Il primo conflitto mondiale nelle fotografie di Luigi Marzocchi

 

Embed or link this publication

Description

Basato sui materiali dell'archivio del Museo della Battaglia. Di Alex Da Frè.

Popular Pages


p. 1

museonascosto obiettivograndeguerra Il primo conflitto mondiale nelle fotografie di Luigi Marzocchi Percorso didattico bastato sui materiali dell’archivio del Museo della Battaglia Di Alex Da Frè

[close]

p. 2

percorsoapprofondimento L’obiettivo della Grande Guerra La collezione fotografica di Luigi Marzocchi In occasione del centenario, il dibattito sui temi della Grande Guerra sta trovando il giusto e dovuto spazio nei diversi mezzi di comunicazione. Alle nuove pubblicazioni si affiancano sempre più numerosi gli eventi, le conferenze e le giornate di studio dedicate all’evento dal quale prende avvio quel secolo breve così profondamente analizzato nell’opera di Eric Hobsbawm. L’interpretazione e lo studio dell’inutile strage, secondo la definizione contemporanea di papa Benedetto XV, ci è facilitata dalla quantità di testimonianze scritte pervenute fino ai nostri giorni – diari, lettere, memorie, giornali – accanto alle quali troviamo anche un immenso corpo documentale formato dalle fotografie. Il caso che viene qui presentato è quello della “Serie fotografica documentaria sulla guerra italo-austriaca” di Luigi Marzocchi, uno dei membri del Reparto Fotografico del Comando Supremo all’Ufficio Stampa e Propaganda 1, conservata presso il Museo della Battaglia di Vittorio Veneto. Il corpus in questione consta di 3750 fotografie numerate progressivamente e corredate da apposite didascalie: la prima foto ritrae una scena relativa al “ripiegamento” italiano del 24 ottobre 1917 iin seguito allo sfondamento nemico di Caporetto, mentre le ultime foto disponibili (la collezione si arresta al numero 3664) ritraggono le celebrazioni e i momenti di commemorazione che si svolsero nelle settimane successive alla vittoria italiana del 4 novembre 1918. La fotografia come mezzo autonomo Guardare alla guerra attraverso un obiettivo fotografico dà la possibilità di arricchire le conoscenze acquisite attraverso le fonti scritte e permette, soprattutto per le nuove generazioni che crescono in un contesto socio-ambientale profondamente diverso da quello della prima metà del XX secolo, di immergersi con fantasia ma anche con onestà intellettuale nei luoghi e nei panni dei soldati che vissero la Grande Guerra. Tra i soggetti catturati dall’obiettivo di Marzocchi non troviamo soltanto soldati: la guerra non è, infatti, solo uno scontro militare su terreni impervi, ma è un momento storico totalmente nuovo – soprattutto dal punto di vista tecnologico. La fotografia di guerra ebbe un utilizzo simile nei diversi paesi che parteciparono al conflitto. Come termine di paragone basti il caso delle fotografie recuperate nel Kriegsarchiv di Vienna ed analizzate in Inediti della Grande Guerra 2 da Angelo Schwarz. L’accostamento tra questo corpus e quello del Marzocchi può essere facilitato se consideriamo che il periodo in cui sono state scattate le foto è lo 1

[close]

