a causa di ritardi dei Volontari del turno successivo, a meno che non ci sia un accordo espresso tra gli stessi e previa comunicazione al Referente dell’attività; Il Volontario ad inizio turno ABZ dovrà presentarsi un quarto d’ora prima dell’orario stabilito. Il soccorritore controllerà che tutti i presidi del mezzo siano in ordine e funzionanti, e l’autista verificherà l’effettiva 9. 2

[close]

p. 3

funzionalità della macchina, oltre a compilare il foglio marcia in ogni sua parte segnalando eventuali anomalie del mezzo. A fine turno si dovrà reintegrare e/o fare richiesta del materiale mancante o utilizzato, accertarsi che ci sia il carburante e sistemare e pulire il mezzo; 10. Il Volontario si impegna a rispettare i propri turni e a comunicare tempestivamente alla figura di riferimento eventuali impedimenti. In quest’ultimo caso è tenuto a trovarsi il sostituto; 11. Tutti i Soci sono tenuti a mantenere un contegno corretto, a indossare durante il servizio la divisa in modo decoroso. Avere un comportamento che non crei pregiudizi alcuni nei riguardi dell’Associazione e di terzi. Il Volontario se non in possesso della divisa, dovrà presentarsi vestito in modo idoneo e munito di apposita pettorina di riconoscimento; 12. Tutti i Soci sono liberi di discutere ed esprimere le proprie opinioni in modo trasparente purché non danneggino la vita associativa, il buon nome dell’Associazione o quello dei suoi componenti nel rispetto dei R egolamenti e del Codice Etico. 13. È fatto divieto ai Soci iniziare o lasciarsi coinvolgere in qualsiasi discussione durante il servizio, qualora insorgessero divergenze o vi fossero reclami e proteste, gli interessati dovranno inoltrare un rapporto con specificazione dell’accaduto al Delegato di Area, che provvederà ad informare il Consiglio Direttivo; È fatto divieto di suggerire l’uso di farmaci e di seguire prestazioni mediche e/o paramediche (salvo i casi in cui la professione del Socio lo consenta); 14. 15. 16. 17. È proibito ricevere compensi personali per servizi effettuati; Con lettera motivata e firmata ogni Socio può avanzare al Consiglio di Presidenza proposte e critiche; Osservare la massima riservatezza al di fuori dell’ambito associativo in riferimento a fatti, persone e informazioni di cui si è venuti a conoscenza durante il servizio; 18. Il Volontario deve portare rispetto al servizio che sta svolgendo, senza intralciare o impedire il lavoro altrui; 3

[close]

p. 4

19. Chi riscuote denaro deve lasciarlo prontamente in sede nella cassetta della cassaforte, se fosse impossibilitato non tenere i soldi per più di 48 ore e avvertire il Responsabile; 20. 21. Sulle ricevute, sugli stampati e sulle comunicazioni, scrivere in modo leggibile; Tutte le informazioni di carattere amministrativo e/o finanziario, devono essere immediatamente comunicate al Referente amministrativo o al Consiglio Direttivo. Disposizioni transitorie e finali:  Il presente regolamento, approvato in Assemblea dei Soci, entrerà in vigore al momento dell’adozione. 4

[close]

Comments

no comments yet