Formazione Antincendio

 

Embed or link this publication

Description

Formazione Antincendio

Popular Pages


p. 1

FORMAZIONE ANTINCENDIO Gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro Decreto Ministero dell’Interno 10 marzo 1998 Edizione 2012

[close]

p. 2

Pubblicazione realizzata da INAIL Settore Ricerca Dipartimento Processi Organizzativi Servizio Prevenzione e Protezione Edizione maggio 2013 a cura di Raffaele Sabatino INAIL, Dipartimento Processi Organizzativi, SPP Ricerca con la collaborazione di Massimo Giuffrida INAIL, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza prima edizione 2008 a cura di Marcello Tambone CONTATTI INAIL - Settore Ricerca Dipartimento Processi Organizzativi Servizio Prevenzione e Protezione via Alessandria, 220/E r.sabatino@inail.it r.dpo@inail.it www.inail.it © 2013 INAIL La pubblicazione viene distribuita gratuitamente e ne è quindi vietata la vendita nonché la riproduzione con qualsiasi mezzo. È consentita solo la citazione con l’indicazione della fonte. ISBN 978-88-7484-303-9 Tipolitografia INAIL - Milano, finito di stampare nel mese di luglio 2013

[close]

p. 3

INDICE Evoluzione della normativa antincendio ............................................................................................. Norme di Prevenzione Incendi .......................................................................................................................... Il nuovo Regolamento per la disciplina dei procedimenti di Prevenzione Incendi ................................................... 5 5 8 11 13 13 13 14 15 16 21 23 23 25 25 25 27 27 27 28 28 28 29 30 31 31 32 32 36 36 36 38 39 44 44 44 44 45 46 47 50 Introduzione .............................................................................................................................................. 1. L’incendio e la prevenzione incendi ............................................................................................... L’incendio ................................................................................................................................................. Principi della combustione .......................................................................................................................... Reazione al fuoco dei combustibili............................................................................................................... Triangolo del fuoco .................................................................................................................................... Sostanze estinguenti.................................................................................................................................. Le principali cause di un incendio................................................................................................................ Cause di propagazione di un incendio ......................................................................................................... Rischi alle persone in caso d’incendio.......................................................................................................... Principali accorgimenti e misure per prevenire gli incendi.............................................................................. Attuazione delle misure preventive.............................................................................................................. Verifica dei luoghi di lavoro ........................................................................................................................ 2. Valutazione del rischio d’incendio .................................................................................................. Obiettivi della valutazione dei rischi d’incendio ............................................................................................. Determinazione dei fattori di pericolo d’incendio .......................................................................................... Identificazione delle persone esposte al rischio d’incendio ............................................................................ Valutazione dell’entità dei rischi accertati..................................................................................................... Classificazione del livello del rischio d’incendio ............................................................................................. Individuazione delle misure di prevenzione e protezione............................................................................... Programma delle misure antincendio........................................................................................................... 3. Il rischio incendio in edifici ad uso ufficio .................................................................................... Identificazione dei pericoli d’incendio più diffusi ........................................................................................... Identificazione delle problematiche connesse alla lotta all’incendio e all’evacuazione....................................... Individuazione delle attività più comuni a rischio d’incendio .......................................................................... 4. Protezione antincendio e procedure da adottare in caso d’incendio ...................................... Protezione statica o passiva........................................................................................................................ Resistenza al fuoco delle strutture .............................................................................................................. Carico d’incendio ....................................................................................................................................... Compartimentazioni................................................................................................................................... Distanze di sicurezza antincendio................................................................................................................ Azioni del personale addetto alla gestione delle emergenze .......................................................................... Attrezzature di lotta agli incendi.................................................................................................................. Estintori .................................................................................................................................................... Quantificazione e dislocazione degli estintori ............................................................................................... Durata di scarica di un estintore e modalità di utilizzo .................................................................................. Idranti ...................................................................................................................................................... Sistemi antincendio ...................................................................................................................................

