Fanzin - Numero Due

 

Embed or link this publication

Description

Fanzin - Numero Due

Popular Pages


p. 1

3 prelevato  e  portato  da  un'altra  parte.   -­‐  E  come  vi  nutrite?   -­‐  C’è  una  sorta  di  passamano  che  non  si  sa  da  chi  e  dove  cominci.   Fatto  sta  che  una  volta  al  giorno  ci  arriva  un  pugno  di  riso  e  della   carne   secca   all’interno   di   una   bisaccia.   Per   bere   ci   sono   invece   sorgenti  sotterranee  che  affiorano  in  alcuni  punti.   -­‐  E  il  fuoco?   -­‐   Senti   cazzone,   mica   siamo   in   un   gioco   a   premi,   rilassati.   Avrai   modo   di   conoscere   ogni   centimetro   di   questo   posto   e   i   meccanismi   che   lo   regolano.   Ora   fumate   e   mettetevi   comodi,   meno   casino   fate   qui   dentro   meno   problemi   ci   sono   per   farvi   restare.  Prima  fumate,  prima  la  morfina  farà  i  suoi  effetti.   -­‐   Ma   io   non   voglio   restare!!!   –   gridò   frustrato   il   religioso   –   Non   voglio!!!-­‐   -­‐  E  allora  vattene  affanculo  e  alla  svelta,  che  di  piagnoni  casinisti   non  ne  vogliamo  qui  attorno.  Vai  a  cercare  amichetti  nelle  scatole   cinesi  qui  attorno.  Ma  dove  l’hai  trovato?   -­‐  L’ho  ucciso.  E’  un  prete.  –  disse  l’uomo.   Passarono  i  giorni  e  l’uomo  perse  la  cognizione  del  tempo.       “Là va pàr te ch’tàn capés un càz!” PARADISO -­‐  Venite  avanti.   I   due   si   guardarono   per   un   attimo,   poi   l’uomo   avanzò   verso   la  figura  che  li  aveva   chiamati.   Il   religioso   impaurito   seguì   da   dietro,   sbirciando   alle   spalle   dell’uomo.   Si   trovavano   in   una   stanza   completamente   bianca   e   non   arredata.   Una   luce   intensa   proveniva   da   finestre   poste   in   alto   dalle   quali   si   intravedeva   solo   un   cielo  plumbeo.  Un  signore  grasso  e  nudo  era  sdraiato  su  una  sorta   di   triclinio   e   si   massaggiava   la   pancia   come   se   avesse   mangiato   troppo,  mentre  un  nano  in  pelliccia  gli  pettinava  i  lunghi  capelli.   -­‐Gesù!!!-­‐   fece   d’improvviso   il   religioso   quando   furono   più   vicini   alla   figura.   -­‐   Quello   è   Gesù,   lo   riconosco!!!   Signore   ti   ringrazio   per   non   avermi   abbandonato!   Cominciavo   a   disperare.   –   Corse   ai   piedi  della  poltrona  e  si  inginocchiò  platealmente.   Se   quello   era   Gesù   doveva   essersi   lasciato   andare   dopo   la   sua   dipartita   o   i   suoi   discepoli   erano   stati   magnanimi   nelle   descrizioni   tramandate,  pensò  l’uomo.     Gesù,  o  chiunque  fosse,  tirò  fuori  una  sigaretta  e  l’accese.  Diede   qualche   tiro   circospetto   e   poi   scaracchio   per   terra.   Il   nano   corse   verso   il   religioso   ormai   prono   e   gli   sferrò   un   calcio   in   testa   con   i   suoi   stivaletti   a   punta.   Il   religioso   si   buttò   a   terra   urlando   e   si   coprì  la  testa  con  le  mani.   Lui   Grandissimo!   Tornare   tu   dietro.   Io   apre   te   culo   .   Lui   Grandissimo.  Voi  ascoltare.  Io  apre  voi  culo.   -­‐   Ma   che   succede?!   Gesù   io   sono   stato   un   tuo   seguace   in   vita!   Ho   seguito   i   tuoi   dettami!!   Perché   tutto   questo?   -­‐   Gridò   da   terra   il   religioso.     Il   nano   si   gettò   nuovamente   sul   malcapitato   e   lo   prese   per   un   orecchio.   -­‐  Lui  Grandissimo!  Te  no  parlare.  Io  fare  culo  te  se  no  ascoltare.     