Lezioni di Diritto Pubblico

 

Embed or link this publication

Description

Prima Edizione

Popular Pages


p. 1

Lezioni di Diritto Pubblico Prima Edizione

[close]

p. 2

Indice 1 PARTE GENERALE 1.1 1.2 1.3 Introduzione al Diritto Pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Che cosa è il Diritto ? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Nozioni Base del Diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.3.1 1.3.2 1.3.3 1.3.4 1.4 1.5 Rapporto Diritto-Società . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Norma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sanzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ordinamento Giuridico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 1 1 2 2 2 3 3 3 4 4 6 7 9 9 10 10 10 11 12 12 12 13 13 14 15 15 15 15 16 16 17 L'Interpretazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Lo Stato e le sue varie Forme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.5.1 1.5.2 Lo Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Le Forme di Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . I Caratteri Costituzionali nella Costituzione Italiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il Parlamentarismo Italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La Rappresentanza Politica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . I Partiti Politici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il Sistema Elettorale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il Diritto di Voto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Le Leggi Elettorali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.6 1.7 1.8 La Costituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.6.1 1.7.1 1.8.1 1.8.2 Le Forme di Governo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La Rappresentanza Politica e i Partiti Politici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.9 Il Sistema Elettorale e il Diritto di Voto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.9.1 1.9.2 1.9.3 1.10 Il Parlamento italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.10.1 I presidenti delle camere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.10.2 I gruppi parlamentari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.10.3 Le commissioni parlamentari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.10.4 Le giunte parlamentari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.10.5 Le funzioni del parlamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.10.6 I regolamenti parlamentari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.10.7 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.11 La Legge e l'Iter Legis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i

[close]

p. 3

ii INDICE 1.11.1 Il Principio di Legalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.11.2 La Riserva di Legge . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.11.3 Le Leggi Ordinarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.11.4 Iter Legis - Iter Legislativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.12 La Legge di Revisione Costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.13 Il Referendum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.14 Il Governo Italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.14.1 La “Vita” del Governo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.15 Atti Normativi del Governo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.15.1 Atti Aventi Forza di Legge . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.15.2 Decreto Legislativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.15.3 Decreto Legge . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.15.4 I Regolamenti del Governo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.16 La Corte costituzionale in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.16.1 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 17 18 18 19 19 20 20 21 21 21 22 23 23 25 26 26 26 28 28 29 29 29 32 36 38 38 39 40 40 40 43 44 46 48 50 50 50 50 50 2 Approfondimenti 2.1 1992) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.1.1 2.1.2 2.1.3 2.2 2.2.1 2.2.2 2.2.3 2.2.4 2.3 2.3.1 2.3.2 2.3.3 2.4 2.4.1 2.4.2 2.4.3 2.4.4 2.4.5 Modalità di Acquisto e Rinuncia della Cittadinanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Modalità di Perdita e Riacquisto della Cittadinanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La Questione Jugoslava . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Breve Storia Contenuto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2012) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Decreti attuativi Il dibattito sull'applicazione del d.lgs. 235/2012 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Breve Storia della Legislazione Elettorale per le Elezioni Politiche . . . . . . . . . . . . . La Legislazione Elettorale in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La Legge Calderoli “Il Porcellum poi Consultellum” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La Legge Elettorale Italicum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Gli Organi del Governo Italiano Potestà Normativa del Governo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1988) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Rapporto tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome . . . . . . . . . . . . . . . . . . Organizzazione Amministrativa della Presidenza del Consiglio dei Ministri . . . . . . . . . Personale della Presidenza del Consiglio dei Ministri 3 PARTE SPECIALE 3.1 3.2 Introduzione alla Parte Speciale di Diritto pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il Neofederalismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.2.1 3.2.2 Definzione di federalismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Federalismo sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

[close]

p. 4

INDICE 3.2.3 3.2.4 3.3 3.3.1 3.3.2 3.3.3 3.4 3.4.1 3.4.2 3.4.3 3.5 3.5.1 3.5.2 3.5.3 3.6 3.6.1 3.6.2 3.7 3.7.1 3.7.2 3.7.3 3.7.4 4 Possibilità di una revisione costituzionale del Titolo V ? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il Neofederalismo e il Regionalismo Cooperativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La Secessione nella cultura giuridica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L'Autodeterminazione dei Popoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Diritto Costituzionale a Secedere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L'Europa delle Regioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La dimensione europea delle Regioni nel diritto italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Le Regioni senza Europa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Scomparsa dell'Interesse Nazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Referendum sugli Statuti Regionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Nuove modalità di Scioglimento dei Consigli Regionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L'articolo 119 della Costituzione e il nodo della sua attuazione . . . . . . . . . . . . . . . . La legge 42/2009 e il Federalismo Fiscale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L'Evoluzione del Bicameralismo Italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . I Punti Cardini di un Ipotetico Senato Regionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Modelli Comparativi di Organizzazione del Senato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Itinerario verso la Camera delle Regioni ? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . iii 51 51 51 51 52 52 53 53 53 54 54 54 55 56 57 57 58 58 59 59 60 60 62 62 62 64 64 64 80 80 80 80 80 82 82 83 83 La Secessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Le Regioni senza Europa ? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La Revisione del Titolo V . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Riforma del bicameralismo italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Seminario Riforme del Governo Renzi 4.1 4.2 La Legge Elettorale Italicum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1.1 4.2.1 4.2.2 Il Sistema Elettorale Italicum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Esame del Testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . La Riforma Costituzionale del Governo Renzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Test di Autovalutazioni 5.1 Test di Autovalutazione Diritto Pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.1.1 5.1.2 5.1.3 Test Parte Generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Test Approfondimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Test Parte Speciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 Fonti per testo e immagini; autori; licenze 6.1 6.2 6.3 Testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Immagini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Licenza dell'opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

