unagrago.info 4

 

Embed or link this publication

Description

unagraco.info.4

Popular Pages


p. 1

Convegni e appuntamenti UNAGRACO per discutere e appoggiare le proposte di riforma processuale ANNO I- numero 4 - Settembre 2015 La “parziale” riforma del processo tributario

[close]

p. 2

UNAGRACO in prima linea con convegni e incontri per promuovere le proposte di modifica Il nostro contributo alla riforma del processo tributario di Giuseppe Diretto La strada del cambiamento è costellata di tasselli che insieme vanno a formare il grande mosaico delle riforme. Siamo a buon punto ma si può fare ancora di più. La riforma del processo tributario di cui al D.lgs. 546/1992, introdotta dal decreto legislativo licenziato nei giorni scorsi dal Consiglio dei Ministri in attuazione della delega concessa con l’art.10 della legge 23/2014, presenta numerose novità. L’obiettivo primario è quello di incentivare e potenziare gli strumenti deflattivi del contenzioso tributario al fine di consentire al contribuente una maggiore trasparenza e possibilità di difesa dinanzi al fisco. La richiesta di riforme e proposte avanzate negli anni ha fatto rumore, tanto da spingere ad una riforma del Processo Tributario, sfociata nel Decreto Legislativo in questione. Nonostante la riforma non abbia adempiuto in totalità alle richieste avanzate, modifiche sostanziali si sono riscontrate, specie sugli strumenti di conciliazione, ricorso e mediazione. La “conciliazione tributaria”, ossia l’accordo tra le parti in lite all’interno del processo tributario, viene disciplinata distintamente a seconda che si tratti di conciliazione in udienza o fuori udienza, con l’estensione al secondo grado di giudizio. Le sanzioni potranno essere ridotte al 40% se l’accordo avviene al primo grado di giudizio e ridotte al 50% se l’accordo avviene al secondo grado; in entrambi i casi le percentuali si applicheranno tenendo conto del minimo previsto dalla legge. La riforma prevede il perfezionamento della conciliazione con la sottoscrizione dell’accordo (conciliazione fuori udienza) o con la Giuseppe Diretto UNAGRACO.INFO Editore Giuseppe Diretto Direttore Responsabile Alessia De Pascale Redazione: Via Guido Dorso,75 - Bari ANNO I - N.4 - Settembre 2015 Registrazione N.REG.Stampa 29 3963/2014 16/10/2014 Tribunale di Bari Distribuzione gratuita redazione del processo verbale a seguito di istanza proposta per la definizione di somme dovute, termini da rispettare e modalità per esplicitare il pagamento. Accogliendo con maggiore interesse le richieste del contribuente e volendo spingere verso l’utilizzo di appositi strumenti deflattivi, il legislatore ha previsto il pagamento delle spese del processo dalla parte che rifiuta la proposta di conciliazione senza giustificato motivo. Nel caso in cui si raggiunga l’accordo, le spese saranno compensate. Come anticipato, anche l’istituto del reclamo e della mediazione hanno subito modifiche. L’estensione della procedura a tutti gli atti impositivi, compresi quelli relativi agli agenti della riscossione, non superiori ai 20 mila euro, esclusi interessi e sanzioni, rappresenta il traguardo più importante. Indipendentemente dall’ente impositore tale istituto potrà essere applicato, comprendendo quindi anche le controversi degli enti locali. Il reclamo viene esteso anche alle controversie catastali (classamento, rendite, ecc.) che a causa del valore indeterminato ne sarebbero state escluse. Il ricorso sarà improcedibile prima dei 90 giorni dalla notifica di reclamo e mediazione, prendendo in conside- 2 UNAGRACO.INFO

[close]

