L'Eco del Fuoco nr. 25

 

Embed or link this publication

Description

L'Eco del Fuoco nr. 25

Popular Pages


p. 1

01 1 l’Eco del Fuoco direttore Giovanni paoletti iFmagazine 25 | Febbraio 2014 Organo ufficiale anFUS IFmagazine – Impianti fumari e fuoco domestico in formato «L’Eco del Fuoco», organo ufficiale ANFUS, Associazione Nazionale Fumisti e Spazzacamini e della scuola FUSPA, Formazione ed aggiornamento installatori, costruttori e manutentori professionisti, caminetti, stufe e impianti fumari | Periodico di informazione tecnica e umanistica, Via Filippo Bernardini 16 – 00165 Roma Tel. 06.39388501 Fax 06.39388437 | Direttore Giovanni Paoletti Caporedattore Valentina Zini Grafica e impaginazione Francesco Paolo Odorisio Hanno collaborato Florindo Adorante, Sandro Bani, Paolo Boaglio, Piero Bonello | Stampa Mediagraf S.p.A. | Tutti i diritti sono riservati, non è concesso l’uso dei testi, delle foto e dei disegni senza espresso parere della redazione Numero 25, Iscrizione Tribunale n° 53/98. Finito di stampare il 15 febbraio 2014. primo piano Sopra il tetto “Non rispetti le quote di sbocco???” “Ma, veramente io non so cosa siano le quote di sbocco....” . Va bene, te lo diciamo noi. La quota di sbocco si determina misurando l’altezza minima che intercorre tra il manto di copertura ed il punto inferiore della sezione di uscita dei fumi in atmosfera. n Segue a pagina 4 Spazzacamini d’Italia abilitati Le motivazioni che comportano l’abilitazione degli Spazzacamini sono tre e tra loro correlate: 1. il DPR 74/13 indica che le operazioni di manutenzione devono essere eseguite da ditte abilitate ai sensi del DM 37/08; 2. nessuna legge può togliere il lavoro a lavoratori regolarmente iscritti alla camera di commercio di competenza e operanti sul territorio da tempo, con professionalità e competenza tecnica specifica; 3. la nostra Repubblica è fondata sul lavoro. Di conseguenza, come accaduto in precedenza per i Fumisti che hanno ottenuto con la medesima relazione l’abilitazione alla lettera C, gli Spazzacamini sono abilitabili di diritto dalle camere di commercio in quanto tali enti tutelandone la continuità lavorativa, sono garanti e saranno attivi per la rimozione di qualsiasi ostacolo dovesse frapporsi tra gli Spazzacamini che da anni svolgono regolarmente il loro ruolo economico e il loro stesso lavoro. n Segue a pagina 4 Prossima la conclusione del percorso di riconoscimento del mestiere Cortesia Denis Corsi Nessuno tocchi gli Spazzacamini Nessuna legge può togliere il lavoro a lavoratori regolarmente iscritti alla camera di commercio di competenza e operanti sul territorio da tempo, con professionalità e competenza tecnica specifica. n Segue a pagina 4 C’è la crisi... e allora cambiamo Prova a sostituire la parola “crisi” con il termine “cambiamento”. Datti da fare. La crisi è cambiamento. La crisi che ci porta a prendere delle decisioni diventa un’opportunità per modificare la realtà. Nella storia il superamento di una situazione di crisi è avvenuta con innovazioni tecnologiche che hanno cambiato la realtà preesistente sino a modificare la struttura sociale. n Segue a pagina 3 Il Marchio volontario è una garanzia Scelta la Qualità in attesa dell’obbligo europeo sulla formazione Fumisti e Spazzacamini Italiani ANFUS non attendono l’imposizione comunitaria e scelgono la via più difficile, quella della Qualità e del marchio volontario di qualifica professionale. Lo hanno voluto e conquistato con il percorso formativo Installatori e Manutentori Impianti a Biomasse. Con esami, controlli di qualità sul campo e tesi di studio in fumisteria e impiantistica. Consegnati i primi 120 certificati ApQ alle associate ANFUS che hanno terminato il loro percorso formativo 1998/2013 e in dirittura di arrivo per il triennio 2014/2016 le restanti 430 aziende specializzate nella progettazione, installazione, verifica, messa a norma, manutenzione, controllo di caminetti, stufe e impianti fumari. La crisi ha dato forza e determinazione a queste piccole aziende che hanno fatto un grande passo in avanti. n Segue a pagina 3 Elenco telefonico Esperti Cerca il Fumista per installare, costruire o mettere a norma caminetti, stufe e impianti fumari. Cerca lo Spazzacamino per pulire, controllare o verificare l’impianto fumario. Cerca il Produttore per conoscere i migliori impianti fumari, caminetti, stufe, forni e accessori. n inSerto a pagina 7 “Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 - DCB - ROMA” Un ottimo abbinamento ANFUSoluzioni Sei un rivenditore, oppure un direttore dei lavori, o magari sei un amministratore di condomio, forse un termoidraulico... ah sei una persona che ama il calore di un caminetto acceso? Bene i soci ANFUS hanno un consiglio, una soluzione, un’idea per ognuno di voi in qualsiasi zona vi troviate. n Segue aLLe paginE 14 E 15 UNI TS 11278. Sempre questi numeri, queste formule, questi termini tecnici difficili. Facciamola semplice. Un camino per ogni impianto. Perchè così funziona, non inquina e dura nel tempo n Segue a pagina 2 Cortesia Denis Corsi ANC Service 37 Fumisti trainano le norme Non rispettare il DM. 37/08 espone il privato ad impianti pericolosi e inefficienti oltre a fornire, alle compagnie assicuratrici, un valido motivo per non risarcire il danno in caso d’incendio derivato da impianti non conformi alle norme (circa 200.000€ a sinistro). E’ fondamentale affidarsi ad aziende in regola ed abilitate. Per aiutare i propri clienti AN Camini ha lanciato Il nuovissimo servizio “ANC Service 37”, curato direttamente dal reparto tecnico per affiancare il cliente nella preparazione di tutti i documenti necessari per l’emissione della “Dichiarazione di conformità alla regola dell’arte ai sensi del DM. 37/2008”. www.ancamini.it I fumisti installatori denunciano la mancanza di serietà altrui 22 milioni di impianti fumari sprovvisti di targa camino e dichiarazione di conformità. 5 milioni di caminetti e stufe privi di documentazione complementare riscaldano gli Italiani. Il 60 % degli impianti a biomassa sono fuori norma… I Fumisti sono preoccupati nel vedere quotidianamente disattese le normative tecniche da parte di ditte non qualificate ne abilitate o ancor peggio abilitate si, ma prive di conoscenza e aggiornamento tecnico che operano senza tutelare i consumatori Italiani. Per rispondere a questa continua emergenza la linea politica ANFUS è puntata all’applicazione complessiva e non mediata dell’abilitazione dei Fumisti, alla messa a norma degli impianti e al riconoscimento delle competenze tecniche degli operatori, per rispondere alle esigenze di tutti quegli installatori, professionali e onesti, che applicano con coscienza ma crescente fatica le norme. n Segue a pagina 5

[close]

p. 2

02 1 2 a tutta tecnica iFmagazine 25 – l’Eco del Fuoco – Febbraio 2014 Un camino per ogniimpianto:UNITS 11278 La specifica tecnica che ci aiuta a scegliere prima di installare Adeguare le normative tecniche vuol dire aggiornare le prescrizioni all’evoluzione tecnologica e delle altre norme: UNI TS 11278 è alla sua prima revisione e deve essere applicata per la scelta di canne fumarie, camini, condotti e canali da fumo metallici rigidi e condotti per intubamento flessibili. Il testo è finalizzato alla scelta corretta dei dispositivi in funzione del tipo di applicazione. La norma detta i criteri di scelta in funzione del tipo Cortesia Focus rispetto dello sbocco Il camino ha perso nel tempo quel “requisito” di generica opera edile per acquisire specifiche connotazioni tecniche. La complessità ed il ruolo del camino è sottolineato oggi dalla normazione tecnica e dalla legislazione che con il DM 37/08 vieta la realizzazione di impianti fumari di servizio a impianti di riscaldamento a installatori e imprese che non sono in possesso dei requisiti tecnici professionali di cui alla lettera C del Decreto. Il camino è il motore del sistema e trasporta i prodotti della combustione fino ad altezza tetto con adeguata velocità e altezza. L’inclinata del tetto e i volumi tecnici distanti meno di 5 metri dal comignolo determinano la zona di reflusso per la quale la posizione e l’altezza del camino devono essere tali da porre il comignolo decisamente fuori dalla zona di reflusso di almeno 50 cm. L’argomento non è complesso se il tecnico segue gli schemi della UNI 10683 che semplificano la valutazione e considerano la presenza di parabole televisive e camini in prossimità, e finestre di altri edifici. L’interazione tra Progettista, Fumista, Direttore dei Lavori e Spazzacamino è funzionale per individuare e realizzare la migliore soluzione per ogni specifico caso. (rif UNI 10683:2012 – punto 6.5.8.1). piERO BOnELLO l’adeguamento delle normative tecniche ha lo scopo di aggiornare le prescrizioni all’evoluzione della tecnologia di applicazione e relativa designazione del prodotto. In ambito nazionale, la revisione della TS si è resa necessaria anche a seguito del recepimento UNI delle norme di prodotto armonizzate di cui al Regolamento UE n. 305/2011. Quest’ultimo fissa le condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione e ha sostituito la precedente Direttiva Prodotti da Costruzione (CPD) gyrofocus – primo esemplare al mondo di camino centrale sospeso e rotante a 360° 89/106/CEE. È stata perciò elaborata una nuova TS funzionale ai criteri di scelta degli elementi costituenti l’impianto fumario, in funzione della loro designazione dichiarata dal fabbricante in conformità alla UNI EN 1443 e alle specifiche norme europee di prodotto applicabili: UNI EN 18561, UNI EN 1856-2, UNI EN 14989-1 e UNI EN 14989-2. I produttori hanno l’obbligo di dichiarare, attraverso la designazione prevista dalle norme di prodotto, le prestazioni attese del prodotto che immettono sul mercato: ma il loro compito si ferma qui, perchè non sono in condizioni di sapere su quali apparecchi o parti di impianto verrà installato il loro prodotto. Il progettista e l’installatore devono essere guidati nella scelta da uno standard specifico che preveda, ad esempio, di correlare la temperatura dei fumi alla resistenza di parete, per evitare che il camino abbia a collassare per effetto di una temperatura inadeguata al punto di fusione del metallo di cui è composto il camino. Per abbinare correttamente prodotto e apparecchi, tenere sotto controllo: le classi di temperatura, pressione, resistenza alla condensa, resistenza alla corrosione, resistenza al fuoco di fuliggine e distanza dai materiali combustibili. Ovviamente la norma stabilisce correlazioni tra classi di resistenza alla corrosione e designazione e correlazioni tra resistenza alla corrosione e tipo di materiale per ogni tipologia di “fumi”, che siano gassosi liquidi o solidi. L’utilizzo di condotti metallici flessibili è previsto esclusivamente per l’intubamento di camini/canne fumarie/asole tecniche ed in presenza di combustibili solidi con designazione “G”, e per lo scarico dei vapori di cottura. Non tenere in massima considerazione questa norma significa lasciare il cerino acceso nelle mani dell’ultimo componente della filiera dell’impianto cioè l’installatore il quale è costretto a fidarsi delle mirabolanti quanto estemporanee promesse di prestazioni dei prodotti, salvo poi essere chiamato a rispondere in caso di danni ed incidenti, abbozzando pasticciate difese. APRI GLI OCCHI SULLA SICUREZZA E QUALITÀ Da noi sono garantite, da sempre. 06 0051 SISTEMI FUMARI IN ACCIAIO INOX AISI 316L ETNA di Portioli Giorgio & C. s.n.c. VIA N. BIXIO 42 . 42045 VILLAROTTA di LUZZARA - REGGIO EMILIA . ITALY Tel. 0522 820114 / 0522 820857 - Fax 0522 228407 www.etnainox.it - etna@etnainox.it

[close]

