Disposizioni in materia di liberi Consorzi comunali e Città metropolitane

 

Embed or link this publication

Description

Legge approvata il 30 luglio 2015 dall'Assemblea regionale siciliana

Popular Pages


p. 1

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE NN. 833-783-791-819-822-823-824-831-832-839-842-848 bis - I stralcio STESURA PROVVISORIA LEGGE APPROVATA IL 30 LUGLIO 2015 Disposizioni in materia di liberi Consorzi comunali e Città metropolitane TITOLO I Ordinamento degli enti di area vasta della Regione siciliana CAPO I Autonomia degli enti di area vasta Art. 1. Istituzione dei liberi Consorzi comunali e delle Città metropolitane 1. Sono istituiti i liberi Consorzi comunali di Agrigento, Caltanissetta, Enna, Ragusa, Siracusa e Trapani, composti dai comuni delle corrispondenti province regionali. 2. Sono, altresì, istituiti i liberi Consorzi comunali di Palermo, Catania e Messina, composti dai comuni delle corrispondenti province regionali, i quali costituiscono le Città metropolitane. 3. I liberi Consorzi comunali e le Città metropolitane sono enti territoriali di area vasta dotati di autonomia statutaria, regolamentare, amministrativa, impositiva e finanziaria nell’ambito dei propri statuti e regolamenti, delle leggi regionali e delle leggi statali di coordinamento della finanza pubblica. Gli organi di governo dei suddetti enti sono eletti con sistema indiretto di secondo grado. 4. Ai liberi Consorzi comunali ed alle Città metropolitane si applica, in quanto compatibile, la normativa in materia di ordinamento degli enti locali della Regione siciliana. 5. Le sedi dei liberi Consorzi comunali e delle Città metropolitane coincidono con quelle delle corrispondenti province regionali. Art. 2. Potestà statutaria e regolamentare del libero Consorzio comunale 1. Il libero Consorzio comunale, nell’ambito dei principi fissati dalla presente legge, adotta il proprio statuto, il quale: a) stabilisce le norme fondamentali dell’organizzazione dell’ente;

[close]

p. 2

b) specifica le attribuzioni degli organi, le modalità per assicurare il rispetto della parità di genere e le forme di garanzia e di partecipazione delle opposizioni; c) disciplina i rapporti tra i comuni e le unioni di comuni, compresi nel territorio del libero Consorzio comunale, individuando le modalità di organizzazione, di esercizio e di coordinamento delle funzioni dei comuni compresi nel medesimo territorio, prevedendo la loro eventuale differenziazione per aree territoriali omogenee, nel rispetto del principio di sussidiarietà e dei criteri di efficacia, efficienza, economicità, adeguatezza e riduzione della spesa; d) disciplina l’utilizzo delle strutture immobiliari del libero Consorzio comunale a favore dei comuni che ne fanno parte e viceversa, per l’esercizio di specifiche funzioni, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica; e) specifica i modi di esercizio della rappresentanza legale dell’ente, anche in giudizio; f) disciplina gli istituti di partecipazione dei cittadini, compreso il referendum abrogativo, consultivo e propositivo, l’iniziativa popolare di deliberazioni e l’istruttoria pubblica di provvedimenti di interesse generale, le forme di democrazia partecipativa, con modalità che assicurino il rispetto della partecipazione dei cittadini residenti e delle comunità locali nelle decisioni di loro specifico interesse; g) determina le modalità di partecipazione alla vita pubblica degli stranieri residenti nel territorio del libero Consorzio comunale; h) definisce le modalità relative alla piena realizzazione dell’integrazione dei cittadini diversamente abili nella vita della comunità; i) stabilisce lo stemma ed il gonfalone del libero Consorzio comunale; l) individua, in linea con quanto stabilito dalle disposizioni regionali, sistemi di controllo interno, al fine di garantire il funzionamento dell’ente secondo criteri di efficienza, efficacia ed economicità dell’azione amministrativa. 2. Lo statuto è approvato e modificato dall’Assemblea del libero Consorzio comunale, che delibera a maggioranza assoluta dei propri componenti. 3. Fino alla data di approvazione dello statuto del libero Consorzio comunale, da adottarsi entro il termine di un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, si applica lo statuto dell’ex provincia regionale corrispondente. 4. Il libero Consorzio comunale adotta regolamenti nelle materie di propria competenza in conformità alle previsioni dello statuto. Art. 3. Potestà statutaria e regolamentare della Città metropolitana 1. La Città metropolitana, nell’ambito dei principi fissati dalla presente legge, adotta il proprio statuto, il quale: 2