p. 3

razione anche la pausa estiva. A differenza della conciliazione, per la mediazione le sanzioni saranno applicabili nella misura del 35% del minimo previsto dalla legge (per i contributi previdenziali e assistenziali non sono applicabili né sanzioni né interessi). Si nota pertanto che il lavoro più importante è stato svolto, soprattutto con riguardo all’immediata esecutività delle sentenze aventi ad oggetto l’impugnazione di un atto impositivo, oppure un’azione di restituzione di tributi in favore del contribuente e, quelle emesse su ricorso della parte avverso gli atti relativi alle operazioni catastali. Considerando la già grave situazione in cui versano i contribuenti, l’esecutività delle sentenze favorevoli all’Amministrazione continuerà per mezzo della riscossione rateale. In quest’ottica, fondamentale risulta il ruolo rivestito dalla nostra associazione che sta contribuendo a raggiungere l’agognato obiettivo della semplificazione: circa un anno fa, infatti, il coordinamento delle associazioni sindacali ha presentato un documento con alcune proposte proprio al Sottosegretario all’Economia Zanetti. Nella stessa direzione anche il Consiglio Nazionale che sta partecipando ad un tavolo con il MEF ed ha presentato recentemente delle proposte per la semplificazione. Siamo fiduciosi che si raggiunga quanto prima questo traguardo nell’interesse non soltanto dei professionisti ma anche delle imprese. * Presidente Nazionale UNAGRACO L’intensa collaborazione tra l’avv.Villani, l’UNAGRACO, le Istituzioni e gli importanti incontri svolti in tutta Italia, sono stati “ L’obiettivo è quello di necessari per raccogliere idee, iniziative e potenziare gli condivisioni, nuove e fondamentali per le strumenti deflattivi proposte di ampliamento del processo tributario.Sostanziale la ricerca e la dediziodel contenzioso ne dell’avvocato Villani e dell’Unione, per tributario l’operato svolto, avendo spinto in prima linea per una maggiore uguaglianza del per una maggiore difesa contribuente dinanzi al fisco. dinanzi al fisco” Tante sono ancora le procedure da migliorare e perfezionare nell’ambito del processo tributario, prima fra tutte dovrebbe essere sicuramente, attentamente valutata, l’esigenza di affidare l’organizzazione e la gestione dell’intero processo tributario ad un organo terzo estraneo e poco coinvolto per una trasparente difesa del contribuente. Una nuova stagione di convegni ci attende (Olbia, Frosinone e Bari il prossimo novembre), che per l’UNAGRACO rappresentano fondamentali momenti di confronto in cui verranno analizzate tutte le modifiche approvate e saranno condivise con i colleghi ulteriori richieste da avanzare per il miglioramento del provvedimento in discussione. Un ulteriore appuntamento importante in programma è l’approvazione da parte del ministero dell’Economia e della Finanza della tanto attesa semplificazione. Le proposte diventano in questa fase una risorsa fondamentale e il nostro compito di sostenerle e portarle avanti, dando una effettiva mano alla tanto paventata ripresa economica del Paese, è a dir poco decisivo. Per farlo, però, è indispensabile e non più procrastinabile una vera semplificazione del nostro sistema fiscale e normativo che vada di pari passo con stabilità e certezza del diritto, che dissipi tutti i dubbi interpretativi e acceleri meccanismi intoppati e lenti, traducendosi in meno contenziosi, costi ridotti e rapporti finalmente più distesi tra fisco e contribuenti. Siamo chiamati come professionisti a fare nuovamente da collante per creare un equilibrio comune tra le imprese italiane, le attività commerciali, i cittadini, la politica e l’amministrazione. UNAGRACO.INFO 3

[close]

p. 4

Delega fiscale, la parziale riforma del processo tributario di Maurizio Villani* L’Avv. Maurizio Villani Il Consiglio dei Ministri del 4 Settembre 2015 ha approvato in seconda lettura il decreto legislativo di parziale riforma del processo tributario alla luce dell’art. 10 della legge delega n. 23 dell’11/03/2014 (in G.U. n. 59 del 12/03/2014). Le modifiche processuali introdotte recepiscono molte proposte avanzate da oltre trent’anni e che tendono a mettere su un piano di perfetta parità processuale il fisco ed il contribuente, che non ha, oggi, la possibilità di potersi difendere efficacemente con i limiti istruttori attuali (come, per esempio, il divieto della testimonianza e del giuramento). Nel progetto di legge, altresì, è previsto che la gestione e l’organizzazione del processo tributario sia affidata al Ministero della Giustizia o alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, sottraendola, come è oggi, al Ministero dell’Economia e delle Finanze, che è una delle parti in causa e che ha interesse a limitare gli strumenti difensivi del contribuente per costringerlo a conciliare subito in primo grado ed a pagare nel più breve tempo possibile. Questa proposta organizzativa per il momento è stata accantonata e spero che possa essere oggetto di riesame ed analisi nella seconda fase di riforma generale del processo tributario, che dovrebbe avvenire entro la fine del 2015. In ogni caso, sono da condividere le principali modifiche processuali intervenute, che praticamente riprendono alcune iniziali proposte fatte quindici anni fa e che si riferi4 scono, in particolare, ai seguenti istituti processuali: - possibilità di conciliare le cause anche in appello e Cassazione; - possibilità di sospendere il processo tributario quando pendono altri processi collegati, ai sensi dell’art. 295 c.p.c.; - condanna sempre alle spese processuali, in quanto la compensazione deve essere un caso eccezionale e per specifici motivi da evidenziare in sentenza; - possibilità di condanna per lite temeraria alle parti, compresi gli uffici fiscali, che intraprendono un giudizio che sanno essere perdente o dilatorio; - possibilità di ottenere la sospensione dell’esecuzione delle sentenze anche in appello ed in Cassazione; - esecuzione immediata della sentenza per tutte le parti in causa, nel senso che l’ufficio fiscale deve sempre procedere al rimborso anche se impugna la sentenza. Queste ed altre modifiche processuali sono contenute nel nuovo decreto legislativo, che provvedo a sintetizzare nel modo seguente: 1. i contribuenti potranno difendersi da soli in Commissione Tributaria per le controversie di valore pari a 3.000 euro; 2. le spese del processo devono sempre seguire la soccombenza; 3. risarcimento del danno per lite temeraria nei confronti della parte soccombente; UNAGRACO.INFO