p. 3

obiettivograndeguerra stesso: copre, infatti, i dodici mesi intercorsi tra la battaglia di Caporetto e quella di Vittorio Veneto – che per il Nord-est sarà l’anno dell’occupazione. Tale accostamento di corpora andrebbe meglio presentato come una contrapposizione, in quanto al punto di vista dell’esercito occupante si contrappone quello dell’esercito liberatore. L’elemento comune di fondo è lo scopo per il quale tali foto venivano prodotte: la propaganda. Il giornalista Ugo Ojetti 3, in una lettera inviata all’amico Marzocchi, scrive che La prima propaganda è quella per gli occhi. La propaganda di cui non si dubita e che non si dimentica. Queste poche parole ci fanno capire l’importanza che la fotografia andava assumendo al punto di emanciparsi, nel corso della guerra, come mezzo rappresentativo autonomo e non-mediato 4: ciò avvenne gradualmente, visto che ancora fino al 1915 la fotografia era vista come una fonte pericolosa dal punto di vista militare 5. Bisogna anche considerare come la fotografia fu per molto tempo anche durante la guerra un mezzo elitario, visto che i soldati-fotografi che ci hanno lasciato testimonianze del conflitto 6 erano per lo più ufficiali, nella vita civile borghesi con buone disponibilità economiche. N. 1 - Ottobre ‘17- Pattuglie di cavalleria sulla strada di Sacile durante il nostro ripiegamento di Caporetto La collezione Marzocchi: da Caporetto a Vittorio Veneto Gli 11 album della collezione Marzocchi furono donati al Museo della battaglia dalla figlia Maria Emma nel 1987 assieme ad un’ulteriore quantità eterogenea di materiali, tra i quali va menzionata la serie stereoscopica 7 (che consta di 700 diapositive) 8. Se si esclude il primo album, che contiene per lo più documenti in cui il fotografo ci racconta di come e quando assunse l’incarico nell’Esercito, possiamo contare su dieci album che narrano la guerra italo-austriaca soprattutto attraverso le tre battaglie del Piave. La seconda battaglia merita di essere distinta nella nostra analisi, in quanto punto di svolta della guerra italiana e perciò verrà trattata separa- 2

[close]

p. 4

percorsoapprofondimento tamente dalle altre due, anche per alcuni temi interessanti che ci vengono presentati dalla collezione fotografica. va subito nella ritirata un altissimo numero di perdite in uomini e mezzi; sono testimoniate distruzioni (come quelle di Possagno), abbandoni di centri abitati da parte dei cittadini diventati profughi di guerra, ma anche l’arrivo delle prima truppe inglesi e francesi inviate dagli alleati. Nonostante le foto ritraggano per lo più la tragedia che seguì alla ritirata, non c’è spazio in esse per la disperazione, la rassegnazione o lo sconforto, né dei soldati né dei N. 33 - Ottobre ‘17 - Sacile - Profughi civili La prima battaglia del Piave, chiamata comunemente “battaglia d’arresto”, ebbe luogo tra il 10 novembre e il 27 dicembre del 1917 sul nuovo fronte tra i due eserciti fissato in seguito allo sfondamento austro-tedesco a Caporetto del 24 ottobre. Quella di Caporetto, conosciuta come “disfatta” – a tal punto che ancor oggi il termine è utilizzato per descrivere una pesante sconfitta – è da Marzocchi chiamata “ripiegamento” 9, come si può leggere nella didascalia della prima foto contenuta nell’album n° 2. Le foto che seguono documentano la fase in cui il nemico venne fermato sul Piave dall’eroica resistenza dell’esercito italiano, che ave- N. 79 - Novembre ‘17 - Al Piave civili: ma soprattutto non c’è spazio alcuno per la morte. Su circa 385 foto riguardanti questa battaglia, solo due si riferiscono ai caduti italiani e sette ai morti e ai cadaveri nemici: non è qui inutile rimarcare la distinzione che nel linguaggio delle stesse didascalie si faceva tra i propri soldati, definiti sempre come valorosi caduti, e i soldati nemici. Tale distinzione esisteva anche dal punto di vista visivo. 3

[close]