A  quel  punto  il  fantomatico  Gesù  si  tirò  a  fatica  a  sedere  e  fece  un   cenno  al  nano  il  quale  lasciò  la  presa  e  tornò  a  lato  della  poltrona:   -­‐  Mio  fratello,  Gesù,  è  morto  tempo  fa  e  mi  ha  lasciato  in  gestione   la   sua   terra.   A   me   non   frega   una   sega   di   voi   se   non   come   manodopera.   Mio   fratello   era   un   sognatore,   vi   aveva   attribuito   più   meriti   di   quelli   che   avevate.   I   risultati   parlano   chiaro   e   vi   state   estinguendo   da   soli   per   fortuna.   Sono   le   vostre   anime   che   rompono   il   cazzo.   Io   al   paradiso   non   vi   faccio   avvicinare   nemmeno  da  lontano  e,  Dio  grazie,  ho  trovato  uno  scantinato  in   cui   schiaffarvi.   Mi   servite   solo   per   costruire   il   più   grande   muro   dell’universo.   Fate   talmente   casino   però   che   sono   costretto   a   chiamarvi   a   turno   altrimenti   vi   pisciate   sui   piedi   l’un   con   l’altro.   Ma  tutto  è  bene  ciò  che  finisce  bene.  Una  volta  terminato  il  muro   non  dovrò  più  pensare  a  voi.   L’uomo   che   fino   ad   allora   aveva   ascoltato,   ruppe   il   silenzio:   -­‐   Giusto.   La   colpa   non   è   dei   ciccioni   arroganti   e   nani   alfabeti   -­‐     si   avvicinò  al  religioso  e  gli  diede  un  pugno  a  mazzetta  in  testa  con   tutta  la  forza  che  gli  era  rimasta.   “Un signore grasso e nudo era sdraiato su una sorta di triclinio e si massaggiava la pancia come se avesse mangiato troppo, mentre un nano in pelliccia gli pettinava i lunghi capelli.” “Corpo di mille balene!” Supplemento  a  “Il  Resto  del  Volontariato“   Registrato  presso  il  Tribunale  di  Forlì  n.  29/07  del  29/10/2007   Direttore  Responsabile:  Gianluca  Umiliacchi   All’età  di  dieci  anni,  i  nostri  passatempi  preferiti  erano  guardare  i   cartoni  animati,  giocare  a  pallone  e  a  nascondino  tra  di  noi.   Ma  Andrea  era  più  avanti  di  tutti  noi.  Andrea  aveva  già  ben  altri   interessi.   Mentre   noi   piccoli   e   sprovveduti   bambini   di   quarta   elementare   cercavamo   di   fare   rotolare   alla   bell’è   meglio   un   pallone   nel   campetto   vicino   a   casa,   Andrea   arrivava   disinteressandosi   totalmente  della  palla,  ma  recando  con  sé  alcuni  giornaletti.   “Venite   qua,   ragazzi…Ho   qualcosa   da   mostrarvi”,   ci   disse.   Noi   abbandonammo   per   un   attimo   il   pallone   e   ci   avvicinavamo   a   lui   osservando   cosa   aveva   in   mano.   “Bello!   Un   fumetto…”.   “A   me   piace  Tex  Willer”  diceva  uno.  Un  altro  più  evoluto  diceva  “Macché   Tex  Willer…Il  meglio  è  Dylan  Dog!”.   Ma  non  era  Tex  Willer,  né  Dylan  Dog,  né  qualsiasi  altro  supereroe   che  poteva  affollare  la  nostra  fantasia  fino  a  quel  momento.   Erano  supereroi  diversi,  senza  un  costume  tipico  dei  personaggi  in   questione.   A   dire   il   vero,   non   solo   non   avevano   il   costume,   ma   neppure  una  maglietta,  un  paio  di  pantaloni.  Neppure  i  calzetti  e   le  mutande.   Erano   supereroi   porno.   E   mentre   Andrea   sicuro   sfogliava   le   pagine,   sghignazzando   di   fronte   a   performances   e   situazioni   a   noi   sconosciute,   osservavamo   ammirati   questo   mondo   che   a   noi   si   apriva  davanti  per  la  prima  volta.   