[close]

p. 5

4. le comunicazioni sono effettuate mediante uso di pec; bero state escluse. Dal punto di vista soggettivo il reclamo 5. l’istituto della mediazione è applicabile a tutti gli atti è esteso a Equitalia e ai concessionari della riscossione. Lo impositivi (non solo quelli dell’Agenzia delle Entrate ma strumento della conciliazione si applica anche al giudizio di anche dell’Agenzia delle Dogane, degli Enti Locali e dell’A- appello (fino ad ora riguardava solo le cause di primo grado). gente della Riscossione) di valore sino a 20.000 euro riferito La tutela cautelare viene estesa a tutte le fasi del processo alla sola imposta, esclusi gli interessi e le sanzioni; tributario. Ciò comporta che il contribuente può sempre 6. la mediazione non preclude più la richiesta di conciliazione chiedere la sospensione dell’atto impugnato in presenza giudiziale; di un danno grave; le parti possono sempre chiedere la 7. nella mediazione le sanzioni si riducono al 35% del minimo sospensione degli effetti della sentenza, sia di primo grado edittale; che di appello, analogamente a quanto previsto dal codice 8. è introdotta la sospensione del processo quando i giudici di procedura civile. tributari devono decidere e risolvere una controversia dalla cui definizione dipende la decisione di altra Sono, però, necessarie ulteriori ed importanti causa, ai sensi e per gli effetti dell’art. 295 modifiche, quali: del Codice di Procedura Civile; - la gestione ed organizzazione del processo 9. la conciliazione giudiziale, sia in udienza Il decreto approvato a affidata ad un organismo terzo diverso dal che fuori udienza, è ammessa anche in dell’Economia e delle Finanze, settembre 2015 è un Ministero appello, esclusa la causa in Cassazione, con quale il Ministero della Giustizia o la Presila riduzione delle sanzioni al 40% nei primi denza del Consiglio dei Ministri; primo passo per due gradi; - la possibilità per il contribuente di potersi risolvere 10. la tutela cautelare è ammessa per tutti e difendere senza limiti istruttori, potendo tre i gradi del giudizio (Commissione Tribualcuni problemi del utilizzare le testimonianze ed i giuramenti; taria Provinciale, Regionale e Cassazione); la possibilità di poter conciliare anche duprocesso tributario 11. le sentenze delle Commissioni Tributarante il ricorso per Cassazione; rie Provinciali e Regionali sono immediata- escludere la possibilità, in caso di mancata mente esecutive, per cui i rimborsi fiscali riassunzione del processo, di dover pagare devono subito essere fatti al contribuente per intero l’importo indicato nell’atto oggetto vittorioso. del giudizio invece di fare riferimento al pronunciamento dell’ultima sentenza. Il Decreto Legislativo approvato venerdì 4 Settembre 2015 è un primo passo per risolvere alcuni problemi del processo È questo l’auspicio per il futuro per mettere concretamente tributario e da questo punto di vista è da accogliere positiva- sul piano di perfetta parità processuale il contribuente-citmente, perché è stato ulteriormente precisato quanto segue: tadino (con il suo difensore) ed il fisco. - l’immediata esecutività delle sentenze riguarda quelle aventi ad oggetto l’impugnazione di un atto impositivo, oppure un’azione di restituzione di tributi in favore del contribuente e, dopo il parere delle Commissioni parlamentari, anche quelle emesse su ricorso della parte avverso gli atti relativi alle operazioni catastali. È questa la principale novità del provvedimento; - per quanto riguarda l’esecutività delle sentenze in favore dell’Amministrazione, resta il meccanismo della riscossione frazionata del tributo per non aggravare la situazione dei contribuenti. Per l’immediata esecutività delle sentenze a favore del contribuente, per pagamenti di somme superiori a 10.000 euro, può essere richiesta idonea garanzia il cui onere graverà comunque sulla parte che risulterà definitivamente soccombente nel giudizio; - per ridurre il contenzioso tributario viene potenziato lo strumento della mediazione che attualmente riguarda solo gli atti posti in essere dall’Agenzia delle Entrate con valore non superiore ai 20.000 euro. Con il presente decreto il reclamo finalizzato alla mediazione si applica a tutte le controversie, indipendentemente dall’ente impositore, comprese quindi quelle degli enti locali. Il reclamo viene esteso anche alle controversie catastali (classamento, rendite, ecc.) che a causa del valore indeterminato ne sareb* Avvocato tributarista UNAGRACO.INFO 5

[close]

