Il Marconi giugno 2015

 

Embed or link this publication

Description

Il Marconi giugno 2015

Popular Pages


p. 1

Informazioni dall’Istituto Vescovile “G. Marconi” in Portogruaro Numero 2, Giugno 2015 Pubbl. trimestrale - Poste Italiane S.p.A. - Sped. in Abb. Post. D. L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1, comma 2, DCB VENEZIA CORAGGIO da Papa Francesco e dai martiri cristiani Lo stile di Papa Francesco e la testimonianza dei martiri cristiani costituiscono due straordinari appelli rivolti al mondo intero e a ciascuno di noi. "Papa Francesco va al fondamento delle cose", scrive il cardinale Walter Kasper, presidente emerito del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, nel libro  Papa Francesco. La rivoluzione della tenerezza e dell’amore. E il fondamento è il l’Evangelo di Gesù Cristo, l’Evangelo della misericordia e della giustizia, l’Evangelo di una vita più buona e più bella e più umana. L’Esortazione apostolica “Evangelii gaudium” - vero manifesto di questo pontificato - affronta il problema della Chiesa e del mondo attuale alla radice. La gioia del vangelo può suscitare di nuovo gioia di vivere, di sperare, di lottare. Papa Francesco sta cercando di incarnare al vertice dell’organizzazione della Chiesa questo stile evangelico: una rivoluzione dolce e forte ad un tempo, un percorso delicato e complesso. L’Evangelo della tenerezza e della gioia – in quest’Europa senza bussola e senza meta, dentro ad un contesto planetario inquieto e imprevedibile - è l’alternativa alla stanchezza del nostro vecchio mondo senza slancio, l’antidoto alle passioni tristi e alle tentazioni violente, una speranza di fronte alle derive fanatiche o integralistiche delle religioni (cfr. Evangelii gaudium, 1). In questo nostro tempo sono ritornati i martiri cristiani: martiri della fede, della speranza e della carità. Insieme ad altre minoranze perseguitate. Dopo l’invocazione della pace nella benedizione Urbi et Orbi di Pasqua («A chi ha la forza e la verità di Dio non serve la violenza»), anche durante il Lunedì dell’Angelo Papa Francesco è tornato a chiedere aiuto per quanti nel mondo sono «perseguitati, esiliati, uccisi, decapitati per il solo fatto di essere cristiani». «Loro sono i nostri martiri di oggi e sono tanti, possiamo dire che sono più numerosi che nei primi secoli della Chiesa», ha detto nel Regina Coeli. E poi l’invito alla comunità internazionale affinché «non assista muta e inerte di fronte a tale inaccettabile crimine, che costituisce una preoccupante deriva dei diritti umani più elementari». Siamo in buona compagnia: tocca a ciascuno di fare la propria parte, con coraggio. Il Rettore Don Orioldo Marson 1 Coraggio 2 Scuola paritaria. Grazie 3 La vita della nostra scuola 9 Consiglio di Istituto. Mese educazione 2015 10 Cathedra 12 Anno degli Anniversari 14 Convegno don Lozer 15 Intervista a Luigi Berlinguer. Amici del Marconi 16 Contiamo 2 su di Te 3 7 9 10 11 12 Il Marconi è anche www.collegiomarconi.org www.facebook.com/collegiomarconi DEL MARC 2015 4 OTTOBRE 15 FESTA 13 I ON

[close]

p. 2

Sul fronte della scuola paritaria Ancora niente di niente in Italia sul fronte della scuola paritaria. Evidentemente la questione non interessa a nessuno. Un po’ di tenerezza suscitano i bambini delle materne parrocchiali con le loro insegnanti, anche perché ai comuni conviene che non chiudano, come purtroppo sta accadendo in tante comunità; ma tutti gli altri si arrangino. La Commissione Scuola della Conferenza Episcopale Triveneto aveva emanato nel 2013 il documento “Per una scuola della società civile attraverso l’autonomia e la parità”, firmato dalle varie aggregazioni che operano nell’ambito delle scuole paritarie cattoliche in vista delle elezioni politiche: “E’ necessario che la classe politica nella sua interezza prenda piena consapevolezza degli elementi costituzionali che esplicitano e rendono cogente la piena attuazione della libertà di scelta educativa e il riconoscimento, giuridico ed economico, del carattere pubblico del servizio offerto anche dalle scuole paritarie e dai centri di formazione professionale”. Niente, niente di niente: anzi, il trattamento è ulteriormente peggiorato. La “buona scuola”, come nei grandi sistemi scolastici europei, avrebbe bisogno di un incontro costruttivo e competitivo tra soggetti del privato-sociale e istituzioni pubbliche: solo questo passaggio può portare risorse umane e clima innovativo nel mondo della scuola, spesso prigioniero di riti obsoleti. A proposito: che reazioni scomposte alla riforma del governo! Si conferma l’impressione che alcune categorie di insegnanti facciano sempre protesta, su tutto e sul contrario di tutto. Le scuole paritarie sono parte del sistema pubblico di istruzione e formazione, ma non ricevono contributi, se non simbolici. Tutto è trasparente. Il cosiddetto “buono scuola” nella Regione Veneto è diventato un’elemosina, con ritardi scandalosi e indegni. Eppure la disinformazione regna sovrana e invincibile: un caso da psicologia sociale o da patologia della comunicazione. Anche mia zia è convinta che il Marconi prenda tanti soldi dallo Stato, “perché è scritto sui giornali e lo dicono alla televisione”. La già contestata ipotesi di detrazione fiscale porterebbe alle famiglie di studenti delle scuole paritarie circa 76 euro: una cifra inconsistente, evidentemente considerata un salasso inaccettabile di risorse pubbliche. Un passo in avanti, una strada aperta? Non lo so. Per altri 10 anni probabilmente non succederà niente di meglio. L’investimento per un sistema scolastico nazionale plurale e integrato, in cui lo Stato è regista e controllore ma non unico gestore, sarebbe remunerativo quanto pochi altri. Impossibile? Assolutamente no. Difficile? Probabilmente sì, soprattutto perché l’ideologia conservatrice non vuole rinunciare al monopolio dell’offerta formativa e alle abitudini stataliste. Come mai il pensiero sociale innovativo e progressista, che sta ragionando ad esempio di welfare comunitario e generativo, non capisce il valore di una “scuola comunitaria e generativa”? Come cerchiamo di agire in questa situazione così ostativa e pesante? Insieme, e positivamente: responsabili, insegnanti, genitori; continuando nella ricerca del confronto con tutti; collaborando con il nostro territorio; mantenendo i nervi saldi. Gli insegnanti stanno facendo la loro parte, anche attraverso scelte di vita nel segno del rischio e del dono; ma il futuro cosa ci riserverà? La nostra scuola può svolgere la sua opera educativa solo grazie alla condivisione del Progetto Educativo da parte delle famiglie e al loro sostegno morale ed economico; i genitori non sono semplici “utenti di un servizio”, ma corresponsabili dello stesso, pur nella distinzione dei ruoli. Ci stanno dando una mano importante collaboratori e benefattori: Amici del Marconi, gruppo “Contiamo su di te”, singole persone. L’intraprendenza dal basso e la Provvidenza dall’altro hanno permesso il miracolo di continuare. Però è inevitabile e giusto essere arrabbiati: ci sentiamo becchi e bastonati. Oggetto di critiche infondate. Forse siamo stati nella cattiva compagnia di qualche diplomificio o di qualche falso alleato: ben vengano la critica e soprattutto la valutazione, ma non il pregiudizio. Le porte sono aperte a tutti i controlli. C’è senz’altro da imparare ad entrare qui. Ci teniamo alla serietà e alla qualità. Soprattutto cerchiamo di operare per un insegnamento e un apprendimento che siano aperti alla vita e ai valori, cioè significativi. Abbiamo tanti limiti ma in questi anni non ci è mancato il coraggio. E il coraggio non ci manca nemmeno oggi. DEL MARC 2015 4 OTTOBRE FESTA ONI Grazie E AUGURI Grazie a Gianfranco Maglio, per 10 anni vice-presidente del Consiglio di amministrazione della Fondazione Collegio Marconi; auguri a Stefano Ziroldo, nuovo vice-presidente. Grazie a Paolo Anastasia, per 12 anni amministratore delegato di Portogruaro Campus; auguri a Massimo Forliti, nuovo amministratore delegato. Grazie a tutti gli altri collaboratori, vecchi e nuovi, nei due Consigli: un esempio di volontariato generoso e collaborativo. Grazie agli Amici del Marconi, ai volontari e benefattori anonimi. 2

