Fanzin - Numero Uno

 

Embed or link this publication

Description

Fanzin - Numero Uno

Popular Pages


p. 1

Sostieni anche tu la petizione per la diffusione del bidet all’estero! Mandaci una mail con oggetto VIVA IL BIDET e cambieremo le abitudini degli stranieri La  madre  l’aveva  inviato  dalla  verduraia.  Aveva  accettato  malvolentieri.  La  verduraia  gli  stava  sulle   palle   sin   da   quando   era   un   bambino.   La   sua   voce   poi   era   qualcosa   di   massacrante   per   i   timpani,   stridula,  acida,  con  quell’inflessione  nasale  che  la  rendeva   disgustosa.   Oltretutto   urlava.   Dio   quanto   non   sopportava   la   verduraia.   Sapeva   tutto   di   tutti.   Sapeva   tutto   di   tutti   ma   tutti   sapevano   che   il   marito   ci   dava   dentro   e,   con   estrema   soddisfazione   del   giovane,   quel   dentro   non   era   della   verduraia.  Si  diceva  che  fosse  innamoratissima  del  marito  ma  che  quest’ultimo,  infermiere,  fosse  più   interessato  alle  corsie  dell’ospedale,  o  meglio,  ai  letti  delle  corsie  dell’ospedale,  o  più  precisamente,   alle   infermiere   nei   letti   dell’ospedale.   Sicuramente   quel   suo   urlare   era   una   conseguenza,   una   reazione  istintiva  per  un  marito  fedifrago.     Come  palliativo  cercava  rifugio  nelle  disgrazie  altrui,  s’informava,  chiedeva,  spettegolava  sulle  anime  del  paese.  Mentre  il  marito   scaldava   il   ventre   delle   crocerossine,   lei   si   crogiolava   sulla   vita   degli   altri   e   le   loro   misere   esistenze.   Un   eroe.   Per   il   giovane,   il   marito  infermiere  era  un  eroe  che  infliggeva  la  giusta  punizione  a  quella  donna  meschina.   Quando   entrò   nel   negozio   si   accorse   che   la   storia   di   un   Dio   nell’alto   dei   cieli   poteva   avere   delle   basi   di   verità:   al   posto   della   verduraia   c’era   comunque   una   verduraia   ma   non   la   stessa   cornuta   gracchiante   che   aveva   sempre   visto.   Si   trovò   di   fronte   una   donna  dalle  labbra  vermiglie  e  dal  seno  pronunciato  messo  in  pompa  magna  da  un’ampia  scollatura.  Rimase  imbambolato.       Ruppe  l’atmosfera  la  richiesta  di  Gino  Currotto  ,  tabacchino  storico  del  paese.  Gino  aveva  passato  gli  ottanta  e  quando  il  nipote   socio   si   era   reso   conto   che   lo   zio   aveva   iniziato   a   dare   resti   a   cazzo,   a   causa   di   un   principio   di   demenza,     l’aveva   costretto   al   ritiro.   Leggende   campestri   dicevano   che   “Si trovò di fronte una Gino  fosse  stato  uno  dei  più  grandi  chiavatori  del  circondario.  Si  parlava  di  cifre  a  tre   zeri.  Ora,  di  stronzate  in  paese  ne  giravano,  ma  su  Gino  si  era  tutti  d’accordo.  Il  suo   donna dalle labbra vermiglie arnese   aveva   lavorato   sodo   per   una   vita   intera   senza   mai   fermarsi   o   sprecare   una   e dal seno pronunciato goccia.  Il  tabacchi  l’aveva  aiutato  a  conoscere  donne  di  ogni  specie  ma  in  tutto  questo   messo in pompa magna da sbattere   di   ali,   l’uccello   del   signor   Gino   non   aveva   mai   nidificato.   Si   ritrovava   ottuagenario   senza   figli   e   con   un   nipote   che   l’aveva   spedito   a   pedate   fuori   dal   suo   un’ampia scollatura. Rimase amato  tabacchi.     imbambolato.” Tornando   a   noi,   Gino   Currotto   se   ne   stava   seduto   di   fianco   al   banco   della   verduraia   quando  vide  entrare    il  ragazzo:  “Ma  tan’cì  e  fiòl  ad  Luigi  te?  Fàt  bastardàz  cà  cì  diventé.  Mò  t’ha  la  iè  la  burdèla  o  sìt  un  fnòc  come   è  tu  bà?”*  chiese.   Il   giovane   si   girò   verso   Gino   ma   non   disse   nulla,   scosse   solo   la   testa   con   aria   spaesata.   