p. 3

03 1 www.radiofuoco.com qualità totale 3 i primi 119 Percorso formativo 1998/2013 ApQ: il sistema operativo della Qualità piERO BOnELLO “ANFUS programma Qualità” è il marchio di qualità che distingue sul mercato i Fumisti e gli Spazzacamini Italiani, con Competenza tecnica, Affidabilità, Esperienza e capacità risolutive. Il percorso formativo che porta all’ottenimento dell’ApQ è ricco di corsi di formazione realizzati con il patrocinio degli Enti locali, in linea con i principi della formazione continua previsti dalla Comunità tecnici che espongono questo “marchio” si contraddistinguono per aver seguito uno specifico programa formativo e per avere un’adeguata esperienza lavorativa. L’ApQ non viene dato a tutti. Bisogna meritarlo. I criteri sono stati giudicati da molti severi, ma da sempre ANFUS e Scuola FUSPA pensano alla tutela dei tecnici e degli utilizzatori di caminetti e stufe. Per ottenere il marchio bisogna essere in possesso di specifica iscrizione camerale, aver seguito il corso base di formazione del proprio settore, aver seguito almeno un master di perfezionamento o dieci corsi di aggiornamento. Una commissione tecnica interna vaglia l’effettivo possesso dei requisiti e vigila sul mantenimento dei requisiti anche attraverso verifiche volte a valutare la non violazione delle regole associative e soprattutto della deontologia professionale. Il Socio Anfus in Qualità, è un operatore altamente qualificato, aggiornato sulle normative tecniche vigenti, in grado di operare con cognizione di causa e risolvere con successo le quotidiane sfide lavorative. La scuola FUSPA offre così una grande occasione agli operatori del settore per ottenere una certificazione di competenza tecnica. Mettere mano ad un impianto anche costruito da Un’attestazione di competenza tecnica guadagnata sul campo Ecco l’elenco delle prime 119 aziende associate ANFUS che seguendo il percorso formativo della Scuola FUSPA hanno ottenuto il certificato “ANFUS Programma Qualità” e sono quindi arrivati a potersi fregiare del Marchio ApQ. Gli attestati sono stati consegnati dal Presidente Giovanni Paoletti e dal Vice Sandro Bani durante il “Meeting Internazionale degli Spazzacamini”. L’evento veronese ha visto l’incontro tra i vertici della Federazione Europea Maestri Spazzacamini e gli esponenti del mercato e delle istituzioni per discutere del riconoscimento e dell’inquadramento delle figure professionali. Le aziende in ApQ sono: 2R, A.M.B., Amici, Artedil, Baldan, Bani, Barruscotto, Belloni, Berto, Berton, Bertuzzi, Besana, Bezzi, Biagini, Borghesan, Brambilla, Brevi, Brianza Fumi, Buccio, Cam Camin Gli Spazzacamin, Cardani, Casa del Marmo & Caminetto, Causero Claudio e Luciano, Cegan, Chiuminatti, Cicconi, Cimarosti, Cogoli, Colzi, Consiglio, Conta, Cossu, Cragnolini Combustibili, D&G – Tecno, Dal Bò, Dallo, De Dominicis, De Vita, Dell’Andrino, DFT Making, E.S. Technology, Ecofiamma, Ecoproject, Edilia, Essegi Energy, Fietta, Friul Fumi, Fumisteria Rossi, Garcia, Gavazzi, Ghelzi, Giorgi, Gori, Iemmi, L&D Automazioni, La Fuliggine, La Porta, Largaiolli, Lavoratori, Lo Spazzacamino D’Abruzzo, Marogna, Masiero, Materia, Mazzetto, Meoni, Milani, Morra, Mr Kamino, Mucci Camini, Nicolli Stufe, Noto La Diega, Olivieri, Olmeda, Omerini, Paris, Petrozza, Pianalto, Piepoli, Pilloni, Piramide Piccola Sooc. Coop., Pirazzo, Pistolesi Caminetti, Poliservice, Pramar, Progetto Fuoco, Ravanelli, Righetti, Rigodanza, Ristorto, Rizzi, Rossatti, Francesco Rossi, Federico Rosso, S.I.P.O., Santin, Sili, Silvestri Claudio e Alessandro, Sparla, Spazzacamino Dino, Stefan, Studio Progetto, Suraci, Taurisano, Tekno Fuoco, Tenni, Toffano “Caldo & Freddo”, Tosini, Trazzi, Troian, Valle, Valvano, Verde & Fumo, Yon, Zandomenego, Zonta, Zuin. È lo strumento che i soci anFus si sono dati come riconoscimento della qualità professionale. per il cliente significa fiducia Europea. E’ lo strumento che i soci ANFUS si sono dati come riconoscimento della qualità professionale. In assenza di specifiche regole soprattutto a tutela dei Maestri Spazzacamini e in attesa di una chiara applicazione dei Decreti sulla formazione specializzata nel nostro settore, il marchio ApQ offre ai consumatori uno strumento di fiducia nei tecnici che lo hanno ottenuto. I il marchio apQ altri significa diventarne responsabile, rendendo necessaria la specializzazione. Il Marchio ApQ risponde in pieno ai principi della Scuola. La professionalità può essere riassunta in tre caratteristiche fondamentali: sapere, saper fare, essere. Su questi presupposti ed obiettivi il programma formativo della Scuola FUSPA ha sviluppato il programma formativo degli ultimi 20 anni: • il possesso di conoscenze teoriche aggiornate (il sapere); • il possesso di abilità tecniche o manuali (il fare); • il possesso di capacità comunicative e relazionali (l’essere). Il Sistema Operativo ANFUS si basa sulla formazione e l’aggiornamento tecnico sulla teoria e la pratica applicazione delle normative, con il coinvolgimento degli studenti. L’indissolubile legame tra la crisi e il cambiamento Tutti conoscono la forte connessione tra il significato di queste due parole SanDRO Bani La crisi ci porta a prendere delle decisioni e diventa così un’opportunità per modificare la realtà. Nella storia il superamento di una situazione di crisi è avvenuta con innovazioni tecnologiche che hanno cambiato la realtà preesistente sino a modificare la struttura sociale. Dal fuoco alla ruota, dall’aratro pesante al motore a vapore, dall’energia elettrica al computer. Negli ultimi anni stiamo vivendo un cambiamento incredibile legato alla possibilità di comunicare con tutto il mondo e di spostarci velocemente. Queste tecnologie, che hanno portato alla globalizzazione, hanno rotto gli equilibri precedenti. Le nuove sfide, non più facili di quelle passate ci danno la possibilità di cambiare, di costruire una nuova realtà, abbiamo oggi opportunità un tempo impensabili. Così il nuovo sui quali intervenire per raggiungere questo obiettivo sono prima di tutto: ridurre il fabbisogno energetico operando sulla struttura della casa con isolamenti e serramenti adeguati; impianti in grado di produrre energia a minor costo e minor impatto ambientale. In questo contesto possiamo dare il nostro contributo con la biomassa. Ci rendiamo conto da queste poche frasi che non è possibile pensare di non essere legati a tutto questo contesto anzi solamente se ci integriamo in questa filiera possiamo avere la possibilità di dare il nostro contributo. Installare un apparecchio a biomassa al di fuori del contesto sarà sempre meno richiesto. Per dare un servizio vengono richieste molte competenze che solamente con un lavoro di squadra si possono ottenere. Per cui o siamo in grado di organizzarci o dobbiamo far parte di un gruppo in grado di farlo. A questo dobbiamo aggiungere il fatto che per stare sul mercato dobbiamo essere in grado di proporre i servizi a costi competitivi e questo in primo luogo si ottiene diminuendo le spese generali. Le sinergie che si possono produrre collaborando saranno determinati per ridurre le spese fisse. La grande quantità di abitazioni pubbliche e private che vedrebbero ricompensati gli investimenti economici con il risparmio porterebbe ad un aumento significativo della produzione nel nostro paese innescando un meccanismo positivo per tutta l’economia. Mancano però due aspetti importanti perchè questo progetto si possa concretizzare, il primo è la fiducia nel domani che dipende dall’atteggiamento psicologico delle famiglie verso gli investimenti; il secondo dalla facilità di accesso al credito. Su questo dobbiamo rispondere con la promozione e con proposte concrete. dellanesta.it mercato che si apre va capito, è chiaro a tutti che non si costruirà più come in passato ci sono migliaia di case invendute che sono già vecchie. Il tema che ha una forte prospettiva è la necessità di riqualificare energeticamente gli edifici per ottenere un risparmio energetico adeguato all’investimento. L’investimento verrà pagato dal risparmio. I fronti VALORIANI I primi forni a legna e a gas PROFESSIONALI con il piano in COTTO REFRATTARIO rappresentano la miglior sol ione per pi e co e al p nto gi sto Per carne pesce e verdura • FORNO TRAILER Il forno professionale sempre con te! • FORNO GRILL Refra ari Valoriani S.r.l. Via Caselli alla Fornace, 213 • 50066 REGGELLO (FI) tel. 055 86 80 69 • fax 055 86 95 992 valoriani@valoriani.it • www.valoriani.it • VALORIANI VERACE Testato e consigliato da A.V.P.N. PATENTED ValorianiOvens Valoriani

[close]

p. 4

04 1 4 spazzacamini maestri iFmagazine 25 – l’Eco del Fuoco – Febbraio 2014 L’Europa vuole Spazzacamini riconosciuti Un facile paragone per trovare la ragione comune: l’automobile delle attività di manutenzione dei camini e di impianti fumari e di riscaldamento” assegnata alla Commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati, finalizzata ad introdurre l’obbligo di manutenzione attraverso l’affidamento della medesima ad operatori qualificati. Nel maggio 2012 gli spazzacamini ANFUS, in occasione della Conferenza Nazionale sulle Rinnovabili Termiche organizzata da Amici della Terra, hanno consegnato al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano una lettera il cui tema è il riconoscimento della figura professionale, l’obbligo della manutenzione di tutti gli impianti a biomassa, l’accesso alla formazione specifica ed un percorso professionale per il riconoscimento del mestiere. Nell’ottobre 2013 il presidente ANFUS ha relazionato presso la medesima commissione attivita’ produttive, in merito a caminetti, stufe e impianti fumari. Informando i parlamentari che 5 milioni di famiglie si riscaldano esclusivamente con uso di biomassa legnosa ma persiste una mancanza legislativa per gli specifici operatori: Maestro Spazzacamino manutentore e Fumista installatore, con un costo sociale enorme. A febbraio 2014 infine ANFUS e scuola FUSPA hanno pubblicato importanti documenti sulle motivazioni del riconoscimento del mestiere e l’abilitazione degli attuali operatori previo esame, accesso ApQ e creazione dell’elenco operatori accreditabili presso le Regioni. Oggi in corso di deposito anche in UnionCamere, Ministero del Lavoro e dello Sviluppo Economico Queste iniziative, in parallelo con l’applicazione della legge n. 4 /2013 sulle professioni non regolamentate e al D.Lgs n.13/2013 sulle definizione degli standard di competenza, hanno lo scopo di far uscire gli spazzacamini dal novero dei lavoratori fantasma attraverso il riconoscimento univoco delle qualifiche degli impiantisti e manutentori. ANFUS da 20 anni lavora per il riconoscimento degli spazzacamini: un uomo a 20 anni è un “ragazzo” arruolabile in caso di guerra. Qui siamo in guerra contro il pressapochismo e il disinteresse diffuso, ma i morti ammazzati stanno tra gli utilizzatori degli apparecchi. Noi, con la freschezza dei nostri vent’anni, vogliamo che questa guerra finisca. incendi camini Un problema caldo Il numero degli incendi tetto registrato sul nostro territorio è ad oggi molto alto. Dai report dei Vigili del Fuoco, emerge che le cause sono riconducibili principalmente ad una scarsa manutenzione del condotto fumario e ad installazioni eseguite non a regola d’arte. Gli incendi hanno coinvolto anche canne fumarie certificate, che hanno superato le prove di stress termico e di shock termico descritte nella norma UNI EN ISO 1859, le quali consentono di determinare a che distanza le canne fumarie metalliche devono essere installate dai materiali infiammabili. Per indagare il problema e per proporre una soluzione, l’ANFUS ha iniziato una collaborazione con il gruppo di Fisica Tecnica del Dipartimento di Ingegneria Meccanica dell’Università degli Studi di Brescia, che ha elaborato un modello che consente di simulare lo scambio termico tra canna fumaria e tetto. Lo studio ha evidenziato che le prove di collaudo possono non essere sufficienti. Negli ultimi anni, il legno, dato il suo elevato potere isolante e la sua capacità portante, si è prepotentemente diffuso come materiale da costruzione ed il crescente interesse al risparmio energetico ha portato alla realizzazione di tetti in legno sempre più spessi ed isolanti. All’evoluzione nelle tecniche costruttive, non è stato però affiancato un aggiornamento della norma UNI EN ISO 1859: le canne fumarie installate in tetti altamente performanti si trovano ad operare in condizioni molto più critiche di quelle che si verificano durante le prove di collaudo. Inoltre, la temperatura massima misurata nel tetto dipende da molti fattori: temperatura dei fumi, distanza tra canna fumaria e tetto, spessore e conduttività termica del materiale isolante della canna fumaria, spessore e resistenza termica del tetto, numero e posizioni degli strati di cui il tetto si compone. Quantificata l’influenza di questi fattori sulla temperatura massima misurata nel tetto, il progetto di ricerca si propone di preparare delle tabelle che andranno a costituire un elemento di controllo ulteriore rispetto alle prove di collaudo e verranno messe a disposizione dei produttori e degli installatori di canne fumarie. Le tabelle guideranno i produttori nell’identificazione delle caratteristiche che le canne fumarie devono avere per poter essere installate in tutta sicurezza in tetti molto spessi ed isolanti. Gli installatori, in base alle caratteristiche del tetto e alla temperatura dei fumi in uscita dal generatore di calore, potranno verificare se la tipologia di canna fumaria che stanno installando necessita di ulteriori accorgimenti rispetto a quanto prescritto dalle norme: gli accorgimenti potrebbero essere un aumento della distanza dai materiali infiammabili imposta dalle norme oppure l’interposizione di un elemento ulteriore tra canna fumaria e tetto. Università di Brescia Dip. di Ing. Meccanica e Industriale Manuela Neri Davide Luscietti Mariagrazia Pilotelli Spazzacamino all’opera abiltazione a cascata Il DPR 74/2013 richiede operatori abilitati per effettuare la manutenzione, richiesta che teoricamente potrebbe escludere gli Spazzacamini attualmente non abilitati dal futuro lavorativo, ma che in pratica ne determina l’abilitazione. La considerazione di supporto è la seguente: nessuna legge può togliere il lavoro a lavoratori regolarmente iscritti alla camera di commercio di competenza e operanti sul territorio da tempo, con professionalità e competenza tecnica specifica. Quindi la richiesta normativa, per quanto incongruente con un decreto precedente, determina una condizione nuova, totalmente a favore e conclusiva per l’abilitazione degli attuali Spazzacamini in attività. Tale situazione l’avevamo vissuta già a marzo del 2008 al momento della pubblicazione del DM 37 che vietava l’installazione di caminetti e stufe a chi non fosse abilitato, con la conseguenza logica che i Fumisti in grado di dimostrare con fatture che installavano già prima dell’entrata in vigore del decreto, vennero abilitati, con remore iniziali e scuse finali. giOVanni paOLETTi Scelta e successivo acquisto dell’automobile passano attraverso soggetti professionali ( concessionario, rivenditore ecc) i quali propongono agevolazioni sotto forma di sconti sull’assicurazione, rottamazione, valutazione dell’usato ma anche sotto forma di controlli gratuiti in garanzia. Oltre a ciò la legge impone di sottoporre a determinate scadenze il veicolo ad una revisione che accerti che i requisiti di sicurezza del veicolo esistono ancora dopo un certo tempo, indipendentemente dalla percorrenza. Se non si fa la revisione il veicolo viene stoppato ed il proprietario multato: la sicurezza prima di tutto. Per i piccoli impianti a combustibile solido dopo la scelta attraverso soggetti più che professionali impazza il fai-da-te, nonostante l’obbligo, pochi richiedono la manutenzione, se non l’incentivo da parte del produttore sotto pena di perdere la garanzia: la sicurezza dopo di tutto. E’ un’anomalia tutta italiana. In Europa è molto difficile installare una stufa o un caminetto senza il preventivo controllo dello Gli spazzacamini hanno una proposta concreta, l’hanno presentata al legislatore ed è diventata una proposta di legge spazzacamino-gestore dell’impianto, che decide i tempi e modi di manutenzione obbligatoria dell’impianto. Nei paesi dove esiste riconoscimento, abilitazione e regolamentazione del mestiere non si verificano incidenti, intossicazioni ed incendi dovuti al malfunzionamento degli impianti fumari. In Italia l’inquinamento da combustione cresce e gli incidenti non fanno quasi più notizia: però lo spazzacamino continua ad impegnarsi nonostante non sia regolamentata la sua professione. ANFUS è intervenuta in questo panorama non solo attraverso la promozione della qualificazione professionale, ma anche con quattro significativi atti che coinvolgono direttamente i Poteri dello Stato. Nella scorsa legislatura è stata presentata la proposta di legge 4073 “Disposizioni in materia di disciplina NESSUNO CAPISCE L’ARTE CONTEMPORANEA. QUANTI INVECE LA TECNOLOGIA DI UNA CANNA FUMARIA? VI SPIEGHIAMO PERCHÉ I NOSTRI PRODOTTI SONO INNOVATIVI. ALA significa prodotti evoluti e abbiamo i nostri buoni motivi per sentirci sicuri del nostro primato: Quasi 50 anni di esperienza nello sviluppo di sistemi per lo smaltimento dei fumi. Scelta accurata delle materie prime, ricerca e sviluppo delle nuove tecnologie. Prodotti certificati secondo le più attuali norme europee. Uso esclusivo di materiali riciclabili, concepiti per la combustione di fonti energetiche rinnovabili.

[close]