p. 6

L’etica nella contabilità e la professione a confronto di Ariet MALAJ * etico dei professionisti contabili deve essere parte integrante dell’attuazione delle azioni e delle riflessioni contabili secondo gli standard e armonizzati fra essi. I processi di trasformazione della società albanese dal socialism all’economiadi mercato, hanno posto di fronte alla generazione di quel tempo la necessità di effettuare delle profonde riforme anche nel campo della contabilità. L’evoluzione della contabilità da noi è stata organicamente collegata alla stessa evoluzione della società in generale. Questo si esprime nel ruolo assunto dalla contabilità nella vita delle unità economiche, nei modi e mezzi dell’elaborazione dell’informazione economica e finanziaria ad esse collegate. Di anno in anno anche l’oggetto della contabilità si è evoluto e la sua funzione è divenuta quella di fornire informazioni all’unita’ economica in modo da farle prendere ulteriori decisioni. Negli ultimi anni le modifiche legali e metodologiche sono profondamente cambiate. La molteplicità delle unità economiche, i liberi rapporti dell’economia di mercato, si sono diretti verso i rapporti delle unità economiche con i suoi partners interni ed esteri e in generale nell’ambiente dove essa vive. Questo ambiente non può vivere senza la professione contabile, che ha avuto e continua ad avere alle sue fondamenta il servizio etico verso l’interesse pubblico. Questo servizio include quattro elementi base che sono la legge, l’educazione, la trasparenza e la disciplina. L’etica professionale e l’applicazione dei suoi codici nella contabilità I servizi di contabilità hanno un ruolo molto importante nella buona gestione degli elementi patrimoniali nelle unità economiche private o pubbliche. Questa funzione non può essere esercitata senza stabilire e rispettare alcune minime regole, che hanno alla loro base importanti principi morali, etici, professionali e logici. La contabilità è l’arte del servizio e dell’informazione e questo ovviamente richiede un forte legame tra la contabilità e la qualità del prodotto che essa offre. Ai giorni nostri è cresciuta l’intensità dell’informazione contabile come pure si è ampliato lo spettro del suo utilizzo. Internet ha reso più veloci le decisioni e le azioni, grazie alla precisione e alla velocità della produzione e della diffusione dell’informazione contabile. Ma allo stesso tempo è aumentato anche il rischio della frode, della deformazione e della e dell’imprecisione dell’informazione. In queste circostanze i suoi servizi sono inconciliabili con la deformazione, il suo cattivo utilizzo, la disinformazione e la frode. Questo richiede la conoscenza e l’applicazione dei codici etici da parte dei professionisti contabili. Ariet MALAJ Partita come aiuto nell’interesse pubblico per l’importante ruolo svolto nello sviluppo economico, la professione contabile in vari paesi del mondo ha conosciuto un progresso ed un avanzamento continuo. Oggi, da un lato i servizi contabili coprono un ampio campo di operatività, di perizia e specializzazioni, dall’altro lato, chi svolge questa professione può lavorare nel pubblico, in grandi aziende oppure come professionista libero. In reltà, attualmente si sente la mancanza di una regolarizzazione della professione contabile autonoma che da origine a molta confusione. Che il contabile professionista dia servizi di una qualità superiore e coerente all’interesse del pubblico, è cosa appurata: egli deve studiare e rispettare i parametri etici del rapporto secondo gli Standard del Rapporto Finanziario e dell’Audizione previsto dalla Legge nr. 9228 del 29/04/2994 “Per la contabilità e i prospetti finanziari”, modificata. Questo influenzerà in un senso più giusto l’informazione contabile e l’etica che portano ad una nuova qualità del rapporto finanziario. La sistemazione della professione contabile deve tener conto per un periodo di medio termine della cultura giuridica e professionale, della possibilità che i professionisti prendano partr ad un organismo professionale non per fini di lucro, ma in un’ottica di sviluppo e tutela degli interessi della professione. Il codice 6 UNAGRACO.INFO

[close]