Poi   tornò   a   guardare   la   prorompente   verduraia.   Chi   era   sto   pezzo   da   novanta   che   maneggiava   zucchini?   Si   destò   come   da   un   sogno   e   impacciato   elencò   la   spesa:     2   pomodori,  un  limone  e  del  sedano.     La  giovenca  sistemò  i  ricci  capelli  e  prese  2  pomodori  dal  cesto,  se  li  passò  sul  seno,  sorrise  e  mise  sulla  bilancia.  Prese  un  cespo  di   sedano,  lo  avvicinò  all’inguine,  se  lo  strusciò  dolcemente,  sorrise    e  mise  sulla  bilancia.     Era  confuso  ma  al  contempo  inebriato  dai  gesti  incomprensibili  della  donna.  Alla  confusione  seguì  un’erezione  per  cui  si  mise  le   mani  in  tasca  a  mascherare  il  disagio  e  soprattutto  per  evitare  che  Gino,  nonostante  il  suo  rincoglionimento,  se  ne  accorgesse.     Infine   la   donna   prese   un   limone,   lo   avvicinò   alle   grandi   labbra   pittate   e   mise   l’estremità   in   bocca   con   fare   provocante.   Guardò   intensamente  il  ragazzo  con  la  bocca  riempita  dall’agrume,  dopodichè  estrasse  l’oggetto  madido  di  saliva.   Pesò  pure  quello:  “Fan  10milalire”,  si  girò  ed  entrò  nel  retrobottega.   A  quel  punto  Gino  che  aveva  assistito  comodamente  seduto  a  tutto  il  siparietto,  si  alzò,  passò  vicino  al  giovane  e  con  l’alito  che   sapeva  di  morte  disse:   “Tè,  par  me,  ci  un  fnoch  come  e  tu  bà”**.     Scostò  il  ragazzo  e  si  infilò  nel  retrobottega.       *Ma  non  sei  il  figlio  di  Luigi  ?  Come  sei  diventato  grande.  Ma  hai  la  ragazza  o  non  interessa  il  genere  come  a  tuo  padre?   **Tu  per  me  sei  finocchio  come  tuo  padre   Aprile duemilaquattordici - euri 0,00 – numero uno FANZìN LETTURE DA CESSO C’è   chi   lo   vive   come   un   rituale   e   c’è   chi   improvvisa  ogni  volta.     C’è  chi  senza  non  comincia  la  giornata  e  c’è   chi  può  stare  senza  anche  per  giorni.     C’è  chi  se  la  sbriga  in  pochi  minuti  e  c’è  chi   invece  deve  pensarci  sopra  parecchio.     C’è   chi   la   fa   al   profumo   di   lavanda   e   chi   impesta  l’aria  per  ore.     C’è   chi   se   ne   vergogna   e   chi   invece   se   ne   vanta  con  gli  amici.     C’è   chi   lo   vive   come   un   tempo   di   massima   ispirazione  e  chi  in  quegli  attimi  si  assopisce.   Il   momento   in   cui   ti   siedi   sulla   tazza   del   cesso   è   un   momento   cruciale   per   la   quotidianità   e   ci   pone   tutti   sullo   stesso   piano:   uomini   e   donne,   manager   e   operai,   capi   di   governo   e   cittadini,   bianchi   e   neri,   sboroni  e  sfigati.     E’   il   nostro   corpo   che   ce   lo   chiede.   Avete   mai  pensato  a  qual  è  la  prima  cosa  che  fate   quando  arrivate  a  casa  dopo  che  siete  stati   lontani  per  qualche  tempo?   Date  la  giusta  importanza  alla  CAGATA  e  se   avete   bisogno   di   uno   stimolo   prendete   questo   foglio   tra   le   mani.   Di   cagate   qui   ce   ne  sono  per  tutti    i  gusti.    Cagate  lunghe  per   chi   ha   tempo   o   cagate   corte   per   chi   va   di   fretta.       Prendetevi  il  vostro  tempo.       “Agli scrittori piace soltanto la puzza dei propri stronzi” (C. Bukowsky) Scriveteci a fanzin@live.it Quando sei in giro per la città e improvvisamente ti scappa da cacare, cosa fai? Non andare nel solito bar, cerca una tazza comoda e pulita come fossi a casa tua con la nuova applicazione Air WnC (cerca su youtube: AirWnC) Supplemento  a  “Il  Resto  del  Volontariato“   Registrato  presso  il  Tribunale  di  Forlì  n.  29/07  del  29/10/2007   Direttore  Responsabile:  Gianluca  Umiliacchi   Il sesso degli angeli – Il libro del giorno – La strisciata Dialogo alternativo – Vecchi vegetali Redazione:  Jack,  Viro,  Yugs   Copyright  ©  Fanzìn  2014  

