Colletti Verdi - Gennaio/Febbraio 2016

 

Embed or link this publication

Description

Colletti Verdi - Gennaio/Febbraio 2016

Popular Pages


p. 1

Spedizione in A.P. - Tariffa R.O.C.: “Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, NE/PD” - Autorizzazione Tribunale di Forlì, N. 642/84 Direttore Responsabile Prof. Mentore Bertazzoni Direzione, redazione e amministrazione: SOCIETÀ EDITORIALE NEPENTHES s.r.l. Poste Succursale n. 1 - 47122 Forlì Tel. 0543.723771 - Fax 0543.795569 ATTENZIONE! In caso di mancato recapito, rinviare all’Ufficio di Padova per la restituzione al mittente che si impegna a corrispondere la tariffa dovuta. CO VE R ST OR Y ARRIVA LA CONSULENZA AZIENDALE Editato dal 1984 al 2011 con il nome Al via gli esami 2016 LE COMPETENZE FORESTALI SONO DEGLI AGROTECNICI Periodico mensile di economia, politica, scienze agrarie, zootecniche, ambientali e naturali CONTRIBUTI UE AI PROFESSIONISTI Gennaio/Febbraio 2016 N. 1/2 Anno XXXIII ISSN: 1722-5779

[close]

p. 2

È USCITA Dopo il successo della prima edizione (completamente esaurita) è stata data alle stampe la seconda edizione dello specifico “Manuale” per gli esami abilitanti alla professione di Agrotecnico e di Agrotecnico laureato, utile anche per i candidati agli esami abilitanti di altre categorie professionali similari (come Dottori Agronomi e Forestali e Periti agrari). Fino ad ora, infatti, in commercio esistevano solo manuali generici, spesso datati e costosi. Oggi invece i candidati agli esami abilitanti alla professione di Agrotecnico e di Agrotecnico laureato ed i candidati di altri esami abilitanti del settore, possono disporre di un testo specifico, aggiornato all’attualità e con un ottimo rapporto di prezzo, frutto del lavoro dei molti docenti che, negli ultimi anni, hanno organizzato i Corsi di preparazione agli esami. LA SECONDA EDIZIONE DEL MANUALE DELL’ESAME ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI AGROTECNICO E DI AGROTECNICO LAUREATO Il “Manuale” inoltre è conforme all’art. 18 comma 4 del Decreto 6 marzo 1997 n. 176 e dunque i candidati possono portarlo con se e consultarlo liberamente durante le due prove scritte dell’esame. Il Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati ha autorizzato il “Manuale” e redatto la Prefazione. Seconda edizione Codice: 978-88-907671-8-0 Autore: AaVv Num. Pagine: 968 Costo: euro 38,00

[close]

p. 3

SOMMARIO Professione Agrotecnico 4 8 13 15 18 19 Arriva la nuova “Consulenza” aziendale È finita la “guerra dei 10 anni” Fondagri: un porto sicuro per i professionisti della consulenza Una previdenza tutta d'oro Esami abilitanti 2016: si parte da Bari “OK” alle competenze forestali per gli Agrotecnici 8 18 25 26 27 28 30 Commissioni paesaggistiche 1 Commissioni paesaggistiche 2 Un bando al profumo... di aglio A Cosenza gli agrotecnici studiano la VTA Le gare di agraria 24 Contributi UE anche ai liberi professionisti 35 IASMA informa 31 21 24 Attività di prevenzione incendi PAN fitofarmaci: 10 maggio il giorno della verità Attualità La ricerca rivela nuove strade per gestire meglio l'aggiunta di solfiti prima dell'imbottigliamento Legge di stabilità 2016 Tecnica 36 37 39 40 42 43 30 42 Il nuovo regime forfettario Autoimprenditorialità in agricoltura Approvati i 118 PSR L’accesso al credito per l’impresa agricola La geografia dell’olio di oliva Assicurazioni agricole e PAI: novità in vista 32 44 46 A come additivi alimentari Innovazioni tecnologiche per la produzione piantine forestali Per esigenze di spazio su questo numero non sono state pubblicate le rubriche "Lettere al Direttore", “Vita dei Collegi”, “Panorama Regionale”, “Dicono di noi”, “Mercatino”, “Tempi di recapito” e “Aziende Informano”. Ce ne scusiamo con i lettori. L’aforisma del mese Il segreto per andare avanti è iniziare. Mark Twain Per la pubblicità su questa rivista: Poste succursale n. 1 - 47122 Forlì Tel. 0543.723771 Fax 0543.795569 info@agro-oggi.it NEPENTHES S.r.l. CONTRO I RITARDI POSTALI LEGGI “COLLETTI VERDI” ON-LINE NEL SITO WWW.AGROTECNICI.IT Direzione, Redazione e Amministrazione SOCIETÀ EDITORIALE NEPENTHES SRL Poste succursale n. 1 - 47122 Forlì Tel. 0543 723771 - Fax 0543 795569 E-mail: info@agro-oggi.it Autorizzazione Tribunale di Forlì 24/12/1983, N° 642 Iscrizione al R.O.C. n. 906 IVA assolta dall’editore ai sensi dell’art.74, 1° comma, lettera C del D.P.R. 633/1972 e art. 1 del D.M. 29/12/1989. La ricevuta di pagamento di conto corrente postale è documento idoneo e sufficiente per ogni effetto contabile e pertanto non si rilasciano fatture. Fondato da ROBERTO ORLANDI il 4 maggio 1984 Direttore responsabile: MENTORE BERTAZZONI Abbonamento annuo: Italia Euro 26,00 Estero Euro 42,00 Arretrati: un numero Euro 5,00 Associato all’Unione Stampa Periodica Italiana Grafica e impaginazione: CartaCanta soc. coop. - Forlì Stampa: La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 Coordinatrice di redazione: Giovanna Prati In Redazione: Alessandro Basso, Mauro Bertuzzi, Moreno Dutto, Davide Frumento, Marcello Ortenzi, Maurizio Ranucci, Gaetano Riviello, Davide Giuseppe Ture, Giovanna Prati. Hanno collaborato a questo numero: Pasquale Cafiero, Stefano Scalini, Giorgio Samorì, Silvia Fattini, Antonio Molfese, Francesca D'Onofrio, Massimiliano Marani. Questa rivista è stata chiusa in tipografia il 25 febbraio 2016 INFORMATIVA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI In ottemperanza a quanto stabilito dall'art. 13 del D. Lgs 196/2003, si fornisce informazioni riguardanti l'utilizzo ed il trattamento dei dati anagrafici personali. Finalità del trattamento - I dati anagrafici personali sono trattati esclusivamente nell'ambito della divulgazione della produzione della Casa Editrice. Modalità di trattamento - Il trattamento dei dati personali avviene mediante strumenti manuali, informatici e telematici, in modo da garantire la riservatezza e la sicurezza dei dati stessi. I dati non vengono comunicati o diffusi a terzi e per essi viene garantita la massima riservatezza. Natura della raccolta - La raccolta dei dati di chi ha sottoscritto un abbonamento ha natura obbligatoria per l'esecuzione del rapporto e per motivi di adempimenti di Legge. Il relativo trattamento non è soggetto al consenso dell'interessato. I dati anagrafici di altri soggetti sono stati ripresi da elenchi di pubblico accesso. Diritti dell'interessato - L'interessato ha diritto di ottenere: aggiornamento, rettifica, integrazione dei dati, cancellazione, trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge. Titolare responsabile - Compagnia delle Foreste Srl, con sede in Arezzo, Via Pietro Aretino 8, nella persona dell'Amministratore Unico Dr. Paolo Mori. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione totale o parziale delle illustrazioni e degli articoli pubblicati, con qualsiasi mezzo possibile, elettronico o cartaceo, è subordinata all'autorizzazione scritta dell'Editore, I.V.A. assolta dall'Editore alla fonte ai sensi dell'art.74, 1° comma, lettera C, D.P.R. n.633 del 26/10/72 e succ. modifiche ed integrazioni. Reg. Tribunale di Arezzo n.4/95 del 26/01/95 COLLABORAZIONI GRATUITE Il nostro periodico è aperto a tutti coloro che desiderino collaborare nel rispetto dell'Art. 21 della Costituzione che così recita : "Tutti hanno diritto di manifestare il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione", non costituendo, pertanto, tale collaborazione gratuita alcun rapporto di lavori dipendente o di collaborazione autonoma.

