Giornale Pezzullo 2011 n.1

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1

anno 2011 numero 1 uts magazine giornalisti per caso 17 marzo 2011 festa si festa no sommario de magistris fortapasc amarcord 4 cosenza by night non tutti sanno che turismo a camigliatello 7 il favoloso coro del pezzullo 8 pezzullo in scena 9 pezzullo a dublino 10 ferrari f150 al via alla nuova stagione assasin s creed 14 lamore 16 11 5 6 2 3 di classe 2a igea la proclamata festa per il 150° anniversario dellunità fissata il 17 marzo divide litalia il presidente della repubblica giorgio napolitano ritiene che sia un evento da ricordare nettamente contraria la lega nord ma si sa che umberto bossi è notoriamente contrario allunità per la confindustria si perderebbe una giornata lavorativa che in tempi di crisi la nazione non può permettersi ma che si festeggi almeno per questanno 2011 tale data economicamente lo stato non perderebbe granché anche in considerazione del fatto che il1° maggio e il 25 aprile capitano uno di domenica e laltro il lunedì di pasquetta due feste in meno facciamo in modo che levento non sia un fatto politico ma solo il ricordo di un importante momento storico daccordo alcuni ritengono che lunità sia il logo dei 150 anni i nostri contatti utsmag@gmail.com www.itcpezzullo.it stata fatta e desiderata da un esiguo numero di persone motivate e culturalmente pronte ad affrontare una nuova situazione politica una lingua comune e abitudini atte ad unificare il popolo molti lhanno subita pensando che si sia trattato di una conquista del regno di sardegna e dei savoia ma cosa significa la data del 17 marzo 1861 e nato un nuovostatoe ur o pe o con l annessione della maggior parte dei territori degli stati preunitari lo stato sardo è diventato regno ditalia il 18 febbraio 1861 si è riunito a torino il primo parlamento italiano e il senato il 26 febbraio con 129 voti favorevoli e 2 contrari ha approvato la mozione che ha conferito a vittorio emanuele ii e ai suoi discendenti il titolo di re la legge è stata approvata per acclamazione alla camera il 14 marzo e promulgata il 17 dello stesso mese fatta litalia come disse dazeglio bisognava fare gli italiani ci siamo riusciti a sentire alcuni politici di oggi pare di no eppure da allora sono passati 150 anni ci consoliamo soltanto quando gioca la nazionale di calcio allora siamo tutti italiani tranne poi a scontrarci quando giocano le singole squadre di serie a e b intanto viva litalia e viva coloro i quali hanno contribuito a costituirla da lì si è partiti per arrivare allattuale repubblica.

[close]

p. 2

pagina 2 la giustizia nelle aule del pezzullo con de magistris di deborah molinaro il 4 febbraio presso la nostra scuola si è tenuto lincontro degli studenti della scuola con il magistrato de magistris si è parlato di mafia soldi pubblici e vari problemi che investono litalia costantemente e in particolare negli ultimi periodi il sud

[close]

p. 3

pagina 3 la coca cola non ha più segreti grazie al 7x di deborah molinaro sono ormai passati 125 anni dalla prima bottiglia di coca cola venduta e solo oggi si è riusciti a svelare il mistero della sua segretissima ricetta solo due persone sono autorizzate ad entrare nel blindatissimo caveau di una banca di atlanta dove è conservata la ricetta dopo 32 anni un amico dellideatore della bevanda a conoscenza degli ingredienti ha publicato la ricetta sul giornale atlanta journal constitution così che molti lettori a pagina 28 hanno potuto leggere le dosi precise della mitica bibita che però a quel tempo non era ancora così diffusa quando la coca cola ha preso piede nel mondo e con la birra è diventata la bevanda più consumata insieme alla pizza e non solo tra i giovani è tornata la curiosità di conoscerne la confezioni di coca cola composizione com pleta il famoso ingrediente segreto che john pemberton il suo ideatore non aveva mai voluto diffondere per rendere unico il suo sapore si sa che è composta da aromi naturali caffeina acqua gassata zucchero acido fosforico coloranti e dall 1 di una sostanza segreta da qualche giorno i giornali e la televisione dicono che la bevanda ormai non ha più misteri la percentuale mancante alla ricetta si chiama pensate un po il 7x e quindi cosè di cosa è fatta realmente la coca cola dal 7x che la rende inimitabile ma a sentire il nome si teme che rimarrà tale almeno per ora fortapàsc di maila turano questo film diretto da marco risi racconta la storia vera di giancarlo siani giovane napoletano ucciso dalla camorra il 23 settembre del 1985 la causa di questo delitto la verità giancarlo è un giovane alquanto intraprendente allegro con forti ideali ama la vita e ama svolgere il suo lavoro con molta precisione ed è proprio questo il suo difetto se possiamo definirlo così informarsi verificare le notizie indagare sui fatti egli è un giornalista abusivo cioè non ancora professionista scrive verità poco conosciute dai cittadini di torre annunziata sul giornale il mattino di cui è corrispondente di cronaca nera giancarlo vede e capisce si aggira tra camorristi crudeli politici corrotti magistrati carabinieri impotenti dopo aver scoperto gli affari sporchi compiuti dal sindaco viene assunto nella sede centrale del giornale e anche lì nonostante le minacce continua a scrivere delle prepotenze soprusi dei camorristi larticolo determinante è quello sulla cattura del boss gionta in cui il giornalista afferma che il boss è stato arrestato solo per essere eliminato quella stessa sera il protagonista viene ucciso nella sua auto durante il ritorno a casa le ultime battute del film evidenziano come ci siano voluti 12 anni e 3 pentiti per scoprire i veri assassini di siani il film è lo specchio di una dura realtà che ancora oggi purtroppo viviamo una frase del film dice questo non è un paese per giornalisti-giornalisti questo è un paese per giornalisti-impiegati ed è proprio così solo pochi sono i giornalisti che meritano di essere degni di questo lavoro e uno di loro è giancarlo siani che nei suoi articoli non ha paura denuncia i magistrati corrotti e la prepotenza dei boss che sia un film crudele lo si intuisce già dal titolo fortapàsc termine che descrive lassedio alla città da parte della malavita e un film senza illusioni con scene molto crude dove le uccisioni appaiono vere perché vera è la storia di giancarlo locandina del film

