Catanzaro City Magazine OTTOBRE 2015

 

Embed or link this publication

Description

Mensile indipendente di attualità, cultura, news, sport, rubriche e servizi utili

Popular Pages


p. 1

MENSILE INDIPENDENTE DI INFORMAZIONE | ATTUALITÀ | CULTURA | SPORT | RUBRICHE | SERVIZI UTILI ANNO III N.RO 25 OTTOBRE 2015 € 0, 50 SPETTACOLI Al via la 13.ma edizione del Festiva d'autunno ZOOM SPORT INTERVISTA ESCLUSIVA Conclusi i lavori di riqualificazione dei giardini Vincenzo Guerini traccia un bilancio dei suoi trascorsi sui Tre Colli Nicholas Green ● Uesse, Taddei e Agodirin: ● Che brutto inizio! CALCIO più qualità ed esperienza ● C5, ambizioni in A2 CALCIO A 5 BASKET VELA AMBIENTE Il giro della Calabria in kayak ● Andremo a canestro ● Secondi a nessuno!

[close]

p. 2

U T I L I T À PINO RUGGIU UTILITÀ | ORARI 2

[close]

p. 3

SOMMARIO EDITORIALE 4. E fatevi un selfie! | di Pino RUGGIU LA VOCE DEI LETTORI 3 8 6. Riceviamo e pubblichiamo | a cura della REDAZIONE ZOOM 8. A volte basta poco | di Rosita MERCATANTE 9. Funiculì funculà | di Pino RANIERI AMBIENTE 10. Calabria in kayak | di Elisa GIOVENE 12. Sentieri da vivere | di Noemi GUZZO 24 25 10 14 9 21. Giuseppe Pettitto, ultima puntata | di Rosita MERCATANTE 14. Per nuovi lidi | di Rosario FITTANTE 16. Anonima lezione | di Giuseppe PASSAFARO DENUNCIA 17. Un monumento al voto | di Giuseppe PASSAFARO AMARCORD 18. Le Giare a Soverato | di Alberto COCCO 19. Tragedia annunciata | di Rosita MERCATANTE RIFLESSIONI 20. Un triste record | di Antonio LUDOVICO RICORDANDO 22. Tanti auguri Monsignore | di Anna ROTUNDO L'ANNIVERSARIO 26 18 21 L'INIZIATIVA 23. Un'area per Bisceglia | di Rosita MERCATANTE SPETTACOLO 24. Settembre al parco | di Giulia PANZARELLA 25. Festival d'autunno | di Rosita MERCATANTE ARTE 26. Omaggio ad Andy Warhol | di Domenico IOZZO SALUTE E BENESSERE 27. I farmaci a domicilio | di Vincenzo DEFILIPPO IN CUCINA 28. Le castagne | di Anna ALOI SPORT 31. Incastro perfetto | di Antonio GAGLIARDI 32. Intervista a Vincenzo Guerini | di Rosita MERCATANTE 34. Che brutto inizio | di Rosita MERCATANTE 34. Taddei e Agodirin, più qualità | di Rosita MERCATANTE 36. C5, ambizioni in A2 | di Pier Santo GALLO 36. Andremo a canestro! | di Redazione 38. Secondi a nessuno | di Rosita MERCATANTE 39. Area Giallorossa, aria di sport | di Rosita MERCATANTE 40. Comunque la guardi | di Pino RUGGIU 42. Mammì, finiva la serie B | di Riccardo COLAO UTILITÀ 43. Calendario Lega Pro | a cura della REDAZIONE 44. Guida ai ristoranti | a cura della REDAZIONE 45. Orari autobus | a cura di A.M.C. Catanzaro 46. Orari trenini | a cura di Ferrovie della Calabria 46. Farmacie di turno | a cura di Ordine dei Farmacisti 32 34 38