[close]

p. 3

La nuova IV Ginnasio Si riparte con la nuova IV ginnasio, composta da una ventina di alunni. Come si è partiti 90 anni fa, quando iniziava prima il Ginnasio Inferiore e poi quello Superiore (l’attuale nostro Ginnasio) con un numero sempre più sostenuto di iscritti. Allora a Portogruaro non c’erano altre scuole, oggi la situazione è diversa e l’iscrizione al Ginnasio-Liceo Marconi è il frutto di una scelta ben precisa. Abbiamo chiesto ad alcuni genitori e studenti una loro opinione che riportiamo qui di seguito. LA VITA DELLA NOSTRA SCUOLA Marconi CAMPUS: novità e rispetto della tradizione La volontà di non veder svanita un'istituzione culturale, sociale e formativa come il Liceo Classico del Collegio Marconi ha accomunato alcuni genitori delle classi terze della media inferiore dell'Istituto nell'obiettivo di riattivare il corso di studi. Per evitare la dispersione scolastica che aveva impedito l’apertura del primo anno, il gruppo di genitori ha cercato dapprima di individuare le motivazioni di questa disaffezione e successivamente di proporre alcuni suggerimenti. Un grande merito va all'Istituzione scolastica nella sua totalità, che ha ascoltato le proposte e che ha portato a compimento un percorso di rinnovamento formativo, introducendo molte novità, che hanno permesso la rinascita del nuovo Liceo Marconi. Un plauso a tutte le persone che, credendo fortemente nella rinnovata offerta formativa, hanno permesso la costituzione di una classe di 21 iscritti, in netta controtendenza rispetto ai dati su scala nazionale. Riteniamo sia questo sia il primo passo fondamentale per intraprendere un nuovo cammino senza dimenticare che resta ancora molto il lavoro da fare e per il quale chiediamo il contributo di tutti. Giancarlo Marchesan Si temeva che il Liceo Marconi, nonostante la sua lunga e bellissima tradizione, dovesse chiudere i battenti! La nostra scuola, che ha formato molte generazioni ed è una perla non solo della città di Portogruaro, ma di tutto il Triveneto, poteva cessare di esistere, diventare solo un ricordo del passato! Invece, nell’anno scolastico 2015-2016 ci sarà una quarta ginnasio formata da 21 allievi: 17 delle due attuali terze medie e 4 provenienti dall’esterno. Ciò è possibile grazie alla buona volontà e all’impegno di alcuni genitori di ragazzi di terza media, che si sono riuniti più volte per escogitare e porre in essere iniziative volte a far conoscere il nostro istituto, anche al di fuori del territorio di Portogruaro. Insieme ai sunnominati genitori va ricordato il lavoro di don Orioldo, che ha diretto e coordinato i vari progetti e ha dato importanti consigli. E un sentito grazie va alla Preside prof.ssa Emanuela Gobbat, al Vice-preside Federico Fontanella e agli altri insegnanti, che nelle giornate di scuola aperta hanno dato preziose informazioni a quanti sono venuti a visitare la scuola. Le presentazioni che hanno fatto di essa hanno reso l’idea di una realtà aperta, capace di stare al passo con i tempi e di soddisfare le aspettative dei ragazzi di oggi, offrendo loro opportunità interessanti in ambito sia strettamente scolastico sia extra-scolastico. Un vero CAMPUS, termine che è stato stampato a caratteri cubitali nelle nuove locandine e che si addice ad una scuola che si pone come obiettivo non solo l’istruzione classica (peraltro ottima base su cui costruire un’eventuale successiva preparazione tecnico-scientifica), ma anche la formazione globale e armonica della persona. Anna Rossetti Zorze LA NOTTE NAZIONALE DEL LICEO CLASSICO 16 Gennaio DEL MARC 2015 4 OTTOBRE L FESTA ONI 3 ICEO MARCONI