[close]

p. 4

pagina 4 tutti in coro un festival di carta amarcord di antonella passante ed eccoci qua siamo all ultimo anno di scuola e non mi sembra vero ma sono passati già cinque anni mi sembra ancora di sentire quell emozione che avevo il primo giorno quell emozione che avevo nel conoscere nuove persone e la paura di non poter piacere agli altri più tardi ho capito che la mia preoccupazione era la preoccupazione di tutti e che nessuno poi si sentiva così sicuro e sereno eravamo proprio dei ragazzini che volevano solo giocare e fare pazzie e,da subito è scattata quell affinità che oggi chiamerei amicizia pura e semplice così come tuttora da allora ancora oggi siamo sempre uniti nel bene e nel male e non abbiamo mai avuto problemi di solito all interno delle classi si formano gruppetti e si mettono da parte le persone più timide o con problemi invece noi siamo sempre stati tutti per uno ed uno per tutti siamo stati e siamo non solo compagni di classe ma compagni di vita certo che ne abbiamo passate tante insieme che dire della paura che ci incuteva di iuri delle missioni impossibili che facevamo per non farci scoprire chi ricorda quando giocavamo a nascondino o a sette schiaccia con il cassino quanti ricordi ma la gioia ci ha sempre pervasi e credo che ognuno di noi la custodirà per sempre nel proprio cuore purtroppo così come si dice il tempo è tiranno e siamo giunti quasi al capolinea quest anno ci vede protagonisti di tre cose fondamentali che andremo ad affrontare l aspettatissimo viaggio d istruzione il pranzo dei 100 giorni,che indicherà la fine del nostro percorso e la cosa più importante l esame di maturità se dovessi fare un bilancio delle cose positive e negative di questi cinque anni non mi soffermerei sulle ultime,anche perché l unica cosa che rimpiango è di non essermi impegnata quanto avrei dovuto ma indipendentemente da questo non rimpiango nulla la scelta di questa scuola è stata una delle migliori decisioni che abbia mai preso perchè si è rivelata essere un ottima scuola poiché ho trovato professori preparatissimi che ci hanno davvero saputo insegnare e a livello umano e contenutistico ho trovato ottime persone che molte volte mi hanno aiutato difeso e tutelato come se fossero la mia seconda famiglia quest ultimo anno è fondamentale perchè da qui intraprenderemo una nuova fase della vita università ria o lavorativa una fase a mio rammarico che ci vede costretti a crescere e a dividere le nostre strade e ad immetterci in una strada ancora più importante io non voglio crescere perchè voi mi avete insegnato che le cose più semplici più stupide più pazze fatte nei banchi di scuola come la tensione prima di un compito le romanzine dei professori i sabati passati insieme le feste a sorpresa sono le cose più belle della vita cose che non potrò mai dimenticare quando un giorno penserò ai miei compagni di classe ricorderò quell episodio in cui eravamo tutti nel campetto di pallavolo a farci i gavettoni correvamo da una parte all altra tutti bagnati e non pensavamo ad altro solo a noi tutti insieme a divertirci e proprio quell episodio che ci ricorda quello che siamo stati quello che siamo oggi e quello che un giorno saremo la classe locandina originale del film

[close]

p. 5

pagina 5 cosenza by night di marco dodaro noi ragazzi in piena adolescenza siamo sempre in giro con gli amici per divertirci e fare nuove esperienze nella società in cui viviamo in cui ogni giorno che passa è unoccasione da non perdere cerchiamo di vivere la giornata sfruttando ogni opportunità dopo una giornata stressante tra i banchi e i libri noi ragazzi non vediamo lora di uscire per liberare la mente il fine settimana specialmente il sabato è il giorno che aspettiamo di più senza pensare alla scuola e agli altri problemi la nostra testa pensa solo al divertimento quando siamo con gli amici ogni preoccupazione svanisce e la serata inizia con leggerezza frequentiamo posti che ci piacciono luoghi adatti alle esigenze di noi giovani il sabato pomeriggio dopo aver messo a posto il look in ogni piccolo dettaglio siamo pronti per la serata che ci aspetta tra una risata e la passeggiata a corso mazzini con gli amici decidiamo sul da farsi pub o discoteca pizzeria o serata alternativa alla fine prendiamo la decisione conosciamo gente nuova facciamo esperienze indimenticabili per noi che la notte non finisce ogni istante che viviamo ci fa sentire felici vivi come se il domani non esistesse ma a volte presi dalleuforia facciamo cose sbagliate e la domenica mattina ripensiamo a quello che abbiamo detto o fatto queste giornate allinsegna del divertimento e cariche di adrenalina sono molto significative per riflettere su quello che facciamo in queste notti ripensiamo alle notti esaurite in discoteca con gli amici di una vita speriamo che ogni serata vada sempre meglio non mancano i disastri che vissuti con gli amici lo sono un po di meno per noi che viviamo questa vita in unora il sabato per noi è la giornata perfetta quella che non va sprecata in fretta ma vissuta spassandosela noi ragazzi che frequentiamo sempre gli stessi posti quelli affollati dalla solita gente cerchiamo ogni tanto di trovare un posto diverso per recuperare il tempo perso chiusi in casa a studiare il nostro cuore batte a ritmo di musica mentre vorremmo che questo momento non passasse mai anche cosenza che è una piccola città sabato notte diventa magica cosenza by night le serate dei giovani cosentini di monica cello i giovani passano gran parte del loro tempo oltre che nelle scuole con gli amici ma cosa fanno per divertirsi i ragazzi hanno vari modi per trascorrere e impiegare in modo fattivo il tempo ma molti lo trascorrono davanti ai videogiochi o alla tv mentre altri preferiscono passarlo fuori casa il più delle volte nei fine settimana a cominciare dal venerdì i ragazzi si ritrovano nelle pizzerie della città se sono ancora troppo giovani per avere la patente e quindi la macchina o in quelle dei paesini limitrofi a volte si riuniscono nei pub per festeggiare qualche compleanno o semplicemente per stare in compagnia e purtroppo bere a canna bottiglie di birra accompagnate da panini ma spesso sono più le bevande che il cibo e questo li porta ad avere comportamenti eccessivi le discoteche più frequentate nella nostra città sono il jj il queen il loft e lo shake di solito in tali locali si entra dopo le ore 23 e davanti all ingresso si formano lunghissime file per esibire il biglietto ed averlo vidimato per la consumazione compresa nel prezzo all inizio la musica non è eccessivamente alta ma verso le 24 o più diventa particolarmente rumorosa e gli animi si eccitano e si va tutti in pista a ballare freneticamente anche qui spesso si eccede con l alcol però almeno per quanto riguarda le esperienze di amici con cui si va insieme non si vedono in giro le famose pasticche di cui tanto si parla sui giornali e alla televisione forse a cosenza amiamo più il divertimento e il ballo che lo sballo una discoteca di cosenza

