Natali i na vota - 2015

 

Embed or link this publication

Description

Canzoni del Natale

Popular Pages


p. 1

Natale 2015 Franza il portale di Stefanaconi

[close]

p. 2

Vi proponiamo, in questa breve raccolta, una serie di canti natalizi sia in dialetto che in italiano per rammentarvi le parole di queste canzoni che spesso dimentichiamo visto che la tecnologia, purtroppo, oramai sostituisce la nostra memoria. Cantatele ai vostri bimbi e nipoti; insegnate loro come mandarle a memoria, sarà come vivere più vicini il Natale. Certamente questo semplice opuscoletto sarà ancora più gradito ai nostri compaesani che vivono lontano da Stefanaconi; intonando una di queste canzoni penseranno ai tempi della gioventù, quando le stradine di Stefanaconi erano una festa di giochi; di giochi semplici ma divertentissimi: i nuciji, i casteja, a cilareja, u doddaru, chizzu o cozzu… e chissà quanti altri giochi di questo periodo natalizio che ora non ricordiamo. Un augurio di buon Natale a tutti voi e un abbraccio forte, Franza il portale di Stefanaconi

[close]

p. 3

hi chi pena, chi pena mi sentu, Pensu ca li figghi vicinu vorria. Ti pregu Madonna sugnu emigranti, Tu si la mamma puru di mia. E tu Madonna mia, Madonna santa; Fammi passari stu bruttu momentu. La genti povarella comu a mia, Veni lu jornu chi torna cuntenta! E tu Madonna mia, Madonna santa; Fammi passari stu bruttu momentu. La genti povarella comu a mia, Veni lu jornu chi torna cuntenta! Stancu, assetatu, sperdutu ciàngiu, Quandu la notti non dormu e penzu. Chiju chi sentu, ohi non lu dicu; Dintra mi vruscia comu lu focu. A

[close]

p. 4

E tu Madonna mia, Madonna santa; Fammi passari stu bruttu momentu. La genti povarella comu a mia, Veni lu jornu chi torna cuntenta! E tu Madonna mia, Madonna santa; Fammi passari stu bruttu momentu. La genti povarella comu a mia, Veni lu jornu chi torna cuntenta! Io mo ti dassu chista preghiera, Stammi vicinu quandu è la sira. Carni vinduta pezzenteria, M'affidu a ttia o durci Maria. E tu Madonna mia, Madonna santa; Fammi passari stu bruttu momentu. La genti povarella comu a mia, Veni lu jornu chi torna cuntenta!

[close]

p. 5

E tu Madonna mia, Madonna santa; Fammi passari stu bruttu momentu. La genti povarella comu a mia, Veni lu jornu chi torna cuntenta! Io mo ti dassu chista preghiera, Stammi vicinu quandu è la sira. Carni vinduta pezzenteria, M'affidu a ttia o durci Maria. E tu Madonna mia, Madonna santa; Fammi passari stu bruttu momentu. La genti povarella comu a mia, Veni lu jornu chi torna cuntenta! E tu Madonna mia, Madonna santa; Fammi passari stu bruttu momentu. La genti povarella comu a mia, Veni lu jornu chi torna cuntenta!

[close]

p. 6

stro del Ciel, Pargol divin, Mite Agnello, Redentor, Tu che i vati da lungi sognar, Tu che angeliche voci nunziar, Luce dona alle menti, pace infondi nei cuor. Astro del Ciel, Pargol divin, Mite Agnello, Redentor, Tu di stirpe regale decor, Tu virgineo mistico fior, Luce dona alle menti, Pace infondi nei cuor. Astro del Ciel, Pargol divin, Mite Agnello, Redentor, Tu disceso a scontare l'error, Tu sol nato a parlare d'amor, Luce dona alle menti, Pace infondi nei cuor. A

[close]

p. 7

T u scendi dalle stelle, oh Re del cielo, E vieni in una grotta al freddo e al gelo; Oh Bambino - mio Divino, Io ti vedo qui a tremar: Oh Dio beato! Ah quanto ti costò l'avermi amato! A te, che sei del mondo il Creatore, Mancano pani e fuoco, oh mio Signore. Caro eletto - pargoletto, Quanto questa povertà Più m'innamora, Giacché ti fece amor povero ancora. Tu lasci il bel gioir del sen divino, Per venire a penar su questo fieno. Dolce amore - del mio cuore, Dove amor ti trasportò? Oh Gesù mio, Perché tanto patir? Per amor mio!

[close]

p. 8

Ma se fu tuo voler il tuo patire, Perché vuoi pianger poi, perché vagire? Sposo mio - amato Dio, Mio Gesù, t'intendo sì! Ah mio Signore! Tu piangi non per duol, ma per amore. Tu piangi per vederti da me ingrato Dopo sì grande amor, sì poco amato! Oh diletto — del mio petto; Se già un tempo fu così Or te sol bramo; Caro, non pianger più ch'io t'amo e t'amo. Tu dormi, Ninno mio, ma intanto il core Non dorme, no ma veglia a tutte l'ore. Deh! mio bello - puro Agnello, A che pensi? Dimmi tu, Oh amore immenso! "Un dì morir per te, rispondi, io penso. " Dunque a morir per me tu pensi, oh Dio Ed altro oggetto amar, potrò ancor‟io? Oh Maria - speranza mia, Se io poc'amo il tuo Gesù, Non ti sdegnare: Amalo tu per me, s'io nol so amare.