[close]

p. 4

ER V CO RY O ST GENNAIO/FEBBRAIO 2016 Arriva la nuova “Consulenza a Per la prima volta riconosciuto il ruolo centrale degli Albi pria, perchè la consulenza aziendale è il collante che unisce le strategie di sviluppo del settore agro-alimentare e consente il raggiungimento di tutti gli obiettivi, operando anche un’azione di stimolo della competitività, permettendo agli agricoltori, ai giovani agricoltori, ai silvicoltori, alle PMI operanti nelle aree rurali di migliorare la gestione sostenibile, la performance economica e ambientale della loro azienda/impresa. Sotto il profilo delle imprese agricole, cioè dei fruitori del servizio, ovunque in Europa la Consulenza aziendale non ha mai dato alcun vero problema. In sintesi, ogni imprenditore che acquistava consulenza specializzata, preventivamente validata dall’Autorità competente (in Italia le Regioni), riceveva un contributo a fondo perduto (1.500,00 euro nel nostro Paese), non molti ma certamente utili ad incentivare questo strumento; le regole di pagamento del contributo poi erano anch’esse virtuose: prima la consulenza andava erogata, quindi l’imprenditore doveva pagare direttamente il tecnico e solo dopo, esibendo la fattura quietanzate, la Regione pagava il contributo previsto all’imprenditore. Un sistema siffatto responsabilizzava le imprese agricole e rendeva difficili le irregolarità. Il sistema di “Consulenza aziendale” pubblica ha trovato attuazione dapprima nella programmazione 2000-2006, con la “Misura Y”, e poi nella successiva programmazione 20072013 con la “Misura 114”, peraltro diventata Misura obbligatoria. A fronte di ciò, tuttavia, in Italia la “Consulenza aziendale” così come pensata dall’Europa è stata un sostanziale fallimento o comunque una grande delusione, soprattutto per responsabilità delle Regioni che (salvo in due casi, Piemonte e Veneto) hanno disertato la “Misura Y” e quasi sempre malamente applicato la “Misura 114”, pubblicando bandi che, da un lato definivano con regole a volte paradossali i criteri di riconoscimento degli Organismi erogatori dei servizi di consulenza. Ed infatti è precisamente questo aspetto, le regole di riconosci- D opo una lunga gestazione, accese discussioni e travagliati precedenti ha visto la luce il Decreto Ministeriale 3 febbraio 2016, recante “Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura” pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio. Trova così compimento l’art. 1-ter della legge 11 agosto 2014, di conversione del decreto-legge n. 91/2014, che ha istituito per la prima volta in Italia il “Servizio di Consulenza aziendale”; evidentemente si tratta -è bene dirlo- della Consulenza che è finanziata con contributi pubblici mentre tutta quella restante, a mercato, può essere svolta liberamente anche da soggetti non accreditati nel sistema. La Consulenza aziendale si presenta come un potente strumento di innovazione e miglioramento delle imprese agricole e, più in generale, di tutto il settore agro-alimentare od almeno di questo è convinta l’Unione Europea, che l’ha sempre messa al centro dei suoi interventi, a partire dal cambio di rotta operato nella PAC, gradatamente virata dal sostegno ai redditi allo sviluppo aziendale, con il dichiarato intento di fortificare il settore non più solo con aiuti alle produzioni ma con la creazione di un sistema agro-alimentare in grado di affrontare la concorrenza internazionale ed il libero mercato, dove l’innovazione e la diffusione di best pratice ne sono l’architrave. Innegabilmente, con il veloce mutare delle esigenze interne ed internazionali, l’affermazione delle nuove tecnologie anche in campo agricolo, la crescente attenzione alla salvaguardia dell’ambiente, si è sentita l’esigenza di aumentare i livelli di qualificazione professionale degli agricoltori e di tutti coloro coinvolti in attività agricole e forestali, cercando di assicurare un livello di conoscenze tecniche ed economiche, aumentando, tramite regole ben precise, l’efficacia del sistema di formazione e assistenza tecnica. È in questa nuova luce che deve essere vista la “Consulenza aziendale” voluta dalla Unione Europea, inizialmente mal vista dalle Regioni e dallo Stato, ma poi impostasi per forza pro- 4