[close]

p. 6

pagina 6 non tutti sanno che di rita pellegrino e mariafrancesca giordano dal 1234 la città di cosenza per alcuni giorni si stringe attorno ad una fiera che continua ad incantare con i suoi aspetti folklorici popolari e semplici per nulla offuscati dalle moderne attrattive della società dei nostri tempo frammento di cultura medievale in questa calabria ricca di costumi centenari di usanze sopravvissute di tradizioni gelosamente custodite quella che oggi si presenta come sagra del sapere paesano e genuino nacque come importante iniziativa commerciale volta a rilanciare leconomia dellitalia meridionale era il mese di settembre del 1234 quando federico ii di svevia re di sicilia re di germania e gerusalemme imperatore del sacro romano impero decretò la validità dellistituzione di centri di commercio nelle terre meridionali che si affacciano verso loriente secondo la volontà dellonoratissimo parlamento e di federico ii imperatore trovò ubicazione nella città di cosenza la fiera della maddalena chiamata così in onore della chiesa consacrata alla maddalena la ove il busento scavalcato da un ponte giunge ai piedi del colle pancrazio luogo in cui si svolgerà la mercanzia documento dellepoca federico ii aveva molto a cuore la città di cosenza e si augurò che questa fiera portasse prosperità a tutto il popolo che viveva nella val di crati colle pancrazio colle pancrazio fiera di san giuseppe passarono i secoli e questo appuntamento commerciale si rafforzò edizione dopo edizione fino a quando nel 1544 dopo 310 edizione un violento terremoto colpì la città e portò alla rovina la chiesa della maddalena ma purtroppo la città di cosenza venne colpita da un altro evento molto dannoso infatti il busento straripò e distrusse il ponte che lo oltrepassava si dovettero attendere venti anni perché la fiera riconquistasse il suo splendore originale il 19 marzo del 1564 la manifestazione riapparse con lintitolazione a san giuseppe nonostante siamo trascorsi ormai 7 secoli nei giorni antecedenti la festa e il 19 marzo in particolare si respira ancora laria di quella antica tradizione innovata dalla presenza di uomini donne provenienti da ogni parte del mondo che in cambio di pochi spiccioli ci offrono ninnoli e mercanzia varia perlopiù accompagnati da sorrisi e commenti mentre lodore caratteristico dei dolciumi si diffonde dappertutto torrone appena tostato i mostaccioli dalle forme più variegate e decorati da mille colori lo zucchero filato che riesce ad entusiasmare anche i meno golosi immancabili sono anche le bancarelle dei vimini quelle dei lupini delle carrube e i famosi tipici cavallucci di formaggio che bisogna necessariamente assaggiare naturalmente tutto diventa più gustoso perché ci si muove in gruppo contenti di partecipare a questo evento che ogni anno aspettiamo impazientemente perché rappresenta un momento di aggregazione umana e sociale prima che culturale ed economica.

[close]

