Il Picchio di Torresina - mese di Giugno 2011

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

distribuzione gratuita giornale di quartiere anno 4 numero 40 ­ giugno 2011 di daniela moretti noi ostaggi l incubo diventa realta al 2003 le persone hanno cominciato a vivere a torresina e hanno segnalato a tutte le istituzioni che l incubo per tutti era ed è rimasto che se l unica via di uscita diretta per la torrevecchia via valle dei fontanili per un qualunque motivo fosse d iventata impercorribile entrare e uscire dal quartiere sarebbe stato quasi impossibile se non circumnavigando la zona attraverso via andersen in direzione g r a e rientrando da ottavia o da casalotti ebbene il 10 e 11 maggio scorso vola picchio ancora il picchio di torresina è finalmente su facebook da ora in poi potrai aiutarci a cre scere contribuendo con i tuoi articoli le tue osservazioni le tue precisazioni e molto altro grazie al social network più conosciuto in italia allora che aspetti aggiungici il picchio di torresina tra i tuoi amici di d l incubo ha preso forma un evento imprevisto per i cittadini ma prevedibile per le istituzioni la protesta degli abitanti del residence comunale fabianella dove da decine di anni sono ospitate famiglie in emergenza abitativa contro lo sgombero di alcune di queste famiglie deciso dall ufficio politiche abitative del comune di roma alcuni cittadini hanno bloccato via valle dei fontanili impedendo il transito da torresina direzione torrevecchia e viceversa continua a pag.8 strada poderale privata chiusa strada chiusa alla circolazione strada poderale privata chiusa muro eretto per impedire il passaggio delle automobili blocco del cantiere strada interrotta strada interrotta il 10/5/11 blocco vv uu blocco vv uu ponticello e strettoia riduzione da 2 corsie ad 1 per ogni senso di marcia cantiere per la rotatoria depuratore di quartaccio strada chiusa la mappa flussi di traffico e dei limiti alla circolazione alla data del 10 maggio 2011

[close]

p. 2

l angolo della poesia piedina cucciola cqua vento terra e un cuore caldo vorticosi unendosi ti diedero alla luce un guaito di latte materno un pelo corto un arto offeso a le dediche dei nostri lettori 4 giugno 2011 tanti affettuosissimi auguri al fratellino e zio più forte che ci sia buon compleanno giorgio ti vogliamo un mondo di bene un battito di ritmo e gioia e stupore a una luna crescente da margherita francesco ad un sole nascente monica mitzune e polly giocare con l erba 29 giugno 1969/2011 tanti anni fa ci siamo presi per mano e sorridendo abbiamo iniziato un cammino chiamato vita abbiamo incontrato salite scarpate ripide boschetti ruscelli prati fioriti sempre sorridendo e sorreggendoci l un l altro siamo un po più cresciuti ma riusciamo a trovare ancora in noi quei due incoscienti che tanti anni fa si sono presi per mano auguri amore mio angelo caci lode all albero secolare l ode a te grande meraviglia del creato rigoglioso e stabile poderoso e solenne dall alto della tua possanza scruti benevolo l uomo che accampato ai tuoi piedi sgrana i giorni gli anni i secoli come in una lunga corona fatta di gioie dolori vittorie e sconfitte nell affannosa ricerca di quell equilibrio che tu hai trovato resistendo impassibile al morso del gelo e alla forza dirompente del vento attendici paziente un giorno verremo a riposare per sempre sotto la tua ombra tua moglie in una notte d estate in quel di castel di tora dove si possono ammirare le stelle in tutto il loro brillare mentre guardavo il cielo mi accorsi che la stellina che mi attraeva di più di tutte era sparita forse quello che speravo si stava avverando i dolci pensieri cominciavano ad entrare nelle mia mente improvvisamente un lampo e l arcobaleno con tutta la sua bellezza entrò nella nostra vita la stellina che era sparita dalla mia vista era arrivata da noi era nata chiara impossibile descrivere la gioia che ha portato finalmente bruna e marcello erano nonni con la enne maiuscola giordano parmeggiani 2

[close]

p. 3

sommario giugno 2011 1 1 5 6 rubriche 2 2 4 10 12 12 14 14 15 noi ostaggi l incubo diventa realtà vola picchio ancora santa faustina kowalska della divina misericordia l uomo l energia e il nucleare il cibo come strumento di comunicazione 7 la storia infinita del parco giochi di torresina 9 isola dei famosi isola dei disperati 11 nuovo centro di raccolta rifiuti 13 le dediche dei lettori l angolo della poesia lettere dei lettori letti per voi il professionista risponde news dalla redazione del picchio le perle di zia pina cucinati per voi news dal comitato di quartiere torresina dopo la lettura il picchio ti invita a gettare il giornale negli appositi cassonetti per la carta perché il picchio è a favore della raccolta differenziata dove posso trovare ogni mese la mia copia de ll picchio di torresina anno 4 numero 40 giugno 2011 reg tribunale di roma n 559 del 17 dicembre 2007 sede viale indro montanelli 20 00168 roma editore associazione o.n.l.u.s noi di torresina viale indro montanelli 20 00168 roma cellulari 3338029862 3396531743 e-mail ilpicchioditorresina@yahoo.it direttore responsabile jean-luc giorda capo redattore stefania giannetto in redazione marcella speranza daniela moretti aurelia colarossi cinzia pezzola antonio picciau antonella salerno pierfederico poli luigi spagnoletti antonio di siero impaginazione progetto grafico-editoriale pubblicitario gestione internet roberto delle case hanno collaborato a questo numero angelo caci giordano parmeggiani walter morrin giuseppina provenzano stefano merciai paolo alfonsini anna maria de calisti marta montini pina ladogana stampato presso tipografia river press group s.r.l via menalca 30 tel fax 062294420 062295925 e-mail rpg@mclink.it tuttiine go zieglistudi professionali di torresina tutti gli inserzionisti esterni le edicole via torrevecchia 87242-633 e di largo millesimo alcuni negozi di via pietro maffi alcuni negozi di via torrevecchia e largo arturo donaggio le edicole di via pietro maffi alcuni negozi di via andersen municipio 19° di via mattia battistini xix gruppo vvuu via f borromeo la biblioteca basaglia via federico borromeo 67 biblioteca casa del parco e going informagiovani di via della pineta sacchetti 78 centro anziani torrevecchia monte mario primavalle ama di torrevecchia santa maria della pietà ·uffici municipali pad 29-30-31 ·padiglioni 13 26 e 32 ·centro antea atletica monte mario scuola di via andersen questo numero è stato chiuso in redazione il 30/05/2011 l associazione noi di torresina ringrazia tutti coloro che con le loro donazioni ci permettono di pubblicare il picchio invitiamo tutti i lettori che vogliono scrivere articoli poesie dediche o che vogliono raccontare momenti di vita lagnandosi o ringraziando ad inviarci i loro elaborati presso ilpicchioditorresina@yahoo.it oppure lasciando i loro scritti dal giocattolaio nuvoloni via pietro maffi 28/32 da roberto il tabaccaio di viale i montanelli o all edicola vidi di viale montanelli gli scritti dovranno essere accompagnati dalla firma dell autore che potrà scegliere di non essere citato sul giornale ma apparire solo con le iniziali o un nomignolo e un recapito telefonico 3