[close]

p. 4

4 EDITORIALE CI SIAMO! A nessuno sarà sfuggito che questo giornale si è occupato di sport, solo sporadicamente, questo perchè personalmente non amo molto il calcio e confesso di seguire raramente le sorti della nostra squadra, limitandomi a sapere solo "come è finita la partita?". Insomma capisco di calcio come di Fisica Quantistica. Ammetto di essere anche un simpatizzante Juventino, ma più che altro per sfottere gli amici che tifano per le altre squadre e ovviamente adesso sto subendo angherie indicibili! Insomma, non trattavamo lo sport, perchè è roba da competenti, e le cose ci piace farle bene, quindi abbiamo preferito aspettare il momento buono. L'occasione si è materializzata dopo aver incontrato Antonio Gagliardi, riconosciuto ed apprezzato giornalista sportivo, che coordina magistralmente la redazione del portale: www. catanzarosport24.it. Lui insieme ai suoi collaboratori si occupano delle notizie sportive inerenti al territorio, con contagioso entusiasmo. Devo dire che Antonio mi ha subito colpito per la sua professionalità e soprattutto come persona. Certe cose si sentono a "pelle", e combinare questo matrimonio, è stato naturale. Abbiamo già lanciato questa notizia sul web, utilizzando come slogan: "l'incastro perfetto!" e senza falsa modestia possiamo dire di non aver esagerato, visto che a furor di popolo, se noi di Catanzaro City Magazine siamo ormai considerati molto attenti al territorio (bontà vostra!), Catanzaro Sport 24 è il sito in assoluto più seguito, per chi vuole soddisfare la sua voglia di sport! Sono quindi lieto di potervi annunciare che partire da questo numero, troverete tanti approfondimenti di sport, non solo calcio, ma anche basket, tennis, vela, ecc. Volevo parlarvi degli altri interessanti articoli presenti questo mese, ma visto che potrete leggerli direttamente, volevo utilizzare questo spazio per riferirvi della mia "guerra ai mulini a vento", dove i mulini hanno le sembianze di alcuni edicolanti, che hanno totale mancanza di lungimiranza e riconoscenza. Insomma, mi dispiace ma devo avvisarvi che non troverete più questo giornale in alcune edicole, perchè nonostante i nostri numerosi inviti a metterlo bene in evidenza, non foss'altro perchè è un giornale cittadino, i titolari hanno continuato ad esporlo mimetizzato con gli altri, o peggio, sotto il bancone! È la sola condizione che abbiamo preteso, anche perchè riconosciamo loro un notevole "aggio" che è pari all'80% del prezzo di copertina, ma nonostante questo, alcuni ci hanno fatto addirittura cintendere che ci facevano un favore a tenerlo, e noi non vogliamo più approfittare di nessuno. Pensare che paradossalmente già dal numero scorso, questo giornale lo si può trovare anche a Roma e a Bologna, nelle edicole sotto indicate! Che volete: "chissisimu!" Buona lettura.● pinoruggiu.posta@gmail.com PINO RUGGIU BOLOGNA ROMA ●La notizia che fa centro-Via Indipendenza, angolo Ugo Bassi ●Edicola Roosvelt-Angolo via IV Novembre ●Edicola di Piazza Lecce ●Edicola di Piazzale delle Province ●Edicola di Piazza Bologna-Lato via delle Provincie DIRETTORE RESPONSABILE cardo Colao, Rosario Fittante, Antonio Gagliardi, Pier Santo Gallo, Elisa Giovene, Noemi Guzzo, Vincenzo Defilippo, Domenico Iozzo, Antonio Ludovico, Giulia Panzerella, Giuseppe Passafaro, Anna Rotundo. reperire la fonte. Platinum:€ 300,00 (12 n.ri +3 red.li). Importi compreso IVA e spese di sped. Per sottoscrivere: Bonifico c/o Conto BancoPosta, Intestato a: Giuseppe Antonio Ruggiu, Codice IBAN: IT97 O 0760104400000044106292 Causale: Nome/cognome/tipo abbon. CATANZARO CITY MAGAZINE è un mensile di informazione, attualità, cultura, sport, rubriche e servizi utili. È un periodico indipendente e apartitico. La collaborazione è libera e gratuita, gli articoli rispecchiano l’ideologia e il pensiero degli autori, i quali se ne assumono pienamente la responsabilità. Garantiamo a tutti, diritto di replica. La redazione si riserva di rifiutare articoli che ritiene non idonei alla linea editoriale del giornale. Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica sono riservati. È vietata la pubblicazione e l’uso anche parziale di testi, illustrazioni e foto con qualsiasi mezzo meccanico, elettronico, per mezzo di fotocopie, registrazioni, o altro. Tutto il materiale ricevuto (testi e fotografie), anche se non pubblicato, non sarà restituito. Pino Ranieri hulixe@virgilio.it Tel. 347.535.4137 DIRETTORE EDITORIALE GRAFICA E IMPAGINAZIONE Agenzia Ruggiu PER LA PUBBLICITÀ Tel. 335.470.145 Pino Ruggiu agenziaruggiu@gmail.com www.ruggiu.blogspot.it Tel. 335.470.145 Anno III - numero 25 ottobre 2015 redazionecitymagazine@gmail.com I collaboratori di cui sopra, la cui partecipazione è libera e occasionale, non CAPOREDATTORE sono membri della redazione e cedono Rosita Mercatante a titolo gratuito ogni tipo di diritto, ivi Tel. 327.234.5449 compreso quello d’autore, dell’articolo rosita.mercatante@gmail.com pubblicato. L’Editore si dichiara pienamente disponibile a valutare - e se del Hanno collaborato a questo caso regolare - le eventuali spettanze numero: di terzi per la pubblicazione di immagiAnna Aloi, Alberto Cocco, Ric- ni e testi di cui non sia stato possibile pinoruggiu.posta@gmail.com pubblicitacitymagazine@gmail.com PER NUMERI ARRETRATI Tel. 335.470.145 ABBONAMENTI NON RICEVIAMO NESSUN TIPO DI SOVVENZIONI EDITORE: Giuseppe Ruggiu - Via Skilletyon, s.n.c. Borgia (Cz). REGISTRAZIONE: Trib. di Catanzaro - n.ro 314 del 16/4/2013. STAMPA: Stampasud s.r.l. - Lamezia T. (Cz) TIRATURA: 2000 copie citymagazineinfo@gmail.com Semestrale: (6 n.ri) € 15,00; Annuale: (12 n.ri) € 30,00; Silver: €100,00 (12 n.ri +1 red.le); Gold: € 200,00 (12 n.ri +2 red.le); 4