[close]

p. 4

Impianti di spegnimento automatico e/o manuale d’incendio ........................................................................ Dispositivi di rivelazione automatica e di allarme incendi............................................................................... Sistemi di evacuazione di fumo e calore ...................................................................................................... Vie di esodo .............................................................................................................................................. Criteri generali di sicurezza per le vie di uscita ............................................................................................. Percorsi di esodo ....................................................................................................................................... Procedure operative da adottare in caso di emergenza ................................................................................. Contenuti del piano di emergenza............................................................................................................... Procedure da attuare in caso d’incendio ...................................................................................................... Procedure per l’esodo ................................................................................................................................ Formazione ed informazione dei lavoratori................................................................................................... Formazione per gli addetti alla gestione delle emergenze ............................................................................. Rapporti con i Vigili del Fuoco ed altri Enti istituzionali.................................................................................. Collaborazione con i Vigili del Fuoco............................................................................................................ Segnaletica di sicurezza ............................................................................................................................. Segnaletica aggiuntiva ............................................................................................................................... Illuminazione di emergenza........................................................................................................................ Dispositivi di protezione individuale per l’antincendio.................................................................................... 50 52 53 56 56 57 62 63 79 79 80 81 82 83 83 85 85 85 87 117 138 160 172 5. Esempio di registro della sicurezza antincendio ......................................................................... 6. Glossario dell’antincendio ................................................................................................................ Decreto Ministeriale 10 marzo 1998 .................................................................................................... Stralcio del Decreto Ministeriale 22 febbraio 2006 .......................................................................... Decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011, n. 151 ...................................................

[close]

p. 5

EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Con la pubblicazione del DPR 27 aprile 1955 n. 547 “Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro” il legislatore volle indicare, per tutte le attività ove erano impiegati lavoratori subordinati, la strada da percorrere per: • Rendere più sicuri: i posti di lavoro; le macchine; gli apparecchi di sollevamento; gli impianti e gli apparecchi elettrici; i prodotti pericolosi e nocivi; • Combattere gli incendi. A tale ultima problematica il DPR 547/55 destinò soltanto 5 articoli su 406, con i quali volle segnalare le misure più opportune da adottare per la prevenzione degli incendi e la salvaguardia dei lavoratori, in caso d’incendio, comprendenti: • la difesa contro gli incendi (art. 33), • divieti, mezzi di estinzione ed allontanamento dei lavoratori (art. 34), • lavorazioni pericolose e controllo dei Vigili del Fuoco (art. 36), tutte tematiche ancora oggi attuali, ma forse poste in maniera eccessivamente generica e pertanto spesso disattese, da datori di lavoro poco sensibili alla sicurezza e alla salute dei lavoratori sul luogo del lavoro. In seguito il Ministero degli Interni promulgando, nel tempo, una lunga serie di disposizioni legislative, decreti e circolari in materia antincendio ha sviluppato una completa normativa antincendio: di carattere generale, come ad esempio: • DM 16 febbraio 1982 “Modificazioni del Decreto Ministeriale 27 Settembre 1965, concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi”. • DPR 29 luglio 1982 n. 577 “Approvazione del regolamento concernente l’espletamento dei servizi di prevenzione e di vigilanza antincendi”; • DM 30 novembre 1983 “Termini, definizioni generali e simboli di prevenzione incendi”, ecc.; di • • • carattere specifico, come ad esempio: DM 01 febbraio 1986 “Norme di sicurezza antincendi per la costruzione e l’esercizio di autorimesse e simili”; DM 16 maggio 1987 n. 246 “Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione”; DM 20 maggio 1992 “Norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica”, ecc. Solo con l’emanazione del D.Lgs. 19 settembre 1994 n. 626, seguito dal DM 10 marzo 1998, venivano riprese le tematiche tracciate dal DPR 547/55, concernenti la prevenzione incendi nei luoghi di lavoro e le misure da porre in essere per: a) prevenire l’insorgenza di un incendio e la sua eventuale propagazione; b) provvedere a porre in salvo, nel minor tempo possibile, le persone presenti sul luogo del sinistro; c) intervenire, quando possibile, con l’utilizzo dei mezzi, delle attrezzature e dei dispositivi di lotta agli incendi; d) attuare tutte le procedure del “piano di emergenza”, al fine di poter gestire nel migliore dei modi un’emergenza incendio sul luogo di lavoro. Si ritiene che il primo regolamento di prevenzione incendi sia il DM 31 luglio 1934, concernente “l’approvazione delle norme di sicurezza per la lavorazione, l’immagazzinamento, l’impiego e la vendita degli oli minerali, e per il trasporto degli stessi”. Per individuare la prima vera norma di prevenzione incendi di carattere generale, bisogna arrivare alla Legge 27 dicembre 1941 n. 1570 “Nuove norme per l’organizzazione dei servizi antincendi” (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1942), dove viene istituito il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, al quale vengono attribuite numerose competenze in materia di emergenza in generale e di prevenzione incendi in particolare. Norme di Prevenzione Incendi Nel tempo si è quindi susseguita una vastissima produzione di norme e circolari, delle quali si riportano gli estremi delle principali: 5