p. 5

obiettivograndeguerra con il chiaro intento di vendicare l’offesa subita l’anno precedente. N. 81 - Novembre ‘17 - Cadaveri austriaci al Piave I primi non venivano mai ripresi per intero e scoperti, mentre i secondi erano ritratti senza molta vergogna e pudore, anzi: l’uccisione del nemico era un atto eroico, e come tale doveva essere celebrato. La morte di un proprio soldato, invece, è sempre vista come un sacrificio compiuto per la patria, e quindi meritevole del più alto rispetto e decoro 10. La terza battaglia del Piave, conosciuta come “battaglia di Vittorio Veneto”, fu lo scontro decisivo attraverso il quale l’Italia riuscì a liberare il territorio invaso dopo Caporetto e a operare almeno le due conquiste territoriali che avevano maggiormente legittimato l’entrata in guerra nel 1915: Trento e Trieste, le tanto osannate terre irrendente. Il nuovo comandante supremo, Armando Diaz, aveva studiato un attacco attraverso il Piave e l’aveva programmato per il 24 ottobre del 1918, N. 2903 - Civili che catturano prigionieri “La grande offensiva dall’Astico al Piave” è documentata a partire dalla foto 2865 dell’album n° 10 e raccoglie circa 800 scatti: in esse si fa ampio vanto della ritrovata organizzazione dell’esercito, consolidatasi nel corso dell’estate attraverso giochi, manifestazioni, addestramenti e cerimonie di premiazione presiedute sempre da qualche alto esponente militare, soprattutto dal Re o dal Duca d’Aosta. La battaglia risulta decisiva per l’enorme sforzo per mettere in fuga l’esercito nemico: gli effetti degli attacchi italiani sono celebrati da fotografie che immortalano distruzioni e cadaveri nemici. Uno dei temi prevalenti è quello dei prigionieri: i soldati nemici si consegnano agli italiani o vengono catturati non solo dai soldati, ma anche dai civili. 4

[close]

p. 6

percorsoapprofondimento Nel suo diario, in data 30-31 ottobre, Marzocchi si dice rattristato di non essere al fronte in quanto malato 11; dal 1° novembre torna sul campo, diretto al Piave, incontrando enormi difficoltà di spostamento a causa del movimento di truppe e mezzi italiani verso il fronte e del contro-movimento dei prigionieri nemici 12. visioni, addirittura il Ticino in Lombardia. La debolezza del proprio esercito ma soprattutto la ritrovata unità di quello italiano, spalleggiato da truppe inglesi, francesi e dalla divisione ceco-slovacca, risultarono in una battaglia di breve durata che permise l’occupazione temporanea della città di Nervesa e di una parte del bosco del Montello. Ciò che spinse l’esercito austro-ungarico ad attaccare era il disperato bisogno di trovare di che alimentare i soldati: non è un caso che tale battaglia venga chiamata nella storiografia austriaca “battaglia della fame” 13. Nei numeri della Gazzetta del Veneto 14, giornale stampato a Udine durante l’occupazione, non si fa parola delle condizioni dell’esercito occupante nei giorni che precedono la battaglia: l’attenzione è alla situazione italiana e alle- N. 2920 - Il nemico in fuga La battaglia del giugno 1918: la svolta A metà del 1918 ha luogo quella che per gli italiani passa alla storia come la “battaglia del Solstizio”, nome assegnato alla seconda battaglia del Piave da Gabriele D’Annunzio, allora attivissimo protagonista di singolari e avventurose imprese come la “beffa di Buccari” e del “volo su Vienna”. Tra il 15 e il 23 giugno gli Austriaci scatenarono un attacco che aveva l’obiettivo di sfondare la linea del Piave e raggiungere, nella più ottimistica delle pre- N. 1161 - 15 giugno ‘18 - L’apparecchio austriaco appena abbattuto presso S. Floriano (Piave) 5

[close]

p. 7

obiettivograndeguerra ata, caratterizzate dal dibattito in vista del possibile attacco austro-ungarico 15. Questo guardare agli altri più che a se stessi era un procedimento molto comune nella stampa di guerra – un ottimo esempio italiano è il giornale di trincea La Tradotta 16. Dalla foto 1146 (album n° 4) in poi Marzocchi inizia a documentare l’offensiva austriaca; i primi scatti riguardano per lo più i feriti italiani e, man mano che si prosegue, i prigionieri nemici. Immortalare in gran quantità i nemici catturati serve, sempre con finalità di propaganda, a trasmettere l’immagine gloriosa ed eroica del proprio esercito, anche perché (e non è poco) i prigionieri sono un’ottima carta da giocare durante le trattative di pace. Una breve serie di foto, invece, riguarda una particolare conquista, ovvero l’abbattimento di un velivolo nemico e la cattura del suo pilota (ne vengono riprodotte due a pag. 5 e 6). Il tema dell’aviazione è molto forte durante questa battaglia. Non è un caso, infatti, che il più noto cavaliere dell’aria italiano, Francesco Baracca, venga abbattuto il 19 giugno nei cieli di Nervesa, a ridosso del Piave. Gli assi dell’aviazione in guerra avevano conquistato una fama enorme grazie al fascino che il volo da sempre esercita sull’uomo: molti tra i primi piloti provenivano dai reparti di cavalleria (Baracca era sottotenente) e per questo venivano definiti cavalieri, e le vittorie venivano tenute in conto con grande precisione in una sorta di “duello”, la cui classifica veniva sempre aggiornata. Sono numerose anche le immagini riguardanti i momenti di riposo delle truppe dopo faticosi scontri, oppure in vista di essi. Ritorna il tema del valoroso caduto. Da notare tra le novità ritratte dal Marzocchi gli scatti dedicati ai nuovi reparti degli arditi 17. N. 1157 - 15 giugno ‘18 - Un ufficiale aviatore austriaco appena abbattuto con il suo apparecchio e fatto prigioniero N. 1216 - 17 giugno ‘18 - Montello (Piave) Un reparto di arditi avvista una pattuglia austriaca 6