[close]

p. 4

le lettere dai lettori risposta al signor enrico p in merito all articolo il vero dialetto romanesco si parlava a primavalle gent.mo signor enrico p la ringrazio innanzitutto per avere scritto qualcosa che riguarda il mio articolo il vero dialetto romanesco si parlava a primavalle pubblicato sul n 37/2011 di marzo del picchio perché ciò vuol dire che l articolo ha destato un qualche interesse nei lettori nella sua lettera al giornale lei confessa una forte difficoltà a riconoscere come appartenenti al vero dialetto romanesco alcune delle frasi riportate ad esempio dell idioma in uso a primavalle negli anni `90 e che nella stragrande maggioranza delle frasi citate ritiene che più che di romanesco si possa parlare del risultato di un imbarbarimento linguistico più vicino alle battute usate dai cabarettisti romani moderni piuttosto che al dialetto reso noto da trilussa belli e pascarella certamente signor enrico sono d accordo con lei nell ammettere che il dialetto romanesco forbito è quello di trilussa del belli e di pascarella ma rifletta però anche un attimo sulla situazione della popolazione che ha abitato ed abita a primavalle innanzitutto c erano appunto le famiglie dei ragazzi che nel 1930 sono state sradicate da borgo e mandate in estrema periferia e quei ragazzi che prima si sono temprati alla vita nei vicoli a ridosso del tevere sono cresciuti poi a primavalle e dopo la scuola dell obbligo e magari anche prima hanno dovuto imparare un mestiere e faticare per mandare avanti la famiglia d origine e quindi quella propria e le loro mamme che hanno dovuto fare spesso i salti mortali per mettere insieme il pranzo con la cena nella stessa giornata ed i vecchietti del 1990 che si incontravano nel mercato rionale di primavalle con le mani callose e le gambe vinte dai reumatismi per tutta l umidità assorbita mentre magari facevano i muratori o i fabbri o i manovali a tirare su palazzi e palazzi in tutta roma e che dialetto romanesco poteva e può parlare la gente di primavalle signor enrico non certo quello affascinante ed elegante del belli magari studiato a tavolino ma un dialetto meno nobile e forse più verace che condiva i semplici odori delle cucine proletarie che si mescolava all impasto della calce e del cemento nei cantieri che non si metteva paura delle scintille scoppiettanti nelle officine e che è arrivato fino a noi certe volte storpiato dai calabresi dai marchigiani dagli abruzzesi adottati dalla romanità della borgata in effetti forse ho sbagliato il titolo del mio articolo quello esatto poteva essere il verace dialetto romanesco si parlava a primavalle un caro saluto signor enrico leonardo d ingianna caro picchio mi rivolgo a te perché so che il tuo occhio vigila attentamente sempre per la nostre strade e denuncia a chi di dovere lo stato di abbandono delle cose oggi vorrei denunciarti due spiacevoli situazioni come prima cosa ti sarai già accorto che sulla via paolo rosi è nata una nuova piccola recinzione davanti al vecchio albero tagliato si tratta dell ennesimo tombino picchettato sulla via ma possibile che non si riesce ad avere una viabilità senza problemi il continuo andirivieni dei camion dei cantieri sta dissestando l intera strada e quel che è peggio è che non si interviene mai in modo risolutivo ma sempre rattoppando mi chiedo come mai l amministrazione non interviene in modo decisivo facendo passare i camion per l altra strada il tratto finale di via di torresina ora chiusa dal cancello via paolo rosi non è nata per sostenere il traffico pesante dei camion ma solo quello residenziale delle macchine se deve passare anche il traffico pesante non sarebbe meglio rifare come si deve una volta per tutte la strada sarebbe pure più economico piuttosto che intervenire di volta in volta la seconda cosa che vorrei denunciare è la mancata pulizia della strada ogni settimana l ama viene a pulire la zona di torresina ma solo la parte più vicina al centro commerciale e mai via paolo rosi e piazza pallotta sempre sporche di cartacce deiezioni animali fazzoletti e addirittura preservativi questa cosa è stata denunciata anche agli uffici competenti ma come si può vedere non è mai stata risolta ai mal pensanti verrebbe da sospettare che dietro ci possa essere un interesse economico perché viene pulita solo la parte dove circolano soldi ma io non sono una malpensante e quindi chiedo pubblicamente quale è il motivo per cui l intera zona non viene pulita mi preme ricordare che i preservativi sono presenti proprio sulla piazza dove c è un asilo e non mi sembra questo il modo più corretto per insegnare educazione sessuale ai più piccoli concludo con una domanda alla quale chiedo venga fornita con i fatti una risposta ma perché via paolo rosi viene sempre dimenticata stefania c 4

[close]