[close]

p. 6

FORMAZIONE ANTINCENDIO Gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro • DPR n. 151 del 1 Agosto 2001: Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell’articolo 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 • Circolare MI P4865/4101 del 5/10/2011: Nuovo regolamento di prevenzione incendi - DPR 1 agosto 2011, n. 151 • Lettera Circolare MI P13061 del 6/10/2011: Nuovo regolamento di prevenzione incendi - DPR 1 agosto 2011, n. 151 “Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell’articolo 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122”. Primi indirizzi operativi • Circolare MI 0013722 del 22/10/2011: Precisazioni • DPR n. 689 del 1959: Determinazione delle aziende e lavorazioni soggette, ai fini della prevenzione degli incendi, al controllo del Comando del Corpo dei vigili del fuoco • DMI del 16 Febbraio 1982: Determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi (abrogato dal DPR n. 151 del 1 Agosto 2001) • Circolare MI 2/6/1982, N.25: DM 16 febbraio 1982 - Chiarimenti applicativi • Circolare MI N. 52 del 20/11/1982: Decreto Ministeriale 16 febbraio 1982 e DPR 29 luglio 1982, n. 577 - Chiarimenti • Lettera Circolare MI P21250/4106 del 19/10/1984: DM 31 marzo 1984: “Norme di sicurezza per la progettazione, la costruzione, l’installazione e l’esercizio dei depositi di gas di petrolio liquefatto con capacità complessiva non superiore a 5 mc” - Criteri applicativi • Circolare MI N. 14 del 28/05/1985: Normative di prevenzione incendi da applicarsi nell’ambito di comunità religiose • Circolare MI N. 36 del 11/12/1985: Prevenzione incendi: chiarimenti interpretativi di vigenti disposizioni e pareri espressi dal Comitato centrale tecnico scientifico per la prevenzione incendi su questioni e problemi di prevenzione incendi • Circolare MI 17/12/1986, N.42: Chiarimenti interpretativi di questioni e problemi di prevenzione incendi • Chiarimento MI P369/4101 del 24/05/2000: Ferrovie dello Stato S.p.a. - Legge 26 aprile 1974, n. 191 • Lettera Circ. MI n. P725 / 4122 sott. 67 del 4/6/2001: Complessi edilizi ad uso civile a gestione unica comprendenti più attività ricadenti nel DM 16 febbraio 1982 - Validità del Certificato di Prevenzione Incendi. • Chiarimento MI P77/4101 del 4/7/2002: Complessi edilizi a gestione unica - Durata della validità del Certificato di P.I. • Lettera Circolare del Ministero dell’Interno P325/4113 del 14/3/2006: Impianti fissi di distribuzione di benzina, gasolio e miscele per autotrazione ad uso pubblico e privato con o senza stazione di servizio comprendenti depositi e/o rivendite di olii lubrificanti e simili per capacità superiore ad 1 mc. Validità del Certificato di Prevenzione Incendi. • Lettera Circolare del Ministero dell’Interno P522/4113 del 20/4/2007: Periodicità del certificato di prevenzione incendi in presenza di impianti di distribuzione stradale di carburanti per autotrazione, anche di tipo misto, con annesse attività accessorie - Chiarimento • Lettera Circolare del Ministero dell’Interno MI.S.A. prot. Num P1132/4101 del 05/08/2002: Impianti di distribuzione di Kerosene a servizio di elisuperfici • DPR n. 577 del 1982: Approvazione del regolamento concernente l’espletamento dei servizi antincendi • Circolare MI n. 46 del 7 Ottobre 1982: Approvazione del regolamento concernente l’espletamento dei servizi antincendi e di vigilanza antincendi, indicazioni applicative • Legge n. 818 del 1984: Nulla-osta provvisorio per le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi, e norme integrative dell’ordinamento del Corpo nazionale dei vigili del fuoco • DMI 8 Marzo 1985: Misure urgenti ed essenziali per il rilascio del NOP • DMI 25 Marzo 1985: Procedure e requisiti per l’autorizzazione e l’iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell’interno di cui alla legge n. 818 • Circolare Ministero dell’Interno n. 9 del 17/04/1985: DM 25 marzo 1985 “Procedure e requisiti per l’autorizzazione e l’iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell’Interno di cui alla legge 7 dicembre 1984, n. 818. • DMI 3 maggio 1986: Procedure e requisiti per l’autorizzazione e l’iscrizione dei dottori agronomi, dei 6