[close]

p. 5

Capitolo 1 PARTE GENERALE 1.1 Introduzione al Diritto Pubblico Il Diritto Pubblico è, assieme al Diritto Privato, uno dei pilastri del diritto dello Stato. Esso ha la funzione di regolare l'Organizzazione dei poteri pubblici e i rapporti tra l'Autorità Pubblica e i Privati. Ovviamente le norme attuali sono il frutto di una lunga evoluzione che risale agli albori del genere umano e lo studio della sua storia è molto importante per avere una migliore coprensione della materia. Il diritto pubblico è propedeutico al diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto ecclesiastico, diritto tributario e diritto penale. Il Corso di occuperà dello Stato e delle sue istituzioni e delle fonti del diritto analizzando questi due aspetti sia in maniera generale che in relazione al contesto italiano. E' aggiunta a questa parte generale una parte speciale sui temi del Federalismo e delle nuove norme sullo Stato Regionale. Si aggiungono inoltre alcune lezioni sulle novità del Governo Renzi quali la legge elettorale Italicum e la Riforma Costituzionale. 1.2 Che cosa è il Diritto ? Quid ius? È un sistema di regole di condotta tra gli individui. È parte integrante di un'istituzione storica. Ubi ius ibi societas: lí dove esiste un'organizzazione sociale, un rapporto tra gli individui, lì c'è diritto. È una scienza umana (giuridica) che prescrive il comportamento, indica un modo di agire. Non è un linguaggio di tipo descrittivo ma di tipo prescrittivo. Il diritto ha: 1 - Una dimensione sociale: allude ad una relazione tra più soggetti 2 - Un'impronta vitale: segna tutte le fasi della nostra vita. (Dalla nascita alla morte) 3 - Un linguaggio: esiste un linguaggio giuridico, è un connotato che non si esprime solo attraverso parole scritte ma anche attraverso i segni grafici. Il diritto ha due dimensioni: 1 - Soggettiva: È un potere che esprime la pretesa di soddisfare un determinato interesse. Appartiene ad un soggetto che ne è Titolare mentre lo Stato deve garantire il diritto del soggetto. 2 - Oggettiva: È l'insieme delle norme giuridiche che disciplinano l'ordinamento di uno Stato. Materia di studio del diritto pubblico è il diritto costituzionale. Come nasce il diritto costituzionale ? Esistono due principi: Veritas facit legem: il diritto è valido se è conforme alla verità (diritto naturale) 1

[close]

p. 6

2 Auctoritas facit legem: è l'autorità a fare la legge (positivismo) Il diritto costituzionale nasce per mediare questi due principi. CAPITOLO 1. PARTE GENERALE 1.3 Nozioni Base del Diritto 1.3.1 Rapporto Diritto-Società Tre ipotesi interpretative della questione rapporto tra Diritto e Società: Kelsen era del 900 di origine Praghese. Da come risposta che esiste una scissione tra Dritto e Società. Pone al Centro la Norma e essa è scissa dalle pressioni politiche, religiose e culturali della societià. 1. Il Giurista deve relazionarsi con la norma in un aspetto puramente formale. 2. L'ordinamneto è formato da norme valide ma non si sa su che base. 3. Il sistema delle norme è gradualistico, un assetto gerarchico di superiorità e inferiorità. La norma deve essere coerente con quella di grado superiore e alla norma fondamentale ma non ci dice chi ha posto la norma per non cadere nei condizionamenti politici. 4. Concezione formalistica della democrazia e procedimento che rispecchia le procedure legali e si fonda sul compromesso. Anche qui c'è un problema si aariva a prcedimenti abberranti sulle forme e i contenuti della democrazia. Santi Romano (teoria istituzionale) primi anni del 1900, italiano. Integrazione tra Diritto e Società. Il primo fondamento dell'esperienza giuridica è l'istituzione, la società. Il Diritto ha valore strumentale. La Società non è omogenea ma è fatta anche di corpi sociali (famiglie, partiti). L'unità tomistica viene criticata. Questi corpi sociali creano ordinamento (pluralità di ordinamenti). Lo Stato si differenzia dagli altri ordinamenti per l'uso della fornza leggittima. Marx il Diritto è Sovrastruttura. Il sistema delle norme non è altro che il consolidamneto degli ordinamenti che si sono creati in base a aventi storici e economici. Due Scuole: - REALISMO POLITICO: Kelsen, Santi Romano, Marx - REALISMO GIURIDICO: Pone al centro il rapporto tra giudice e norme. L'ordinamento non è altro che fondato dal giudice. E' vero soprattutto nel common law. Common law: Matrice cosuetudinaria. Il Giudice fonda la Norma. Civil law: Ha un aspetto normativo. 1.3.2 Norma Le norme sono di vario tipo sono regole di comportamento. Norme morali: risponde all'IMPERATIVO CATEGORICO “sistema di valori interiore non vincolante” / origine autonoma (ognuno definisce la propria morale). Norme giuridiche: norme sociali (servono a mediare i conflitti che sorgono nella società), sono regole per antonomasia, sono eternome (sono imposte da fuori non da un singolo coinvolgimento), sono generiche (si rivolgono a tutti i consociati, sono astratte (non prendono in considerazione casi concreti ma astratti “fattispecie”), sono relative (al contesto storico e sociale), sono vincolanti (comando autoritario che non amette deroghe) e sono certe (chiare). Norme tecniche: hanno un involucro giuridico ma il suo contenuto è predeterminato dalla scienza o dalla tecnica. Possono avere origine autonoma ma anche eteronoma.