[close]

p. 2

  Per  salire  al  cospetto  di  Dio  bisognava  prendere  la  larga  scala  bianca   che  portava  all’ultimo  piano.  Quel  giorno  però  Dio  era  assente,  per   cui  era  stato  inviato  all’ufficio  del  Vice-­‐direttore.   Il  Vice-­‐direttore  era  un  emerito  stronzo.  Il  classico  arrivista  pronto  a   farti   le   scarpe   pur   di   raggiungere   i   piani   alti.   Che   cosa   ci   avesse   visto   Dio   in   quel   lacchè   era   incomprensibile.   Neppure   sapeva   esprimersi     correttamente,   strascicava   le   parole   col   suo   accento   meridionale   e   aveva  sempre  quella  fastidiosa  bavetta  bianca  ai  bordi  della  bocca.   Si   era   preparato     il   discorso   con   Dio   dopo   l’ultima   missione:     gli   avrebbe  spiegato  con  cura  tutte  le  infinite  anime  che  aveva  redento,   i   casi   disperati   che   aveva   sbrogliato,   i   casi   disperati   che   lo   avevano   disperato  e  la  stanchezza  accumulata  negli  anni.   “Sua   Eccellenza,   chiedo   il   permesso   di   prendermi   una   meritata   pausa,   la   prego   umilmente   di   tenere   in   considerazione   questa   richiesta”.  Si  sarebbe  prostrato  ai  piedi  dell’Immenso  e  glieli  avrebbe   baciati  come  un  condannato  a  morte  al  boia.   Farlo   al   vice-­‐direttore,   invece,   sarebbe   stata   solo   una   perdita   di   tempo   e   gli   avrebbe   fatto   pure   schifo,   per   cui   entrò   nell’ufficio,   prese  la  busta  e  non  chiese  neppure  di  cosa  si  trattasse.   Uscito  dal  palazzo  smadonnò.     Arrivò  a  notte  fonda  nella  casa.  Il  vecchio  era  seduto  su  una  poltrona   con   in   mano   un   bicchiere   di   scotch   mezzo   vuoto.   Su   un   tavolino   a   fianco   una   vecchia   abat-­‐jour   accesa   e   la   bottiglia   ormai   terminata.   Lo   sguardo   del   vecchio   era   spento   e   fissava   una   cicciona   nel   letto   che  russava.  Le  lenzuola  ingiallite  e  stropicciate  lasciavano  scoperte   le  gambe  e  il  grosso  culo  della  donna.     Il  vecchio  scaracchiò  per  terra,  poi  si  accorse  della  presenza  estranea   e  disse:  “  Eccone  un  altro.  I  messi  venuti  a  fare  i  professorini,  tutto   so   io   come   va   il   mondo.   Ma   guardati,   e   dire   che   con   quel   candido   camicione   di   lino   e   quei   bei   capelli   biondi   saresti   una   ghianda   prelibata   per   gli   animali   del   porcile   terrestre.   Devi   essere   glabro   sotto,   liscio   come   la   buccia   di   un   cocomero   e   succoso   come   il   suo   interno.  Se  sapessi  dove  infilarlo  mi  ti  farei  .  Te  ne  vieni  qui,  come  un   voyeur,  a  spiarmi  mentre  mi  scopo  una  battona  e  farmi  la  predica  su   cosa   sia   giusto   e   cosa   non   lo   sia.   