Giornalino Ottobre 2015

 

Embed or link this publication

Description

Giornalino Ottobre 2015

Popular Pages


p. 1

ACCADEMIA DELL’INFORMAZIONE CULTURALE RELIGIOSA www.parrocchiacittadella.it Giornalino Foglio interno della parrocchia “San Francesco di Paola” e del gruppo Poeti Nostri di Cittadella del Capo in Comune di Bonifati (CS) OTTOBRE 2015 ____________________________________________________________________________________________________________ Capaci di svegliare il mondo 4 OTTOBRE - SAN FRANCESCO D’ASSISI, PATRONO D’ITALIA Nacque nel 1181-1182 ad Assisi e morì alla Porziuncola il 3/10/1226. Da una vita giovanile spensierata, dopo aver usato misericordia ai lebbrosi, si convertì al Vangelo che visse con estrema coerenza. Nella sua umiltà e povertà ha offerto alla Chiesa “una viva immagine di Cristo”, in particolare del Cristo crocifisso, contribuendo così a “restaurare” la Chiesa del secolo XIII e dei secoli successivi. Dai suoi testi e soprattutto dalla sua testimonianza di vita, sono sorte diecine di istituti maschili e femminili. Luigi Giovannini, ssp Nota = Secondo la tradizione Francesco avrebbe composto a Greccio il presepio, rappresentazione plastica della nascita di Gesù Cristo. Costituita il 29 settembre L’ASSOCIAZIONE “SAN FRANCESCO DI PAOLA” L’assemblea costituente si è svolta nell’oratorio parrocchiale alle ore 19. Presenti il can. don Giovanni Celìa e 33 fondatori. Con delega hanno espresso adesione altre quattro persone. Il sodalizio “si propone di organizzare annualmente i festeggiamenti agostani in onore del Santo Patrono San Francesco di Paola ed altre attività ricreative e di aggregazione per la Comunità nel corso dell’intero anno”. Gli organi associativi sono: Assemblea dei soci; Consiglio direttivo; Presidente; Segretario/Tesoriere; Collegio dei probiviri. Tutte le cariche sociali sono assunte a titolo gratuito. Possono far parte dell’Associazione le persone fisiche che abbiano presentato domanda di ammissione e la cui richiesta sia stata accettata dal Consiglio direttivo. Presidente onorario dell’Associazione è il parroco per disposizione statutaria. La terza pagina di questo Giornalino è riservata all’Associazione San Francesco di Paola” con un articolo del presidente dottor Nello Cretella. “COMITATO FESTA SAN FRANCESCO DI PAOLA CITTADELLA DEL CAPO” (FACEBOOK) Domenica 4 Ottobre celebrata nel capoluogo di Bonifati LA TRADIZIONALE FESTA DELLA MADONNA DEL ROSARIO di Pasquale Filippelli Ricordo che negli anni Cinquanta numerosi fedeli cittadellesi si recavano a piedi alla grande festa del capoluogo bonifatese. Partendo all’alba e percorrendo ogni possibile scorciatoia, si giungeva in piazza e poi nella chiesa verso le ore nove. La giornata si concludeva nel tardo pomeriggio e, allo scendere, noi ragazzi ci fermavamo qua e là per raccogliere qualche grappolo rimasto nelle vigne. La Madonna del Rosario ha suscitato e continua a suscitare profonda devozione soprattutto a Bonifati ma anche a Cittadella. Mi piace riportare qui di seguito un passo del mio libro “Fatti nostri” pubblicato nel 2011, capitolo 34 intitolato “2007: l’anno del 5° centenario francescano”. << Nel quadro delle celebrazioni si sono svolti due memorabili pellegrinaggi, la Peregrinatio Sancti Francisci da Cittadella a Bonifati e contrade (1° agosto e giorni successivi) e la Peregrinatio Sanctissimae Mariae Rosarii da Bonifati a Cittadella dal 21 al 27 settembre. Da noi la venerata statua della Madonna è giunta per mare in ossequio alla diffusa credenza secondo cui anticamente la sacra effigie approdò per miracolo alla costa bonifatese. Per il rientro a Bonifati si è svolta un’affollata processione notturna durata circa due ore e mezza. Sia il momento iniziale che quello finale della peregrinatio mariana sono stati fissati in versi dalla coordinatrice del gruppo Poeti Nostri, Maria Rosaria Marra: 21 Settembre 2007 - Accoglienza alla Marina Giorno splendido, beato, oggi vivere ci è dato, ché Tu santa Mamma bella sei venuta a Cittadella; scendi a noi da Bonifati, dagli antichi e venerati luoghi altani del Santuario, dolce Madre del Rosario; o Madonna di candore, o fulgente nostra Stella, Santa Vergine d’amore, benvenuta a Cittadella!