[close]

p. 5

UTILITÀ | ORARI 5

[close]

p. 6

6 LA VOCE DEI LETTORI C aro direttore, volevo segnalare uno spiacevolissimo episodio che mi è capitato di recente . Dovendomi recare a Bologna per un iimpegno di lavoro ho deciso di rivolgermi ad una nota compagnia calabrese di autoservizi. Per ottenere delle informazioni ho contattato telefonicamente l’azienda. Soltanto dopo innumerevoli telefonate, sono riuscito finalmente a parlare con un impiegato. Alla mia richiesta di indicazioni su prezzi e orari, ho ricevuto una serie di risposte frettolose e imprecise. Così è stato anche per l’indicazione della fermata da cui prendere il loro mezzo: e infatti l'ho perso! Ho dovuto quindi scomodare un amico, che è venuto a prendermi e portarmi in tutta fretta a Lamezia da dove sono poi partito. Gianluigi Simmaco (e-mail) Un pessimo autoservizio S Una targa davvero illegibile pettabile redazione, nel farvi prima di tutto i complimenti per il vostro bellissimo giornale, che compro puntualmente ogni mese, mi permetto di segnalarvi una cosa che proprio non mi va giù. Si tratta della targa che campeggia accanto alla fontana del Cavatore, che dovrebbe avere lo scopo di dare informazioni sulla stessa, come l’origine e il nome dell'artista che l'ha eseguita. La foto che ho scattato e che vi allego, non è affatto sfocata, ma evidenzia come questa forse perché realizzata con scadentissimi materiali, forse inadatti a stare esposti all'esterno, oggi risulta del tutto illeggibile. Le scritte che erano impresse su di essa sono completamente scomparse. Come cittadino, sono indignato per questo ennesimo episodio di menefreghismo da parte di chi dovrebbe amministrarci. Proprio questa estate ho potuto personalmente constatare come alcuni sciagurati e sprovveduti turisti, venuti (hailoro!) in visita alla nostra città, restavano perplessi davanti a questa targa, che sono certo di non sbagliarmi, sarà anche costata all'epoca, quanto e forse più di un quadro di Raffaello... Salvatore Sia (e-mail) G entilissimo direttore, il mio è solo lo sfogo di un semplice cittadino che è stanco di vedere tanti episodi dettati solo dalla cattiva educazione e da una buona dose di inciviltà. Sabato scorso, mi sono recato con la mia famiglia, al centro commerciale "Le Fontane" per fare un po' di spese e passare la serata al cinema. Inutile precisare che era un delirio di gente ed auto parcheggiate, e dopo aver girato per circa mezz'ora, alla ricerca di un posto che non fosse poi tanto lontano, mi sono imbattuto in questo esempio di straordinaria strafottenza ed egoismo. Questo signore (allego foto), ha parcheggiato occupando ben due posti in un colpo solo! Che dire? Spero che si riconosca in questa foto e che si vergogni. Gennaro Scalamandrè (e-mail) Parcheggio selvaggio Inviate a: redazionecitymagazine@gmail.com le vostre segnalazioni, noi le pubblicheremo.