p. 5

santa faustina kowalska della divina misericordia l a fe s t a pa tronale rano ancora i primi giorni di febbraio quando alcuni uomini e donne del quartiere hanno cominciato a pensare alla festa del 1° maggio la festa della nostra patrona santa faustina kowalska della divina misericordia e hanno cominciato ad organizzarsi alcune passavano per le case ad annunciare la festa e a raccogliere le offerte per le spese che si dovevano sostenere altre per telefono organizzavano le bancarelle i giochi la banda musicale e i fuochi pirotecnici qualcuno di buona volontà faceva i giri per risolvere i vincoli burocratici alla fine di marzo tutto sembrava già a buon punto il 1° maggio dio ha mostrato la sua misericordia era prevista pioggia ma invece è uscita una bellissima giornata alle 9:00 tante persone si sono svegliate con il suono della banda che passava per le strade le persone cominciavano a scendere in piazza quando un discreto numero di fedeli si sono radunati è cominciata la messa e pian piano altri devoti sono arrivati e dopo la messa si è avviata la processione che è passata per tutte le strade di torresina portando l immagine della divina misericordia ormai cara a tutti dopo il meritato riposo del pranzo è iniziata la parte popolare della festa le famiglie con i bambini hanno riempito la piazza per tutto il pomeriggio partecipando senza stancarsi atuttiigiochi organizzati la pesca di beneficenza era affollata e in breve tempo sono stati esauriti tutti i premi di don walter morrin e alle 17:00 gi organizzatori hanno cominciato a preparare il barbecue previsto per le 19:30,ora in cui il gruppo di musica latino americana ha cominciato a suonare coinvolgendo tanta gente in allegri balli di gruppo finalmente era arrivato il momento il profumo delle salsicce alla griglia si è diffuso nell aria e la gente si è messa in fila,la cena era servita ormai l atmosfera di festa aveva raggiunto il culmine dopo che tutti erano stati serviti i bambini ormai stanchi e i genitori con i pensieri già rivolti al domani alle 21:50 sono cominciati i fuochi d artificio uno spettacolo meraviglioso durato 20 minuti un sincero grazie a tutti per la buona riuscita della giornata al comitato della festa che è passato per le case a raccogliere le offerte che hanno permesso di organizzare l evento alle persone che hanno portato i premi per la pesca di beneficenza ai benefattori che hanno sponsorizzato la festa a chi ha rinunciato per qualche ora al parcheggio per lasciare libero lo spazio per organizzare l evento alle tante persone che hanno dedicato il loro tempo per organizzare e gestire le operazioni necessarie per i festeggiamenti e a tutti coloro che hanno partecipato nei diversi momenti della giornata grazie veramente perché piano piano stiamo diventando un quartiere sempre più unito dove c è posto per tutti viva torresina e stata una bellissima giornata il parroco padre walter 5

[close]

p. 6

l uomo l energia e il nucleare di stefano merciai nostre abitudini i nostri elettrodomestici i nostri spostamenti richiedono ogni giorno energia elettrica per non parlare delle industrie dei cantieri e dei centri commerciali l energia elettrica è oggi fondamentale per muovere la nostra società e una sua mancanza porterebbe al collasso dell attuale sistema come ha mostrato il black-out energetico di qualche anno fa la produzione di energia elettrica è funzionale al nostro stile di vita ed è normale che un paese si ponga il problema di programmare la propria politica energetica attualmente l italia produce energia per la gran parte da fonti fossili carbone petrolio e gas naturale che per la quasi totalità importiamo da paesi terzi questo non ci rende autonomi ma dipendenti da un gruppo di paesi che hanno in mano alcune chiavi tra le più importanti del nostro sviluppo un problema correlato con l uso di fonti fossili è la possibilità di esaurimento il pianeta terra ne ha una limitata disponibilità quindi per noi per i nostri figli o al massimo per i nostri nipoti si porrà questo problema c è poi la questione delle emissioni di anidride carbonica che lentamente stanno cambiando le stagioni l intensità delle precipitazioni e tanti piccoli equilibri naturali in questo quadro entrano in gioco gli impianti nucleari che utilizzano uranio per produrre energia elettrica l uranio è anch esso una fonte non rinnovabile non presente sul territorio italiano quindi dovrà essere importato e non potrà durare per molto inoltre ci sono i problemi collegati alla sicurezza degli impianti come i vari incidenti negli ultimi anni mostrano infine questione delicatissima i rifiuti che essendo radioattivi per molti anni necessitano di luoghi speciali dove essere custoditi al riparo da eventi accidentali il quadro sembrerebbe piuttosto desolante senza una vera via d uscita il nucleare solo un opzione alla meno peggio eppure mille soluzioni sono già state ideate e realizzate e molte altre potrebbero essere pensate il genio umano se ben sollecitato può creare cose fantastiche ci sono porte girevoli che recuperano l energia delle persone che entrano ed escono questa energia viene poi utilizzata per illuminare i locali le o ancora discoteche illuminate grazie ad una speciale pavimentazione che trasforma l energia cinetica di chi balla in energia elettrica come questi ci sono tanti altri piccoli esempi dove si recupera energia che altrimenti andrebbe sprecata c è poi la questione dell efficienza energetica oggi con una lampada led di circa 4watt si può avere la stessa luce di una lampada alogena di 35 watt con una riduzione di energia del 90 oppure pensiamo agli elettrodomestici è bastata l introduzione della certificazione per dare il via ad una corsa verso l efficienza oggi elettrodomestici di classe a consumano la metà rispetto a quelli di qualche anno fa ci sono poi le tecnologie che producono energia da fonti rinnovabili pannelli fotovoltaici sempre più innovativi micro turbine eoliche impianti che recuperano l energia delle maree impianti di riscaldamento o di refrigerazione che sfruttano i principi della geotermia ad esempio in una calda giornata estiva basterebbe avere delle tubature interrate a poca profondità per portare la temperatura dell aria da qualsiasi temperatura ad esempio 30 o 40 gradi a circa 7 gradi unicamente utilizzando la temperatura costante della terra dei suddetti esempi nessuno da solo rappresenta la soluzione ma insieme possono fare la differenza resta infine il nostro stile di vita l apporto che ogni singolo può dare con piccoli accorgimenti quotidiani per esempio prestando maggiore attenzione nell acquisto e nell uso dei prodotti facendo la raccolta differenziata e riutilizzando gli imballaggi attivando la lavatrice nelle ore serali utilizzando il trasporto pubblico e la bicicletta per piccoli e medi spostamenti nel weekend del 12 giugno gli italiani sono chiamati a decidere se andare avanti col nucleare oppure no spero che quel giorno sia anche un momento di riflessione per tutti per capire dove vogliamo andare e su cosa vogliamo investire migliaia di milioni di euro sul genio umano e le sue variegate invenzioni oppure su grossi impianti industriali che non ci regaleranno una vera indipendenza energetica scaricando alle future generazioni il compito di affrontare i limiti di un equo sviluppo umano 6