Nella   situazione   culmine   della   storia,   mentre   guardavo   un   po’   sbigottito  un  uomo  che  orinava  inspiegabilmente  sul  corpo  di  una   donna,  Andrea  proruppe  esclamando:  ”Ah  ah  ah…La  sbora…”.   La  sbora:  che  strana  parola.  Provavo  ad  associarla  a  qualcosa,  ma   non   riuscivo   a   capire.   Ancora,   non   sapevo   dell’esistenza   dello   sborone  del  Baccara.   Ma  l’unica  cosa  che  sapevo  era  che  Andrea  sapeva.   Un  pomeriggio,  mentre  ci  trovavamo  a  casa  mia  a  guardare  “Ken   il  guerriero”,  mi  venne  naturale  chiedergli:  ”Andrea…Mi  insegni  a   scopare?”.   Come   fosse   la   cosa   più   naturale   del   Mondo,   mi   rispose   “Certamente”.   In   men   che   non   si   dica,   sicuro   del   fatto   suo,   si   portò   in   camera   mia,  si  stese  da  solo  sul  letto  ed  iniziò  a  fare  dei  salti  in  verticale   sempre  più  alti,  accompagnando  il  tutto  con  dei  versi  di  estrema   soddisfazione.   A   me   guardandolo,   venne   spontaneo   domandargli   “Ma   così,   la   bambina  non  si  farà  male…?”.   Andrea,   guardandomi   con   espressione   di   sincero   compatimento,   mi   rispose   “Macché   male…”,   per   poi   aggiungere   “Tutto   questo   l’ho  imparato  guardando  Eddie  Murphy  nel  film  La  migliore  difesa   è  la  fuga”.   Rinfrancato   dalle   sue   parole,   gli   chiesi   se   potevo   ora   provare   anch’io.  “Certo  che  puoi,  ma  prima  ti  devi  allungare  il  pisello”.   Rispettoso   dei   suoi   dettami,   mi   smossi   un   po’   l’arnese,   sempre   più  ansioso,  in  vista  dell’agognato  momento.   Ad  un  certo  punto,  mi  voltai,  glielo  mostrai  e  gli  chiesi  deferente   “Va   bene   così?”.   E   lì   arrivò   la   doccia   fredda   sulle   mie   illusioni:   ”No”  mi  rispose  secco  “Deve  essere  almeno  20  centimetri!”.   Per  il  momento,  la  lezione  era  terminata.   E   tuttora,   in   attesa   di   progressi   della   scienza   anatomica   sull’allungamento  delle  parti  intime,  sono  in  attesa  di  perdere  la   mia  verginità.   Redazione:  Jack,  Viro,  Yugs,  Pota   Copyright  ©  Fanzìn  2014   FANZìN Estate duemilaquattordici - euri 0,00 – numero due LETTURE DA CESSO Con  lo  stesso  spirito  di  chi  prende  un  foglio  e  ci  scrive  sopra  un  messaggio,  lo  arrotola  e  lo  infila  dal  collo  in  una  bottiglia  per   gettarlo  in  balia  delle  correnti,  così  questo  foglio  viene  imbrattato  e  scarabocchiato  per  poi  essere  lanciato  in  mare.  Un  mare   di  occhi  che  leggono,  orecchie  che  ascoltano,  bocche  che  parlano,  mani  che  lavorano  e  gambe  che  si  spostano.  Qualcuno   troverà  questo  messaggio  in  bottiglia?     In  un’epoca  in  cui  il  formato  digitale  ha  preso  il  sopravvento,  in  cui  l’approvazione  si  esprime  con  un  click  su  un  mouse  e  in   cui  il  wi-­‐fi  è  l’unica  via  di  conversazione,  qualcuno  si  fermerà  di  fronte  ad  un  foglio  di  carta?   Di   sicuro   questa   bottiglia   dovrà   superare   tempeste,   pirati,   mal   di   mare   e   pesci   voraci.   Noi   nel   frattempo   l’abbiamo   scolata   e   gettata.  Ora  che  l’avete  trovata  sta  a  voi  decidere  cosa  farne,  lasciarla  lì  e  far  finta  di  niente  oppure  leggere  il  messaggio  che   contiene.       Altrimenti  scolarne  un’altra.   Scrivete le vostre storie a fanzin@live.it “Il mare non è mai stato amico dell'uomo. Al massimo complice della sua irrequietezza” (J. Conrad) La strisciata – La Barza – Il libro del giorno L’oppio dei popoli – Educazione sessuale