[close]

p. 3

a) stabilisce le norme fondamentali dell’organizzazione dell’ente; b) specifica le attribuzioni degli organi, le modalità per assicurare il rispetto della parità di genere e le forme di garanzia e di partecipazione delle opposizioni; c) disciplina i rapporti tra i comuni e le unioni di comuni, compresi nel territorio della Città metropolitana, individuando le modalità di organizzazione, di esercizio e di coordinamento delle funzioni metropolitane e comunali, prevedendo anche forme di organizzazione unitaria delle funzioni e dei servizi eventualmente differenziate per aree territoriali omogenee, nel rispetto del principio di sussidiarietà e dei criteri di efficacia, efficienza, economicità, adeguatezza e riduzione della spesa; d) disciplina l’utilizzo delle strutture immobiliari della Città metropolitana a favore dei comuni che ne fanno parte e viceversa, per l’esercizio di specifiche funzioni, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica; e) specifica i modi di esercizio della rappresentanza legale dell’ente, anche in giudizio; f) disciplina gli istituti di partecipazione dei cittadini, compreso il referendum abrogativo, consultivo e propositivo, l’iniziativa popolare di deliberazioni e l’istruttoria pubblica di provvedimenti di interesse generale, le forme di democrazia partecipativa, con modalità che assicurino il rispetto della partecipazione dei cittadini residenti e delle comunità locali nelle decisioni di loro specifico interesse; g) determina le modalità di partecipazione alla vita pubblica degli stranieri residenti nel territorio della Città metropolitana; h) definisce le modalità relative alla piena realizzazione dell’integrazione dei cittadini diversamente abili nella vita della comunità; i) stabilisce lo stemma ed il gonfalone della Città metropolitana; l) individua, in linea con quanto stabilito dalle disposizioni regionali, sistemi di controllo interno, al fine di garantire il funzionamento dell’ente, secondo criteri di efficienza, efficacia ed economicità dell’azione amministrativa. 2. Lo statuto è approvato e modificato dalla Conferenza metropolitana, che delibera a maggioranza assoluta dei propri componenti. 3. Fino alla data dì approvazione dello statuto della Città metropolitana, da adottarsi entro il termine di un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, si applica lo statuto dell’ex provincia regionale corrispondente. 4. La Città metropolitana adotta regolamenti nelle materie di propria competenza in conformità alle previsioni dello statuto. Capo II Organi degli enti di area vasta 3

[close]

p. 4

Sezione I Liberi Consorzi comunali Art. 4. Organi del libero Consorzio comunale 1. Sono organi del libero Consorzio comunale: a) il Presidente del libero Consorzio comunale; b) l’Assemblea del libero Consorzio comunale; c) la Giunta del libero Consorzio comunale; d) l’Adunanza elettorale del libero Consorzio comunale. Art. 5. Presidente del libero Consorzio comunale 1. Il Presidente del libero Consorzio comunale: a) è il legale rappresentante dell’ente; b) convoca e presiede la Giunta del libero Consorzio comunale; c) convoca e presiede l’Assemblea del libero Consorzio comunale; d) convoca l’Adunanza elettorale del libero Consorzio comunale; e) sovrintende al funzionamento dei servizi e degli uffici nonché all’esecuzione degli atti; f) esercita le ulteriori funzioni attribuite dallo statuto. 2. Il Presidente nomina tra i componenti della Giunta del libero Consorzio comunale un Vicepresidente, che lo sostituisce nei casi di assenza o impedimento. Qualora anche il Vicepresidente sia assente o impedito, assume le funzioni di Presidente del libero Consorzio comunale il componente della Giunta più anziano di età. 3. Il Presidente può assegnare deleghe ai componenti della Giunta del libero Consorzio comunale, nel rispetto del principio di collegialità, secondo le modalità e nei limiti stabiliti dallo statuto. Le deleghe possono essere revocate con provvedimento motivato. 4. Il Presidente compie tutti gli atti di amministrazione che dalla legge o dallo statuto non siano specificamente attribuiti ad altri organi del libero Consorzio comunale, al segretario ed ai dirigenti del libero Consorzio comunale. Nomina il segretario del libero Consorzio comunale ed i responsabili dei servizi e degli uffici, attribuisce e definisce gli incarichi dirigenziali e quelli di collaborazione esterna. I rapporti di collaborazione esterna e di consulenza non possono superare le due unità e non 4