p. 7

L’essere professionale e la morale La professione è una capacità o un’abilità e rappresenta l’insieme delle cognizioni e del talento rendendo l’individuo competente in uno o più campi determinati. Una professione serve al benessere generale in una società complessa. Il benessere generale si può ottenere solo stabilendo le responsabilità. Ma durante l’esercizio delle varie professioni vengono fuori alcuni interrogativi sul rapporto tra professione e morale. A questi interrogativi danno risposte i codici etici professionali. L’etica e la sua importanza passa anche attraverso la contabilità che deve prevenire le crisi. Nella loro quotidiana pratica i contabili devono conoscere questi codici per loro distinguibili: il codice che stabilisce le regole per evitare il conflitto di interessi, il codice che spiega le giuste azioni e quelle sbagliate, quello che spiega gli obblighi dell’unità economica verso la contabilità e che permette gli interessi dell’unità in relazione allo Stato o alle altre istituzioni autonome. Il codice della gestione professionale della contabilità pubblica Questo codice tratta i principi del comportamento e le regole specifiche della professione del contabile. Questo serve come manuale base per i professionisti contabili. Il codice L’etica si riferisce agli ideali e alle aspirazioni, come pure specifica 3 rapporti nei quali le contabilità hanno responalle regole del comportamento. Essa esprime l’insieme dei sabilità etiche, col pubblico, coi clienti e coi colleghi. principi che ordinano il comportamento dell’individuo o di Diversamente dalle altre professioni, che hanno una primaun determinato gruppo di persone. I professionisti occupano ria responsabilità verso i clienti, la prima responsabilità della un posto importante nella società moderna, essi prendono contabilità è verso il pubblico. I principi del codice di etica decisioni che incidono sulla vita di molte persone. I loro orientano come segue: durante l’esercizio della professione servizi vengono maggiormente apprezzati quando sono sentano responsabilità e giudizio morale, servire all’interesse del caratterizzati da qualità morali. La stessa pubblico, tutelare i suoi interessi e dimosocietà dove noi viviamo non è un organismo strare alto impegno professionale, siano perfetto e morale e la contabilità ha i suoi oggetti liberi, senza pregiudizi e imparziali suoi problemi. Ma i professionisti devono nel controllo finanziario, migliorare la comessere responsabili verso la società con le L’etica petenza professionale, mettendo sopra loro decisioni. Con questo bisogno etico e ogni cosa gli interessi del pubblico. si riferisce agli ideali e morale, nella necessità del rispetto di un minimo di regole, principi e codici va educato alle aspirazioni, come Armonizzare gli standards della contabilità un professionista: egli deve essere preciso, La completa comprensione degli stanpure alle regole del credibile e vero. Molti fenomeni come crisi, dards internazionali, nazionali e le probafallimenti, criminalità e corruzione hanno la comportamento. bili modifiche nel rapporto finanziario sono loro origine nella mancanza di etica. La verità una garanzia per il progresso nel futuro. è la premessa del progresso e della stabilità, La professione contabile sta crescendo fondamento della ricchezza e del valore. in maniera considerevole e l’educazione Le responsabilità professionali e sociali dei professionale è un processo lungo che va contabili ottenuto per migliorare la produttività, aumentare l’efficienza e i servizi qualitativi. Continuo è il bisoI professionsiti non operano isolati dall’ambiente. Per questo gno di adattare e modernizzare le abilità alle informazioni. motivo essi hanno delle responsabilità economiche, legali, Le organizzazioni professionali devono dunque procedere ambientali ed etiche. Il loro comportamento deve essere all’educazione continua come avviene in molti paesi del guidato da principi, norme e standards accettate dalla mondo. Si offrano aiuti metodologici ai contabili attraverso società. Devono avere completa autonomia, affidabilità e la consultazione, le pubblicazioni, le conferenze rispettando piena fiducia verso il pubblico. La contabilità in ogni caso le migliori pratiche a livello internazionale. I programmi della deve operare secondo le migliori pratiche e prevenire situaformazione devono essere sistematici in modo da dimostrazioni critiche. Gli economisti moderni e i contabili in partire l’influenza del comportamento sul pubblico. Un ambiente colar modo vanno formati con la conoscenza più complessa di imprenditoria variabile e regolabile richiede nuove riforme puntando molto sulla loro formazione. I contabili hanno per andare verso nuove sfide. Rispecchiare ed armonizzare anche il compito di aiutare la visione finanziaria, infatti essi le esigenze degli standards di contabilità è un passo sicuro adempiono contemporaneamente sia alla finalità della loro per il rafforzamento della fiducia nella professione. professione che alle neccessità dei clienti o delle unità economiche per le quali lavorano. Paul Krugman, professore * (Presidente Associazione dell’Università di Princeton, Boston, U.S.A. (premio Nobel “Contabile Approvato” di Tirana - Albania) anno 2000 ) aveva previsto il pericolo della crisi finanziaria attuale evidenziando anche i fattori che l’avrebbero provocata. Egli aveva osservato,che la globalizzazione dell’economia non andava vista “nè come un fenomeno che porta solo miracoli, né come un demone che mette sanzioni ad alcuni paesi a favore degli altri, ma nella sua complessità, dato che il mondo globalizzato è esposto alle crisi” ( A.Civici, La crisi finanziaria o globale). Parte della globalizzazione UNAGRACO.INFO 7

[close]