[close]

p. 5

PROFESSIONE AGROTECNICO aziendale” professionali mento degli Organismi di consulenza (che poi significa l’individuazione dei soggetti che possono erogare la Consulenza alla imprese agricole), ad avere generato non solo evidenti criticità ma un vero e proprio scontro con gli Albi professionali del settore agrario, ed in particolare con quelli degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati e dei Veterinari (anche se, all’inizio, pure l’Ordine nazionale degli Agronomi e Forestali ha partecipato alle iniziative giudiziarie. Sempre assenti invece i Collegi dei Periti agrari). A complicare il quadro d’insieme la circostanza che l’agricoltura è materia di competenza delle Regioni le quali, pur nelle diverse specificità, si sono orientate verso una applicazione spesso irragionevole delle disposizioni operative. Peraltro, diversamente da quanto è accaduto in altri settori (come, ad esempio, quello dei CAA-Centri Agricoli di Assistenza Autorizzata), nella prima applicazione della Misura sulla “Consulenza aziendale” è mancato completamente il coordinamento del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, per l’opposizione delle Regioni, ciascuna delle quali ha preferito muoversi autonomamente; questo non ha giovato al sistema, costringendo chiunque desiderasse fare consulenza ad accreditarsi in più Regioni, con costi moltiplicati e dovendo seguire regole differenti. Oggi però siamo davvero di fronte ad una svolta, perchè il problema della bizzarria di regole diverse fra Regioni di confine, con l’entrata in vigore il DM del 3 febbraio 2016 sembra essere stato superato, posto che vengono dettate modalità generali per l’accreditamento degli Organismi di consulenza, prevedendo disposizioni omogenee per quanto attiene le incompatibilità, i criteri di base, le modalità di accesso al sistema, ecc. che si sostanziano nel “Registro Unico Nazionale degli Organismi di consulenza”. Dovrebbe così essere definitivamente archiviata la defatigante e costosa, precedente proce- L’art. 4 del DM 3 febbraio 2016 nella parte in cui riconosce pieno valore ai liberi professionisti dura che obbligava gli Organismi di consulen- ed esenta gli iscritti negli albi professionali da qualunque ulteriore verifica. 5

[close]

p. 6

PROFESSIONE AGROTECNICO GENNAIO/FEBBRAIO 2016 UNA RIVOLUZIONE COPERNICANA Il DM del 3 febbraio 2016 sulla “Consulenza aziendale” di tipo pubblico può essere davvero considerato come una “rivoluzione copernicana” nel sistema dei rapporti fra i tecnici liberi professionisti iscritti nell’Albo, da un lato, e la Pubblica Amministrazione ed i tecnici non iscritti in Albi dall’altro. Niccolò Copernico pubblicò nel 1543 la sua famosa teoria “eliocentrica” che poneva il sole al centro del sistema dei pianeti rivoluzionando i concetti allora in vigore, secondo i quali era la terra al centro del sistema e gli altri pianeti a girargli attorno. Fatte le debite proporzioni il DM sulla “Consulenza aziendale” è la nuova teoria copernicana del settore: al centro del sistema della Consulenza ci sono -per la prima volta- i liberi professionisti, che non sono più mischiati al resto del mondo dei tecnici. Quanto, all’articolo 4 del Decreto, si afferma che: “Sono considerati in possesso di qualifiche adeguate ai fini dello svolgimento dell’attività di consulenza di cui al presente decreto gli iscritti agli ordini e ai collegi professionali per i rispettivi ambiti di consulenza.” si riconosce che i liberi professionisti le competenze le acquisiscono non solo con il titolo di studio ma anche con l’esame di abilitazione e con l’iscrizione nell’Albo e le mantengono con l’aggiornamento professionale. Essi dunque non devono più, in quanto iscritti nell’Albo, dimostrare nulla e sono considerati automaticamente in possesso dei requisiti che la norma richiede per essere considerati Consulenti idonei. Quanto poi, sempre al medesimo articolo 4 del Decreto, si afferma che: “Fatte salve le materie per le quali la legge prevede una competenza esclusiva riservata alle categorie professionali di cui al comma 1, sono altresì considerati in possesso di qualifiche adeguate ai fini dello svolgimento dell’attività di consulenza, i soggetti in possesso del titolo di studio richiesto per l’iscrizione agli ordini o ai collegi professionali, o adeguato all’ambito di consulenza, non iscritti ai relativi albi, che abbiano determinati requisiti.” vengono, nuovamente, fatte salve le prerogative dei liberi professionisti e previsto che si può fare consulenza anche se non si è iscritti in un Albo (ma solo per le attività che non siano “proprie” degli iscritti in Albi) purchè in possesso di un dimostrato e severo percorso di qualificazione fatto di esperienza pluriennale, attestati di frequenza di corsi, ecc. Il parere di Gaetano Penocchio, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Veterinari Con la firma del Decreto che istituisce il sistema di Consulenza aziendale in agricoltura, il 3 febbraio di quest'anno abbiamo felicemente chiuso una lunga stagione di battaglie giudiziarie. È stato finalmente riconosciuto che i professionisti iscritti agli Ordini ed ai Collegi sono in possesso di "qualifiche adeguate"; che nelle materie che ci competono professionalmente siamo pienamente titolati ad essere soggetti attivi della condizionalità e dei Piani di Sviluppo Rurale. Oggi, resta l'amarezza di essere arrivati al decreto del 3 febbraio con colpevole ritardo; resta l'amarezza di aver dovuto ricorrere ai Tribunali amministrativi. Come Ordini non possiamo non avvertire l'importanza di questo passaggio ministeriale, decisivo nel rilanciare il tema della condizionalità fra gli iscritti, con attività informative e formative che la FNOVI si attende costanti e capillari 6 anche nei territori provinciali. Condizionalità vuol dire opportunità occupazionale, produzione della ricchezza nazionale. Serve preparazione e impegno. Diversamente, ciò per cui ci siamo battuti, anche investendo risorse economiche, verrà deprezzato da noi stessi. In questo percorso la FNOVI ha trovato un partner determinato, competente e leale nell’Ordine degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati, con i quali abbiamo condiviso una strategia che ci opponeva alle Regioni nei Tar di tutto il Paese e contemporaneamente creare un “contenitore” che avesse le caratteristiche strutturali ed organizzative per essere riconosciuto come erogatore dei servizi di consulenza. Fondagri, a tutti gli effetti, è risultata una scelta intelligente e una esperienza entusiasmante.