p. 7

pagina 7 turismo a camigliatello di giovanni guzzo nella sila grande camigliatello a 1270 metri sul livello del mare è un paesino ridente e ricco di bellezze naturali circondato come è di fitti boschi di conifere e distese verdi a pochi chilometri da tale centro si trova il lago cecita e il parco nazionale della sila camigliatello è un centro turistico conosciuto da molti e dotato di molti alberghi e piste da sci all avanguardia insomma il luogo ideale per trascorrere giornate a contatto con la natura in pieno relax di domenica arrivano pullman pieni di persone provenienti dalla puglia e dalla sicilia per loro è in centro montano più vicino d inverno ci sono molte piste da sci con bellissimi rifugi si può praticare sia lo sci alpino quello che prevede la discese che lo sci nordico noto come sci di fondo dotate di impianti di risalita moderni inotre in estate e in autunno offre infinite occasioni con numerose sagre che fanno conoscere i prodotti gastronomici tipici della zona la più famosa è la sagra del fungo che inizia i primi di ottobre e si prolunga fino a novembre in tale periodo molti sono i fungiari cioè i dilettanti della raccolta di funghi che armati di bastone e paniere si inoltrano nei boschi praticando lunghe passeggiate e raccogliendo tali profumati e prelibati prodotti ma per praticare questo sport perchè di questo per loro si tratta è necessario che abbiano un patentino che attesti la capacità di riconoscere quelli buoni da quelli velenosi e che conoscano le principali regole per tutelare i boschi si possono inoltre effettuare passeggiate per sentieri delimitati nel parco nazionale della sila dove ammirare da vicino lupi daini scoiattoli e una grande varietà di uccelli ma come ogni altra cosa del meridione si può dire che sia abbandonato alla buona volontà degli abitanti del luogo mentre i politici e la regione poco se ne interessano abbiamo dei luoghi incantevoli che tutto il resto d italia ci invidia ma non sono ben sfruttati e mantenuti con le attenzioni dovute praticamente non si fa nulla per promuovere la sila il suo sviluppo l economia e il turismo e salvaguardare l ambiente nonostante l aria della sila sia stata definita la più pulita d europa camigliatello silano adolescenza di arianna grano e serena ferraro tra le fasi della vita ladolescenza è quella più difficile si tende a non rimanere soli e ad entrare nel gruppo per farsi accettare i genitori spesso non spiegano ai ragazzi cosa fare o come comportarsi in questo periodo anzi molto spesso non capiscono rifiutano lo strano comportamento sino ad arrivare a rapporti conflittuali non tutti sono capaci di parlare apertamente con i propri genitori alcuni si sentono a disagio altri pensano solamente che loro non capirebbero mai certe situazioni o certe paure questo porta gli adolescenti a indossare una maschera a fingere di fronte alle persone che più di tutte vogliono loro bene i ragazzi allora cercano sollievo e consolazione tra gli stessi coetanei probabilmente perché pensano che si capiscano meglio e che si possano aiutare vicendevolmente ma non si può fare affidamento su persone che hanno le stesse paure anche perché molto spesso si può restare maggiormente confusi è per questo motivo che un confronto con persone adulte anche esterne al nucleo familiare può dare un aiuto importante le preoccupazioni degli adolescenti sono tante ad esempio laspetto fisico che per molte persone è il punto fondamentale per essere accettati in un gruppo influenzato soprattutto dalla televisione e dai modelli sbagliati che vengono oltremodo sponsorizzati bisogna accettarsi per essere accettati dagli altri molto spesso si nasconde la propria sensibilità alle altre persone e ciò porta a chiudersi in se stessi ladolescenza è difficile perché in qualche modo gli stessi ragazzi rifiutano i cambiamenti attribuendo spesso la colpa alla famiglia alla scuola e a se stessi tutti questi complessi possono servire a maturare fino ad arrivare al giorno in cui si capirà che questo periodo è stato vissuto male o non al meglio delle proprie possibilità vignetta raffigurante degli adolescenti

[close]

p. 8

pagina 8 il favoloso virus alla riscossa coro del pezzullo riscuote successi di emanuel mauro e martina macchione di chiara turco ultimamente gira per il ragazzi del coro polifonico del pezanche questanno i web un nuovo virus si chiama conflicker continuano la loro avventura che li vede protagozullo ed è un worm che utilizzando uno dei vari bugnisti di nuovecreaimportanti esperienze per il terzo andi windows ed un buco nelle difese del sistema e scarica illegalmente virusstato diretto daicapaci dielisa no consecutivo il coro è e programmi maestri rendere disponibile ad altri il vostro intero sistema prof.ssa palermo e fabio guagliardi e coordinato dalla ma come funziona questo virus per essere infettati basta stefania torletti possedere unasono state le esibizioni e le partecipazioni ad numerose versione di windows vulnerabile ovvero priva di firewall e antivirus vecchi territorioaggiornati che importanti eventi dislocate sul o poco calabrese successivamente il suddettoanche nel sociale ci hanno visto impegnati worm si installa automaticamente sul sistema sostituendo una parte di codice il programma 26 e 27 ottodidascalia bre 2010 didascalia partecipazione allevento cittadinanza e costituzione montepao ne lido 20 dicembre 2010 concerto di natale cattedrale di cosenza raccolta fondi devoluti in beneficenza dal file eseguibile services.exe e copiando se stesso nella cartella principale del sistema operativo della 29 dicembre microsoft successivamente il worm modifica dei regi2010 concerto stri specifici di windows e allavvio inizia a scaricare di natale paralcuni file da un sito cracker fatto questo il vostro rocchia cristo computer sarà vulnerabile ad attacchi da parte di ere cosenza stranei e inoltre questo software modificando il sistefondi devoluti in ma in sé rende difficile la sua identificazione dopo beneficenza linstallazione rende praticamente impossibile eliminarlo se non formattando lintero sistema per rendere lidea della pericolosità del suddetto virus possiamo stimare approssimatamene lestensione dello stesso 4 gennaio 2011 concerto di natale 8,9 milioni di grazie ad un sondaggio di f-secure cioèparrocchia santa maria madre per chiesa sistemi infettati dellaevitare di essere infettati abbiamo cosenza raccolta fondi 200 due opportunità spendere devo-euro al mese per avere un luti in beneficenza antivirus sempre aggiornato oppure come seconda ipotesi è di utilizzare linux un sistema operativo libero che allattivo non ha virus e ha pochissimi errori 8 gennaio 2011 partecipazione allevento mattoni di luce organizzato dall u.i.c.i cosenza teatro rendano di alessia spaccarotella 25 febbraio 2011 partecipazione allincontro rbs six nation under 20 italia vs galles stadio san vito uniamoci e fermiamo la violenza è al sicuro neanche tra i familiari nella propria famiglia e con gli amici in ognuno potrebbe nascondersi un mostro dallaspetto bonario e tranquillo e chi è fiduciosa si può sicuramente affermare che in italia si sta vivendo un periodo molto triste per tante storie che vedono ingenua ben pensante ed ottimista non vede il male e cade nella trappola per non parlare di donne che lasciacoinvolti in un modo o nellaltro dei minorenni casi di violenza che riguardano soprattutto ragazzine gli ultimi no i mariti i fidanzati o i compagni queste rischiano grosso e spesso si arriva alla strage quanti uomini uccidue casi sono quelli di sarah scazzi di soli 15 anni e due realtà piene di confronto yara gambirasio addirittura di 13 ragazzinediverse messe a dono figli mogli e familiari attorno a loro e poi si suicidagioia di vivere e di fiducia nel prossimoin alto futuro virtuale si tratta di fragilità o egoismo certo è che il ruolo e nel la donna no come tutte le adolescenti comprese noi in basso una vera donnadebole è quello delle donne l8 marzo è la festa che scriviamo più e le nostre compagne di scuola vengono i brividi al solo della donna ma non basta la mimosa a festeggiarla pensiero che che possa succedere qualcosa di brutto per dare un senso a questa giornata si devono unire a ad una di noi mentre con serenità percorriamo il nostro noi gli uomini tutti gli uomini per bene non possiamo cammino della vita sognando le cose belle che dovrebfarcela da sole perché lamore batta lodio perché il bero costellare il futuro dei giovani.sarah amava le rispetto sia la misura della civiltà non possiamo essere in balia di matti ognuno di noi è yara ognuno di noi è feste gli amici e lidea dellamore yara amava la ginnasarah stica artistica le sue amiche e lo sport e proprio mentre tornava dalla palestra qualcuno lha presa e portata via cosa le ha fatto pare non labbia violentata nel senso sessuale del termine ma lha violentata il diritto di nellanima e lha torturata con un coltello il suo corpo è essere stato trovato a dieci chilometri da casa forse si era minori fidata di un conoscente come sarah si era fidata degli zii e della cugina eppure in casa loro ha trovato la morte e lo zio ha nascosto il suo corpo viviamo in un mondo davvero crudele esiste gente senza scrupoli non si di maria lisa mancuso e rosy filice

