Giornalino Agosto 2015

 

Embed or link this publication

Description

Giornalino Agosto 2015

Popular Pages


p. 1

ACCADEMIA DELL’INFORMAZIONE CULTURALE RELIGIOSA www.parrocchiacittadella.it Giornalino Foglio interno della parrocchia “San Francesco di Paola” e del gruppo Poeti Nostri di Cittadella del Capo in Comune di Bonifati Numero straordinario mese di AGOSTO 2015 Parrocchia di Cittadella del Capo LA FESTA VOTIVA IN ONORE DEL CELESTE PATRONO SAN FRANCESCO DI PAOLA Si è svolta, come di consueto nella terza domenica d’agosto, il giorno 16 del corrente mese. Ecco l’introduzione del manifesto presentato dal parroco: Carissimi fedeli, l’annuale festa del nostro celeste Patrono San Francesco di Paola sia motivo di esultanza nel Signore perché San Francesco si è fidato di Dio dandoci un esempio di vita autenticamente cristiana ed evangelica. La festa di San Francesco impegni tutti noi a vivere questo momento di gioia come ulteriore occasione di conversione del cuore, non sprecando le occasioni di santità che il Signore pone sul nostro cammino. Ci aiuti a vivere la celebrazione camminando con la Chiesa oggi e non con l’atteggiamento nostalgico di chi sa guardare solo indietro. Voglio dire che le tradizioni hanno un valore, ma solo se corrispondono alla sensibilità e alle esigenze della Chiesa di oggi. Il Santo Padre continua a ripeterci che la Chiesa non è un museo da visitare ma una comunità che vive il suo tempo, ed è nel tempo di oggi che siamo chiamati a rendere presente il Vangelo della gioia e della speranza che Gesù ci ha affidato e che San Francesco ha testimoniato con la sua vita. Su queste speranze auguro a tutti di vivere la festa nella gioia del Signore, che ci dona la sua benedizione con le parole stesse di San Francesco: “Vi accompagni sempre la grazia di Gesù Cristo benedetto che è il più grande e il più prezioso di tutti i doni”. Can. Don Giovanni Celìa Dal 7 al 15 agosto si è svolto il novenario, con solenne inizio attraverso la processione della statua dalla chiesa di San Michele alla “Casa Vannina”, la celebrazione della santa Messa nell’anzidetta sede di riposo per anziani, ed il corteo alla chiesa madre. Infine ha avuto luogo una fraterna agape nel piazzale Madonna di Fatima adiacente alla matrice. Nel periodo del novenario si sono svolte le seguenti giornate particolari: domenica 9 agosto sante messe alle ore 8, alle 9 e alle 19,30; giovedì 13 agosto alle ore 22 Adorazione Eucaristica e Confessioni; sabato 15 agosto, nella solennità dell’Assunzione della Beata Vergine Maria, sante messe alle ore 8, alle 9 e alle 19 e processione dalla chiesa parrocchiale al lungomare con sosta di preghiera presso il monumento del Santo. Infine fiaccolata dalla passeggiata “San Francesco” alla chiesa madre. Domenica 16 agosto santa messa alle ore 8 e di seguito processione dalla matrice al rione Parise, dove l’imbarco a mare non si è potuto effettuare (per disposizione della guardia costiera) a causa delle non buone condizioni atmosferiche. Il trasferimento sulle barche fino alla marina non si è quindi svolto, come altre volte accaduto in anni passati. Al termine della processione si è svolta una santa messa nella chiesa madre. Alle ore 19 ha avuto luogo una solenne concelebrazione eucaristica presieduta da S.E. Mons. Giuseppe Fiorini Morosini, arcivescovo metropolita di Reggio Calabria. Altamente espressiva la sua omelia. Hanno concelebrato il nostro parroco can. don Giovanni Celìa, il can. don Luigi Gazzaneo di Cetraro e Fra Luigi Lorusso dei frati Cappuccini di Ponte a Poppi (Arezzo). Infine è avvenuta la consegna delle chiavi al Santo Patrono da parte del sindaco Antonio Giovanni Mollo. Durante le processioni la statua è stata portata da numerosi fedeli in maglietta candida, coordinati come al solito dal signor Roberto Magurno (a essi e a tutti gli altri collaboratori il parroco ed il consiglio pastorale hanno espresso affettuosi ringraziamenti). Nei rioni visitati, i balconi erano riccamente addobbati e le strade pavesate a cura dell’amministrazione comunale. Nei giorni 15 e 16 agosto ha prestato servizio il complesso bandistico Francesco Cilea - Città di Verbicaro, e sono stati fatti brillare fuochi artificiali dalla premiata ditta Russo di Agropoli (SA). La chiesa è stata addobbata dal paratore Domenico Montagnese di Laureana di Borrello (RC). p.f. LA STATUA DI SAN FRANCESCO DI PAOLA Quando tu scendi a piedi al lungomare la statua da lontano già ti appare e se miri a ogni passo che tu fai essa cresce alla vista, e cresce assai, se dentro ben ascolti, anche nel cuore dove t’infonde pace e insinua amore; cari amici non so se pure a voi, ma a me la statua agli occhi cresce e poi, nel cuor essa crescendo a dismisura, vi fa nascere gioia immensa e pura; non so se pure voi allor che andate giù verso il mare il Santo lo pregate, io umilmente sì, sempre lo invoco: San Francesco, proteggi - non è poco il paese del quale figlio sono e del quale Tu sei Santo Patrono. Pasquale Filippelli