[close]

p. 7

1.4. L'INTERPRETAZIONE 3 1.3.3 Sanzione E' l'effetto dell'inosservanza della norma. La sanzione riguarda la norma: morale: ci sono sanzioni previste dalla religione tecnica: la sanzione è il mancato scopo giurica: fondamento della funzione remissiva del diritto (punizione del comportamento vietato) ma ha anche una funzione deterrente dei comportamenti illeciti. Non tutte le norme giuridiche prevedono sanzioni. Possono infatti anche concedere diritti oppure essere promozionali cioè attribuiscono facoltà o vantaggi. DISPOSIZIONE GIURIDICA: E' l'enunciato letterario, tutto ciò che il testo enuncia. NORMA: E' l'interpretazione dell'enunciato della disposizione giuridica. PRINCIPI GIURIDICI: Sono l'asse di riferimento del sistema normativo, sono i presupposti. Combinato disposto (insieme di più norme che convivono le quali ci danno un principio) Esistono i principi generali di diritto che non sono presenti in norme ma che si ricavano da trame di varie norme. OPINIO IURIS / SIVE NECESSITATIS: E' il convincimento spontanei di un soggetto, che abbia o meno contribuito all'adozione della norma, che l'ha condotta o i principi stabiliti nella stessa siano giuridicamente obbligatori (opinio iuris) o che sia necessario che lo diventino (sive necessitatis). CONSUETUDINI GIURIDICHE: Punto di contatto tra norme sociali e giuridiche. Hanno valenza giuridica ma non eteronome (non scritte) sono autonome (prese singolarmente). Presenta due aspetti: - Elemento materiale: dato dalla ripetitività della stessa condotta da parte dei consociati. - Elemento psicologico: seguono una norma che credono che essa sia realmente scritta e sanzionata. Opinio iuris cioè un soggetto segue una consuetudine renteunto giuridica che credono esser una nroma giuridica dove non essistono norme scritte. Sono norme fatto originate da fatti concreti. Esse inrompono dove ci sono lacune normativa. 1.3.4 Ordinamento Giuridico E' la risposta al caso dello Stato di Natura. E' una costruzione ordinante e sistemante di più elementi fatta da un soggetto. E' il sistema di norme giuridiche sostenuto da un appartato giuridico al fine di produrre e far attuare le norme giuridiche. Può avere anche la funzione di tenere insieme altri ordinamenti. ORDINAMENTI PARTICOLARI: Finalizzati ad interessi specifici con assetti ordinativi e sanzionativi ma mancanti dell'uso della forza. ORDINAMENTI GENERALI: Sono a fini generali come quello politico: gli Stati (ordinamenti originari), le Regioni e gli altri Enti locali (ordinamenti derivati). La Differenza tra Stato e gli Enti Locali è l'uso della Forza attribuito solo allo Stato. Lo Stato non riconosce altri organi superiori ad esso. Gli altri enti (Regioni, Provincie, Comuni) possono essere soppressi, lo Stato non può essere soppresso. 1.4 L'Interpretazione L'ordinamento giuridico si basa sul mito della completezza e razionalità. Nell'800' si pensa che ogni momento della vita sociale può essere disciplinato dallo Stato. La legge a sua volta disciplina il diritto. Il Codice Napoleonico raffigurava uno Stato omogeneo e monoclasse. Alla fine dell'800' qualcosa cambia. Vengono messi in discussione i diritti per una sola classe. Vi erano elementi di vita che non erano contemplati. Si arriva alla concezione che l'ordinamento è completo attraverso i soli strumenti della dogmatica. La presenza di molte lacune si colpa con la dogmatica che è un complesso di principi astratti usati per creare la struttura base del diritto posito. Il vuoto si colma in tre modi: 1 - Norberto Bobbio: se i rapporti non sono regolati vuol dire che sono inrillevanti. 2 - Donati: tutto cio' che non è disciplinato vuol dire che è ammesso. 3 - Criterio dell'Analogia: il vuoto viene colmato per via interpretativa attraverso casi affini (analogia legis) o i principi complessivi dell'ordinamento giuridico (analogia iuris).

