Matita e tempera II B Rivalta

 

Embed or link this publication

Description

Lavori realizzati durante l'ora di Arte e Immagine

Popular Pages


p. 1

Scuola secondaria di primo grado “Norberto Bobbio” di Rivalta Bormida Classe : II B anno scolastico 2014/2015 “ARTE E IMMAGINE” Professoressa Daniela Tono

[close]

p. 2

LA MATITA La matita permette di indagare analiticamente un soggetto. Questo strumento infatti, a differenza di altre tecniche artistiche, non ha fretta. La matita sa esprimersi, esclusivamente, attraverso una gamma di grigi, che la rendono austera. Possiamo controbilanciare l’immediatezza del suo utilizzo con la lentezza del nostro fare; non distratti dalla versatilità che caratterizza le tecniche pittoriche, ci permettiamo di indugiare sulle forme con pazienza, che è la virtù dei forti. Chi, per carattere è riflessivo ama la matita. E’ sbagliato, però, pensare alla matita come ad una grigia giornata di pioggia. Van Gogh, Gauguin e Munch hanno trasformato la traccia di grafite in un megafono amplificatore della loro urgenza espressiva. Il segno grafico si è fatto interprete simultaneo dell’animo, diventando denuncia dal linguaggio tragico, chiaro e diretto in Kathe Kollwitz e Zoran Music.

[close]

p. 3

Il percorso didattico ha avuto inizio dalla progettazione del disegno preliminare e dallo studio delle gradazioni chiaroscurali . In seguito, attraverso la tecnica della quadrettatura, il bozzetto è stato trasferito, a mano libera, sul foglio da disegno. Per mantenere le proporzioni iniziali è stata applicata la scala metrica.

[close]

p. 4

Andrea Garello : studio a matita

[close]

p. 5

Tavole pittoriche a tempera La facilità di stesura e l’immediatezza della resa pittorica sono le caratteristiche della tempera. La tavola dipinta è la traduzione cromatica dello studio a matita. L’esercitazione mira, soprattutto, a stimolare la capacità progettuale degli alunni. L’obiettivo da raggiungere, che diventa competenza spendibile, consiste nell’acquisizione della capacità di organizzare, con logica consequenziale, le fasi lavorative e le declinazioni chiaroscurali. I colori saturi, che occupano la fascia centrale della tavola, si accendono di luce con l’aggiunta del bianco o si fanno ombra se mescolati al nero.

[close]

p. 6

Andrea Garello : esecutivo a tempera

[close]

p. 7

Giorgio Bottero : esecutivo a tempera

[close]

p. 8



[close]

p. 9

Filippo Vecchiato : esecutivo a tempera

[close]

p. 10

E. Cima Sander : studio a matita

[close]

p. 11

Emanuela Cima Sander : esecutivo a tempera

[close]

p. 12

Giulio Termignoni : studio a matita

[close]

p. 13

Giulio Termignoni : esecutivo a tempera

[close]

p. 14

Alessia Zunino : studio a matita

[close]

p. 15

Alessia Zunino : esecutivo a tempera

[close]

Comments

no comments yet