[close]

p. 5

possono prevedere un compenso superiore al 50 per cento di quello spettante ai dirigenti di prima nomina. 5. Il Presidente, ogni sei mesi, presenta all’Assemblea del libero Consorzio comunale una relazione relativa al lavoro svolto nel semestre precedente. Art. 6. Elezione del Presidente del libero Consorzio comunale 1. L’elezione del Presidente del libero Consorzio comunale è indetta con decreto del Presidente uscente, da emanarsi non oltre il sessantesimo giorno antecedente quello della votazione. 2. La data dell’elezione, da svolgersi di norma in una domenica compresa tra il 15 aprile ed il 30 giugno, è fissata preventivamente con delibera della Giunta del libero Consorzio comunale. In sede di prima applicazione della presente legge, l’elezione si svolge in una domenica compresa tra l’1 ottobre ed il 30 novembre 2015. 3. Il decreto è notificato alla Prefettura territorialmente competente, al Presidente del Tribunale ove ha sede il libero Consorzio comunale, al dipartimento regionale delle autonomie locali, ai segretari dei comuni del libero Consorzio comunale ed è pubblicato, anche online, negli albi pretori del libero Consorzio comunale e dei comuni che ne fanno parte entro il quarantacinquesimo giorno antecedente quello della votazione. 4. In prima applicazione della presente legge, il decreto di indizione delle elezioni di cui al comma 1 è emanato dal Presidente della Regione entro 45 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge. 5. Il Presidente del libero Consorzio comunale è eletto dai sindaci e dai consiglieri comunali, in carica, che compongono l’Adunanza elettorale del libero Consorzio comunale. Non sono elettori i sindaci ed i consiglieri comunali sospesi di diritto dalla carica, ai sensi dell’articolo 11 del decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235. 6. Sono candidabili a Presidente del libero Consorzio comunale i sindaci dei comuni appartenenti allo stesso libero Consorzio comunale, il cui mandato scada non prima di diciotto mesi dalla data di svolgimento delle elezioni. Non è candidabile il sindaco sospeso di diritto dalla carica, ai sensi dell’articolo 11 del decreto legislativo n. 235/2012. 7. Risulta eletto il candidato che abbia riportato il maggior numero di voti. A parità di voti è proclamato eletto il candidato più anziano di età. 8. Entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, lo statuto del libero Consorzio comunale può prevedere l’elezione diretta a suffragio universale del Presidente, a decorrere dal primo rinnovo successivo all’elezione da svolgersi con le modalità di cui al presente articolo. Qualora gli statuti dei liberi Consorzi comunali e delle Città metropolitane che rappresentino la maggioranza della popolazione della Regione prevedano l’elezione diretta, il Governo presenta all’Assemblea 5

[close]

p. 6

regionale siciliana il disegno di legge che stabilisce le modalità di elezione diretta a suffragio universale del Presidente del libero Consorzio comunale e del Sindaco metropolitano. Art. 7. Cessazione dalla carica di Presidente del libero Consorzio comunale 1. Nel caso in cui il Presidente del libero Consorzio comunale si sia dimesso, sia cessato per qualsiasi causa dalla carica di sindaco del comune di appartenenza o di Presidente del libero Consorzio comunale ovvero nel caso di rimozione dello stesso Presidente per approvazione di mozione di sfiducia ai sensi dell’articolo 10, si procede, entro sessanta giorni dalla cessazione, all’elezione del nuovo Presidente del libero Consorzio comunale. 2. Fino all’elezione del nuovo Presidente del libero Consorzio comunale, le relative funzioni sono esercitate dal Vicepresidente. 3. Nei casi di cui al comma 1 la Giunta del libero Consorzio comunale compie esclusivamente atti di ordinaria amministrazione. Art. 8. Assemblea del libero Consorzio comunale 1. L’Assemblea del libero Consorzio comunale, composta dai sindaci dei comuni appartenenti al libero Consorzio comunale, è l’organo di indirizzo politico e di controllo dell’ente di area vasta. 2. L’Assemblea del libero Consorzio comunale, a maggioranza assoluta dei propri membri, approva: a) lo statuto proposto dalla Giunta del libero Consorzio comunale; b) il regolamento per il proprio funzionamento; c) i bilanci di previsione, consuntivi e pluriennali proposti dalla Giunta del libero Consorzio comunale. 3. L’Assemblea del libero Consorzio comunale approva, altresì, i regolamenti, i piani ed i programmi ed esercita ogni ulteriore funzione attribuita dallo statuto. Art. 9. Giunta del libero Consorzio comunale 1. La Giunta del libero Consorzio comunale è l’organo esecutivo dell’ente di area vasta ed esercita le funzioni attribuite dallo statuto. 2. La Giunta del libero Consorzio comunale è composta da: a) quattro componenti, nei liberi Consorzi comunali con popolazione residente fino a 400.000 abitanti; 6

