Il Picchio di Torresina - mese di Maggio 2011

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

distribuzione gratuita giornale di quartiere anno 4 numero 39­ maggio 2011 di stefania portaro ella mattina di domenica 10 aprile nutriti gruppi di persone si sono riuniti nei punti di incontro di via vaccari largo codogno via di torresina e alla cooperativa agricola cobragor vicino l ospedale s filippo neri mamme e papà con passeggini bambini con biciclette giovani e meno giovani con cagnolini al seguito erano pronti per la famosa passeggiata della primavera fe sta de l parco agrico lo casal del marmo a seguito di una capillare propaganda informativa portata a termine dal coordinamento a difesa del parco i cittadini dei quartieri di ottavia palmarola torresina monte mario torrevecchia e selva candida sono scesi in campo per prendere consapevolezza del loro territorio e per osservarlo da vicino continua a pag.8 n

[close]

p. 2

l angolo della poesia una terra tradita dell autostrada che ti percorre dal pollino all aspromonte si è tanto detto e scritto che non è un autostrada nell esatta accezione del termine ma una tortura per ogni automobilista che vi si avventura dei tuoi aeroporti si è tanto detto e scritto della loro vocazione turistica che è miseramente naufragata con il loro ridimensionamento a piazzole per gite fuori porta ma addirittura ora si parla e si scrive sempre meno sommessamente di carrette del mare imbottite di fusti con scorie tossiche che arrivano nei tuoi mari e vengono fatte affondare dando lucro alle aziende che producono quelle scorie alle compagnie proprietarie di quelle navi a qualcuno che autorizza ora si parla sempre meno sottovoce delle tue sorgenti avvelenate da discariche abusive di sostanze tossiche che danno lucro agli stessi personaggi si terra mia non solo ti vogliono tenere in disparte lontana dai flussi della gente perché la gente che s incontra parla si scambia le idee e le esperienze e tutto ciò è pericoloso fa aprire gli occhi ma ora ti avvelenano ti levano anche il respiro ma dove vivono i figli di questi personaggi e dove siamo tutti noi figli tuoi dispersi nel mondo che ci indigniamo davanti a tale situazione ma non sprechiamo nemmeno una goccia del nostro sudore affinché tutto questo non accada siamo affaccendati nelle nostre cose e deleghiamo volentieri ad altri le soluzioni sì calabria mia sei una terra tradita da quei figli che ti fanno del male volendo fartelo ma sei tradita pure da quei figli che dentro o fuori dai tuoi confini sanno che hai tanto bisogno di loro e non alzano un dito nemmeno per dare alle idee quel movimento che a volte può far tremare anche i palazzi le dediche dei nostri lettori grazie mamma per avermi dato la vita per avermi insegnato ad amare la vita per avermi con pazienza accompagnata lungo le tante strade percorse sei e sarai sempre la stella che illumina il mio cammino daniela 10 maggio 2011 buon compleanno chicco francesco vincent tantissimi auguri per i tuoi bellissimi 15 anni ti vogliamo un mondo di bene da mamma margherita mitzune e polly il 13 maggio l angioletto nostro compie 2 anni che sono stati meravigliosi tanti auguri a sara dai nonni ivana,anna franco e maurizio contribuisci senza spendere un cent se vuoi contribuire a mantenere in vita il picchio di torresina che stai leggendo senza spendere nulla quando fai la dichiarazione dei redditi devolvi il 5 per mille scrivendo questo numero graziea vo itutti 2 leonardo d ingianna

[close]

p. 3

sommario maggio 2011 1 6 8 rubriche 2 2 4 5 5 7 13 14 15 prima-vera festa nel parco agricolo casal del marmo a spasso per madrid sorprese a non finire al nostro presidente on.le giorgio napolitano la carta del parco agricolo di casal del marmo 2011 aif­ anno internazionale delle foreste ma che vita a torrevecchia antonio senes emozione tra materia forma e colore monsignor romero fave e pecorino 9 9 10 11 12 12 13 le dediche dei lettori l angolo della poesia lettere dei lettori news dalla redazione del picchio news dal comitato di quartiere torresina la curiosità del picchio l intervista a alfredo amici le perle di zia pina cucinati per voi dopo la lettura il picchio ti invita a gettare il giornale negli appositi cassonetti per la carta perché il picchio è a favore della raccolta differenziata dove posso trovare ogni mese la mia copia de ll picchio di torresina anno 4 numero 39 maggio 2011 reg tribunale di roma n 559 del 17 dicembre 2007 sede viale indro montanelli 20 00168 roma editore associazione o.n.l.u.s noi di torresina viale indro montanelli 20 00168 roma cellulari 3338029862 3396531743 e-mail ilpicchioditorresina@yahoo.it direttore responsabile jean-luc giorda capo redattore stefania giannetto in redazione marcella speranza daniela moretti aurelia colarossi cinzia pezzola antonio picciau antonella salerno pierfederico poli luigi spagnoletti antonio di siero impaginazione progetto grafico-editoriale pubblicitario gestione internet roberto delle case hanno collaborato a questo numero leonardo d inganna stefania portaro gianni moretti coordinamento parco agricolo casal del marmo fattino tedeschi alexander cortez diego d angeli michela fabbri pina ladogana stampato presso tipografia river press group s.r.l via menalca 30 tel fax 062294420 062295925 e-mail rpg@mclink.it tuttiine go zieglistudi professionali di torresina tutti gli inserzionisti esterni le edicole via torrevecchia 87242-633 e di largo millesimo alcuni negozi di via pietro maffi alcuni negozi di via torrevecchia e largo arturo donaggio le edicole di via pietro maffi alcuni negozi di via andersen municipio 19° di via mattia battistini xix gruppo vvuu via f borromeo la biblioteca basaglia via federico borromeo 67 biblioteca casa del parco e going informagiovani di via della pineta sacchetti 78 centro anziani torrevecchia monte mario primavalle ama di torrevecchia santa maria della pietà ·uffici municipali pad 29-30-31 ·padiglioni 13 26 e 32 ·centro antea atletica monte mario scuola di via andersen questo numero è stato chiuso in redazione il 28/04/2011 l associazione noi di torresina ringrazia tutti coloro che con le loro donazioni ci permettono di pubblicare il picchio invitiamo tutti i lettori che vogliono scrivere articoli poesie dediche o che vogliono raccontare momenti di vita lagnandosi o ringraziando ad inviarci i loro elaborati presso ilpicchioditorresina@yahoo.it oppure lasciando i loro scritti dal giocattolaio nuvoloni via pietro maffi 28/32 da roberto il tabaccaio di viale i montanelli o all edicola vidi di viale montanelli gli scritti dovranno essere accompagnati dalla firma dell autore che potrà scegliere di non essere citato sul giornale ma apparire solo con le iniziali o un nomignolo e un recapito telefonico 3