p. 8

La commissione Enti Locali e le sue novità Dott. Antonio Iulianella, presidente della Commissione Enti Locali UNAGRACO La commissione nazionale di studio Enti Locali dell’Unione nazionale commercialisti ed esperti contabili UNAGRACO, costituita nel 2014, presieduta dal Dott. Antonio Iulianella (esperto di contabilità pubblica, finanze e tributi, revisore enti locali per tutte le fasce di enti), ha presentato il proprio programma di lavoro al direttivo nazionale in occasione del congresso tenutosi a Termoli nello scorso mese di aprile in occasione del convegno nazionale UNAGRACO. Gli altri componenti della commissione sono i colleghi: Marco Lizza con funzioni di segretario, Camporeale Luigi, Giammarco Rita, Giovanni Giuliani, Papa Tito, Pinna Alessandro, Suriano Giuseppe, Tosiani Vincenzo, Inghingolo Riccardo, Fischione Giovanna Angela, Luccitti Domenico, Remigio Ivo, Giulia Buccella e Nobilio Enrico. Tra i punti del programma della commissione: 1) Formazione dei Revisori, dei Responsabili Servizi Finanziari, degli Amministratori, Assessori, Presidenti e sindaci degli Enti Locali. La commissione intende promuovere la formazione in aula, attraverso convegwni e giornate di studio, in laboratori didattici e di apprendimento e, soprattutto, in momenti pratici di compilazione di schemi di pareri e dei questionari Siquel - Corte dei Conti; 2)La nuova contabilità 2015: l’armonizzazione dei sistemi contabili, gli adempimenti e i nuovi obblighi. Il processo di riforma della contabilità pubblica ha trovato definizione e concretezza nei D.Lgs 118/2011 e D.Lgs 126/2014. (cd.Armonizzazione dei Sistemi Contabili). Obiettivo della riforma è la realizzazione, per tutte le amministrazioni pubbliche italiane, di un sistema contabile omogeneo, necessario ai fini del coordinamento della finanza pubblica e del consolidamento dei conti pubblici; 3)Proposta di modifica art. 16 Decreto Legge 13 agosto 2011, n. 138 (convertito in Legge 14 settembre 2011, n. 148). Come è noto, l’articolo 16 comma 25 del DL 138/2011, 8 convertito dalla L. 148/2011 e il regolamento attuativo di cui al D.M. 23/2012, prevedono nuove modalità per la nomina dei Revisori dei Conti degli enti locali. Questa Commissione vorrebbe farsi promotrice di una proposta di modifica delle norme sopra richiamate, ritenendo che il Revisore di “Fascia I”, prima di poter essere nominato revisore unico in enti con popolazione inferiore a 4999 abitanti, deve poter essere nominato (partecipando all’estrazione) come terzo componente nei collegi dei revisori scelti negli iscritti di Fascia II e III; 4)Aggiornamento dei compensi di cui all’art. 241 comma 1 del D.Lgs. n. 267 del 18 agosto 2000. Il Ministero, invece di seguire l’indicazione normativa del Tuel, che prevede l’aggiornamento triennale del compenso, ha previsto anche per i revisori o tagli della spending review imposti ai costi della politica del 10%. I revisori non sono politici, sono professionisti. Questa Commissione vorrebbe proporre a forza il rispetto di quanto stabilito dall’art.241 comma 1 del D.Lgs. n. 267 del 18 agosto 2000 (aggiornamento triennale del compenso). Sono 10 anni che le tariffe non vengono aggiornate, disattendendo così un disposto legislativo; 5)Limitazioni e prescrizioni agli EE.LL. imposte dal Patto di stabilità. Analisi, proposte e valutazioni in merito alle cause ed agli effetti fortemente limitativi agli investimenti, infrastrutture, manutenzioni straordinarie Fin troppo spesso il Patto di Stabilità tiene le “mani legate” alle varie Amministrazioni con vincoli di finanza pubblica che bloccano le opere pubbliche, ingessano investimenti ed infrastrutture. cupati aumentano, il paese non migliora strutturalmente. Questa commissione si propone di analizzare con cura la normativa e l’aspetto tecnico del patto di stabilità applicato agli Enti Locali, nonchè gli effetti negativi prodotti dallo stesso, per il Paese, per le provincie e per i comuni, soprattutto per quelli più piccoli. UNAGRACO.INFO

[close]

p. 9

La Photogallery Napoli (08/05/2015) Pescina ( 08/05/2015) UNAGRACO.INFO 9

[close]

p. 10

Palermo (11/05/2015 ) Caserta ( 15/092015 ) 10 UNAGRACO.INFO

[close]