[close]

p. 7

PROFESSIONE AGROTECNICO za a tanti accreditamenti quanti erano le Regioni dove intendevano operare. Possono così accedere al sistema di “Consulenza aziendale” gli organismi riconosciuti che contemplino le attività di consulenza nel settore agricolo, zootecnico o forestale e che dispongano di uno o più consulenti, dotati di adeguate qualifiche e regolare formazione in almeno uno degli ambiti di consulenza previsti dallo stesso Decreto del 3 febbraio 2016. È istituito presso il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali il Registro Unico Nazionale degli Organismi di “Consulenza aziendale” riconosciuti, in modo tale che le Regioni non debbono più chiedere, di volta in volta, la dimostrazione dei requisiti ma facciano riferimento direttamente al Registro Unico: un bel risparmio di tempo e di spese! Sarà poi anche istituito un sistema di certificazione di qualità nazionale sull’efficacia ed efficienza dell’attività svolta dagli Organismi di consulenza. Ma, per quanto rilevanti, non sono queste le vere novità del Decreto sulla “Consulenza aziendale”, invece rappresentato dalla piena valorizzazione degli iscritti negli Albi professionali, prima invece tenuti in scarsa o nulla considerazione. Il precedente sistema di “Consulenza aziendale”, così come l’attuale, si basavano sulla verifica di professionalità, competenza ed adeguatezza dei consulenti, ma se prima anche gli iscritti negli Albi professionali del settore (Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati, degli Agronomi e Forestali, e dei Periti agrari) erano costretti a dimostrare il possesso ed il mantenimento di questi requisiti (nonostante il superamento dell’esame di abilitazione professionale e le specifiche competenze ordinistiche) ora gli iscritti nei citati Albi professionali sono ritenuti competenti “a prescindere” perchè, appunto, iscritti in Albi che prevedono fra le loro competenze l’assistenza e la consulenza alle imprese del settore. Per l’Italia questo riconoscimento è una vera e propria “svolta epocale”, perchè prima d’ora mai avvenuto, aprendo una pagina nuova nei rapporti fra i liberi professionisti e la PP.AA. ma, soprattutto, segna un solco fra i tecnici iscritti in Albi e quelli che non lo sono; prima i confini erano confusi, ora non lo sono più. Se oggi i liberi professionisti, nessuno escluso possono guardare al loro futuro lavorativo con maggiore serenità, se questo importante risultato è stato raggiunto, l’impegno per ottenerlo è costato davvero molto tempo ed altrettanta fatica, come raccontato nelle pagine e negli articoli che seguono. PASQUALE CAFIERO GLI AMBITI DEL SISTEMA DI CONSULENZA Il sistema di consulenza, rivolto alle aziende agricole, zootecniche e forestali, opera almeno nei seguenti ambiti: a) gli obblighi a livello di azienda risultanti dai criteri di gestione obbligatori e dalle norme per il mantenimento del terreno in buone condizioni agronomiche e ambientali, ai sensi del titolo VI, capo I, del regolamento (UE) n. 1306/2013; b) le pratiche agricole benefiche per il clima e l’ambiente stabilite nel titolo III, capo 3, del regolamento (UE) n. 1307/2013 e il mantenimento della superficie agricola di cui all’art. 4, paragrafo 1, lettera c), del medesimo regolamento (UE) n. 1307/2013; c) misure a livello di azienda previste dai programmi di sviluppo rurale volte all’ammodernamento aziendale, al perseguimento della competitività, all’integrazione di filiera, compreso lo sviluppo di filiere corte, all’innovazione e all’orientamento al mercato nonché alla promozione dell’imprenditorialità; d) i requisiti a livello di beneficiari adottati dagli Stati membri per attuare l’art. 11, paragrafo 3, della direttiva 2000/60/CE; e) i requisiti a livello di beneficiari adottati dagli Stati membri per attuare l’art. 55  del  regolamento (CE) n. 1107/2009, in particolare l’obbligo di cui all’art. 14 della direttiva 2009/128/CE; f) le norme di sicurezza sul lavoro e le norme di sicurezza connesse all’azienda agricola; g) consulenza specifica per agricoltori che si insediano per la prima volta; h) la promozione delle conversioni aziendali e la diversificazione della loro attività economica; i) la gestione del rischio e l’introduzione di idonee misure preventive contro i disastri naturali, gli eventi catastrofici e le malattie degli animali e delle piante; j)  i requisiti minimi previsti dalla normativa nazionale, indicati all’art. 28, paragrafo 3, e all’art. 29, paragrafo 2, del regolamento (UE) n. 1305/2013; k) le informazioni relative alla mitigazione dei cambiamenti climatici e all’adattamento ai medesimi, alla biodiversità e alla protezione delle acque di cui all’allegato I del regolamento (UE) n. 1306/2013; l) misure rivolte al benessere e alla biodiversità animale; m) profili sanitari delle pratiche zootecniche. 7

[close]