[close]

p. 2

LA SERATA ANNUALE DELL’ASSOCIAZIONE “RADICI” si è svolta nella tarda serata di lunedì 17 agosto nella corte di palazzo del Capo, presenti il presidente onorario dott.ssa Maria Antonietta Ferrari, il presidente Luigino Fiorillo, il segretario Pasquale Rugiero, altri numerosi soci e un gran numero di spettatori. Fra i premiati di quest’anno l’ambasciatore Olindo D’Agostino e il maestro strumentista di armonica e di pianoforte Massimiliano De Aloe, originari di Cittadella del Capo. Premiate anche: la dott.ssa Elina Sanguedolce De Gregorio, già sindaco di Bonifati per tre mandati consecutivi (record di durata) dal 1978 al 1993); la benemerita casa di riposo per anziani “Vannina” funzionante a Cittadella e gestita dai fratelli Valter e Francesca Presta. A proposito della sede che annualmente ospita la soirée agostana dell’ associazione “Radici”, ci piace riportare il componimento che la coordinatrice del gruppo “Poeti Nostri” Maria Rosaria Marra elaborò tantissimi anni orsono e incluse nel volume “Meteore” del 2003 in onore dell’antica e splendida struttura turistica cittadellese: PALAZZO DEL CAPO Estasiata mi perdo nell’immensa distesa che d’azzurro s’ammanta, mentre l’occhio guarda incantato Palazzo del Capo, che superbo si erge a torre e si riflette nel verde smeraldo di cristallo, incastonato nella roccia come un immenso corallo, attorniato da gabbiani che volano liberi in alto e dal verde misto della costa; quasi lambito dal mare. Passa una vela e ondeggia lieve è zefiro che la sfiora, arriva acre l’odore di salsedine e inebria i miei pensieri mentre il sole silenzioso mi fa l’occhiolino e si tuffa nel mare. Maria Rosaria Marra PROVERBI E DETTI DIALETTALI del territorio del Comune di Bonifati È il titolo del libro che nel 2010 ha pubblicato (Titan - Roma) il comm. Luigino Fiorillo, presidente dell’associazione “Radici” dei bonifatesi, cittadellesi e torrevecchiesi residenti nella capitale e in altri luoghi d’Italia. Ha scritto l’autore nell’introduzione << E ora mi rivolgo a te caro giovane lettore: spero che la lettura di questi proverbi possa offrirti spunti di riflessione, ma anche di divertimento. Soprattutto possa svegliare in te l’orgoglio di riacquisire e di custodire i valori universali di un sano ambiente familiare, culturale e sociale. Sarei felicissimo se questo piccolo lavoro potesse rappresentare un motivo in più per coltivare un buon rapporto con i luoghi ove sono nati e cresciuti i tuoi cari. Infine, mi permetto di darti un suggerimento, caro lettore: cita con orgoglio e vanto, ma con garbo e senza eccessiva enfasi, il proverbio più aderente all’argomento che stai trattando, nel dialetto “bunifatàru”, “capajùu” o “turravecchiàru”: risulterà più efficace la tua esposizione! >> Fiorillo ha riportato tanti proverbi e detti del nostro territorio. Eccone uno: Billu mariti mia, billu mi pari, sì vicchiu e ha persu i santiminti, curtìvi ‘a terra i l’autri e non bìdi ca ‘a tua resta massèta. Traduzione letterale in lingua: Bel marito mio, mi sembri bello, sei vecchio e hai perduto i sentimenti, coltivi la terra degli altri e non vedi che la tua resta incolta. Significato: caro marito, cerchi amore presso altre donne e non badi alla mia solitudine. Distribuito dalla famiglia il Ricordino VINCENZO GIUNTI 30 marzo 1925 - 12 giugno 2015 “Ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede” E ricordati, io ci sarò. Ci sarò su nell’aria. Allora ogni tanto, se mi vuoi parlare, chiudi gli occhi e cercami. Ti risponderò nel silenzio. Inaugurato a Cittadella del Capo il LARGO DELLA GUARDIA COSTIERA Invitati con manifesto dal sindaco di Bonifati e dal presidente del gruppo ANMI (Associazione Nazionale Marinai d’Italia) di Cittadella-Bonifati, numerosi cittadini e villeggianti hanno presenziato il 20 luglio alla cerimonia inaugurale del Largo della Guardia Costiera sito al termine orientale della passeggiata lungomare “San Francesco di Paola” di Cittadella del Capo. La manifestazione ha avuto inizio alle ore 9 in piazza Marinai d’Italia con il concentramento di Assodarma, Gruppi ANMI e Gonfaloni. Alle 9,15 è stato effettuato l’alzabandiera, quindi è stata deposta una corona d’alloro presso il monumento dei Caduti del mare. Alle 9,30 si è svolto il corteo verso la chiesa madre. Dalle ore 9,45 alle 10,45 è stata celebrata la santa Messa a cura del can. don Luigi Gazzaneo, parroco di Cetraro “San Pietro Apostolo”. Di poi s’è ricomposto il corteo per il lungomare. Alle ore 11 si è proceduto, da parte della patronessa ANMI e coordinatrice del gruppo cittadellese dei Poeti Nostri Maria Rosaria Marra, alla lettura della stupenda pagina “Ricordando Matapan” che qui di seguito riportiamo. << Per ricordare il 72° anniversario di Capo Matapan, quando nella notte del 28 marzo 1941 morirono 2308 Marinai Italiani.