[close]

p. 4

Ed ecco la voce di alcuni studenti della futura quarta ginnasio. LA VITA DELLA NOSTRA SCUOLA ICEO MARCONI Sono contenta che il liceo riparta con una classe di 21 studenti: per me è molto importante perché l’ambiente è ottimo; inoltre i miei due fratelli hanno frequentato questa scuola e hanno iniziato gli studi universitari conseguendo risultati più che soddisfacenti. Giacinta Vescovo Tengo molto a questa scuola, perché le appartengo da tre generazioni (mia mamma, mia sorella maggiore ed ora io). Per me il Marconi è come una grande famiglia e quindi mi sarebbe dispiaciuto molto dover perdere l’opportunità di vivere qui l’avventura delle superiori (spero bella tanto quanto o di più di quelle già qui trascorse dalle scuole elementari in poi), con i miei compagni “vecchi e nuovi”, con gli insegnanti e con molte altre discipline da scoprire e da imparare. Maria Eleonora Ballarin INIZIATIVE DI ECCELLENZA AL LICEO CLASSICO Anche quest'anno, in un'ottica di positiva valorizzazione delle eccellenze, il nostro Liceo classico ha partecipato ad alcune competizioni studentesche riservate a studenti che si siano distinti per l'interesse e la preparazione nell'ambito delle discipline classiche. Il primo appuntamento è stato alla metà di aprile, in cui due allievi della nostra seconda liceo (Federico Toso e Alessia Zulianello) hanno partecipato all' VIII edizione del Certamen Lucretianum Naoniense, bandito dal Liceo classico statale "Leopardi- Majorana" di Pordenone. E' stata poi la volta dei IV Ludi Canoviani, organizzati presso il Liceo classico "Canova" di Treviso, nell'ambito dei quali si sono cimentati in una prova di traduzione dal latino altri due allievi del Marconi (Filippo Pigani e Giulia Vizzon della classe prima liceo). Un'opportunità coinvolgente per approfondire lo studio dei più grandi classici, per cimentarsi in una nuova sfida, per condividere una passione con tanti altri studenti di ogni parte d'Italia. Ma un'occasione anche per il nostro Liceo classico per vivere da protagonista almeno alcune delle tante iniziative che, negli ultimi anni sempre più numerose, intendono rilanciare e sottolineare l'amore e l'interesse per la nostra cultura classica e l'importanza che a questa dovrebbe essere riconosciuta nell'ambito dei percorsi educativi e formativi del sistema scolastico nazionale. Il nostri ragazzi, poi, hanno partecipato anche ad altri concorsi che sono tradizionalmente inseriti nelle attività dell'anno scolastico, come le Olimpiadi della Cultura e del Talento e il Concorso di scrittura bandito annualmente dall'A.V.I.S. di Portogruaro per l'assegnazione di una borsa di studio ad alcuni studenti delle scuole superiori della città. Non sono mancate dunque le occasioni per mettersi alla prova in ambiti che arricchiscono la necessaria quotidianità dell'impegno con la piccola, ma sana, emozione del costruttivo e positivo confronto con altri studenti che condividono analoghi percorsi di formazione culturale e personale. Federico Fontanella L DEL MARC 2015 4 OTTOBRE FESTA ONI Tirocinio formativo: la scuola incontra il lavoro La proposta del nostro liceo classico si arricchisce ulteriormente con l'opportunità offerta agli studenti della seconda liceo (quarta superiore) di poter svolgere uno stage presso un ente, un professionista, un'organizzazione, preferibilmente nel mese di giugno per un periodo che viene definito dai soggetti coinvolti. Lo scopo principale è quello di mettere in relazione la scuola con realtà lavorative che possano aiutare gli studenti a maturare la loro scelta nella continuazione degli studi universitari e nella formazione professionale. Attualmente sono quattro gli studenti coinvolti (2 per architettura, 1 psicologia, 1 ambito educativo). 4

[close]

p. 5

CONCERTO DELLA DOMENICA DELLE PALME Marconi CAMPUS: novità e rispetto della tradizione Un appuntamento sentito e atteso il Concerto della Domenica delle Palme, da 21 anni un momento di bellezza artistica e di meditazione cristiana offerto dagli alunni della Scuola Secondaria di I grado. Una cinquantina di ragazzi appartenenti al Coro, all’Ensemble strumentale e al gruppo della poesia, ha animato il pomeriggio di domenica 29 marzo, nella chiesa dei ss. Cristoforo e Luigi. Il programma prevedeva una prima parte di canti ed esecuzioni all’organo dedicata alla Quaresima e una seconda parte di canti, esecuzioni dell’Ensemble strumentale e al pianoforte e interventi poetici dedicata alla Pasqua. Felici e soddisfatti i ragazzi e il numeroso pubblico. È stata un'esperianza gioiosa di gruppo e un cammino di impegno personale, che ha permesso di valorizzare il valore educativo della musica e della poesia. Le terze a Padova, il giorno 10 febbraio 2015 Grande esperienza e importante opportunità per i nostri ragazzi di terza media che hanno potuto visitare uno dei più antichi e famosi Atenei italiani, e più precisamente il dipartimento di Biologia di Padova. Nel servizio di microscopia elettronica hanno conosciuto alcuni professori universitari con i quali si è parlato del microscopio elettronico in dotazione al dipartimento: hanno potuto toccarlo e vederlo in funzione, osservando le parti interne della cellula che altri studenti possono vedere solo nei testi scolastici. Presso il nuovissimo edificio Fiore di Bottai - campus biomedico, hanno partecipato ad una lezione di anatomia comparata, appositamente preparata per loro, come fossero studenti di biologia o medicina. Una grande emozione! NI DEL MARCO 5 1 0 2 E R B 4 OTTO S FESTA 5 CUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LA VITA DELLA NOSTRA SCUOLA

[close]

p. 6

COMMENTI AL BOOK SHARING Nell'ambito del “Mese dell'educazione”, il 23 marzo si è svolta tra le antiche colonne del Marconi, la manifestazione “Libri in fiore”. Tra laboratori per bambini e ragazzi, incontri con l'autore, mostre e letture animate, i ragazzi della nostra seconda media hanno organizzato il primo “Book-sharing”. E' un'espressione inglese per indicare uno scambio di libri libero e gratuito: tu porti un libro e in cambio io te ne do un altro. E' stata davvero una bella esperienza (Francesca) E' stato un successo, grazie all'entusiasmo dei ragazzi (Maria Adelaide) Ci ha fatto riscoprire il piacere della lettura (Maria Sole) La festa è stata coinvolgente ed educativa (Maria) Ho scoperto che anche nell'era della tecnologia un libro emoziona sempre (Giovanni) Sarebbe bello riproporre l'iniziativa e farla diventare un appuntamento consueto (Agnese) I visitatori ci hanno fatto i complimenti per la nostra gentilezza. Tutti ci siamo impegnati al massimo e abbiamo collaborato per il successo dell'iniziativa. (Margherita) Divertente ma impegnativa (Anastasia) Non è stato facile organizzare tutto, ma alla fine è stato divertente (Stefano) Questa esperienza è stata positiva e gratificante (Andrea) E' stata un'attività bella e innovativa (Matteo) S DEL MARC 2015 4 OTTOBRE FESTA ONI 6 CUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LA VITA DELLA NOSTRA SCUOLA