p. 5

05 1 www.radiofuoco.com Fumisti abilitati 5 “Siamo fumisti professionisti, abilitati e formati” Arriva chiara la denuncia dei fumisti che si sono battutti per l’abilitazione specifici e la dicitura “spazzacamino” o “fumista”. Questo è un ulteriore passo avanti nel riconoscimento. Di seguito un vademecum per scegliere al meglio. per il fai da te; • No al fai da te, il pericolo di caduta dal tetto e intossicazione per manomissione della canna fumaria sono certi; • Devono uscire subito dal mercato i concorrenti sleali, chi lavora senza partita iva deve essere fermato e multato, e i dopo lavoristi esclusi dal mercato. Cortesia GBD SPA Scegliere sempre il fumista abilitato e lo spazzacamino qualificato • Attenzione perché sono in aumento gli incidenti sui tetti con cadute dall’alto perché ci sono persone NON qualificate, NON preparate e NON attrezzate che installano e puliscono camini; • I veri professionisti del settore impianti fumari escono dalle scuole tecnico-professionali, hanno speso da 40 a 50.000,00 euro per attrezzature, furgone, master di qualifica professionle e specializzazione, che possono essere riconosciuti da un marchio di qualità; • Ci sono persone che lavorano sui camini anche senza partita iva; • Sono in aumento le cause per intossicazione da monossido di carbonio per manomissione di canne fumarie da parte di persone non qualificate o il ruolo tecnico, sociale e ambientale del fumista • Quello del Fumista è un lavoro rispettoso dell’ambiente: per diminuire i consumi di combustibile e di ossigeno; • Spazzacamino e Fumista sono oggi in qualità con il marchio Q degli operatori impianti energia rinnovabile, che viene utilizzato solo da coloro che seguono la formazione continua. Per questo ANFUS ha depositato la proposta di legge in parlamento e ha avuto di recente una audizione presso X commissione parlamentare per riconoscere la professione e tutelare il consumatore • I Fumisti sono essenziali per ridurre gli incendi dei tetti e pagare il giusto costo di intervento di un professionista ANFUS vuol dire avere assicurazione di un lavoro corretto • Il crescente utilizzo di impianti di riscaldamento a legna e pellet ha generato la richiesta di personale specializzato e i 20 anni di scuola FUSPA che oggi compiamo, hanno prodotto un aumento della professionalità dei Fumisti Italiani. giovani e futura occupazione Non dobbiamo dare false illusioni. Iniziare oggi una attività di Fumista instalaltore e’ impegnativo, costoso e faticoso: seguire Master, acquisto di attrezzature e strumenti, allestimento furgone per una spesa di 40.000,00 euro. E ovviamente abilitazione professionale. Ma attenzione che i costi di gestione fiscale, contributiva ed amministrativa di tale attività sono tali e quali ad una impresa artigiana con dipendenti, quindi con alta incidenza di ammortamento del capitale iniziale (40.000,00 euro) e la forte stagionalità del lavoro. Sistema di estrazione fumi FLORinDO aDORanTE E’ venuto il momento di far capire con chiarezza che siamo dei professionisti, impegniamo tempo e denaro per la formazione, e che bisogna diffidare da chi si improvvisa Fumista e può mettere in pericolo la sicurezza del cittadino. Da alcune ricerche delle Camere di Commercio emerge che le nostre professioni sono in aumento. A nostro avviso l’aumento è dato dalla nostra nuova consapevolezza di iscrivere le aziende in camera di Comemrcio, in modo corretto. ANFUS ha indicato in questi ultimi anni di utilizzare i codici di attività Dichiarazione di Rispondenza FEDERicO ROSSO Quotidianamente i Fumisti e gli Spazzacamini si trovano nella condizione di dover lavorare su impianti fatiscenti. E questa non è una novità. Ma con l’entrata in vigore del DM 37/08 bisogna anche “certificarli” questi impianti fatiscenti che in Italia sono circa il 70% del parco impianti. Dall’eternit, all’alluminio passando per “semplici” materiali non marcati CE la sfida del Fumista è trovare un impianto realizzato per lo meno con materiali conformi. Per questo esiste la Dichiarazione di Rispondenzache può essere utilizzata per attestare lo stato degli impianti in caso di compravendita o di affitto di un immobile. E’ una dichiarazione introdotta dall’articolo 7 comma 6 del DM 37/08. Tale dichiarazione è necessaria e sostituisce la dichiarazione di conformita’ quando quest’ultima non sia stata prodotta o non sia piu’ reperibile, per gli impianti eseguiti prima dell’entrata in vigore del suddetto decreto. La “dichiarazione di rispondenza” deve essere firmata: - da un Quando dotare un impianto del documento professionista iscritto all’Albo professionale per le specifiche competenze tecniche richieste e avere esercitato la professione per almeno 5 anni nel settore impiantistico; - dal responsabile tecnico di un impresa abilitata solo per gli impiantinon soggetti a progetto da parte di un professionista. Il responsabile tecnico deve ricoprire tale ruolo da almeno cinque anni in una impresa abilitata nel settore impiantistico cui si riferisce la dichiarazione. Per gli impianti eseguiti prima dell’entrata in vigore della legge 46/90 ovviamente il Responsabile non ha la “dichiarazione di conformità”. La DIRI va fatta sulla base della normativa vigente al momento dell’installazione. Allo scopo possono essere utili fatture di pagamento, contratti di manutenzione, interventi di controllo e video ispezione. Attenzione però non è la “panacea” per tutti i mali. Non è stata pensata affinché un impianto pericoloso diventi “legale”. Un impianto pericoloso resta tale e quindi va rimesso a norma. enerGia la ripresa vuole efficienza L’italia ha la possibilità di promuovere una svolta nell’impostazione delle politiche energetico-ambientali, sia europee che internazionali, che attribuisca un ruolo prioritario all’efficienza energetica, in coerenza con le analisi più autorevoli e condivise che ne evidenziano i benefici. Se il perseguimento degli obiettivi di efficienza energetica sarà correttamente impostato, come obiettivo di crescita della competitività del tessuto produttivo e di rilancio economico, potranno essere superate molte delle resistenze che oggi bloccano i negoziati per la definizione di obiettivi condivisi di riduzione globale delle emissioni climalteranti. a livello nazionale è urgente raddrizzare la rotta delle politiche energetiche-ambientali vigenti, che sono state già corrette dagli ultimi governi ma in modo ambiguo e insufficiente. i loro effetti danneggiano le prospettive di ripresa dalla crisi e ostacolano persino il raggiungimento degli obiettivi al 2020 nel loro complesso. L’efficienza energetica è la chiave per far ripartire l’industria italiana con il piede giusto su un terreno a lei congeniale perché già praticato da anni e che riserva grandi margini di competitività per il futuro. rosa Filippini - amici della terra – da “L’astrolabio”

[close]

p. 6

06 1 6 Fer termicHe iFmagazine 25 – l’Eco del Fuoco – Febbraio 2014 Mix energetico e tecnologico per il riscaldamento TOMMaSO FRanci Negli ultimi dieci anni diversi fattori hanno influenzato il mix di fonti energetiche e tecnologie per la produzione di calore (e acqua calda sanitaria) nel segmento residenziale: metanizzazione, innovazione tecnologica, costi delle tecnologie, costi dei combustibili, politiche e misure legislative per la promozione dell’efficienza energetica e del consumo di energia rinnovabile, evoluzione della domanda energetica. Esiste già un mix energetico e tecnologico diversificato per il riscaldamento domestico, e la fonte storicamente prevalente, il gas naturale, si trova a fronteggiare una concorrenza crescente da parte delle altre fonti, in particolare rinnovabili. REF-E ha condotto un’importante analisi i cui risultati ci danno informazioni utili sulle scelte dei consumatori. L’indagine ha riguardato l’installazione di tecnologie relative ai sistemi di riscaldamento autonomi e centralizzati, sia in edifici di nuova costruzione che in edifici esistenti, in zone servite dalla rete gas e in zone non servite dalla rete gas. Si è valutato se e in che misura i nuovi apparecchi di riscaldamento sostituiscono gli apparecchi esistenti, se soddisfano pienamente il fabbisogno di energia per riscaldamento (e per acqua calda sanitaria), oppure se sono installati a integrazione di impianti esistenti. I risultati dell’analisi REF-E sul mercato del riscaldamento residenziale e l’indagine sulle imprese di installazione italiane suggeriscono innanzitutto che il mercato degli apparecchi per il riscaldamento sia stato caratterizzato da una significativa espansione nell’ultimo decennio, conseguenza dell’incremento del numero di abitazioni e famiglie residenti con accesso al riscaldamento, oltre che della diffusione crescente di sistemi di riscaldamento che combinano due o più apparecchi. Il gas naturale rappresenta ancora la fonte di energia dominante. In presenza della rete gas la concorrenza delle altre fonti fossili è ancora debole. Tuttavia si osserva una crescente penetrazione delle pompe di calore, che possono essere utilizzate anche per il raffrescamento, in particolare di quelle aria-acqua, sia nel segmento dei nuovi edifici sia in quello degli edifici esistenti. In altri casi si assiste all’installazione di sistemi che combinano combustibili fossili e fonti rinnovabili, quali pompe di calore aria-aria, stufe a legna/pellet e pannelli solari, installate anche a vantaggio di una bolletta più leggera. Lo sviluppo di sistemi alimentati da fonti rinnovabili che soddisfano l’intero fabbisogno di calore (pompe di calore ariaacqua, caldaie a biomassa) e quello di sistemi combinati è senz’altro favorito dalla legislazione, che impone una quota di consumo di energia rinnovabile per il riscaldamento e l’acqua calda negli edifici di nuova costruzione o ristrutturati, oltre che dagli incentivi previsti a livello nazionale. Proprio questa sembra essere una tendenza destinata a un inevitabile rafforzamento: ci si aspetta che i già evidenti impatti di obblighi In che misura i nuovi apparecchi di riscaldamento sostituiscono quelli esistenti? Un mondo pulito il gas naturale, si trova a fronteggiare una concorrenza crescente da parte delle altre fonti, in particolare rinnovabili tetti e incentivi si mostrino con più forza già a partire dal 2012. In assenza di rete del gas naturale la concorrenza sembra essersi sviluppata più rapidamente. Il GPL rappresenta la fonte principale, anche se il numero di impianti installati sembra essere in declino. La fonte sottrae mercato al gasolio, ma è a sua volta “spiazzata” dalle rinnovabili. Un “concorrente” forte del GPL è rappresentato dalle pompe di calore aria-acqua. È importante sottolineare che alcuni fattori di natura locale possono segnalare scelte e tendenze degliutilizzatori di apparecchi per il riscaldamento, ma che queste vanno interpretate con attenzione nello stimare le tendenze complessive (si pensi all’obbligo di installazione di caldaie a condensazione in Piemonte, oppure ai benefici fiscali derivanti dall’utilizzo del gasolio come carburante in alcune aree montane). Tali peculiarità suggeriscono un lavoro di ampliamento e approfondimento del monitoraggio del settore, in primis con l’obiettivo di estendere l’indagine a un più ampio numero di partecipanti. Osservatorio REF-E www.ref-e.com DallaVallecamonica Fonte rinnovabile e indipendente dai combustibili fossili un’antica passione paOLO BOagLiO Le biomasse legnose sono una fonte rinnovabile, per cui garantiscono indipendenza dai fornitori di combustibili fossili, sono una fonte energetica neutra perché le piante per crescere utilizzano la stessa quantità di CO2 che viene immessa in atmosfera durante il loro utilizzo energetico, o che si formerebbe se la stessa legna venisse lasciata marcire nel bosco, portando il bilancio in pari. Non è sufficiente scegliere un generatore di calore con buone caratteristiche, in termini di rendimento, emissioni, ed innovazione tecnologica. Non è sufficiente, sebbene DOVEROSO, fare una buona installazione secondo la normativa UNI 10683, EN 15544, UNI/TS 11278 ecc. Non è sufficiente, talvolta, fare adeguata, corretta e costante manutenzione, secondo normativa UNI 10847. Spesso le problematiche derivano dall’ utilizzo del combustibile, dalla sua scelta alla metodologia di combustione, passando per lo stoccaggio, proveremo in poche parole a sintetizzare, fornendo un promemoria su alcune regole basilari, onde poi lasciare ad ognuno facoltà di studiare ciocchi di legna più specificatamente la materia. Legna: buon utilizzo e riconoscimento Spesso la legna viene acquistata senza le opportune garanzie di qualità, portando ad utilizzare nei generatori legna troppo umida o con eccessiva percentuale di corteccia e impurità. Nella pratica, la legna si acquista senza il rispetto ed il controllo della norma UNI EN 14961, anche a causa del retaggio culturale. Si sente spesso consigliare correttamente l’utilizzo di legna con un’umidità compresa tra il 12 ed il 20%. Il grado di umidità del 15% lo si raggiunge generalmente dopo 2 anni di invecchiamento all’aperto sotto una tettoia. Il legno tagliato in piccoli pezzi si asciuga prima rispetto a quello spezzato in grossi ciocchi. Il legno stagionato fornirà molto più calore e sarà molto più facile accenderlo. Più la legna è secca meno legna è necessaria al riscaldamento. La legna, durante la sua essiccazione, tende a crepare e presentare lo scollamento della corteccia dal tronco sarà anche molto più leggera da maneggiare. Se si ha a disposizione solo legna umida, la si tagli in pezzi più piccoli possibile, si lasci spazio tra un pezzo e l’altro e si tenga il controllo dell’aria più aperto: brucerà un po’ meglio. La legna verde tende a presentare muschio fresco sulla sua superficie. il ciocco Per una corretta stagionatura all’aperto, è meglio ammucchiare la legna sollevata dal terreno ad esempio su blocchetti di cemento. Se possibile, orientare la catasta di legna in direzione del sole e del vento, coprendola durante le stagioni umide ma mai tenerla in luoghi ermeticamente chiusi né coperta con teli di plastica che non consentono il ricambio di aria. I pezzi con corteccia vanno posti in cima, verso l’alto, poiché la corteccia isola dall’umidità meglio della fibra interna. Più aria filtra tra i ciocchi, migliore sarà la stagionatura. Se la legna, in seguito alla stagionatura, risultasse annerita, non è un problema ma una conseguenza dell’ esposizione solare, che velocizza il processo di combustione. Se la legna, una volta secca, dovesse assorbire acqua non comporterebbe un deterioramento è sufficiente lasciare il combustibile qualche giorno ad asciugare, per farlo tornare al suo normale stato. Per ovviare al riconoscimento della legna secca è possibile comprare sul mercato igrometri, ma è consigliabile spaccare sempre il tronchetto di legna da testare a metà prima della misurazione, perché l’umidità superficiale sarà differente rispetto a quella della maggior parte della massa. Usando solo legno certificato e tecnologie all’avanguardia, l’azienda che ha radici antiche, propone prodotti nella tradizione costruttiva nord europea unita alla creatività italiana per garantire coperture e strutture performanti e personalizzate. Legno Camuna, ditta leader nel campo dei tetti in legno opera in Vallecamonica, in provincia di Brescia e di Bergamo ma numerose sono le coperture realizzate in tutta la Lombardia e in Piemonte. L’impegno con la Scuola FUSPA si è tradotto nella partecipazione “concreta” alle attività formative con l’importante realizzazione di due strutture che saranno le nuove palestre per le esercitazioni dei Maestri Spazzacamini e dei Fumisti nella sede della Scuola a Brescia. www.legnocamuna.com

[close]