[close]

p. 9

h la notti di Natali quandu vinni lu Misìa, tutti l'angiali calaru mu nci fannu cumpagnia. A la grutta c'arrivaru iji fora s'inginocchiaru e ja vittaru u Bambineju tra lu voi e l'asineju. Ntra lu centru di lu sonnu si levaru e vittaru jornu e cu gustu e cu piaciri vittaru l'arburi jurìri. P'ogni strata si dicia ch'era natu lu Misìa. Li chiamaru tutti pari: "Jamu, levamunci i rigali". San Giuseppi vecchiareju nci dicia: "Gigghiuzzu beju" e Maria, cara Matri: "Caru figghiu, riposati!" A

[close]

p. 10

Comu io ti canterò, dormi, figghiu, e fai vovò! Dormi, dormi sonnu veni a cui nescìu pe tanti peni... Tanti peni no si ponnu, dormi figghiu e fai lu sonnu. Comu io ti canterò dormi, figghiu, e fai vovò. S ignuri chi di gloria si patruni Signuri ca lu cielu tu cumandi Signuri ca li povari fai donu di la ricchizza e di la povertatì Signuri ca li cori sai guardari dandi la forza pemmu fatìcari . Signuri tu chi si lu Criaturi Signuri tu chi si lu Dio d'amuri Signuri fa rihjurìri la campagna dandi lavuru nta la nostra terra Signuri danci u cumpagnu a la cumpagna chi jiu u fatiga a la stranera terra.

[close]

p. 11

N tinnava la campana: è natu, è natu! Gridavanu poi tutti: non dormiti! Lu Re du celu „nterra esti calatu, Oh paisani, veniti, curriti! Cu la focara l‟avimu caddijatu. Su viditi ch‟è bellu, su viditi! Portatinci na strina, u megghiu vutu, E si non aviti nenti, nu salutu! N inna nanna, ninna nanna veni ca lu ninnuzzu meu voli dormiri voli dormiri e voli riposari ca la mammuzza sua havi i chi fari. Chi nd‟hai ninnuzzu meu, chi nd‟hai chi ciangi voi la nacuzza di pedi d'arangi? Pedi d'arangi e pedi di lumìa, dormi ninnuzzu di l'anima mia.

[close]

p. 12

llestìtivi oh cari ed amici pé sti jorna di Natali. Oh chi festa, oh chi triunfali a lu Gloria Patri. A lu celu gran festa si faci alla chiésia cantanu ancora a la terra nc'è cui nd'odora e cu rosi e hjuri. Ha nasciutu lu Redenturi: porta beni e porta vita; ogni grazzia a nui ndi mbita ed all'unioni. Porta beni pe li boni; pe li mali lu Soi ajutu. Tutti chiji chi l'hannu perdutu Lu jenu a ritrovari. E lu jenu pe ritrovari avenu ahhjatu na bona via, a lu celu ca nu nc'è via ca nc'è lu sigillu. A

[close]

p. 13

Non guardati ch'è piccirillu, ch'esti randi e onnipotenti; servi puru pe assistenti e nzinu a la morti. Distinatu di menzanotti scazu, a nuda e poverellu: Accussì tantu rispettusellu d‟intra a chija pagghja. Fu coprutu cu na tuvagghia, fu coprutu cu veru amuri, la so Mamma cu tantu sprenduri lu stringia a lu pettu. Oh divinu mio Pargulettu! Li sant'Angiali calaru, a Maria la cumbitaru dintra a la capanna. Chija notti chi chioppi a manna, chija notti desiderata, l'erbiceja non era nata e spandeva meli.

[close]

p. 14

Risplendenti chi siti a lu cielu, risplendenti chi siti a la grutta, risplendenti pe l'aria tutta ed a magistrosa. Chija notti ch'è assai preziosa non è mbernu, ch'è primavera e li tempi no sugnu com'era e jeu mi ndi ngannu. Nci ndi jamu a la capanna cu Maria nostra adurata, San Giuseppi ch'è veneratu ed è vecchiarellu. E lu voi cu l'asinellu ch'aduravanu a lu Misìa, San Giuseppi ch'è vecchiarellu ed accussì sia.

[close]

p. 15

la Madonnuzza jia mu lava Q uandu li pannizzeji di nostru Signori a chija petriceja chi stricava nescenu janchi e tutti nu cuttuni. A chija sipaleja chi l'amprava nescenu rosi di milli culuri quandu la Madonnuzza Lu mpasciava sira e matina Sant'Anna nci jia. E pemmu vidi comu Lu mpasciava ca jera piccirija e non sapia comu u mpasciava Lu joculiava a tri votati Lu benidicia. Quandu era randiceju Lu mandava "Vattindi ja Tu patri anima mia" e San Giuseppi ampena L'avvistava "Bonu venutu Figghiu di Maria" E San Giuseppi tavuli serrava Iju li morziceja si cogghìa e san Giuseppi chi nci dimandava "Tu chisti chi li voi Gioiuzza mia?” Iju rispundi cu na vuci cara "Cca ssubba ha di spirari l'Alma Mia”.

[close]

Comments

no comments yet