I bambini del mondo

 

Embed or link this publication

Description

di Carmine Papa

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2

© 2011 Edizioni La Gru Tutti i diritti riservati Edizioni La Gru via S. Caboto, 26 – 35136 Padova tel. 0499875955 – P.IVA: 04431730284 info@edizionilagru.com www.edizionilagru.com © 2011 Edizioni La Gru I edizione: dicembre 2011 ISBN: 978-88-97092-23-0 Illustrazione in copertina: “I bambini del mondo” di Pasquale Papa

[close]

p. 3

CARMINE PAPA I BAMBINI DEL MONDO poesie I proventi di questo libro sostengono Obiettivo Cuore Abc Onlus

[close]

p. 4



[close]

p. 5

Prefazione Chi non ricorda le tante belle poesie che a scuola i nostri insegnanti ci spiegavano e che talvolta ci invitavano ad imparare a memoria per interiorizzarle? Non possiamo dimenticare la Divina Commedia, opera somma dell’amore limpido e puro dedicato da Dante Alighieri alla sua amata Beatrice, i canti di Leopardi – Il passero solitario, A Silvia, L’Infinito, Il sabato del villaggio – le poesie del Pascoli – La cavallina storna, I due orfani – e la suggestiva Pioggia nel pineto di Gabriele D’Annunzio. Indimenticabili sono anche alcune poesie in musica, come l’immenso patrimonio della canzone napoletana in cui spiccano i testi di E. A. Mario, ad esempio, e alcune canzoni italiane come la poetica Il Cielo in una Stanza. Poesia, arte, creatività e liricità sono concetti che tornano in questi grandi autori. La poesia intende infatti rivelare un momento soggettivo dell’artista in una luce di quasi mitica semplicità. Per gli antichi greci il canto del poeta era accompagnato dalla lira, ecco perché – come anche Benedetto Croce scrive – la poesia è liricità. Il poeta canta la gioia, la tristezza, il dolore, l’amore, la felicità, la morte, la guerra, la violenza, la fede… la Vita. Il poeta è un uomo, il vero uomo, colui che osserva e medita l’intera umanità così come è nella realtà, per poi proiettarla in alto, molto in alto, nell’infinito. Ma esistono, oggi, in un’epoca come quella attuale, in cui appare sempre più evidente la crisi dei valori umani fraterni e il rispetto che ne deriva, in nome di un solo imperativo, il Potere, che genera superficialità, interesse e sfruttamento in tutte le di5

[close]

p. 6

rezioni, mirando esclusivamente al guadagno, al consenso, al fenomeno, a ciò che appare… esistono ancora dei veri Poeti? Esiste ancora, oggi, qualche uomo che con un pensiero limpido e sincero possa ragionare e sognare, un uomo che abbia una concezione estetica libera e quasi infinita, un uomo che possieda una profonda fede non condizionata dai limiti di una religione come istituzione ma oltre qualsiasi religione e che ama Dio come ama il prossimo, un uomo che con le sue opere di poesia, pittura e scultura, inviti il prossimo alla solidarietà, al servizio e all’amore? Costui non è solo un poeta, ma è qualcosa di più. Ho potuto riconoscere questi aspetti nella cultura e nelle opere di Carmine Papa. Le sue opere pittoriche e scultoree sono ormai conosciute nelle varie mostre nazionali e internazionali di arte contemporanea, e suscitano grande interesse e profonda ammirazione. La profonda cultura di Carmine Papa si presenta qui con la sua poesia sui bambini costretti a combattere, a lavorare, a mendicare. Ai bambini affamati, abbandonati, violentati, venduti e schiavizzati ma anche ai bambini gioiosi, innocenti, bambini che il poeta intende ricordare e proteggere. Il lettore attento scorge l’innocenza perduta e avverte così un triste sentimento toccare le corde del suo cuore. Ma contrariamente, tutta la fragilità dei tanti fiori violati, troncati come in una strage di innocenti nel nostro oscuro mondo, riappare, attraverso la poesia, in una limpida e calda luce che fa risorgere un nuovo, diverso mondo. Prof. Franco Alfarano 6