[close]

p. 4

le lettere dai lettori ritengo che più che di romanesco si possa parlare del sono un tuo lettore della primissima ora risultato di un imbarbarimento linguistico più vicino alle nel numero di marzo 2011 mi sono imbattuto in battute usate nei cinepanettoni di natale o da cabarettisti un interessante lettura nella quale sfruttando il pretesto romani moderni piuttosto che al dialetto reso noto da linguistico del vero dialetto romanesco si raccontava trilussa belli e pascarella mi permetto di segnalare la storia e i destini degli abitanti della spina di borgo questa cosa solo per cercare di marcare un netto confine costretti intorno agli anni 30 ad un trasferimento coatto tra un dialetto importante quale quello romanesco e lo verso alcune borgate periferiche in occasione della realizza stereotipo spesso svilente ed esasperatamente greve zione di via della conciliazione leggendo questo articolo o volgare con cui spesso si rischia di confonderlo sono stato colto da due sensazioni contrastanti da una spero che il sig claudio sterpi noto romanista che parte il piacere di poter approfondire un evento storico ho il piacere di ascoltare la mattina per radio e di leggere molto importante della nostra città e dall altra una forte qualche volta su queste pagine possa dare un suo contributo difficoltà a riconoscere come appartenenti al vero dia illuminato condividendo qualche espressione dialettale letto romanesco alcune delle frasi riportate ad esempio recente più vicina al vero romanesco dell idioma in uso a primavalle negli anni 90 enrico p purtroppo nella stragrande maggioranza delle frasi citate caro picchio è tornata la bella stagione e ci ha portato assieme alle rondini i giochi nel parco di torresina belli colorati invogliano i bambini a giocare torresina ma il parco non è ancora agibile mancano tantissime cose perciò rimane a disposizione di chi deve lavorare poco a poco piano piano i bambini che prima vedevano un prato sporco e incolto poi un cantiere quasi abbandonato non chiedevano di avvicinarsi adesso è tutta un altra storia col nasino tra le maglie della recinzione desiderano salire sui giochi colorati e molto attraenti quanto ancora dovranno aspettare quando finiranno i lavori del parco dei desideri come potranno godere di un po d ombra i nostri bambini se ancora non è stato piantato neanche un arbusto troveremo nell uovo di pasqua il permesso di giocare nel parco grazie teresa d.b carissmo picchio occorre un grande rispetto se mpr e più spesso purtroppo assistiamo a scene che non vorremmo si verificassero parcheggi per portatori di handicapp scivoli o percorsi pedonali costruiti appositamente per persone diversamente abili perennemente invasi e ostruiti da macchine gli stessi proprietari fanno finta di non aver visto la segnaletica sia orizzontale che verticale che attesta che si è in presenza di qualcosa di anomalo come fanno i nostri simili che non possono camminare normalmente come noi e che sono costretti a stare su una sedia a rotelle oppure le mamme che devono percorrere marciapiedi invasi di autoveicoli e non sanno mai dove poter attraversare la strada perché gli appositi scivoli sono costantemente ostruiti facciamoci un bell esame di coscienza e cerchiamo di parcheggiare le nostre automobili pensando a chi non è autonomo come noi non dimentichiamoci che un domani potrebbe accadere anche a noi di doverci lamentare di queste azioni riprovevoli cerchiamo sempre di applicare il buon senso anche perché il sorriso di una persona in difficoltà che riesce a superare un piccolo/grande ostacolo può essere per noi un enorme gratificazione corrado riva 4

[close]

p. 5

regione lazio esenzione dei ticket sanitari per reddito avvisano tutti i cittadini che in attuazione del decreto ministero dell economia e finanze del 11 dicembre 2009 g.u n 302 del 30/12/2009 dal 1° aprile 2011 cambiano le modalità di dichiarazione dell esenzione per reddito non sarà più possibile autocertificarne il diritto apponendo la firma sulla ricetta poiché tale informazione dovrà essere riportata sulla ricetta direttamente dal medico che fa la prescrizione di visita specialistica o farmaceutica nella fase di impianto del nuovo processo ossia fino alle prescrizioni effettuate in data 30 giugno 2011 sarà si possibile per l assistito in possesso dei requisiti di legge continuare ad apporre la firma sulla ricetta info elenco e orari degli uffici distrettuali delle asl saranno disponibili sul sito www.poslazio.it oppure telefonando al numero verde 800 012283 ai medici di base sono stati inviati dall u.e gli elenchi degli aventi diritto all esenzione questi elenchi non sempre sono completi o corretti è opportuno che i cittadini si informino sulla propria situazione presso il proprio medico qualora benché avendo diritto non fossero inclusi negli elenchi dovranno produrre certificazioni idonee è opportuno quindi non aspettare il momento del bisogno l associazione culturale albero andronico organizza la va edizione del premio nazionale di poesia narrativa e fotografia albero andronico 2011 dalla redazione del picchio concorso letterario testo inedito per una canzone a tema libero · opera inedita in poesia o in prosa sul tema lo sport · opera inedita in poesia o in prosa sul tema il mare · · · · · · premio sarà così articolato otto sezioni in lingua italiana poesia inedita a tema libero silloge inedita a tema libero narrativa inedita a tema libero racconto saggio favola articolo opera inedita in poesia o in prosa sul tema la strada la casa la città l ambiente costruire e vivere il territorio libro edito di poesia e narrativa il invio opere scadenza 30 giugno 2011 · una sezione in dialetto poesia inedita in dialetto con la traduzione in lingua italiana una sezione di fotografia informazioni bando e scheda di opera fotografica inedita a tema adesione disponibili sul sito www.alberoandronico.net libero · news dal comitato di quartiere torresina donazione sangue venerdi 27 maggio 2011 dalle ore 7,30 alle 11,00 donazione di sangue a torresina presso la chiesa di santa faustina kowalska a cura del gruppo donatori di sangue torresina santa faustina p re no tazio n i pre sso l edico la di viale indro montanelli oppure online su torresina.net n.b mentre il giornale va in stampa siamo ancora in attesa di conferma da cri,la data potrebbe subire variazioni parco e stata confermata per maggio 2011 la conclusione dei lavori per il parco seguirà il collaudo la presa in carico dell ufficio giardini e l inaugurazione impossibile al momento fare previsioni sulla data di apertura lavori in corso a piazza gino pallotta sono in partenza i lavori per il completamento della piazzaper la quale la giunta alemanno ha stanziato 504 mila euro ed i sondaggi archeologici per la scuola materna di torresina opera finanziata nel 2007 sabato 14 maggio festa dell albero una magnifica opportunità per educare i bambini della città all amore ed al rispetto per la natura festeggeremo l arrivo degli alberelli sul pianoro di via rosi insieme ad un altro importantissimo evento l individuazione di un vecchio e rarissimo albero monumentale a torresina previste per maggio un assemblea dei soci del comitato torresina la raccolta di giocattoli usati e vestiti per l infanzia sarà data notizia degli eventi attraverso affissione di locandine nel quartiere e sul sito www.torresina.net domenica 29 maggio è previsto il mercato-manifestazione della coldiretti e due prosegue l iniziativa fido adotta un aiuola dopo harley anche nuvola ne ha adottata una in via andrea barbato la proposta accolta con entusiasmo dal comitato e dall associazione noi di torresina nasce da una proposta dei proprietari di cani gruppo amici dei cani che ci tengono a vivere in un quartiere pulito quante volte passeggiando coi loro cani si sono sentiti guardati e giudicati come insozzatori di marciapiedi a volte sono proprio loro i primi a pagare le conseguenze della maleducazione altrui però le cose possono cambiare e loro vogliono prendersi cura di un aiuola dove sarà affissa l immagine del proprio amico a quattro zampe 5

