La scomparsa del Caravaggio. Misteri dell’arte

 

Embed or link this publication

Description

Arte, cronaca, mafia. La scomparsa della Natività di Caravaggio dall’oratorio di San Lorenzo, avvenuta a Palermo nel 1969, rimane un caso irrisolto. Un mistero, un furto che non è solo un furto.

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2



[close]

p. 3



[close]

p. 4



[close]

p. 5

Oratorio giornalistico LA SCOMPARSA DEL CARAVAGGIO Misteri dell’arte Testo di Attilio Bolzoni Tratto dall’opera teatrale “Il Caravaggio rubato” di Giovanni Sollima

[close]

p. 6

Glifo Edizioni via Beato Angelico 53, 90145 Palermo – www.glifo.com Redazione, editing: Sarah Di Benedetto Copertina, progetto grafico e impaginazione: Luca Lo Coco Fotografie Letizia Battaglia (pp. 30-31, 62) Rosellina Garbo (pp. 10, 14, 20-21, 28, 41-42, 58, 60, 70-84) Archivio dell’Associazione Amici dei Musei Siciliani (p. 24) Archivio “L’Ora”, Biblioteca della Regione siciliana (pp. 34, 52, 56) Frame video Igor Renzetti, da fotografie di Letizia Battaglia (pp. 36-38, 47-49) Igor Renzetti (pp. 50, 54-55, 64-67) Si ringraziano: Associazione Amici dei Musei Siciliani, Letizia Battaglia, Rosellina Garbo, Nino Impallari, Luisa Montaperto Per gentile concessione della Fondazione Teatro Massimo di Palermo LA SCOMPARSA DEL CARAVAGGIO Misteri dell’arte ISBN 9788898741205 Prima edizione in “Fuoriscena” marzo 2016 © Tutti i diritti riservati

[close]

p. 7

LA SCoMPArSA DEL CARAVAGGIO “FUORISCENA” Arti sceniche su carta Dopo la pubblicazione de Le sorelle Macaluso di Emma Dante, la nostra collana “Fuoriscena” dà il bentornato ad Attilio Bolzoni che aveva firmato – assieme a Marco Gambino e Manuela Ruggiero – il primo volume della nostra collana: Parole d’Onore Teatro. Le voci della mafia. “Fuoriscena”, però, dà anche dei benvenuti, infatti il presente volume non è che il risultato di tante collaborazioni e nuove amicizie: Letizia Battaglia, Cecilia Ligorio, Igor Renzetti e Giovanni Sollima, che assieme hanno realizzato l’opera teatrale Il Caravaggio rubato, da cui ha preso vita La scomparsa del Caravaggio. Misteri dell’arte. Un mistero, per l’appunto, perché uno dei furti più noti della storia dell’arte rimane, purtroppo, un caso irrisolto. Arte, cronaca, mafia. 7

[close]

p. 8



[close]

p. 9

scrivere di palermo di Attilio Bolzoni Anche se ci sei stato dentro per tanto tempo, anche se pensi di conoscerla nelle sue pieghe più intime e inaccessibili, scrivere di Palermo non è mai facile. A volte mi sembra di saperne molto di Palermo, a volte niente. Quando mi sono messo davanti a un foglio bianco – in certi momenti ho bisogno della carta per segnare i pensieri – per scoprire dove avrei potuto iniziare questa mia lunga e un po’ immaginifica cronaca palermitana (dopotutto, sono sempre solo un giornalista) su questo celebre quadro rubato – un furto che non è solo un furto – mi sono affidato all’istinto e lasciato trasportare nella città. Il territorio racconta sempre tutto. Me l’ha insegnato Palermo. 11

[close]

p. 10



[close]

p. 11

la partitura musicale di Giovanni Sollima Ci sono quattro piani percettivi, tanti quante le persone che hanno lavorato a questo progetto. Letizia Battaglia con le immagini, per cominciare, con le sue foto che hanno attraversato il tempo, la storia, che hanno il solco degli eventi che rappresentano e al tempo stesso – proprio per la distanza – raccontano visi sempre più immobili. C’è il testo di Attilio Bolzoni, appassionato e lucido, e per questo poetico, e ci sarà il suo timbro di voce. C’è la mia musica. C’è il linguaggio visual di Igor Renzetti. E c’è il lavoro di Cecilia Ligorio. La sua regia, in tutta questa storia, ha un ruolo importantissimo perché mette in comunicazione tre approcci anche abbastanza diversi. 15

[close]

p. 12



[close]

p. 13

Oratorio giornalistico il caravaggio rubato Testo di Attilio Bolzoni Musiche di Giovanni Sollima Fotografie di Letizia Battaglia Regia di Cecilia Ligorio Video di Igor Renzetti Direttore e violoncello solista Giovanni Sollima Voce recitante Attilio Bolzoni Foto di scena di Rosellina Garbo Produzione Teatro Massimo di Palermo, Teatro Massimo Bellini di Catania Prima assoluta 5 marzo 2016, Teatro Massimo, Palermo

[close]

p. 14



[close]

p. 15

IL CARAVAGGIO RUBATO PROLOGO Entra l’orchestra. Mentre i musicisti accordano gli strumenti, Attilio entra in scena. Lentamente le luci di sala calano d’intensità. L’orchestra rimane in silenzio. Attilio prende posto su una sedia sopra una pedana. Ha in mano un taccuino. ATTILIO – Si nasce a piedi nudi. Anche a Palermo si nasce senza scarpe. Lo so perché lo so, lo so perché l’ho visto. Io ho visto mio figlio Carlo, nato a Palermo la mattina del 14 agosto 1989, che aveva meno di un minuto di vita e non aveva i piedi nascosti da un paio di scarpe. Carlo era su una lastra di marmo, in una stanza buia al primo piano di una clinica che ha davanti un bellissimo giardino ed 25

[close]

Comments

no comments yet