Manuale di Psicomotricità per la scuola dell'infanzia

 

Embed or link this publication

Description

Prima Edizione

Popular Pages


p. 1

Manuale di Psicomotricità per la scuola dell'infanzia Prima Edizione

[close]

p. 2

Indice 1 Che cosa è la Psicomotricità? (scuola dell'infanzia) 1.1 1.2 1.3 1.4 2 Le Tipologie di Psicomotricità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La psicomotricità analitico-relazionale (o dinamico-relazionale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La psicomotricità in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Profilo professionale e formazione degli psicomotricisti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 2 3 3 3 6 6 7 7 8 8 9 11 12 12 15 17 18 19 19 19 19 19 19 20 20 20 21 21 21 Lo Sviluppo Psicomotorio del Bambino (scuola dell'infanzia) 2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 2.7 2.8 2.9 Dalla nascita ai due mesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dai due ai sei mesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dai sei ai nove mesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dai nove ai dodici mesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dai dodici e diciassette mesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dai diciotto ai ventinove mesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dai trenta e i trentasei mesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dai tre ai quattro anni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dai quattro ai sei anni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 Percorso di Psicomotricità (scuola dell'infanzia) 3.1 3.2 3.3 L'Area e i Materiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il Percorso di Psicomotricità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La Seduta di un Percorso di Psicomotricità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.3.1 3.3.2 3.3.3 3.4 3.4.1 3.4.2 3.4.3 3.4.4 Prima Fase (Primo Tempo): Rituale d'Ingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Seconda Fase (Secondo Tempo): Svolgimento delle Attività . . . . . . . . . . . . . . . . . Terza Fase (Terzo Tempo): Rituale d'Uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il Rilassamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il Gioco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La Musica e la Danza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L'Espressione Artistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tecniche Psicomotorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Esercizi e Giochi Psicomotori (scuola dell'infanzia) 4.1 4.2 Il gioco dei giganti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Giochi di conoscenza: il prurito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i

[close]

p. 3

ii 4.3 4.4 4.5 4.6 4.7 4.8 4.9 Gioco a coppie INDICE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 23 23 23 23 24 24 24 24 25 26 26 26 26 Schiena contro Schiena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tic Tac Toc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sparviero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Acchiappapalla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . AeB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L'ombra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.10 L'ipnotizzatore 4.11 La Fattoria 4.12 Tiriamo i Fili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13 Fonti per testo e immagini; autori; licenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13.1 Testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13.2 Immagini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.13.3 Licenza dell'opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

[close]

p. 4

Capitolo 1 Che cosa è la Psicomotricità? (scuola dell'infanzia) Rappresentazione della Psicomotricità. La psicomotricità è una disciplina sviluppata in Francia da Bernard Aucouturier e André Lapierre. Con il termine psicomotricità si intende valorizzare la sinergia tra esperienza corporea ed immagine mentale, tra azione e mondo interiore, tra atto ed intenzionalità, considerando l'individuo in un'ottica di integrazione tra gli elementi esperienziali, emozionali ed intellettivi. 1

[close]

p. 5

2 CAPITOLO 1. CHE COSA È LA PSICOMOTRICITÀ? (SCUOLA DELL'INFANZIA) La psicomotricità è anche una disciplina che intende supportare i processi evolutivi dell'infanzia, valorizzando il bambino nell'integrazione delle sue componenti emotive, intellettive e corporee, nella specificità del suo mettersi in gioco primariamente attraverso l'azione e l'interazione: • Nell'uso dello spazio e degli oggetti. • Nell'interazione con l’altro e con gli altri. • Nella capacità di rappresentarsi agli altri attraverso il movimento, la parola, il gioco. La parola psicomotricità si presenta affascinante nella sua intenzione di conciliare i due termini estremi della concezione dualistica della persona umana. Concezione che la cultura di questo secolo stempera via via sotto l'impulso di esperienze e fenomeni che hanno visto riproporsi sempre più energicamente l'interazione mente-corpo come modello costitutivo dell'individuo. Essa, quindi, postula l'unità della persona, non escludendo, tuttavia, la differenziazione delle tre sfere costitutive della personalità: motoria, affettiva, cognitiva. 1.1 Le Tipologie di Psicomotricità Psicomotricità Acquatica. Varie sono le Tipologie di Psicomotricità: • Come Pratica Educativa: Il Bambino attraverso le sue azioni corporali (come giocare, saltare, manipolare oggetti, ecc.) viene inserito nel mondo e aiutato ad acquisire i fondamenti necessari da sviluppare per la scuola e per la vita. Sono tutte attività giocose e volte a scoprire lo spazio (su / giù, davanti / dietro, sinistra / destra ...), il tempo (velocità, andatura, la durata ...), le abilità motorie necessarie per l'equilibrio, la vista, il rapporto tra gli altri bambini, etc.. Viene guarda anche la formazione cognitiva come la scrittura, la lettura e la matematica. • Come Pratica d'Aiuto: E' realizzata in centri privati o nelle scuole, sia in gruppo che individualmente, tenendo conto delle caratteristiche specifiche dei bambini o adulti con problemi o malattie. Essa aiuta a far comunicare coloro che hanno difficoltà e a interagire con gli altri e il mondo che li circonda.