[close]

p. 7

b) sei componenti, nei liberi Consorzi comunali con popolazione residente superiore a 400.000 ed inferiore a 650.000 abitanti; c) otto componenti, nei liberi Consorzi comunali con popolazione residente pari o superiore a 650.000 abitanti. 3. La Giunta del libero Consorzio comunale è eletta dall’Adunanza elettorale del libero Consorzio comunale. Le elezioni della Giunta sono indette dal Presidente del libero Consorzio comunale entro quindici giorni dalla sua elezione e si svolgono nei successivi trenta giorni. Ai fini dell’elezione dei componenti della Giunta, il Presidente del libero Consorzio comunale propone all’Adunanza elettorale un elenco di candidati, scelti tra i sindaci ed i consiglieri comunali, in carica, dei comuni appartenenti al libero Consorzio comunale, in numero triplo rispetto a quello previsto dal comma 2. L’elenco dei candidati deve prevedere almeno un rappresentante dei comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti ed almeno un rappresentante dei comuni con popolazione tra 5.000 e 10.000 abitanti. Nell’ambito del suddetto elenco di candidati, nel quale nessuno dei due sessi può superare la percentuale dei due terzi, l’Adunanza elettorale elegge i membri della Giunta. A tal fine ciascun elettore può esprimere fino a due preferenze. Nel caso di espressione di due preferenze esse devono riguardare candidati di genere diverso, pena la nullità della seconda preferenza. Sono eletti i candidati che abbiano ottenuto il maggior numero di preferenze. Nel caso in cui gli ultimi due candidati collocati in posizione utile abbiano ottenuto un uguale numero di voti, risulta eletto il candidato più giovane. 4. Non sono candidabili a componenti della Giunta il coniuge, i parenti e gli affini entro il secondo grado del Presidente del libero Consorzio comunale. Non sono candidabili i sindaci ed i consiglieri comunali sospesi di diritto dalla carica, ai sensi dell’articolo 11 del decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235. 5. La cessazione dalla carica ricoperta nel comune di appartenenza, per qualsiasi causa, comporta la decadenza dalla carica di componente della Giunta del libero Consorzio comunale. 6. Nel caso di cui al comma 5 il Presidente del libero Consorzio comunale indice l’elezione di un nuovo componente della Giunta con le modalità ed i termini di cui al comma 3. Fino all’elezione le relative funzioni sono esercitate dal Presidente. 7. Nei casi di cessazione del Presidente, la Giunta permane in carica fino all’elezione del nuovo Presidente. 8. La Giunta propone all’Assemblea del libero Consorzio comunale lo statuto per la sua approvazione. 9. La Giunta propone all’Assemblea del libero Consorzio comunale i bilanci di previsione, consuntivi e pluriennali per l’approvazione. Art. 10. Adunanza elettorale del libero Consorzio comunale 7

[close]

p. 8

1. L’Adunanza elettorale del libero Consorzio comunale è composta dai sindaci e dai consiglieri comunali, in carica, dei comuni appartenenti al libero Consorzio comunale. 2. L’Adunanza elettorale elegge il Presidente e la Giunta del libero Consorzio comunale. L’Adunanza approva, altresì, la mozione di sfiducia al Presidente del libero Consorzio comunale secondo le modalità di cui ai commi 3 e 4. 3. La mozione è presentata da almeno un quinto dei componenti dell’Assemblea che rappresentino almeno un quinto della popolazione del libero Consorzio comunale ed è posta in votazione dopo almeno dieci giorni e non oltre trenta giorni dalla sua presentazione. Essa è approvata dalla maggioranza assoluta dei componenti dell’Adunanza elettorale. 4. La mozione di sfiducia non può essere presentata prima di due anni dall’elezione del Presidente né per più di due volte a distanza di almeno un anno durante il medesimo mandato. Sezione II Città metropolitane Art. 11. Organi della Città metropolitana 1. Sono organi della Città metropolitana: a) il Sindaco metropolitano; b) la Conferenza metropolitana; c) la Giunta metropolitana; d) l’Adunanza elettorale metropolitana. Art. 12. Sindaco metropolitano 1. Il Sindaco metropolitano: a) è il legale rappresentante dell’ente; b) convoca e presiede la Giunta metropolitana; c) convoca e presiede la Conferenza metropolitana; d) convoca l’Adunanza elettorale metropolitana; e) sovrintende al funzionamento dei servizi e degli uffici nonché all’esecuzione degli atti; f) esercita le ulteriori funzioni attribuite dallo statuto. 8