[close]

p. 8

4 L'Interpretazione si presenta in diverso modo: - letteraria: si basa strettamente sulla norma. CAPITOLO 1. PARTE GENERALE - analogica: si basa sui vincoli di coerenza crea una norma dalla fattispecie affine. - estensiva: estendo il significato di una norma a una fattispecie affine. - restrittiva: vincolata ad una fattispecie. L'Interpretazione Analogica non puo' essere usata: - per le norme penali: “Nullum crimen, nulla poena sine lege": la legge deve esprimere in modo preciso la fattispecie di reato punito. - per le norme eccezionali: riguardando casi specifici non possono essere estese a casi generali. Il rapporto tra interpretazione e applicazione è inscindibile. Una norma prima di essere applicata deve essere interpretata. Affine a questo è il fatto che una norma va contestualizzata al momento storico (eterogenesi dei fini) altrimenti risulterebbe decontestualizzata. I Passaggi dell'Interpretazione sono: Cognizione del Fatto ----------> Esame della Disposizione -----------> Interpretazione della Disposizione ----------> Applicazione I Soggetti dell'Interpretazione possono essere: 1 - Giurisprudenza: che applica il diritto ed è soggetta al diritto. 2 - Dottrina: che studia il diritto e lo razzionalizza. Una legge in ultimo puo' essere in contrasto con altra norma (antinomie). I criteri di risoluzione delle antinomie sono tre: 1 - Criterio Cronologico: Legge successiva prevale su legge precedente. La norma precedente viene considerata politicamente inopportuna rispetto alla nuova. Secondo questo principio la legge nuova vale solo dal momento in cui è entrata in vigore. Si instaura su questo il concetto di retroattività della legge, cioè retroazione degli effetti della legge che non puo' in assun caso essere previsto per le leggi penali. (“Nullum crimen, nulla poena sine lege”) Il criterio cronologico si applica solo nel caso di norme omogenee cioè di pari grado e di pari ambito di fattispecie. 2 - Criterio Gerarchico: La norma sovraordinata prevale sulla norma subordinata. L'effetto in questo caso è l'annullamento della legge ex tunc cioè dal momento della pubblicazione come se non fosse mai esistita. L'Illegittimità puo' essere: - orignaria: cioè sorta con la nascita della stessa legge. - sopravvenuta: cioè sorta in seguito all'entrata in vigore. Il Vizio puo' essere: - Formale / Procedimentale: cioè attinente al processo di realizzazione della legge. - Sostanziale / Materiale: cioè attinente al contenuto della legge. 3 - Criterio della Competenza: Due norme di diversa natura (Esempio Statale e Regionale) non potendosi applicare nè il criterio cronologico (non omogenee) nè quello gerarchico (le leggi statali e regionali sono di pari livello) bisogna fondarsi sul criterio della competenza vedere cioè a chi appartiene la competenza a legiferare sulla zona e sulla materia oggetto della legge. 1.5 Lo Stato e le sue varie Forme 1.5.1 Lo Stato Lo Stato è un potere politico. Esso è una forma di organizzazione di uomini finalizzata: 1. al governo di una comunità sociale

[close]

p. 9

1.5. LO STATO E LE SUE VARIE FORME 2. alla mediazione dei conflitti tra gli individui 3. al consentire a chi lo detiene di far uso della forza e della coercizione legittima 5 Ma l'obedienza vero lo Stato non si fonda solo sull'uso della forza coercitiva. Alla base vi è il PRINCIPIO DI LEGITTIMAZIONE del potere politico. max Weber indica tre forme di legittimazione: • tradizionale: tramandata per tradizione o eredità. • carismatico: che si fonda sul carisma del soggetto che prende il potere. • legale: che si basa sulla legittimazione tramite la legge. Dalla legittimazione legale nasce il PRINCIPIO DI LEGALITÀ: ogni poter politico deve operare sulla base di una previa norma che indica un ambito di competenza. Su questa premessa nasce il costituzionalismo che volge proprio a limitare il potere politico con la fissazione di una Costituzione che è superiore ad ogni altro potere. Santiromano definisce lo stato come l'organizzazione della forza. Fonda la sua forza sul binomio minaccia e coercizione. Lo Stato è una entità permanente che perdura anche a seguito di una Rivoluzione esso infatti non cessa di esistere ma cambia semplicemente la sua forma. Lo Stato opera nel mondo reale come una persona fisica (Teoria Antropomorfa). Possiede bene. Risponde in giudizio. La sua struttura è fatta di organi. Esso è un Ordinamento (Stato come Ordinamento) composto di apparati giuridici (Stato come Apparato) alla cui base vi è una Comunità (Stato come Comunità). Queste tre concezioni di Stato vivono tra loro sia in modo concorde che in modo conflittuale. Tre sono gli elementi costitutivi dello Stato: 1. Popolo (Dimensione Soggettiva). 2. Territorio (Dimensione Spaziale). 3. Sovranità (Dimensione Materiale). Le varie forme di Stato si differenziano solo per la combinazione di questi tre elementi. Il Popolo (Dimensione Soggettiva) Il Popolo sono i cittadini. Il Concetto di cittadino nasce con la Rivoluzione Francese. In essa vi è il passaggio da sudditi a cittadini. Il Popolo è il fondamento dello Stato ma la composizione del popolo non la decide la Costituzione ma una legge. E' lo Stato, paradossalmente, a fare i propri cittadini. Due sono i principi di cittadinanza: • Ius Soli: colui che nasce nello Stato è cittadino di quello Stato. • Ius Sanguinis: è cittadino il figlio di almeno un altro cittadino indipendentemente dallo Stato dove nasce. In Italia vige il principio dello Ius Sanguinis (legge 91/1992). E' cittadino italiano anche chi è adottato o chi nasce in Italia da genitori apolidi o ignoti. Ci sono anche istanze semplificata, ad esempio i coniugi di cittadini italiano oppure lo straniero che lavora alle dipendenze dello Stato per due anni oppure i cittadini europei residenti da quattro anni. E bene fare cenno proprio alla cittadinanza europeo, forma di cittadinanza atipica. E' cittadino Europeo chi è cittadino di uno degli Stati membri dell'Unione. Questo status di cittadino concede il voto per l'elezione nel Comune di Residenza, indipendentemente dal possedere o meno la cittadinanza del luogo, e per il Parlamento Europeo. Inoltre vi è anche in diritto di Petizione al Parlamento Europeo. Il Territorio (Dimensione Spaziale) Il Territorio è lo Spazio concreto dove si esercita la forza dello Stato. Esso è composto dalla terra ferma, dal mare territoriale e dall'estensione aerea. La Sovranità (Dimensione Materiale) Tre sono le caratteristiche della Sovranità Statale:

[close]

p. 10

6 CAPITOLO 1. PARTE GENERALE 1. Originalità: lo Stato non deriva da nessun ente superiore. Non è stato posto da nessuno. 2. Indipendenza: la sua sovranità è riconosciuta da altri Stati Sovrani. 3. Supremazia: lo Stato è sovrano anche rispetto agli altri enti e organismi interni. Chi detiene la reale Sovranità Statale ? Diverse sono le soluzioni adottate durante la Storia. Da prima la Sovranità era del Re. Poi la Sovranità è stata connessa alla Nazione (entità metafisica non materialmente definibile). Poi la Sovranità è stata legata allo Stato come Persona. Nasce così il culto del Capo che guida il Popolo e darà vita ai Totalitarismo. Oggi la Sovranità è del Popolo che però la esercita nei limiti della Costituzione. Il Popolo esercita la sua piena Sovranità nel Voto. Essa è una Sovranità Giuridica che rispetta dei limiti: • sia interni: vincoli agli stessi cittadini. • sia esterni: carte internazionali che sono rivolte alla tutela della pace. 1.5.2 Le Forme di Stato A seconda delle varie combinazioni dei tre elementi (popolo, territorio e sovranità) si hanno varie Forme di Stato. Per Forme di Stato si intende il rapporto che si instaura tra Governati e Governanti. Non tutte le forme di organizzazione politica alludono però ad uno Stato. L'Ordinamento Feudale non era uno Stato. Mancava della separazione tra forza pubblica e privata. E' proprio dalla crisi che vive nel 500' che nascerà lo Stato Assoluto prima Forma di Stato. Lo Stato Assoluto Le Caratteristiche principali dello Stato Assoluto sono: 1. Il terreno è proprietà dello Stato. 2. Separazione tra potere politico e economico. 3. Fondamento Teocratico del potere. 4. Esercito di Ruolo. 5. Accentramento del Potere nelle mani del Sovrano. Un Esempio di Stato Assoluto è quello di Luigi XVI che fieramente affermava “Lo Stato sono Io”. Questa forma di Stato entra in crisi nel 700' quando nascerà lo Stato di Polizia. Lo Stato di Polizia Questa forma di Stato non deve far pensare ad uno Stato pervasivo che controlla ogni aspetto della vita sociale ma ad uno Stato che si prende cura della polis (città - comunità). L'impianto è identico a quello assolutistico ma il Sovrano risulta essere illuminato cioè che pone in atto riforme volte al miglioramente della vita statale. Fanno parte di questa categoria sovrani come Maria Antonietta d'Austria e a suo figlio Giuseppe Ferdinando d'Austria. Questa forma di Stato entra in crisi con la Rivoluzione Francese del 1789 che porta la fine della Monarchia Assoluta e l'inzio del Costituzionalismo. Il Costituzionalismo Il Costituzionalismo è l'arma con cui si pone limite al potere. La legittimazione deriva dai consociati che da sudditi diventano cittadini La legge diventa l'espressione della volontà generale. Lo Stato Liberale

[close]