[close]

p. 2

27 Settembre 2007 - Arrivederci Maria L’altra sera per mare sei venuta Regina, ora Tu devi andare o Stella mattutina; sette giorni passati quaggiù a Cittadella e torni a Bonifati dai figli Madre bella; a ognun lasci nel cuore tanta malinconia, pure ci lasci amore dolcissima Maria; torna ancora fra noi, scendi dal Santuario appena appena puoi Vergine del Rosario. >> Ma torniamo alla festa di quest’anno. Le varie manifestazioni si sono svolte dal 25 settembre al 4 ottobre, devo tuttavia aggiungere che nel pomeriggio di lunedì 5 ottobre ha avuto luogo la processione della statua della Madonna fino alla Casa Famiglia per la celebrazione della Santa Messa. Al termine, processione fino alla chiesa del Calvario dove il simulacro sosterà per tutto il mese di ottobre. In questa chiesa, alle ore 16,30 S. Rosario e S. Messa, alle ore 21 S. Rosario meditato con le famiglie della parrocchia fino al 31 ottobre. Il manifesto dei festeggiamenti, programma religioso e programma civile, recava questo messaggio dell’Amministratore parrocchiale Sac. Mario Barbiero: << Cari fratelli e sorelle, sono lieto di presentare il programma dei festeggiamenti in onore della Beata Vergine Maria del Rosario, nostra Mamma Celeste. Grandi cose ha fatto il Signore per Maria, guardando “all’umiltà della sua serva”, preservandola dal peccato e glorificandola con l’assunzione al cielo. Ella, dunque, è l’immagine di ciò che saremo, se, imitando la sua vita che è stata un pellegrinaggio nella fede, ci sforzeremo in ogni modo affinché avvenga di noi secondo la volontà di Dio. Maria è icona della Chiesa. Dobbiamo nutrire per la Chiesa lo stesso amore che abbiamo per Maria, perché per analogia la Chiesa è nostra madre, e come tale, ci educa alla fede, alla giustizia e alla carità. Con questi sentimenti auguro a tutta la comunità parrocchiale, ai tanti devoti della Madonna di vivere con gioia e intensità questi giorni di festa. Che tutti vogliamo metterci in discussione, vogliamo metterci in cammino e uscire dai nostri schemi, affinché sull’esempio di Maria, ognuno di noi possa rafforzare la fede e aumentare la comunione e l’unità della nostra comunità. Vi benedico, vostro don Mario. Del programma religioso, evidenzio che ogni giorno del novenario si sono svolti nel pomeriggio: alle ore 16,15 confessioni, Santo Rosario, canto delle Litanie e Novena; alle ore 17 Santa Messa. La celebrazione eucaristica è stata presieduta nei giorni feriali da don Giovanni Celìa il 25 settembre (riflessione sul tema: Maria, segno di Speranza per l’evangelizzazione), da don Gianfranco Belsito il 26 settembre (Maria, Madre della Tenerezza), da don Francesco Lauria il 28 settembre (Maria, compagna di chi soffre), da don Michele Coppa il 29 settembre (Maria Stella della nuova Evangelizzazione), da don Generoso Di Luca il 30 settembre (Maria, modello della Chiesa in Uscita), da don Pantaleo Walter