[close]

p. 9

pagina 9 pezzullo in scena di 5 alst giorno 11 dicembre 2010 il pezzullo ha compiuto 100 anni un pezzo di storia della nostra città che ha visto tante generazioni succedersi e tanti professionisti affermarsi un fiore all occhiello del nostro territorio è stata definita la nostra scuola nella memorabile celebrazione che ha visto intervenire tanti esponenti illustri del mondo religioso politico e sociale la giornata ha preso inizio con la benedizione da parte dell arcivescovo monsignore salvatore nunnari di una lapide in memoria e lode del padre diocesano giovanni pezzullo a cui l istituto è intitolato tra la gioia e la commozione di tutti i presenti il dirigente scolastico dr.ssa carla savaglio particolarmente felici gli alunni i pezzulliani i veri protagonisti dell evento che con il loro grande impegno tra musica arte e teatro hanno fatto sì che la giornata divenisse straordinaria un ringraziamento speciale va agli ex dirigenti scolastici presenti alla cerimonia che con il loro duro lavoro hanno permesso al pezzullo di essere la realtà di oggi infine a ricordo della figura di g.pezzullo e delle tappe più significative dell istituto è stata allestita degli studenti coordinati dalla prof.ssa paola branca una mostra bibliografica e documentaria grazie soprattutto al notevole materiale fornito dai padri minimi ai monti di roma e alla biblioteca del m.i.u.r l arcivescovo monsignore salvatore nunnari pezzullo in canto di maila turano abbiamo celebrato questa giornata come un giorno di festa in tutto l istituto tutti ci siamo impegnati affinché in questo giorno tutti capissero un po la storia di questa scuola sconosciuta agli studenti i ragazzi che hanno organizzato quest evento hanno messo a disposizione tanto lavoro e impegno affinché questo import ant e in contr o a n dass e a buon fine i gruppo musical si sono preparati nel settore del canto e della danza ben seguiti da due bravissime professoresse dell accademia harmonic i cantanti hanno aggiunto alla preparazione al canto anche lo studio della dizione importantissima per comunicare anche nel canto questa manifestazione è iniziata con la benedizione della targa all ingresso della scuola da parte del vescovo in seguito il coro polifonico ha accolto tutta la popolazione con l inno del pezzullo e con musiche varie il dirigente scolastico carla savaglio ha aperto il dibattito dove sono intervenuti gli ex presidi della scuola l intitolazione a giovanni pezzullo serve per ricordare questo frate cappuccino originario di cosenza che si è dedicato a beneficiare i ragazzi meritevoli questa scuola è stata aperta nel 1910 sotto il nome di istituto tecnico commerciale giovanni pezzullo all inizio vedeva iscritti pochissimi studenti l edificio fu ben arredato ma a causa della mancanza di locali adeguati fu costretto a vivere separato il 1966 venne finalmente riunito in un unico edificio dopo il dibattito è stato proiettato un video realizzato dai ragazzi della scuola e la rappresentazione del musical che ha trattato un po il tema dell adolescenza e delle varie esperienze che si affrontano sui banchi di scuola infine la manifestazione si è conclusa con un buffet coro polifonico della scuola

[close]

p. 10

pagina 10 pagina 10 pezzullo a dublino di maila turano gli studenti a dublino unica loccasione che solo 40 ragazzi di questistituto hanno potuto vivere entrando nella graduatoria per la vacanza-studio a dublino questi ragazzi infatti non hanno solo visitato lirlanda come ci si limita nelle solite vacanze ma hanno potuto approfondire bene linglese importante ed educativo è stato il loro cammino dove hanno appreso meglio questa lingua che ormai è la lingua più importante a livello mondiale studiare con professori di madre lingua è stato di certo difficile ma in questi 20 giorni hanno saputo cavarsela alla meglio riportando buoni risultati allesame finale trinity i ragazzi alla fine dei loro studi hanno infatti dato un esame in base alla loro preparazione naturalmente insieme allo studio hanno visitato varie parti dirlanda e hanno potuto conoscere la gente del posto molto calorosa ed educata con tutti da visitare è la cattedrale di san patrizio il trinity college la sua biblioteca è una delle più importanti biblioteche di ricerca nel mondo e possiede la più vasta collezione di manoscritti e di libri in irlanda il bellissimo castello di kilkenny galway i giardini di powerscourt belfast interessante è stata la visita alla fabbrica guinnes dove i ragazzi hanno ascoltato con interesse la storia della birra le differenti fasi della produzione la sera intrattenevano il loro tempo svolgendo delle attività molto divertenti la serata movie prevedeva la visione di un film in lingua inglese l irish dance invece era una serata dedicata al ballo di musica irlandese con maestri del posto la serata bowling e quella disco dublino è un posto favoloso con molto verde con molta simpatia e purtroppo con molta pioggia la terra dei folletti se possiamo definirla così è piena di tradizioni e credenze che incantano tutti queste vacanze oltre che essere tempo di svago e di divertimento sono state unoccasione per impararsi a conoscere e per conoscersi per crescere e soprattutto per maturare culturalmente un esperienza bellissima che sono sicura tutti ricorderanno come un bel ricordo e un importantissimo viaggio di informazione.