[close]

p. 7

di giuseppina provenzano il cibo come strumento di comunicazione arebbe riduttivo fare in questa sede un analisi sulle cause dei disturbi del comportamento alimentare poiché la comprensione psicodinamica è molto complessa come pure i numerosi fattori stressanti intrapsichici familiari ed ambientali che li caratterizzano i dati sull argomento in questione sono molto preoccupanti soprattutto per l adolescenza 1 giovane su 5 ha problemi di peso i disturbi più gravi sono l anoressia nervosa la bulimia e l obesità oggi moltissimi ragazzi scelgono la strada del rifiuto del cibo o del mangiare troppo per esprimere un disagio esistenziale profondo paura dei ruoli sociali fortemente condizionati dalla competizione dal consumismo dall immagine perché molte persone mangiano di più o di meno di quanto hanno bisogno se il nostro cervello è in grado di regolare l apporto di calorie e di nutrienti necessari alla sopravvivenza che cosa significa mangiare forse si può dire che ingeriamo un enorme quantità di fattori sociali e culturali che influenzano come ci nutriamo e controllano il nostro peso il cibo assume un importanza simbolica che inizia sin da piccoli e che va controllata se si indaga sulla storia infantile di coloro che hanno disturbi del comportamento alimentare si scopre quasi sempre che sono stati bambini estremamente sensibili ai dettami del loro ambiente fra i propri bisogni e quelli degli altri hanno optato sempre per questi ultimi finendo per perdere completamente contatto con le proprie esigenze più profonde l insorgenza del disturbo permette loro anche se in maniera distorta di ottenere la cosa a cui tenevano di più essere considerati ed amati sono persone cresciute senza gli strumenti necessari alla strutturazione di un se autonomo in grado di autovalutarsi e come da bambini rimangono estremamente influenzati dall ambiente ciò comporta la ricerca della costante approvazione da parte degli altri come aiutare questi ragazzi se nonostante le varie campagne di informazione proposte e trattate in maniera scientifica non si assiste ad un miglioramento della situazione la prevenzione è il primo valido aiuto forse bisognerebbe parlare il linguaggio degli adolescenti s pietro campanaro specialista in scienze dell alimentazione parla con loro ponendo domande di questo tipo si può avere un bel fuoco che brucia senza mettere la legna nel caminetto il corpo di un adolescente è come il caminetto che ha bisogno di legna per bruciare molto quando si salta un pasto non si mette la legna e quindi il corpo non ha energia da bruciare il metabolismo è l energia usata dall organismo per compiere i lavori interni necessari al mantenimento del corpo per mantenersi acceso al minimo ma per potersi mantenere acceso al minimo un organismo come il fuoco ha bisogno di un minimo di legna se si introduce meno del fabbisogno quotidiano per paura di ingrassare il fuoco non arde si può costruire una casa senza cemento il corpo di un adolescente è anche come una casa ha bisogno di tanto cemento per costruirsi solido quando non si introducono abbastanza minerali e vitamine la struttura non viene su solida e corretto mettere un diesel nella ferrari il corpo è anche come una ferrari che ha bisogno di molto carburante per andare a 300 all ora quando gli alimenti che si mangiano sono sbagliati non utili ai fabbisogni dell organismo il motore si ingolfa con un carburante non adatto e la macchina non corre velocemente riguardo alla terapia dei disturbi del comportamento alimentare è opportuno specificare che se indirizzata solo al sintomo è in genere fonte di delusioni vale a dire che chi segue solo diete rischia ripetute ricadute la farmacologia è inefficace perché non esistono farmaci specifici la terapia migliore rimare quella di tipo psicoterapico che spesso si rende necessaria per ulteriori chiarimenti o consulenza gratuita dott.ssa g provenzano tel 338-2391983 oggi con internet ci si può informare su qualsiasi argomento ma se i lettori vogliono dare qualche spunto per la prossima pubblicazione sarò ben lieta di accontentarli 7

[close]

p. 8

continua da pag.1 più presto possibile si è scatenato l inferno e non ci interessa sapere improvvisamente le se la protesta fosse giusta o migliaia di persone che meno come qualcuno ha quotidianamente pensato vogliamo solo percorrono via valle dei per l ennesima volta fontanili si sono resi conto segnalare la necessità di quanto quel tratto di che la realizzazione della strada sia importante famosa torrevecchia bis peri collegamenti da diventi realtà e per il quartiere e quale pensata circa 10 anni fa sia il volume di auto questa strada considerata che accoglie tutti siamo stati obbligati il blocco dell 11 mattina visto da chi esce da torresina e si opera di primaria a raggiungere via ritrova in coda impossibilitato ad arrivare a torrevecchia importanza per permettere torrevecchia attraversando quartaccio e una razionale circolazione in questo quadrante transitando su via boccea fino all incrocio con in costante espansione e che circa tre anni fa montespaccato mentre chi doveva recarsi a in una affollata assemblea pubblica al centro monte mario ha dovuto transitare sul raccordo commerciale torresina ci è stata presentata in tutta la sua grandezza e anulare uscendo a ipogeo come di imminente degli ottavi per percorrere realizzazione poi la via trionfale in vogliamo anche che sia direzione centro presa in considerazione il percorso si è allungato di l apertura di strade oggi molti km e si s ono chiuse come via virgilio allungati all infinito i testa o via del podere tempi di percorrenza fiume chiusa da quattro anche perché si sono mesi per la semplice incrociati altri notevoli realizzazione di una flussi di traffico come rotonda che in situazioni quelli di chi da casalotti di emergenza potrebbero o palmarola viaggia verso alleggerire i flussi di il centro di roma la segnaletica provvisoria per segnalare il blocco consentendo per due giorni la vita alla fine di via andersen incrocio via valle dei fontanili traffico percorsi alternativi degli abitanti di torresina e di tutto il quadrante si è trasformata in un a fine giugno cominceranno ad arrivare gli videogioco infernale aggravato dalla pessima abitanti dell art.11 di via del podere fiume gestione della situazione operata dai nostri mentre a torresina 2 avanzano le costruzioni amministratori indicazioni scritte a mano di del piano di zona e questo porterà un inevitabile piccole dimensioni posizionate in basso sui aumento di traffico su via torresina e via valle dei fontanili e quello marciapiedi e in prossimità che è stato l incubo di del blocco tanto che due giorni potrebbe tutti ci siamo resi conto diventare incubo del problema quando quotidiano oramai eravamo incanalati chi dobbiamo nell inferno e non potevamo ringraziare per le nostre fare altro che seguire tasche svuotate dalla come i dannati costretti spesa per la benzina da caronte a salire sulla bruciata in lunghe ore barca che li porterà di fila per le alzatacce all inferno le indicazioni a cui saremo costretti dei vigili urbani e gli noi e soprattutto i nostri insufficienti cartelli il sopralluogo dei tecnici del xix municipio e del indicatori e sperare di comitato di quartiere torresina ai lavori alla rotatoria figli,per una vita uscire da quell incubo di via podere fiume a tutt oggi ancora chiusa al transito sempre più complicata 8