p. 7

07 1 rubrica teleFonica associati anFus Sogna il tuo camino, lo costruiremo insieme. tecnici in tutta italia 06.39388501 cerca il Fumista per installare, costruire, ristrutturare o mettere a norma caminetti, stufe, forni, barbecue, e impianti fumari. ABRUZZO AQ Carsoli Santilli Cosimo ................................ 331.1808506 AQ Castel di Sangro Buzzelli Remo.................... 368.7880850 AQ San Benedetto Dei Marsi Cerasani Alessio .... 360.982266 CH San Salvo Del Villano Gianfranco .................. 0873.54149 PE Pescara Fumisteria Adorante – Fire Service di Adorante Marco ................................................ 085.50368 TE Pineto Di Marco Graziano ............................. 347.0937887 info@anfus.org • www.radiofuoco.com UD San Daniele Del Friuli Conta Giancarlo........ 0432.954615 LAZIO RI Rieti Mei Gianfranco ..................................... 338.2085123 RM Nettuno Nardini Francesco ......................... 338.1377132 RM Roma AbacoCAMINIservizi s.r.l. ................. 06.39388469 RM Roma Buscemi Giovanni ............................. 328.5509391 RM Roma Campitelli Luciano ........................... 328.5651610 RM Roma Q.S.Clima srl....................................... 06.7842095 MC Camerino Cicconi Luca ............................... 338.2671050 MC Corridonia Biotecnica snc ........................... 0733.524292 MC San Severino Marche Menghi Gianni .......... 340.6742759 MC San Severino Marche Zagaglia Renato ........ 338.1338459 PU Fossombrone Barbaresi Renato................... 0721.714681 MOLISE CB Castelmauro Iovine Francesco ..................... 392.0546066 CB Mirabello Sannitico Tucci Domenico ............ 335.7638214 CB Vinchiaturo Edilia srl...................................... 0874.34498 IS Isernia Baumet Francesco ............................ 335.8135609 PI Bientina Pistolesi Caminetti di Pistolesi Massimo ............. .......................................................................... 0587.756679 PI Cenaia Idrotecnica 2b di Bucchi Valerio ...... 329.4765906 PI San Giuliano Terme Zurrida Massimo ............ 345.5100059 PO Montemurlo E.T.S. snc di Sestito W. E Paganelli G. ........... .......................................................................... 328.4844624 PO Prato Colzi Paolo ......................................... 338.4206353 SI Montepulciano Tonini Marco ......................... 320.1520688 SI Piancastagnaio Rocchi Saldatura srl ............ 0577.785172 LIGURIA GE Borzonasca Olmeda Luigi............................. 329.3622063 IM Camporosso Cuore Del Calore sas............... 0184.999852 IM Imperia Ferrari Antonio ................................ 328.4593869 SP Vezzano Ligure Ecotest srl ............................ 0187.523974 SV Albisola Superiore Idrofumi srl ...................... 346.1504705 SV Quiliano Cerisola Roberto ............................ 320.1141639 TRENTINO ALTO ADIGE TN Besenello Paris Cesare ................................ 338.8144517 TN Folgaria Toller Graziano ................................ 348.8854828 TN Isera Luzzi Renzo.......................................... 333.2527381 TN Masi Di Vigo Ton Casagranda Silvano ........... 335.5276454 TN Roncone Tecnoviva snc di Massimo Maiavacca & C. snc .......................................................................... 0465.901451 TN Rovereto Noriller Alessandro ........................ 0464.437066 PIEMONTE AL Balzola Barruscotto Andrea ......................... 335.6012861 AL Molo Di Borbera Borassi Giacomo ................ 347.0643118 BI Cavaglià Borra Giorgio .................................. 348.5663886 BI Occhieppo Superiore Trivellato geom. Silvano... 06.39388501 BI Ronco Biellese Tosin Claudio ........................ 328.8784871 BI Vigliano Biellese C.A.M. sas di Brandalese G. & C. ............ .......................................................................... 015.8123181 CN Barge A.M.B. Caminetti & Ceramiche di Boaglio Romano .......................................................................... 0175.343039 CN Bra Gallo Alessandro ................................... 0172.495361 CN Cuneo Audisio Valter ................................... 0171.692340 CN Dronero Prandi Paolo..................................... 335.282325 CN Magliano Alpi Galleano Adriano ................... 335.6637040 CN Piasco Sasia Pierantonio............................. 349.7772496 CN Revello Ecofiamma di Lombardo Roberto ..... 335.387834 NO Meina Cristina Alessandro .......................... 331.6086033 TO Avigliana Sili Roberto ................................... 333.6747078 TO Borgofranco d’Ivrea Artedil di Camera Gianluca sas .......... .......................................................................... 0125.751434 TO Cantoira Enrietta Bernardo .......................... 0123.585736 TO Cirlè Vittone snc........................................... 011.9212161 TO Pinerolo Collino Marco ................................... 0121.71388 TO Piossasco Adamo Maurizio ............................ 335.452960 TO Rivarossa Gaddò e Scabini Di Scabini Silvia ... 011.9888429 VB Piedimulera Bassi srl ..................................... 0324.83218 BASILICATA PZ Vaglio Basilicata D’Albore Pasquale ............. 328.8735394 CALABRIA CZ Borgia Amato Giovanni Battista ................... 338.2951398 LOMBARDIA BG Albino F.M. Impianti di Fornoni Marco ........ 348.6047836 BG Barzana Invernici Marco.............................. 348.3242226 BG Parre-Ponte Selva S.I.P .O. di Lanfranchi Claudio ................ ............................................................................ 035.701565 BG Sant’Omobono Terme E.S. Technology di Errico Salvatore ............................................................................ 035.852849 BG Villa D’Adda Forniture Edili srl ...................... 035.784815 BG Zogno Busi Luigi .......................................... 339.6762038 BS Bovezzo Minelli Dario .................................. 335.7272814 BS Brescia Bani Geom. Sandro ......................... 393.9114148 BS Cignano di Offlaga Caminetti Grazioli srl di Grazioli Giovanna – Soc. Unipersonale ........... 030.979787 BS Gianico Bertelli srl....................................... 0364.535337 BS Gianico Botticchio Giacomo fausto ............. 348.7634174 BS Marcheno Qui Scandinavia Design Srl......... 030.2004300 BS Rovato Bianchi Renato ................................ 339.2281454 BS Sarezzo Facchini Angelo e Bregoli W. snc .... 335.7755276 BS Sarezzo Maflan srl ......................................... 030.831983 CO Argegno Pavintelvi srl .................................... 031.821600 CO Cadorago Rossi Luca ................................... 348.8515467 CO Dongo Bertolotti Sergio .............................. 338.3990137 CO Olgiate Comasco Comedil Mangino srl .......... 031.990559 CR Camisano L&D Automazioni srl ................... 0373.778123 CR Rivolta D’Adda Saccomandi Roberto Geom. .. 0363.78285 LC Ballabio Tekno Fuoco srl .............................. 347.1504473 LC Barzanò C.M.B. di Spreafico Federico & C. snc ................. .......................................................................... 039.9210288 LC Castello di Brianza Besana Flavio e C. snc ... 335.5621460 LC Costa Masnaga EdilImpianti srl ..................... 031.879242 LC Torre De’ Busi Mazzoleni Luca ...................... 335.7277023 MB Arcore Brianza Fumi srl .............................. 328.3265436 MB Barlassina Stefanetto Antonio .................... 0362.560762 MB Biassono Noto La Diega srl......................... 039.2754266 MI Buscate Poligest srl ..................................... 0331.800620 MI Busto Garolfo Cardani Italo.......................... 0331.568604 MI Busto Garolfo Cardani Marco ....................... 02.90380292 MI Carate Brianza FA.PI.R srl............................. 0362.903495 MI Lainate Cattaneo Antonio ............................ 335.8012971 MI Milano P .DUE S.R.L....................................... 02.55184198 MI Milano Sistemi srl ........................................ 335.7487684 MI Settimo Milanese Azzoni Alessandro ............ 02.49436608 MN Casalmoro Perini Leonardo......................... 338.5821150 MN Romanore di Borgoforte Dalzini Fabio ......... 0376.648786 PV Casteggio Giorgi Guido Ferramenta ............. 333.4309744 PV Chignolo Po Ronzi Diego................................. 0382.76315 PV Dorno Tosini Piero ........................................ 380.5068938 SO Postalesio V.D.M. srl .................................... 0342.590077 SO Valdidentro Cola Giulio ................................ 333.2374693 VA Angera Maggioni Alessandro........................ 0331.960010 VA Castronno GV Stufe snc di Bosisio Claudio & C. ............... .......................................................................... 0332.893701 VA Cislago Girola srl .......................................... 02.96380151 VA Fagnano Olona Voli Lulzim............................ 328.1826127 VA Gorla Maggiore Rossi Francesco .................. 348.8515468 VA Gorla Minore Landoni Andrea ....................... 349.7700741 VA Gorla Minore Suraci Vincenzo....................... 328.6250965 UMBRIA PG Bastia Umbra Lavoratori Gilberto ................ 333.7766215 CAMPANIA AV Avellino Genovese Luigi................................ 392.5220088 AV Bonito Grieco Biagio .................................... 333.4938480 BN San Nazzaro Pepe Giovanni Domenico ........ 339.1664712 CE Piana di Monte Verna Del Vecchio Giuseppe.....334.8122778 NA Calvizzano Marra Fabio ................................ 081.3301399 NA Mugnano di Napoli Paesano Giovanni Luca... 320.7409685 NA Ottaviano Matera Ciro ................................. 339.2992405 VALLE D’AOSTA AO Donnas Yon Sebastiano ................................. 335.491723 AO Sarre Billia Alfredo ...................................... 334.5330510 VENETO BL Cortina D’Ampezzo Dimai Maurizio............... 347.4347136 BL Fonzaso Gesiot Luciano ............................... 329.0977006 BL Forno di Zoldo Mr Kamino di Umberto De Rocco ............... .......................................................................... 347.4947453 BL Ponte nelle Alpi Stufe & Arredo di Gallo e C. sas ............... .......................................................................... 0437.981535 PD Arre Bruscagin Roberto ............................... 340.4789392 PD Conselve Toffano “Caldo & Freddo” ............ 049.9500869 PD Monselice Bertin Roberto ............................ 333.2598794 PD Padova Paset Michele ................................. 338.1732929 PD Padova Bado Michele .................................. 049.8875440 PD Ponte san Nicolò Borsatti Gianfranco .......... 049.8962004 PD S. Giorgio in Bosco Gillardi Paolo................. 335.6083055 PD San Giorgio in Bosco Brunoro Livio .............. 335.5632492 PD San Martino di Lupari Spalvieri Sandro ........ 320.2222680 PD Stanghella L’Olandese & Co. Caminetti ....... 348.7644725 TV Carbonera Fumisteria Rossi ......................... 368.7494625 TV Gaiarine Dal Cin Paolo.................................. 335.6569594 TV Giavera del Montello Spinelli Paolo............... 0422.882309 TV Mansuè Nespolo Celestino ........................... 347.9760184 TV Negrisia Lorenzon Antonio & C snc............... 0422.754004 TV Pianzano Stefan Flavio .................................. 0438.38221 TV Ponzano V. Zanella Davide ............................ 0422.440010 TV San Vito di Altivole Zorzetto Marco ............... 338.4998046 TV Sarcedo Dissegna Danny .............................. 348.9120377 TV Treviso Zuin Ivan ........................................... 348.8257492 TV Villorba Ghedin Ghedin Mario snc ................ 0422.919234 VE Caorle Grandin GROUP................................... 0421.81380 VE Cinto Caomaggiore Marzinotto Franco ......... 335.7043530 VE Favaro Veneto Palmarin Antonio ................... 349.5200658 VE Fiesso d’Artico Linea Fuoco snc di Bellini Lino, Nicola e C. .......................................................................... 041.5161617 VE Malcontenta Bortolato Ugo .......................... 041.5470254 VE Mira Rossato Pino ........................................ 338.3522056 VE Olmo di Martellago Pulicamin snc ................ 0415.440540 VE Pianiga Michielotto Christian....................... 041.5190402 VE Rio San Martino – Scorzè Barbiero Camillo .... 041.445979 VE San Donà di Piave Masiero Alessandro ........ 347.6422183 VE San Donà di Piave Onor & Borin Caminetti srl... 0421.43294 VI Bressanvido Progetto Fuoco srl ..................... 0444.460239 VI Caltrano Peruzzo Roberto.............................. 0445.390962 VI Longare Marcante Andrea ............................. 348.2236877 VI Lonigo Essegi Energy srl................................ 0444.437892 VI Molvena Nicolli Stufe Best Remake srl......... 0424.708052 VI Poiana Maggiore Mazzetto Giovanni .............. 347.2510732 VI Sarego Mondoincasa srl ............................... 0444.820955 VI Villaverla Stella Giovanni ............................... 347.4531141 VR Caprino Veronese Marogna Guido ................ 045.7242025 VR Castel D’Azzano Tre G srl ................................ 045.512243 VR Cazzano di Tramigna Rigodanza Natalino e C snc .............. .......................................................................... 045.6152016 VR Pescantina Righetti Gabriele ....................... 335.8063868 EMILIA ROMAGNA BO Bologna Forni Sergio ................................... 06.39388501 BO Bologna Giordano Clemente ....................... 329.1571126 BO Crespellano KAMINOS ................................. 051.7417915 BO Dozza Franzoni Iacopo................................. 348.7200295 BO Gaggio Montano Lapenna Cristian .............. 334.2104510 BO Ozzano Dell’Emilia Grillini Romano Caminetti snc............. .......................................................................... 347.6112703 BO San Giovanni In Persiceto La Porta Simone ... 393.9709760 FC Longiano La Fuliggine di Comandini Gianni e Lorenzo snc .......................................................................... 0547.657842 MO Castelfranco Emilia Mucci Camini Srl ........... 059.921440 MO Cavezzo Lugli Fabio ..................................... 335.8323494 MO Dalmazio di Serramazzoni Centro Stufe e Camini Vandini & Casini srl....................................................... 0536.953512 MO Maranello Amici Maurilio............................ 335.5225295 MO Novi di Modena Mancini Gaetano............... 339.3729995 MO Guglia Rocca malatina Lavacchielli Sauro .. 328.4729830 PC Gragnano Trebbiense Piramide Piccola Soc.Coop.Edilizia Arl .......................................................................... 0523.768046 PC Gragnano Trebbiense Verde & Fumo srl ........ 0523.789007 PC Lugagnano Val D’Arda Frazzani Giovanni ...... 0523.891218 PC Piacenza Zucconi Fortunato ........................ 335.6931423 PR Parma Caggiati Alessandro........................... 348.0435561 RA Lugo Mazzolani Ivo di Cornacchia D.& C. snc ... 0545.23251 RE Boretto Pramar srl........................................ 0522.963904 RE Cavola Di Toano Leandri Caminetti srl ......... 0522.806154 RE Fabbrico Benati Matteo ............................... 340.2545738 RE Fraz. Cogruzzo di Castelnovo di Sotto Fumus di Salerno Erminia .......................................................................... 339.8585517 RE Salvarano di Quattro Castella Melloni Domenico ................ .......................................................................... 335.5250452 RN Rimini Casa del Marmo & Caminetto snc di Santarini Fabrizio e C. .................................. 0541.775710 RN Rimini Eco Area srl ...................................... 0541.753009 RN Villa Verucchio Casa Del Bagno di Marini Ivano e Paolo & C. snc ................................................ 0541.678623 PUGLIA BA Sannicandro di Bari Tecnosami Elettrica snc..... 080.633524 FG Cerignola Izzi Nicola ..................................... 347.4805708 LE Alliste Stocco Alessandro ............................. 338.9368268 LE Aradeo Serra Stefano ................................... 333.3655526 SARDEGNA CA Cagliari Lecca Giovanni................................ 329.9688401 CA Domusnovas Mei Pier Francesco ................. 333.6762309 CA Isili Atzori Roberto ....................................... 333.2755868 CA Sestu Pasetto Daniele Riccardo .................. 333.7306046 CA Orroli Camin Che Fuma ................................ 346.5881047 CI Carbonia Masala Gianbattista...................... 338.9135177 OR Marrubiu Palumbo Calogero ........................ 349.4596318 OR Oristano Ceragress di Pusceddu Franca & C. snc ............. ............................................................................ 0783.73941 OR Oristano Pieri Luca ...................................... 348.8837580 SS Sassari Sardaflame snc di Sergio Era e Nicola Ghelfi....... .......................................................................... 392.5839898 VS Sanluri Pilloni Mirko .................................... 340.7394855 SICILIA CL Caltanissetta Natale Fabiano Mario ............. 0934.561492 EN Nicosia Rugolo Luigi ................................... 329.1649734 ME Messina Carbone Nicola ............................. 335.8757176 SR Carlentini ISO. TERMO. srl .............................. 095.945200 SR Sortino Leone Luigi ...................................... 0931.956200 FRIULI VENEZIA GIULIA PN Pasiano di Pordenone Faccini Elettrodomestici srl ............ .......................................................................... 0434.625072 PN Pordenone Friul Fumi srl.............................. 0434.572341 PN San Giovanni del Tempio – SACILE Santin Achille ............... .......................................................................... 0434.780776 UD Coseano Valle Leonardo .............................. 335.6690665 UD Feletto Umberto Causero Claudio ................ 328.7166971 UD Forgara del Friuli Chiapolino Marco ............ 0432.959178 UD Moimacco Deltafond di Baron Dario sas..... 0432.722111 UD Moimacco NORDEST PAVIMENTI SNC .......... 338.8570455 TOSCANA AR Bucine Artigiana Metalli Srl ........................ 055.9911297 AR Pergine Valdarno IDROSERVICE srl ................. 335.370342 AR Terranuova Bracciolini Fiumanò Massimo ..... 340.1092012 FI Certaldo Lo Vetere Gianni.............................. 334.6066550 GR Arcidosso Battistini Francesco .................... 328.3311858 GR Braccagni Galli Edo ..................................... 348.3190929 GR Castel del Piano Bazar Tonelli snc ............... 0564.955123 GR Grosseto Il Bigia di Bigiarini Daniele .......... 333.5897042 GR Grosseto Turbanti Commerciale srl ............... 0564.27029 LU San Donato Rossi Stefano ........................... 348.8012378 MARCHE AP Castorano Allevi Valentino............................ 333.8077468