[close]

p. 6

1.2. LA PSICOMOTRICITÀ ANALITICO-RELAZIONALE (O DINAMICO-RELAZIONALE) 3 • Psicomotricità Acquatica: La stimolazione psicomotoria acquatica è utile quando il bambino ha bisogno di sviluppare la capacità di muoversi. L'acqua aiuta a sviluppare le sensazioni e le percezioni del peso, del volume, della distanza, l'immagine del corpo, le esigenze, i desideri e le abilità di combattimento, anche dando sensazioni di sostegno, contenimento, equilibrio, .... nella costante per la legge di gravità. Essa è usata anche per la cura di pazienti con alcune problematiche cerebrali ad esempio come un caso di ipotonia significativa nel collo, a seguito di un problema avuto durante il parto e questo non permetteva al bambino di essere in grado di sedersi. Su richiesta dei genitori, il neurologo ha approvato l'idea di iniziare la stimolazione psicomotoria acquatica. Attraverso l'esercizio si è cercato di sviluppare il senso dell'equilibrio. L'acqua ha agito come stimolo speciale dal momento che il bambino è stato molto motivato dall'attività. 1.2 La psicomotricità analitico-relazionale (o dinamico-relazionale) Attualmente ci sono varie tipologie di psicomotricità. La psicomotricità analitico-relazionale, secondo il metodo del linguaggio primario, si basa sul gioco libero senza esercizi prestabiliti, in cui ogni partecipante mette in scena liberamente il proprio bagaglio di significati e scopre la propria via (anche quella del cambiamento) nella relazione con l'altro. Il conduttore considera la propria persona ed il proprio corpo come parte integrante del gioco di relazione e attraverso il gioco stesso sostiene l'evoluzione e la crescita dei partecipanti. La psicomotricità relazionale utilizza quindi il gioco come una dimensione dove tutto può essere sperimentato senza conseguenze e senza sensi di colpa, utilizza il corpo come luogo fondante di tutte le comunicazioni, ed infine utilizza anche degli oggetti speciali, meglio dette Forme, che hanno la capacità di mettere in movimento le immagini antiche che stanno dentro di noi e di restituire il senso del nostro agire. Queste forme sono la palla, il cerchio, la corda, il bastone, la forma informe. Il bambino, utilizzando questi oggetti nel gioco, ha la possibilità di scaricare le tensioni interne, di riproporre le proprie emozioni, anche conflittuali, legate alle esperienze della quotidianità, e di elaborare nuove strategie per viverle più serenamente. Il bambino in questo modo trova un'occasione per scoprire le proprie capacità creative, sperimentarle e svilupparle in un ambiente favorevole. Questo è possibile perché gli oggetti utilizzati negli incontri psicomotori hanno la peculiarità, date le loro caratteristiche specifiche, di permettere al bambino di affrontare gli aspetti della sua crescita: il rapporto con le figure genitoriali, con i coetanei, con le richieste dell'ambiente. 1.3 La psicomotricità in Italia La psicomotricità italiana ha vissuto in questi trent'anni una graduale trasformazione all'interno dell'ambito sociale, proponendosi non solo come dimensione riabilitativa, rivolta ai bambini con diverse tipologie di deficit, ma anche come esperienza educativa originale, in cui i bambini potessero vivere la dimensione ludica, potenziando le proprie abilità motorie, sociali, comunicative. Ai bambini delle classi della scuola dell'infanzia e del primo ciclo elementare, dove la psicomotricità si era gradualmente inserita, veniva offerta l’opportunità di sperimentarsi all'interno di percorsi psicomotori caratterizzati dall'esperienza libera e diretta con i materiali di gioco e da un preciso lavoro di percezione e regolazione delle abilità corporee, attraverso il confronto con lo spazio, il tempo, gli oggetti e i compagni. In sintonia piena con i compiti propri delle realtà scolastiche ed educative, la proposta psicomotoria si è gradualmente trasformata, provando ad offrire la propria azione di supporto a favore di uno sviluppo ecologico di tutti i bambini, grazie ad un particolare approccio metodologico, in grado di attivare le loro parti migliori, in modo ludico, divertente, non intrusivo. 1.4 Profilo professionale e formazione degli psicomotricisti Lo psicomotricista postula alla base del proprio intervento l'unità della persona, riconoscendo e favorendo l'interazione e la piena integrazione tra l'area motoria, cognitiva e affettiva. Attiva e favorisce nell'altro la progressiva conoscenza a cominciare dal sé corporeo e dall'ambiente, attraverso la motricità e le capacità simboliche della persona. Svolge attività di osservazione, valutazione e bilancio psicomotorio, anche nell'ambito di un lavoro di équipe. Elabora, anche in équipe multidisciplinare, la definizione del progetto di intervento, volto all'individuazione e al superamento delle difficoltà e dei disagi della persona.