[close]

p. 9

la storia i nf in ita il parco giochi di torresina ancora oggi chiuso ai bambini del parco giochi di torresina di marcella speranza ogni tanto arrivano notizie bufale come il terremoto che doveva esserci a roma il 12 maggio ebbene il completamento del parco giochi a torresina che doveva esserci entro la primavera 2011 è molto simile alla notizia precedente parco la ditta appaltatrice dei lavori cittadini sono stanchi e è impegnata in altri siti e noi non chiedono solo di non essere possiamo fare altro che guardare presi in giro l acqua della fontanella e i giochi alla fine di gennaio i responsabili colorati da dietro la rete e i candel 19° municipio ci dissero che celli chiusi entro la primavera il parco giochi sarebbe stato completato arredato ma noi siamo adulti i bambini alberato e messo a disposizione dei no loro soffrono per questa naturali fruitori i bambini che ancora mancata promessa e pressoché impossibile sapere so no co stre tti a giocar e su i lo str iscione affisso dai cittadin i altro qualcuno giustamente marciapiedi di to rre sin a pe r pro testa indignato ha esposto un lenzuolo erano stati rassicuranti perché dissero che tutte le difficoltà che avevano rallentato conscritto parcogiochi vergogna l opera erano state superate e bastava solo coordinare ve rgo g n a pe r ch é ai cittadin i no n ve ngon o date bene gli interventi dei singoli dipartimenti informazioni precise ed è loro diritto averle vergogna i ritardi ci sono stati e naturalmente vari sono stati i perché i finanziamenti iniziali 250.000 stanziati nel 2007 responsabili prima i vari passaggi burocratici poi i si sono svalutati e non bastano più sono denari dei progetti che si erano accavallati poi chi non aveva voluto cittadini mal impegnati vergogna perché un opera al posto dei giochi una pista ciclabile di 100 mt in un poco impegnativa come un parco giochi di 4000mq parco giochi richiesto nel 2006 da una bambina per poter dopo cinque anni ancora non vede il completamento e giocare al sindaco di allora poi il maltempo poi ogni volta la colpa del ritardo è sempre di qualcun altro l acea idrica poi l acea elettricità poi poi ma il 13 maggio durante la trasmissione foro romano su mai la responsabilità cadeva su chi doveva organizzare il roma 1 incentrata sui problemi del municipio 19 lavoro controllare verificare dove erano presenti il presidente del municipio alfredo molti di noi erano dubbiosi sulla sollecita realizzazione milioni il consigliere municipale f cirelli a.p.i i del parco perché sul posto non si vedeva lavorare consiglieri comunali f santoro p.d.l e a nessuno ma alla metà di febbraio una svolta apparvero stampete p.d e il presidente del nostro comitato due fontanelle che versavano acqua di quartiere a picciau tutti aspettavamo risposte le speranze si riaccesero anche perché uno staff di operai definitive e impegni ben precisi ma nulla di ciò è ben organizzati e coordinati in pochi giorni hanno successo montato i giochi che oggi fanno bella mostra di sé i nostri amministratori hanno preferito scontrarsi attirando l attenzione e il desiderio di tutti i bambini tra loro come se già fosse campagna elettorale della zona forse per provocazione cirelli ha buttato lì la data poiché le sorprese non finiscono mai mentre gli operai del 2 giugno per l inaugurazione del parco consapevole stavano montando i giochi alcuni come tutti noi che non sarà mai tecnici specializzati per l arredo possibile visto lo stato dei lavori urbano e la bioarchitettura dei sarei molto felice se qualcuno mi par ch i fe cer o u n sopr alluo go smentisse cominciammo ad illuderci che orala storia di questo parco è ormai nota mai il traguardo fosse vicino perché a tutti il lungo iter è raccontato l acqua c era e i giochi pure quindi s u i numeri precedenti di questo la fine dei lavori era prossima giornale potrete trovare i numeri sfortunatamente ci siamo dovuti arretrati del picchio su ricredere perché è passata una w w w to rresina n e t se ttiman a due tre me si e la storia del parco giochi affissa e una storia infinita sulla recinzione nessuno più si è più interessato di questo i 9 6

[close]

p. 10

di antonio di siero la spada del destino geralt è tornato e finalmente appare ciri e di andrzej sapkovskj editore nord 18,00 la trama del libro sono passati cinque anni da quando geralt lo strigo witcher nelle edizioni anglosassoni e nel videogioco atari creatura mutante creata per dare la caccia ai mostri che offre i suoi servigi al miglior offerente ha lasciato il convento di melitèle alla ricerca di nuova fortuna mentre gli anni passano la solitudine comincia a diventare un peso tormentato dalla sterilità che la mutazione gli ha causato cerca una compagna che possa rendergli il cammino meno difficile ufficiale sapkovskj è un genio l idea è diversa da quella vista ne il guardiano degli innocenti ancora storie brevi ma nessuna storia a fare da cornice storie disposte lungo una linea temporale ben chiara che fa sì che le storie precedenti influenzino le successive per capirci la storia con essi risente degli esiti di quella con yennifer ecc laddove nel precedente capitolo nulla dava indizi riguardo a una cronologia dei singoli episodi e d obbligo a questo punto chiedersi in cosa differiscono i due r o man zi il pu nto focale in la spada de l de stino è la psicologia di geralt in effetti al termine de igdi non sapevamo quasi nulla di lui eccetto che era un grande amatore in questo secondo romanzo sfoggia un intraprendenza se ssuale da far semb r ar e dylan dog un monaco di clausura e un abile e leale combattente in questo secondo episodio ci si interroga sulla sua interiorità sui suoi bisogni le sue illusioni i su o i sen time nti e co sa più importante di tutte le sue origini non è comunque facile affezionarsi a lui complice il cinismo necessario in un mercenario e la sua predilezione per gli amori di una notte geralt è meno di un eroe e più di un antieroe è un uomo che passa la vita a scontrarsi con le delusioni dell esistenza la donna che non intendeva intrecciare una relazione seria il datore di lavoro che si rifiuta di pagarti geralt non è più un personaggio è un essere umano nota ma chi è ciri se seguite l edizione britannica della saga sapete che la orion è saltata dal primo al terzo volume blood of elves nell edizione nordica mentre cintra è ridotta in macerie la rediviva maga triss merigold vista nel gioco e in la spada dal destino viene chiamata alla fortezza di caer moren per compiere la mutazione di una ragazzina in strigo la maga ha paura di uccidere la ragazza nel tentativo ma mentre è presa dai dubbi geralt decide che il destino dell orfanella non è quello di diventare uno strigo comincia il viaggio di geralt triss e ciri la strega yennifer incontrata nel precedente romanzo il guardiano degli innocenti non può offrirgli quello che desidera e geralt diffida della poetessa essi semplice umana pronta a gettarsi nel fuoco per amore suo solo la morte accompagna geralt nei suoi viaggi al suo passaggio la gente è divisa tra la paura e il bisogno della sua spada ma qualcosa sta per cambiare una promessa deve essere mantenuta 10