[close]

p. 11

pagina 11 ferrari f150 al via la nuova stagione di alessandro giordano quindi questo deve essere l anno della svolta lo ribadisce anche il presidente luca cordero di montezemolo bisogna ritornare a vincere perché una squadra come la ferrari merita di essere protagonista la scorsa stagione fernando alonso pur avendo conseguito brillanti risultati in tutte le gare alla fine per la strategia sbagliata dei tecnici e la lentezza della macchina non ha ottenuto la ormai ritenuta consequenziale vittoria manca poco all inizio della stagione e la ferrari come tutte le altre scuderie ha effettuato i primi test mantenendosi nelle prime posizioni grazie alle ottimali condizioni delle vetture sarebbe opportuno e tutti ce lo auguriamo che nel 150°anniversario dellunità ditalia anche la ferrari simbolo sportivo della nostra nazione nel mondo faccia la sua bella figura la nuova f150 il 28 gennaio è iniziata ufficialmente la nuova stagione della ferrari sono stati riconfermati i piloti dello scorso anno lo spagnolo fernando alonso e il brasiliano felipe massa molte sono le aspettative per questa stagione si spera di recuperare il titolo piloti che lo scorso anno è stato assegnato al tedesco sebastian vettel massa e alonso sono molto motivati si prefiggono di portare avanti una buona stagione per riscattare quelle precedenti infatti è dal 2007 che la ferrari non porta a casa un titolo in quell anno fu kimi raikoneen a vincere il campionato il cavallino della ferrari rossi con la rossa un binomio tutto italiano di alessandro giordano dopo tanti anni di successi ottenuti maggiormente con moto di marca straniera come honda e yamaha valentino rossi a 32 anni suonati può finalmente coronare il suo sogno guidare una moto italiana la ducati il nove volte campione del mondo vuole portare al successo la squadra che fino all anno scorso l aveva come rivale una moto diversa da tutte le altre come ha detto lo stesso rossi che richiede ancora più responsabilità e si considera felice come un bambino perché finalmente gareggia con una moto italiana varcata la soglia dei 30 anni il dottore ovviamente non è più un giovanotto ma ha ancora tanta voglia di dimostrare che il suo regno non è ancora finito nonostante gli infortuni infatti soprattutto nell ultimo anno valentino rossi ha subito una frattura scomposta ed esposta alla tibia e perone della gamba destra e anche la spalla gli dà sempre fastidio l anno scorso ha rischiato davvero di dire addio alle moto vista la gravità dell infortunio ma invece lui da vero gladiatore ha lottato e ha bruciato i tempi di riabilitazione in modo incredibile ed è tornato in pista per le ultime gare cosi da fare intendere che lui a stare fermo non ci pensa proprio quest anno visti i primi test effettuati dal pluricampione italiano sembra che sia un po arrugginito colpa dell infortunio alla spalla ma è importante cominciare bene la stagione probabilmente la ducati sarà l ultima spiaggia di valentino rossi a noi italiani fa molto piacere vedere un italiano in sella ad una moto italiana ma per farci veramente felici deve vincere ancora e conoscendo la sua caparbietà e il carattere volitivo siamo sicuri che ritornerà a farci sognare valentino rossi in sella alla sua nuova moto

[close]

p. 12

pagina 12 progetto tedy il pezzullo sbarca ad exeter di deborah molinaro gli studenti a stonehenge anche quest anno il progetto leonardo ha offerto la strepitosa e irripetibile opportunità di lavorare e seguire corsi di inglese a 30 ragazzi dell istituto il 7 novembre 2010 da lamezia terme è decollato l aereo che li ha portati a vivere questa magnifica esperienza atterrati a londra si sono diretti verso exeter la città che li ha ospitati per due settimane i ragazzi hanno alloggiato in famiglia e dopo una settimana di corso hanno dimostrato le loro capacità nel mondo del lavoro dove si sono ritrovati a servire aiutare o semplicemente a conversare con persone che parlavano solo inglese i lavori erano per la maggior parte a scopo benefico molti sono capitati nei famosi e molto organizzati charity shops ovvero negozi di articoli di seconda mano molto popolari e visitati in inghilterra altri invece hanno lavorato presso negozi di musica ed elettronica così facendo hanno imparato molto sulla cultura e sulle abitudini inglesi i nfatti per gli anglosassoni sono molto importanti l ordine la precisione e il rispetto dell ambiente essi cercano di non fare sprechi ed è molto diffusa e praticata la raccolta differenziata rispettano le regole e hanno uno spiccato senso patriottico a volte possono sembrare snob ma non è così anzi verso i ragazzi si sono rivelati molto ospitali e disponibili oltre al lavoro c è stato anche il divertimento infatti la globe english centre di exeter scuola dove si sono tenuti i corsi ha organizzato serate in discoteca al bowling e al pub oltre alle costruttive visite in città ricche di storia come bath dove hanno fatto visita ai bagni romani plymouth stonehenge dove hanno ammirato il soprendente sito archeologico e alla cattedrale di salisbury alla fine delle attività i beneficiari del progetto riceveranno l europass ma la cosa importante è che per la vita faranno tesoro di questa opportunità che la scuola gli ha offerto i ragazzi in visita allacquario di plymouth sopra serata al bowling a sinistra centro di exeter

