Agafor: Pallacanestro Palestrina storia III parte

 

Embed or link this publication

Description

La storia della Pallacanestro Palestrina terza parte (2011-2015) by agafor

Popular Pages


p. 1

La storia della pallacanestro Palestrina © agafor 2005-15 parte III Pagina 1 di 10

[close]

p. 2

La storia della pallacanestro Palestrina © agafor 2005-15 parte III C'era una volta . . . ovvero la storia della Pallacanestro Palestrina edizione 2015 curata da Agapito Fornari (aggiornata al 31/08/2015) Foto di Agapito Fornari. terza parte: Retrocessioni e risalita ... e la società diventa donna Indice La doppia retrocessione: Campionato 2011-12 Pag 3 La serie C dopo 11 anni: il campionato 2012-2013 Pag. 4 Due stagioni in B: l'arrivo di coach Lulli e il record nella regular season (2013-2015) Pag 6 Pagina 2 di 10

[close]

p. 3

La storia della pallacanestro Palestrina © agafor 2005-15 parte III 2011-12 Dopo la retrocessione in Serie B Palestrina è chiamata, nella stagione 2011-12, a disputare un campionato tranquillo; ma l'iniziale sfavorevole calendario, con 4 trasferte nelle prime sei gare, fa già presagire che la stagione non sarà "trionfale". La Itop Pall. Palestrina, con il nuovo coach Carosi, è subito al centro delle polemiche dei tifosi che chiedono una scossa immediata e il massimo impegno dopo l’incubo vissuto nella passata stagione in cui Palestrina ha ricoperto il ruolo di agnello sacrificale. L'allenatore si dimette a novembre e, per la prima volta nella sua storia, la panchina prenestina viene affidata ad una donna: Rossella Cecconi. Sarà un campionato sfortunato con la regular season terminata al quartultimo posto con gli arancioverdi che collezionano ben 21 sconfitte (9 in casa) su 32 gare. Ai play out vittoria su Campobasso e sconfitta con Bernalda per poi approdare ad un catastrofico spareggio a tre tra le perdenti delle finali playout dei gironi di serie B, con in plaio due salvezze e la terza retrocessa in serie DNC. Gli arancioverdi naufragano contro Castelnovo (64-79) e Spilimbergo (66-76) e la frittata della seconda retrocessione consecutiva è servita. Le porte della serie C1 si riaprono alla società prenestina dopo ben 10 stagioni ai piani superiori. Consolante il fatto che la seconda squadra cittadina (la Virtus Praeneste) conquista la serie C1 al termine di un campionato esaltante. L'ossatura della squadra è composta dai giovani prenestini, molti in doppio impegno in serie B. La speranza per un futuro più roseo è certificata dalla vittoria dei giovani arancioverdi. Per evitare doppioni il fresco titolo di serie DNC viene venduto e a Palestrina resta una sola società a disputare i campionati nazionali. Pagina 3 di 10

[close]

p. 4

La storia della pallacanestro Palestrina © agafor 2005-15 parte III La classifica finale della stagione regolare 2011-12 e tutti i risultati del campionato prenestino. Pagina 4 di 10

[close]

p. 5

La storia della pallacanestro Palestrina © agafor 2005-15 parte III 2012-13 Per ripartire dalla serie C, dopo la Presidenza di Gigi Stellani, viene chiamata a dirigere la società Fabiola Cilia, figlia del patron Giuseppe. Nel campionato 2012-13 Palestrina punta a ricostruire il rapporto con i tifosi con una squadra che lancia definitivamente in prima linea i giovani del vivaio. Il coach alla guida è Fabrizio Longano. La squadra perde pezzi importanti con Rossi e Cara (Riva del Garda) e Simone Rischia (Cecina). Almeno loro restano in serie B. In campionato, senza particolari acuti, la squadra arancioverde veleggia tranquilla tra il 4° e il 5° posto. Nella seconda parte di stagione, grazie anche al ritorno di Augusto Cara, il posto finale nella classifica è il terzo che frutta così una buona posizione in griglia ai play off. Il bilancio complessivo della stagione regolare è di 16 vittorie e 8 sconfitte. Nelle gare che contano per la promozione doppia vittoria 2-0 ai quarti play off contro Aprilia e con Viterbo in semifinale. Solo la sconfitta con l'Eurobasket in gara 3 di finale nega la promozione diretta. La formazione romana, che aveva dovuto soccombere all'ultima giornata di stagione regolare a Marino nella corsa alla promozione diretta (pari punti in classifica ma scontri diretti a sfavore), ferma la corsa prenestina con due vittorie casalinghe in gara 1 (76-75) e nella decisiva gara 3(71-58) mentre al Pala Iaia in gara 2, con il punteggio di 76-72, la vittoria aveva acceso la speranza arancioverde. Nonostante la delusione patita nella gara finale nel corso dell'estate arriva il ripescaggio e così gli arancioverdi tornano al piano superiore: si ripete così la storia già vista nel 2004/05 quando dopo la sconfitta con Atri Palestrina fu ripescata; allora però si trattava della salita storica in B1. Pagina 5 di 10