[close]

p. 11

isola dei famosi isola dei disperati quando la guerra diventa reality di paolo alfonsini invece ben peggiori intenzioni ed interessi uardo svogliatamente la televisione come un amico si vede nel momento del assisto distratto ma indignato a quello bisogno i potenti di oggi si vedono nel che trasmette poi mi soffermo un attimo momento del gas e del petrolio per il su di un immagine un uomo ancora su delle macerie fumanti scarica in aria semplice fatto di che cosa ci sia di una sventagliata di kalashnikov in umanitario nel tirare bombe segno di vittoria ma a quale prezzo intelligenti missili da crociera che alla quale vittoria fine colpiscono soprattutto il popolo le scene sono sempre le stesse durante inerme questo ancora non mi è spiegato le immagini trasmesse forti di carri armati un conflitto centinaia e centinaia di centrati aerei abbattuti nascondono disperati che cercano scampo magari sopra sapientemente dietro un ottima regia il dramma una barca di fortuna per raggiungere un isola che vive una popolazione le donne che vengono una salvezza mentre la propria terra viene martoriata e violentata da una guerra che si combatte sempre allo stuprate le lacrime dei bambini impauriti ed affamati gli stesso modo sul campo tra morti e feriti mentre noi sguardi tristi ed inebetiti dei vecchi che assistono all ennesimo e purtroppo non ultimo massacro ormai le vediamo dal salotto buono di casa nostra un bello schermo piatto comprato rigorosamente a rate credo ormai che l assuefazione la rassegnazione ci porti a tasso zero lcd led full hd 40 pollici per vedere le immagini non distinguere più il vero dal falso il giusto dallo nitide in sedici noni ed effetto surround per sentire meglio sbagliato e quindi trasformando tutto in un coacervo il fragore delle bombe dove non esiste più differenza vedere uno scontro a fuoco certo molto ha fatto la tecnologia per farci assistere al e uno spettacolo ne più ne meno uguale che guardare meglio a questo scempio molto è migliorato dalla prima un qualsiasi programma tv uno zapping mentale veloce guerra in vietnam vista su antiquati schermi in bianco e che inquina il nostro pensiero cosi da ritrovarci la sera lì nero la cui accensione era come il miracolo di san gennaro davanti sul divano magari con i pop corn dopo aver visto l ultimo sbarco un attesa spasmodica di profughi tra una aspettando che si pubblicità ed scaldassero le valvole un altra che ci ma il sunto di quello descrive i bellissimi che guardiamo non e regali che le grandi purtroppo assolutamente compagnie petrolifere cambiato se non hanno riservato per i l asetticit à e d il clienti tesserati più distacco con cui fedeli in attesa che assistiamo a questi cominci magari drammatici eventi quello che è il nostro metabolizzati ormai programma preferito dalla nostra sopita coscienza l isola dei insomma come famosi giusto che sia la volgarità eletta ad eccellenza solo la morte rimane l e ripetute situazioni lì immutabile imbarazzanti di nello stesso modo famosi e famosetti sul che si moriva ieri si muore oggi si soffre kim pÚc ovvero la realta il vero volto della guerra viale del tramonto vietnam 1972 foto nik ut premio pulitzer della loro misera allo stesso modo si celebrità che piangono migliaia e migliaia di vittime sempre allo stesso modo e lo sbraitano urlano a colpi di parolacce e che sono simili alla tipologia dei film definiti pornografici strazio rimane sempre lo stesso cambiano i personaggi che fanno la storia sì ieri nixon perché come in certi film si ripetono susseguentemente stalin hitler oggi obama sarkozy ecc ecc ma la storia anche lì sempre le solite stesse scene che finiscono come asseriva quel grande scrittore che è stato lev tolstoj c o n l i di o t a di t ur n o c he se rv e se mp re al lo che poco ha insegnato purtroppo con guerra e pace stupido per sentirsi intelligente sarebbe bella se solo fosse vera ma uno di sera è stanco dopo una giornata di duro i soliti noti sempre ancora sporchi del sangue di passati lavoro e vuole rilassarsi dirà qualcuno interventi militari si siedono nuovamente al solito tavolo ma con i molti disoccupati licenziati cassaintegrati sorridenti per dividersi l ennesima torta ieri in iraq che ci sono dirà qualcun altro cambogia eritrea come oggi in libia afghanistan le beh questa è un altra storia se avrete pazienza e se dimenticate angola e ciad e domani chissà coperti ancora mi sopporterete ve la racconterò un altra volta sempre da quell aggettivo umanitario che copre buona visione a tutti g 11

[close]