[close]

p. 7

CLASSI PRIMA E SECONDA B… come Bentornato libro! LA VITA DELLA NOSTRA SCUOLA Venerdì 13 febbraio 2015. Visita didattica delle classi prima e seconda al Sea Life di Jesolo Lido. Laboratorio artistico in corso. CLASSE TERZA L… come Laboratorio di Paleontologia! Martedì 20 e 27 gennaio noi bambini di classe terza siamo andati al Museo Paleontologico di Portogruaro. Quando siamo arrivati Patrick, un archeologo, ha spiegato come si formano i fossili. Saliti al piano superiore abbiamo visto molti fossili e fatto alcune domande al direttore. Successivamente con delle formine e la polvere di gesso abbiamo realizzato dei fossili, compilato la loro carta d'identità. Alla fine abbiamo ricevuto il Diploma di Paleontologo e siamo ritornati a scuola. I bambini della classe terza primaria. DEL MARC 2015 4 OTTOBRE S FESTA ONI 7 CUOLA PRIMARIA Giornata Mondiale del libro, giovedì 23 aprile 2015. La classe seconda è intenta a leggere con gli occhi e con la fantasia!

[close]

p. 8

CLASSE QUARTA V… LA VITA DELLA NOSTRA SCUOLA come Varietà! La classe quarta in laboratorio scientifico con la prof.ssa Cordone per lo studio dei pesci. La classe quarta in due momenti del percorso “In Viaggio con Omero”: abbiamo imparato leggere i codici di catalogazione dei libri della biblioteca e a ricercare informazioni. Al museo della città abbiamo potuto studiare i reperti dal vivo e con l’aiuto del materiale bibliografico. S CUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA R… come Registi e Attori si diventa! Noi ragazzi della classe quinta, nel corso dell’a.s. 2014-15, abbiamo avuto l’opportunità di partecipare ad un progetto promosso dal Comune di Portogruaro atto a promuovere la nuova biblioteca civica della città. L’obiettivo postoci è stato quello di creare, con l’aiuto di un’esperta nel settore cinematografico, un vero spot pubblicitario. Il progetto si è articolato in vari momenti: prima abbiamo creato una trama, poi abbiamo effettuato la scelta delle musiche e infine, con entusiasmo, ci siamo trasformati in registi ed attori, in coreografi e costumisti per realizzare la registrazione delle scene a scuola e nella zona centrale di Portogruaro. Nel mese di Febbraio abbiamo partecipato alla visione e alla premiazione di tutte le scuole che avevano aderito al concorso aggiudicandoci il premio per la creatività e l’originalità. In seguito, in classe, abbiamo analizzato vari testi informativi e abbiamo capito che lo spot pubblicitario è una forma di comunicazione verso cui noi bambini sviluppiamo una forte simpatia, in quanto siamo attratti dalla vivacità delle immagini, dalle sequenze, dalle musiche, dai personaggi che vi compaiono e dagli stessi prodotti reclamizzati. Questa esperienza ci ha permesso, da un lato di interiorizzare l’importanza e il valore che assume la biblioteca civica nella nostra città, dall’altro di sperimentare la metodologia usata nei set cinematografici. Siamo felici per aver potuto aderire a questa iniziativa e attendiamo di partecipare alle prossime! W la classe quinta! W il Marconi! DEL MARC 2015 4 OTTOBRE FESTA ONI 8

[close]

p. 9

CONSIGLIO D'ISTITUTO L’Istituto vescovile “G. Marconi” ha avviato nell’a.s. 2014/15 la costituzione del Consiglio di Istituto, un organo collegiale avente obiettivi propositivi, formativi e promozionali atti a fornire un supporto alle iniziative scolastiche. Il Consiglio d’Istituto può formulare proposte per iniziative scolastiche, svolgere in generale le attività necessarie per promuovere la Scuola e fornire sostegno operativo alla componente docenti, mentre la parte amministrativa è di stretta competenza del Consiglio di Amministrazione. Il Consiglio in essere, costituito per la componente Genitori da alcuni membri eletti fra i Rappresentanti di Classe di ogni grado della scuola, svolge attualmente una funzione “costituente”, per predisporre tutte le necessarie formalità  che permetteranno il prossimo anno scolastico l’indizione delle votazioni e la formazione ufficiale del Consiglio d’Istituto che sarà cosi in grado di operare fin da subito. L’intento è quello di rendere tutti partecipi e consapevoli di quanto questo Organo Collegiale sia utile e prezioso per una più stretta collaborazione fra i Genitori e l’Istituzione scolastica. Gli atti sono pubblici e disponibili presso la Segreteria della scuola. Giancarlo Marchesan Mese dell’educazione 2015 Educare al dono Il 31 marzo, con l’ultimo incontro, si è concluso il Mese dell' Educazione 2015. Gli eventi, le attività e le proposte hanno avuto un notevole riscontro a Portogruaro e anche in Diocesi, registrando una significativa partecipazione e numerosi apprezzamenti per le tematiche proposte - di grande rilievo educativo, sociale e culturale - nonché per la qualità dei relatori. Sono state importanti – intorno al Collegio Marconi e all’Oratorio Pio X -  le "alleanze educative" tra realtà ecclesiali (organismi diocesani, gruppi-associazioni, parrocchie, IdR…),  soggetti del territorio, insegnanti, persone sensibili e attente all'ambito educativo e sociale. DEL MARC 2015 4 OTTOBRE FESTA ONI 9