p. 11

Le strategie difensive nel processo tributario Il volume edito da Maggioli a cura di Diretto, Lamorgese, Pansardi, Rizzelli e Villani Un volume che permette 2)di un’ingiustificata di capireC come impostare compressione 10 Giuseppe Diretto, Idalisa Lamorgese, Contenzioso ponenti positivididicomontenzioso la strategia difensiva nel redIolanda Pansardi, Alessandra Rizzelli, Maurizio Villani Tributario dito. ributario contenziosoT tributario. analizzate dai Nello specifico, nel priGiuseppe Diretto nza più recente, Ad illustra essere Commercialista; Revisore contabile; Consulente nel contenzioso tributacinque autori le mo caso, reputano i manageriale; Docente areatematiche amministrazione na migliore fruizione dei finanza e controllo di gestione ed esperto redazione modelli 231/2001; Esperto formazione di contestazione più frecosti sostenuti in tutto finanziata fondi interprofessionali. Presidente onsiderazione le temati- Nazionale UNAGRACO e Presidente quenti nella materia tribuo in parte indeducibili a materia tributaria, ven- UNAGRACO BARI. Lamorgese ella procedura e taria, avvalo- Idalisa commentate sia nel poiché non inerenti; nel Ha conseguito l’abilitazione alla professione a fine capitolo. forense. Specializzata in diritto tributario, merito che nella procedura, secondo caso, contepresso lo Studio Tributario Villani. mmentano i principali atti collabora RSO, con le indicazioni Èautrice e coautrice di pubblicazioni in materia fiscale e tributaria e collabora con riviste avvalorate con la rassegna stano maggiori ricavi se enze processuali. Poi IL giuridiche e portali giuridici specializzati nel settore. Commissione Tributaria di giurisprudenza. le operazioni consideraIolanda Pansardi ttura dell’atto e sui ter- Avvocato tributarista, Master in diritto e pratica Spazio anche ai principali te non economiche sono PER CASSAZIONE con tributaria - LL.M In Tax Law “Universus”. Collabora con lo studio legale tributario Villani. del ricorso. atti del processo tributario quelle attive. Il controllo Autrice e coautrice di articoli per riviste specializzate, di volumi ed ebook in materia di tributario. come diritto il ricorso (con le inda parte dell’Ufficio, pitolo 6 Alessandra Rizzelli ontraddittorio Avvocatosia tributarista, coautrice di volumi in dicazioni per l’impostapertanto, viene effetcipato materia tributaria. Collabora con lo studio legale • Principio di non contestazione Villani. Autrice di articoli e pareri pitolo 7 zione tributario che per le scadenze tuato attraverso la valuin ambito fiscale e tributario per le riviste di isconsorzio nel settore. il giudizio tazione della congruità • Contraddittorio anticipato Maurizio Villani cesso tributario processuali), Avvocato tributarista cassazionista specializzato pitolo 8 in Dirittodinanzi Tributario e Penale – Tributario. d’appello alla Comdei costi e dei ricavi che rimessione in termini • Difesa nelle verifiche fiscali Relatore in vari convegni nazionali, seminari e incontri,Tributaria collabora con diverse testate di processo tributario missione Regioriguardano le operasettore scrivendo articoli e pareri in ambito pitolo 9 fiscale e tributario. È autore, altresì, di diversi • Indagini bancarie nale (con i suggerimenti zioni economiche, i cui difesa nelle verifiche testi in materia di contenzioso tributario. ali sulla struttura dell’atto e risultati vengono sucpitolo 10 sui termini processuali) e cessivamente dichiaagini bancarie Volumi collegati Villoresi, A. Previtali per CasinfineV. il ricorso rati dall’imprenditore in Costruire il ricorso tributario 1 ed., 2015 sazione con uno schema bilancio, nelle scritture riassuntivo della struttura contabili e nella dichia€ 22,00 978-88-916-1194-9 del ricorso. Una doverosa razione die redditi. alogo Maggioli Editore premessa da cui pende le A seguito dell’analisi sultabile ww.maggiolieditore.it mosse questo volume e della documentazione che dà avvio a tutta la tratcontabile, l’Amministratazione relativa al contenzione finanziaria vazioso tributario nasce dal luta il comportamento concetto di antieconomicidell’imprenditore, attrità, ossia quel comportamento posto in essere dall’imprendi- buendo rilevanza alle imprese in perdita, ai costi elevati del tore che non sia volto alla riduzione dei costi o alla massi- personale, alla mancanza di distribuzione degli utili. È stato mizzazione dei ricavi, entrando così nel merito delle singole rilevato come il concetto di antieconomicità non possa esscelte imprenditoriali. Il termine, in reltà, non trova una de- sere impiegato nella prospettiva di stampo civilistico, incenfinizione da parte del legislatore, neanche il Tuir disciplina trata sulla mera remunerazione di fattori produttivi, bensì in tale concetto, cosicché occorre fare riferimento a quanto quella fiscale: in pratica occorre spiegare le ragioni per le elaborato dalla dottrina, dalla giurisprudenza e dalla pras- quali l’antieconomicità può essere considerata l’anticamera si. Durante le verifiche gli organi verificatori, anche laddove dell’evasione tributaria. È vero che, in alcuni casi, la continon riscontrino irregolarità nelle scritture contabili, valutano nua dichiarazione di perdite insospettisce gli Uffici, facendo determinati elementi e situazioni che possono presentarsi, ritenere che si sia in presenza di attività in nero, costituenritenendo che specifiche operazioni e scelte imprenditoriali do così tali dichiarazioni veri e propri sintomi di evasione, non siano coerenti con i criteri di economicità, con la conse- a meno che il contribuente non riesca a dimostrare che il guenza di procedere alla rettifica della dichiarazione laddove proseguimento dell’attività è stato reso possibile mediante ritengano che si sia in presenza: il finanziamento derivante da risparmi o altre entrate stra1)di un ammontare eccessivo di componenti negativi; ordinarie. G. Diretto, I. Lamorgese, I. Pansardi, A. Rizzelli, M.Villani LE STRATEGIE DIFENSIVE NEL CONTENZIOSO TRIBUTARIO LE STRATEGIE DIFENSIVE NEL CONTENZIOSO TRIBUTARIO UNAGRACO.INFO 11

[close]