[close]

p. 2

1 2   CHE C’E’ ANCORA!?   INFERNO EHI!! BABBO!! ASCOLTA, PA’… IO PROPRIO NON CE LA FACCIO MA CHE DIFFERENZA C’E’ CON GLI ALTRI?? L’AVRAI FATTO UN MILIONE DI VOLTE, CRISTO! INIZI DAL PIU’ PICCOLO, UN TAGLIO SECCO SOTTO LA GIUGULARE E VIA! ASPETTI SOLO CHE SI DISSANGUINO… …QUESTI HANNO QUALCOSA DI DIVERSO,PA’! BAH! SCEMENZE. UN VECCHIO NON PUO’ NEMMENO RIPOSARSI, PER DIO! DAI FAMMI VEDERE, RAZZA DI PAPPAMOLLE RIMBECILLITO   ANCORA CON ‘STA STORIA!?!? GLOSSARIO ROMAGNOLO s-ciàvìd [ ∫ta:vì:(d) ], agg. 1. Privo di sapore perché senza/con poco sale: stà mnestra l’è s-ciàvìda! 2. Di cosa scialba, senza vivacità e immaginazione, o di persona insulsa priva di personalità e carattere: tan vì chè bùrdèl cum l’è s-ciavìd?     Lei: eri meglio con gli occhiali Lui: ma io non porto gli occhiali Lei: infatti, intendevo i miei Breve  estratto  di  una  storia  piratesca  come  poche.     Ma  non  è  questo  il  peggio.  Se  era  stato  un  male  uccidere  Dunn,  mi  sono  macchiato  anche  di  colpe  più  gravi,  senza  che   questo  mi  abbia  mai  impedito  di  dormire  sonni  tranquilli.  No,  quello  che  mi  ha  scioccato  è  stato  scoprire,  nero,  su  bianco,   che  questo  John  Silver,  che  a  giudicare  dalle  apparenze  dovevo  essere  io,  pareva  vivere  la  sua  vita  alla  giornata,  come   capitava,  a  seconda  di  come  soffiava  il  vento.  Afferrava  una  pagliuzza  qua  e  un’altra  là,  prendeva  quel  che  gli  si  offriva  e  gli  si   proibiva,  ma  aveva  una  bussola,  o  una  qualsiasi  destinazione?  Si  domandava  mai  dove  andava  o  cosa  voleva,  lui  che  si  era   sempre  fatto  un  punto  d’onore  di  essere  sicuro  del  fatto  suo,  lui  che  si  è  sempre  sentito  superiore,  solo  perché  credeva  di   sapere  di  essere  vivo,  mentre  gli  altri  non  se  ne  curavano  affatto?   Sì,  mi  ricordo  bene  cosa  mi  ero  figurato,  che  questo  scrivere  la  mia  vera  storia  mi  avrebbe  mantenuto  lucido  ancora  per   qualche  tempo,  che  era  così  che  sarebbe  andata,  e  altre  ciance  del  genere.  Idiozie,  ecco  cosa  sono,  ne  più  ne  meno.  Certo,   mi  consente  di  sapere  che  sono  ancora  vivo,  è  fuor  di  dubbio,  ma,  per  dio  –  sempre  che  ne  esista  uno  –  non  era  questo  che   volevo.  Ma  forse  si  può  sperare  che  diventi  più  facile  scendere  a  patti  con  i  ricordi,  per  poi  gettarli  fuori  bordo  come   cadaveri,  una  volta  che  siano  stati  chiamati  col  loro  nome,  classificati  ed  esauriti.  D’altronde,  non  è  così  che  si  spegne  la  vita,   a  questo  mondo?  Se  non  si  viene  impiccati,  voglio  dire.     (La  vera  storia  del  pirata  Long  John  Silver,  Bjorn  Larsson)   Una  musica  di  piano  in  sottofondo,  profonda,  sensibile  lo  rendeva   leggero;   gli   occhi   puntavano   in   una   direzione   ma   alla   testa   arrivavano  immagini  recondite,  pescate  chissà  dove  nell’armadio   della  sua  infanzia.   Era   giovane,   quattro   peli   sul   viso   ed   aveva   sogni.   Un   Siddharta   che   ancora   non   aveva   varcato   le   mura   del   castello,   gonfio   di   ormoni  e  voglioso  di  vivere.  