[close]

p. 6

di gianni moretti tortilla de patatas a spasso per madrid spagna è sicuramente lo stato che più ci stadio bernabeu assomiglia per cultura tradizioni e lingua la capitale madrid è bella da vivere e da scoprire il clima è mite tutto l anno la cucina è mediterranea e la gente è cordiale e divertente il viaggio inizia dall unico aeroporto cittadino gigantesco il più vasto e articolato d europa in cui ci si può perdere facilmente il centro città si raggiunge con la metro in poco più di mezz ora abbiamo prenotato un b&b gli alberghi sono a buon mercato ma volevamo un esperienza più familiare nella zona della gran via e della plaza major nel cuore pulsante della movida madrilena emersi dalla metro siamo sorpresi dal fiume di persone che affollano il centro questo a dimostrazione che la capitale sta riacquistando punti nei confronti della concorrente barcellona storica rivale quale fulcro studentesco e quindi di divertimento la visita della città comincia dal museo del prado famoso e rinomato in tutto il mondo che ospita gran parte delle opere di picasso mirò e dalì a pranzo cosa di meglio di un mega piatto di prosciutto qui chiamato jamon sono famose la casa del jamon il museo del jamon e tanti altri che nient altro sono che mega salumerie dove ci si può sedere ai tavoli e gustare anche altri prodotti tipici il pomeriggio lo dedichiamo alla cattedrale de la almudena e proprio di fronte al palacio real questo fu la residenza dei reali e vale una visita per ammirare tra le tante stanze aperte al pubblico la sala dell armeria il salone dei banchetti e la farmacia stanchi e affamati è già ora di cena scopriamo le taperie locali simili a bar o osterie sparsi in tutto il centro bevendo sangria si possono gustare svariati assortimenti di tapas simili a degli antipastini sfiziosi la giornata seguente la dedichiamo ai due colossi più rappresentativi della città lo stadio bernabeu con il museo che conserva i cimeli del real madrid il club che ha vinto di più nella storia e la plaza de toros scendiamo dalla metro e veniamo travolti da una folla impaziente di assistere allo spettacolo noi non entriamo la è tutto molto bello facciamo delle foto esterne ma siamo contrari a questa tradizione tutta spagnola nel tardo pomeriggio facciamo una visita veloce alla stazione dei treni atocha tristemente nota per il sanguinario attentato di alcuni anni fa è stata completamente ricostruita messa in massima sicurezza per salire in treno si è sottoposti agli stessi controlli che si fanno in aeroporto e ospita al suo interno un giardino botanico con tanto di tartarughe tropicali a cena gustiamo un piatto di calamares calamari fritti gli immancabili mariscos frutti di mare e la tortilla de patatas frittatona di patate e cipolle il giorno successivo è domenica veniamo svegliati da insoliti rumori per un centro cittadino campanelli di migliaia di biciclette e fischietti impazziti dei vigili urbani che bloccano il transito alle macchine ci dicono che è normale nelle domeniche primaverili o autunnali come a roma fare due passi a villa pamphili noi invece prendiamo il treno e in poco più di mezz ora siamo a toledo cittadella medievale famosa per la lavorazione di spade e coltelli costruita su una collina e circondata da alte mura vi si entra da una porta con tanto di ponte levatoio è piena di botteghe artigiane dove vendono armature balestre e spade da vedere la cattedrale di santa maria e la fortezza di alcazar sede dell accademia militare spagnola nel tardo pomeriggio siamo di nuovo nella capitale e non ancora stanchi visitiamo la plaza de espagna e poi il quartiere chueca dove tra negozi e locali giovanili incontriamo variopinti punk rocchettari gay e persone di tutte le nazionalità abbiamo molto da imparare da questo pittoresco quartiere integrato al 100 e in maniera eccellente in una città di qualche milione di abitanti la mattina del giorno di partenza la dedichiamo alla visita del parco del buen retiro famoso il roseto al suo interno il romantico laghetto dove affittare barchette la fontana del carciofo e il palazzo di cristallo che oltre un secolo fa ospitava diverse specie botaniche piante e fiori provenienti dalle filippine plaza de toros parco del buen retiro 6