[close]

p. 7

4 CAPITOLO 1. CHE COSA È LA PSICOMOTRICITÀ? (SCUOLA DELL'INFANZIA) Un esempio di Area per la Psicomotricità. Attua i progetti di intervento nei seguenti ambiti: • Educativo-preventivo: gli interventi sono rivolti a favorire un armonico sviluppo psicomotorio, a mantenere un adeguato equilibrio e a prevenire disagi della relazione e degli apprendimenti nelle persone in età evolutiva; gli effetti dell'educazione e prevenzione psicomotoria si estendono inoltre a favorire l'integrazione, l’accettazione e la valorizzazione delle differenze personali. Tali interventi possono essere attuati anche in situazioni di rischio sociale e in altre condizioni di difficoltà personali. • Sociale: lo psicomotricista svolge la sua attività in ambito sociale per favorire i processi di inserimento e integrazione sociale, per migliorare la comunicazione e l’uso di una adeguata espressività corporea nella relazione umana, coinvolgendo anche gli adulti (genitori, educatori, insegnanti, operatori dell'ambito sociosanitario e assistenziale) sia a livello personale che nell’acquisizione di strumenti per la propria attività professionale. • Di aiuto: lo psicomotricista attua interventi di aiuto psicomotorio con persone in età evolutiva e con persone in età adulta o anziani che presentano difficoltà connesse all'alterazione delle funzioni psicomotorie e della comunicazione. Per svolgere adeguatamente queste funzioni lo psicomotricista necessita di: • Una formazione teorica ampia, centrata su una visione globale della persona, con particolare attenzione allo sviluppo psicomotorio del bambino, nel superamento della scissione mente-corpo e nel riconoscimento dell'individuo come espressione del suo gruppo di appartenenza. • Una formazione personale approfondita, quale percorso di esperienza la cui finalità è l'acquisizione delle capacità di ascolto: dalla percezione delle modificazioni somatiche relative al proprio coinvolgimento emozionale nella relazione con l'altro, alla capacità di decentrarsi verso l'altro, attraverso l'adattamento tonico-emozionale, per giungere alla lettura e alla comprensione del senso della sua espressività motoria.

[close]

p. 8

1.4. PROFILO PROFESSIONALE E FORMAZIONE DEGLI PSICOMOTRICISTI 5 • Una formazione professionale specifica, che vede al centro del lavoro l'intervento con la persona nella sua globalità e si realizza attraverso il tirocinio, momenti di elaborazione delle esperienze, supervisioni degli interventi effettuati, seminari sui temi della psicomotricità (atteggiamento dello psicomotricista, l’attività psicomotoria, l'osservazione della persona, modalità e parametri dell'osservazione psicomotoria). Dal 1972 la formazione degli psicomotricisti si realizza presso scuole di psicomotricità presenti sul territorio nazionale. Attualmente la formazione si effettua con corsi triennali di almeno 2.400 ore, ripartite in tre aree di formazione (Formazione Personale, Teorica e Pratica) secondo quanto concordato a livello nazionale ed europeo. Al momento varie associazioni sono rappresentative della categoria dello psicomotricista, ogni associazione prevede l'iscrizione al registro degli psicomotricisti in maniera autonoma e differenziata per formazione e titoli.