p. 8

PROFESSIONE AGROTECNICO GENNAIO/FEBBRAIO 2016 È finita la “guerra dei 10 anni” on la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 3 febbraio 2016 sulla “Consulenza aziendale” viene scritta la parola “fine” ad un contenzioso fra la Pubblica Amministrazione ed (alcuni) Ordini e Collegi professionali che dura da dieci anni, con alterne vicende. E che si chiude con il pieno riconoscimento delle ragioni dei professionisti (anche oltre ciò che si poteva sperare). Si è detto che questo Decreto rappresenta una “rivoluzione copernicana” nel sistema delle attività professionali, ed anch’io la penso così: al centro del sistema della “Consulenza aziendale” pubblica adesso ci sono (ci potranno essere, se sapranno giocarsi la partita) i liberi professionisti iscritti negli Albi. In via subordinata i tecnici non iscritti in Albi, ma solo per le materie non riservate ai liberi professionisti. La PP.AA. governerà il sistema, reso unitario dal “Registro Unico Nazionale degli Organismi di Consulenza” e le imprese agricole potranno così cogliere i migliori vantaggi per se stesse. Questo Decreto, inoltre, produrrà verosimilmente effetti sia nelle norme di futura adozione che in settori oggi oggetto di forti contestazioni come, ad esempio, il PAN-Piano di Azione Nazionale sui Fitofarmaci da noi impugnato in ogni sede perchè non teneva, in nessun conto, l’iscrizione negli Albi e le relative competenze professionali. L’udienza di merito per discutere il ricorso degli Agrotecnici sul PAN è prevista al TAR Lazio per il 10 maggio 2016 ed in C Per la prima volta il Governo riconosce in modo evidente i liberi professionisti quella sede evidenzieremo il contradditorio comportamento del Governo che in un Decreto, quello del PAN, non tiene in conto alcuno le competenze professionali (a nostro avviso, violando la legge) e poi in un’altro, quello sulla “Consulenza aziendale”, la valorizza puntualmente e correttamente: chiariranno i giudici se il primo Decreto sia erroneo, come noi riteniamo. Per il futuro, invece, sia il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che le Regioni difficilmente potranno discostarsi dai principi di contenuti nel DM del 3 febbraio 2016 e dunque per i liberi professionisti svolgere la propria attività dovrebbe essere non solo più semplice e soddisfacente, ma soprattutto dovrebbero aumentare le occasioni di lavoro. Questo è l’inevitabile effetto della valorizzazione dell’iscrizione ordinistica. Ma se c’è di chi essere soddisfatti del risultato, vale la pena di ricordare come ci siamo arrivati, perchè diversamente non se ne comprende nè la portata nè le fatiche sostenute. Come riportato nell’articolo di apertura, la “Consulenza aziendale” nasce con la programmazione europea 20002006, all’epoca era denominata “Misura Y” e l’Italia, per le peculiarità delle sue imprese e dei suoi imprenditori (i più anziani d’Europa), avrebbe dovuto essere il Paese che più di ogni altro se ne avvantaggiava. Ed invece non successe nulla. Fino al 2006, cioè quasi alla Gaetano Penocchio, Vicepresidente Fondagri e Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Veterinari (a sinistra) e Roberto Orlandi, Presidente Fondagri e Presidente del Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati. Il risultato positivo contenuto nel DM sulla Consulenza aziendale si deve, per molta parte, alla loro azione di tutela dei professionisti, svolta ininterrottamente per dieci anni. 8

[close]

p. 9

PROFESSIONE AGROTECNICO fine dell’intero periodo di programmazione, nessuna Regione avviò la “Misura Y”. Perchè? Perchè faceva paura. Ai sindacati agricoli soprattutto, che politicamente molto contano. A far paura era il meccanismo di erogazione del pagamento: il contributo pubblico non veniva dato all’Organismo di consulenza, ma direttamente all’agricoltore, e solo dopo che questi aveva pagato il tecnico, dovendo peraltro farlo con una modalità “tracciata”. Dunque fine dei contributi alle strutture, trasparenza nell’entità del contributo pubblico, responsabilizzazione degli imprenditori agricoli, che se prima pagano poi anche pretendono un servizio degno di questo nome (cosa che invece avviene più debolmente se il contributo è percepito direttamente dall’Organismo di consulenza e l’agricoltore non deve anticipare nulla). La “Consulenza aziendale”, così come declinata nella programmazione europea 2000-2006, avrebbe diffuso fra gli imprenditori il “seme” della liberazione degli apparati burocratici e valorizzato i tecnici. Per questo non venne applicata. Quando poi si seppe che nella successiva programmazione 2007-2013 la “Consulenza aziendale” sarebbe diventata Misura obbligatoria, venne deciso che due Regioni avrebbero sperimentato la “Misura Y” prima della fine di quella programmazione; lo fecero Piemonte e La segnalazione dell’antitrust n. AS 382-2007 che censura la regione Piemonte per le misure Veneto. anticoncorrenziali previste nella delibera sulla consulenza aziendale. Il Piemonte soprattutto. E davvero quella sperimentazione sembrava servire a trovare sottile: per essere riconosciuti come Organismo di consulenza il modo di ricondurre a controllo gli imprenditori piuttosto (e così operare nel territorio regionale) venivano richiesti requisiti che non a valorizzarli, e con loro i tecnici. impossibili da possedere per i liberi professionisti, anche Non potendo controllare il sistema “a valle”, in quanto i associati fra loro, e che erano in capo solo ai sindacati agricoli. pagamenti dovevano essere fatti direttamente dagli agricoltori, Ad esempio, dovendo raggiungere un determinato punteggio, consulenza per consulenza, chi pensò l’applicazione della se il tecnico era un libero professionista iscritto all’Albo “Misura Y” in Piemonte decise di chiudere il sistema “a riceveva 1 punto, il doppio, 2 punti, se era un dipendente. monte”, cioè impedendo la nascita stessa degli Organismi di Ed ovviamente non veniva dato alcun valore all’esame di consulenza, in modo che operassero sempre gli stessi. abilitazione professionale. Il modo per arrivare a questo risultato fu quello di elevare Poi le aziende; bisognava dimostrare di avere assistito, all’inverosimile i criteri per poter costituire un Organismo di nell’anno precedente la richiesta di accreditamento, non meno consulenza riconosciuto dalla Regione. di 35.000 aziende. Si, proprio così, trentacinquemila aziende! Sotto questo profilo chi ispirò la deliberazione n. 49-3253 del Un numero impossibile da raggiungere anche mettendo 26 giugno 2006 della Regione Piemonte non andò tanto per il insieme tutti i liberi professionisti piemontesi. 9

[close]