[close]

p. 7

Invito alla lettura di Carmine Papa Pericoli e insidie sono i nemici che affollano la contemporanea società, dove si è spinti da chi detiene le briglie del potere a trattare superficialmente ogni cosa, anche i profondi valori umani. Quindi, diviene non semplice compito quello di scorgere tra le trame di uno pseudo-perbenismo i figli del principe del male, mentre è facile per gli umani fiori cioè i bambini, esserne vittime. Sì, loro, i bambini che non sono ancora pronti per difendersi dalle cattiverie degli altri, perché privi degli anticorpi dell’esperienza. La motivazione che mi ha spinto a scrivere una raccolta di poesie su queste creature innocenti non è dovuta ad un’esplosa e narcisistica voglia di un comune poetizzare o da una loro suscitata tenerezza, che da sempre tocca le corde del mio cuore. La ragione principale è quella di assumere con questo mio scrivere, il ruolo di loro difensore morale e sociale, da tutti i tipi di violenze psicofisiche che vengono loro afflitte. È tempo di agire con decisione contro chi sferra crudeli colpi di scure di violenza contro queste fragili radici umane, segnando poi, indelebilmente il loro IO con le loro vigliacche azioni. In questa feroce e indifferente società occorre prendere le difese umane e morali di queste future generazioni di persone che silenziosamente soccombono da tempo per un ignobile interesse, per soddisfare una perversa brama dell’avere, compiendo atti spregevoli su chi è incapace di difendersi e quindi ribellarsi. Gesti vergognosi, questi, che si fa anche fatica semplicemente a nominare, tanto sono crudeli, assurdi e inumani. Eppure appartengono proprio alla nostra società, quella degli essere umani, di cui tutti noi facciamo parte. Stupro, tortura, sfruttamento alla prostituzione, schiavitù, abbandono, povertà, fame, incuria, or7

[close]

p. 8

rore, torture, violenze, maltrattamenti, sottomissione, sevizie, rapimenti, defraudazione degli organi per alimentare un nascosto orrendo mercato e poi, poi… BASTA! La soluzione a queste barbarie umane e sociali è nelle mani di chi risiede nella sfera della vera cultura, dimostrando responsabilità anche civile non solo culturale, denunciando con le loro potenti armi della parola e della penna, le oscenità che caratterizzano questa moderna società. L’intento mio, di questa raccolta di riflessioni sui bambini, non vuole essere di informazione e non vuole “fare notizia”, infatti, sono chiaramente visibili le mostruosità odierne; ma il mio scrivere vuole rappresentare un tributo morale nonché civile, e così agendo, rammentare con la sua lettura l’immensa bellezza di questi fiori umani, quindi futuri frutti. Questa raccolta di cinquanta poesie sui bambini ha l’intento di donare soprattutto un personale contributo di solidarietà ai tutti i bambini del mondo. Per questo motivo ho scelto di donare i proventi di questo libro all’Associazione OBIETTIVO CUORE A.B.C. O.N.L.U.S., con la quale condivido un comune interesse: l’AMORE, per i bambini. 8

[close]

p. 9

La poesia di Carmine Papa Parlare della poesia è un compito abbastanza “complesso” in quanto viene richiesto un delicato attraversamento nelle infinite porte del profondo dell’umano. Ma al fine minatore di pietre preziose non induce timore lo scavar per l’animo, consapevole che poi la fatica sarà ricompensata dalla lettura di inestimabili gioielli mentali. Ora, la poesia è una delle forme più sensibili del sentimento umano dove concorrono tutti i sensi dell’uomo, infatti, essa è frutto non solo della pulsione emotiva “interna”, ma è generata anche dal vedere e dall’udire, dal gustare e dal sentire odori. Non esiste una creazione poetica che non sia passata per i vicoli fini dei sensi corporei e sono proprio essi che, con la loro influenza, movimentano la mente nello scrivere. La poesia non vuole essere una forma inutile di surrogato mentale come gente insensibile vuole fare apparire, ma un’alta creazione dell’animo umano e ipersensibile; dove poi si vanno a raccogliere tutte le “prede” mentali di una vita di caccia per le “cose” vere della vita. Nella poesia si versa tutto quello che l’esistenza dell’uomo poeta ha potuto carpire dalla e nella vita, come nella narrativa in cui si descrive ogni particolare di una scena tale da far immedesimare il lettore in un mondo immaginario ma dalla descrizione reale. Quindi l’uomo poeta investe tutto se stesso e il suo bagaglio esistenziale nel comporre poesie, e per lui è un mezzo sintetico di parlare e di comunicare sensazioni pescate poi in momenti sensibili della sua vita. Momenti, situazioni particolari in cui si sono avvertite e… tant’altro, molto… TUTTO! 9

