Speciale Giovani Matite

 

Embed or link this publication

Description

Raccolta di fumetti degli alunni della terza media D.Manin di Cavallino treporti

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2



[close]

p. 3

C L A S S I T E R Z E S C U O L A M E D I A D A N I E L E M A N I N CAVALLINO TREPORTI SPECIALE

[close]

p. 4

Progetto editoriale realizzato nell’ambito della manifestazione “Cavallino Comics 2015” Dieci giorni nel mondo del fumetto a Cavallino Treporti Copertina e realizzazione grafica a cura di Gianfranco Pereno

[close]

p. 5

La seconda edizione di Cavallino Comics presenta con gioia una sezione speciale dedicata alle giovani matite. S q u a s h - S b l o o m - B a n g - G u l p - Z i i p - F i i s h - B r o k - G r o g C r i k- C r e k- S c r e e k- S c h e r e r e k- G a r a g r rg n a u Bunda-Imauafu- Spossinotti Altro non posso dirvi. Affrontate la vita con gioia e sorridendo sempre, perché la vita è così, è come un fumetto, fatta di sogni, di fantasie, di immaginazione. Insomma la vita è fantastica. Ringrazio chi ha permesso questa iniziativa, voluta con forza dal Professor Basile e sostenuta con entusiasmo da tutto lo staff di Editoriale Unicorn. Arch. Giacomo Rigutto

[close]

p. 6

Cavallino Treporti non è un comune grande, ed ha una sua aria tranquilla che è un misto di laguna e di mare, all’incrocio tra la sua campagna tradizionale ed lo sviluppo turistico degli ultimi anni. Eppure la sua comunità è ricca di idee, di iniziative e di progetti che non sfigurano a fianco di quelli di alcune località ben più grandi con cui confina. E così, quasi per sorpresa, a Cavallino Treporti c’è sempre qualcosa da fare, da vedere e da scoprire. Una delle iniziative più significative e più nuove del 2014 è stata senza dubbio la prima rassegna Cavallino Comics, che ha portato nel Litorale del Cavallino una nuova occasione per riflettere sul fumetto d’autore, realizzando un’interessantissima esposizione in cui si respirava il ricordo e l’affetto del nostro territorio per il grande Maestro Hugo Pratt. Come deve essere, visto che Pratt ebreo, romagnolo, inglese ed argentino, e naturalmente veneziano, rappresenta nella sua complessità una delle anime più profonde di Venezia e della sua laguna. Dopo l’esito della Manifestazione dello scorso anno, l’Istituto Daniele Manin ha accolto con entusiasmo la proposta di collaborazione dell’Associazione Unicorn Editoriale di coinvolgere i ragazzi delle nostre scuole in un progetto di educazione al fumetto. Un’educazione necessaria ed “alta” perché il fumetto è una forma d’arte e di letteratura che ha saputo rispondere più di altre alle esigenze espressive del XX secolo, e che ha portato la sua carica espansiva ed espressiva in un secolo, il nostro, in cui la carta sembrerebbe destinata a cedere il passo ai pixel ed all’elettronica. E invece, con il fumetto, è la carta profumata che regna indiscussa, carta su cui sono riprodotte le bellissime tavole ad acquerello della nostra scuola fumettistica “veneziana”. Il progetto si è svolto per tutto il primo quadrimestre durante le lezioni di Educazione Artistica della Scuola Media Vittore Carpaccio, ed ha portato alla realizzazione di 74 tavole fumettistiche fatte dai nostri ragazzi di cui siamo un po’ orgogliosi. I ragazzi hanno risposto con intelligenza, abilità e passione agli stimoli di questa sfida espressiva, sotto la guida del Professor Basile, e crediamo che abbiano davvero capito che la realizzazione di prodotti culturali di grande interesse non è solo una cosa “da grandi”, ma una cosa adatta ai grandi di ogni età. Come Dirigente delle scuole di Cavallino Treporti, è un vero piacere poter presentare questo catalogo che resterà come testimonianza di un lavoro fatto bene, e come memoria del nostro anno scolastico e della bellissima mostra che accompagna. Buon divertimento e buona lettura! IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vittore Pecchini

[close]

p. 7

Tutto inizia da qui: un’idea di trama in cui dal nulla dei personaggi prendono forma e carattere in degli ambienti che pian pianino verranno creati “ad hoc” per ospitarli e farli vivere in un racconto che si consumerà in sole due tavole fumettistiche. Un lavoro di sintesi non indifferente per questi piccoli fumettisti che hanno provato l’emozione di veder crescere una loro idea tra scambi di opinioni e confronti diretti che li hanno portati a crescere, conoscersi e ad accettarsi. Un lavoro svolto “insieme” all’interno dei loro piccoli gruppi e direttamente a contatto con l’insegnante revisione dopo revisione, consiglio dopo consiglio tra momenti di gioia e momenti di sconforto superati dall’obbiettivo finale ed entusiasmante di prendere parte ad un evento territoriale aperto a contributi esterni di alta qualità e professionalità grazie all’azione organizzativa dell’Associazione culturale letteraria EDITORIALE UNICORN. Il risultato finale, apprezzabile su tutti gli elaborati a prescindere dalle abilità artistico-espressive dei singoli ragazzi, che si presenta con un buon risultato complessivo, ha richiesto un grande lavoro di immaginazione e di ricerca protesa sempre verso nuove soluzioni nei dialoghi, nella gestione delle azioni dei personaggi e nella impaginazione complessiva del tutto. Un lavoro che ha preso forma partendo dalla visione di fumetti noti analizzandone gli schemi di impaginazione legati sia a inquadrature tipicamente cinematografiche sia a inquadrature che dessero enfasi tanto agli scorci prospettici quanto alle azioni dei personaggi stessi, il tutto al fine di apprendere le tecniche di strutturazione dello spazio pagina più comuni con l’obbiettivo di sperimentarne di personali, giocando con la superficie bianca del foglio e facendola divenire contenitore unico ed originale. Tra bozze di sceneggiatura e schizzi di prova si è giunti alla realizzazione dei primi storyboards utili a chiarirci le idee sul da farsi e giungere così agli spazi e alle forme di ogni iniziale studio di vignetta, fino alle prime sequenze di azioni ed alle prime sintesi di dialogo impostate con l’uso variegato della nuvoletta ma anche seguendo la strutturazione fumettistica delle voci fuoricampo mediante l’uso di didascalie e colonnine al fine di velocizzare la narrazione stessa. Inutile dire che tra tutti i lavori alcuni spicchino in modo particolare per resa grafica, impaginazione e per coerenza narrativa a tal punto da indurre gli organizzatori dell’evento a metterli in evidenza nell’indice del catalogo grazie ad una segnalazione artistica marchiata da una macchia di inchiostro, come a simboleggiare un segno di inizio verso un percorso artistico che potrebbe un domani divenire d’eccellenza. Con tutto l’affetto verso questi alunni di classe terza che si accingono a breve a fare un salto importante nel loro percorso di crescita culturale e sociale e con tutto l’amore che da sempre nutro per ogni forma di espressione e comunicazione artistica auguro a tutti voi di godere di questi piccoli viaggi a volte gioiosi e scherzosi ed a volte intrepidi e avvincenti, osservandoli e leggendoli e apprezzandoli quale frutto di piccole mani ispirate ad operare da una fantasia che definirei davvero senza limiti. Prof. Giuseppe Marco Basile

[close]

p. 8



[close]

p. 9

7

[close]

p. 10

8

[close]

p. 11

9

[close]

p. 12

10

[close]

p. 13

11

[close]

p. 14

12

[close]

p. 15

13

[close]

Comments

no comments yet