[close]

p. 10

Anno degli Anniversari 1704-1924-2014/2015 La Fondazione sta celebrando nel 2014-2015 due importanti anniversari: nel 1704 è stato inaugurato il Seminario diocesano con la sua scuola aperta a tutti; nel 1924 – dopo il trasferimento del Seminario a Pordenone - è ripresa l’attiva scolastica di cui noi siamo i continuatori. In autunno, venerdì 24 ottobre, per inaugurare ufficialmente e pubblicamente l'anno degli anniversari, si è svolta presso il Teatro Russolo una serata di cinema e musica: Zerorchestra plays Buster Keaton. E’ seguito uno straordinario Concerto, sempre presso questo teatro, con il prestigioso TRIO DI PARMA: DOMENICA 26 aprile. E’ stato quindi realizzato un importante progetto culturale: approfondire lo studio e divulgare la conoscenza della figura di mons. Giuseppe Lozer, presente e operante a Portogruaro e al Marconi per circa vent'anni. Questo sacerdote è stato un protagonista della vita ecclesiale e sociale nella nostra diocesi, riconosciuto a livello nazionale. Anti-interventista in riferimento alla Prima guerra mondiale, animatore sociale di straordinaria efficacia nella parrocchia operaia di Torre dagli inizi del secolo fino al 1927, ha quindi operato a Portogruaro fino alla Seconda guerra mondiale, insegnante al Marconi e responsabile presso la Curia di vari uffici e incarichi. E' stato educatore alla libertà e all'antifascismo, formando tanti giovani a questi principi e a scelte coerenti. Anche Portogruaro, insieme a Torre e a Pordenone, desidera far memoria e raccogliere l’eredità viva di Don Lozer. Un partecipato e significativo convegno si è svolto sabato scorso, in cui abbiamo anche presentato un libro promosso dalla parrocchia di Torre e dal suo parroco, don Giosuè Tosoni. Eccoci stasera allo spettacolo de I Papu. Lozer è stato un pretaccio, si direbbe oggi. Un prete scomodo e ruvido, come ha scritto Flavio Mariuzzo. Andrea Appi e Ramiro Besa hanno raccolto una sfida non facile - raccontare «un talento d'intelligenza, partecipazione sociale e carità cristiana in balìa di un carattere sanguigno, sempre pronto allo scontro non solo verbale, in una Pordenone che stava passando dalla civiltà rurale ottocentesca a quella industriale del novecento»- , individuando dei nuclei narrativi e sviluppandoli a modo loro … vedremo e sentiremo come… Domenica 4 ottobre è previsto il momento conclusivo di festa, che speriamo possa coinvolgere l'intera città insieme a tutti i marconiani. Ci sentiamo parte viva di questa città e di questo territorio. Vi attendiamo tutti… Stefano Ziroldo, vice-presidente della Fondazione Collegio Marconi Intervento di presentazione dello spettacolo de I PAPU 10

[close]

p. 11

Ci hanno lasciato per la Casa del Padre * Piccinini Mario, atleta anni '50, il 20 gennaio 2014 * Negri Enrico, figlio di Giorgio ex allievo e di Elsa, il 7 maggio 2014 * Busolini Vittorio, ex allievo, atleta anni ‘50, il 26 luglio 2014 * Bellotto Walter, papà di Piero ex allievo, il 26 luglio 2014 * Querin Giovanni, fratello di don Fermo ex allievo e docente del Marconi, il 27 luglio 2014 * Moras Comm. Duilio Antonio, papà di Gianluigi ex allievo, il 28 luglio 2014 * Panizzolo Aldo marito di Agostini Giuliana il 30 luglio 2014 e la sorella Vanna Agostini in Altan Antonio il 21 giugno 2014 * Battain Teresina ved. Cetti Ricetti, mamma di Benvenuta, il 20 agosto 2014 * Bongermino Antonio, papà di Andrea, il 23 agosto 2014 * Geretto Antonio, marito di Boatto Francesca, ex allievo, imprenditore vinicolo e benefattore del Marconi, il 28 agosto 2014 * Martin Bruno, papà di Matteo, il 18 ottobre 2014 * Pasqualis dr. Amerigo, amico e benefattore del Marconi, il 29 ottobre 2014 * Della Frattina Gastone, ex allievo degli anni ’20, papà di Nicola, il 6 novembre 2014 * Daneluzzi Eugenio, atleta anni '50, dicembre 2014 * Nazzi Roberto l’11 gennaio 2015 * Barbuio Guido, papà di Antonella ex allieva, il 28 gennaio 2015 * Cogoni Carlo, ex allievo, il 9 febbraio 2015 * Fontanel Ida Antonia in Serra, mamma di Nicola, Samuele e Davide tutti ex allievi, il 10 febbraio 2015 * Querin Paolo, fratello di don Fermo, il 21 febbraio 2015 * Furlanis Nives ved. Zulian, mamma di Massimo, Sergio e Marina, il 23 marzo 2015 * De Castello Giobatta, papà di Lara e Giorgio ex allievi, il 30 marzo 2015 * Battiston Regina in Faraon, mamma di Sonia e Germana ex allieva, il 14 aprile 2015 * Pasinato Dino, papà di Paola ex allieva, di Stefano e Riccardo, il 24 aprile 2015 * Tabellini Gianfranco, papà di Giovanna ex allieva, il 28 aprile 2015 * Mattiuzzo Graziella in Penon, mamma di Alessandro, il 17 maggio 2015 Felicitazioni vivissime A quanti SI SONO UNITI IN MATRIMONIO * Toffanello Elisa e Berton Roberto, il 4.10. 2014 * Vendrame Elena e Rizzo Emanuele, il 25.4.2015 * Geronazzo Davide e Turco Anna, il 16. 5. 2015 A quanti SONO DIVENTATI PAPà E MAMMA * Collarile Stefano e Tesir Sciaretta annunciano la nascita di Ginevra Maria Luce, il 14 maggio 2014 * Neri Laura e Sartor Alberto annunciano la nascita di Davide, il 26 settembre 2014 * Geronazzo Davide e Turco Anna annunciano la nascita di Daniela, il 14 novembre 2014 * Dazzan Francesca e Castellani Nicola annunciano la nascita di Noè, il 26 febbraio 2015 * Lazzaro Paolo e Pellegrini Alice annunciano la nascita di Andrea il 17 marzo 2015 * Cracco Eleonora e Venco Nicola annunciano la nascita di Nina il 18 aprile 2015 Ultimissime Questo è lo spazio riservato a tutte le comunicazioni, le notizie, che voi vorrete inviarci, relative ad eventi lieti e tristi che segnano la vita. E’ un modo per partecipare, condividere e per creare famiglia fra tutti noi. Scriveteci, scriveteci, scriveteci E-mail: info@collegiomarconi.org fax 0421 281199 - indirizzando a don Sergio Deison 11