[close]

p. 10

Obiettivo Cuore Abc Onlus L’Associazione OBIETTIVO CUORE A.B.C. O.N.L.U.S. (Associazione Bambini Cardiopatici), è presente nella Divisione di Cardiochirurgia Pediatrica dell’AORN dei Colli Monaldi Cotugno CTO, diretta dal Dr. Giuseppe Caianello e ha sede nella Divisione di Cardiochirurgia Pediatrica e Cardiologia Pediatrica dell’A.O. Monaldi di Napoli. È una Onlus apolitica, apartitica e non ha fini di lucro; è infatti costituita prevalentemente da genitori di bambini affetti da patologie cardiache e da persone che in età adulta hanno riscontrato una cardiopatia congenita. L'Associazione, da oltre due anni, svolge attività di informazione e di sensibilizzazione dell'opinione pubblica sui problemi medico-sociali legati alle cardiopatie congenite in età pediatrica. Promuove iniziative nel settore della prevenzione e dell'educazione sanitaria, di sostegno alle famiglie con bambini affetti da cardiopatie congenite e bambini diversamente abili, partecipando attivamente nei casi più bisognosi. La Onlus si impegna a stimolare una maggiore comunicazione tra gli operatori sanitari, pazienti e familiari per migliorare la qualità della vita di tutti e contribuire al progetto di umanizzazione degli ospedali (la scuola in ospedale, la clown terapia e la musicoterapia, il confort alberghiero.) Inoltre, con il suo contributo, l’associazione promuove e partecipa allo sviluppo scientifico e assistenziale della Divisione di Cardiochirurgia Pediatrica e della Cardiologia Pediatrica dell'A. O. Monaldi di Napoli. 10

[close]

p. 11

Sono molte le attività fin’ora svolte nel reparto di degenza a favore dei piccoli pazienti e delle famiglie: ♥ Organizzazione delle feste di Carnevale, Pasqua e del Santo Natale con le partecipazioni di Marcello Lippi (ex CT Nazionale di calcio italiana), Fabio Cannavaro e Ciro Ferrara (giocatori di calcio), Biagio Izzo (attore comico della scena italiana) con regali per tutti i bambini ricoverati e non. ♥ Acquisto per la divisione di Cardiochirurgia Pediatrica del Monaldi di televisori a schermo piatto per ogni stanza. ♥ Stampa di due manuali sui protocolli in Cardiochirurgia Pediatrica – N◦1 del 2009: “Protocolli di Cardiochirurgia Pediatrica” – N◦2 (in corso di stampa): “Tecniche di base in Cardiochirurgia Pediatrica”, realizzati entrambi dal personale medico della Cardiochirurgia Pediatrica del Monaldi. ♥ Allestimento di stand in varie manifestazioni in piazze con i volontari e i medici dell’Associazione. ♥ ♥ Spettacoli teatrali. Feste di compleanno per i piccoli ricoverati. ♥ Acquisti di apparecchi per l’areosolterapia per ogni degente. I volontari e tutte le famiglie sensibili alle problematiche riscontrate durante la degenza dei piccoli, hanno contribuito attivamente acquistando: scalda biberon per ciascuna 11

[close]

p. 12

stanza, un fasciatoio completo di bagnetto, un forno a microonde, un apparecchio per l’elettrocardiogramma. È possibile contattare Adelaide Armillis, Presidente di OBIETTIVO CUORE A.B.C., per suggerire ulteriori interventi utili al fine di migliorare l’aiuto offerto. L'associazione "OBIETTIVO CUORE A.B.C. O.N.L.U.S. realizza i propri obiettivi con i proventi delle quote associative, donazioni 5x1000, con sovvenzioni di privati e con eventuali sottoscrizioni e donazioni. Per informazioni rivolgersi a: Divisione di Cardiochirurgia Pediatrica e Cardiologia Pediatrica A.O. MONALDI Via Leonardo Bianchi - 80131 NAPOLI TEL. 081 7062358 Tutti giorni dalle 10.00 alle 14.00 e-mail: obiettivocuoreabc@gmail.com Info: 338 9722459 12

[close]

p. 13

In ricordo della piccola Melania non sporcate di rosso il sorriso dei bambini, è da vigliacchi toccare i bimbi, è disumano approfittare dei propri figli, figli di Dio sono i bambini, i bambini sì degli innocenti.

[close]

p. 14



[close]

p. 15

Ed, io poetizzo... Violati i bambini vengono, ed io poetizzo. I bambini soffrono, ed io poetizzo. I bambini muoiono, ed io poetizzo. Ed, io poetizzo per gridare agli indegni uomini di potere, che tutto ciò permettono e che vigliaccamente vedono sentono ma tacciono. 15

[close]

Comments

no comments yet