p. 12

de calisti anna maria commercialista montini marta consulente del lavoro lo st ud io de calisti a.m e montini m manda un saluto di benvenuto iniziale a tutti i lettori che si i noltrano nello scadenzario fiscale di giugno 2011 il nostro lavoro aiuta il contribuente a risolvere i problemi fiscali dall a alla z il detto popolare del mese è giugno apri il pugno in 730 per coloro che sono dipendenti collaboratori questo caso è una sacrosanta verità in quanto quando pensionati entro la scadenza prorogata al 20 giugno si pagano le tasse il pugno si apre con scadenza del 16 giugno prorogato isee red detrazioni ecc al 6 luglio per i versamenti che derivano dalla dichiarazione dei redditi unico irap e acconto della cedolare secca sugli affitti sia per le persone fisiche studio de calisti anna maria che per i titolari di partita iva che applicano gli studi via leonardo mellano 72 di settore 00125 roma per coloro che sono titolari di partita iva senza studi 06/52352585 cell 3333087137 di settore minimi che applicano l imposta sostitutiva e-mail amdec@libero.it la scadenza rimane al 16 giugno con la scadenza del 16 giugno i titolari di immobili si devono apprestare a pagare l ici in unica soluzione o come primo acconto i versamenti possono essere effettuati con il modulo f24 o bollettino postale lo studio rammenta che avendo dipendenti o collaboratori anche occasionali la scadenza del 16 giugno prevede l irpef ritenuta d acconto e contributi inps per gli iscritti alla camera di commercio con la scadenza del 16 giugno si versa il diritto annuale tramite f24 lo studio essendo anche caf cgn è in grado di fornire ulteriori servizi tra cui · · ista l esperienza positiva dello scorso anno scolastico data dal gradimento eal raggiungimento degli obiettivi il corso della musica in fiorellini apre le iscrizioni dal 1 giugno per l anno scolastico 2011/2012 il corso e rivolto ai bambini in età prescolare dai 3 ai 6 anni non compiuti la metodologia usata si basa su un apprendimento soft ci si avvicina alla musica tramite i colori sottoforma di una fiaba facendo in modo che il bambino apprenda giocando e divertendosi le regole musicali che di loro sono però così austere nella lezione è compresa poi una parte pratica dove ci si avvicina allo studio delle percussioni per ogni tipo di informazione e per le iscrizioni potete rivolgervi al 348.9042009 loredana v scuola pio la torre ha potuto assistere a meravigliosi cori intonati dagli alunni di tutte le classi un inno ai 150 anni dell unità d italia e stato emozionante ascoltare l inno di mameli cantato interamente cosa piuttosto rara da tutti quei bambini diretti magistralmente bravi speriamo che le difficoltà che attanagliano la scuola pubblica non riescano ad impedire queste iniziative bravi c hi ha avuto l occasione di passare la mattina del 27 maggio su via torrevecchia davanti al cortile della il rassegna cinematografica biblioteca casa del parco via pineta sacchetti 78 con incontra-giovani casa del parco presentano la rassegna cinematografica un amicizia e una svolta tutti i mercoledì alle ore 16,30 verranno proiettati i seguenti film 1 giugno julie julia di nora ephron 22 giugno mar nero di federico bondi dalla redazione 8 giugno il discorso del re di tom hooper ingresso libero del picchio 15 giugno il mio amico eric di kean loach 26 maggio in via vinci porta portese nord si è tenuta una bella giornata alla quale hanno partecipato il consigliere la giornata conclusiva del progetto la sicurezza è comunale g ciardi il cons municipale m pirandola di strada è stato l epilogo di una serie d incontri ideatore dell evento il presidente ass vigile amico r che l associazione vigile amico ha avuto con i ragaz buscia zi nelle scuole di ogni livello durante l anno alcune associazioni i vigili urbani la protezione civile prima con lezioni in aula quindi direttamente sulla ecc ed i ragazzi di alcune scuole strada sono stati dimostrati gli aspetti relativi alla ci auguriamo vista l importanza della materia trattata sicurezza ai comportamenti stradali e all uso informato che l anno prossimo si coinvolgano un numero sempre dei mezzi di locomozione maggiore di scuole complimenti la 12

[close]

p. 13

di antonio picciau nuovo centro raccolta rifiuti per vivere in spazi più puliti più civili più decorosi mattina del 25 maggio l assessore comunale all ambiente marco visconti il presidente dell ama marco daniele clarke l amministratore delegato ama franco panzironi e il presidente del 19° municipio alfredo milioni hanno inaugurato il nuovo centro raccolta ama di via mattia battistini 537 la nuova struttura costruita su quella preesistente è stata realizzata in circa 9 mesi d lavoro con un costo complessivo di 490.000 i cittadini che si erano risentiti per la chiusura del centro r acco lta pre ce de nte pr esen ti in b uo n n ume ro all inaugurazione hanno dimostrato di gradire il nuovo impianto i lavori di ammodernamento hanno prodotto una razionalizzazione delle aree migliorando la funzionalità e rendendo più ampia e articolata la capacità ricettiva l accesso è reso più agevole da rampe meno ripide è stato edificato un tetto di copertura rifatta l intera pavimentazione e rinnovato l impianto di illuminazione nella struttura potranno confluire i rifiuti ingombranti provenenti dalle utenze domestiche non saranno accettati rifiuti conferiti da utenze industriali trasportati su autovetture o furgoni privati di portata inferiore ai 35 quintali i cittadini avranno disposizione singole postazioni con cassoni e contenitori presso i quali gettare i rifiuti distinti per tipologia a parte l elenco dei materiali che si potranno smaltire il centro avrà i seguenti orari di apertura dal lunedì al sabato dalle ore 7 alle 13 e dalle 14 alle 18.30 la domenica e i giorni festivi dalle 7 alle 14 per ciascun turno saranno a disposizione un responsabile della struttura e due operatori ecologici per assistere ed aiutare gli utenti per una corretta differenziazione dei rifiuti si ricorda inoltre che l ama mette a disposizione dei cittadini altri canali per disfarsi dei rifiuti ingombranti elettrici ed elettronici le 186 postazioni mobili attive in luoghi ed orari prefissati gli appuntamenti con le raccolte straordinarie organizzate in collaborazione con il tgr lazio il servizio di ritiro a domicilio riciclacasa e lavoro che può essere prenotato contattando il numero 060606 ci si aspetta che i cittadini si rendano conto che una città più pulita dipende anche dal comportamento di ciascuno la e importante non lasciare vicino ai cassonetti o peggio ancora appoggiati ai muri dei palazzi o sui marcipiedi quei materiali che imbrattano le nostre strade e dimostrano l imbarbarimento di coloro che non si sentono responsabili del decoro dei luoghi in cui vivono la prossima raccolta dei materiali ingombranti a torresina ci sara il 19 giugno alpar ghe ggio di via barbato 13

[close]