[close]

p. 7

di marcella speranza maggio mese delle rose e delle spose appiamo tutti quanto è diventato laborioso e costoso organizzare un matrimonio si può dire che il matrimonio è un istituzione universale in quanto tutti i popoli in tutti i tempi e a qualsiasi civiltà appartengano lo ritengono un legame tra due individui socialmente riconosciuto nel codice di hammurabi che regnò in mesopotamia dal 1792 al 1750 a.c è scritto che il matrimonio è valido se c è un contratto scritto con il quale l uomo compra la moglie oggi per fortuna molte cose sono cambiate ma alcune tradizioni e superstizioni vengono tramandate da una generazione all altra vediamone qualcuna le fedi nuziali perché quasi sempre si indossano sull anulare sinistro dobbiamo risalire all antico egitto la tradizione degli anelli nuziali si può datare attorno al 2800 a.c venivano preparati anelli con giunchi e canne ch e cre scevan o su lle spo nde de l n ilo il cerchio presso gli egizi ed altre popolazioni antiche era il simbolo dell eternità e il buco al centro veniva considerato una porta verso l ignoto già dai tempi remoti regalare l anello a una donna significava impegnarsi in un amore eterno in una vita piena d incognite presso i romani l uso dell anello indicava il possesso della donna nel ix sec gli anelli erano di metallo più o meno prezioso pesantemente decorati con fregi ed ornamenti vari ma queste fedi vagamente paganeggianti non piacevano alla chiesa che nel 1200 ne scoraggiò l uso a favore di anelli più semplici simili alle fedi moderne non sempre la fede viene indossata sull anulare sinistro vedi in germania e spagna che secondo la leggenda è il dito che collega la vena dell amore direttamente al cuore molto più realistica la teoria che vuole la fede sull anulare sinistro perché è il dito meno utilizzato in assoluto e quindi meno esposto ad urti che potrebbero rovinarla s l abito da sposa la tradizione europea dell abito bianco risale all ottocento e rappresenta verginità e purezza precedentemente simboleggiate dal colore blu le spose dell antica roma erano avvolte in veli gialli e arancio le antiche longobarde indossavano solo una tunica nera quelle bizantine indossavano vesti di seta rossa con ricami di oro e pietre preziose nel medioevo e nel rinascimento gli abiti nuziali erano molto colorati ma il colore prevalente era il rosso perché si riteneva che propiziasse le nascite ancora oggi in cina ed in india le spose scelgono il loro abito nuziale di colore rosso la tradizione vuole che la sposa porti con se il giorno del matrimonio sei cose una cosa prestata ad indicare l amore delle persone care che rimangono vicine in questo passaggio dal vecchio al nuovo una cosa regalata in segno di affetto una cosa blu colore simbolo della purezza una cosa vecchia simbolo della vita che si lascia e che non deve essere dimenticata una cosa nuova a simboleggiare le novità che la vita porterà con se il lancio del riso sugli sposi l origine del lancio del riso deriva da una leggenda cinese si narra che durante una carestia un genio buono si impietosì nel vedere la sofferenza dei contadini e per aiutarli volle sacrificare tutti i suoi denti disperdendoli nella palude improvvisamente germogliarono migliaia di piantine di riso così il riso è diventato simbolo di abbondanza lanciarlo agli sposi è quindi un augurio di prosperità la luna di miele gli sposi dell antica roma si cibavano di miele per la durata di una luna dopo il matrimonio da qui l origine del detto luna di miele per indicare i primi dolci momenti della vita di coppia lo sposo prende in braccio la sposa davanti la porta di casa questa usanza risale all antica roma lo sposo sollevava la sposa per varcare l uscio per evitare che inciampasse presagio infausto perché significava che le divinità della casa lares familiares non volevano accogliere la nuova signora 7

[close]

p. 8

continua da pag.1 i cortei coloratissimi ed allegri hanno percorso isentieri interpoderali guidati da architetti e naturalisti che hanno illustrato ai manifestanti le meraviglie botaniche e faunistiche caratterizzanti il parco agricolo e si sono fermati ad ammirare le fatiscenti strutture architettoniche eredità storica di questi territori la sfilata è proseguita in maniera composta verso il cuore del parco dove i cortei si sono aspettati salutati e mescolati fino a formarne uno solo non sono mancati brevi interventi degli organizzatori i ringraziamenti ed infine la declamazione della carta del parco agricolo casal del marmo dopo aver letto nella prefazione e nei punti di questo documento l intenzione dei presenti di salvaguardare il valore paesaggistico del parco dal pericolo di discariche abusive da cementificazioni e costruzioni stradali e di valorizzarne la natura agricola che gli permetterebbe di essere fonte di produzione di qualità e di occupazione per il territorio del xix municipio l ordinato corteo si è diretto verso la cooperativa agricola cobragor dove ha firmato la carta ed ha trovato ristoro nel prato verde di fronte all aia i colori sgargianti delle bandiere unicolor e del tricolore italiano la musica il piacevole odore dei cibi hanno accompagnato il pranzo ed il meritato riposo pomeridiano mentre il sole dapprima timido è spuntato in tutto il suo splendore ed ha permesso ai partecipanti di prendere la prima tintarella della stagione di stefania portaro come tra l altro è stabilito dall art.70 delle norme tecniche di attuazione del nuovo piano regolatore generale con delibera del consiglio comunale n.18/2008 ha manifestato la sua contrarietà alla passeggiata cercando di fermare i cortei con reti provvisorie apparse dall oggi al domani il fatto non ha costituito un reale impedimento e la giornata è proseguita come da programma al termine della passeggiata i visitatori della domenica hanno potuto ricevere maggiori informazioni dal coordinamento in molti hanno lasciato i loro recapiti per essere aggiornati e coinvolti nelle future assemblee e nei gruppi di lavoro che riprenderanno la loro attività al termine delle festività pasquali intanto chiunque volesse approfondire l argomento e visionare le splendide foto può cliccare sul sito www.parcoagricolocasaldelmarmo.it sorprese a non finire asseggiando per le strade dei quartieri limitrofi al parco si possono ancora ammirare le vivaci locandine che hanno annunciato la festa nel parco agricolo di casal del marmo della scorsa domenica di aprile perimetrazione del parco agricolo molti degli abitanti di casal del marmo di zona si sono domandati se davvero ci fosse e dove fosse questo parco il parco in questione è quello di casal del marmo che si trova nel cuore del xix municipio dichiarato tale dal piano regolatore del 2008 che ne ha vincolato la destinazione d uso e ne ha affermato la peculiare natura agricola insomma un tesoro del nostro territorio che ha tardato ad essere valorizzato ed è stato celato alla conoscenza dei molti abitanti di zona che pure ce l avevano sotto gli occhi i più interessati ed attenti alle vicende territoriali si sono recati nella mattinata di domenica nei luoghi di partenza dei cortei e con decine e decine di vicini di casa hanno esplorato questa meraviglia qualcuno ha affermato di conoscere già il parco e di passe ggiare fre quen te men te lun go i per co r si interpoderali facendo jogging lunghe passeggiate e percorrendo le sue stradine sterrate in bicicletta una spiacevole sorpresa ha però atteso i curiosi amanti del verde lungo il tragitto uno dei proprietari che da sempre aveva tollerato il pacifico passaggio dei viandanti p 8