[close]

p. 9

Capitolo 2 Lo Sviluppo Psicomotorio del Bambino (scuola dell'infanzia) Con Sviluppo Psicomotorio si intere il percorso di crescita che coinvolge il corpo e i cinque sensi del bambino. Esiste, infatti, una stretta relazione tra le diverse azioni che il bambino impara a svolgere e i progressi della psiche. Il neonato non riesce ancora a controllare il proprio corpo e si muove in modo automatico. E' comunque in questa fase che si sviluppa la sua psiche dato che inizia ad apprendere, attraverso l'esempio dei propri genitori e delle proprie esperienze di vita. Di seguito è esposto il percorso di crescita “tipo” che il bambino dovrebbe avere nel corso dei primi mesi. E' bene precisare che ogni bambino ha un proprio sviluppo e pertanto è sempre consigliabile il consulto con un esperto per stabilire lo sviluppo del bambino nel caso concreto. 2.1 Dalla nascita ai due mesi Un bambino appena nato. 6

[close]

p. 10

2.2. DAI DUE AI SEI MESI 7 Il primo senso che un neonato sviluppa e la vista. E' attraverso la vista infatti che le cellule celebrali (circa 100 miliardi all'inizio) cresceranno e si adegueranno ai segnali che ricevono dalle altre cellule. La loro vista periferica (cioè quella eseguita con la “coda dell'occhio”) è molto sviluppata in questa fase e anche la percezione dei movimenti e dei contrasti di colore e di luce è più forte. Pian piano sviluppano la visione centrale e dai tre mesi riescono a guardarsi le mani e a seguire un oggetto in movimento circolare. Anche l'udito, che ha la medesima funzione della vista di recettore di informazione, in questa fase è molto sviluppato nella ricezione di suoni e particolarmente sensibile alla voce umana soprattutto materna. I movimenti volontari, invece, non sono ancora ben sviluppati. Le aree motorie celebrali si sviluppano in sequenza cranio-caudale (dall'altro in basso) sviluppandosi quindi prima le aree che controllano i muscoli della parte superiore del corpo (cranio, arti superiori) per poi quella degli arti inferiori. 2.2 Dai due ai sei mesi E' questa la fase di maggior sviluppo del bambino. Le aree di sviluppo però si muovono a differenti velocità e quindi si possono avere picchi di sviluppi in aree rispetto agli altri (esempio controllo del fisico rispetto alla comunicazione). Ancora una volta l'area che si sviluppa maggiormente è quella, però, visiva con una acquisizione, da parte del bambino, di una maggiore capacità di visualizzazione di un oggetto o di un volto nel dettaglio, di seguire un oggetto con lo sguardo e la messa a fuoco. Dai quattro mesi la visione del bambino è simile a quella dell'adulto. Si attivano anche il processo di integrazione sensiorale nel senso che il bambino inizia ad associare ciò che vede agli altri sensi. E' da precisare che lo sviluppo, in questa fase, avviene in modo diverso a seconda del bambino ecco perché si suole verificare l'eventuale disgiunzione psicomotoria non in relazione ad un preciso momento ma ad un arco di tempo. Dai tre mesi il bambino riesce a distinguere diverse centinaia di parole del linguaggio parlato (molte più della sua lingua madre). Il cervello si organizza, poi, intorno alle parole che più volte sente e inizia ad organizzare una mappa uditiva per il linguaggio. 2.3 Dai sei ai nove mesi Si ha, in questa fase, uno sviluppo rapido delle funzioni sia cognitive che motorie. Si nota un notevole cambiamento in tutte le funzioni da quelle motorie a cognitive a relazionali questo grazie all'eccezionale numero di connessioni tra cellule celebrali che il bambino ha in questi mesi di vita. Il cervello cresce più veloce del corpo e questo sviluppa le facoltà neurologiche per poi poter controllare il resto del corpo. Lo sviluppo motorio è influenzato dallo sviluppo celebrale e quindi dalle varie esperienze a cui il bambino è esposto nelle organizzazione di tali connessioni. La corteccia cerebrale crescendo riesce a raggiungere i recettori più lontani dal cervello sviluppando, nei mesi dal sesto al dodicesimo, il controllo dei muscoli di tronco e gambe. Il controllo dei movimenti si sostituisce gradualmente a quello dei riflessi incontrollati. I movimenti però non si sviluppano tutti insieme ma a stadi (dalla posizione seduta alla marcia autonoma). A mano a mano si rifiniscono i vari circuiti deputati ad un particolare movimento (presa di un oggetto a corsa). Alla fine di quest'arco temporale il bambino è in grado di stare in piedi per qualche istante da solo o con sostegno e di spostarti con appoggio laterale. Per la coordinazione motoria invece è anche essa graduale e si parte da semplici azioni motorie (tenere il biberon e afferrare goffamente un oggetto con cui giocare) all'uso della pinza pollice-una/due dita con cui afferrare piccoli oggetti. Per la cognizione delle parole familiari, invece, prima dei sei mesi il bambino sa riconoscerle ma non ne comprende il significato se non per poche parole. Il collegamento tra suono e significato inizia dal sesto mese. Tra i sei e dodici mesi riesce a cogliere le differenze di suono di una lingua straniera ma sviluppano anche la capacità di distinguere i vari suoni della loro lingua madre.