Ma   che   ne   sai   tu   del   sesso?   Vedi   quella  grossa  fregna  che  pulsa  tra  le  cosce?  Quella  fornace  è  la  mia   gioia  e  la  mia  rovina.  Ti  accoglie  col  suo  calore,  ti  ammorba  col  suo   languore  e  ti  finisce  senza  scampo.  Non  puoi  resisterle,  è  una  viscida   creatura,  ti  succhia  dall’interno.  Tu  spingi  la  spada  a  fondo  pensando   di   dominarla,   di   ferirla   ma   più   ti   muovi   più   lei   ti   vince.   E’   una   battaglia  impari,  è  inutile,  siamo  destinati  a  perdere.  Neppure  il  tuo   Dio  è  stato  capace  di  resisterle.    L’unico   che   invece   è   nato   senza   palle   sei   tu.   Non   hai   un   sesso   col   quale   giocare   o   godere   e   mi   vorresti   dire   che   questo   è   sbagliato?   Non  hai  mai  innaffiato  un’ardente  sorca,  non  ti  sei  mai  addentrato  in   quel  tunnel  per  scoppiare  di  gioia.  Il  tuo  Dio  ti  ha  fatto  neutro.  Non   senti  il  caldo  e  neppure  il  freddo,  non  godi  e  non  soffri.  Non  cavalchi,   non  hai  modo  di  esibire  tutta  la  tua  portanza,  di  sentirti  dominatore,   di  appagare  i  tuoi  sensi.  Non  hai  un  arnese  da  prendere,  scappellare,     seviziare,  tirare    e  stringere.  Non  hai  un  cazzo”.   Una   dannata   vacanza,   altro   non   chiedeva   che   una   fottutissima   vacanza.   Uscito  dalla  casa  smadonnò.   Un cazzo e un culo si incontrano in una stanza buia. Il culo fa al cazzo: ma quanti siamo qui dentro? Il cazzo: siamo solo io e te. Il culo: bè allora cosa spingi? “Va a scurzè in te rèmal!” Piccolo  omaggio  a  una  saga  esilarante  e  a  uno  scrittore   cazzuto.     Mi  sedetti  sul  divano.  Leonard  uscì  dalla  stanza  e  ritornò   pochi  secondi  dopo,  con  un  rotolo  di  carta  igienica  in   mano  e  una  specie  di  tubo  di  plastica  nell’altra.     -­‐  Voglio  mostrarti  un  piccolo  trucco,  Hap.  Vedi,  quando   usi  l’ultimo  foglio  di  un  rotolo  di  carta  igienica  per  pulirti  il   culo,  estrai  dal  portarotoli  questa  specie  di  tubo  di   plastica  lungo  e  duro,  come  il  tuo  uccello  non  sarà  mai,  e   lo  infili  nel  buco  che  si  trova  al  centro  di  un  nuovo  rotolo   di  carta  igienica.  Perché  tutto  ciò  ti  risulti  più   comprensibile,  chiameremo  “cazzo”  il  tubo  di  plastica  e   “fica”  il  buco  al  centro  del  rotolo.  Perciò  prendi  il  cazzo  di   plastica,  lo  infili  nella  fica  e  scopri  che  esce  dal  buco  del   culo,  cioè  dalla  parte  opposta  del  rotolo.  A  quel  punto   prendi  il  cazzo  da  entrambe  le  parti  e  lo  incastri  nelle   tacche  apposite  del  portarotoli.  Ed  ecco  che   all’improvviso  è  apparso  un  nuovo  rotolo  di  carta  da  culo   al  posto  di  quello  che  era  finito.  E’  una  spiegazione   abbastanza  semplice  per  te?   -­‐  Cristo,  Leonard.  Non  ti  sembra  di  esagerare?   -­‐  Esagerare?  Non  c’è  cosa  peggiore  di  quando  ti  viene   fuori  una  di  quelle  merde  appiccicose,  e  ti  tocca  andare   fino  all’armadietto  a  prendere  un  altro  rotolo  di  carta   igienica  con  lo  stronzo  ancora  appeso  al  culo.  Dovresti   provarci,  una  volta  o  l’altra.   -­‐  Non  è  il  mio  sport  preferito.   -­‐  No,  eh?  Lascia  che  ti  chieda  una  cosa,  Hap.  Chi  credi   abbia  sempre  cambiato  i  rotoli  di  carta  igienica,  in  questa   casa?   -­‐  Gli  elfi?   -­‐  Sbagliato.  Ora  ti  faccio  un’altra  domanda.  Dopo  tutta   questa  spiegazione,  ti  senti  in  grado  di  infilare  il  cazzo   nella  fica?   -­‐  E  se  il  rotolo  di  carta  igienica  ha  un’emicrania?     (Rumble  Tumble,  Joe  R.  Lansdale)   Virgole, a volte sono indispensabili! Curiosità:  la  leggendaria  origine   italiana  di  Buffalo  Bill     Anche  in  Italia  erano  molto  popolari   le   storie   su   Buffalo   Bill,   tanto   che   l'editore   Nerbini   di   Firenze,   negli   anni   Venti   e   Trenta   del   Novecento,   pubblicò   diversi   volumetti   di   sue   avventure.  Quando,  nel  1942,  l'Italia   si  trovò  in  guerra  con  gli   Stati  Uniti,   Nerbini   rivelò   che   Buffalo   Bill   era   in   realtà   un   immigrato   italiano,   tal   Domenico   Tombini,   nato   in   Romagna,   ossia   nella   regione   il   cui   centro   è   Forlì,   allora   nota   come   "la   città   del   Duce".   Così,   le   pubblicazioni   poterono   continuare   nonostante   la   guerra.   La   cosa   era   un'invenzione   bella   e   buona,   che   servì   all'editore   Nerbini   per   evitare   la   censura   che   sarebbe   potuta   abbattersi   su   un   eroe   "americano"   durante   la   guerra   contro   gli   Stati   Uniti.   # Questi pantaloni mi fanno un po’ troppo hipster. @ Tu avresti bisogno di una sana educazione a fagioli e pistole. # Potrei comporre un pezzo su questi pantaloni e poi stracciarli. @ Su fagioli crudi ti farei genuflettere mentre la mia pistola finirebbe in quella fottuta bocca, cosi eviteresti simil stronzate. # Naturalmente fotograferei il tutto, scriverei piccole poesie sui brandelli di stoffa e imposterei un filtro in bianco e nero. @ Spingerei la canna della pistola sino in gola in modo da farti venire il senso del vomito. # Potrei fare una mostra sull’anacronismo dei tempi con un sottofondo di Kelly McHinsey, antesignano della dub. @ Quando le lacrime dallo sforzo solcheranno il tuo viso, premerei il grilletto. # Il Distributore d’Ozio mi sembra perfetto come ambient per ospitare la mostra. @ Solo le mosche verranno al tuo funerale, nel retro di una porcilaia. # Farei inviti personalizzati, non tutti possono apprezzare l’arte. @ Muori.

[close]

Comments

no comments yet