[close]

p. 12

Anno degli anniversari 1704-1924-2014/2015 Questi i nomi degli ex allievi di due decennali che domenica 4 ottobre 2015 saranno ricordati e festeggiati. Li abbiamo riportati tutti, come li abbiamo trovati scritti negli annali della scuola; anche se alcuni sono passati all’altra riva. Pensiamo così di offrire anche a voi tutti l’occasione di ricordarli e di trovarne il volto nella vostra memoria affettiva. Anno 1953/54 Altan Antonio, Barbui Piero, Battiston Augusto, Belli Marco, Bergamo Antonio, Bernardinis Fulvio, Boatto Agostino, Brovedani Fulvio, Busolini Vittorio, Callegari Giancarlo, Capitanio Nicolò, Cargnello Umberto, Cesco Vittorio, Doretto Luigi, Furlanis Gianfranco, Geromin Donato, Impallomeni Guido, Marson Giobatta, Mazzaro Carlo, Mecchia Renato, Meloni Paolo, Montello Giuseppe, Muschietti Gianfranco, Pacini Antonio, Padovese Ugo, Paiola Erasmo, Pancino Aurelio, Pasetto Sergio, Pasquini Domenico, Pauletto Alfredo, Piccolo Lucio, Pitton Giovanni, Piva Graziano, Sartor Nicolò, Tomasini Mario, Toneatti Gianfranco, Toneatti Gianfranco, Vasoni Mileno, Bozzet Felice. Anno 1954/55 Bergamo Antonio, Bucco Renato, Camuffo Giacomo, Capitanio Mario, Carrucciu Giuliano, David Vittorino, De Bortoli Gian Paolo, Fava Giovanni, Fratter Giovanni, Ghirardini Erminio, Leandrin Umberto, Mariani Pier Angelo, Muschietti Gianfranco, Polles Emilio, Santini Gianfranco, Scroccaro Gino, Trevisan Gian Luigi, Zanutto Roberto. Anno 1963/64 Barbui Achille, Bittolo Bon Gabriele, Bortolussi Vincenzo, Bosello Aristide, Domeneghetti Franco, Fioretti Lionello, Flaborea Loris, Furlanis Nino, Paiola Gianfranco, Pivetta Bruno, Serra Giovanni, Stefanello Pasquale,Tozzoli Franco, Stival Giancarlo. Anno 1964/65 Boschin Paolo, Brisotto Paolo, Calleri Michele, Coazzin Tito, Daneluzzi Gian Paolo, d’Elia Cesare, Dell’Anna Sergio, Domeneghetti Franco, Flaborea Loris, Furlanis Nino, La Placa Pietro, Mosconi Rita, Piccolo Massimo, Rossi Gianni Valentino, Scollo Ignazio, Trevisan Maurizio, Veroli Paola, ZamberlanFranco, Zuliani Francesco, Mazzoli Emanuela. Anno 1973/74 Bartolucci Guido, Bembo Simonetta, Boschin Alessandra, Bravin Anna, Burattin Loretta, Cais Pier Paolo, Canciani Guglielmina, Colombo Tullio, Da Vià Luisa, Di Luca Adriano, Fabroni Gerardo, Facchin Maria Grazia, Francescato Beatrice, Fontanel Corrado, Franchini Pietro, Furin Novelio, Gaiatto Miriam, Garbelotto Fernando, Lazzarin Giovanni, Lisotto Rinaldo, Lovisa Patrizia, Mariotti Gianni, Masat Alessandra, Mazzarotto Giorgio, Moro Maria Rita, Pasqualis Paolo, Sandrini Roberto, Santandrea Bruno, Savian Daniela, Sidran Natale, Soppelsa Maria Teresa, Stefanon Giangiacomo, Trevisin Renzo. Anno 1974/75 Battel Giovanni Umberto, Battiston Andrea, Carretta Umberto, Centis Rossanna, Ceresatto Rita Pia, Codolo Renzo, Dal Moro Barbara, Da Vià Luisa, De Battisti Fabio, De Cecco Elena Anna, Doardo Marco, Fabroni Franco, Fiorellini Bernardis Antonio, Fontanel Corrado, Furlanis Tiziana, Geremia Marinella, Ioni Isabella, Ivancich Biaggini Irina, Lazzarin Giovanni, Lazzarini Renzo, Masat Fiorenzo, Meneghetti Carlo, Nicodemo Marco, Padovan Manuela, Piasentin Ennio, Scarpa Bonazza Buora Alessandra, Segatti Gino, Toffolo Luigi, Toffolon Ada. NI DEL MARCO 5 1 0 2 E R B 4 OTTO FESTA Anno 1983/84 sez. A Appiana Paola, Barbisan Giovanna, Cengiarotti Clelia, Clementi Luigi, Corazza Marco, Dal Tin Luca, De Battisti Rosa, Favero Lorenzo, Gobessi Massimo, Greguol Sira, Leuzzi Stefano, Manini Valeria, Marin Francesca, Nardi Eva, Papais Nadia, Perrero Giuseppe, Rizzetto Marco, Rubin David, Tramontin M.Pia, Valvasori Luisa, Ziliotto Paolo. Anno 1983/84 sez. B Boaro Anna, Boaro Marta, Boer Mario, Calipa M.Teresa, Cipolla Dario, Faldelli Patrizia, Fantini Maria, Faraon Germana, Fedrigo Perissutti Fabbrizio, Furlan Silvia, Furlanetto Sara, Glerean Ales12

[close]