[close]

p. 7

FORMAZIONE ANTINCENDIO Gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro • • • • • • • • dottori forestali e dei periti agrari negli elenchi del Ministero dell’interno di cui alla legge 7 dicembre 1984, n. 818. Delimitazione del settore di operatività di tali professionisti nel campo della prevenzione incendi. • DMI 16 maggio 1986: Procedure per il conferimento ai funzionari dei ruoli tecnici delle amministrazioni statali, delle regioni e degli enti locali territoriali, di incarichi per il rilascio delle certificazioni di cui alla legge 7 dicembre 1984, n. 818. • Circolare Ministero dell’Interno n. 24 del 30/9/1989: Validità delle certificazioni e delle dichiarazioni rilasciate da professionisti nel settore della prevenzione incendi • Lettera Circolare MI P16624/4101 del 5/10/1989: Corso di prevenzione incendi ai fini dell’iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell’Interno di cui all’articolo 1 della legge 818/84 • Circolare Ministero dell’Interno n. 18 del 21/10/1992: Firma di tecnici su progetti ed altri elaborati nel settore della prevenzione incendi • DMI del 27 Aprile 2005: Procedure e requisiti per l’autorizzazione e l’iscrizione degli agrotecnici ed agrotecnici laureati negli elenchi del Ministero dell’interno, di cui alla legge 7 dicembre 1984, n. 818. Delimitazione del settore di operatività di tali professionisti nel campo della prevenzione incendi • Lettera Circolare MI P504/4101 del 17/4/2007: Nuova versione dell’applicativo informatico finalizzato all’aggiornamento degli elenchi dei professionisti abilitati di cui alla Legge 7 dicembre 1984, n. 818 • Lettera Circolare MI P1334/4101 del 13/11/2007: Professionisti abilitati di cui alla Legge 7 dicembre 1984, n. 818. Sintesi delle disposizioni in vigore e relativi chiarimenti DPR n. 37 del 1998: Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi • Lettera Circolare MI Prot. P03/4101 del 5/2/1999: Articolo 4 del DPR 12 gennaio 1998, n. 37 Istanza di rinnovo del Certificato di Prevenzione Incendi presentate in data successiva alla scadenza DMI del 4 Maggio 1998: abrogato dal DMI del 7 Agosto 2012 Circolare MI.SA n. 13 del 22 maggio 1999: Servizio di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi Criteri e modalità di utilizzazione del fondo di cui all’art. 61 del C.C.N.L. emanato con D.P.C.M del 26 febbraio 1996 Circolare Trasporti del 18/11/2005: Impianto ed esercizio di stabilimenti e depositi costieri di oli minerali, GPL, biodiesel, prodotti chimici, petrolchimici e GNL. Articoli 52, 2°comma del codice della navigazione e 47 del regolamento di navigazione marittima. Nuove procedure DMI del 29 dicembre 2005: Direttive per il superamento del regime di nulla osta provvisorio • Lettera Circolare Prot. n. P194 / 4101 sott. 135/A del 20 febbraio 2006: DM 29 dicembre 2005 recante direttive per il superamento del regime del nulla osta provvisorio, ai sensi dell’art. 7 del DPR 12.1.1998, n.37. - Chiarimenti e primi indirizzi applicativi. • Lettera Circolare Prot. n. 5551/4108 del 29 maggio 2009: DM 29 dicembre 2005 - Chiarimenti in merito all’adeguamento delle autorimesse in possesso di Nulla Osta Provvisorio ai fini del conseguimento del Certificato di Prevenzione Incendi DM del 22 febbraio 2006: Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici. D.Lgs. n. 139 del 2006: Riassetto delle disposizioni relative alle funzioni e ai compiti del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco a norma dell’art. 11 della legge 29 luglio 2003, n. 229 • Circolare n. 47234/21.01A del 10 marzo 2006: Riassetto delle disposizioni sulle funzioni e i compiti del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco • Lettera Circolare del Ministero dell’Interno Prot. P368/4101 sott. 72/F del 19/3/2008: Controlli di prevenzione incendi ai sensi dell’art. 19 del D.Lgs. 139/2006 • Decreto Ministero dell’Interno 5 agosto 2011: Procedure e requisiti per l’autorizzazione e l’iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell’interno di cui all’articolo 16 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. DPR n. 214 del 12/4/2006: Regolamento recante semplificazione delle procedure di prevenzione di incendi relative ai depositi di GPL in serbatoi fissi di capacità complessiva non superiore a 5 mc • Lettera Circolare del Ministero dell’Interno Prot. P717/4106 sott. 40/A del 30/6/2006: DPR 12 aprile 2006 n. 214 - Regolamento recante semplificazione delle procedure di prevenzione incendi relative ai depositi di GPL in serbatoi fissi di capacità complessivi non superiore a 5 mc - Chiarimenti ed indirizzi applicativi. • Lettera Circolare del Ministero dell’Interno Prot. P1155/4106 sott. 40/A del 2/11/2006: 7