p. 14

consigli e non solo carissimi siamo alle porte dell estate chissà quanti giovani hanno già avuto coraggio a tuffarsi nelle ancor tiepide acque del mare e quanti di voi di qualsiasi età saranno stati spinti a voler progettare nuove iniziative in tutti i campi proprio a causa di quel nuovo spirito d iniziativa che porta l avvento dell estate uno spirito di novità di gioventù sarà tutto questo che avrà portato gli antichi romani a dedicare questo mese ai giovani juniores o come asseriscono altri alla dea giunone gli eventi del mese iniziano il giorno 2 con la festa nazionale dell anniversario della proclamazione della repubblica italiana avvenuta nel 1946 il 5 è il corpus domini festa civile e religiosa ed alla fine del mese il giorno 29 ricorre la festa civile e religiosa dei santi pietro e paolo dopo queste notizie passo a rispondere con le mie perle ai quesiti sottopostomi da voi via e-mail e questo il periodo che nei mercati si può trovare grande e varia quantità di frutta come ciliege fragole nespole angurie meloni e tante verdure da sentirsi imbarazzati per la scelta tutte fresche e tenere ma rovescio della medaglia con loro si prospettano piccoli problemi quante volte di fronte ad una cassetta di meloni restiamo nell imbarazzo di sapere quale è il più maturo sarà quello che premuto nella parte opposta al picciolo risulterà più molle quelle fragole così belle a guardarsi e buone a mangiarle possono crearci dei problemi se per distrazione dovessimo far cadere delle gocce del loro succo sui nostri vestiti le loro macchie possono essere tolte applicando su di esse una soluzione in uguale misura di aceto e succo di limone e poi lavando regolarmente di marcella speranza a cura di pina l anche il succo delle ciliege potrebbe creare fastidiose macchie che potremo eliminare bagnando con il latte la parte interessata per poi lavarla con acqua e sapone e cosa dire delle macchie provocate dal succo dei mirtilli sulle nostre mani o sui nostri abiti esse si tolgono con il succo di limone le macchie non sono certo un bel vedersi e ci impegnano ad affrontarle con soluzioni semplici ed economiche così è il caso di quelle di ruggine sul cotone che mi richiede filippo queste possono esser tolte usando aceto caldo con un pizzico di sale fino sciacquando dopo il tutto in acqua calda prova se l aceto si presenta spesso come nostro valido alleato così stranamente non lo è la semplice acqua che se cade su un tessuto di seta può lasciare aloni come intervenire basterà sfregare la parte con aceto bianco prima di lavarlo normalmente l aceto risulta anche quale valido anticalcare che messo su una spugna è utile per sgrassare recipienti e lavelli inoltre per mantenere morbidi gli indumenti di seta occorrerà porre nell acqua di lavaggio dell aceto bianco e cosa dire di quanto sia brutto vedere quegli aloni gialli di sudore sotto le ascelle delle camicie anche qui entra in azione il nostro alleato aceto che dovrà essere spruzzato prima del lavaggio velocemente invio un saluto ed un grazie alla mia omonima giuseppina r che mi trasmette 2 consigli che pubblicherò nell articolo del prossimo mese ora corro anch io a preparare il costume da bagno e la borsa da spiaggia salutissimi e tante cose belle la vostra leperlediziapina@libero.it zia pina spuma di limone con salsa ai frutti di bosco ingredienti per la spuma gr.100 di succo di limone gr.50 di zucchero gr 200 di panna da montare gr.10 di gelatina in fogli 3albumi ingredienti per la salsa gr 250 di un misto tra fragole more lamponi e ribes anche surgelati gr.100 di zucchero di m.speranza preparare la spuma far ammorbidire per circa 15 minuti la gelatina in acqua fredda in un tegamino portate ad ebollizione il succo di limone con lo zucchero mescolando di tanto in tanto finché lo zucchero sarà sciolto togliete dal fuoco unite la gelatina strizzata bene e fatela sciogliere mescolando lasciate raffreddare intanto montate la panna quindi incorporatela al composto freddo montate a neve ferma gli albumi e uniteli delicatamente versate il composto ottenuto in uno stampo spennellato d acqua e tenetelo in frigo almeno due o tre ore per preparare la salsa lavate sotto l acqua fredda i frutti di bosco freschi togliete il picciolo e asciugateli se i frutti sono surgelati teneteli una mezz ora fuori dal congelatore frullateli insieme allo zucchero e metteteli n una salsiera per servire immergete lo stampo per un istante in acqua calda quindi capovolgetelo su un piatto di portata e portate in tavola insieme alla salsa a piacere potrete decorare il piatto con un po di frutti di bosco zuccherati farete un figurone buon appetito ti sei perso delle uscite del nostro giornalino o ti manca un numero uscito e vorresti stamparlo ora su internet puoi leggere rileggerle stampare archiviare in in alto al centro c è la voce con il menù a tendina digitale,ovunque e in qualsiasi momento al sito de il picchio di torresina e i link dei mesi 14

[close]

p. 15

news dal comitato di quartiere torresina il 25 maggio 2011 ha aperto l isola ecologica del municipio xix il centro raccolta ama di via mattia battistini 545 il centro di raccolta sarà aperto nei giorni feriali 07.00 ­ 12.00 e 14.00 ­ 19.00 nei giorni festivi 07.00 ­ 13.00 si potranno buttare batterie al piombo consumabili da stampa grandi elettrodomestici inerti calcinacci ingombranti oli vegetali vernici e solventi sarà possibile rimuovere il muro solo se lo richiederanno i cittadini di via virgilio testa donazione sangue croce rossa italiana e noi tutti ringraziamo coloro che hanno partecipato alla raccolta di venerdì 27 maggio un ringraziamento speciale a padre walter che ha messo a disposizione i locali della chiesa per l evento ricordiamo che quando sale il termometro scendono le scorte di sangue ma la salute non aspetta ogni anno con l arrivo del caldo si creano fisiologiche carenze nei servizi trasfusionali in tutta italia e cresce l impegno delle associazioni di volontariato a colmarle specie laddove sono ormai strutturali il lazio è purtroppo tra le prime regioni a finire a secco il gruppo donatori torresina santa faustina nasce con questa piccola grande missione sensibilizzarvi su questo problema e tre prosegue l iniziativa fido adotta un aiuola dopo harley e nuvola anche pippo ne ha adottata una la proposta accolta con entusiasmo dal comitato e dall associazione noi di torresina nasce da una proposta dei proprietari di cani gruppo amici dei cani che vogliono vivere in un quartiere pulito quante volte passeggiando coi loro cani si sono sentiti guardati e giudicati come insozzatori di marciapiedi a volte sono proprio loro i primi a pagare le conseguenze della maleducazione altrui però le cose possono cambiare e loro vogliono prendersi cura di un aiuola dove sarà affissa l immagine del proprio amico a quattro zampe il tuo quartiere non È una discarica t or n a l in iziativa giun ta alla su a xii e dizio ne domenica 19 giugno 2011 terzo appuntamento dell anno con la raccolta straordinaria gratuita dei rifiuti ingombranti e particolari dalle 8.00 alle 12.30 nei municipi dispari ed i quartieri del porta a porta ci vediamo a torresina nel parcheggio di via andrea barbato sul lato opposto al capolinea del 46 sempre per la mattina del 19 giugno in via barbato è prevista la raccolta dell usato in ottimo stato giocattoli e vestiti per l infanzia l iniziativa è curata dal comitato torresina muro di via andrea barbato il comitato torresina ringrazia pubblicamente il presidente della commissione sicurezza di roma capitale on fabrizio santori per aver finalmente fatto luce sui motivi della strada chiusa esiste un accordo siglato alla fine del 2002 fra il comitato di via testa ed il comune di roma in base a tale accordo contribuisci senza spendere un centesimo se vuoi contribuire a mantenere in vita il picchio di torresina che stai leggendo senza spendere nulla quando f ai la dichiarazione dei redditi devolvi il 5 per mille scrivendo questo numero grazie 15

[close]

Comments

no comments yet