p. 13

sandra, Marchesin Francesca, Minuzzi Annalisa, Moro Costantino, Pappagallo Cristina, Peressutti Diego, Quellerba Andrea,Veronese Pietro, Vizzon Luca, Zuccato Lorenzo. Anno 1984/85 Sez. A Carrucciu Giulio, Cecchinato Alvise, Comito Alessandro, Di Chinno Davide, Drighetto Gianna, Drigo Stefano, Fagotto Stefano, Francescato Laura, Geremia Susanna, Gilioli Francesco, Gradini Enrica, Gusso Luca, Mazzon Annalisa, Paiola Nicoletta, Pellegrini Massimiliano, Soglian Massimo, Veronese Augusto, Zanin Marta, Zanusso Stefania, Zema Nicola, Dal Moro Luca. Anno 1984/85 Sez. B Bergamo Stefano, Bettini Cristina, Burlini Patrizia, Cicuto Stefania, Colusso Moreno, Foglia Raffaele, Glerean Monica, Onofri Carmela, Paron Clorinda, Pinzano Roberta, Pugliese Duccio, Segatto Silvia, Sellan Eugenia, Stenico Michael, Stradaioli Tommaso, Visentin Luciana, Vizzon Maria Cristina, Zani Silvia, Furlan Silvia. Anno 1993/94 sez. A Baron Gian Maria, Bauto Giulia, Bonvicini Anna, Brozzola Roberta, Busacca Veronica, Candido Giulia, Carè Valentina, Dal Moro Marco, Dorigo Sonia, Franzin Riccardo, Furlanis Luciana, Gambato Michela, Giusti Sara, Lena Grazia Maria, Martin Matteo, Migotto Laura, Mio Alessia, Molinari Marta, Pitton Elisa, Pivesso Luca, Zadro Odetta. Anno 1993/94 sez. B Albano Irene, Anastasia Sandra, Benetti Eva, Bergamin Elisa, Bottos Tommaso, Carrer Marta, Catto Marco, Cognolato Marco, Dal Tin Matteo, De Castello Lara, Doretto Cristina, Ferrato di Sbrojavacca Carlo, Fusco Elisa, Giuseppin Isabella, Gobbato Sara, Natalucci Maria Giovanna, Prataviera Filippo, Rizzetto Walter, Salamon Silvia, Vanzella Roberto, Venaruzzo Susi, Zanon Alberto, Zecchinel Raffaele. Anno 1994/95 Artico Chiara, Artico Sara, Barei Piero, Bembo Simona, Berardo Chiara, Boccalon Enrico, Bozzetto Myriam, Brugnera Arianna, Cavaggioni Giulia, Dal Moro Barbara, Dal Moro Marco, Della Bianca Francesco, Fabbro Alessio, Forte Margherita, Frattolin Marco, Girotto Terenzio, Gobbato Raffaella, Maran Chiara, Mastrorilli Mario, Maurutto Alessandra, Padovano Rosario, Pavan Paolo, Piovesan Manuela, Rorato Gian Andrea, Sacilotto Consuelo, Salami Monica, Segrado Chiara, Simonato Enea. Anno 2003/04 Buoso Francesco, Calligher Alessandro, Cester Grazia, Coassin Daniele, Danelon Clara, Gasparotto Marco, Giovannetti Edoardo, Gnesutta Enrico, Leonardi Elisa, Marzinotto Elisa, Mazzarotto Elisa, Ortolani Chiara, Petris Davide, Stefanon Giovanni, Strumendo Suambra, Vidal Francesca. Anno 2004/05 Amodeo Alessia, Angeli Daniel, Bedin Alberto, Blasa Ludovic, Boatto Alvise, Brugnera Annalisa, Corradin Jessica, Correale Marco, Cristante Giulia, Daniele Francesca, Dorigutto Alberto, Favero Francesco, Gallo Valentina, Madonna Alberto, Minighin Riccardo, Palorini Anna, Pittana Mattia, Prataviera Eleonora, Rossi Pietro, Salvador Davide, Scortegagna Francesco, Tallon Laura, Turchetto Enrico, Zanet Michele, Zorzenoni Alberto. Anno 2013/14 Antoniali Martina, Battigelli Violetta, Biason Luca, Bisighini Beatrice, Cerchier Virginia, Condello Carlotta, Giusto Giorgia, Locatelli Alessandro, Macuglia Davide, Magarotto Alessandro, Odorico Anna, Perissinotto Lisa, Perissinotto Marina, Pighetti Martina,Trevisan Jessica,Tuniz Riccardo, Valdrighi Elena, Venturi Alessandro, Vescovo Michele, Vidale Federico, Zanco Franco, Zulian Francesca. DEL MARC 2015 4 OTTOBRE FESTA ONI Anno 2014/15 Allegro Carmen, Belluz Luca, Benatelli Matilde, Colussi Francesco, Donà Giorgia, Franceschetto Sara, Lolli Martina, Manzan Samuele, Marchetti Tommaso, Niero Filippo, Pavan Marco, Pigani Federico, Pilosio Shaneen, Sidran Giacomo. 13

[close]

p. 14

CONVEGNO PER NON DIMENTICARE DON GIUSEPPE LOZER Una presenza significatica a Portogruaro Educatore del popolo. Questa qualificazione del conterraneo mons. Giuseppe Lozer coglie un aspetto significativo della personalità del sacerdote, nato a Budoia nel 1880 e morto a Pordenone nel 1974. Ed è il giusto titolo dato al convegno svoltosi nella Biblioteca “Marco Belli” del nostro Istituto sabato 9 maggio 2015, organizzato nel contesto delle celebrazioni per il novantesimo del Marconi (1924-2015) e del ricordo della partecipazione dell’Italia alla Grande Guerra (1915-1918). Infatti, come emerge dalla numerosa bibliografia su Lozer, le sue molteplici iniziative promosse in campo sociale lungo tanti anni, dalla promozione della Lega Cattolica del Lavoro nel 1904 alla istituzione del Segretariato del Povero nel 1957, dall’impegno come pubblicista sul giornale diocesano ancora studente di teologia alla incessante attività di predicatore, non furono solo iniziative sacerdotali di solidarietà con la gente, di aiuto ai bisognosi ma furono espressione di una responsabilità, quella di educare. Infatti, che altro è l’educazione se non promuovere in ciascuno, giovane o adulto, la coscienza della propria dignità e la partecipazione consapevole alla vita sociale? E questo fece Lozer. Gli interventi dei relatori hanno inteso far memoria della poliedrica personalità di mons. Lozer: Fabio Metz ha delineato tratti della personalità di un “prete ruvido” (come sottotitola la piéce messa in scena dal Duo “I Papu” nella serata del 15 maggio); Orioldo Marson ha incisivamente illustrato la posizione di anti-interventista e anti-militarista di Lozer, leggendo e commentandone alcuni scritti; Rosa Pellegrini ha illustrato la situazione politica e sociale del portogruarese tra le due Guerre, accennando all’azione di Lozer durante la Resistenza. Puntuale ed efficace la coordinazione degli interventi da parte di Flavio Mariuzzo, autore di un fondamentale studio proprio su Giuseppe Lozer. Forse per carenza di specifica documentazione, è mancata nel convegno una relazione sulla attività di Lozer come docente del nostro Istituto, la cui titolazione a “Guglielmo Marconi” è stata favorita proprio da mons. Giuseppe Lozer. DEL MARC 2015 4 OTTOBRE FESTA ONI 14