[close]

p. 6

La storia della pallacanestro Palestrina © agafor 2005-15 parte III Il Roster 2012-2013: Arioli Federico, Baroni Andrea, Brenda Daniele, Braghese Gianluigi, Perna Luca, Cara Federico, Cara Augusto, Molinari Dario, Coluzzi Guido, Omoregie Precious, Capotorto Alessio, Nozzolillo Federico, Casale Riccardo, Caldiero Salvatore, De Gregorio Fabrizio Foto dei 10 nella gara 3 di finale al Pala Avenali di Roma Pagina 6 di 10

[close]

p. 7

La storia della pallacanestro Palestrina © agafor 2005-15 parte III 2013-2014 Con la riconquista del 4° campionato nazionale inizia l'era dell'abbinamento sulle maglie per la Citysightseeing Roma, la società del gruppo Cilia è diretta da Mauro Braghese che assume il ruolo di D.S. della squadra di basket prenestina; altra importante novità è il ritorno a Palestrina di Gianluca Lulli che, dopo 20 anni di splendida carriera da giocatore, inizia la sua avventura in panchina (assistente al fianco del riconfermato Fabrizio Longano). La nuova professione per Gianluca Lulli comincia proprio nella città in cui è nato ed ha giocato i primi anni a basket. Si parte per un campionato tranquillo ma la tabella di marcia iniziale è da incubo: 7 sconfitte in 7 gare. In altri tempi sarebbe saltata la panchina e anche qualche altra testa calda ma l'ormai cinquantenaria esperienza societaria serve a stoppare il momentaccio e, con il irtorno del fuoriclasse Andrea Vitale, inizia la lenta risalita che porterà Palestrina ad un passo dai play off. Al termine della regular season è 9° posto. Posizione che resta immutata nella fase ad orologio a causa di 2 sconfitte con le squadre che la precedono in classifica (Giulianova e Porto S. Elpidio) e che rendono inutili le 2 vittorie con le due che la seguono (Eurobasket ed Orvieto). Il nono posto fa terminare in anticipo una stagione iniziata sotto i peggiori auspici ma poi rimessa in carreggiata da una squadra cresciuta tantissimo nel corso del campionato. Consolidato il gruppo dei giovani nel roster formato da Brenda, Molinari, Baroni, Omorogie, Perna e dal rientrante Rossi, gli arancioverdi hanno potuto contare sui nuovi arrivati Samoggia e Di Giacomo e del già citato Vitale. Il bilancio finale complessivo, di 13 vittorie e 15 sconfitte (vedi risultati pagina seguente), riporta il sereno e fa ben sperare per la prossima stagione nel campionato di serie B che diventerà, con l'ennesima riforma dei campionati, il terzo campionato a seguito della soppressione della Lega di A2 e dell'istituzione del nuovo campionato, sotto l'egida dela LNP, A2 gold e silver. Pagina 7 di 10

[close]

p. 8

La storia della pallacanestro Palestrina © agafor 2005-15 parte III Palestrina, con una politica di ingresso gratuito al Pala Iaia, ha riconquistato il suo pubblico e si appresta ad una nuova avventura in serie B tutto è pronto per la stagione 2014-15. Gianluca Lulli nel suo nuovo ruolo di assistente a coach Longano Pagina 8 di 10

[close]

p. 9

La storia della pallacanestro Palestrina © agafor 2005-15 parte III 2014 - 2015 Ad inizio stagione la conferma per i giocatori migliori, l'arrivo del redivivo Simone Rischia e il ritorno di Pippo Gagliardo consegnano al nuovo head coach Gianluca Lulli una squadra in vena di stupire; e sarà campionato da record nella lunga storia societaria. Non era mai successo che la squadra arancioverde terminasse imbattuta il girone di andata di campionato e che mantenesse la prima posizione in classifica per tutte le 26 giornate di regular season. Se si aggiunge che è stata raggiunta anche la final four di Coppa Italia, ci si rende conto della eccezionalità dell'annata sottolineata dal grande numero di tifosi sugli spalti del palaiaia e in trasferta. Un ritorno ai bei tempi andati. I "sofistici" marcheranno che è mancata la ciliegina sulla torta (anzi sulle 2 torte) perché il cammino travolgente si è inceppato in una sfortunata gara 1 di semifinale play off contro l'Eurobasket, già battuta due volte in regular season, e in una giornataccia a Rimini contro Montichiari nella sfortunata semifinale di Coppa, ma tant'è: campionato e stagione da record e convinzione che si è imboccata la strada giusta di un mix tra gioventù locale ed esperienza di grandi giocatori (leggi Gagliardo e Vitale) per costruire una stagione speciale. Non a caso è l'anno anche del ritorno della qualificazione alle finali nazionali ai giovani del DNG (under 19) giocate a Torino dai ragazzi prenestini. Pagina 9 di 10

[close]

p. 10

La storia della pallacanestro Palestrina © agafor 2005-15 parte III Nella tabella seguente vengono riportati i giocatori con punti a referto nell'intere stagione della Citysightseeing Palestrina. Siamo arrivati alle porte del 52° campionato che gli arancioverdi disputeranno nella prossima stagione 2015-16. Le aspettative sono forti nei tifosi e negli addetti ai lavori. Qualcuno cerca di spegnere gli entusiasmi; ma tifare è un po' sognare e a volte la passione può anche creare qualche illusione. L'importante è mantenere alto l'interesse nello sport che a Palestrina svolge, da oltre mezzo secolo, il ruolo principale. Poi chi vivrà ... vedrà. (fine 3^ parte) Pagina 10 di 10

[close]

Comments

no comments yet