[close]

p. 13

pagina 13 pezzullo teatro e passione di samuel ferriolo e serena ferraro sono ormai dieci anni che al pezzullo si fa teatro dal 2001 a oggi son passati attraverso questa esperienza interessante e costruttiva tantissimi ragazzi e ragazze che ancora oggi ricordano con affetto e nostalgia le riunioni le prove gli stress le soddisfazioni e tutto quanto fa parte di un progetto così variegato a occuparsene sono state le proff rosellina scarpino e anna maria fabiano il gruppo inizialmente denominato pezzullos gramales è oggi costituito in laboratorio teatrale e di animazione scenografica con levidente allusione alla nostra capacità progettuale da mettere in gioco attraverso propositività e partecipazione attiva inizialmente si è dato ampio spazio al vernacolo soprattutto attraverso lopera di ciccio de marco il celebre poeta e scrittore calabrese emigrato a milano come tanti intellettuali che coinvolge il pubblico con la sua ironia le battute allapparenza scontate ma in realtà profonde e la calabresità sempre viva e scoppiettante non è mancata però una rappresentazione di michele de marco in arte ciardullo ossia la simpatica commedia 48 `u muartu chi parra con il suo particolare vernacolo daltri tempi e le atmosfere antiche man mano che è passato il tempo non si sono trascurati altri aspetti e altri autori di teatro con giovanni verga il gruppo si è addentrato in un altro percorso più approfondito nel 2004 cavalleria rusticana ha riscosso grande successo al teatro acquario anche per la partecipazione del soprano giuliana tenuta che ha doppiato santuzza recitata da rossella barone tanto che lo scorso anno si è deciso di continuare con verga replicando cavalleria rusticana ma con aggiunta di altri brani lirici come il brindisi e aggiungendo la difficile realizzazione de `la lupa entrambe sono state un successo al teatro morelli con attori anche esterni al pezzullo antonella ferrari nel ruolo de la lupa e alfredo giordano ex allievo del pezzullo nel ruolo di nanni lasca nel 2008 il gruppo si è cimentato in una impresa particolare ossia la mescolanza tra letteratura e teatro portando in scena al teatro italia lopera dello scrittore americano raymond carver conosciuto come il padre del minimalismo americano lo spettacolo culturale con ragazzi e ragazze vestiti in jeans e camicia bianca ha dato vita a un dibattito in quanto per alcuni il lavoro era apparso troppo denso e concettoso per altri invece originale e soprattutto innovativo infatti si raccontava la vita di carver attraverso le sue opere stralci ovviamente e la biografia dellautore e avveniva una sorta di meta teatro che di certo accresceva la capacità critica e culturale degli allievi e creava una sorta di suspense culturale di questa esperienza si è parlato anche a tele italia presenti gli allievi josè zupi alessia vanni erika iuele e alessandro cozza che hanno affrontato il tema del minimalismo letterario e della vita povera ai margini dellamerica grande e ricca di cui abbiamo solo una vaga percezione.a proposito di alfredo giordano ex allievo del pezzullo ma rimasto fedele al progetto nellanno in corso è stato scelto come aiuto regista la sua bravura sia come attore sia come regista è fuori discussione questanno abbiamo scelto eduardo de filippo dopo un tentativo però non andato in porto di rappresentare `gli esami non finiscono mai troppo difficile essendoci nel gruppo ragazzini alla prima esperienza si è pensato di lavorare su `ditegli sempre di sì e pericolosamente due atti il primo sul tema della follia anche se in chiave farsesca e un atto unico breve il secondo che rappresenta una vicenda coniugale estrema con il ricorso al pirandelliano paradosso parallelamente lavoriamo però ancora su ciccio de marco riproponendo i due atti sfiziosi di gioia `e mamma già rappresentati in passato ricordando il successo riscosso da questa opera inedita di de marco che non è stata probabilmente rappresentata altre volte meno nota delle altre ma non meno interessante per quadretti personaggi e situazioni quelli che frequentano il laboratorio teatrale questanno oltre ai citati antonella ferrari studentessa universitaria ex liceo pitagora esperta nel settore scenografico e alfredo giordano aiuto regista sono daniela carelli arianna grano marco pellegrino salvatore sturino domenico mazzotta mario nicoletti samuel ferriolo 2° a liceo tecnico iosè zupi alesandro vanni umberto azzinnaro 2° b liceo scientifico anna mary palmieri elvira magnelli 5° a liceo tecnico simone giordano beatrice greco 1° b liceo scientifico antonio librandi 3° c programmatori noemi guido 4° d liceo tecnico carmen piattelli adele de rose 4° a igea giuseppe papalino ex allievo pezzullo anche lui fedelissimo naturalmente infine la prof anna maria fabiano coordinatrice del progetto noi a teatro ci divertiamo stiamo assieme per imparare a rispettarci per accettare i ruoli assegnati e per sentire comune un progetto che se pure si suddivide in parti e ruoli ­ alcuni più impegnativi ­ ,resta sempre un percorso che ci fa sentire ununica anima divertendoci impariamo tante cose entriamo nel magico mondo dello spettacolo dove tutto ha senso dove un errore è fonte di miglioramento dove le regole da rispettare sono un gioco attraverso il quale si comprende il valore dellaggregazione e dellimpegno onesto e fervido durante le prove alterniamo la parte seria a quella più giocosa non mancano le battute o le imitazioni o le risate ma tutto avviene in un clima essenzialmente serio e proficuo quando uno di noi migliora tutti ne siamo contenti e quando necessita una mano siamo pronti a porgerla luno allaltro avvertiamo il fascino della maschera del travestimento delle scene del retroscena delle luci del movimento scenico ci rendiamo conto di come teatro e vita siano in fondo due facce della stessa medaglia e infine ci ritroviamo arricchiti e migliorati anche nella nostra personalità che dovendo superare prove dietro prove è per fora di cose portata a una maggiore auto consapevolezza vi aspettiamo dunque il 24 e il 25 maggio prossimi al teatro italia intervenite numerosi e supportateci con i vostri calorosi applausi anche quando siamo imperfetti perché in fondo siamo solo ragazzi e non attori professionisti oltre noi troverete come lo scorso anno il soprano giuliana tenuta e la pianista manuela romanelli nonché una scenografia allettante nella quale riposare lo sguardo.