Smargiasso  tirava  calci  in  culo  ai  cani   che   gli   si   avvicinavano   scodinzolando   e   rideva   dei   loro   guaiti.   Rincorreva  le  ragazze,  le  avvinghiava,  si  strusciava  ai  loro  corpi  e   puntellava  le  terga  col  suo  sesso.     Poi  una  voce  lo  fece  tornare  cosciente.   -­‐   E’   difficile   accettare   le   sentenze   ma   possiamo   sempre   concludere   nel   migliore   dei   modi.   Ne   ho   viste   tante   di   persone   passare  di  qui  ma  tu  sei  diverso.  Nei  loro  occhi  c’era  la  paura  e  io   non   capivo.   Come   si   può   aver   paura   di   una   vita   migliore.   Certamente   non   ti   mancherà   questo   posto,   la   gamella,   le   scarse   razioni,  la  monotonia,  le  umiliazioni  e  il  dolore.   -­‐   Mio   padre   mi   ha   insegnato   a   soffrire   e   ho   imparato   molto   bene;   mi   avesse   insegnato   anche   ad   amare   forse   la   mia   vita   sarebbe   stata  differente.  Quindi  non  m’interessa  la  tua  predica  né  quanta   sofferenza  c’è  la  fuori,  perché  so  fare  meglio.  Mi  basterebbe  solo   sentirti  dire  che  non  sei  felice  come  vuoi  fare  credere.   -­‐  Felice?   -­‐  Sì,  quella  cosa  che  spacciate  per  felicità  e  dite  di  possederne  la   ricetta.   -­‐  Sento  solo  livore  nelle  tue  parole.  Faresti   meglio   a   pentirti   e   cancellare   quel   sorriso   dalla   faccia.   Qui   non   c’è   niente   da     sorridere.   -­‐   Potrebbe   essere   un   sorriso   amaro.   La   beffa  proprio  nell’epilogo.   -­‐  Che  intendi?   -­‐  Immagina  che  abbia  capito  ora  cosa  avrei   dovuto   fare.   Non   sarebbe   tragi-­‐comico   aver  trovato  la  soluzione  a  tempo  scaduto?   Mi   basterebbero   5   minuti   e   cambierei   il   corso  delle  cose.   -­‐  Ah  sì?  E  che  faresti?   -­‐   Andrei   da   mio   padre   e   lo   prenderei   a   pugni  in  faccia.   -­‐  Questo  ti  aiuterebbe?   -­‐   Certo,   gli   tirerei   giù   qualche   dente   in   modo   da   rovinare   la   sua   perfetta   dizione.   Le   parole   verrebbero   distorte   dal   fischio   dell’aria   tra   dei   denti   mancanti.   Un   sibilo   proprio   di   una   serpe,   di   un   essere   viscido   come  lui.   -­‐  Tuo  padre  è  la  colpa  dei  tuoi  mali?   -­‐  La  genesi.  E  poi  sai  che  soddisfazione  vedergli  perdere  quella  sua   aria  sicura  del  tipo  “posso  dire  tutto  quello  che  voglio  perché  tu   sei   mio   figlio,   sangue   del   mio   sangue”.   Sangue   che   invece   estirperei  a  cazzotti  in  bocca.  E  poi  lui  era  un  prete  come  voi.   -­‐  Tuo  padre?  Un  prete?   -­‐  Sì,  un  tunicato  nel  senso  anche  marino  del  termine:  quegli  esseri   trasparenti  che  vivono  sui  fondali  e  sono  ermafroditi.  Così  era  mio   padre,   un   prete   che   si   credeva   puro   ma   frequentava   ambienti   scuri,   sporchi,   e   che   voleva   incarnare   sia   la   figura   paterna   che   quella   materna.   Mia   madre   non   esisteva   ai   suoi   occhi;   era   un   Giuseppe   che   aveva   preso   le   parti   di   Maria   e   si   era   fatto   l’arcangelo  in  maniera  incestuosa.  Non  poteva  nascere  niente  da   quel   rapporto   sodomitico.   