[close]

p. 8

FORMAZIONE ANTINCENDIO Gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro • • • • • • • • • • Decreto del Presidente della Repubblica 12 aprile 2006 n. 214 - Regolamento recante semplificazione delle procedure di prevenzione incendi relative ai depositi di GPL in serbatoi fissi di capacità complessiva non superiore a 5 mc - Chiarimenti in ordine all’intestazione del Certificato di prevenzione incendi. • Lettera Circolare del Ministero dell’Interno Prot. P1169/4106 sott. 40/A del 4/10/2007: Depositi di GPL in serbatoi fissi di capacità complessiva non superiore a 5 mc - Attuazione del DPR 12 aprile 2006, n. 214 - Indirizzi applicativi • Lettera Circolare Ministero dell’Interno Prot. 2720/4106 del 7 Aprile 2009:di manutenzione per i piccoli serbatoi di GPL DMI del 9 maggio 2007: Direttive per l’attuazione dell’approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio • Lettera Circolare del Ministero dell’Interno Prot. n. 4921 del 17 luglio 2007: Direttive per l’attuazione dell’approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio - DM 9 maggio 2007 - Primi indirizzi applicativi • Decreto del Capo del Corpo n. DCPST/830 del 17/7/2007: Osservatorio per l’approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio DMI del 12 luglio 2007: Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione dei dati per l’avvio online di istanze di prevenzione incendi • Lettera Circolare del Ministero dell’Interno Prot. 7377/2007/2102 del 1 Ottobre 2007: Prevenzione incendi online - Decreto Ministero dell’Interno 12 luglio 2007: “Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione dei dati per l’avvio online di istanze di prevenzione incendi.” • Lettera Circolare DCRISLOG Area VIII Prot. n. 7227 del 21/03/2011: Prevenzione online. Domande di Prevenzione Incendi in forma digitale Acquisizione dei documenti allegati alle domande di prevenzione incendi Lettera Circolare P7075 del 27/04/2010: Rete nazionale di trasporto dell’energia elettrica. Autorizzazioni ai sensi della legge 23 agosto 2004, n. 239 DPR n. 160 del 7/09/2010: Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive, ai sensi dell’articolo 38, comma 3, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 • Lettera Circolare DCPREV Prot. n. 3791 del 24/03/2011: Sportello Unico per le Attività Produttive (DPR del 7 settembre 2010 n. 160) Indirizzi applicativi di armonizzazione tra le procedure di prevenzione incendi ed il “procedimento automatizzato” di cui capi I, II, III, V e VI del Regolamento. DPR 1 agosto 2011 n. 151: Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell’articolo 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 • Lettera Circolare Prot. n. 13061 del 06/10/2011: primi indirizzi applicativi • Lettera Circolare Prot. n. 13722 del 21/10/2011: precisazioni sulla precedente LC DMI del 30 Aprile 2012: Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l’installazione e l’esercizio di apparecchi di erogazione ad uso privato, di gas naturale per autotrazione DMI del 7 Agosto 2012: Disposizioni relative alle modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e alla documentazione da allegare, ai sensi dell’articolo 2, comma 7, del decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011, n. 151 DMI del 20 Dicembre 2012: Regola tecnica per la progettazione degli impianti antincendio di protezione attiva nelle attività soggette Lettera Circolare P4962 del 04/04/2012: Uso delle vie e uscite di emergenza in presenza di sistemi di controllo degli accessi mediante “tornelli” Lettera Circolare P4963 del 04/04/2012: Uso delle vie e uscite di emergenza in presenza di porte scorrevoli orizzontalmente munite di “dispositivi di apertura automatici ridondanti” Si rinvia al sito del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco per la consultazione della raccolta completa delle Disposizioni di Prevenzione Incendi (http://www.vigilfuoco.it/aspx/page.aspx?IdPage=4173). Il nuovo Regolamento per la disciplina dei procedimenti di Prevenzione Incendi Il 22 settembre 2011 è stato pubblicato sulla G.U. il DPR 1 agosto 2011 n. 151, riguardante lo schema di regolamento per la disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi. Il nuovo regolamento, recependo 8

[close]