p. 11

1.6. LA COSTITUZIONE Lo Stato Liberale ha sviluppo per tutto l'800'. Esso da attuazione alle istanze rivoluzionarie ma solo in parte. 7 E' uno Stato di Diritto cioè ogni potere statale è sotto posto alla legge (nascono le monarchie costituzionali). Il tutto si basa sul principio di uguaglianza davanti alla legge, i diritti di libertà, la separazione dei poteri. Lo Stato è uno Stato minimo cioè non interviene nelle dinamiche sociale. Tutto è rilasciato alla autonomia privata. La Sovranità appartiene alla nazione e non più al Sovrano. Un esempio di questa tipologia di Stato è il Regno d'Italia. Ma questa forma di Stato lascia ancora larga parte delle masse sociali fuori dalla vita politica. Le istanze dal basso si muovo primo fra tutti per l'ottenimento del Diritto al Voto. La lotta si estende poi a tutti gli altri diritti. E' questo il periodo in cui nascono i vari diritti divisibili in tre tipologie: • Diritti di Libertà: libertà di pensiero, personale, circolazione, ... . • Diritti Politici: diritto di voto, accesso alla politica, ... . • Diritti Sociali: si reggono sulla prestazione attiva dello Stato (Politiche di Sostegno). Proprio questa forte richiesta di diritti porterà alla crisi dello Stato Liberale. Gli Autoritarismo - Lo Stato Totalitario Due sono le forme di autoritarismo più importanti del XX secolo. • La Germania Nazista di Hitler: concentrazione del potere in mano al capo, scioglimento dei partiti politici, leggi razziali, ... . • L'Italia Fascista di Mussolini: leggi fascistissime, regime del capo, blocco delle pratiche di voto, fine del multipartitismo, leggi razziali del 1938. Ma la fine dello Stato Liberale segna anche la nascista della Democrazia come appena furono sconfitti i Totalitarismi. Lo Stato Democratico - Sociale La Sovranità Popolare investe tutte le istituzioni. Ritorna il Pluripartitismo. Il fondamento dello Stato sono di diritti. Viene sancito il principio di non discriminazione. Queste e molte altre sono le caratteristiche della Democrazia una chiara reazione allo Stato Totalitario mentre lo Stato di Diritto lo è allo Stato Liberale. Le prime forme di Democrazia sono gli Stati Uniti e la Repubblica di Weimar. Lo Stato deve intervenire a rimuovere gli ostacoli sociali. Vengono garantiti dei Diritti Sociali Fondamentali. Ma questa forma di Stato entra presto in crisi poiché assicurare i diritti a tutti ha un costo. Il processo si aggrava ancora di più con la Globalizzazione con le imprese private a giocare sull'economia dello Stato. Da qui una nuova limitazione dei diritti sociali. Nasce così lo Stato Sociale Competitivo dove non è più solo lo Stato a garantire i diritti sociali ma anche i privati, con i loro fondi, concorrono al servizio del benessere della collettività soprattutto meno indigente. PER LA LEGISLAZIONE SULLA CITTADINANZA SI RINVIA ALLA LEZIONE DI APPROFONDIMENTO. 1.6 La Costituzione Il termine Costituzione non può essere “concesso” a tutte le Leggi Fondamentali. Due sono le Interpretazione sulla Realtà della Costituzione: • Immanente: essa è frutto o della tradizione (cioè un patrimonio di saperi del passato) o di una volontà divina (è Dio a concederla) o da un atto statale (è posto in essere dallo Stato).

[close]

p. 12

8 CAPITOLO 1. PARTE GENERALE • Atto di Volontà: Non è già stabilito ma è un atto di volontà da parte di qualcuno. Durante la Restaurazione era un atto di volontà del Re, poi è diventata del Popolo. Queste interpretazioni hanno un carattere descrittivo, cioè spiegano cosa la Costituzione è, cioè la legge fondamentale che regola lo Stato. Esistono anche interpretazioni di tipo prescrittivo, cioè che spiegano cosa la Costituzione deve essere. Un esempio è l'articolo 16 della Dichiarazione dei Dritti dell'Uomo e del Cittadino che afferma il principio cardine che non vi è Costituzione se non vi è garanzia dei diritti e separazione dei poteri. Da questa interpretazione prescrittiva si ricavano alcuni elementi essenziali che la costituzione deve avere: 1. un origine rivoluzionaria. 2. hanno un input democratico. 3. si impone come legge suprema dell'ordinamento. 4. deve avere un catalogo di diritti. 5. deve prevedere un sistema di divisione dei poteri. Primo Elemento - Origine Rivoluzionaria Tutte le Costituzioni hanno la loro origine in un evento rivoluzionario. La Magna Charta Inglese concessa da Giovanni Senzaterra trova il suo fondamento negli scontri tra baroni e contadini ad esempio. La Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo e del Cittadino Francese nasce dopo la rottura Rivoluzionaria. La stessa Costituzione degli Stati Uniti d'America, la prima Costituzione del Mondo, nasce a seguito delle guerre Rivoluzionarie con la Madre Patria Inglese. Secondo Elemento - Input Democratico Tutte le Costituzioni hanno una base democratica. Essa o nasce da una legittimazione popolare o ha avuto una successiva ratifica dal popolo. Terzo Elemento - Legge Suprema La Costituzione è la legge suprema. Ogni altra legge è seconda ad essa. Esiste per tanto un controllo di costituzionalità. Anche negli Stati Uniti d'America dove il controllo non è previsto espressamente, attraverso vari ragionamenti logici la sentenza Marbury v. Madison si riesce a porre il principio base che nessuna legge dello Stato può contraddire la Costituzione altrimenti si rinnegherebbe il valore stesso della Costituzione e la sua centralità. Quarto Elemento - Carta dei Diritti Tutte le Costituzioni hanno una Carta dei Diritti. In Inghilterra e negli Stati Uniti è il Bill of Rights. In Francia la Carta dei Diritti. I Diritti diventano Istituzione dello Stato. I Diritti esistono già in natura e la Costituzione deve solo riconoscerli come tali. Quinto Elemento - Separazione dei Poteri Già nel Medioevo, e prima ancora Platone, si discuteva di divisione dei poteri ma solo Montesquieu teorizzò la separazione dei poteri tra esecutivo, giudiziario e legislativo. “Solo una Legge Fondamentale che presenta tutti questi caratteri è una Costituzione. Se non li presenta essa non è formalmente una Costituzione.” I processi di instaurazione della Costituzione sono chiamati processi costituenti. Esso è un processo politico infatti è al di fuori dal rispetto di norme giuridiche. Di qui la differenza tra: • Poteri Costituiti: che sono quelli che pone in essere la Costituzione. • Poteri Costituenti: che sono i poteri che servono a delineare i Poteri Costituiti. Essi sono poteri esauribili poiché dopo la realizzazione della Costituzione persono la loro forza. Di solito tale potere è incarnato oggi dalla Assemblea Costituente la quale operava fuori da qualsiasi vincolo.