Invece   nacqui   io.   Mi   crebbe   in   una   campana   di   vetro   col   suo   latte   paterno.   Ci   sarà   un   motivo   se   ci   attacchiamo  ai  capezzoli  di  una  donna  per  crescere  e  non  a  quelli   di   un   uomo.   E’   contro   natura   così   come   controversa   è   la   vostra   parola,  il  vostro  credo  impositivo.     -­‐  Quindi  è  colpa  nostra  se  ti  trovi  qui.   -­‐   I   vostri   dettami   sono   polvere   da   sparo   e   voi   siete   i   detonatori.   Poi  raccogliete  le  ceneri  e  ci  pregate  sopra,  fottuti  ipocriti.   -­‐  Vedo  che  neanche  in  punto  di  morte  riesci  ad  avere  un  minimo   di   senno.   Non   è   mai   troppo   tardi   per   pentirsi   ma   penso   che   tu   creperai  come  un  cane.   -­‐  Non  è  nemmeno  troppo  tardi  per  fare  qualcosa  di  buono.     Si   buttò   sul   collo   del   religioso   senza   dargli   il   tempo   di   reagire   e   con  un  morso  gli  strappò  la  carotide.   Una  fontana  di  liquido  carminio  gli  lavò  la  faccia  e  quando  riaprì   gli   occhi   il   religioso   era   per   terra   in   una   pozza   di   sangue   con   le   mani  pressate  sul  collo.     PURGATORIO “Certo, gli tirerei giù qualche dente in modo da rovinare la sua perfetta dizione. Le parole verrebbero distorte dal fischio dell’aria tra i denti mancanti. Un sibilo proprio di una serpe, di un essere viscido come lui.” Si   svegliò   all’interno   di   una   grotta   illuminata   da   un   debole   falò   situato   al   centro.   L’aria   era   densa   di   umidità   e   si   respirava   un   odore  dolciastro  mischiato  a  zaffate  di  orina.  Si  girò  e  vide  al  suo   fianco  il  religioso  che  si  guardava  attorno  stranito.   -­‐  Dove  siamo?  -­‐  domandò  il  religioso.   -­‐   Bah,   nell’aldilà   suppongo;   nel   tuo   famoso   paradiso   delle   vergini.   Ecco  il  premio  del  tuo  buon  Dio.   -­‐  Quello  è  l’islam.   -­‐  Come,  il  tuo  Dio  non  annunciava  un  paradiso?   -­‐  No,  intendo  le  vergini.   -­‐   Ahah…mi   pareva   strano.   Una   vita   di   costrizioni   e   ora   giustamente  pensi  alla  figa.   -­‐   Com’è   possibile   che   io   e   te   siamo   assieme?   Che   razza   di   posto   è   questo?  Non  può  essere!    –  e  ruppe  in  un  pianto  sommesso.   -­‐   Ahah…scusa   ma   questa   è   davvero   bella:   i   tuoi   dogmi   religiosi   sono   serviti   come   un   salvagente   a   un   paracadutista…ahaha…puttana   eva,   adamo   e   tutti   quegli   stronzi   che  avete  creato.  Dove  cazzo  è  tutta  sta  gente  nuda  che  scopa,  e   si  bagna  in  ruscelli  cristallini?   -­‐  ….Illusi.     Dall’altra  parte  del  fuoco  giunse  questa  secca  risposta.  Non  si   vedeva  granché  perché  il  falò  era  tenue  ma  si  poteva  intuire  una   sagoma.   I  due  si  alzarono  e  aggirarono  il  braciere  in  direzione  della  voce.   Un   uomo   sulla   quarantina   con   capelli   lunghi  e  sporchi  sedeva  a  gambe  raccolte  e   schiena   appoggiata   alla   parete.   Vestiva   una   lunga   tunica   consunta   che   una   volta   dove   esser   stata   bianca.   La   pelle   era   annerita   e   rugosa.   