[close]

p. 8

percorsoapprofondimento portò alla costituzione, nel maggio del 1918, di 27 reparti. Anche la figura dell’ardito aveva (o si tentava di evidenziarla strumentalmente) un’aura particolarmente potente: il soldato incurante del pericolo, sempre pronto all’azione, mai incline a pensieri disfattisti. L’ardito incarnava l’ideale di soldato che la propaganda utilizzava al fine di consolidare il morale delle truppe ricostituite e rigenerate dall’arrivo al Comando Supremo di Armando Diaz. Cent’anni dopo: la pubblicità come guerra di immagini Cercando di presentare il tema della fotografia di guerra, e nello specifico il corpus che arricchisce il Museo della Battaglia, si è spesso inciampati nel tema della propaganda. Parola non facile da inquadrare e, soprattutto per i più giovani, spesso sconosciuta. Chiedendo agli studenti che partecipano alle attività del museo con quale mezzo si possa fare attività di promozione della guerra cento anni fa, la parola più ricorrente non è propaganda, ma pubblicità. Come mai? Basta una semplice constatazione generazionale: in maniera lieve, ma progressivamente più massiccia, le persone nate dagli anni Ottanta in poi sono cresciute con la televisione, rimanendone, chi più chi meno, influenzate nei modi di dire, di pensare, di reagire, etc. È vero, la televisione si è diffusa ormai da più di mezzo secolo, però quella com- N. 1223 - 17 giugno ‘18 - Un valoroso caduto e soldati che riposano un poco Il reparto degli arditi che si era andato costituendo all’inizio del 1917 fu oggetto, dopo Caporetto, di una pesante riorganizzazione che 7

[close]

p. 9

obiettivograndeguerra merciale è la figlia più giovane che da essa ha preso vita. La pubblicità come mezzo per trasmettere un messaggio, per lo più riguardante gli acquisti e le novità del progresso tecnologico, sembra un ottimo punto attraverso il quale tentare un’attualizzazione della tematica qui analizzata. Bombardare di immagini il fruitore di un servizio è il modo più semplice per influenzarlo; la pubblicità non è più un intervallo di una trasmissione, di un film o di un evento sportivo, ma ne è ormai l’anima. E con il libero commercio e la concorrenza, si assiste a una vera e propria guerra, nel senso di scontro, di tentativi di prevalere, di avere un impatto maggiore e, spesso, anche di creare o suscitare scandalo. Cento anni fa, la fotografia iniziò progressivamente a emanciparsi venendo preferita alle produzioni grafiche di abili pur pittori per affiancare lo strumento di comunicazione per eccellenza: la parola. Raccontare la guerra sui giornali diventava in qualche modo più semplice se si poteva disporre di immagini che la ritraessero. È lecito però supporre che anche il soggetto di una foto dipenda dall’animo del fotografo, ma una volta catturata l’immagine è difficile apportarvi modifiche. La foto 1223 (sopra riportata) ci sembrerebbe oggi una foto scomoda da far circolare, in quanto ritrae un soldato morto, i suoi commilitoni stremati e un ambiente, la trincea, in cui prevalgono lo sporco e la desolazione. Oggi non useremmo mai un’immagine come questa per pubblicizzare un prodotto. E invece la foto 1223 compie il suo intento propagandistico nel rappresentarci il valoroso caduto, i soldati in un breve riposo e un ambiente sì difficile, ma che non ha alcun effetto deprimente sulla tempra dei nostri uomini 18. Più ci si distacca dagli avvenimenti del passato, più questi sembrano non far parte della nostra vita: ed è qui che sta un grave errore umano. Si dimentica il passato, o lo si celebra spesso senza averlo analizzato. La Grande Guerra ha avuto un impatto enorme sulla società del tempo, ma i suoi effetti sono forti ancor oggi, rimarcati pesantemente dalla Seconda Guerra Mondiale. Molte cose che ai nostri occhi oggi risultano banali, al tempo erano delle novità eccezionali; gli usi e i fini di queste novità, però, sono spesso simili a distanza di intere generazioni. Keywords: Fotografia, Grande Guerra, Luigi Marzocchi, Propaganda, Piave, Museo della Battaglia. 8