[close]

p. 13

1.7. LE FORME DI GOVERNO Il Processo Costituente revoca l'ordinamento precedente e pone un nuovo ordinamento. 9 1.6.1 I Caratteri Costituzionali nella Costituzione Italiana Analizziamo la nostra Costituzione alla ricerca dei caratteri costituzionali. Primo Elemento - Origine Rivoluzionaria La Costituzione Italiana si presenta in netta rottura sia con lo Stato Fascista sia con lo Stato Liberale dell'ex Regno d'Italia. Secondo Elemento - Input Democratico La Costituzione Italiana è frutto delle masse politiche antifasciste. E' stata realizzata dall'Assemblea Costituente che è stata eletta dal Popolo. Terzo Elemento - Legge Suprema La Costituzione Italiana è la legge suprema dello Stato ed è rigida (non modificabile da un procedimento legislativo ordinario). Le altre leggi sono subordinata ad essa e un Giudice Costituzionale può invalidarle per incostituzionalità (Controllo Costituzionale). Quarto Elemento - Carta dei Diritti Nella prima parte della Costituzione Italiana sono declamati i diritti di ogni cittadino. Quinto Elemento - Separazione dei Poteri Vi è una netta separazione di poteri che va anche oltre a quella canonica di potere esecutivo, legislativo e giudiziario. Ugualmente ci possono essere delle interferenze funzionali cioè quando un potere svolge le funzioni di un altro. Un esempio di questo sono i poteri legislativi del governo (decreto legge e decreti legislativi) ma anche le commissioni d'inchiesta parlamentari che svolgono incarichi anche una sorta di ruolo giurisprudenziale. 1.7 Le Forme di Governo Tutte le forme di governo si possono dividere in due famiglie: • Presidenziale: se la legittimazione del Governo è diretta dal popolo. • Parlamentare: se a legittimazione del Governo è indiretta dal popolo, cioè attraverso un Parlamento che funge da rappresentante del popolo. E' chiaro che tutte le forme di Governo sono legate molto alla storia che ogni singolo paese ha avuto. Analizziamo le due Famiglie. Presidenzialismo Si fonda su tre cardini: • Elezione diretta del capo di governo. • Legittimazione divisa tra esecutivo e legislativo. • Capo dell'esecutivo nomina e revoca i suoi ministri. Ha il suo maggior sviluppo negli Stati Uniti. In questo sistema: • Il Presidente non può sciogliere il Congresso. • Il Parlamento non può sfiduciare il Governo. • Il Parlamento può al più mettere in stato d'accuso il Presidente con l'Impeachment.

[close]

p. 14

10 Parlamentarismo CAPITOLO 1. PARTE GENERALE Nasce in Inghilterra. Il rapporto di fiducia si instaura tra Esecutivo e Parlamento. Il Parlamento può sfiduciare il Governo con una mozione di sfiducia. In Inghilterra vi è la cosidetta Premiership. Vi è l'egemonia dei partiti policii. Il Premier è anche il Leader del Partito politico vincitore dell'elezioni tanto è vero che se si perde la Leadership del partito solitamente il nuovo Leader assume anche la Premiership. Solo la Camera dei Comuni può sfiduciare il Governo. Il Sistema elettorale è maggioritario. Vi è anche un Governo Ombra costituito dall'opposizione che si relaziona con il Governo reale. In Germania invece la forma assume il nome di Cancellierato. Il Cancelliere è eletto dal Bundstag. Esiste la Sfiducia ma essa è di tipo costruttivo in senso che prima di poter sfiduciare il Cancelliere in carica il Bundstag deve eleggere un nuovo cancelliere. Il Sistema Elettorale è proporzionale con un soglia di sbarramento del 5%. In Spagna, il Capo di Governo e i ministri sono nominati dal Re dopo la Fiducia Parlamentare. Vi è anche qui la Sfiducia Costruttiva. Oltre queste due Grandi famiglie vi è una terza forma che è possiamo dire mista, il Semipresidenzialismo. Esso ha il suo sviluppo maggiore in Francia. Si elegge dirittamente il Presidente della Repubblica che nomina il Capo di Governo che deve a sua volta avere la fiducia dal Parlamento. Il Presidente della Repubblica: • Può sciogliere il Parlamento. • Può sottoporre a Referendum tutte le leggi concernente l'organizzazione dei pubblici poterei. • Ha poteri eccezionali in caso di pericoli per la nazione. • Negozia tutti i Trattati Internazionali. 1.7.1 Il Parlamentarismo Italiano Il potere è distribuito tra Governo e Parlamento. La relazione tra Governo e Parlamento è fiduciario. Nel nostro sistema le norme che regolano questo sistema sono sia regole costituzionali che più in generale del sistema politico dei partiti. In Costituzione sono regolati tre istituti che regolano la fiducia tra Parlamento e Governo: 1. Mozione di Fiducia: viene votata entro 10 giorni dalla formazione del Governo. Il voto è palese cioè ogni deputato deve votare apertamente la propria fiducia e motivarla (o singolarmente o in gruppo). 2. Mozione di Sfiducia: almeno un/decimo dei parlamentari componenti l'assemblea può presentare questa mozione in cui sfiducia o il Governo o un singolo ministro. Anche in questo caso si procede a voto palese. 3. Questione di Fiducia: il Governo pone su atto che ritiene di fondamentale importanza per il programma stesso di governo la fiducia chiedendo al Parlamento di supportare la sua proposta in toto o altrimenti sfiduciarlo. Anche in questo caso il voto è palese e eventuali emendamenti al testo soggetto a fiducia decadono. Gioca molto sulla stabilità del Governo anche il rapporto con i vari gruppi politici parlamentari. Il Governo si basa molto sul supporto che la sua maggioranza gli concede e spesso le crisi più che istituzionali (cioè frutto di una sfiducia) sono politiche e esterne. Sono molti infatti i Governi dimissionari senza manco aver subito una reale sfiducia parlamentare. 1.8 La Rappresentanza Politica e i Partiti Politici 1.8.1 La Rappresentanza Politica E' bene subito distinguere tra: • Rappresentanza: in cui si vuole lasciare intendere una cosa realmente esistente.