Salerno Naccarato il 1° ottobre (Maria, dimora di Dio), da Padre Giuseppe Marongiu il 2 ottobre (Maria, discepola e Maestra della Chiesa), da don Mario Barbiero il 3 ottobre (Maria: Chiesa Trasfigurata). Il 3 ottobre si sono svolti altresì: alle ore 9 Santa Messa al cimitero per tutti i fedeli defunti; alle ore 20,30 processione eucaristica dalla chiesa del Calvario, sulla salvaguardia del creato; alle ore 21 veglia mariana nella Chiesa del Rosario animata dal Gruppo Scout di Diamante. Domenica 4 ottobre (Dies Domini e Festa della Madonna del Rosario): ore 8,30 Santa Messa da don Generoso Di Luca; ore 10,30 Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da don Antonio Pappalardo (al termine la processione per via Rosario, via C. Alvaro e piazza D. Ferrante); ore 12 in piazza Ferrante Supplica alla Madonna del Rosario, con benedizione e consacrazione di tutti i bambini a Maria Santissima: ore 16,30 seconda parte della processione da Chiesa del Calvario per via Roma, Strada Panoramica, piazza Giovanni XXIII, corso Garibaldi e via Carbone, fino alla Chiesa del Rosario; ore 17,30 Santa Messa presieduta dal parroco a ricordo degli emigrati bonifatesi di Argentina e Nord Italia. Per il programma civile, ricordo che: 24 settembre, ore 18 in piazza Ferrante, Teatro dei burattini “Le aquile randagie” a cura dei ragazzi della parrocchia; 2 ottobre, ore 21,30 in piazza Ferrante, Spettacolo musicale con la Cover dei Nomadi “Lo specchio”; 3 ottobre, ore 22 nella Chiesa del Rosario, Ritrovo con i “Giovani talenti di Silvestro Folk” e corteo musicale fino a piazza Ferrante, a cura della Pro Loco di Bonifati; 4 ottobre, ore 8,30, visita dei fedeli al cimitero, con accompagnamento del Complesso Bandistico Città di Nardò (Lecce); ore 18,30 nella Chiesa del Rosario, Concerto Sinfonico eseguito dal suddetto complesso bandistico diretto dal maestro Tatiana Paladino; ore 21,30 in piazza Ferrante, Zero Assoluto in Concerto; ore 24 estrazione dei biglietti, a seguire grande spettacolo pirotecnico di chiusura. Le celebrazioni sono state animate dalla Schola Cantorum della Parrocchia. L’apparato della Chiesa è stato allestito dai Gruppi della Parrocchia. Le processioni del 3 e del 4 ottobre sono state guidate dal servizio d’ordine del “Gruppo Scout Diamante 1”. Il sacrato della Chiesa del Rosario, la piazza Domenico Ferrante e le principali vie del paese sono stati artisticamente illuminati dalla ditta “Sud Alfano Leone” di Saracena (Cs). I fuochi artificiali sono stati eseguiti dalla premiata ditta Forestiero di Buonvicino (Cs). Pasquale Filippelli DAMMI UN’ALA Dammi un’ala per volare lontano… Per incontrare te… Sì ti incontrerò e non farò altro se non quello di contemplare il sorriso dei tuoi occhi, e la gioia nel rivedere il tuo volto… Dammi un’ala ancora… Don Giovanni Celìa da “Sguardi dentro l’orizzonte” 2009 editoriale Progetto 2000 di Demetrio Guzzardi