p. 12

UNAGRACO, una rete di valori e idee: spazio ai nuovi iscritti e ai progetti futuri UNAGRACO, Unione Nazionale Commercialisti ed Esperti Contabili, è nata nel 1996 con l’intento di dar vita ad un’organizzazione sindacale aperta, democratica e libera da pressioni politiche con la dichiarata missione di tutelare gli interessi attuali ponendo grande attenzione agli scenari futuri. Nonostante nell’ultimo ventennio gli scenari professionali abbiano subito notevoli cambiamenti, lo spirito e la missione di fondo sono rimasti immutati facendo si che l’UNAGRACO crescesse massimizzando il sacrificio dei tanti, che nel tempo, hanno voluto e saputo impegnarsi per la difesa e lo sviluppo dei valori Francesca Salemi della professione. Ecco quindi che la nostra attuale visione dell’associazione è quella di una RETE di VALORI, un contenitore di idee, opinioni ed esperienze che, spinta dalla passione e dai principi di etica professionale, persegua la salvaguardia e la tutela del bene comune. Seminari di studi, corsi professionalizzanti ed occasioni di incontro e di confronto con chiunque voglia contribuire con proposte ed iniziative che possano migliorare l’attività lavorativa e sindacale. Informazione e comunicazione attraverso il nuovo sito, e al nuovo periodico. Sulla base di queste premesse e nella convinzione che per cambiare la storia non bastano le singole persone ma le idee sostenute da molti che riteniamo che la tua Iscrizione sia importante per lo sviluppo di tutti. L’attività di un’associazione sindacale è strettamente collegata e proporzionale al suo livello di rappresentanza: maggiore è il numero degli iscritti, maggiori sono le possibilità di intervento in ogni ambito. Creare un’unione locale nel tuo territorio, inoltre, permetterà agli iscritti di beneficiare delle attività ad oggi intraprese ed usufruire anche dei seguenti servizi: - Corsi, seminari ed attività formative - Convenzioni con Main Office s.r.l. (Software gestionale per commercialisti ed aziende), Caf cndl spa (730 2016 - nessuna sanzione per gli studi unagraco), Green ICN s.p.a. (Compagnia telefonica - soluzioni per imprese, privati e professionisti), Ufficio Telematico s.r.l. (Strumenti e facility tecnologiche per lo studio professionale: firma digitale, firma grafometrica), Previra Assicurazioni s.r.l. (Prodotti assicurativi), Visura s.p.a.(Fatturazione elettronica alla pubblica aministrazione), Etjca s.p.a. - Agenzia del lavoro (Selezione e Somministrazione del personale, attivazione tirocini, formazione), Italia Oggi (Condizioni di abbonamento esclusive per gli iscritti unagraco), Università Pegaso (Corso di laurea triennale o quinquennale). Chiunque volesse prendere parte a questa realtà è invitato a visitarci presso lo stand che sarà allestito in occasione del Congresso Nazionale che si svolgerà il 15 e 16 ottobre p.v. presso il MiCo di Milano. Tutte le informazioni ed i contatti sono presenti sul nostro sito web all’indirizzo www.unagraco.org. 12 UNAGRACO.INFO

[close]

p. 13

LA COMPAGNIA TELEFONICA DI CHI SA FARE I CONTI MOBILE RETE FISSA ADSL FIBRA OTTICA TARIFFE SPECIALI SCONTO DAL PREZZO DI -40% LISTINO -50% 800 655 655 PER CONOSCERE LE OFFERTE RISERVATE AGLI ASSOCIATI unagraco@greentelecomunicazioni.com www.greentelecomunicazioni.com UNAGRACO.INFO 13

[close]

p. 14

14 UNAGRACO.INFO

[close]

p. 15

www.bs.ilsole24ore.com/ masternormetributi Dal Sole 24 ORE l’aggiornamento e la formazione continua per commercialisti e professionisti d’impresa. SIS TEMA INTEGR ATO DI FORMAZIONE CONTINUA MASTER NORME E TRIBUTI OTTOBRE NOVEMBRE RAVVEDIMENTO OPEROSO, ISTITUTI DEFLATTIVI E CONTENZIOSO TRIBUTARIO: NOVITÀ SOCIETÀ COOPERATIVE ED ENTI NON COMMERCIALI NOVITÀ FISCALI DEL PERIODO E ATTUAZIONE DELLA DELEGA ABUSO DEL DIRITTO E OPERAZIONI ELUSIVE: ACCERTAMENTO E SANZIONI 12a EDIZIONE - 6 incontri da ottobre 2015 a maggio 2016 49 CREDITI FORMATIVI TUTTE LE NOVITÀ FISCALI E GLI APPROFONDIMENTI CON GLI ESPERTI DEL SOLE 24 ORE GENNAIO LE NOVITÀ DELLA LEGGE DI STABILITÀ 2015 L’ACCESSO AL MERCATO DEI CAPITALI PER LA CRESCITA DELLE IMPRESE In collaborazione con FEBBRAIO MARZO IL BILANCIO DI ESERCIZIO 2015 E L’IMPATTO SUL REDDITO D’IMPRESA TASSAZIONE DEI REDDITI ESTERI: FOCUS PERSONE FISICHE APRILE/MAGGIO NOVITÀ DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI: PERSONE FISICHE NOVITÀ DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI: SOCIETÀ Con il contributo di LA DICHIARAZIONE ANNUALE IVA E LE ALTRE NOVITÀ IN MATERIA PRINCIPI DI REVISIONE DEL BILANCIO NOVITÀ 2015 SETTEMBRE 2015 - WEBINAR UNICO 2015: ULTIMI CONTROLLI DICEMBRE 2015 - WEBINAR LA CHIUSURA DEL BILANCIO 2015 ANCONA BARI BOLOGNA BRESCIA BUSTO ARSIZIO CANTÙ FIRENZE FORLÌ/CESENA LECCE MESSINA MILANO NAPOLI PADOVA PESCARA ROMA TRENTO TREVISO UDINE VERONA VICENZA Servizio Clienti Tel. 02 5660.1887 - Fax 02 7004.8601 info@formazione.ilsole24ore.com Il Sole 24 ORE Business School ed Eventi Milano - via Monte Rosa, 91 Roma - piazza dell’Indipendenza, 23 b/c ORGANIZZAZIONE CON SISTEMA DI QUALITÀ CERTIFICATO ISO 9001:2008 UNAGRACO.INFO 15

[close]

Comments

no comments yet