[close]

p. 14

pagina 14 assasin s creed brotherhood di alessandro fazio la storia riprende da dove si era concluso assasin s creed 2 ezio auditore fugge dal vaticano con lo zio mario subito dopo aver sconfitto rodrigo borgia ed essere entrato nella cripta dove minerva attraverso di lui invia un messaggio a desmond miles rovare tutti i templi con i frutti dell eden prima del 21 dicembre 2012 tuttavia il giorno dopo il ritorno di ezio ,montereggioni le truppe papali guidate da cesare borgia assediano la città gran parte della villa auditore e di monteriggioni vengono danneggiate e lo zio mario muore ucciso proprio per mano di cesare ad ezio non rimane che tornare a roma e sconfiggere i borgia una volta per tutte nel frattempo shaun rebecca e lucy e desmond giungono a monteriggioni tentando di giungere nelle segrete di villa auditore ma non riescono a entrare perché il passaggio è bloccato una volta entrati grazie ad un altro passaggio segreto scoperto da desmond quest ultimo rientra nell animus e torna ad accedere ai ricordi del suo antenato italiano ciò che ezio trova a roma va al di là di ogni sua aspettativa la città eterna è avvolta dal degrado per via della politica egoista e spietata dei borgia che soffoca e rovina tutta la città ad ezio quindi spetterà il compito di liberare tutte le zone di roma oppresse dai borgia locandina del videogioco distruggendo le torri tramite cui la famiglia del papa controlla la città e contribuendo così alla rinascita delle botteghe e il rilancio di monumenti importanti come il colosseo il colle palatino contemporaneamente ezio dovrà ricostruire la setta degli assassini ormai quasi estinta aiutando le persone in difficoltà e perseguitate dagli uomini dei borgia ezio potrà reclutarli come assassini e potrà richiedere il loro intervento in qualsiasi momento tranne mentre svolgerà missioni secondarie ronaldo il fenomeno dice addio al calcio dopo tante magie di alessandro giordano lex giocatore di molte squadre europee appende gli scarpini al chiodo dopo una carriera fatta di tanti successi la conferma è arrivata il 14 febbraio durante una conferenza stampa organizzata dallo stesso fenomeno in lacrime nel dare lannuncio una carriera bellissima e straordinaria come ammette il brasiliano che sarebbe dovuta continuare ancora ma il suo fisico non gli permette di muoversi come vorrebbe infatti nel corso della conferenza dichiara che da quando è passato al milan si è ammalato di ipotiroidismo malattia che lo porta ad ingrassare in maniera smodata cosa non adatta ad un atleta che deve muoversi con agilità un altro motivo che lo ha portato a questa decisone è stato il moltiplicarsi degli infortuni che lo hanno condannato sin da quando ha iniziato la sua carriera nel 1993 con il cruzeiro squadra brasiliana qui ha dimostrato di avere grande talento e classe segnando 12 reti in 14 presenze e ha aiutato la squadra a vincere la coppa del brasile un anno dopo è passato al campionato olandese tra le file del psv eindhoven dove in due stagioni ha messo a segno 42 gol in 46 partite confermandosi un vero e proprio bomber nel 1996 non ancora ventenne è passato al barcellona dove ha vinto il primo trofeo internazionale e il fifa world player con 47 reti in 49 partite una macchina da gol successivamente nel 1997 si è trasferito in italia indossando la maglia dell inter segnando 25 gol e vincendo il primo pallone doro nel 1999 durante la partita contro il lecce si è lesionato il tendine della rotula destra cosa che lo ha tenuto lontano dai campi di calcio per sei mesi dopo tale periodo durante la partita contro la lazio il tendine si è spezzato completamente in questa occasione si è temuto davvero che il brasiliano non avrebbe più messo piede in un campo di calcio ma con grande coraggio è ritornato a giocare segnando 49 gol in 68 gare nel 2002 per incomprensioni con la società neroazzurra è passato al real madrid nello stesso anno è stato il protagonista assoluto dei mondiali realizzando 15 reti in 19 partite con il suo brasile nel 2002 con il real madrid ha ripreso a segnare e soprattutto a vincere ottenendo per la seconda volta il pallone doro e per la terza volta il fifa world player nel 2004 è inserito da pelè nella fifa100 la lista dei 125 migliori calciatori viventi ritornato in italia approda al milan a questo punto scopre di avere una malattia alla tiroide perché da qualche tempo ha cominciato ad appesantirsi non può più essere quello di prima forse a causa del suo peso durante la partita milan-livorno ancora una volta si rompe il tendine della rotula questa volta del ginocchio sinistro altri sei mesi di stop con una grande forza di volontà il fenomeno nel 2009 ritorna in brasile nel corinthians realizzando 18 gol in 31 partite di ronaldo ricorderemo il suo grande senso del gol dotato di tecnica freddezza straordinaria e soprattutto un grande coraggio grazie fenomeno!

[close]

p. 15

pagina 15 la redazione redattori emanuel mauro antonella passante marco dodaro monica cello rita pellegrino mariafrancesca giordano giovanni guzzo arianna grano serena ferraro alessandro fazio samuel ferriolo chiara turco martina macchione marialisa mancuso rosy filice maila turano capo redattore deborah molinaro alessandro giordano

[close]

Comments

no comments yet