[close]

p. 3

Terza pagina dell’Associazione “San Francesco di Paola” di Cittadella del Capo per la pubblicazione di documenti e carte varie ____________________________________________________________________________________________________________ L’ASSOCIAZIONE “SAN FRANCESCO DI PAOLA” È REALTA’ Dal 29 settembre ultimo scorso, grazie alla buona volontà di molti, l’Associazione “San Francesco di Paola” è realtà. Ma cos’è questa Associazione che va ad arricchire il già vasto patrimonio Associativo del nostro Comune? Mi piace dirlo riportando integralmente quanto recita lo Statuto agli Articoli 1 e 2. “Art. 1 - È costituita a norma dell’art. 36 del codice civile, un’associazione di volontariato denominata “San Francesco di Paola”. L’associazione non ha fini di lucro. L’associazione ha sede in Bonifati CS, alla frazione Cittadella del Capo presso i locali parrocchiali siti in Piazzale Madonna di Fatima n.2 concessi dal Parroco in comodato d’uso gratuito, a tempo indeterminato, per lo svolgimento delle finalità di seguito elencate. Art. 2 - L’associazione si propone di organizzare annualmente i festeggiamenti agostani in onore del Santo Patrono San Francesco di Paola ed altre attività ricreative e di aggregazione per la Comunità nel corso dell’intero anno. Per il perseguimento di dette finalità l’Associazione si adopererà nell’organizzare esclusivamente i festeggiamenti a carattere civile con riferimento alla processione a mare, alle luminarie, ai fuochi pirotecnici, agli spettacoli, ai giochi, ai concorsi ed alle attività collegate alla realizzazione della festa. È aperta al territorio ed auspica la collaborazione con tutti quei soggetti, singoli o altre Associazioni, che condividano le medesime finalità ed intendano lavorare sinergicamente. Si propone, inoltre, di promuovere la conoscenza del territorio, della sua storia, del folklore e delle tradizioni anche attraverso l’allestimento di mostre, convegni e/o pubblicazioni. Per motivi logistici e di trasparenza, è richiesta la presenza nel Comitato che curerà l’organizzazione della Festa Patronale, di almeno due persone per ciascun Rione. Se, per qualsivoglia motivo, non fosse possibile, il Consiglio Direttivo in piena autonomia sopperirà con l’individuazione di figure altrettanto rappresentative.” Ha preso vita così, nel corso di un’Assemblea costituente, l’associazione “San Francesco di Paola”. Presidente è stato eletto Nello Cretella ed altresì sono stati scelti come Consiglieri i Signori Gaetano De Brasi (Vice Presidente), Enrico Pititto (Tesoriere), Pina Liserre (Segretario), Valentino Fiorillo, Luigi de Francesco, Anna Mazzitelli, Fabrizio Rosina, Annunziato Papa. Naturalmente al Parroco pro tempore, don Giovanni Celia è stata attribuita la carica di Presidente Onorario. Don Giovanni che ringraziamo per la completa disponibilità dimostrata nel voler ricreare armonia e collaborazione in seno alla Comunità tutta e che ha delegato in toto all’Associazione l’organizzazione degli aspetti civili della Festa del