[close]

p. 7



[close]

p. 8

8 ZOOM Grazie alla convenzione di “adozione” stipulata tra il Comune di Catanzaro e la Cicas, si è provveduto a riportare i giardinetti a una condizione ottimale, rispettando caratteristiche salienti e intrinseche di ROSITA MERCATANTE A VOLTE BASTA POCO! rendere fruibile alla cittadinanza. La convenzione di “adozione” stipulata tra il Comune di Catanzaro e la Cicas - Confederazione degli imprenditori commercianti artigiani esercenti servizi e turismo -, si è avvalsa della partnership del Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese e della Gareri Servizi Ambientali srl. Questa formula ha consentito, nel rispetto dei luoghi e delle norme patrimoniali e urbanistiche, di intervenire sulla manutenzione e sulla cura di aree che versavano in situazioni di abbandono. La finalità è stata quella di riportare i giardinetti a una condizione ottimale rispettandone le caratteristiche salienti e intrinseche come l’ombrosità dei luoghi, il ristoro delle panchine, il manto erboso, i complementi di arredo, gli spunti artistici, i richiami biografici e i punti di illuminazione. Maestranze e operatori del Consorzio di Bonifica, quadri tecnici della Gareri Servizi Ambientali hanno provvedendo all’esecuzione delle opere di cura concordate minuziosamente con i diversi settori dell’Amministrazione comunale competenti: Ufficio Tecnico, Patrimonio, Urbanistica, Turismo, Affari Generali. Il tutto senza modificare lo stato dei luoghi, ma semplicemente restituendo dignità a un’area che per varie circostanze stava pericolosamente scivolando verso il degrado quotidiano, causato anche da diverse cattive e censurabili abitudini di una tipologia particolare di fruitori che non hanno il bene pubblico come stella polare della loro condotta. Nel tempo, infatti, molti elementi di arredo sono stati rovinati, alcune panchine divelte, il tappeto erboso degradato a fondo comune per gli amici a quattro zampe. Il richiamo non può che essere al buon senso civico di tutti, sia di quanti vigilano e segnalano eventuali azioni di danneggiamento, sia di chi si impegnerà a cambiare abitudini e comportamenti, per garantire sul mantenimento delle condizioni del luogo più a lungo possibile ora che è terminato l’intervento. L’opera consentirà di restituire alla città un bene comune di cui possono fruire tutti e che rappresenta un tassello importante a livello estetico del centro storico.● U n’iniziativa tanto semplice quanto rivoluzionaria. È quella che ha consentito di avviare i lavori di riqualificazione, conclusi il 26 settembre, di una centralissima area verde su Corso Mazzini. Si tratta dei “Giardini Nicholas Green” e “Piazzale Monsignor Durante”, costituenti un prezioso spazio da preservare, valorizzare e