[close]

p. 8

08 1 rubrica teleFonica associati anFus cerca lo spazzacamino per pulire, controllare o verificare impianti fumari di servizio a caldaie, caminetti, stufe, forni. ABRUZZO PE Collecorvino De Dominicis Maurizio ............. 085.8208548 PE Montesilvano Lo Spazzacamino D’Abruzzo di Mauro Liviano .......................................................................... 334.3382338 PE Montesilvano Pintus Marcello ...................... 338.3120412 PE Pescara Fumisteria Adorante – Fire Service di Adorante Marco ................................................................... 085.50368 PE San Valentino In A. C. Di Tomasso Demetrio.... 360.652841 PE Villa Raspa di Spoltore Pagliariccia Salvatore.. 338.8250573 LAZIO RM Castel Madama Lolli Isah............................ 392.6116212 RM Roma Abaco CAMINI servizi s.r.l. ............... 06.39388469 RM Roma Q.S.Clima srl....................................... 06.7842095 VT Tarquinia Lido Fontaini Fabrizio .................... 335.6547486 VT Vitorchiano Lo Spazzacamino di Vitorchiano ....0761.371020 VA Varese Grimaldi Guido ................................. 335.5850017 VA Vedano Olona Frontini Mirco ........................ 333.1706065 MARCHE AN Fabriano Topparelli Marco ........................... 348.0546085 AP Ascoli Piceno Paliotti Francesco .................. 338.4169993 FM Fermo Ferrara Francesco ............................ 339.8382201 MC Cingoli Passarelli Luca ................................ 320.8774942 MC Potenza Picena Bioclima srl ...................... 0733.671118 LIGURIA SP Vezzano Ligure Ecotest srl ............................ 0187.523974 SV Albisola Superiore Idrofumi srl ...................... 346.1504705 SV Finale Ligure Allegretti Michele.................... 335.6589130 LI Portoferraio Gori Giovanni.............................. 335.6292175 LU Capannori Del Sarto Andrea......................... 328.8056098 LU Querceta Bertelli Luca ................................. 329.6912387 PI Bientina Sgambati Antonio ........................... 320.3788910 PO Prato Bonaccorsi Luca ................................ 339.3183462 PT Treppio De Vita Bilbo .................................... 333.8191977 PT Treppio Garcia Bustos Francisco .................. 0573.891238 SI Buonconvento Scala Gabriele ....................... 347.8135169 SI Poggibonsi Petrini Luca................................. 335.5606919 SI Torrita di Siena Falciani Roberto ................... 0577.685757 MOLISE CB Vinchiaturo Edilia srl...................................... 0874.34498 TRENTINO ALTO ADIGE TN Campi di Riva Del Garda Zucchelli Michele.. 320.0382704 TN Mezzolombardo Mendini Renzo Sas ............. 0461.601019 TN Ossana Bezzi Lorenzo .................................. 349.4634292 TN Presson-Monclassico Largaiolli Stefano ....... 333.3003997 TN Roverè della Luna Susat Gilberto ................. 333.9966204 TN Rovereto Rizzi Doriano.................................. 339.1426069 TN Sanzeno Cogoli Alberto ................................ 338.9954440 TN Tione Salvadori Enos .................................... 333.1023773 LOMBARDIA BG Bolgare Reguzzi Giuseppe ........................... 338.4859025 BG Parre Visini Cristian..................................... 346.6608118 BG Parre-Ponte Selva S.I.P .O. di Lanfranchi Claudio ................ ............................................................................ 035.701565 BG Pontida Mazzoleni Alberto ........................... 340.4924578 BG Rovetta Cominelli Alessio ............................ 320.3260155 BG Sant’Omobono Terme E.S. Technology di Errico Salvatore . ............................................................................ 035.852849 BG Ubiale Rota Gianluca .................................. 347.9986022 BG Zogno Bonora Stefano................................. 338.9851032 BS Borno Poma Pietro ........................................ 335.266639 BS Cedegolo Moraschetti Giovanni Oscar......... 347.9638714 BS Cignano di Offlaga Caminetti Grazioli srl di Grazioli Giovanna – Soc. Unipersonale ............................ 030.979787 BS Gardone-Val Trompia Lorenzi Luca ............... 335.5849109 BS Lumezzane Manno Rosario .......................... 346.5721078 BS Muscoline Ecoproject di Garzetti Claudio e C. snc............ .......................................................................... 0365.337564 BS Nuvolera Buccio Gianfranco ........................ 333.4050090 BS Zone Brevi Lenni Moris ................................ 347.1565921 CR Camisano L&D Automazioni srl ................... 0373.778123 CR Malagnino Digiuni Paolo .............................. 347.7178041 CR Pandino Belloni Pietro ................................. 340.8533088 LC Barzanò C.M.B. di Spreafico Federico & C. snc ................. .......................................................................... 039.9210288 LC Civate Tonini Alessio ..................................... 328.6994291 LC Garlate Sparla Matteo ................................. 348.2680420 LC Osnago Butti Massimo ................................. 333.3891879 LC Vercurago Gavazzi Walter .............................. 345.9162899 MB Arcore Brianza Fumi srl .............................. 328.3265436 MB Biassono Noto La Diega srl......................... 039.2754266 MI Buscate Poligest srl ..................................... 0331.800620 MI Limbiate Taurisano Antonio Giordano .......... 347.8157963 MI Parabiago Cam Camin Gli Spazzacamin di Lanzella Fabio .......................................................................... 333.6056655 MI Pozzuolo M. Brambilla Enea ......................... 333.8379039 MI Zelo Surrigone Respighi Stefano .................. 346.8656542 MN Buscoldo di Curtatone Ghelzi Arturo ............. 0376.48566 MN Castel D’Ario Borghesan Bruno................... 347.1640880 MN Castel Goffredo Vanni Simone ..................... 333.4696662 MN San Giacomo Delle Segnate Berton Luciano..................... .......................................................................... 338.3141700 PV Casteggio Giorgi Guido Ferramenta ............. 333.4309744 PV Garlasco Milani Maurizio ............................. 338.8377160 SO Bormio Rodigari Alessandro ........................ 338.9854339 SO Chiesa in Valmalenco Gianoli Andrea ........... 328.2154335 SO Chiesa Valmalenco Della Cristina Cristian ... 347.6177190 SO Sondrio Rossatti Renato ............................. 339.2763086 SO Tirano Tenni Massimo .................................. 392.0018372 SO Valdidentro Rocca Maurilio ......................... 349.6110257 VA Cadegliano Viconago Paonessa Mario .......... 0332.590479 VA Cassano Magnaco Schembri Manuele ......... 345.9966193 VA Gerenzano Cossu Sergio Silvano .................. 347.1773547 VA Luino Schiratti Enio Gianfranco ................... 347.4300213 VA Samarate Silvestri Claudio........................... 347.8027182 PIEMONTE AL Alessandria Berto Giuseppe ......................... 335.7462144 AL Capriata D’Orba Gabotto Massimo ............... 328.7031915 AL Cereseto Gal Damian.................................... 347.4837530 BI Vigliano Biellese C.A.M. sas di Brandalese G. & C. ............ .......................................................................... 015.8123181 CN Barge A.M.B. Caminetti & Ceramiche di Boaglio Romano .......................................................................... 0175.343039 CN Cortemilia Beltrame Simone ........................ 328.7823055 CN Cuneo Allocco Davide .................................. 335.5620223 CN Cuneo Ristorto Francesco ........................... 329.3615500 CN Verzuolo Piroli Livio ...................................... 338.8053258 NO Divignano Cirillo Francesco ......................... 348.4666300 NO Divignano Fidanza Giancarlo....................... 339.7326134 NO Fara Dallo Ugo ............................................. 349.1658158 TO Almese Chiuminatti Fabrizio ........................ 348.8038396 TO Avigliana 2R Di Renzo Mario Ruffino ........... 392.6102115 TO Borgofranco d’Ivrea Paonessa Mario ............ 338.3976251 TO Carignano Morra Claudio ............................. 335.8081688 TO Carmagnola Valvano Antonino ...................... 348.7052363 TO Cesana Torinese Macciotta Pietro ................ 335.7009727 TO Ivrea Pandolfini Davide ................................ 340.2551203 TO Perosa Argentina Novara Luca....................... 338.6075054 TO Pinerolo Iemmi Giovanni .............................. 339.6041743 TO Torino Perelli Davide ..................................... 347.3549272 VB Baceno Silvestri Alessandro ........................ 340.4795035 VC Varallo Sesia Bianconi Fulvio ......................... 0163.51813 BASILICATA PZ Atella reale – San Fele Cancellara Rocco ..... 327.7398392 PZ Rapolla Consiglio Gerardo Michele.............. 339.8332040 CAMPANIA BN Foglianise De Cicco Giovanni ...................... 380.4739818 NA Napoli Gargiulo Roberto .............................. 840.00.15.20 SA Eboli Capano Vincenzo ................................ 339.5348637 UMBRIA PG San Mariano Arcioni Patrizio ....................... 328.6926247 PG Spoleto Capoccia Carlo ............................... 338.1385232 PG Umbertide Biagini Luigi ............................... 328.7638863 EMILIA ROMAGNA BO Crespellano Poliservice srl .......................... 051.7417915 BO Ozzano Dell’Emilia Grillini Romano Caminetti snc............. .......................................................................... 338.3245099 FC Longiano La Fuliggine di Comandini Gianni e Lorenzo snc .......................................................................... 0547.657842 FC Predappio Soglia Marco ............................... 339.4555299 FE Argenta Trazzi Alessio ................................... 349.3826077 MO Castelvetro Scaglioni Alberto ...................... 335.5732495 MO Sassuolo Macchioni Giuliano ..................... 0536.804282 PC Gragnano Trebbiense Verde & Fumo srl ........ 333.6227594 PR San Polo Di Torrile Clinica del Camino snc ... 339.4067449 RA Bagnacavallo Guerra Daniele ....................... 338.4611542 RE Fraz. Cogruzzo di Castelnovo di Sotto Fumus di Salerno Erminia ............................................................. 339.8585517 RE Reggio Emilia Rivera Estevez Michael .......... 320.1753356 RN Rimini Eco Area srl ...................................... 0541.753009 VALLE D’AOSTA AO Donnas Brunello Mario ............................... 345.2659805 AO Pont St. Martin Pandolfini Davide................. 340.2551203 AO Quart Vannucci Fabio................................... 347.2941120 VENETO BL Belluno Zandomenego Ettore ......................... 0437.25201 BL Cortina d’Ampezzo Baldan Luca ................... 328.7413995 BL Forno di Zoldo Mr Kamino di Umberto De Rocco ............... .......................................................................... 349.4754704 BL Forno di Zoldo Vandano Claudio................... 348.2343113 BL Gosaldo Vianello Alessandro ....................... 348.3920874 BL Lozzo di Cadore David Daniele ....................... 0435.76668 BL Lozzo di Cadore Dolomiti Pulizie snc .......... 339.1922040 BL Sedico Del Monego Paolo ............................ 366.1095625 BL Sospirolo Pagnussat Patrizio ....................... 393.1621957 PD Campodarsego Zonta Enrico ........................ 347.4293579 PD Due Carrare Zuin Fabio ................................ 338.6535072 PD Stanghella L’Olandese & Co. Caminetti ....... 348.7644725 RO Castelguglielmo Verzola Francesco .............. 348.8811257 RO Pincara Ghirardini Marco ............................ 348.5610281 RO Rovigo Climair snc ....................................... 347.4681234 TV Borso Del Grappa Fietta Stefano Franco ...... 329.6677628 TV Conegliano Dal Bò Daniele ............................. 800.488688 TV Cordignano Ferracin Igor .............................. 349.0596913 TV Falzè di Trevignano Gugliotta Giovanni .......... 339.5671971 TV Moriago Della Battaglia De Lillo Angelo ........ 328.1158136 VE Camponogara Menin Uber............................ 041.4174655 VE Caorle Grandin GROUP................................... 0421.81380 VE Olmo di Martellago Pulicamin snc .............. 0415.440540 VE Scorzè Michieletto Michele ......................... 339.6236214 VI Asiago Spazzacamino Dino Sahman Ahmedin .. 347.4528263 VI Bassano del Grappa Corsi Denis ................... 333.9642342 VI Cornedo Vicentino Studio Progetto Soc. Coop. Sociale ....... .......................................................................... 0445.404629 VI Molvena Nicolli Stufe Best Remake srl......... 0424.708052 VR Caprino Veronese Marogna Guido ................ 045.7242025 VR Cazzano di Tramigna Rigodanza Natalino e C snc .............. .......................................................................... 045.6152016 VR Isola Rizza Lorenzi Matteo ........................... 348.3134316 VR Rivoli Veronese Petrozza Rocco .................... 045.7281093 VR San Giovanni Ilarione Gambaretto Andrea.... 349.2971460 PUGLIA BA Bari Piepoli Daniele ..................................... 329.9540574 BA Castellana Grotte Micca Longo Emilio ......... 080.4963723 BA Molfetta Spagnoletti Antonio ....................... 333.9312799 BR Ostuni Santoro Vincenzo.............................. 0831.335749 LE Aradeo Aluisi Nicola ..................................... 333.6960097 FRIULI VENEZIA GIULIA GO Copriva Del Friuli Devetag Ez Zahir Mohamed ................... .......................................................................... 333.4122190 PN Cordenons Xhatufa Ilir ................................. 347.8300407 PN Maniago Cimarosti Gabriele ........................ 339.8238106 PN Montereale Valcellina Cegan Giampiero ....... 349.8196339 PN San Giovanni del Tempio – SACILE Santin Achille ............... .......................................................................... 0434.780776 PN Travesio Bertuzzi Mauro ............................... 335.6127661 UD Cividale del Friuli Causero Luciano .............. 339.3376899 UD Codroipo Baldassi David ............................. 349.6202762 UD Gemona del Friuli Cragnolini Combustibili srl ................... .......................................................................... 0432.981205 UD Ovaro Lena Imerio ....................................... 329.8286611 UD Remanzacco Pianalto Alberto............................................ UD San Daniele Del Friuli Conta Giancarlo........ 0432.954615 UD Tarvisio Omerini Francesco Spazzacamino Franz .............. .......................................................................... 347.2793220 UD Tavagnacco DFT Making srl ......................... 0432.573036 UD Terzo di Aquileia Troian Michele ................... 335.5243739 UD Udine Martinig Luca.................................... 339.6769898 UD Udine Rosso Federico.................................. 328.7821634 UD Ziracco – Remanzacco Alex di Cedarmaz Alex.................... .......................................................................... 347.9079874 SARDEGNA CA Sant’Andrea Frius Vertical System sas di Carta Gianluigi.. .......................................................................... 339.1474689 CA Orroli Camin Che Fuma ................................ 346.5881047 OR Nuraxinieddu Brai Raffaele.......................... 338.4485772 OT Olbia Cannavò Cristian ................................ 347.5174968 SS Sassari Sardaflame s.n.c. di Sergio Era e Nicola Ghelfi.... .......................................................................... 392.5839898 SICILIA EN Nicosia Maggio Santo.................................. 328.5764129 SR Carlentini ISO. TERMO. srl .............................. 095.945200 TOSCANA FI Castelfiorentino Lotti Alessio ......................... 339.3023725 FI Gambassi Terme Borracchini Enrico .............. 329.0778484 GR Castel del Piano Bazar Tonelli snc ............... 0564.955123 GR Grosseto Il Bigia di Bigiarini Daniele ........ 333.5897042 GR Manciano Cherubini Stefano ....................... 339.5910336 LI Cecina Meoni Massimo ................................. 339.3844507 annunci spazzacamini

[close]