p. 10

PROFESSIONE AGROTECNICO Il Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati ricorse al TAR Torino (e, incredibilmente, perdemmo. Ma la causa è ancora in piedi al Consiglio di Stato) e denunciammo la Regione all’ANTITRUST, l’Autorità per la Concorrenza, che invece censurò l’operato della Regione Piemonte come distorsivo della concorrenza e del mercato. Questa era l’Italia solo 10 anni fa, ostile alla libera professione, ostaggio di una spaventosa burocrazia pubblica e privata. Contro la quale avviammo, noi, il più piccolo Albo professionale fra quelli esistenti, una battaglia senza esclusione di colpi. Quando, già l’anno dopo i fatti piemontesi, arrivò la nuova programmazione 2007-2013 e la “Consulenza aziendale”, ora denominata “Misura 114”, diventò obbligatoria, le Regioni fecero a gara a chi faceva peggio. Ma noi eravamo consapevoli che quella sarebbe stata, per i liberi professionisti del settore agro-ambientale, la “madre di tutte le battaglie” e dunque ce la mettemmo tutta, senza risparmiare sacrifici, buttando sul piatto dello scontro tutti i (pochi) denari di cui disponevamo. Avevamo però trovato un validissimo compagno di strada, GENNAIO/FEBBRAIO 2016 la Federazione Nazionale dei Veterinari guidata dal Dott. Gaetano Penocchio (che intendeva aprire ai suoi iscritti le porte della consulenza legata al benessere animale), che non ci ha mai abbandonati ed inizialmente si schierò con noi anche l’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Forestali; lo presiedeva allora il Dott. Pantaleo Mercurio -purtroppo da poco scomparso-, che credeva nell’unità delle professioni. Assente invece l’altro Albo del settore, quello dei Periti agrari, apparentemente sordo ad ogni forma di collaborazione, senza peraltro evidenziare in proprio alcuna iniziativa su di un tema così importante. Ma, al netto di questa assenza, gli anni dal 2006 e poi furono un periodo fecondo; Agrotecnici, Agronomi e Veterinari costituirono insieme FONDAGRI-Fondazione per i Servizi di Consulenza Aziendale in Agricoltura (poi diventata probabilmente il primo Organismo di consulenza a livello nazionale, tramite cui centinaia di tecnici operano come liberi professionisti) e sempre insieme sfidammo le Regioni, impugnando ai TAR le loro delibere, quando lesive delle prerogative professionali. Purtroppo fu anche un periodo molto breve, il Dott. Mercurio, Nel sito del Collegio Nazionale si trovano tutte le sentenze ottenute in seguito ai ricorsi sulla consulenza aziendale e citate in questo articolo. 10

[close]

p. 11

PROFESSIONE AGROTECNICO impugnammo l’Ordine degli Agronomi aveva già abbandonato Presidente degli Agronomi, non aveva il dono di sapere coil gioco di squadra, ma propose comunque ricorso in proprio, municare le molte buone cose che faceva (fra le altre, dotò gli accanto a quello presentato dagli Agrotecnici e dai Veterinari. Agronomi di una sede propria, comprando uno stabile a Roma, in Le sentenze furono disgiunte (n.ri. 3473 e 3474/2008), via Pò) ed in un mondo dove la comunicazione è tutto, dove ma identiche nel risultato: la Regione Emilia-Romagna lo storytelling, se ben raccontato, fa diventare verità ogni favoandò sotto, non tutti i motivi di ricorso vennero accolti la, questa incapacità gli giocò irrimediabilmente contro: perse ma comunque la delibera regionale venne annullata nelle le elezioni per il rinnovo del Consiglio Nazionale a favore di principali parti lesive delle prerogative dei liberi professionisti chi sapeva comunicare molto meglio di lui. Il nuovo Presi(quali, ad esempio, il requisito di una “esperienza biennale”, non dente degli Agronomi, Andrea Sisti, iniziò una progressiva dovuto, oppure relativamente ai corsi di formazione obbligatoria retromarcia sia da FONDAGRI (infine addirittura uscendone) annuale, non necessari per i liberi professionisti, ecc.). e dalle iniziative fino ad allora portate avanti insieme. Ma la burocrazia regionale di Viale Aldo Moro, uscita Restò invece salda la collaborazione fra l’Albo degli Agrotecnici ammaccata dalle aule del TAR Bologna, non volle darsi per e degli Agrotecnici laureati e quello dei Medici Veterinari. vinta, ed appellò la sentenza n. 3474/2008 al Consiglio di In ogni caso, prima tutti e tre insieme e dopo solo Agrotecnici Stato, dove è andata in decisione dieci mesi fa, nel giugno e Veterinari, la forza che riuscimmo ad esprimere era rilevante e presto arrivarono i risultati. Il Piemonte, richiamato dall’ANTITRUST ad un più corretto comportamento e con una causa pendente al Consiglio di Stato, si guardò bene dal ripresentare le regole così censurate, ed i liberi professionisti poterono ivi operare senza troppe difficoltà. La Lombardia, invece, si incaponì nell’inventarsi misure discriminatorie, ma dovette mangiare la polvere con la sentenza del TAR Milano del 3 dicembre 2008, n. 5963, che annullò per larga parte la delibera regionale impugnata, sancendo il fondamentale principio secondo cui “nessuna esperienza ulteriore può essere richiesta a chi è iscritto in un Albo professionale” (che è lo stesso principio ora recepito nel DM del MIPAF del 3 febbraio 2016). Anche la Liguria volle provare a seguire la mala strada della Lombardia, ma dopo la sentenza del TAR Milano torno a più miti consigli dovendo, per evitare il ricorso e la probabile sentenza negativa, addivenire ad un “Accordo” transattivo con il quale si impegnava a rettificare le disposizioni sbagliate, modificandole in senso favorevole ai diritti dei liberi professionisti; mi recai personalmente a Genova per firmarlo, quell’Accordo, il 10 febbraio del 2009. L’Emilia-Romagna non si trattenne, a La delibera della Regione Lazio di revoca di un precedente provvedimento sulla consulenza sua volta, dal fare norme penalizzanti aziendale a seguito della diffida del Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici per i liberi professionisti, quando le laureati. 11

[close]