[close]

p. 3

Non un raggio di sole, non una croce, non un fiore adornano il fondale sabbioso del mare che è il tuo giaciglio, Marinaio Italiano. Le alghe ondeggianti per il tuo capo fungono da guanciale e mentre dormi il tuo lungo sonno sei cullato dolcemente dalle correnti… I Marinai addormentati giacciono ora sparsi su di un letto di sabbia ora ancora prigionieri tra le lamiere incrostate e contorte delle paratie dei compartimenti stagni; il loro acqueo sepolcro è fatto di lastre metalliche deformate arroventate, squarciate, sventrate, insanguinate… questi compartimenti in pochi attimi sono divenuti casse di risonanza di urla disperate raccapricciante orrendo scenario frutto dell’umana assurda follia chiamata guerra! Ecco cosa è rimasto di queste Regie Navi, queste Unità da diecimila tonnellate di dislocamenti possenti, temibili veloci… questi ignari giganti d’acciaio su cui all’improvviso nella notte buia si sono abbattuti i colpi da 381mm tirati a bruciapelo dalle corazzate britanniche sono implosi esplosi incendiati spezzati capovolti e colati a picco nel cuore della notte in pochi minuti… I superbi Regi Incrociatori della I Divisione sono ridotti ad ammassi informi di lamiere sono adagiati per sempre sul fondo del Mediterraneo… sugli scafi possiamo ancora leggere i loro NOMI: “FIUME”, “POLA”, “ZARA” e gli stemmi di ciascuna di queste stupende città marinare dell’Istria Italiana costituiscono ancora oggi lo splendido acrostòlio che adorna la sommità delle prore. Marinai d’Italia, i delfini amici dell’uomo sin dalla notte dei tempi vi sono vicini e vi recano il loro saluto! Oh mite delfino, ti prego, accogli questa mia accorata supplica: porta ad ogni Marinaio caduto lo sguardo fiero e ammirato del padre, la carezza affettuosa della mai rassegnata madre, dell’amata sposa il dolce bacio e del pargolo il lieto abbraccio filiale. Porta un fiore che rechi il soave profumo dall’amata Terra Italiana a tutti i Marinai caduti e dispersi nella fredda notte del 28 marzo 1941! Di ciascun componente di questi valorosi Equipaggi non conosco il nome ma ti chiedo, fidato delfino, riferisci loro questo breve messaggio: più di settant’anni sono trascorsi da quella tragica notte in cui della morte diveniste facile e repentina preda ma custodiamo ancora gelosamente imperituro ricordo del vostro sacrificio nei nostri cuori. Onore a voi, prodi Marinai d’Italia! Marino Miccoli (nato nel 1966) >> Si sono poi svolte la scoperta della targa per la benedizione e le allocuzioni del presidente del gruppo ANMI Marcello Filaci, del comandante Circomare di Cetraro Andrea Chirizzi e del sindaco Antonio Giovanni Mollo. Infine la preghiera del marinaio a cura di Marco Marra del Circomare di Cetraro, al cui termine è stato effettuato dalla motovedetta il lancio di una corona di alloro. Il pranzo di gala ha avuto luogo presso il ristorante Baia del Capo sulla passeggiata lungomare “San Francesco di Paola”. A fine pranzo i gruppi ANMI di Cittadella e di Battipaglia si sono scambiati i rispettivi crest per cementare i loro rapporti amicali. Numerosi i rappresentanti