[close]

p. 9

al nostro presidente della repubblica on giorgio napolitano signor presidente domenica 10 aprile 2011 abbiamo festeggiato la primavera con una passeggiata collettiva attraverso i percorsi interpoderali del nascente parco agricolo urbano di casal del marmo un parco che si snoda nel quadrante nord ovest di roma tra la via trionfale la via casal del marmo e la via torrevecchia il parco lambisce i terreni del carcere minorile di casal del marmo dell ospedale s filippo neri del santa maria della pietà e rappresenta nella sua unità il secondo polmone verde dopo il parco dell insugherata in questo quadrante della città la festa organizzata dal coordinamento per la tutela e la difesa del parco ha avuto due momenti significativi l approvazione della carta dei diritti del parco che come primo articolo riprende integralmente il comma due dell articolo nove della nostra bella costituzione il riconoscimento dei 150 anni della formazione del nostro stato unitario attraverso l adozione come bandiera del parco del tricolore italiano con la scritta nella banda bianca parco agricolo casal del marmo una festa che ha visto la popolazione di quattro quartieri torresina monte mario ottavia e palmarola convergere da quattro punti differenti attraverso questa storica passeggiata collettiva fino ai terreni della cooperativa di braccianti cobragor che da decenni gestisce questa tenuta della provincia di roma con colture biologiche e sostenibili bambini sui passeggini con le mamme ed i papà ragazzi sulle biciclette o con i cagnolini famiglie intere con gli anziani e tanti tantissimi giovani il tricolore ha sventolato unendo tutti nella difesa dei valori storici ambientali archeologici di questo parco le scriviamo perché a molti è venuta l idea di farla partecipe della nostra gioia pensiamo di essere in sintonia con lo spirito dei suoi discorsi al popolo italiano su quanto sia importante tenerlo unito e su quanto sia fondamentale l apprezzamento del patrimonio valoriale che i nostri padri ci hanno lasciato nello scrivere la nostra bella costituzione voglia ricevere la nostra sentita e ammirata riconoscenza per quello che fa per noi tutti il coordinamento parco agricolo casal del marmo la carta del parco agricolo casal del marmo ·tutela e valorizzazione del ·f r uibilità pubblica del patrimonionatu ra listico ambientale e paesaggistico ·salvaguardia dell unità del parco agricolo da speculazioni edilizie e costruzioni di arterie stradali ·recupero e riqualificazione di edifici esistenti e abbandonati recupero dei beni di interesse archeologico e monumentale ·p romo zione di attività agricole e tipiche del parco agricolo parco da parte dei cittadini ·riqualificazione ambientale delle acque e del sistema idrografico ·promozione dei principi di sostenibilità ambientale e dif fusione dell uso delle energie rinnovabili ·p romozione di attività di educazione ambientale agricola ed alimentare il coordinamento per il parco agricolo di casal del marmo 9

[close]

p. 10

anche dell agricoltura sono fonte di assemblea cibo e sostenze curative sono il generale serbatoio naturale di anidride dell onu ha carbonicaco2 uno dei gas dichiarato il 2011 anno responsabili dell effetto serra internazionale quest ultimo fatto va chiarito meglio sulla delle foreste terra c è una certa per contrastare quantità di co2 i vegetali il problema della deforestazione promuovere azioni a sostegno della gestione forestale la assorbono durante la fotosostenibile e con lo scopo di sensibilizzare la sintesi clorofilliana e la utilizzano popolazione mondiale sull importanza che per immagazzinare energia ed accrequeste r icoprono nell ecologia nella società e scersi quanta più co2 sarà contenuta nei nell economia globale tessuti vegetali tanta meno ne sarà presente non ricorro mai a citazioni ma stavolta nell atmosfera cioè se aumentano le riconoscendo la mia minor capacità foreste diminuisce l effetto serra e viceversa espressiva cito due frasi all atto pratico gli stati che e foreste del mondo permettono la vita di diverse daranno seguito a questa che ci danno un idea delle creature in tutto il pianeta e di conseguenza importante direttiva devono numerosissime relazioni che intercorrono tra noi e le possono aiutare l umanità a sopravvivere ma anche a impegnarsi a ridurre la foreste badate bene in realizzare alcuni dei suoi più grandi obiettivi ridurre la deforestazione ad adottare queste righe non si parla povertà lottare contro i cambiamenti climatici e misure di gestione per tutelare di opinioni ma di fatti raggiungere uno sviluppo sostenibile secondo quanto le foreste e la biodiversità a concreti che comportano dichiarato dalla lega internazionale per la conserva promuovere attività ecosozione della natura responsabilità ed azioni stenibili a livello locale e julia marton-lefèvre globale per completare il quadro direttore generale dell unione mondiale per la non meno importante è aggiungo alcuni dati che i conservazione della natura più conosceranno le foreste l impegno nella campagna coprono un terzo della di sensibilizzazione rivolta e foreste sono parte integrante dello sviluppo superficie delle terre emerse alle persone di tutti i contisostenibile globale le attività economiche legate ma ogni tre anni ne viene nenti attraverso convegni alle foreste influiscono sulle condizioni di vita di 1 miliardo e distrutta una parte pari alla mostre realizzazione di visite 600 milioni di persone in tutto il mondo inoltre sono superficie di tutta l italia e film tematici sul tema fonte di benefici a livello socio-culturale e costituiscono forniscono ossigeno alla poiché il rispetto passa il fondamento del sapere delle popolazioni indigene biosfera comprendono un attraverso la conoscenza infine come ecosistemi le foreste giocano uno ruolo numero enorme e sconosciuto la storia futura è legata fondamentale nel proteggere la biodiversità e di specie animali e vegetali strettamente al destino nell attenuare gli effetti del cambiamento climatico la biodiversità intervendelle foreste pekka patosaari gono positivamente nel cil aif 2011 è un appello di direttore del forum delle nazioni unite sulle foreste clo dell acqua permettenenorme importanza al done l assorbimento da mondo intero affinchè parte delle falde trattengono vengano messe in atto il suolo limitando azioni per migliorare le l erosione quante vite condizioni delle foreste e scomparse sotto le frane a di conseguenza dell umanità causa della cattiva gestione e della natura di cui dei boschi a beneficio facciamo parte 2011 aif anno internazionale delle foreste di diego d angeli l l l 10