p. 9

09 1 rubrica teleFonica associati anFus cerca il produttore per scegliere impianti fumari, caminetti, stufe, forni, barbecue, accessori, attrezzature e strumenti, caminetti e stufe a gas ed etanolo. CAMINETTI – STUFE stuFe a pellet Jolly-Mec Caminetti S.P.A. Telgate BG LOMBARDIA ... 035.830247 L’Artistico SPA Raffa di Puegnago D.G. BS LOMBARDIA............... .......................................................................... 0365.651017 P.V. Valeri srl Cortona AR TOSCANA ...................... 0575.692228 Presystem srl Marsciano PG UMBRIA ................... 075.8748361 Sideros SPA San Felice sul Panaro MO EMILIA ROMAGNA ........... ............................................................................ 0535.86611 caminetti e stuFe a Gas o etanolo British Fires di Mauro Ciccotti Sant’Angelo Romano RM LAZIO ...... .......................................................................... 0774.421530 Jolly-Mec Caminetti S.P.A. Telgate BG LOMBARDIA ... 035.830247 L’Artistico SPA Raffa di Puegnago D.G. BS LOMBARDIA............... .......................................................................... 0365.651017 P.V. Valeri srl Cortona AR TOSCANA ...................... 0575.692228 Presystem srl Marsciano PG UMBRIA ................... 075.8748361 caminetti e stuFe, termocaminetti e termostuFe a leGna o pellet British Fires di Mauro Ciccotti Sant’Angelo Romano RM LAZIO ...... .......................................................................... 0774.421530 Deltafond di Dario Baron& C. snc Moimacco UD FRIULI VENEZIA GIULIA ............................................................... 0432.722111 L.C. di Livio Campeol S.R.L. Vacil di Breda TV VENETO .................... ........................................................................ 0422.1564320 Jolly-Mec Caminetti S.P.A. Telgate BG LOMBARDIA ... 035.830247 L’Artistico SPA Raffa di Puegnago D.G. BS LOMBARDIA............... .......................................................................... 0365.651017 Pirazzo srl Rappresentanze Noventa Padovana PD VENETO ............ .......................................................................... 049.8935610 Presystem srl Marsciano PG UMBRIA ................... 075.8748361 Sideros SPA San Felice sul Panaro MO EMILIA ROMAGNA ........... ............................................................................ 0535.86611 stuFe ad accumulo e di recupero P.V. Valeri srl Cortona AR TOSCANA ...................... 0575.692228 Pirazzo srl Rappresentanze Noventa Padovana PD VENETO ............ .......................................................................... 049.8935610 MATERIALI E TECNOLOGIE PER IL RISANAMENTO IMPIANTI risanamento impianti Fumari Elenca SRL Scandiano RE EMILIA ROMAGNA ....... 0522.766611 Beca Enginering Buscate MI LOMBARDIA ............. 0331.801130 Fortlan-Dibi SPA Ghiardo di Bibbiano RE EMILIA ROMAGNA ........ .......................................................................... 0522.882054 comiGnoli antiVento e/o terminali Bi&Bi sas di Cavada Gianfranco e C Cavalese TN TRENTINO ALTO ADIGE ................................................................ 0462.340031 Beza spa San Giovanni Lupatoto VR VENETO ....... 045.8283820 DMG snc Pineto TE UMBRIA ................................ 347.0937887 Etna di Portioli G. e C. snc Luzzara RE EMILIA ROMAGNA .............. .......................................................................... 0522.820114 G.B.D. spa Villa Guardia CO LOMBARDIA ............... 031.563736 MAB Canne Fumarie Srl Assisi PG UMBRIA ............ 075.8030112 PROMAC Srl Zelarino VE VENETO............................ 041.907950 Sciabordi Sas Carsoli AQ ABRUZZO....................... 0863.909217 L’Artistico SPA Raffa di Puegnago D/G. BS LOMBARDIA.............. .......................................................................... 0365.651017 Sciabordi Sas Carsoli AQ ABRUZZO....................... 0863.909217 Securitaly srl Cesenatico FC EMILIA ROMAGNA...... 800.911998 Sicur Delta srl S. Croce Sull’Arno PI TOSCANA ........ 0571.33588 S.I.T. SPA Casalecchio di Reno BO EMILIA ROMAGNA ................. .......................................................................... 051.6113211 Tecnocontrol srl Segrate MI LOMBARDIA .............. 02.26922890 ZERONOVE di Peruzzo Roberto Caltrano VI VENETO . 0445.390962 reFrattari Presystem srl Marsciano PG UMBRIA ................... 075.8748361 Refrattari Generali Veneto Srl Villanova di Camposampiero PD VENETO.............................................................. 049.9221360 Refrattari Valoriani srl Reggello FI TOSCANA ............ 055.868069 Tek.Ref di Pieri Luca Simaxis OR SARDEGNA ......... 0783.406005 lastre in GHisa e componenti Fonderie Viterbesi srl Giove TR UMBRIA ................ 0744.995610 IMPIANTI FUMARI canne Fumarie in acciaio inoX Ala spa Reggio Emilia RE EMILIA ROMAGNA ........ 0522.887424 AN Camini srl Verdellino BG LOMBARDIA................ 035.872144 Beza spa San Giovanni Lupatoto VR VENETO ....... 045.8283820 Bi&Bi sas di Cavada Gianfranco e C Cavalese TN TRENTINO ALTO ADIGE ................................................................ 0462.340031 MAB Canne Fumarie Srl Assisi PG UMBRIA ............ 075.8030112 Daltek Group srl uni personale Castellalto TE ABRUZZO ................. ........................................................................ 0861.1835106 Etna di Portioli G. e C. snc Luzzara RE EMILIA ROMAGNA .............. .......................................................................... 0522.820144 G.B.D. spa Villa Guardia CO LOMBARDIA ............... 031.563736 MC di Costa Moreno Campodarsego PD VENETO ... 049.8876153 Polymaxacciai srl Castelfranco Veneto TV VENETO . 0423.724239 camini plastici AN Camini srl Verdellino BG LOMBARDIA................ 035.872144 Beza spa San Giovanni Lupatoto VR VENETO ....... 045.8283820 G.B.D. spa Villa Guardia CO LOMBARDIA ............... 031.563736 Polymaxacciai srl Castelfranco Veneto TV VENETO . 0423.724239 canne Fumarie in arGilla ceramica Gruppo Effe 2 spa Isola Vicentina VI VENETO ......... 0444.599211 tubi e canali da Fumo Verniciati e smaltati Ala spa Reggio Emilia RE EMILIA ROMAGNA ........ 0522.887424 MC di Costa Moreno Campodarsego PD VENETO ... 049.8876153 SMALBO s.r.l. Rivalta TO PIEMONTE ..................... 011.9047080 specializzandi in impianti fumari CALABRIA RC Taurianova Muratore Giuseppe .................... 339.7333078 EMILIA ROMAGNA RA Conselice Salandin Maurizio ....................... 335.6617154 RA Russi Bonazza Emanuele ............................. 333.9166082 FRIULI VENEZIA GIULIA PN Pordenone Ciprian Gianni ............................ 0434.541484 UD S Pietro Al Nat. Laurencig Marco ................. 339.8242848 LAZIO FR Ripi Cortina Romolo ..................................... 349.5328788 LOMBARDIA BG Calusco D’Adda Limonta Fausto .................. 06.39388501 BG Martinengo Taramelli Nichita Arno............... 0363.988223 BG Martinengo Taramelli Roberto...................... 0363.988223 CO Como, Fr.ne LORA Faverio Giancarlo ............ 335.1258823 CO Dongo Bertolotti Sergio .............................. 338.3990137 SO Chiesa In Valemalenco Dell’Andrino Nicola.. 331.5208129 MARCHE AN Castel Fidardo Facciolli Antonio................... 338.9878798 FORNI E BARBECUES Forni a Gas Presystem srl Marsciano PG UMBRIA ................... 075.8748361 Refrattari Valoriani srl Reggello FI TOSCANA ............ 055.868069 Forni a leGna per ristorazione e ciVili abitazioni P.V. Valeri srl Cortona AR TOSCANA ...................... 0575.692228 Presystem srl Marsciano PG UMBRIA ................... 075.8748361 Refrattari Valoriani srl Reggello FI TOSCANA ............ 055.868069 Tek.Ref di Pieri Luca Simaxis OR SARDEGNA ......... 0783.406005 barbecues Fonderie Viterbesi srl Giove TR UMBRIA ................ 0744.995610 L’Artistico SPA Raffa di Puegnago D.G. BS LOMBARDIA............... .......................................................................... 0365.651017 P.V. Valeri srl Cortona AR TOSCANA ...................... 0575.692228 Refrattari Valoriani srl Reggello FI TOSCANA ............ 055.868069 ATTREZZATURE – STRUMENTI VIDEOISPEZIONI – ANALIZZATORI accessori e materiali per Fumisteria C.R.M. Srl Garbagnate Milanese MI LOMBARDIA . 02.99020201 Fonderie Viterbesi srl Giove TR UMBRIA ................ 0744.995610 L.C. di Livio CampeolS.R.L. Vacil di Breda TV VENETO ..................... ........................................................................ 0422.1564320 L’Artistico SPA Raffa di Puegnago D/G. BS LOMBARDIA.............. .......................................................................... 0365.651017 MC di Costa Moreno Campodarsego PD VENETO ... 049.8876153 Refrattari Generali Veneto Srl Villanova di Camposampiero PD VENETO.............................................................. 049.9221360 SMALBO Srl Rivalta TO PIEMONTE ........................ 011.9047080 ZERONOVE di Peruzzo Roberto Caltrano VI VENETO . 0445.390962 attrezzature per spazzacamini C.R.M. Srl Garbagnate Milanese MI LOMBARDIA . 02.99020201 PIEMONTE AL Rocca Grimalda Agosto Dino ........................ 338.9727052 PUGLIA BA Bisceglie Work in Progress sas di Pierro Matteo e C. ....... .......................................................................... 335.6438127 LE Ruffano Meraglia Antonio ............................. 328.6164712 UMBRIA PG Perugia Tenerini Michele ............................. 335.7472006 TR Terni Romani Matteo .................................... 348.8769587 SARDEGNA CA Uta Dessi Andrea ......................................... 349.0568471 VS Gonnosfanadiga – Medio Campidano Lecca Valerio ........... .......................................................................... 340.3397657 VENETO PD Campodarsego Costa Giancarlo .................. 049.9202074 PD Padova Paset Michele ................................. 338.1732929 RO Salara Ceregatti Cristiano ........................... 347.7041673 VI Montebello Zanella Paolo.............................. 0444.649141 VR Fumane Olivieri Graziano ............................. 347.2461570 VR Verona Di Benedetto Marco ......................... 335.5203810 TRENTINO ALTO ADIGE TN Albiano Ravanelli Sergio .............................. 347.0135551 TN Malè Martini Omar....................................... 328.8727190 annunci spazzacamini

[close]

p. 10

10 1 annunci Fumisti

[close]

p. 11

11 1 www.radiofuoco.com PRODUTTORI: ACCIAO INOX 11 L’affascinante mondo delle canne fumarie Alla scoperta dei migliori camini, le tecnologie e l’installazione degli utenti nali. Al ne di rispettare quanto previsto dalle attuali normative vigenti in materia (UNI 10683, UNI 11278, EN 15287) è opportuno pertanto far eseguire l’installazione da personale abilitato adottando tutti quei sistemi e soluzioni che tendono a ridurre il pericolo di incendio. Poujoulat distribuito in Italia da ALA Spa, o re un nuovo sistema innovativo con i più ricercati standard di sicurezza per l’attraversamento di tetti, solai e muri perimetrali di impianti fumari allacciati prevalentemente a generatori alimentati a combustibile solido (legna, pellet, biomasse, ecc). Infatti proprio l’alta temperatura può giocare un ruolo importante nel fenomeno di innesco degli incendi. Il Kit va installato in abbinamento al prodotto termicamente isolato modello POUJOULAT, al ne di garantire la massima sicurezza e protezione nella zona di attraversamento del tetto o del solaio. Per semplicità, in questo redazionale abbiamo scelto il kit passaggio tetto. Esso è costituito da 3 articoli: la placca di sicurezza a tenuta stagna rif. PDSER, il guscio isolante rif. COQISOL, e la placca di nitura in acciaio verniciata di colore bianco ral 9020 rif. PPPDSER che garantisce la nitura estetica una volta ultimata l’installazione. Il Kit si adatta a tutti i diametri di canna fumaria isolata Poujoulat, da Ø 80 a 300 mm e a pendenze del tetto variabili da 10 a 120%. Il kit viene consegnato già con la corretta inclinazione per adattarsi perfettamente alla pendenza del vostro tetto. I vantaggi di questo sistema sono due: il primo, è quello di mantenere e garantire la distanza minima di sicurezza della parete esterna della canna fumaria isolata dai materiali inammabili adiacenti e il secondo è di assicurare la tenuta stagna all’aria, specie in prossimità della zona di attraversamento del tetto. Questo secondo aspetto diventa un punto chiave nel bilancio del consumo energetico dell’abitazione stessa. Andrea Burzi – Sales Manager ALA SPA 60 anni d’esperienza al servizio della qualità Le radici di questa impresa hanno trovato nutrimento dalla continua ricerca di soluzioni tecnologiche innovative, atte a soddisfare le particolari esigenze dei clienti. L’azienda, cosi come la passione, si è tramandata di padre in gli, i quali, senza mai trascurare il carattere artigianale, si sono adoperati per realizzare l’industrializzazione dei processi produttivi. Cosi, nel 1992, è nata la Falp come il risultato di esperienza, passione e maturità industriale. Con gli anni a venire la Falp si è a ermata sempre di più nella realtà industriale della Campania ed attraverso ingenti investimenti in logistica, in macchinari ad alta tecnologia ed in risorse umane sempre più specializzate, è divenuta un’azienda leader nel settore della lavorazione del metallo. La Falp, per garantire uno standard qualitativo elevato, ha disposto un programma di control- QUALITA’ INOSSIDABILE ALA SPA – Kit passaggio tetto ALA SPA Grazie all’impiego delle più avanzate tecnologie di fabbricazione ed ad un’accurata scelta delle materie prime ALA ha raggiunto i più elevati standard qualitativi del settore, consentendo l’introduzione dei propri prodotti nei principali mercati nazionali ed internazionali. ALA si afferma nella logica del miglioramento continuo, sulla quale basa la propria loso a operativa. Nel settore residenziale civile, nell’ambito delle installazioni di canne fumarie/camini che attraversano materiali combustibili, come ad esempio i tetti di case passive o in bioedilizia, i materiali di isolamento nelle nuove costruzioni, ecc., diventa ogni giorno sempre più importante proteggere le zone in ammabili, adiacenti la canna fumaria, dal pericolo di incendi. Infatti, piuttosto sovente si legge nei giornali di tetti o abitazioni andati a fuoco proprio per un’errata installazione del “camino” (o canna fumaria) o per scarsa manutenzione della stessa da parte È opportuno far eseguire l’installazione da personale abilitato adottando le soluzioni per ridurre il rischio di incendio ETNA INOX “Ricerca continua e condivisione delle esperienze: ETNA crede fortemente in questi valori, tanto da farli propri nel calendario annuale di corsi di formazione che l’Azienda riserva ai propri Clienti con lo scopo di di ondere la cultura della qualità e della sicurezza dei sistemi fumari. In ogni momento il Cliente può accedere al nostro sito www.etnainox. it, costantemente aggiornato e corredato di esempli cazioni e ricercare ciò che gli interessa, dalla gamma in nita di prodotti all’informativa sulle normative vigenti. È proprio la soddisfazione del Cliente che consente ad ETNA di continuare a crescere, di a ermarsi sul mercato e costituire una presenza sicura per il futuro”. Passante tetto a LAMA D’ARIA GBD SPA Il sistema di attraversamento tetto Roofterm IB (Iso-block) è studiato per prevenire gli incendi tetto e risolvere il punto nodale del test di tenuta negli ambienti per le case passive: il “blower door test”. Mediante un sistema ad intercapedine, si crea una lama d’aria addotta ed espulsa direttamente nell’ambiente esterno, in caso di incendio della canna fumaria, il calore prodotto dallo shock termico viene “scaricato” verso l’esterno dalla lama d’aria che lambisce la parete esterna della canna fumaria e il cui movimento (moto termodinamico), è alimentato proprio dal calore dell’incendio. Una vera novità che garantisce un livello di sicurezza di altissimo livello rispetto La massima protezione anche per case passive i tradizionali sistemi costruiti semplicemente da elementi coibentanti. A di erenza di tutti gli altri sistemi, Rooftherm IB non disperde il calore dell’ambiente verso l’esterno e risolve un punto nevralgico nella progettazione degli edi ci ad alta e cienza energetica. L’utilizzo è in abbinamento al sistema doppia parete inox-inox lana minerale Metaloterm MF che associato consegue la designazione G con distanza da materiali combustibili di 0 mm. Questo sistema consente di forare la struttura e non lasciare nessuna intercapedine ventilata dall’interno verso l’esterno dell’ambiente tipicamente necessaria se si dovesse montare un passante tradizionale. no. Paolo Grisoni – Sales Manager GBD SPA Monoparete a sezione ovale Etna propone il sistema fumario monoparete a sezione ovale che consente di risolvere in modo eccellente i problemi di intubamento delle canne fumarie. Il sistema ovale viene realizzato con uno speciale macchinario ideato ad hoc dai progettisti di Etna. ETNA presente da oltre cinquant’anni nel settore dei sistemi fumari metallici, crede nella continua ricerca rivolta al miglioramento del prodotto ed è particolarmente sensibile alle problematiche relative al risparmio energetico, al rispetto ed alla tutela dell’ambiente. La lunga esperienza, la ricerca continua, le avanzate tecnologie adottate, hanno permesso all’Azienda di perfezionare l’intero ciclo di produzione e di approntare le attuali linee di sistemi fumari che si adattano a tutti i tipi di combustibili e sono in grado di soddisfare qualsiasi esigenza, anche speci ca ed individuale, dal progettista termotecnico e/o costruttore. Si eseguono pezzi speciali su richiesta speci ca del cliente. I continui e severi controlli effettuati garantiscono i più elevati standard di sicurezza richiesti su sull’intera gamma prodotti. Gli obiettivi pre ssati da sempre in ETNA sono: potenziare l’organizzazione interna per raggiungere la massima essibilità; perfezionare ed aggiornare continuamente gli strumenti d’informazione (catalogo tecnico, catalogo multimediale, ecc.); af nare il servizio di consulenza diretta al Cliente, anche grazie alla rete commerciale presente in maniera capillare su tutto il territorio nazionale. Ilaria Portioli A.Del ETNA Srl A TUTTO “OVALE” lo dei processi aziendali con il relativo monitoraggio e, con la collaborazione di Organi Internazionali, ha provveduto a certi care il proprio Sistema di Qualità e ovviamente le canne fumarie sia mono che doppiaparete hanno superato le prove di labpratorio ed ottenuto la marcatura CE. Tra i prodotti spicca il sistema ermoline, la migliore soluzione per la realizzazione di canne fumarie, installabili sia all’interno che all’esterno degli edi ci, in quanto non richiede il consueto rivestimento protettivo. Grazie al sistema di coibentazione adottato, garantisce un ottimale rendimento in qualsiasi condizione climatica. La scelta di materiali, qualitativamente elevati, assicura bassa rugosità della parete interna ed inalterabilità in caso di formazioni di condense acide. La parete interna è realizzata in Acciaio Inox 316 L BA dello spessore di 0.5 mm mentre le pareti di rivestimento esterno sono realizzate in Acciaio Inox 304 BA dello spessore di 0.5 mm o in Rame Naturale dello spessore di 0.6 mm. Le saldature delle pareti sono realizzate a Tig longitudinalmente. Gli innesti, appositamente progettati, e dotati a richiesta di guarnizione siliconica, consentono la realizzazione di una struttura stabile ed impermeabile agli agenti esterni. Il sistema ermoline è un prodotto certi cato, progettato e costruito per resistere a temperature di esercizio che raggiungono i 450° in pressione negativa (N1) senza guarnizione ed i 160° in pressione positiva (P1) con l’utilizzo dell’apposita guarnizione siliconica, ottenibile a richiesta, che garantisce agli innesti maschio-femmina una perfetta tenuta ai gas. Michele Prisco – Pres. C.d.A. Falp Srl