[close]

p. 9

ZOOM 9 FUNICULÌ, FUNICULÀ! La consegniamo all’indifferenza ed al degrado di una città in via di sottosviluppo, oppure proviamo a richiamare i nostri “piccoli regnanti” ad un sussulto di pudore? C di PINO RANIERI he Re sciancato, di città sciancata, dev’essere stato questo Nicola, se io non ne ho mai sentito parlare, e nessuno se ne ricorda! Non c’è traccia di lui sui libri di storia… forse non è mai esistito! La città, invece, esiste, ed è effettivamente sciancata, come sciancati sono i tanti reucci che la governano. Ho voluto chiosare scherzosamente il termine Funicolare, solo per attirare l’attenzione del lettore su una vicenda che sembra appassionare pochi. Storia travagliata, ed a fasi alterne, quella dell’originale impianto di trasporto metropolitano della nostra città: Con alti e bassi, proprio come il “suegiù” tipico del suo andare arrampicandosi sul primo colle di Catanzaro. Realizzata e inaugurata agli albori del novecento, unica nel suo genere, collegava la stazione ferroviaria di Sala a Piazza Roma e poi, diventando tramvia, raggiungeva l’attuale Piazza Matteotti e concludeva il suo percorso addirittura nel quartiere Pontegrande. Per circa mezzo secolo svolse una funzione insostituibile e preziosa, considerando le caratteristiche geomorfologiche del territorio catanzarese e la carenza di mezzi di trasporto del periodo. Venne chiusa, a causa di un incidente senza conseguenze, nel 1954. Dimenticata, quasi cancellata fisicamente, tornò all’attenzione e all’interesse popolare agli inizi degli anni novanta, quando il catanzarese Rosario Olivo, presidente della regione Calabria, destinò un cospicuo finanziamento per la sua riapertura. Passarono ancora alcuni anni prima che il Sindaco Abramo potesse ridare alla città una moderna funicolare, impreziosita da una utilissima fermata intermedia. Diciamo di più: Un pezzo della sua storia! Da allora, sia pure con acciacchi continui, ed infinite sospensioni del servizio per “manutenzione” (qualcuno sussurra difficoltà finanziarie di gestione!) ha rappresentato una valida ed utile alternativa al trasporto privato, contribuendo a decongestionare il centro storico dal traffico automobilistico. E ora che si fa? La consegniamo all’oblio, all’indifferenza ed al degrado di una città in via di sottosviluppo, oppure proviamo a richiamare i nostri “piccoli regnanti” ad un sussulto di pudore che, almeno in questo caso, li riscatti dalla vergogna della propria inutilità? Coraggio! Rimettete in moto definitivamente la funicolare, e noi saremo pronti, allegramente, a rimontarci su. ’Ncoppa, jammo jà: Funiculì, funiculà!

[close]

p. 10

10 AMBIENTE L’ impresa che Francesco Mazzacoco, cinquantaquattrenne catanzarese, ha intrapreso questa estate con il suo kayak, sicuramente non è passata inosservata. Navigare per circa 800 km di costa non è stato semplice, ma con il motto “ Su due mari pagaiando, la Calabria sto gustando”, il valente kayaker ha cosi cominciato la sua avventura. Il fine di Mazzacoco era appunto quello di ammirare e conoscere le coste calabresi, apprezzandole da un’altra angolazione, ovvero dal mare a bordo del suo kayak. Partito il 15 luglio scorso da Rocca Imperiale, si preparava a vivere una nuova esperienza. Innumerevoli le tappe effettuate, durante le quali, egli ha potuto materialmente apprezzare la genuinità della gente e la disponibilità dei tanti comuni che lo hanno ospitato. Le sensazioni e i momenti particolari vissuti sono stati molteplici, dai vari incontri “via mare” o “a terra”, di emozioni forti provate o momenti di malinconia quando subentrava la stanchezza, o ancora quando le difficoltà del mare per le avverse condizioni meteorologiche, causavano un po’ di tensione. Ma tutto ciò facilmente dimenticato grazie ai meravigliosi scenari visti ed ammirati lungo il suo percorso, un percorso vario ma sempre stupefacente, con tratti di costa a volte ancora inesplorati, ma sicuramente non mancanti di fascino. Questa impresa, effettuata anche grazie al patrocinio della Provincia, del FICK (Federazione Italiana canoa Kayak ) e del Coni, ha quasi permesso alla nostra Calabria di salire meritatamente alla ribalta, mettendo in risalto le proprie bellezze naturalistiche e paesaggistiche. Mazzacoco, ha più volte espresso la volontà di parlare esclusivamente delle cose belle della Calabria, perché è da qui che egli pensa di poter partire per nuove “conquiste” che hanno come fine, la valorizzazione del nostro territorio. Per questa impresa egli ha “usato” una sua grande passione, il kayak, ed unitamente alla sua gran voglia di viaggiare ha cosi po- t u t o r e a l i z zare questo suo sogno, che oramai da tempo aveva in mente. Durante il suo viaggio, è stato coadiuvato dalle Capitanerie di porto, nonché dall’Associazione Kalabrian h2o di cui fa parte. L’avventura si è poi conclusa il 4 agosto a Tortora Marina. Ogni tappa del suo percorso era una vera conquista, un piccolo tassello da aggiungere ed alla fine la stanchezza veniva superata, dalla gioia di averla portata a termine. “Una fantastica terra bagnata da due mari – queste le parole di Mazzacoco - che ha tutti i requisiti per farsi conoscere nella sua totalità : storia, luoghi fantastici, ma soprattutto la genuinità della gente”. Quello che abbiamo raccontato è un esempio di come noi calabresi potremmo impegnarci per mettere in luce, quanto di più bello ha la nostra regione. ● CALABRIA Nella foto grande, Francesco Mazzacoco, durante la sua impresa. Nelle foto piccole, dall'alto, in senso orario: Amantea, Le Castella, Roseto Capo Spulico, San Nicola Arcella, Tropea, Amendolara, Capo Dell'Armi, e infine Capo Vaticano