[close]

p. 11

di l d ingianna un gruppetto di persone in attesa alla fermata dell autobus in via di torrevecchia davanti ai casermoni grigi delle case popolari in tarda mattinata parecchio all orizzonte non si essere arrotati e poi vogliamo parlare delle buche vede comparire nessun autobus sull asfalto di queste strade si rischia sempre di slogarsi né il 46 barrato né il 916 né il 546 ed il una caviglia ad andar bene nervosismo comincia a contagiare tutto ed io mi domando ma questi signori dell atac e del il gruppetto scioglie il ghiaccio xix municipio invece di pensare soltanto alle cose un arzilla vecchietta ben vestita con i difficili ed irrealizzabili perché non si alzano dalla capelli ordinati nella permanente fatta di fresco ed un bel sedia dietro la scrivania e si fanno un giro da queste rosso tiziano coprente ma tu guarda un po st impuniti che parti sicuramente si renderebbero conto della situazione dopo che so entrate le scole nun fanno più passà li auti e potrebbero fare qualcosa anche per noi qualcosa noi che n annamo a scola n avemo diritto a viaggià di semplice ma tanto utile per giovani e vecchi poi calmandosi un po e rivolgendosi al resto del il trucco discreto sulle guance della nonnina a questo punto non riesce a nascondere il rossore dell infervorarsi gruppetto questa volta nel buon idioma nazionale sì è proprio così per tante cose si sta bene a torrevecchia ed anche della rabbia finalmente ora s intravede in lontananza la sagoma di un autobus man mano che si ci sono tanti negozi tanti supermercati un po verde ma per tante altre cose no non va bene soprattutto per le avvicina si riesce a leggere anche il numero e la persone anziane perché non solo gli autobus non passano vecchietta dopo un sospiro di sollievo si ricompone dal mai e quando riesci a prenderli ti devi avvinghiare ai fervore e ci saluta così bene arriva il mio autobus sostegni perché gli autisti pensano di stare a vallelunga scusatemi delle chiacchiere vi auguro una buona giornata giù per le discese di primavalle ma qua in zona si cammi il gruppetto le ricambia l augurio ed io l aiuto a salire na male con queste viuzze strette e senza marciapiedi sull autobus che riparte via girolamo ghinucci via tommaso bernetti via subito senza darmi il tempo di dirle no domenico grimani e le altre verso boccea-n.d.r le macchine sono sempre parcheggiate sui due lati di signora non deve scuqueste strade e chissà perché la regolazione dei sensi sarsi di niente speriamo unici si è fermata prima ma sta di fatto che loro sono a che davvero i signori doppio senso e già non passano due macchine in senso dell atac e del xix municontrario figuriamoci se passiamo pure noi con il carrello cipio si facciano qualche della spesa o una mamma con il passeggino o troviamo volta una passeggiata la fermata a via p bembo un rifugio in mezzo a due macchine ferme o si rischia di dalle parti nostre ma che vita a torrevecchia da 11

[close]

p. 12

antonio senes emozioni tra materia forma e colore parla spesso di arte destinando le qualità dell artista ad una qualunque accademia le origini dell arte nascono dall anima e sono emozioni allo stato puro che tra il segno la forma e la materia trovano la completezza nel colore l arte di antonio senes spazia tra gioia e dolore perché come tutti gli artisti veri sente il suo tempo che scorre tra storie ricche di chiaroscuri solo i forti sentimenti fanno diventare colore l amore nella ricerca dei simboli di un post moderno che attraverso un processo libero tra masse e forme rende l opera una complessa macchina che sperimenta il segno e traduce le forme in cromatismi che creando spazio alla luce stemperano l intensità del colore che evidenzia il significato della stessa opera un vero groviglio di tessere inserite con impegno destinate a creare lo spazio di luce pur cercando l infinito l osservazione attenta dell artista apre orizzonti nuovi e si di fattino tedeschi critico d arte scenari pieni di soggetti che privi di ombre si aprono alla luce cercando la ragione e il perché di tanta bellezza autentica e non illusoria opere che si trasformano in geometrie architettoniche in una visione moderna dei segni e del colore che possono sembrare statiche ma invece sono in una fase di lievitazione in quest arte c è la presenza dinamica dell artista che vive il suo tempo con autonomia antonio senes sa che come artista non può pensare alle opere come a una ricerca d archivio del passato ma deve parlare al futuro con l animo di chi sogna che un giorno l arte possa cambiare la qualità della vita perché solo l amore e la bellezza dell universo possono essere di aiuto e di salvezza all animo da cui nascono i preliminari dell arte che poi fanno l opera creare cercare e scoprire ogni giorno cose nuove che invocano la bellezza la forza visiva di chi sa parlare nei segni che spesso sono virtuali ma che nel sogno dell artista diventano realtà e trasformano di continuo il modo nuovo di creare e di progettare a senes e f tedeschi l infinito della bellezza di alexander cortez un eroe guida spirituale di un popolo un uomo che ha sofferto per i diritti umani 24 marzo 2010 nella questa mostra è stata realizzata chiesa di s bartolomeo grazie alla collaborazione di all isola tiberina nel 31° carlos henrique consalvi diretanniversario dall uccisio tore del museo della palabra y la ne di monsignor oscar a imagen mupi di el salvador al romero si è celebrata la fine di rendere omaggio alla giornata internazionale guidaspiritualedituttii per i diritti e la verità salvadoregni monsignor romero alcuni mesi prima di essere assassinato mons romero chi era monsignor oscar a romero era un arcivescovo un uomo di fede una persona consegnò ad una sua amica santo delmi campos una straordinaria che lottava per i diritti umani e per la serie di 400 fotografie personali affinché le custodisse nel 2010 nel trentennale della morte vennero donate al difesa del popolo salvadoregno mupi perché potessero a distanza di 31 anni dalla sua morte la comunità e ssere e spo ste e salvadoregna si è ritrovata a celebrare nella città di mostrate a tutti roma questo anniversario per ricordare e onorare questo raccontando le sofferenze simbolo che è parte del nostro patrimonio più prezioso del popolo salvadoregno dopo la messa il ministero di relazioni estere ha pree seminando parole di sentato la mostra fotografica monseÑor romero speranza giustizia e vive nelle sale di esposizione della medesima basilica verità nei cuori e nelle immagini molto coscienze significative con frasi i salvadoregni in italia altrettanto ricche di ringraziano il ministro messaggi per i nostri delle relazioni estere cuori cattolici la hugo martinez i più alti speranza la solidarietà funzionari dell ambasciata l amore per la dignità di el salvador in italia e dei più poveri delle presso la santa sede il vittime dei vulnerabili sovrano ordine di malta trovano il loro cammino per lo sforzo organizzativo nella voce di quelli sostenuto senza voce monsignor romero il 12