militari e civili che hanno partecipato alla manifestazione. Tra essi il comandante la stazione carabinieri di Cittadella Alfredo Fedele, il consigliere comunale arch. Marina Cristofaro e l’agente della polizia locale Sandro Rugiero, il maresciallo in quiescenza dell’esercito Salvatore Iemma, vari soci del gruppo ANMI cittadellese fra i quali il vicepresidente Roberto Fiorillo, il portabandiera Gioacchino Lospennato, Franco Lospennato, le patronesse Maria Rosaria Marra e Aida Iannella, assieme ai marinai del Circomare di Cetraro (il già citato Marco Marra e Annabella Pierri). Ha partecipato all’evento un gruppo di soci ANMI provenienti da Battipaglia, guidati dal presidente Giuseppe Viola. Tra i rappresentanti delle associazioni, il presidente ed il segretario del circolo culturale di Bonifati-Cittadella “Città di Fella”, Giuseppina Bevilacqua e Massimo Converso. Hanno collaborato: l’avvocato Fabrizio Sbarra con l’offerta a dimora di una pianta di ficus e di vari cespugli floreali (lantane, lavande, agapanto, eccetera); l’artista Luciana De Benedittis che ha adornato il muretto con ciotole laccate, stelle marine e diverse conchiglie; l’universitaria Nietta Filaci per l’ottimo servizio di consolle. Chiudiamo informando che il gruppo ANMI cittadellese e l’amministrazione comunale hanno programmato la 2^ edizione di modellismo navale, prevista per i giorni dal 21 al 23 agosto mrm ANDREA PIRLO Ha scritto di lui in prima pagina Giuseppe De Bellis de “il Giornale” il 7 luglio: Addio alla Juve e all’Italia giocherà a New York Pirlo, storia di un campione tre dita sopra tutti La grandezza di Pirlo è in un applauso. L’ultimo. A Berlino, prima della finale di Champions. Lettura delle formazioni. Curva del Barcellona. Comincia: Buffon, fischi; Lichtsteiner, fischi; Barzagli, fischi; Bonucci, fischi; Evra, fischi; Marchisio, fischi; Pirlo, applausi. Capito? Applausi, applausi, applausi. All’avversario, prima della partita più importante dell’anno. Non è una cosa normale. Ecco, lascia l’Italia un giocatore così. Diverso, unico. Perché è talento, è classe, è genio, è semplicità, è semplicemente il calcio. Va a New York e lo sapevamo già. Ma adesso è ufficiale, l’ha annunciato la Juventus e l’ha confermato lui: “Grazie, mi servivano altri stimoli”. Va in America a chiudere una carriera che è soprattutto un manuale di come si gioca a pallone. Perché con lui conta questo, più di tutte le vittorie: Coppa del mondo, due Champions, sei scudetti, un mondiale per club, un Europeo under 21, due supercoppe europee, due coppe Italia, un torneo di Viareggio. Conta tutto, ma sopra ogni cosa conta il fatto di essere stato ciò che calcisticamente si avvicina di più alla perfezione. Per tocco, per intelligenza, per completezza, per tecnica. LAMPARA NOVA Una simpatica manifestazione marinara si è svolta alla marina il 17 agosto a cura di Lampara Nova – As sociazione cittadellese di pesca sportiva, diporto e vela - costituitasi recentemente quest’anno e presieduta da Paolo Marzella (vicepresidente Gianfranco Sbarra, segretario Leonardo De Brasi). (Segue a pagina 4)