[close]

p. 11

AMBIENTE 11 IN KAYAK Il fine di Mazzacoco era quello di ammirare e conoscere le coste calabresi, apprezzandole da un’altra angolazione, ovvero dal mare a bordo del suo kayak di ELISA GIOVENE

[close]

p. 12

12 AMBIENTE SENTIERI DA VIVERE Il ripristino e il riordino della Rete Sentieristica che si sviluppa su ben 600 km, s’inserisce nelle strategie di azioni e iniziative intraprese dall’Ente Parco nazionale della Sila e volte alla valorizzazione e alla promozione del suo ricchissimo patrimonio ambientale e paesaggistico di NOEMI GUZZO L a Rete Sentieristica del Parco Nazionale della Sila spicca il volo. Tanti mesi di duro lavoro e certosina organizzazione hanno permesso alla bella Sila di “mettere a segno” un altro punto a suo favore. Il 29 agosto scorso alla presenza dell’Ente Parco Nazionale della Sila, del CAI, degli appassionati della montagna e di tutti coloro che hanno sostenuto tale iniziativa, si è ufficialmente presentata agli ansiosi telespettatori la Rete Sentieristica, curata e studiata con la collaborazione del CAI e dell’Ente Parco. Il ripristino e il riordino della Rete Sentieristica che si sviluppa su ben 600 km per un numero complessivo di 66 sentieri, 51 secondari e 5 tratti del sentiero Italia, s’inserisce nelle strategie di azioni e iniziative intraprese dall’Ente Parco nazionale della Sila e volte alla valorizzazione e alla promozione del suo ricchissimo patrimonio ambientale e paesaggistico. Suggestivi e misteriosi sentieri sono pronti a ricevere i curiosi turisti amanti della natura. Una doppia numerazione per ogni sentiero: la prima segue la 12

[close]