L’unica   cosa   che   rompeva   questo   quadro   avvilente   erano   due  occhi  ceruli  inseriti  in  un  viso  scavato   e   cadente.   In   mano   aveva   una   pipetta   di   legno   con   della   stagnola   alla   fine   del   cannello.   -­‐   Chi   sei?   Dove   siamo?   Che   succede?   –   domandò   il   religioso   tremando   con   voce   ansimante.   -­‐  Uo  uo  –  fece  pacato  il  tossico  –  ferma  la   mula   vecchio   bastardo.   Troppe   domande.   Siediti  e  aspetta  il  tuo  turno,  tanto  qui  non   c’è  un  cazzo  da  fare  e  qui  rimarrai.   Si   portò   la   pipa   alla   bocca   e   aspirò   avidamente.   Il   braciere   s’illuminò   quindi   sputò  un  denso  fumo  bianco.   Era   questo   l’odore   dolciastro   che   aveva   sentito   al   suo   risveglio   pensò   l’uomo,   che   poi  disse:   -­‐  Quindi,  questa  è  la  morte?     Il   tossico   aveva   chiuso   gli   occhi   a   mezz’asta   e   inclinato   leggermente   la   testa   come   se   fosse   troppo   pesante   da   reggere.   Rimase   immobile   per   alcuni   secondi   poi   riaprì   lentamente   gli   occhi.  Prese  la  pipetta  e  la  passò  al  religioso  che  urlò  e  si  ritrasse   come  se  avesse  visto  un  serpente  a  sonagli.   -­‐  Ma  che  cazzo  di  problemi  ha  il  tuo  amico?    -­‐  fece  all’uomo.  Poi   rivolto  direttamente  al  religioso  disse  pacatamente:  -­‐  amico  qui  di   gente  con  ritardi  ce  n’è  a  bizzeffe,  vedrai  che  ti  troverai  bene  .  –   -­‐  Voglio  uscire  di  qui!!!  –  urlò  il  religioso  con  panico  crescente.  Si   aggrappò  all’uomo  –  aiutami!!!ti  prego,  voglio  uscire!!!   -­‐  Bla  bla  bla…sono  tutti  così  all’inizio.  Bah,  sto  vecchio  mi  sembra   anche  peggio  a  dir  la  verità.  Senti  vecchio  piagnone,  o  te  ne  stai   qui   buono   ad   aspettare   il   tuo   turno   o   te   ne   vai   per   gli   infiniti   cunicoli   ad   incontrare   altri   sciroccati   che   come   te   si   scervellano   sino   alla   pazzia   per   trovare   un’uscita   che   non   trovano.   E   non   troveranno.  Fuma  e  rilassati.  Il  tempo  diventerà  la  tua  ossessione   se  non  ti  dai  una  calmata.   -­‐   Una   prigione.   Cioè,   mi   vuoi   dire   che   questa   è   una   sorta   di   prigione   a   cui   siamo   destinati   per   l’eternità   ?   e   che   cosa   intendi   per   “aspetta   il   tuo   turno”?   –   chiese   l’uomo   scostando   con   una   spallata  il  religioso  che  si  era  avvinghiato  alla  sua  schiena.  –  e  tu   smettila  di  frignare.  Tira  fuori  un  po’  di  testicoli  se  non  ti  si  sono   atrofizzati  nell’altra  vita.-­‐   -­‐  Ben  detto  amico.  –  sorrise  il  tossico  sempre  con  calma  serafica.   –   no,   non   esattamente   per   l’eternità.   Nonostante   la   vastità   di   questo   labirinto   sotterraneo,   ogni   tanto   qualcuno   scompare   e   non   se   ne   trovano   i   resti.   Ora,   è   anche   possibile   che   la   gente   si   perda  o  cada  in  tunnel  verticali,  ma  scompaiono  anche  le  persone   che   stanno   immobili   come   me.   Quindi   si   suppone   che   tu   venga   continua…

[close]

Comments

no comments yet