Santo Patrono. Il giorno seguente si è riunito il Direttivo per stilare un programma che vede tutti impegnati sin d’ora ad organizzare i festeggiamenti del Santo Patrono e non solo. C’è una grande mole di lavoro per rimettere in piedi una organizzazione complessa ed articolata che vive di volontariato, impegno e dedizione personale. L’entusiasmo è controbilanciato da un esame di realtà che tutti operiamo con consapevolezza, ben consci delle inevitabili difficoltà. A spingerci, ormai è chiaro, è la voglia di ricompattare un Paese che trovi nell’unità e nell’armonia di intenti la voglia di ripartire con un obiettivo comune e condiviso, spinti dalla volontà di recuperare una tradizione che ha fatto sempre da collante poderoso. Lo spirito è quello di riportare al primitivo significato una manifestazione che ha sempre aggregato la Comunità tutta ponendo in essere il superamento di quelle lacerazioni che da qualche tempo hanno caratterizzato l’evento che, pur rimanendo saldo nei sentimenti di tutti, si è progressivamente prosciugato dei contenuti che lo caratterizzavano. Vogliamo mettere in piedi un organismo che sappia e possa riportare la festa a quei livelli che i più anziani di noi ricordano ed i più giovani non hanno mai conosciuto. Festa vuole significare una Comunità che si stringe intorno al suo Patrono e che, al contempo, sa ritrovare una coesione nel rendere speciale, per Cittadella, i giorni di festa. Significa, tra l’altro addobbare di luci il paese, riproporre i giochi che ci hanno appassionato: la corsa, il palo della cuccagna, le gare di nuoto, le regate, la corsa coi sacchi, il torneo di calcio di San Francesco, riproporre i fuochi che richiamavano folle dai paesi viciniori, insomma riunirsi in una festa corale che ci veda tutti partecipi. Vogliamo, inoltre, spingerci ad immaginare un percorso che sia lungo tutto l’anno che veda la Comunità tutta riunirsi in momenti di aggregazione e, perché no, di divertimento. Rinnoviamo l’invito già rivolto a TUTTE le Associazioni a riunirci per costruire insieme un percorso che ci veda affiancati nel ricercare e costruire un programma comune. Un grazie all’Associazione Arcobaleno che sta condividendo con noi i primi passi che l’Associazione San Francesco muove ed all’A. n. m. i. che ha già proposto la sua collaborazione. Aspettiamo tutti gli altri. Abbiamo già iniziato ad elaborare un programma per le festività del Santo Natale che possa contribuire ad esaltarne con iniziative ed eventi che portino la Comunità tutta a condividere momenti di partecipazione e di festa. Un grazie a quanti ci sosterranno in questo cammino ed a quelli che con le loro critiche ci spingeranno a far meglio. Intanto vi comunichiamo che auspichiamo che in tanti decidano di associarsi per meglio condividere e sostenere il percorso che stiamo intraprendendo perché la partecipazione e la collaborazione di tutti è INDISPENSABILE. Un augurio a tutti noi che ciò che immaginiamo possa realizzarsi! Nello Cretella ________________________________________