p. 12

PROFESSIONE AGROTECNICO GENNAIO/FEBBRAIO 2016 2015: ricorso respinto. Non potendo chiedere, ai liberi professionisti, requisiti soggettivi da loro già posseduti con l’iscrizione nell’Albo vi furono Regioni, come l’Umbria, che si inventarono la necessità di avere “uffici fisici” aperti a livello comunale, come fossimo nell’Italia rurale del 1950 e non nel mondo di internet, dove l’ufficio è tutto in un PC e la consulenza si fa con il tablet. Anche in questo caso, chi dispone di uffici dislocati nei Comuni, con personale dipendente sono i sindacati, che risultavano oggettivamente favoriti da siffatte regole. Dunque anche in Umbria ricorremmo, ma la vittoria al TAR Perugia (sentenza n. 394/2009) fu solo parziale; trovammo però piena soddisfazione nell’assai più netto provvedimento dell’ANTITRUST che, come il Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati avevamo direttamente compulsato; la segnalazione n. 914/2009 dell’Autorità Garante della Concorrenza non salvava nulla della delibera regionale (a parte la certificazione di qualità ISO 9000 quale elemento premiale per gli Organismi di consulenza). Identico copione in Abruzzo dove la sentenza n. 196/2010 del TAR di L’Aquila, su ricorso “Retromarcia” anche in Campania sulla consulenza aziendale. Siamo nel settembre 2008. del Collegio Nazionale e di tutti i Collegi degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati della aziendale”, questo risultato è il frutto di dieci anni di continue, regione, dichiarava viziata la delibera regionale sulla Misura intransigenti battaglie, anche giudiziarie, portate avanti prima 114 “per disparità di trattamento .... assoggettando ad uguale dagli Albi degli Agronomi, degli Agrotecnici e dei Veterinari disciplina situazioni fra loro differenti”, in altre parole trattando e poi solo da questi ultimi due. in misura uguale chi è iscritto in un Albo e chi non lo è. Per l’Albo degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati e per Alla Regione altro non restò che revocare la deliberazione me personalmente -e, credo, anche per l’amico e collega Gaetano censurata e riproporla corretta. Penocchio, Presidente dei Veterinari, e per la categoria ch’egli Bastò invece una diffida fatta dal Collegio Nazionale degli rappresenta- questo risultato è un grande premio, non perchè Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati alla Regione Lazio vi abbia dedicato dieci anni della mia vita -cosa che pure un per indurre l’Amministrazione a rivedere la delibera n. 508 del qualche rilievo lo ha- ma per la consapevolezza di essere riusciti 11 luglio 2008 ed adeguarla alle leggi professionali. a valorizzare il ruolo dei liberi professionisti, in qualunque Così a seguire la Regione Campania, che prontamente ritirò il Albo essi siano iscritti, a semplificare la loro vita professionale Decreto n. 444 del 10 settembre 2008 sulla Misura 114, per poi liberandoli da verifiche, esamini e corsi perfettamente inutili, adeguarlo alle richieste degli Albi nazionali degli Agrotecnici e vedere il loro ruolo riconosciuto pienamente, senza per e degli Agrotecnici laureati e dei Medici Veterinari. questo ritagliare privative o riserve di attività che non siano Le altre Regioni, invece, applicarono correttamente e fin già previste per legge, sviluppando così un sistema competitivo dall’inizio le norme sulla Consulenza aziendale oppure e concorrenziale, che non proibisce ma riconosce le capacità e le adeguarono volontariamente, senza necessità di azioni non ostacola chi vuole professionalmente crescere. giudiziarie. Un piccolo contributo a mettere le cose al loro posto ed a Se dunque oggi il DM 3 febbraio 2016 riconosce i liberi rendere più semplice, e migliore, il Paese in cui viviamo. professionisti automaticamente in possesso dei requisiti per essere annoverati idonei nel nuovo servizio di “Consulenza ROBERTO ORLANDI 12

[close]

p. 13

PROFESSIONE AGROTECNICO Fondagri: un porto sicuro per i professionisti della consulenza a Fondazione per i Servizi di Consulenza Aziendale in Agricoltura nasce nel 2007 a seguito di una comune riflessione fra i tre Presidenti dei Consigli Nazionali dei Dottori Agronomi e Forestali (Pantaleo Mercurio, scomparso recentemente), degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati (Roberto Orlandi) e della Federazione Nazionale dei Veterinari (Gaetano Penocchio). Come è stato raccontato negli articoli precedenti, nel 2006 la Regione Piemonte approvò la prima delibera regionale sui Servizi di Consulenza prevedendo regole così complicate da rasentare l’assurdità, comunque tali da impedire ai liberi professionisti, per legge competenti a quelle attività, di poterle svolgere in prima persona (avrebbero però potuto farlo nell’ambito degli Organismi di consulenza creati dai grandi sindacati agricoli, perchè la delibera regionale sembrava fatta per loro). I tre Presidenti si opposero, impugnando al TAR gli atti della Regione, però vedendosi rigettare il ricorso, e solo la successiva richiesta di intervento dell’ANTITRUST, cioè dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, riuscì a riequilibrare la situazione. L Preoccupati dal rigetto del ricorso e nel timore che questo rappresentasse un precedente negativo nei ricorsi che inevitabilmente si sarebbero dovuti presentare nelle altre Regioni (quando, con la programmazione 2007-2013, la Consulenza aziendale sarebbe diventata una Misura obbligatoria in tutti i PSR), pur non rinunciando alla tutela giurisdizionale, i tre Presidenti pensarono anche a stendere una “rete di salvataggio” per i propri iscritti, per evitare il paradosso che professionisti iscritti in Albi non potessero più svolgere una delle loro principali attività. Se le Regioni si inventavano requisiti dimensionali, per autorizzare l’attività degli Organismi di consulenza, così grandi da non potere mai essere raggiunti dai singoli professionisti, ebbene, avrebbero creato loro un Organismo simile, mettendo insieme tutti i liberi professionisti che avessero voluto raccogliere questa sfida. E così fecero. I tre Albi giocarono pertanto la partita della consulenza su due ambiti distinti; il primo, rappresentato dalla sistematica impugnazione di tutte le delibere regionali che mortificavano i liberi professionisti (sperando, come poi in effetti avvenne, di ribaltare la sentenza negativa del TAR Piemonte). FONDAGRI-Fondazione per i Servizi di Consulenza Aziendale in Agricoltura Inizialmente presieduta dal Dott. Pantaleo Mercurio, Presidente degli Agronomi, dopo le dimissioni di quest’ultimo per motivi di salute la carica di Presidente è stata attribuita a Roberto Orlandi, anche Presidente degli Agrotecnici. Il Vicepresidente è il Dott. Gaetano Penocchio, Presidente della Federazione Nazionale dei Veterinari. Negli organi amministrativi sono presenti, in parti uguali, i rappresentanti delle tre categorie che costituirono la Fondazione. Nel 2013 il Consiglio Nazionale degli Agronomi ha deciso di uscire da FONDAGRI. Il Direttore Tecnico è l’Agr. Dott. Stefano Scalini. FONDAGRI ha sede a Roma e la si può contattare al n. 06/6813.4383 oppure per e-mail, a info@fondazioneconsulenza.it 13