[close]

p. 13

di piefederico poli l intervista a alfredo amici in questi mesi in molti presidi sanitari della nostra città si vedono bandiere dei sindacati all entrata sit-in di dipendenti e così via ma cosa sta succedendo per quello che riguarda il nostro territorio lo chiediamo ad alfredo amici delegato cgil infermiere del cristo re cosa ha portato a questa situazione nel dicembre del 2009 con l arrivo di nuovi amministratori si è appurato un cospicuo debito pregresso dell azienda ospedaliera cristo re questo ha portato a stringere un accordo tra azienda e sindacati cgil-cisl-uil e ugl che prevedeva un periodo di risparmi senza però mettere in discussione i livelli occupazionali che comunque dovevano essere garantiti cosa intende per periodo di risparmi il personale in virtù del nuovo riassetto ha subito un forte decremento economico in relazione ad oneri accessori del salario venuti meno questo primo passo ha creato un forte disagio tra gli operatori sanitari e soprattutto nel settore medico e ha determinato un calo fisiologico della produttività contestualmente sindacati ed azienda hanno cercato di riorganizzare per quanto possibile il nuovo riassetto dell ospedale in relazione anche alle nuove disposizioni previste dal decreto reg lazio n° 80 e 90 con risultati poco soddisfacenti per le esigenze contingenti di stabilità di tutti i soggetti interessati ci sono stati costi accessori si infatti si è proceduto a pre-pensionamenti ma anche a dimissioni da parte di personale medico demotivato che ha cercato altre strutture più floride il personale è passato da 530 dipendenti a 450 in che modo ha influito il decreto 80 per la riorganizzazione della rete ospedaliera della nuova presidenza regionale polverini ha portato in primis al taglio dei posti letto che sono passati da 239 a 208 poi si procederà alla chiusura del pronto soccorso di 2 livello lasciando il solo soccorso ostetrico nel momento in cui saranno definitivamente chiari e attuativi i decreti 80 e 90 il problema è che ad oggi non si conosce in quale settore saranno tagliati i posti letto soprattutto non è chiaro da parte della regione lazio come devono essere articolati questi tagli ancora più confusione si sta determinando con il decreto 90 per cui la regione demanda alle usl il compito di istruire tutte le procedure di definizione delle nuove richieste di accreditamento di nuovi servizi che sono partiti all inte r no dell ospe dale vedi servizio di angiologia fisioterapia neurologia e odontoiatria chiaramente quanto prima si arriva ad una definizione da parte della regione lazio e della usl quanto prima l ospedale potrà presentare un nuovo piano strategico aziendale che possa essere credibile anche per l accesso al credito delle banche che collaborano con il nostro ospedale e sicuramente tutto questo porterebbe di nuovo alla normalità l erogazione degli stipendi del personale nei tempi previsti dal ccnl e sicuramente a riprendere la trattativa per il riconoscimento della mancata applicazione economica del ccnl dei dipendenti dell ospedale cristo re fermo al 2005 mi scusi in che senso per garantire lo stipendio ai lavoratori vede a causa del debito pregresso si è venuto a creare la mancanza di quel flusso di cassa necessario per provvedere al pagamento dello stipendio nei tempi previsti e da novembre 2009 che si verificano continui ritardi dovuti al fatto che il pagamento degli stipendi avviene tramite rimessa regionale secondo lei da parte della congregazione nostra signora di monte calvario c è stato disinteresse no anzi la congregazione ha dismesso molti beni immobili per garantire sia gli stipendi e soprattutto per far fronte ai creditori per le forniture ospedaliere signor amici in conclusione a cosa si va incontro secondo lei io credo che ospedali classificati come il cristo re siano fondamentali nel territorio il cristo re è sempre stato un punto di riferimento per i cittadini/utenti della zona in cui si trova e questo rapporto sta venendo meno a causa di una politica regionale disattenta ai problemi del diritto di cura e tutela della salute dei propri abitanti a mio parere se la politica regionale si basa solo sul ripianamento del debito regionale attraverso la chiusura di servizi alla cittadinanza e tagli sui livelli occupazionali perde di vista l obiettivo fondamentale che e quello di garantire la cura e la qualità dell assistenza convenzionata a tutti i cittadini la via che stanno perseguendo e privatizzare tutto senza che il cittadino se ne accorga la ringrazio speriamo per il bene di tutti che i problemi si risolvano al più presto e speriamo anche che altri ci spieghino come andranno le cose 13

[close]