[close]

p. 4

POETI NOSTRI Si associarono al gruppo (fondato a Cittadella nel 2002 e sin d’allora coordinato da Maria Rosaria Marra) Vincenzo Ierardi, Letizia Nàccari Gagliardi, Francesco Siciliani e tanti altri. Dei suddetti Ierardi, Nàccari e Siciliani riportiamo le seguenti poesie. LA MIA TERRA Ancora dimenticata, terra di ogni sogno. Terra feconda… terra nel cuore della mia vita, dispersa per il mondo. Vincenzo Ierardi Nato nella frazione Cirimarco di Bonifati nel 1955, risiede in Lombardia. La poesia sopra pubblicata è del 2002. VELOCITA’ DEL TEMPO Come il vento è il tempo che passa. Folata di vento è un giorno che passa. Un’ora che passa? Un soffio di vento! La polvere s’alza: è il vento che passa… Poi tutto ricade sulla terra che è bassa… E il tempo che passa ricopre le tracce col vento che ancora la polvere alza, e tutto ritorna nell’onda del tempo che viene e che passa… e una nube di polvere, uno strato di storia ricopre altra storia… Letizia Nàccari Gagliardi Cittadellese, nata nel 1925. Scomparsa a Roma nel 2004. La poesia sopra riportata è del 1983. ALTRE VOLTE TI VOGLIO Nasce da un grande richiamo questa raccolta d’amore. Sento nelle vene di te la passione d’allora. Altre volte fra le mie braccia ti voglio, canta la mia voce al tuo romantico slancio. Dammi il tuo cuore per sempre! Lasciami, dalla libertà di pensieri, trarre diletto da giochi ammalianti. È il nostro tempo fuggente che bramosi ci rende! Francesco (Ciccio) Siciliani Cittadellese, nato nel 1924. Scomparso a Cosenza nel 2012. La poesia su riportata è del 2000. Mio cugino Giacomo Ierardi, onde esaudire un voto fatto assieme a un suo caro amico coetaneo, nel frattempo scomparso, al compimento del 60° anno di età è venuto nell’agosto del 2006 in bicicletta da Varese a Paola percorrendo 1550 chilometri in dodici giorni. Prima di recarsi alla basilica di San Francesco si è fermato nel suo paese di origine dove è stato affettuosamente accolto da numerosi parenti e amici. Ha ricevuto targa, medaglia e pergamena da Comune, Parrocchia, Pro Loco, Gruppo Poeti Nostri e Circolo Culturale. Dall’anziana zia Fidalma Ierardi un bel fascio di fiori, da zio Olindo Ierardi un rinfresco, da me il seguente giocoso componimento: PELLEGRINO CICLISTA È giunto da Varese Ierardi Giacomino, pel Santo calabrese si fece pellegrino. Ei venne in bicicletta, percorse mille miglia, a casa ora l’aspetta sua moglie con la figlia. Il primo dì d’agosto fu giorno di partenza: per voto, ad ogni costo, giù a Paola, Cosenza. Il dodici ha sostato con parenti ed amici al suo paese amato, commossi noi, felici. Da zia Fidalma fiori, rinfresco non da poco da zio Olindo ed allori da Comune e Pro Loco. Dal profondo del cuore grazie, cittadellese, che con massimo onore ti distingui a Varese! Pasquale Filippelli Il 20 settembre scorso a Sangineto 2° MEMORIAL “IGNAZIO GIUNTI” È stata una passeggiata in auto e moto storiche organizzata dal gruppo cittadellese dell’ANMI (Associazione Nazionale Marinai d’Italia) con il patrocinio del Comune di Sangineto e la collaborazione di Pro Loco Sangineto, C.A.M.E.C.S., Club Auto e Moto Storiche di Fagnano Castello, Club Auto d’Epoca di Scalea, Fiat 500 Club Italia di Lamezia Terme. La manifestazione era dedicata all’indimenticabile Ignazio Giunti, ex corridore automobilista di Formula Uno della Ferrari, scomparso in pista moltissimi anni orsono. Claudia e Giacomo Ierardi FRA QUATTRO ANNI LE NOZZE D’ORO Il 27 settembre scorso ho ricevuto con gioia l’e-mail di mio cugino Giacomo che mi ricorda: << 46 anni fa eri a Varese come testimone al ns matrimonio. In tutti questi anni, e sono tanti, ci siamo voluti bene ed io, oltre a ringraziare te, ringrazio anche Dio per avermi dato un cugino meraviglioso come te >>. Naturalmente gli ho risposto di vero cuore, ricordandogli fra l’altro che nel giorno delle nozze a Varese “c’era tanto sole”. Claudia e Giacomo hanno festeggiato stavolta il loro 46° anniversario: complimenti vivissimi, con l’augurio che fra 4 anni possiamo noi tutti abbracciarli affettuosamente per le nozze d’oro. Colgo l’occasione per riportare qui di seguito una pagina della raccolta “Poesie e qualche rimembranza” da me pubblicata nel 2008. Si è improvvisamente involata alla Casa del Padre l’anima eletta di frate ONORATO dei minori di San Francesco d’Assisi. Il pio e colto sacerdote ha spesso visitato in questi anni la parrocchia cittadellese, talvolta per sostituire il parroco assente, talaltra per le confessioni, le celebrazioni eucaristiche e le processioni della settimana santa. Le sue ferme e calorose omelie erano favorevolmente apprezzate dai fedeli. LUTTO IL 10 OTTOBRE A CITTADELLA essendo scomparsi nel suddetto giorno la 76enne MARIA ANTONIETTA BORRELLI vedova IMPIERI, diventata qualche tempo fa cittadellese (via Menotti, rione IV Novembre) allorquando il nostro compaesano Ugo Cairo sposò sua figlia; il 63enne ALDO RUGIERO del rione Greco, che in tempi andati partecipò durante le sagre alle gare di “pastasciutta” e le vinse proprio tutte. Ai membri delle due famiglie le nostre sentite condoglianze.

[close]

p. 5



[close]

Comments

no comments yet