p. 9

FORMAZIONE ANTINCENDIO Gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro quanto previsto dalla legge del 30 luglio 2010, n. 122 in materia di snellimento dell’attività amministrativa, individua le attività soggette alla disciplina della prevenzione incendi ed opera una sostanziale semplificazione relativamente agli adempimenti da parte dei soggetti interessati. La nuova disciplina tiene ovviamente conto degli effetti che l’avvento della segnalazione certificata di inizio attività (Legge n. 122/2010) dispiega, seppure con le limitazioni già descritte, sui procedimenti di competenza del Corpo Nazionale, nonché di quanto previsto dal regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le attività produttive (S.U.A.P.), di cui al DPR 7 settembre 2010 n. 160. Per la prima volta, in una materia così complessa, viene concretamente incoraggiata un’impostazione fondata sul principio di proporzionalità, in base al quale gli adempimenti amministrativi vengono diversificati in relazione alla dimensione, al settore in cui opera l’impresa e all’effettiva esigenza di tutela degli interessi pubblici. In primo luogo, il nuovo regolamento attualizza l’elenco delle attività sottoposte ai controlli di prevenzione incendi e, introducendo il principio di proporzionalità, correla le stesse a tre categorie, A, B e C, individuate in ragione della gravità del rischio piuttosto che della dimensione o, comunque, del grado di complessità che contraddistingue l’attività stessa. In secondo luogo, il provvedimento individua, per ciascuna categoria, procedimenti differenziati, più semplici rispetto agli attuali procedimenti, con riguardo alle attività ricondotte alle categorie A e B. Grazie alla individuazione di distinte categorie, A, B e C, è stato possibile effettuare una modulazione degli adempimenti procedurali e, in particolare: • nella categoria A sono state inserite quelle attività dotate di “regola tecnica” di riferimento e contraddistinte da un limitato livello di complessità, legato alla consistenza dell’attività, all’affollamento ed ai quantitativi di materiale presente; • nella categoria B sono state inserite le attività presenti in A, quanto a tipologia, ma caratterizzate da un maggiore livello di complessità, nonché le attività sprovviste di una specifica regolamentazione tecnica di riferimento, ma comunque con un livello di complessità inferiore al parametro assunto per la categoria “superiore”; • nella categoria C sono state inserite le attività con alto livello di complessità, indipendentemente dalla presenza o meno della “regola tecnica”. In linea con quanto stabilito dal nuovo quadro normativo generale, sono state quindi aggiornate e riadattate le modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi, per ciò che attiene la valutazione dei progetti, i controlli di prevenzione incendi, il rinnovo periodico di conformità antincendio, la deroga, il nulla osta di fattibilità, le verifiche in corso d’opera, la voltura, prevedendo sia il caso in cui l’attivazione avvenga attraverso lo Sportello Unico per le attività produttive sia l’eventualità che si proceda direttamente investendo il Comando Provinciale VV.F. competente per territorio. Si rimanda al sito del del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco per tutte le questioni operative inerenti il nuovo regolamento (http://www.vigilfuoco.it/aspx/AttivitaSoggette.aspx) ed all’utile convertitore delle attività previste nell’abrogato DM 16 febbraio 1982 in quelle definite nel nuovo regolamento (http://www.vvf.to.it/convertitore_dpr151/). In ultimo, si segnala dal sito dei Vigili del Fuoco di Napoli (http://www.vvfnapoli.it/calctariffa.php) un utile applicativo per determinare le tariffe sulla base della nuova articolazione delle attività. 9