[close]

p. 9

2. Il Sindaco metropolitano nomina tra i componenti della Giunta metropolitana un Vicesindaco, che lo sostituisce nei casi di assenza o impedimento. Qualora anche il Vicesindaco sia assente o impedito, assume le funzioni di Sindaco metropolitano il componente della Giunta più anziano di età. 3. Il Sindaco metropolitano può assegnare deleghe ai componenti della Giunta metropolitana, nel rispetto del principio di collegialità, secondo le modalità e nei limiti stabiliti dallo statuto. Le deleghe possono essere revocate con provvedimento motivato. 4. Il Sindaco metropolitano compie tutti gli atti di amministrazione che dalla legge o dallo statuto non siano specificamente attribuiti ad altri organi della Città metropolitana, al segretario ed ai dirigenti della Città metropolitana. Nomina il segretario della Città metropolitana, i responsabili degli uffici e dei servizi, attribuisce e definisce gli incarichi dirigenziali e quelli di collaborazione esterna. I rapporti di collaborazione esterna e di consulenza non possono superare le due unità e non possono prevedere un compenso superiore al 50 per cento di quello spettante ai dirigenti di prima nomina. 5. Il Sindaco metropolitano, ogni sei mesi, presenta alla Conferenza metropolitana una relazione relativa al lavoro svolto nel semestre precedente. Art. 13. Elezione del Sindaco metropolitano 1. L’elezione del Sindaco metropolitano è indetta con decreto del Sindaco uscente, da emanarsi non oltre il sessantesimo giorno antecedente quello della votazione. 2. La data dell’elezione, da svolgersi di norma in una domenica compresa tra il 15 aprile ed il 30 giugno, è fissata preventivamente con delibera della Giunta metropolitana. In sede di prima applicazione della presente legge, l’elezione si svolge in una domenica compresa tra l’1 ottobre ed il 30 novembre 2015. 3. Il decreto è notificato alla Prefettura territorialmente competente, al Presidente del Tribunale ove ha sede la Città metropolitana, al dipartimento regionale delle autonomie locali, ai segretari dei comuni della Città metropolitana ed è pubblicato, anche online, negli albi pretori della Città metropolitana e dei comuni che ne fanno parte entro il quarantacinquesimo giorno antecedente quello della votazione. 4. In prima applicazione della presente legge, il decreto di indizione delle elezioni di cui al comma 1 è emanato dal Presidente della Regione entro 45 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge. 5. Il Sindaco metropolitano è eletto dai sindaci e dai consiglieri comunali, in carica, dei comuni appartenenti alla Città metropolitana nonché dai presidenti dei consigli circoscrizionali, in carica, del comune capoluogo, che compongono l’Adunanza elettorale metropolitana. Non sono elettori i sindaci ed i consiglieri comunali nonché i presidenti dei consigli circoscrizionali sospesi di diritto dalla carica ai sensi dell’articolo 11 del decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235. 9

[close]

p. 10

6. Sono candidabili a Sindaco metropolitano i sindaci in carica dei comuni appartenenti alla Città metropolitana, il cui mandato scada non prima di diciotto mesi dalla data di svolgimento delle elezioni. Non è candidabile il sindaco sospeso di diritto dalla carica, ai sensi dell’articolo 11 del decreto legislativo n. 235/2012. 7. Risulta eletto il candidato che abbia riportato il maggior numero di voti. A parità di voti è proclamato eletto il candidato più anziano di età. 8. Entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, lo statuto della Città metropolitana può prevedere l’elezione diretta a suffragio universale del Sindaco metropolitano, a decorrere dal primo rinnovo successivo all’elezione da svolgersi con le modalità di cui al presente articolo. Qualora gli statuti dei liberi Consorzi comunali e delle Città metropolitane che rappresentino la maggioranza della popolazione della Regione prevedano l’elezione diretta, il Governo presenta all’Assemblea regionale siciliana il disegno di legge che stabilisce le modalità di elezione diretta a suffragio universale del Presidente del libero Consorzio comunale e del Sindaco metropolitano. E’ condizione necessaria, affinché si possa far luogo all’elezione diretta a suffragio universale del Sindaco metropolitano, che entro la data di indizione delle elezioni il comune capoluogo abbia previsto l’articolazione del proprio territorio in più comuni, con deliberazione del consiglio comunale a maggioranza assoluta dei componenti sottoposta a referendum tra tutti i cittadini della Città metropolitana e approvata dalla maggioranza dei partecipanti al voto. Per la validità del referendum è necessaria la partecipazione della metà più uno degli aventi diritto. E’, altresì, necessario che sia approvata la legge regionale di istituzione dei nuovi comuni. Art. 14. Cessazione dalla carica di Sindaco metropolitano 1. Nel caso in cui il Sindaco metropolitano si sia dimesso, sia cessato per qualsiasi causa dalla carica di sindaco del comune di appartenenza o di Sindaco metropolitano ovvero nel caso di rimozione dello stesso Sindaco metropolitano per approvazione della mozione di sfiducia ai sensi dell’articolo 17, si procede, entro sessanta giorni dalla cessazione, all’elezione del nuovo Sindaco metropolitano. 2. Fino all’elezione del nuovo Sindaco metropolitano le relative funzioni sono esercitate dal Vicesindaco metropolitano. 3. Nei casi di cui al comma 1 la Giunta metropolitana compie esclusivamente atti di ordinaria amministrazione. Art. 15. Conferenza metropolitana 1. La Conferenza metropolitana, composta dai sindaci dei comuni appartenenti alla Città metropolitana, è l’organo di indirizzo politico e di controllo dell’ente di area vasta. 2. La Conferenza metropolitana, a maggioranza assoluta dei propri membri, approva: 10