[close]

p. 12

12 1 12 produttori: il Fuoco iFmagazine 25 – l’Eco del Fuoco – Febbraio 2014 Innovazione, tradizione, design: potere del fuoco Focus offre ai suoi estimatori una grande vastità di modelli; una scelta resa possibile dall’irrefrenabile creatività del suo fondatore Dominique Imbert, per il quale «una buona idea non richiede spiegazioni, ma funziona proprio per la sua componente di follia». Piuttosto che seguire il mercato o una tendenza specifica, Dominique Imbert ascolta i suoi personali desideri dando vita a forme che riflettono il suo particolare concetto di bellezza. E’ così che Gyrofocus, il primo esemplare di camino sospeso e girevole, nonché il più rappresentativo della gamma Focus, è stato inventato nel 1968; tra i modelli più rappresentativi, impossibile non citare anche Filiofocus in versione vetrata e telescopica commissionato dal noto architetto Norman Foster; segue l’avveniristico Bathyscafocus disponibile in versione aperta e con oblò che trasforma il modello in un focolare chiuso ad alto rendimento. E a seguire molti altri ancora. Accanto ai modelli storici, si conferma anche la produzione di modelli a basso impatto ambientale, per rispondere con decisione alle nuove e stringenti richieste del mercato. Da sempre i camini Focus sono progettati in maniera da ottimizzare il rendimento, cercando le soluzioni più innovative in materia di contenimento delle emissioni. Giorno Le migliori tecnologie che sviluppano l’utilizzo di fonti alternative e rinnovabili dopo giorno all’interno del reparto Ricerca&Sviluppo nascono camini in grado di combinare un design elegante e prestazioni eccellenti. Ne è un ottimo esempio il primo modello di stufa di Focus indirizzato al contenimento energetico. Dal design contemporaneo, sobrio ed esclusivo, Stofocus eredita una tecnologia di punta riconosciuta dai laboratori internazionali più accreditati e risponde a pieno titolo alle norme europee più restrittive in tema di contenimento energetico. Stofocus è un focolare in acciaio con triplice isolamento metallico composto da materiali refrattari sull’intero volume; possiede una facciata curva in acciaio di 8 mm, eventualmente apribile per la manutenzione. Dotato di vetro piroceramico di grandi dimensioni e sportello laterale per il caricamento della legna, Stofocus dispone anche di una presa d’aria esterna a tenuta stagna (o in assenza di aria ambiente) per il funzionamento in completa autonomia. In funzione dell’elevato grado di ermeticità della camera di combustione, Stofocus può essere classificato tra i modelli stufa più efficaci e rispettosi dell’ambiente attualmente presenti sul mercato. Stofocus si caratterizza infine per un tasso particolarmente basso di polveri sottili pari a 26 mg/ m³ P= 7 kW n= 79,8% CO= 0,08%. Stofocus – FOcUS FOcUS Focus è il celebre marchio creato dall’artista francese Dominique Imbert. Da oltre 40 anni Focus realizza camini artistici che fondono la potenza estetica della scultura, l’esperienza dell’artigianato e la ricerca dei materiali con le più avanzate soluzioni tecnologiche. L’avventura di Focus inizia nel 1967 a Viols le Fort, villaggio medievale situato a venticinque chilometri da Montpellier, dove lo scultore Dominique Imbert dà vita al primo esemplare di camino per uso personale. Quarant’anni più tardi la produzione di camini a marchio Focus annovera oltre 60 creazioni, alcune tra le quali entrate a pieno titolo nella storia del design. Oggi l’Atelier Dominique Imbert conta oltre 100 dipendenti e vendite superiori alle 300 unità al mese. Circa il 50% della produzione è orientata all’export, oltre che in Europa anche in Giappone, Australia, Russia e America. Da oltre 20 anni, il marchio Focus è presente con successo anche in Italia e le sue creazioni sono apprezzate e conosciute da architetti e interior designer oltre che da un pubblico esigente e raffinato. jolly mec La soluzione perfetta per chi decide di scegliere le energie rinnovabili è il SISTEMA AVANT di Jolly Mec. Il sistema Avant di Jolly Mec è un impianto basato al 100% su risorse rinnovabili. E’ costituito da un termocamino o da una termostufa che, autonomamente, sono in grado di riscaldare l’intera abitazione e di produrre acqua calda sanitaria per tutta la famiglia funzionando con combustibili totalmente rinnovabili ed ecologici: la legna ed il pellet. L’impianto idraulico prevede che il termocamino o la termostufa siano collegati in pazione e l’accumulo di acqua calda per il riscaldamento e di acqua calda sanitaria, è in grado di accumulare le calorie generate dalle diverse fonti di calore e ridistribuirle in modo costante anche quando il termocamino è spento. I pannelli solari, inoltre, sono in grado di produrre autonomamente acqua calda sanitaria anche durante il periodo estivo, quando cioè, il termocamino non viene utilizzato. Il termocamino o la termostufa possono essere inseriti sia in impianti tradizionali con termosifoni sia in impianti a bassa temperatura. camino alternatiVo L’amore per il fuoco diventa Hi -Tech Con la stagione invernale cresce la voglia di avere un camino in casa, un elemento che crei atmosfera e doni eleganza alla nostra abitazione I camini di British Fires coniugano estetica e funzionalità, design e innovazione. Recentemente è stata lanciata sul mercato internazionale da British Fires la nuova applicazione per smartphone “British Wi- Fires”, un’applicazione che permetterà a tutti i proprietari di un camino a gas British Fires di, comandare a distanza l’accensione e lo spegnimento, di richiedere assistenza in caso di guasto e di controllare le statistiche relative all’ultima sessione di utilizzo del camino. Tornare a casa in una rigida giornata di Febbraio non è mai stato così piacevole: grazie a British Wi-Fires l’utente, con un semplice comando dal proprio smartphone, potrà accendere il camino mentre si trova in cantina a scegliere il vino per la serata. E dal momento che “l’uomo ama tutto ciò che serve alla sua comodità” potrà regolare la fiamma, stando comodamente seduto sul suo divano. British Fires, per il futuro, ha in mente il lancio della versione “Pro” dell’applicazione che permetterà all’utente di controllare il camino da remoto, tenere sotto controllo le soglie di spesa e le temperature medie raggiunte in ambiente, programmare l’accensione e molto altro ancora. Per informazioni www.britishfires.it rallelo a pannelli solari altamente selettivi,in grado di sfruttare l’energia termica proveniente dal sole, e ad un accumulatore. Questo, costruito in acciaio al carbonio con due scambiatori fissi per la produ- enerGie rinnoVabili Tecnologia al servizio Da cinque generazioni l’esperienza la conoscenza e la passione dell’ambiente Jolly Mec è un’azienda con esperienza pluridecennale da sempre impegnata nella ricerca di nuove tecnologie per la produzione di caminetti, termocamini, stufe e termostufe a legna, pellet e gas e combinate. L’aumento della temperatura è causa di gravi squilibri negli ecosistemi del nostro pianeta. L’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili in alternativa ai combustibili fossili è vantaggioso per il contenimento dell’effetto serra: lo sfruttamento di vento, sole e salti d’acqua, infatti, non prevede alcun processo di combustione. La combustione di biomassa, invece, ha bilancio neutro di anidride carbonica poiché i vegetali la sottraggono dall’atmosfera attraverso la fotosintesi ritrasformandola in biomassa. Scegliere di utilizzare le energie rinnovabili per riscaldare la propria casa è più di una semplice alternativa. Marketing & Comunicazione – Jolly Mec Il nuovo forno professionale “on the road” REFRaTTaRi VaLORiani Il nuovo forno professionale “on the road”: non è un’utopia ma un nuovo modo di spostare l’attività professionale che diventa realtà. Dopo il successo ottenuto al debutto durante la fiera Host 2013, il nuovo nato in casa Valoriani è destinato a diventare un must-have per le pizzerie che necessitano di libertà di movimento per le proprie attrezzature. Perfetto per semplificare l’organizzazione di eventi e di feste al chiuso e all’aperto, questo nuovo forno itinerante unisce design accattivante e facilità di spostamento alla qualità riconosciuta Valoriani. Per mantenere gli standard più alti sul mercato, il Trailer è stato sviluppato in collaborazione con un’azienda Toscana specializzata in allestimenti per ristorazione e strutture mobili, confermandosi come novità assoluta per il mercato italiano. Disponibile in due modelli per 5/6 o 8/9 pizze, il Trailer è dotato di due scomparti sotto il piano del forno, perfetti per appoggiare gli ingredienti e gli strumenti utilizzati più di frequente. La struttura resistente e le quattro grandi ruote assicurano la massima stabilità per spostare il tuo forno professionale in ogni ambiente: giardini, terrazze, balconi ecc. Finalmente non ci saranno più scuse: la pizza potrà essere gustata ovunque! I forni professionali sono omologati in USA con il marchio ETL, in Gran Bretagna, con CLEAN AIR 2005 No. 2304, in Italia con UNI 10474:1995 da IMQ, direttiva CEE 84/500 da laboratorio PH. Quelli a legna sono stati i primi e quelli a gas gli unici ad essere riconosciuti idonei per la cottura della pizza napoletana dalla AVPN (Associazione Verace Pizza Napoletana). “Molti hanno tentato di copiare i nostri forni, noi lo accettiamo come un complimento, comunque i Valoriani sono e saranno sempre gli unici originali” (Massimo Valoriani). British Fires

[close]

p. 13

13 1 www.radiofuoco.com Fare rete 13 La sicurezza di impianti e utenti ci sta molto a cuore aa. VV. Vogliamo dei sistemi di riscaldamento sempre più efficienti e sicuri. Vogliamo continuare a contriburire al rendimento energetico degli impianti e allo sviluppo nell’uso delle energie alternative e soprattutto della biomassa. Per raggiungere questi obiettivi facciamo sempre più “rete” con gli Enti, le Istituzioni i referenti delle organizzazioni che la pensano come noi e che vogliono un ambiente migliore per noi e per il nostro futuro. Nell’ottica di dare informazioni certe e vere abbiamo chiesto ad alcuni referenti del mondo istituzionale, della normazione e del mercato di darci la loro opinione sulle tematiche fondamentali per il nostro comparto. In particolare, ci siamo rivolti all’On. Panizza, all’Ing. Moreno responsabile della formazione ENEA, ad Alberto Monzali referente della AUSL di Bologna e ad un affermato architetto capitolino Rossella Ragazzini. Il tema portante: l’abilitazione per i Maestri Spazzacamini. Nella maggior parte dei paesi UE il mestiere dello Spazzacamino è riconosciuto e regolato da specifiche norme; gli spazzacamini hanno il “diritto/dovere” di iscrizione ad Albo tramite riconoscimento dei requisiti professionali. In Italia la professione non è regolamentata e non è necessario essere iscritto all’Albo degli impiantisti o affini. PANIzzA – Come tutte le professioni che riguardano la pubblica sicurezza, l’esistenza di un Albo deve essere strettamente correlata all’accertamento e alla crescita delle competenze professionali dei suoi componenti , oltre naturalmente al fatto di dotare la professione di un’organizzazione che possa rappresentarne gli interessi in sede istituzionale, così come accade per quasi tutte le professioni. L’Albo deve servire a questo e non a produrre nuova burocrazia. L’auspicio naturalmente è che alcune iniziative legislative cui la categoria sta guardando con interesse relativamente al proprio riconoscimento in tal senso, possano quanto prima giungere a compimento. MORENO – Purtroppo l’Italia manca di un sistema di riconoscimento univoco delle qualifiche su tutto il territorio nazionale di molte professioni di impiantisti e manutentori. Il processo di riconoscimento delle salvaguardare la vita umana, ne vale veramente la pena. L’Italia “paga” la mancanza di riconoscimento, abilitazione e regolamentazione con 10.000 incendi all’anno dovuti a impianti fumari non mantenuti adeguatamente. PANIzzA – Durante i miei anni da Assessore all’Artigianato della Provincia Autonoma di Trento, ho promosso una serie di iniziative volte a valorizzare la professione. Durante quel periodo ho avuto modo di confrontarmi con l’ANFUS e di apprezzare il Presidente Bezzi per l’operato svolto a favore della professione, per aver sottolineato la sua importanza per quel che riguarda la tutela della salute, intesa come limitazione delle emissioni di fumo e polveri sottili, prevenzione dal rischio di intossicazioni e incendi. Per questo ci vuole un albo: perché, con la sua introduzione, i cittadini saranno certi sulla professionalità sul pieno rispetto delle prassi volte a garantire sicurezza e salubrità dei luoghi. Devo peraltro esprimere l’apprezzamento perché per la prima volta in Trentino il tema della professionalità degli spazzacamini è stato posto dagli addetti ai lavori nella giusta cornice. MORENO – Nel momento in cui ci sarà un albo degli spazzacamini ufficialmente riconosciuto a livello nazionale bisognerà sensibilizzare non solo i cittadini ma anche i comuni, le scuole, gli istituti di assicurazione affinché tutti i cittadini siano informati e provvedano alla corretta manutenzione dei propri camini. RAGAzzINI – Infatti! La mancanza di regolamentazione della professione alimenta l’improvvisazione da parte di chi opera, induce il privato cittadino a pensare che se non c’è normativa non ci sono regole da rispettare, neanche quelle del puro buonsenso: mi riferisco in questo caso alla manutenzione, troppo spesso sottovalutata. Ogni cosa si deteriora con il passare degli anni, anche qualcosa che fu realizzato alla perfezione sia per la scelta dei materiali che per la qualità e competenza della manodopera. Il deterioramento causa incidenti anche mortali, la manutenzione è l’unica attività che programmata con costanza riesca a far durare veramente a lungo qualsiasi manufatto. Cosa consiglia al Legislatore considerando questi fattori: nei paesi Insieme per il rendimento energetico, bassi consumi, la sicurezza e l’ambiente dove esiste riconoscimento, abilitazione e regolamentazione del mestiere dello spazzacamino non avvengono incidenti, intossicazioni e incendi dovuti all’utilizzo degli impianti fumari nei paesi come il nostro dove non esiste abilitazione e regolamentazione del mestiere dello spazzacamino è in aumento l’inquinamento da combustione e incidenti da uso impianti fumari. PANIzzA – Auspico che l’Albo non solo venga istituito, ma diventi uno strumento d’accompagnamento per i fumisti, in grado di fornire stru- insieme per crescere l’italia “paga” la mancanza di riconoscimento, abilitazione e regolamentazione con 10.000 incendi/anno menti d’aggiornamento professionale. E consiglio infine una forte campagna di sensibilizzazione da parte delle istituzioni affinché i cittadini comprendano che in ballo c’è la loro sicurezza e quindi è importante rivolgersi sempre, ma davvero sempre, a chi possiede competenze e professionalità certificate. Fare il fumista non è un mestiere semplice; richiede passione e competenza. Ed è giusto che tutto questo venga quanto prima riconosciuto. MORENO – Oltre che preveder un albo degli spazzacamini bisogna che sia istituito anche un servizio di “ispezione” dal momento che se ci si affida al solo titolo di “spazzacamino” ottenuto eventualmente in un corso non professionale male organizzato, non è detto che il lavoro venga fatto bene e che si abbiano i benefici attesi. C’è bisogno di una campagna di sensibilizzazione che parta dalle scuole. Un accordo con il Ministero dell’istruzione e con il Ministero dell’ambiente potrebbe forse raggiungere in modo capillare tutte le scuole. RAGAzzINI – Consiglio di non tergiversare ulteriormente e di intervenire al più presto realizzando una Normativa che istituisca l’Albo Professionale dei Fumisti e degli Spazzacamini, regolamentandone qualifiche e competenze, unita ad una Normativa che stigmatizzi la Manutenzione Periodica intesa nel caso specifico quale fondamentale salvaguardia della vita umana. qualifiche è però stato avviato con due atti legislativi che sono la legge numero 4 del 2013 relativo alle professioni non regolamentate in cui potrebbe ricadere quella della spazzacamino e il decreto legislativo n° 13 del gennaio 2013 del Ministero del lavoro che riguarda il riconoscimento delle competenze non formali e informali acquisite in qualsiasi ambito professionale. Occorre ora vedere come le Regioni risponderanno e bisogna promuovere l’avvio di un tavolo di lavoro UNI/CTI per normare la figura dello spazzacamino. RAGAzzINI – C’è in Italia purtroppo, a vari livelli ed in vari ambiti, una carenza di prevenzione, una ottusa mentalità fatalista ed una superficiale incuria verso noi stessi, le nostre abitazioni ed il nostro territorio. Da un lato noi privati cittadini ci mettiamo del nostro nel sottovalutare i rischi che pressappochismo ed improvvisazione sovente possono farci correre; dall’altro il Legislatore sovente non legifera in materia di prevenzione ed interviene soltanto a disastri avvenuti. L’esempio della Normativa anti-sismica è emblematico : fatta nel 2008 con urgenza, dopo che una lieve scossa di terremoto fece crollare una scuola causando la morte di 25 bambini e di 2 maestre. Non sfugge a tale consolidata abitudine anche la Normativa che regola il mestiere dello Spazzacamino e del Fumista : non c’è, non esiste. Mi rendo conto del fatto che un professionista abilitato nel suo settore costa più di un improvvisato “tuttofare”, ma ciò che è più oneroso oggi è sì più sicuro oggi, ma soprattutto lo è domani. Il Legislatore deve avere a cuore la cura e la salvaguardia della vita umana, ha quindi il dovere di incentivare sia la sicurezza delle opere che la qualificata preparazione tecnico/ pratica da parte dei vari operatori. Per la sicurezza delle opere in questi ultimi anni tanto è stato giustamente legiferato; invece per la creazione di un Albo Professionale che abiliti alla professione Fumisti e Spazzacamini purtroppo nulla è ancora stato fatto. Istituire tale Albo ha l’obiettivo di il parere dell’esperto la legge 46/90 abbiamo modo tutti i giorni di vedere l’esempio della abilitazione alla ex 46/90 dove i requisiti non erano richiesti; il risultato è sotto gli occhi di tutti: ci sono persone capaci che si impegnano e spendono tempo e denaro a tenersi aggiornati, al contrario vi sono persone che hanno l’abilitazione ma non perdono tempo ad aggiornarsi. La sola semplice iscrizione concessa per il fatto di aver lavorato anni nel settore, non è una condizione sufficiente. ing. alberto monzali – auSL Bologna patrocini e partners attVita’ FormatiVe ed inFormatiVe anFus a proGetto Fuoco 2014