[close]

p. 10



[close]

p. 11

INTRODUZIONE Come è noto, il Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i. obbliga ogni datore di lavoro, in relazione alla natura dell’attività dell’azienda di cui è responsabile, ad una valutazione circa la scelta: 1. delle attrezzature di lavoro, 2. delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, 3. della sistemazione dei luoghi di lavoro, con riguardo a tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori. In base a tale analisi il datore di lavoro elabora un “documento” contenente: • la valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute durante il lavoro; • l’individuazione delle misure di prevenzione e protezione da adottare; • il programma delle misure da adottare ritenute più opportune per garantire nel tempo il miglioramento della sicurezza. Con il Decreto Ministeriale 10 marzo 1998 sono stati forniti i criteri per la valutazione dei rischi d’incendio nei luoghi di lavoro e sono state indicate le misure di prevenzione incendi da adottare al fine di evitare che possa innescarsi un incendio e di portare in salvo le persone esposte, nel caso in cui l’incendio si fosse comunque innescato. Si evidenzia che le problematiche che devono essere affrontate, e risolte, al fine di ottenere un’idonea difesa contro gli incendi nei luoghi di lavoro non progettati e costruiti con criteri antincendio sono spesso assai complesse, ed in alcuni casi, come quando si ha a che fare con edifici storici sottoposti a vincoli architettonici ed urbanistici, non sempre realizzabili. In questi casi la strada da percorrere per raggiungere lo scopo non potrà che essere: • tecnica, installano opportuni impianti, dispositivi e mezzi di lotta agli incendi, ovvero separando i luoghi di lavoro a rischio specifico d’incendio da quelli adiacenti tramite idonee compartimentazioni; • organizzativa, collocando i posti di lavoro delle persone presenti, il più vicino possibile alle vie e alle uscite, ovvero limitando il numero di persone presenti contemporaneamente nei luoghi di lavoro. Si riporta l’articolo 46 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: Articolo 46 - Prevenzione incendi 1. La prevenzione incendi è la funzione di preminente interesse pubblico, di esclusiva competenza statuale, diretta a conseguire, secondo criteri applicativi uniformi sul territorio nazionale, gli obiettivi di sicurezza della vita umana, d’incolumità delle persone e di tutela dei beni e dell’ambiente. 2. Nei luoghi di lavoro soggetti al presente Decreto Legislativo devono essere adottate idonee misure per prevenire gli incendi e per tutelare l’incolumità dei lavoratori. 3. Fermo restando quanto previsto dal Decreto Legislativo 8 marzo 2006, n. 139 e dalle disposizioni concernenti la prevenzione incendi di cui al presente Decreto, i Ministri dell’interno, del lavoro, della salute e delle politiche sociali, in relazione ai fattori di rischio, adottano uno o più Decreti nei quali sono definiti: a) i criteri diretti atti ad individuare: 1) misure intese ad evitare l’insorgere di un incendio ed a limitarne le conseguenze qualora esso si verifichi; 2) misure precauzionali di esercizio; 3) metodi di controllo e manutenzione degli impianti e delle attrezzature antincendio; 4) criteri per la gestione delle emergenze; b) le caratteristiche dello specifico servizio di prevenzione e protezione antincendio, compresi i requisiti del personale addetto e la sua formazione. 4. Fino all’adozione dei Decreti di cui al comma 3, continuano ad applicarsi i criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione delle emergenze nei luoghi di lavoro di cui al Decreto del Ministro dell’interno in data 10 marzo 1998. 11