[close]

p. 11

a) lo statuto proposto dalla Giunta metropolitana; b) il regolamento per il proprio funzionamento; c) i bilanci di previsione, consuntivi e pluriennali proposti dalla Giunta metropolitana. 3. La Conferenza metropolitana approva, altresì, i regolamenti, i piani ed i programmi ed esercita ogni ulteriore funzione attribuita dallo statuto. Art. 16. Giunta metropolitana 1. La Giunta metropolitana è l’organo esecutivo della Città metropolitana ed esercita le funzioni attribuite dallo statuto. 2. La Giunta metropolitana è composta da: a) quattro componenti, nelle Città metropolitane con popolazione residente fino a 500.000 abitanti; b) sei componenti, nelle Città metropolitane con popolazione residente superiore a 500.000 abitanti ed inferiore a 1.000.000 di abitanti; c) otto componenti, nelle Città metropolitane con popolazione residente pari o superiore a 1.000.000 di abitanti. 3. La Giunta metropolitana è eletta dall’Adunanza elettorale metropolitana. Le elezioni della Giunta sono indette dal Sindaco metropolitano entro quindici giorni dalla sua elezione e si svolgono nei successivi trenta giorni. Ai fini dell’elezione dei componenti della Giunta, il Sindaco metropolitano propone all’Adunanza elettorale un elenco di candidati, scelti tra i sindaci, i presidenti dei consigli circoscrizionali del comune sede della Città metropolitana ed i consiglieri comunali, in carica, dei comuni appartenenti alla Città metropolitana, in numero triplo rispetto a quello previsto dal comma 2. L’elenco dei candidati deve prevedere almeno un rappresentante dei comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti ed almeno un rappresentante dei comuni con popolazione tra 5.000 e 10.000 abitanti. Nell’ambito del suddetto elenco di candidati, nel quale nessuno dei due sessi può superare la percentuale dei due terzi, l’Adunanza elettorale elegge i membri della Giunta. A tal fine ciascun elettore può esprimere fino a due preferenze. Nel caso di espressione di due preferenze esse devono riguardare candidati di genere diverso, pena la nullità della seconda preferenza. Sono eletti i candidati che abbiano ottenuto il maggior numero di preferenze. Nel caso in cui gli ultimi due candidati collocati in posizione utile abbiano ottenuto un uguale numero di voti, risulta eletto il candidato più giovane. 4. Non sono candidabili a componenti della Giunta il coniuge, i parenti e gli affini entro il secondo grado del Sindaco metropolitano. Non sono candidabili i sindaci, i consiglieri comunali ed i presidenti dei consigli circoscrizionali sospesi di diritto dalla carica, ai sensi dell’articolo 11 del decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235. 11

[close]

p. 12

5. La cessazione dalla carica ricoperta nel comune di appartenenza, per qualsiasi causa, comporta la decadenza dalla carica di componente della Giunta metropolitana. 6. Nel caso di cui al comma 5, il Sindaco metropolitano indice l’elezione di un nuovo componente della Giunta metropolitana, da svolgersi con le modalità ed i termini di cui al comma 3. Fino all’elezione le relative funzioni sono esercitate dal Sindaco metropolitano. 7. Nei casi di cessazione del Sindaco metropolitano, la Giunta permane in carica fino all’elezione del nuovo Sindaco. 8. La Giunta metropolitana propone alla Conferenza metropolitana lo statuto della Città metropolitana per la sua approvazione. 9. La Giunta propone alla Conferenza metropolitana i bilanci di previsione, consuntivi e pluriennali per l’approvazione. Art. 17. Adunanza elettorale metropolitana 1. L’Adunanza elettorale metropolitana è composta dai sindaci e dai consiglieri comunali, in carica, dei comuni appartenenti alla Città metropolitana nonché dai presidenti dei consigli circoscrizionali del comune capoluogo. 2. L’Adunanza elettorale elegge il Sindaco metropolitano e la Giunta metropolitana. L’Adunanza approva, altresì, la mozione di sfiducia al Sindaco metropolitano secondo le modalità di cui ai commi 3 e 4. 3. La mozione è presentata da almeno un quinto dei componenti della Conferenza metropolitana che rappresentino almeno un quinto della popolazione della Città metropolitana ed è posta in votazione dopo almeno dieci giorni e non oltre trenta giorni dalla sua presentazione. Essa è approvata dalla maggioranza assoluta dei componenti dell’Adunanza elettorale. 4. La mozione di sfiducia non può essere presentata prima di due anni dall’elezione del Sindaco metropolitano né per più di due volte a distanza di almeno un anno durante il medesimo mandato. Sezione III Disposizioni comuni Art. 18. Disciplina delle operazioni elettorali per l’elezione degli organi del libero Consorzio comunale e della Città metropolitana 1. Per l’elezione del Presidente del libero Consorzio comunale e del Sindaco metropolitano nonché della Giunta del libero Consorzio comunale e della Giunta metropolitana, entro cinque giorni dalla pubblicazione del decreto di indizione delle elezioni, l’assessore regionale per le autonomie locali e la funzione pubblica, con 12