[close]

p. 14

14 1 14 Il voler l’edificio funzionale, mette tutti d’accordo nel voler abitare nel rispetto ambientale con un’attenzione agli impianti fumari, un occhio all’economia riducendo il consumo di combustibile, e la giusta prevenzione e sicurezza degli impianti. Che si abiti in condominio o indipendenti, possiamo fare un distinguo tra chi vuole risparmiare immediatamente attraverso il prezzo d’acquisto e chi preferisce risparmiare nel tempo, grazie a bassi consumi e robustezza degli impianti, e chi vuole potersi fidare e quindi cerca professionalità, e chi sa già tutto (o perlomeno crede di sapere) siccome si è documentato su internet facendo leva iFmagazine 25 – l’Eco del Fuoco – Febbraio 2014 Cliente finale, impresa edile e amministratore Tre punti di vista diversi, con un unico comune denominatore: l’edificio funzionale o su estetica o su tecnica avanzata. Alla troppa confusione per mancanza del rispetto di leggi e norme in vigore, le associate ANFUS rispondono con decisione nell’applicare le normative tecniche a favore dei consumatori, delle imprese edili e degli amministratori condominiali: vogliamo dare economicità, rispetto dell’ambiente e sicurezza, agli impianti termici o di cottura a legno combustibile. Ampia scelta di soluzioni tecniche, estetiche, impiantistiche ed esperienza sul campo sono i punti di forza delle associate che si pongono sul mercato con il proprio bagaglio tecnico – normativo. cliente finale Affidare un lavoro per la propria casa è una cosa seria. Lo sanno 5 milioni di famiglie Italiane che hanno fatto realizzare ad operatori del nostro settore progettazione, installazione e manutenzione del proprio caminetto, stufa o caldaia. Si sono trovate bene se hanno scelto un vero professionista, male se hanno affidato il lavoro ad un “tutto fare” o al “fai da te”. Fumo in casa con nuovi costosi lavori, intossicazioni di monossido di carbonio, incomodo a vicini e ai piani soprastanti, incendi di tetti e pareti in legno o coibentate con materiali sensibili al calore e inquinamento causato dall’utilizzo di “combustibili” non idonei. A pensarci correttamente non è difficile “sceglier bene”, basta rivolgersi a professionisti con esperienza documentata seguendo queste semplici regole: comprare solo da rivenditore specializzato che sappia consigliare ancor prima di vendere, affidare l’installazione a Fumista o installatore abilitato DM 37/2008, aggiornato da corsi tecnici e se possibile qualificato da marchio di qualità, che faccia il sopraluogo tecnico e il controllo dell’impianto fumario esistente ancor prima di fare il preventivo, e in concluil consumatore italiano sione affidare la manuvuole solo personale tenzione allo Spazzacamino di zona che faccia specializzato e affidabile. la video ispezione del l’associato anFus camino ancor prima di è l’ideale fare la prima pulizia, si presenti a voi aggiornato da corsi tecnici specifici e se possibile qualificato da marchio di qualità. Tutto questo può essere assicurato dalla professionalità dei Fumisti e degli Spazzacamini ANFUS e dei Rivenditori e Produttori associati ANFUS che hanno scelto di dare un valore aggiunto al loro operato con una costante e puntuale consulenza tecnica ai consumatori Italiani sulla necessità della manutenzione programmata, la regolare presa d’aria, l’accensione del caminetto o della stufa, riconoscere e accatastare la legna migliore. impresa edile Come per ogni libro c’è dietro un uomo, così dietro una casa c’è una impresa edile. Ma non tutti i libri ci piacciono così come non tutte le case ci fanno viver bene e sani. Ogni costruzione infatti ha i suoi pregi e si spera pochi difetti, dei quali spesso quelli relativi alla costruzione di canne fumarie sono causa di problemi e potenziali o imminenti pericoli. La distinzione di una impresa edile di eccellenza è anche in questo. E’ qui che entra in campo la collaborazione tra specialisti e il conseguente buon esito finale che è visibile solo durante l’uso dell’appartamento da parte del proprietario. Per questo l’impresa edile seria, oggi è una grande macchina composta da specialisti e consulenti per ogni attività, con predilezione per l’impiantistica che rappresenta una grossa fetta del costruito. Le imprese edili affidabili mettono a frutto giornalmente la loro collaborazione con Fumisti e Spazzacamini, sfruttandone le competenze nel dimensionamento e coibentazione degli impianti fumari, la messa a norma di camini, torrini e comignoli, la verifica degli impianti fumari esistenti e la posa in opera caminetti e stufe secondo la norma UNI 10683. Tale collaboraziole imprese edili più ne si basa su pochi ma attente alle mutate essenziali principi che l’impresa edile segue esigenze del mercato nel scegliere il Fumista collaborano con Fumisti e lo Spazzacamino di fie spazzacamini anFus ducia: conoscenza delle Normative di installazione, conoscenza dei prodotti e delle loro prestazioni, prezzo competitivo e completezza dei Capitolati di fornitura I Fumisti e gli Spazzacamini ANFUS, con l’obiettivo di fare squadra con le imprese edili più attente alle mutate esigenze del mercato, offrono la loro specializzazione parlando la stessa lingua della migliore edilizia Italiana, quella di cantiere, con presenza capillare sul territorio, completezza dell’informazione tecnico-normativa, e prontezza d’intervento, consulenza o manutenzione. amministratore condominiale L’amministratore è essenziale per il condominio come il regista per un film di successo… se professionale riesce a gestire anche le situazioni più difficili, rendendo semplice la vita con gli altri. Molto del suo operato può essere condizionato dai condomini ma reso più efficace dagli artigiani che l’amministratore si sceglie per dare un servizio completo. L’ultima generazione di questa professione riconosciuta, volge alla managerialità della proprietà immobiliare, concetto nuovo che vede in primo piano la consulenza ai condomini, la risoluzione dei problemi effettuata con discrezione e la concertazione di un pull di esperti in campi diversi che ruota intorno all’amministratore. A questo tipo di professionista i Fumisti e gli Spazzacamini ANFUS rivolgono un pacchetto di servizi specifici, mirati alla risoluzione dei problemi tra condomini, senza costi aggiuntivi in quanto facente parte di obblighi di controllo, manutenzione e messa a norma degli impianti fumari, dei torrini e dei comignoli collettivi. Per il professionista del condominio è chiara l’importanza del nostro l’amministratore operato e della nostra condominiale e il pull specializzazione volta di artigiani esperti: Fumisti alla sicurezza, la riduzione dei consumi e la risoe spazzacamini anFus luzione di casi particolaoffrono qualità ri e contenziosi. La mappatura dei torrini e dei comignoli esistenti sulle coperture viene proposta per prevenire disguidi tra condomini che utilizzano in comune, parte degli impianti, il controllo e la manutenzione programmata dell’impianto fumario di servizio alla centrale termica condominiale procura la riduzione delle spese per il combustibile e la video ispezione dei camini di servizio alle cappe delle cucine individua le cause degli odori, e dei camini delle caldaie autonome per prevenire pericoli potenziali di intossicazione per monossido di carbonio, causati da travasi tra utenze.

[close]

p. 15

15 1 www.radiofuoco.com 15 impianto o una muratura impegnata dal passaggio di un camino, un canale da fumo o da una predisposizione edile per il passaggio di un nuovo impianto fumario. Sono occasioni di crescita professionale e scambio di esperienze tecniche, perché ognuno ci mette del suo. Dopo aver acquisito informazioni dal Fumista sulle installazioni ammesse e non ammesse e i dati tecnici del camino esistente da parte dello Spazzacamino, il progettista può indicare la soluzione da seguire, il rivenditore può offrire i prodotti adeguati, il termoidraulico può realizzare l’impianto termico senza interferenze con caminetti e stufe, anzi unendone le peculiarità. Progettisti di cantiere, rivenditori e termoidraulici Progettare, scegliere materiali e installare, sono attività basilari per assicurare al cliente finale il comfort nella propria abitazione. L’unione delle competenze e delle professionalità di queste tre importanti componenti del ramo edilizia-impianti genera opere di qualità e funzionali, adeguate alle esigenze del consumatore e rispettose dell’ambiente e dell’economia familiare. Oggi, contrariamente al passato, capita con sempre maggior frequenza vedere una riunione tra questi tecnici svolgersi in cantiere con il Fumista e lo Spazzacamino, di fronte ad un Tre incarichi legati da un interesse comune: il comfort domestico del committente progettisti di cantiere Progettista, Direttore Lavori… Regista. E’ la definizione che viene spontanea quando a capo di un’opera edilizia vediamo un professionista rispettoso del lavoro degli altri, paziente nel far stare insieme le esigenze del committente, i costi generali del lavoro e le competenze delle figure professionali ed artigiane che gli ruotano intorno. I risultati si vedono: una buona casa e un ottimo comfort se il Progettista e il Direttore dei lavori hanno lavorato bene, se sono riusciti a guidare l’operato degli esecutori e hanno saputo gestire i rapporti con gli operatori. Meno bene quando il Progettista non ha una conoscenza generale di tutti gli aspetti dell’opera o ancor peggio quando non riesce a distinguere un valido e abilitato installatore da un generico edile non specializzato, un esperto rispetto ad un non qualificato. Di norma è facile capire la competenza di chi progetta o conduce un’opera: sono professionisti che sanno prendere difficili decisioni tecniche ma sempre dopo aver ascoltato gli specialisti. Ad esempio per il nostro settore c’è competenza dove il Progettista progettisti e direttori serio si confronta contilavori, Fumisti nuamente con Fumisti e e spazzacamini concorrono Spazzacamini per decidere la posizione e il pasal realizzare abitazioni saggio del camino attraconfortevoli verso i solai, la tipologia delle coibenze, la distanza da materiali sensibili al calore, l’altezza dei torrini e la conformazione e dimensione dei comignoli. Da questa collaborazione, partita dalla progettazione e oggi arrivata nel cuore della cantieristica, nasce un nuovo modo di collaborare, con i progettisti sempre più propensi ad ascoltare i Fumisti in merito alle installazioni ammesse e non ammesse, indicate dalla norma UNI 10683, e a dare spazio agli Spazzacamini per conoscere l’effettivo stato degli impianti fumari esistenti individuati durante le frequenti ristrutturazioni edilizie. Rivenditori Un rivenditore può risolvere un problema ancora prima che si manifesti? Può accompagnarci nella scelta giusta in termini di prodotto migliore per le nostre esigenze? SÌ = rivenditore professionale, NO = commerciante non aggiornato. Nel settore dei caminetti, delle stufe e degli impianti fumari, il reparto vendita è infatti determinante per il buon esito dell’operazione “acquistare, installare, collaudare, usare”, in quanto si rende necessario fin dal primo approccio, avere ben chiaro che tipo di impianto vogliamo realizzare, e un rivenditore preparato e competente riesce sempre ad individuare quale dovrà essere la soluzione migliore per il suo cliente. Selezionare per il nostro acquisto sicuro, il rivenditore migliore, non è cosa da poco ma diventa facile se di fronte a noi troviamo un vero esperto di “fuoco di legna”… pochi scambi di opinioni e ci facciamo subito un’idea. Ha un’ottima conoscenza del mercato e una buona preparazione sulla fumisteria in generale e sa spiegare nel dettaglio quanto da soli non saremmo capaci di comprendere dal libretto delle istruzioni dell’apparecchio … cosa quest’ultima che sembrerebbe una banalità i Fumisti e gli spazzacamini ma non è così. prediligono “fare business” I Fumisti e gli Spazcon rivenditori professionali zacamini prediligono “fare business” con rie sinceri venditori che hanno un approccio professionale e sincero con il cliente e che in sede di cantiere sanno muoversi con disinvoltura durante i sopralluoghi, e in particolare quando rispettano la norma UNI 10683. Nel tempo la collaborazione tra Fumisti, Rivenditori e Spazzacamini aumenta quando subentra un buon rapporto con i CAT autorizzati dalle aziende produttrici e quando il rivenditore mette in pratica quanto ha acquisito durante i frequenti aggiornamenti tecnici, su prodotti e tecnologie che in questi ultimi anni hanno registrato significativi e costanti perfezionamenti tecnici. Termoidraulici Il Termoidraulico fa la differenza tra un impianto sicuro e un impianto che genera solo problemi, consapevole che la funzionalità delle caldaie autonome e condominiali, collegate ai 22 milioni di impianti fumari, spesso è condizionata da camini, comignoli e torrini fuori norma, motivo valido del nuovo sodalizio tra categorie: Termoidraulici, Fumisti e Spazzacamini. Ognuno con un campo di azione prestabilito, ha individuato il proprio obiettivo: riscaldare in sicurezza le famiglie Italiane. Non più difficoltà a dialogare ma categorie che condividono i propri punti di forza, preparazione tecnica Termoidraulica, esperienza in Fumisteria, metodi di Manutenzione impianti fumari. Ogni zona ha i suoi specialisti, i migliori si uniscono tra loro per condividere le conoscenze, porgendo al committente un servizio completo, senza prevaricazioni perché il Termoidraulico consapevole delle proprie competenze si avvale sempre del suo Spazzacamino di fiducia per assicurare la manutenzione del camino di servizio alle sue caldaie. Specie per le centrali termiche dove la funzione del camino è più importante. Scegliere il Termoidraulico coadiuvato da un gruppo di colleghi il termoidraulico abilitati ad andare sul fa la differenza tra tetto, vuole dire non aver problemi, visto che la reun impianto sicuro sponsabilità della sicue un impianto che rezza non ricade solo genera solo problemi sull’artigiano ma anche sul committente o l’amministratore condominiale che mal ripone la sua fiducia in una azienda non qualificata. Fumisti e Spazzacamini sono fortemente proiettati a sviluppare la rete di collaborazioni e offrono servizi specifici ai Termoidraulici quali, videoispezione camini ante posa della caldaia, pulizia ante intubamento del vecchio impianto fumario, la totale sicurezza sul tetto e lo speciale rapporto KIF molto apprezzato dai responsabili di impianto termico. Valido strumento di valutazione tecnica dell’impianto fumario da risanare.

[close]

Comments

no comments yet