[close]

p. 15

Intervista a Luigi Berlinguer “L’Espresso”, 3 marzo 2015 "Non conosco le ultime decisioni, non so cosa farà il governo, ma è davvero arrivato il tempo di chiudere questo conflitto del Novecento: scuole statali contro private. Non esiste, non è più tra noi, ci ha fatto perdere tempo e risorse". Luigi Berlinguer, nel marzo 2000 lei diede pari dignità alle scuole non di Stato, ma non diede risorse economiche alle private. Bisogna passare al finanziamento pubblico, ora? "Basta guardarsi in giro e si scopre che l'insegnamento è pubblico, fortemente pubblico, ma può essere somministrato da scuole pubbliche, private, religiose, aconfessionali in una sana gara a chi insegna meglio". Guardiamoci in giro, allora. "L'Olanda fa gestire allo Stato solo il 30 per cento delle scuole, la Svezia ha passato la gestione ai comuni, l'Inghilterra ha ridotto sensibilmente la presenza statale, la Francia di Voltaire con la legge Debré ha impresso una linea diversa. L'Europa ha cambiato atteggiamento, in Italia siamo fermi alla confusione che scuola pubblica sia uguale a scuola statale". Bisogna diradare le nebbie e riallinearsi? "È il momento di rimeditare il tema rispettando il vincolo costituzionale: non è ammessa una pretesa al finanziamento statale, ma la nostra storica contrapposizione, Stato non Stato, è anti-europea e anti-moderna". In un nuovo assetto quale deve essere, allora, il compito dello Stato. "Deve assicurare gelosamente il rispetto delle condizioni di oggettività, neutralità e non faziosità dell'attività scolastica". La contrapposizione ci ha tolto energie, diceva. "Dobbiamo impegnare tutti i nostri sforzi per riformare profondamente l'impianto educativo italiano fermo al secolo scorso. E dobbiamo allargare il concetto di scuola". A che cosa? "Alla formazione e allo stesso lavoro. Oggi le funzioni educative non si possono limitare agli anni dell'infanzia e della giovinezza, devono coprire l'arco di una vita. Una cultura arcaica ed elitaria della scuola ha abbandonato al privato, spesso senza controllo, formazione e lavoro". Il decreto del governo sembra arrivare a soccorrere scuole private in una crisi pesante. "Dagli Anni cinquanta ad oggi gli istituti non statali si sono ridotti di tre quarti, in queste stagioni le famiglie faticano a pagare le duecento euro di retta mensili: uno sgravio si è fatto necessario ". C'è un problema: diverse paritarie sono gestite da farabutti che regalano punti in graduatoria e non pagano gli insegnanti. "Già la mia legge del Duemila prevedeva controlli seri, perché non si attuano? La liberale Olanda mette il naso ovunque, gli inglesi ogni due anni mandano ispezioni alle private. Iniziamo anche noi". L'IMPEGNO DEGLI AMICI DEL MARCONI Lo scorso mese di aprile si è tenuta l'Assemblea dell'Associazione Amici del Collegio Marconi. E' stata l'occasione, con gli Amici presenti, per ricordare l'attività svolta dall'Associazione nell'anno 2014. Molti sono stati gli eventi, preziose sono state le collaborazioni, lodevole l'impegno di chi si è messo in gioco, gradita la partecipazione di chi, in tal modo, ha apprezzato il nostro lavoro, dimostrando, con la vicinanza, di condividerlo. E allora ricordiamo...., non senza segnalare che trovate tutto, ma proprio tutto sul nostro sito www.amicidelmarconi.org. Sono stati riorganizzati, grazie alla collaborazione della Prof. Fanton, i corsi pomeridiani di attività psicomotoria e di avviamento allo sport (per gli studenti della primaria e della secondaria di primo grado, del Marconi e non); è ripartito anche, per le bambine sino agli 11 anni, il corso di ginnastica ritmica che, lo scorso 13.5, si è concluso con un il saggio finale; sono stati riproposti anche i campi estivi, sempre grazie alla Prof. Fanton (e a tanti ragazzi del Liceo che con entusiasmo hanno prestato la loro opera, come assistenti e animatori) ma anche grazie alla Ludoteca Mary Poppins. Sempre in collaborazione con la Ludoteca Mary Poppins, a febbraio siamo andati a Venezia al Carnevale della Biennale, e abbiamo partecipato a laboratori creativi e divertenti; a giugno abbiamo raggiunto la splendida Parigi per un viaggio “a misura di bambino”. A marzo, come da tradizione ormai, abbiamo collaborato al Mese dell'Educazione (dedicato nel 2014 all'Amore) proponendo, per il 15.3.14, una conferenza dal titolo “La voce dei bambini: ascoltarla, comprenderla, rispettarla”, alla quale hanno partecipato psicologi, educatori e giuristi. Sempre a marzo abbiamo organizzato un incontro con Egidio Maschio, Presidente del Gruppo Maschio Gaspardo, su come fare impresa in tempo di crisi e su quali prospettive di lavoro si aprono ai nostri giovani; il tema del lavoro era già stato trattato anche in passato ascoltando un ex allievo che si è trasferito in Cina e sarà nuovamente trattato nel corrente 2015 con la testimonianza di una ex allieva che ha vissuto in Corea. Il 13.12.14 abbiamo reso omaggio a Don Primo Paties presentando il libro “Omelie”, una raccolta di tutte le sue omelie, fortemente voluta dai suoi parrocchiani; all'incontro è intervenuto anche il Vescovo di Concordia-Pordenone Mons.Giuseppe Pellegrini. E ancora abbiamo collaborato con la Fondazione Marconi, affiancandola nelle diverse iniziative (conferenze, concerti, spettacoli teatrali) organizzate per l'anno degli anniversari. Con le nostre risorse abbiamo implementato la biblioteca della Scuola Secondaria di Primo Grado e abbiamo acquistato per la Scuola tre lavagne lim; per il futuro abbiamo grandi progetti...ma, per scaramanzia e anche per non rovinare la sorpresa, Vi diremo più avanti. Nel 2015...il nostro impegno continua. Ricordo con piacere l'evento Libri in Fiore che ha richiamato al Marconi tante persone; anticipo qui che stiamo lavorando ad un altro importante progetto dedicato, questa volta, alla tecnologia. Siamo associazione culturale di promozione sociale: il nostro fine è promuovere la cultura e insieme promuovere il Marconi che da tanti secoli ormai crea e diffonde cultura. Aspettiamo il Vostro 5 per mille ma soprattutto aspettiamo Voi! Il Coordinatore Avv. Susanna Geremia Cecchinato

[close]

Comments

no comments yet