[close]

p. 10

percorsoapprofondimento Note Per la nascita e le successive ristrutturazioni dei reparti fotografici nell’Esercito italiano si veda Stefano Mannucci, La Grande Guerra fotografata (in http://www.academia.edu/7102512/La_Grande_Guerra_fotografata) 2. Corni, Gustavo, Bucciol, Eugenio e Schwarz, Angelo: Inediti della Grande Guerra. Immagini dell’invasione austro-germanica in Friuli Venezia Giulia e Veneto, Portogruaro, Nuova Dimensione, 2008, pp. 251-267. 3. Partecipò alla guerra col grado di Tenente e fu tra i promotori dell’Ufficio Stampa e Propaganda. 4. La rappresentazione pittorica era ancora molto utilizzata sulla stampa, nonostante già dalla fine del XIX secolo si potessero stampare fotografie su supporti cartacei; nel caso italiano sono famose quelle di Achille Beltrame per La Domenica del Corriere. Durante il conflitto invece, secondo Siegfried Mattl, “nella propaganda di guerra la fotografia praticamente soppianta la pittura, ma rimane da questa influenzata nel modo di dirigere lo sguardo sul soggetto e nella messa in scena delle cosiddette scene drammatiche” (Mattl, Siegfried, “Lo sguardo del combattente. Fotografia, film e media durante la Prima guerra mondiale” in Calì, Vincenzo, Corni, Gustavo e Ferrandi, Giuseppe (a cura di): Gli intellettuali e la Grande Guerra, Il Mulino, Bologna 2000, p. 83). 5. Sulla funzione della fotografia si veda Hilary Roberts, “Photography” in 1914-1918-online. International Encyclopedia of the First World War. Il punto di svolta del 1915 fa riferimento soprattutto allo sfruttamento da parte dello Stato di fotografie erse pubbliche dal nemico; esemplare il caso inglese con le fotografie tedesche in Belgio. 1. E proprio per questo molte foto rispondono spesso ad un gusto “borghese”: ritratti paesaggistici e gruppi di soldati che quasi raccontano la guerra come un’esperienza esotica. 7. La tecnica della stereoscopia consisteva nella visualizzazione attraverso un apposito strumento di due diapositive per creare l’effetto di tridimensionalità. 8. Non appena finita la guerra, Marzocchi fonda a Milano “La Stereoscopica”, attraverso la quale tenta, con scarsi risultati, di mettere in commercio le sue riproduzioni e i suoi apparecchi per “dare ai combattenti che ritornavano a casa e alle loro famiglie un ricordo vivo dei luoghi, delle scene ed episodi della guerra”. A differenza delle stereoscopie, per le fotografie Marzocchi non parla di un vero e proprio tentativo di commercializzazione, nonostante spieghi nell’album n° 1 che “la raccolta di stampe e ingrandimenti fotografici fu regolarmente acquistata e concessa a me stesso dal competente ufficio del Comando Supremo anche in riconoscimento dei servizi speciali prestati durante l’intera guerra”. 9. Nel suo diario di lavoro Marzocchi si riferisce a Caporetto con i termini “sfacelo”, “mostruosa”, “orribile” e “disastro”. I diari di lavoro e gli appunti sono anch’essi custoditi dal Museo della Battaglia. 10. Sul tema dei caduti, la loro rappresentazione e commemorazione, si consiglia la lettura dei testi di George Mosse e Jay Winter proposti nella bibliografia. 11. «Se io mi fermo, buonanotte suonatori!» scrive il Marzocchi nel diario, sottolineando il bisogno di movimento e di lavoro. 12. «Questi sono mal messi, seri, taciturni», secondo le parole del suo diario. 6. 9