[close]

p. 11

8 CAPITOLO 2. LO SVILUPPO PSICOMOTORIO DEL BAMBINO (SCUOLA DELL'INFANZIA) Sorelle gemelle di otto mesi. 2.4 Dai nove ai dodici mesi Tra i nove e i dodici mesi si hanno vari segnali di crescita e di percezione della sua consapevolezza del mondo in torno a lui. Ancora una volta sono i sensi lo strumento che usa per il comprendere. Inizia ad imparare a comprendere le parole, i gesti e le espressioni del volto di chi si occupa di lui. Sviluppa una nuova abilità che è quella del ricordo delle esperienze passate. Aumenta anche il controllo degli oggetti e delle persone del suo ambiente. Si incrementa la corteccia frontale associata alla regolazione e espressione di emozioni, pensieri e progetti. Proprio grazie a questo sviluppo il bambino riesce a regolare i livelli del suo benessere e a calmarsi con la presenza di figure di riferimento o di un oggetto. Il pianto alle situazione spiacevoli si sostituisce con il voltare il capo e imbronciarsi per mostrare la sua disapprovazione, o frustrazione e stress. Anche lo sviluppo del controllo del movimento e dei vari muscoli arriva a livelli di sufficienza prima nei muscoli superiori e poi in quelli degli arti inferiori. Lo sviluppo fisico è essenzialmente collegato anche al desiderio di muoversi per conoscere e allontanarsi e poi riavvicinarsi a chi gli è caro. Ormai riesce a star seduto senza appoggio, a gattonare e impara anche a mettersi in piedi e a stare in piedi da solo e senza aiuto. Alla fine di questo stadio riesce ad iniziare a spostarsi appoggiandosi ai mobili e agli oggetti (soprattutto salire le scale che sembra essere l'attività preferita). Anche i gruppi muscolari piccoli si sviluppano e riesce ad afferrare piccoli oggetti con la “pinza” pollice-indice. Migliora anche la capacità di prendere un oggetto con l'intera mano e a lasciarlo. Per quanto riguarda la lingua più essi ascoltano gli altri più questo contribuisce a formare l'area deputata al linguaggio. Iniziano focalizzare l'attenzione sui suoni della loro lingua e a ignorare gli altri suoni. Dagli 8-10 mesi, mostrano di comprendere le parole, rispondendo a ordini semplici (fare “ciao” con la mano o “mandare” un bacio). 2.5 Dai dodici e diciassette mesi In questa fase ancora di più si sviluppano le capacità motore infatti il bambino riesce a compiere passi laterali e cammina appoggiandosi a mobili o in modo autonomo. Afferra oggetti in modo più coordinato e affina anche l'uso di oggetti (come per il cucchiaino). Gioca con i vestiti sfilandosi ad esempio le calze. Mette e toglie gli oggetti da un contenitore.