p. 14

consigli e non solo carissime siamo a maggio mese dagli antichi romani dedicato alla saggezza dei vecchi maiores il suo segno zodiacale è i gemelli simbolo del sentimento e dell amicizia ed eccoci di nuovo dopo questo preambolo alle mie perle per consigliarvi ora che incomincia il caldo a come mantenere freschi alcuni ortaggi per esempio è un peccato vedere appassire un bel mazzetto di prezzemolo per evitare ciò consiglio di infilarlo come un mazzetto di fiori in un bicchiere colmo di acqua dove galleggi un tappo di sughero e di mettere il tutto nel frigo così vedrete come il nostro prezzemolo si manterrà fresco per quasi un mese le patate messe per lungo tempo in un cestino possono germogliare il rimedio è di mettere fra di esse qualche mela e vedrete che col tempo si eviterà questo inconveniente per conservare l aglio e non farlo germogliare ridotto a spicchi lo si pone su un foglio di carta e si espone per un paio di giorni al sole poi si mantiene in un recipiente di vetro lasciato aperto quando nelle varie minestre usate l aglio per renderlo digeribile togliete il germoglio cioè la parte verde interna e tagliate lo spicchio nel senso della sua lunghezza se vi dovesse accadere di avere dei limoni un po duri per renderli succosi dovrete immergerli nell acqua bollente e lasciarli a bagno per qualche minuto ed ora passiamo al caso in cui vogliamo usare quei funghi secchi che abbiamo nella nostra credenza ma nell aprirne la bustina ci accorgiamo di uno sgradito odore di muffa per evitare questo basterà porre in essa alcuni grani di a cura di pina l pepe bianco stesso inconveniente potremmo riscontrare anche nel pangrattato ma qui opereremo ponendo nel suo contenitore alcune foglie di alloro l estate è vicina e le giornate incominciano ad essere meno fredde e nell aria si vedrà svolazzare qualche vespa se per caso venite punte da una di esse ed il forte prurito provocato vi farà soffrire per lenirlo o debellarlo strofinate sulla parte interessata del lievito per dolci in polvere e se in quel momento non l avete potrà esser utile anche sfregarci dell aglio quanti piccoli inconvenienti in cucina ma per fortuna quante facili soluzioni interventi o cambi di destinazione d uso come quando da una cipolla è spuntato un bel ciuffo verde fermi non asportiamolo per gettatelo via perché si può usarlo in mancanza dell erba cipollina oppure piantato in un vasetto ci darà un bel fiore prima di chiudere il pezzo vi suggerisco un altra mia perla utile in cucina se durante la frittura abbiamo molti schizzi d olio per evitarli basterà mettere nella padella 4 o 5 stecchini od un pezzettino di mela che ci sarà anche utile per eliminare l odore sgradevole della frittura che può diffondersi nei vari ambienti di casa nell esternarvi il mio gradimento nell essere vicino a voi sempre in attesa di nuove richieste e sollecitazioni alle quali spero di dare costruttive soluzioni vi saluto dandoci appuntamento al prossimo mese la vostra zia pina leperlediziapina@libero.it la nostra associazione persegue rispettivamente due obiettivi case la gestione di due case-famiglia in roma i cui ospiti sono bambini affetti da gravi patologie curati nelle strutture ospedaliere della città dare risposta al bisogno di normalizzazione dei bambini e delle rispettive famiglie è il primo obiettivo dell associazione che tramite i suoi molteplici volontari lavora per promuovere il benessere dei suoi ospiti sostenendo azioni che migliorino la qualità della loro vita la clown terapia che vede i nostri clown dottori presenti presso i reparti e i day hospital pediatrici del policlinico agostino gemelli policlinico umberto i ospedale s andrea ospedale san pietro ospedale di tivoli ospedale grassi di ostia ospedale di pescara garantendo così l umanizzazione dei processi sanitari ovvero la cura del sorriso i prossimi appuntamenti alla casa di andrea sono la seconda edizione del concorso mille colori più uno per la casa di andrea il progetto che promosso dall associazione in collaborazione con la regione lazio si inserisce nell ambito di una campagna di educazione al senso civico e alla legalità ed è rivolto ai bambini delle scuole materne ed elementari il concerto del 22 maggio tenuto dall associazione no profit 6 corde in cui giovanissimi al di sotto dei 18 anni guidati dal maestro fabio saveri intratterranno gli ospiti con un vivace mix di musiche classiche moderne e rock questi ed altri sono gli appuntamenti organizzati dall associazione per trascorrere e condividere allegre ore in compagnia degli ospiti e dei clown dottori della casa sempre presenti per vivacizzare giornate in nome della solidarietà se vol ete saperne di più visita te il nostro sito www.assandreatudisco.org 14

[close]

p. 15

di michela fabbri fave e pecorino il primo maggio festa dei lavoratori prevede oltre che il meritato riposo anche una dieta a base di fave e pecorino come tradizione romana vuole ma non solo la prova costume si avvicina ma è importante controllare la nostra nutrizione quotidiana per tutelare la nostra salute quindi quale migliore occasione per parlare delle proprietà nutritive di fave e pecorino senza poi accusare troppi sensi di colpa a fine giornata tra i legumi le fave sembrano essere le meno caloriche in passato infatti venivano descritte come l alimento dei poveri o anche la carne dei poveri contengono una grande quantità di proteine ferro pensate che quelle secche ne contengono di piu delle uova fibra apportano quasi 1/3 del quotidiano fabbisogno sali minerali e vitamine grazie all abbondante quantità di ferro le fave sono particolarmente indicate in caso di anemia tuttavia in alcune persone però possono causarla stiamo parlando del favismo gli individui che ne sono affetti possono manifestare anemia emolitica ovvero la rottura dei globuli rossi non solo mangiando le fave ma anche esponendosi semplicemente al loro contatto per questo motivo è importante rendere pubblica la presenza di fave o campi di fave in maniera tale da tutelare i soggetti che hanno tale patologia per questo nei supermercati o mercati di m.speranza che vendono fave è sempre esposto in questo periodo un cartello che avverte la clientela parliamo ora del pecorino romano il pecorino romano è un formaggio italiano d.o.p di latte pecorino a pasta dura cotto e stagionato possiamo distinguere 2 tipi di pecorino da tavola se ha una stagionatura di 5 mesi da grattugia se la stagionatura è da 8 mesi i valori nutrizionali del pecorino romano sono importanti per l apporto di proteine calcio altamente assimilabile vitamine sodio potassio e fosforo i lipidi sono presenti per circa il 33 del prodotto e 100 gr di pecorino apportano circa 400 kcal a questo punto non resta che armarsi di tovaglia fave pecorino un bel pezzo di pane possibilmente senza sale e perché no un bicchiere di un buon vino e buona scampagnata a tutti tor ta per la mamma ingredienti gr.100 di cioccolato fondente gr.60 di burro n.5 uova gr.200 di zucchero gr.25 farina oo gr.25 maizena per decorare gr 70 di burro gr.300 di zucchero a velo 1 bustina di vaniglina 3 cucchiai di panna 6 grosse fragole 2 cucchiai di codette al cioccolato 2 foglie di menta pezzettate il cioccolato e la intanto pulite le fragole tagliatele a fettine nel senso sciatelo fondere dolcemente a della lunghezza bagnomaria lavorate il rimanente burro con la frusta o con un battete con la frusta elettrica i cucchiaio di legno finché sarà soffice unite poco a poco tuorli con lo zucchero finché diventeranno chiari lo zucchero a velo e la vaniglina sempre lavorando e in aggiungete il cioccolato fuso la farina e la maizena ultimo unite la panna battete a neve fermissima gli albumi e aggiungeteli al stendete questa glassa sopra la torta e sui bordi composto mescolando delicatamente dal basso verso distribuite le codette sui bordi e sulla superfice della l alto imburrate e infarinate una tortiera di cm 20 c.a torta escludendo un piccolo cerchio al centro intorno al con bordi apribili e versatevi il preparato cerchio bianco disponete le fette di fragole una vicino fate cuocere in forno precedentemente riscaldato a 160 all altra a mo di corona proseguite disponendo al centro 180° secondo il forno che usate per 45/50 minuti della prima corona altre fragole fino ad esaurimento togliete il dolce dal forno sformatelo con cautela fatelo completare la decorazione con due foglie di menta raffreddare e più facile farla che spiegarla s ti sei perso delle uscite del nostro giornalino o ti manca un numero uscito e vorresti stamparlo ora su internet puoi leggere rileggerle stampare archiviare in in alto al centro c è la voce con il menù a tendina digitale ,ovunque e in qualsiasi momento al sito de il picchio di torresina e i link dei mesi 15

[close]

Comments

no comments yet