[close]

p. 13

decreto istituisce l’ufficio elettorale composto da tre iscritti all’albo nazionale dei segretari comunali e provinciali di cui agli articoli 98 del decreto legislativo 18 agosto 2000 n. 267, di cui uno con funzioni di presidente. Un dirigente, con competenze amministrative, di uno dei comuni appartenenti all’ente di area vasta è designato, con il medesimo decreto, ad esercitare le funzioni di segretario. L’ufficio elettorale si insedia presso la sede dell’ente di area vasta. 2. Sulla base delle comunicazioni trasmesse dai comuni appartenenti all’ente di area vasta, sottoscritte congiuntamente dal sindaco e dal segretario, entro il trentesimo giorno antecedente la votazione l’ufficio elettorale forma l’elenco degli elettori e ne dispone la pubblicazione, anche online, negli albi pretori dello stesso ente di area vasta e dei comuni che ne fanno parte. Eventuali variazioni dell’elenco degli elettori, da pubblicare con le stesse modalità, possono essere disposte dall’ufficio elettorale entro il secondo giorno antecedente quello della votazione. 3. Le candidature per l’elezione del Presidente del libero Consorzio comunale e del Sindaco metropolitano sono presentate dalle ore otto del ventunesimo giorno alle ore dodici del ventesimo giorno antecedente quello della votazione, anche se festivi, presso l’ufficio elettorale. 4. Entro il diciottesimo giorno antecedente quello della votazione l’ufficio elettorale assegna, mediante sorteggio, un numero progressivo a ciascun candidato alla carica di Presidente del libero Consorzio comunale o di Sindaco metropolitano. Tale numero rappresenta l’ordine con il quale i nominativi dei candidati a Presidente del libero Consorzio comunale ed a Sindaco metropolitano sono scritti nelle schede di votazione. 5. La stampa delle schede di votazione è effettuata a cura dell’ente di area vasta dal diciassettesimo al secondo giorno antecedente quello della votazione. 6. Per le operazioni di voto è costituito presso l’ufficio elettorale un unico seggio elettorale, composto da un presidente, da quattro scrutatori, scelti tra gli elettori dall’ufficio elettorale mediante sorteggio da effettuarsi entro il decimo giorno antecedente quello della votazione, e da un segretario, scelto dal presidente del seggio elettorale tra gli stessi elettori. In caso di rinuncia o impedimento del presidente e degli scrutatori l’ufficio elettorale provvede alla sostituzione. In caso di rinuncia o impedimento del segretario, il presidente provvede alla sostituzione. 7. Il seggio elettorale si insedia alle ore sei del giorno della votazione per le operazioni preliminari di competenza. Le operazioni di voto si svolgono dalle ore otto alle ore ventidue. 8. Ultimate le operazioni di voto e dichiarata chiusa la votazione, il presidente del seggio elettorale: a) procede alla sigillatura dell’urna contenente le schede votate; b) forma un plico sigillato contenente le schede autenticate e non utilizzate; c) forma un ulteriore plico sigillato contenente le eventuali schede non autenticate e quelle deteriorate; 13