[close]

p. 4

Durante la serata sono stati effettuati interventi culturali, fra cui un’estemporanea di pittura. Assaggio di pesci fritti, pasta e fagioli e meloni hanno interessato i numerosi presenti, indigeni e forestieri. IL PAESE DI GERTRUDE Nata nel 2012 in ricordo della giovane cittadellese Roberta Caputo scomparsa il 12 aprile di quell’anno, la “Tre giorni” de “Il paese di Gertrude” si è svolta dal 18 al 20 agosto a cura del gruppo di Bonifati-Cittadella presieduto dalla dott.ssa Simona Fiorillo Rugiero, la quale è stata coadiuvata da molti soci e amici. Le manifestazioni hanno suscitato interesse e plauso nei cittadellesi e nei villeggianti, soprattutto giovani ma anche adulti, Congratulazioni e arrivederci l’anno prossimo. LA 2^ EDIZIONE DELLA MOSTRA DI MODELLISMO NAVALE Ha avuto luogo nella sala polivalente di Cittadella dal 21 al 23 agosto per iniziativa del locale gruppo ANMI del presidente Marcello Filaci e dell’amministrazione comunale diretta dal sindaco Antonio Mollo. I perfetti modelli navali sono stati apprezzati dai visitatori e alcuni di essi sono stati attivati nella rada di mare cittadellese. Fra gli organizzatori della manifestazione anche i soci dell’associazione dei marinai Gioacchino Lospennato, Franco Lospennato e Maria Rosaria Marra. I TURCHI ALLA MARINA Il tradizionale evento si è svolto quest’anno nella tarda serata di sabato 22 agosto, organizzato come sempre dal presidente Giuseppina Bevilacqua e dal segretario Massimo Converso del circolo culturale “Città di Fella”. Tra gli interpreti principali: Giuseppe Spinelli (Ariodeno Barbarossa); Nathalie Spinelli (principessa); Rocco De Conciliis (capitano spagnolo); Ottavio De Gregorio, Mario Sangregorio e Ciro De Martino (turchi); Massimo Converso e Nino Boccia (alabardieri spagnoli); Cristina Filippelli (monaca di Montecassino); Margherita Lubrano e altre (contadine). La manifestazione ha avuto per tragitto la spiaggia di Cittadella e, dopo aver sostato presso la “Casina rosa” di famiglia Ferrari, si è conclusa lungo la passeggiata San Francesco di Paola. Da segnalare che i turchi sono giunti dal mare con l’ imbarcazione del signor Tonino Sueva. LUTTO È tornata il 3 agosto alla casa del Padre la stimata nostra 65enne compaesana MARIA VIVONA in Spinelli la cara sartina del nostro paese. E’ stata ricca di qualità morali, religiose e familiari. Si è dedicata con immenso amore, assieme al marito Adolfo, all’educazione e al benessere dei figli Ada, Cristian e Valentina. Ha offerto amicizia e fraternità ai membri della comunità cittadellese. Ai beneamati nipotini e a tutti i membri della famiglia le nostre condoglianze. LUTTO Il 12 agosto “ci ha lasciati con un caro ricordo nel cuore” (v. manifesto) il nostro compaesano FRANCO LANZETTA Capacissimo e solerte lavoratore, ligio ai doveri morali e civici, Franco ha amato intensamente i parenti e gli amici della comunità. Ne rimpiangono la scomparsa la moglie Delisia Gualtieri, le figlie Giuseppina e Camilla, il genero e gli amatissimi nipotini. A tutti loro e agli altri numerosi familiari le nostre affettuose condoglianze. LUTTO Il 17 agosto è scomparsa l’anziana nobildonna LEA DE GREGORIO vedova Mariella È stata benvoluta in seno alla comunità per le sue eccelse doti di mente e di cuore. Fu moglie, madre e nonna esemplare. Altissime le sue virtù religiose. Le esequie hanno avuto luogo nella matrice di Cittadella il 18 agosto, celebrante mons. Ermanno Raimondo. Tra le testimonianze dall’altare, quella finale del nipote Fernando Giocolano (“Questa è per te la mia ultima ninnananna”) che ha suscitato commosso applauso in una chiesa affollata di parenti e amici. Ai figli della scomparsa (Tonia, Urania, Michele, Maria Grazia, Marina, Anna Paola) e agli altri familiari le sentite condoglianze del Giornalino. VALORIZZAZIONE DI PIAZZA IV NOVEMBRE Un interessante progetto sulla valorizzazione della storica piazza del rione IV Novembre è stato illustrato la sera del 28 agosto dal sindaco Antonio Mollo, presenti con numeroso pubblico anche altri amministratori comunali tra cui il vicesindaco Salvatore Borrelli, l’assessore Dario Argirò, i consiglieri con delega Marina Cristofaro e Mario Arcuri. A giudizio dei progettisti la piazza restaurata si presterà ad accogliere specialmente riunioni culturali, per la presentazione di libri e altro. Sarà chiamata così “Piazza della cultura”. NUOTA PI’ LU CAPU In aggiunta al più classico “Corri per Cittadella” svoltosi il 14 agosto e ad altre manifestazioni popolari estive, il circolo culturale Città di Fella ha curato anche, il 23 agosto, il “Nuota pi’ lu Capu” che venne istituito nel 1978. Hanno vinto le gare: per la categoria dei bambini Lucrezia Catenacci (classe d’età 2011-12), Filippo De Gregorio (2009-10), Ginevra Catenacci (2007-08), Clara Mirante (2005-06); fra gli adulti Emilio Mirante. Ricordiamo che alla prima edizione di questo evento (26 agosto ’78) parteciparono 52 “natatùri”, di cui 49 giunsero al traguardo. Vinse Nando Migliorini; si classificarono: 2° Antonio Pugliano, 3° Sergio De Brasi, 4° Michele Mariella, 5° Vincenzo D’Aniello, 6°Carlo Solferino, 7° Pietro Bruno, 8° Francesco Bianco, 9° Bruno Veltri, 10° Attilio Sarro, 11° Marcello Rugiero, 12° Modesto Sbarra, 13° Enzo Genovese, 14° Pietro Ferraro, 15° Romualdo Liparoti, 16° Stefano Bruno, 17° Franco Barbieri, 18° Roberto Ierardi, 19° Massimo Converso, 20° Francesco Di Mauro, dal 21° al 49° altri 29 concorrenti. LUTTO Il 27 luglio scorso è volata al cielo l’anima eletta della sig.ra MARIA TERESA AGNALETTI vedova Zavaglia Ne sono profondamente addolorati i figli, la mamma, i fratelli, i nipoti e molti amici che l’amavano e stimavano con vivo affetto. La signora Maria Teresa è stata donna di elevate virtù morali, civili e familiari. A tutti i parenti le nostre sentite condoglianze. Nella tarda serata del 28 agosto EVENTO DEL CIRCOLO CULTURALE Si è svolto alla marina di Cittadella per l’apposizione di targhe sulle facciate delle case di due ex compaesani scomparsi da moltissimi anni: Santo Zottola e Francesco (Ciccio) Sueva, entrambi impegnati a suo tempo alla vita e alle attività del mare. Le targhe sono state benedette dal parroco can. don Giovanni Celìa. Assieme al segretario del circolo “Città di Fella” Massimo Converso, hanno animato la manifestazione i coniugi Maria Rosaria e Pasquale Filippelli. IL 31 AGOSTO NEL GIARDINO DI PALAZZO DEL CAPO Organizzata da Anna Mazzitelli con il supporto di Nello Cretella si è svolta una manifestazione culturale avente per oggetto “L’uomo e il mare”. Hanno partecipato, leggendo brani narrativi e componimenti poetici, la suddetta Mazzitelli nonché Nadia Simonato, Maria Rosaria Marra, Pasquale Filippelli, Anna Brambilla e i giovanissimi fratelli Lucio e Francesco Sbarra. Ha cantato Franco Manco. Presentatrice Concetta Laino. AL MARE i miei pensieri, Ti sento burrascoso, il mio tempo, e veloce a ricoprir la terra… la mia solitudine… Le tue onde bianche Don Giovanni Celìa continuano a ricoprir (raccolta 2009)

[close]

p. 5



[close]

Comments

no comments yet