[close]

p. 14

PROFESSIONE AGROTECNICO E poi la seconda, quella di portare la sfida precisamente in campo aperto, con la creazione di un Organismo di consulenza di dimensioni tali da poter superare qualunque verifica. Entrambe le sfide vennero vinte. La prima inanellando una serie di sentenze positive, di annullamento di tutte le delibere regionali illegittime (TAR Lombardia n. 5913/2008; TAR Emilia-Romagna n.ri 3473 e 3474/2008 e poi Consiglio di Stato n. 2944/2015; TAR Umbria n. 394/2009; TAR Abruzzo n. 196/2010) e di provvedimenti dell’ANTITRUST censori verso le Regioni, colpevoli di inventarsi regole lesive della libera concorrenza. La seconda costituendo FONDAGRI, che in pochi anni è diventato probabilmente il primo Organismo di Consulenza Aziendale in Italia. L’idea di base fu tanto semplice quanto brillante, creato l’Organismo questo si sarebbe accreditato in tutte le Regioni nelle quali gli iscritti nei tre Albi promotori lo avessero richiesto, ottenuto il riconoscimento i professionisti che avessero voluto lavorare in questo ambito potevano iscriversi all’Organismo con la garanzia di operare sempre in un regime di libera professione. Le incombenze burocratiche le avrebbe svolte tutte FONDAGRI. Che, in breve tempo, ha macinato risultati significativi: attiva nelle Misure 111, 114 e 115 dei PSR, con oltre 2.000 consulenze effettuate per un fatturato di 4 milioni di euro, operativa in dieci Regioni (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Puglia, Basilicata e Calabria. In partnership con un altro Organismo in Sicilia), può vantare uno staff che ormai supera i 350 tecnici (non tutti operativi). FONDAGRI si presenta pronta alla nuova programmazione 2014-2020 (dove la vecchia Misura 114 ora è denominata “Misura 6”), e già ne ha assaggiato le potenzialità presentando ben 150 domande di consulenza (sotto forma di “coaching”. Adesso vanno di moda i termini anglosassoni) a valere sulla “Misura 1-Trasferimento di conoscenza ed azioni di informazione” in Emilia-Romagna. Tutto questo mentre FONDAGRI si sta scaldando i motori per partecipare alla più significativa corsa del PEIPartenariato Europeo per l’Innovazione, attraverso la costituzione dei primi due GO-Gruppi Operativi, in partenariato con le istituzioni universitarie di ricerca. E siccome i soldi su tutte queste Misure ci sono, e sono tanti, per chi vorrà lavorare (e ne è capace) c’è terreno fertile a volontà. STEFANO SCALINI 14 GENNAIO/FEBBRAIO 2016 INNOVATION BROKER OD EXOTIC FRUIT BEACH MANAGER? Se Agrotecnici e Veterinari sono, da sempre, attenti ai temi della consulenza aziendale altre categorie professionali, come quella degli Agronomi, dopo avere preso l'argomento sottogamba (tanto da uscire dalla Fondazione per i Servizi di Consulenza aziendale, che avevano contribuito a costituire e presieduto per primi), sembrano riscoprirlo, anzi enfatizzarlo, tanto da organizzare convegni dove il “consulente aziendale” viene ora assai pomposamente ribattezzato “Innovation broker”. Certo l’uso di termini inglesi è di gran voga, forse ci si sente più moderni nel farlo, ci si sente più importanti verso l’interlocutore (che magari vorrebbe chiedere “Ma che significa?” ed invece tace, per paura di sembrare inadeguato). Però è difficile sfuggire alla sensazione che l’uso di termini anglosassoni, ripetuti ossessivamente anche quanto ci sono parole italiane che rendono altrettanto bene, e forse meglio, il concetto, serva in realtà a nascondere un preoccupante vuoto o la ricerca di una alterità ad ogni costo. Non si vuol dire che sia il caso degli Agronomi, certamente capacissimi di riempire di contenuti la loro professione, e liberi di ribattezzarsi “broker” anzichè “consulenti”; viene però in mente la vecchia storiella, di quel ragazzo tutto abbronzato il quale, alla domanda “Che lavoro fai?” rispondeva serio serio “Exotic fruit beach manager”, lasciando tutti a bocca aperta. Finchè un bel giorno qualcuno gli chiese “Cioè? Che fai esattamente?”. Risposta “Giro in spiaggia. Sono l’omino del cocco bello”.

[close]

p. 15

PROFESSIONE AGROTECNICO Una previdenza tutta d’oro Sono prestazioni senza confronti quelle erogate dalla Cassa di previdenza degli Agrotecnici lla data cui scriviamo non è ancora noto il bilancio consuntivo 2015 della Cassa di previdenza degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati ma le prime indiscrezioni parlano di un bilancio luccicante come oro zecchino, con iscritti in forte aumento ed altrettanto i redditi medi dichiarati. Se così fosse, se le prime notizie venissero confermate, l’Albo degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati andrebbe ancora una volta contro corrente; le altre categorie professionali e quelle tecniche in particolare infatti “piangono miseria”, come suol dirsi, denunciando un vistoso calo dei redditi (gli Ingegneri -20% di reddito da inizio crisi al 2014, gli Architetti fino al 30%) e flessione anche nelle iscrizioni. Per gli Agrotecnici invece i numeri dicono il contrario, con redditi in significativo aumento (da inizio crisi al 2014 i redditi sono cresciuti del 15%), che nell’ultimo anno -ma si attendono i dati definitivi- avrebbero addirittura preso il volo, facendo A segnare un incremento superiore al 6% rispetto all’anno precedente. Dal momento che risultati si mili non si riscontrano nelle categorie concorrenti, che operano nello stesso settore degli Agrotecnici (Agronomi e Periti agrari), la risposta è una sola: a fare la differenza sono le diverse politiche messe in atto da ciascuna categoria. Del tutto aperta e inclusiva quella portata avanti dagli Agrotecnici e dagli Agrotecnici laureati, di diversa impronta quella delle altre categorie, declinata non tanto sulla competizione aperta quanto piuttosto sulla rivendicazione di “esclusive” professionali -ormai davvero improponibili-. Quali delle due contrapposte linee sia quella vincente lo dicono i numeri della previdenza, i più adatti per giudicare lo stato di “salute economica” di una categoria professionale. Ed i numeri dei nuovi iscritti alla Cassa previdenziale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati hanno registrato incrementi Il Comitato Amministratore della Cassa di Previdenza degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati (da sinistra) Alessandro Bianconi, Fabio Colistra, Luciano Dessupoiu, Alessandro Maraschi (Coordinatore), Domenico Rauseo e Attilio Giampieri. 15

[close]

Comments

no comments yet