[close]

p. 15

1.8. LA RAPPRESENTANZA POLITICA E I PARTITI POLITICI • Rappresentazione: in cui vi è un elemento che non esiste. 11 La Rappresentanza è un concetto molto usato in diritto. Anche il Diritto privato prevede la rappresenta di colui che agisce per nome e per conto di uno che gli da incarico (mandato). In questo caso il mandato è imperativo cioè colui che lo ha DEVE agire secondo lo stesso. Il mandato, invece, sul piano politico il mandato ha origine nel Medioevo con una rappresentanza di interessi tra tre soggetti: corporazioni, rappresentanti e Re. In questo caso il mandato era vincolante. Nello Stato liberale la rappresentanza politica, invece, non è più fondata dai ceti medi. Nel senso che il rappresentante non è vece del popolo ma della nazione. Egli opera negli interessi della nazione. Erano eletti dai soli cittadini attivi cioè coloro che vivevano la vita politica e principalmente le classi agiate e nel loro compito di rappresentanza non rappresentavano gli interessi delle circoscrizioni dove erano stati eletti ma dell'intera nazione. Con la Costituzione la rappresentanza si fonda su tre pilastri: 1. Articolo 48: possono votare tutti i maggiorenni senza discriminazione tra uomo e donna. 2. Articolo 49: i partiti politici sono i punti di intermediazione tra società e Stato. 3. Articolo 67: è riconfermata la rappresentanza della nazione e il mandato non vincolante. Il parlamentare, nonostante la presenza dei partiti, non è vincolato neppure agli stessi. A partire dagli anni 90' la frattura con il mondo dei partiti si fa molto ampia anche a causa dei vari scandali come Tangentopoli. Oggi pertanto la spaccatura tra rappresentanza parlamentare e popolo è molto marcata e ne è segnale il forte astensionismo alle elezioni. La Rappresentanza Politica è limitata da tre istituti: • Ineleggibilità: disciplinato dalla Legge 361/1957 in cui sono indicate tre cause: 1. si è già titolari di una carica di governo negli enti locali, 2. si è impiegati presso governi esteri, 3. si è in rapporti economici con lo Stato. Tale impedimento non permette di essere eletto alle elezioni almeno che non venga rimosso 180 giorni prima. • Incompatibilità: regolato dalla Legge 60/1953 indica l'impossibilità di un cumulo di cariche tra loro incompatibili. Tale impedimento può essere rimosso anche dopo l'elezioni tramite il diritto d'opzione tra il rimanere in una o l'altra carica. • Incandidabilità: è una inidoneità assoluta alla carica. Essa non si può rimuovere. E' introdotto con la Legge 16/1992 per gli enti locali ma è stata poi estesa anche alla cariche statali dalla Legge Severino (Legge 190/2012). La Corte Costituzionale ha stabilito che l'incadidabilità scatta solo a seguito di una condanna definitiva. PER LA LEGGE SEVERINO (LEGGE 190/2012) SI RINVIA ALLA LEZIONE DI APPROFONDIMENTO. Altro istituto affine ai Parlamentari è quello stabilità dall'articolo 68 della Costituzione, l'Insidacabilità. I parlamentari non possono essere chiamati a rispondere delle loro dichiarazioni e dei loro voti espressi mentre esercitano le loro funzioni politiche. La Corte Costituzionale ha esteso l'insindacabilità anche all'esercizio politico fuori dalle Camere. I parlamentari pero non possono comunque ledere i diritti di altri soggetti. I parlamentari godono poi anche di una immunità penale, non possono essere messi in misura restrittiva senza autorizzazione della Camera di appartenenza. Tale limitazione si estende anche per quanto riguarda le indagini non essendo permesso tra l'altro l'uso di intercettazioni senza il consenso della Camera di appartenenza. 1.8.2 I Partiti Politici Essi sono Associazioni non riconosciute ai sensi dell'articolo 18 e più in particolare dell'articolo 49 della Costituzione. Essi sono l'elemento base in cui i cittadini svolgono la vita politica. Il loro ruolo fondamentale è la determinazione della politica nazionale cioè l'agenda politica che se otterrà la maggioranza alle elezioni sarà l'agenda di Governo.

[close]

Comments

no comments yet