[close]

p. 11

obiettivograndeguerra Le pessime condizioni dell’esercito austro-ungarico erano aggravate dal blocco europeo. 14. In quei giorni gli articoli del giornale contenevano, come spesso accadeva, notizie tratte dai giornali italiani, anche per sottolineare la propria presunta oggettività. Si veda il percorso di approfondimento curato da Giuliano Casagrande. 15. Nell’aprile del 1918 era scoppiato il cosiddetto “Affare Sisto”, quando vennero rese pubbliche le carte che testimoniavano il tentativo operato dall’Imperatore Carlo I di intercedere presso gli Alleati in favore della pace attraverso il cognato Sisto di Borbone. Il Kaiser Guglielmo non perdonerà questo oltraggio, obbligando l’Austria-Ungheria all’offensiva di giugno, contemporanea a quella tedesca sul fronte francese. 16. Si guardava ancor di più alla situazione del nemico specie dopo una battaglia vittoriosa: è il caso del n° 12 del 4 luglio 1918 di questo giornale, in cui viene schernito l’Imperatore Carlo che, come un bimbo, ha perso il suo esercito. Si veda il percorso di approfondimento curato da Francesco Frizzera. 17. Gli Arditi erano il reparto d’assalto dell’esercito italiano, istituito sul modello delle Sturmtruppen germaniche (per approfondire si veda la voce di Riccardo Fortunato in http://www.cimeetrincee. it/arditi.htm). 18. Foto di questo tipo, e altre ancora più cruente, saranno utilizzate dal pacifista tedesco Ernst Friedrich in Guerra alla Guerra, pubblicato nel 1924, in cui sono raccolte le immagini della “vera guerra”, quella che i mezzi di allora avevano nascosto o strumentalizzato a fini di propaganda ed esaltazione dello spirito patriottico. 13. Bibliografia Calì, Vincenzo, Corni, Gustavo e Ferrandi, Giuseppe (a cura di): Gli intellettuali e la Grande Guerra, Bologna, 2000; Carmichael, Jane: First world war photographers, London, 1989; Corni, Gustavo, Bucciol, Eugenio e Schwarz, Angelo: Inediti della Grande Guerra. Immagini dell’invasione austro-germanica in Friuli Venezia Giulia e Veneto, Portogruaro, 2008; Friedrich, Ernst: Guerra alla guerra. 1914-1918: scene di orrore quotidiano, Milano, 2004; Mosse, George L.: Le guerre mondiali. Dalla tragedia al mito dei caduti, Bari, 1990; Roberts, Hilary: Photography, in: 1914-1918-online. International Encyclopedia of the First World War, DOI: http://dx.doi.org/10.15463/ie1418.10142 Winter, Jay: Il lutto e la memoria. La grande Guerra nella storia culturale europea, Bologna, 1998; http://www.cimeetrincee.it (per informazioni bibliografiche ed enciclopediche) http://www.academia.edu (per il saggio di Stefano Mannucci) Ultima visualizzazione dei siti: 01/10/2015 Tutti i materiali riprodotti in questo approfondimento provengono dall’Archivio del Museo della Battaglia di Vittorio Veneto. 10

[close]

p. 12

percorsoapprofondimento giornalitrincea percorso di approfondimento ‘L’obiettivo della Grande Guerra’ di Alex Da Frè impaginazione Elisa Corni Museo della Battaglia Piazza Giovanni Paolo I, 84 31029 Vittorio Veneto (TV) Tel.: +39 0438 57695 Comune di Vittorio Veneto Museo della Battaglia

[close]

Comments

no comments yet