[close]

p. 12

2.6. DAI DICIOTTO AI VENTINOVE MESI 9 Un tipico bambino di un anno. Per quanto riguarda le capacità cognitive ed emotive presenta timidezza e nervoso in presenza di estranei. Mostra paura in alcune circostanze e piange in assenza dei genitori. Se vuole ascoltare una storia allunga un libro ai genitori a chi lo accudisce. Inizia ad usare in modo corretto gli oggetti. Indica. Mostra preferenze verso giochi e persone. Allunga le gambe mentre lo si veste. Per l'udito e il linguaggio comprende il “no” e inizia a dire “mamma” e “papà" accennando anche qualche altra parola. 2.6 Dai diciotto ai ventinove mesi In questa fase, il bambino cammina in modo autonomo, corre e supera piccoli ostacoli, sa anche ballare. Riesce a trascinare oggetti mentre cammina. Può bere dal bicchiere e mangiare con il cucchiaio. Sale e scende dai mobili senza aiuto e sale e scende dalle scale con un supporto. Riesce ad infilare piccoli oggetti e a copiare segni molto semplici. Aiuta a svestirsi. Per quanto riguarda l'aspetto cognitivo e relazionale si interessa ai coetanei, eccitandosi della loro presenza, e agli adulti. Tenta di eseguire da solo le operazioni basilari della vita ad esempio mangiare e vestirsi. Gioca anche da solo per un po e gioca “a far finta di...”. Mostra affetto nei confronti dei familiari. Si “avventura” anche ad esplorare l'ambiente sempre con i genitori vicino. Indica per mostrare e richiedere. Sviluppa molto il linguaggio infatti si fa capire con alcune parole e usa frasi semplici di poche parole. Risponde, anche a gesti, a domande che lo riguardano infatti capisce ciò che dicono gli altri ed esegue anche piccoli “comandi” (per esempio la richiesta di sedersi).

[close]

p. 13

10 CAPITOLO 2. LO SVILUPPO PSICOMOTORIO DEL BAMBINO (SCUOLA DELL'INFANZIA) Un tipico bambino di due anni.

[close]

p. 14

2.7. DAI TRENTA E I TRENTASEI MESI 11 2.7 Dai trenta e i trentasei mesi Una tipica bambina di tre anni. In questa fase riesce a salire e scende alternando i piedi, salta e inizia a pedalare. Disegna tenendo la matita nella posizione corretta, incolla e usa le forbici, riesce a copiare i cerchi con la matita. Controlla gli sfinteri di giorno. Riesce a completare piccoli puzzle e a costruire torri. Per quanto riguarda l'aspetto emotivo e cognitivo mostra nuove emozioni come vergogna, orgoglio, aggressività,

[close]

p. 15

12 CAPITOLO 2. LO SVILUPPO PSICOMOTORIO DEL BAMBINO (SCUOLA DELL'INFANZIA) possessività. Socializza con adulti e coetanei, svolge attività in cooperazione con altri bambini, riconoscendo le regole. Anche il disegno è sviluppato infatti combina forme, conosce i colori e le parti del corpo. Sa vestirsi e svestirsi da solo. Inizia ad avere un'idea della differenza di genere, infatti, comincia a conoscere il proprio sesso, la sua personalità, le sue competenze e come si sente nel mondo. Capisce il concetto di numero “2”. Il linguaggio si affina infatti parla in modo comprensibile anche agli estranei possiedendo qualche regola grammaticale, rispondendo a domande e raccontando piccole storie o parti di una storia. 2.8 Dai tre ai quattro anni Una tipica bambina di quattro anni. Lo sviluppo motorio è quasi completo infatti riesce a saltare e riesce a stare su un piede solo per qualche secondo. Riesce ad afferrare una palla al volo. Riesce a manipolare il proprio cibo (mescolare, tagliare, versare) in modo abbastanza corretto. Usa bene le forbici. Per quanto riguarda lo sviluppo emotivo-relazionale-cognitivo comincia a piacergli fare cose nuove. Ha sempre maggiore inventiva nei giochi di immaginazione arrivando però, alcune volte, a non saper distinguere fantasia da realtà. Gli piace giocare in compagnia di altri bambini (soprattutto a “mamma e papà"). Comprende l'idea di “contare” e inizia a comprendere l'idea di tempo infatti riesce ad anticipare gli eventi di una storia che conosce. Per quanto riguarda il linguaggio e la comunicazione riesce a racconta storie e ricorda canzoni o poesie a memoria. 2.9 Dai quattro ai sei anni Lo sviluppo motorio è completo infatti il bambino riesce da solo a gestire il mangiare e l'igene personale.

[close]

Comments

no comments yet