p. 13

AMBIENTE 13 numerazione del Catasto Nazionale dei Sentieri del CAI, l'altra indica il corrispondente numero di sentiero del Parco Nazionale della Sila. Lungo il tracciato dei sentieri al fine di renderli sempre più accessibili, delle tabelle segnavia, riportanti le indicazioni del percorso da seguire e posizionate in prossimità dei bivi, e tabelle di località indicanti la denominazione della località e la quota corrispondente. Inoltre sul retro di ogni tabella è apposto un numero identificativo che, qualora segnalato in caso di necessità, consente ai soccorsi di individuare il luogo preciso in cui ci si trova. Ancora una volta l’impegno del Parco Nazionale, la proficua collaborazione con il Club Alpino Italiano, la passione e l’amore che i volontari hanno messo nel voler realizzare un progetto così importante, è stato premiato con una mattinata ricca di successo e soddisfazione. Nella splendida cornice dell’Arboreto del Parco, riserva filogenetica nei pressi della località Fossiata, dopo l’ufficiale taglio del nastro da parte di Umberto Martini, Presidente Generale del Club Alpino Italiano e della Presidentessa del parco Sonia Ferrari, passeggiando e conversando si è giunti alle conclusioni di un dibattito pieno di vita, ricco di spunti e aperto a tante proposte per il futuro dei nostri boschi. Protagonista indiscussa della giornata la TUTELA di un territorio che grazie agli enti, alle associazioni e a tutti coloro che amano l’attività all’area aperta, fa grandi promesse per gli anni a venire: passeggiate, trekking, mountain bike, ciaspolate, nordic walking, questi gli ingredienti per una ricetta turistica che non può che essere quella del successo. Al dibattito oltre ai maggiori rappresentanti del Club Alpino Italiano (presidenti regionali di Campania e Basilicata, volontari, soci…), dell’Ente Parco; sono intervenute alcune delle figure di spicco tra le istituzioni locali, sindaci, operatori turistici, volontari del Soccorso Alpino o semplici appassionati, rendendo importante ognuno un piccolo pezzo di Sentieristica, con l’auspicio di far risplendere ogni singolo chilometro, così da renderlo fruibile a tutti i visitatori della Sila.● 13

[close]

p. 14

14 UTILITÀ | ORARI PER NUOVI Un nuovo piano spiaggia uniformerà l’estetica del lungomare Mendini. Le nuove norme in vigore dal 2018 di ROSARIO FITTANTE LIDI D 14 ●a qualche anno il quartiere marinaro della città rappresenta uno dei posti più attrattivi della costa catanzarese. Da Corace a Giovino sono numerosi i locali che offrono servizi a studenti, turisti e residenti. A contribuire a questo piccolo miracolo economico sono stati diversi elementi tra cui un centro commerciale ben inserito nel contesto, il polo universitario ma soprattutto un mare splendido e una spiaggia lunghissima dai caratteri caraibici. Le attività balneari che durante il periodo estivo rimangono aperti fino a tarda notte costituiscono un’attrazione unica in tutta la fascia costiera e un incentivo per l’economia dell’intera città. Un fenomeno che negli anni sarà destinato a crescere se si effettueranno degli interventi mirati sul territorio. Uno di questi, che opererà una vera e propria rivoluzione nell’e-

[close]

p. 15

AMBIENTE 15 Nell'immagine a sinistra, un rendering che illustra come potrebbero essere realizzati i nuov lidi; sotto, alcuni dei lidi tuttora esistenti che evidenziano il cattivo stato di manutenzione stetica del lungomare Mendini, sarà quello previsto dal nuovo Piano Comunale Spiaggia (PCS) adottato dal Comune di Catanzaro in conformità alla legge Regionale n 17 del 21/12/2005 e sue deliberazioni, approvato in via definitiva anche dall'Amministrazione Provinciale Catanzaro il 31 ottobre 2013. L’ultimo restyling che ha cambiato il volto della costa ha resa la passeggiata più gradevole. I mosaici colorati hanno definitivamente cancellato il vecchio e obsoleto muro, sostituiti da un’opera di grande valore estetico che è stata definita una tra le più belle passeggiate del sud Italia. Tuttavia abbiamo constatato che nel corso degli ultimi decenni sono pochissimi i lidi che hanno apportato modifiche alle strutture originarie ormai molto datate per renderli esteticamente più gradevoli. Lidi che nei decenni scorsi erano il fiore all’occhiello, oggi non appaiono gradevoli nel contesto sia agli occhi del turista che di chi vive sul posto. Sulla qualità dei servizi offerti bisogna comunque riconoscere che nell’ultimo periodo il livello è stato innalzato di gran lunga. Il nuovo Piano, nel dettaglio, stabilisce che dal 2018 tutti i lidi dovranno attenersi a delle regole al fine di garantire la piena visibilità del mare, inoltre dovranno essere poggiati tutti sull’arenile e non dovranno superare in altezza il muro di protezione. L’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Sergio Abramo per facilitare i titolari delle attività ha previsto un sistema di incentivi di supporto agli investimenti che questi dovranno eseguire. Tra i lidi già funzionanti solo in pochi rispondono ai dettami del Piano Spiaggia.●

[close]

Comments

no comments yet