[close]

p. 14

d) richiude in un apposito plico tutte le carte, gli atti ed i documenti riguardanti la votazione nonché il bollo del seggio e le matite utilizzate per l’espressione del voto; e) procede alla chiusura della sala ed alla sua custodia esterna, avvalendosi delle forze di polizia. 9. L’urna, i plichi ed i mezzi precauzionali apposti agli accessi della sala devono essere firmati sui lembi di chiusura dal presidente del seggio, dal segretario e da due scrutatori. 10. Lo scrutinio ha inizio alle ore otto del giorno successivo a quello della votazione e continua fino alla sua conclusione. Ultimate le operazioni di scrutinio, il seggio elettorale trasmette il relativo esito all’ufficio elettorale per la verifica dei dati e la proclamazione dell’eletto. 11. Ai fini dell’elezione della Giunta del libero Consorzio comunale e della Giunta metropolitana, il Presidente del libero Consorzio comunale ed il Sindaco metropolitano presentano la lista dei candidati entro il decimo giorno antecedente quello della votazione, anche se festivo, presso l’ufficio elettorale. La predetta lista è pubblicata, anche online, negli albi pretori dell’ente di area vasta e dei comuni che ne fanno parte. 12. Per l’elezione della Giunta del libero Consorzio comunale e della Giunta metropolitana si applicano le disposizioni di cui ai commi 5, 6, 7, 8, 9 e 10. 13. Tutti i termini che regolano il procedimento elettorale degli organi degli enti di area vasta sono perentori. 14. Per quanto non previsto dal presente articolo si rinvia alla normativa vigente in materia di elezioni del presidente della ex provincia regionale. 15. Nei casi di omessa indizione delle elezioni, provvede in via sostitutiva l’assessore regionale per le autonomie locali e la funzione pubblica, a mezzo di commissario straordinario nominato ai sensi della normativa vigente. Art. 19. Decadenza e cessazione degli organi 1. La cessazione dalla carica di sindaco di un comune o di consigliere comunale o di presidente del consiglio circoscrizionale, per qualsiasi causa, comporta la decadenza immediata da qualsiasi carica ricoperta negli organi dei liberi Consorzi comunali e delle Città metropolitane. 2. I componenti degli organi dei liberi Consorzi comunali e delle Città metropolitane decadono dalla carica in caso di sospensione di diritto dalla carica ricoperta nel comune di appartenenza ai sensi dell’articolo 11 del decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235. 14

[close]

p. 15

3. Nel caso di cessazione dalla carica di un componente dell’Assemblea del libero Consorzio comunale o della Conferenza metropolitana, lo stesso è sostituito, fino al rinnovo della carica di sindaco, dal vicesindaco e successivamente dal commissario straordinario nominato ai sensi dell’articolo 55 dell’ordinamento amministrativo degli enti locali nella Regione siciliana approvato con la legge regionale 15 marzo 1963, n. 16 e successive modifiche ed integrazioni. Art. 20. Indennità per le cariche negli organi degli enti di area vasta 1. Al Presidente del libero Consorzio comunale ed al Sindaco metropolitano è attribuita un’indennità pari alla differenza tra l’indennità percepita per la carica di sindaco e quella spettante al sindaco del comune con il maggior numero di abitanti del libero Consorzio comunale o della Città metropolitana. 2. Qualora l’indennità percepita dal Presidente del libero Consorzio comunale o dal Sindaco metropolitano, in virtù della carica di sindaco, sia pari a quella del sindaco del comune con maggior numero di abitanti, agli stessi è attribuita una maggiorazione del 20 per cento dell’indennità già percepita. 3. Ai componenti della Giunta del libero Consorzio comunale e della Città metropolitana è attribuita un’indennità pari alla differenza tra l’indennità percepita per la carica ricoperta nel comune ed il 50 per cento di quella spettante al Presidente del relativo libero Consorzio comunale o al Sindaco della relativa Città metropolitana. 4. Qualora l’indennità percepita dai componenti della Giunta del libero Consorzio comunale e della Città metropolitana, in virtù della carica ricoperta nel comune, sia pari o superiore a quella spettante ai sensi del comma 3, agli stessi è attribuita una maggiorazione del 10 per cento dell’indennità già percepita. 5. Ai fini dell’applicazione al sindaco del comune capoluogo della Città metropolitana delle disposizioni di cui all'articolo 2, comma l, della legge regionale 26 giugno 2015, n. 11, la classe demografica è determinata con riferimento alla popolazione residente nel territorio metropolitano. 6. Le disposizioni del presente articolo si applicano nei limiti delle disponibilità finanziarie in atto esistenti. Dall’attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio della Regione. Art. 21. Segretario degli enti di area vasta 1. Il segretario del libero Consorzio comunale e della Città metropolitana è nominato tra coloro che sono iscritti all’albo nazionale dei segretari comunali e provinciali di cui all’articolo 98 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, nel rispetto delle fasce di appartenenza. Oltre ai compiti di cui all’articolo 97 del decreto legislativo n. 267/2000, esercita ogni altra funzione attribuitagli dallo statuto e dai regolamenti dell’ente di area vasta. Art. 22. Organo di revisione degli enti di area vasta 15

[close]

Comments

no comments yet