[close]

p. 12

FORMAZIONE ANTINCENDIO Gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro 5. Al fine di favorire il miglioramento dei livelli di sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro, ed ai sensi dell’articolo 14, comma 2, lettera h), del Decreto Legislativo 8 marzo 2006, n. 139, con Decreto del Ministro dell’interno sono istituiti, presso ogni Direzione regionale dei Vigili del fuoco, dei nuclei specialistici per l’effettuazione di una specifica attività di assistenza alle aziende. Il medesimo Decreto contiene le procedure per l’espletamento della attività di assistenza. 6. In relazione ai principi di cui ai commi precedenti, ogni disposizione contenuta nel presente Decreto Legislativo, concernente aspetti di prevenzione incendi, sia per l’attività di disciplina che di controllo, deve essere riferita agli organi centrali e periferici del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, di cui agli articoli 1 e 2 del Decreto Legislativo 8 marzo 2006, n. 139. Restano ferme le rispettive competenze di cui all’articolo 13. 7. Le maggiori risorse derivanti dall’espletamento della funzione di controllo di cui al presente articolo, sono rassegnate al Corpo nazionale dei vigili per il miglioramento dei livelli di sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro. Il CCTS (Comitato centrale tecnico scientifico per la prevenzione incendi) che costituisce un tavolo tecnico di confronto tra il C.N.VV.F. e gli esponenti delle altre Amministrazioni, del mondo produttivo e della società civile sta ultimando i lavori relativi alla predisposizione del nuovo DM 10.3.98 che deve essere emanato a norma dell’art. 46 del D.Lgs. 81/08. La bozza appare non discostarsi dall’attuale DM 10.03.98 e non dovrebbe presentare particolari difficoltà interpretative non stravolgendo l’impianto del medesimo. Sarà specificato che i docenti dovranno avere specifica esperienza in materia di antincendio. Si segnala che il nuovo decreto dovrebbe presentare delle interessanti innovazioni: 1. tutte le attività di categoria A e B del DPR 151/2011 saranno definite a rischio medio 2. tutte le attività di categoria C del DPR 151/2011 saranno definite a rischio elevato 3. per gli addetti antincendio saranno previsti aggiornamenti triennali di 2, 5 8 ore rispettivamente per attività a rischio basso, medio e alto (per similitudine con il DM 388/03 relativo al primo soccorso aziendale) 4. tutte le attività di categoria B e C del DPR 151/2011 dovranno ottenere l’attestato di idoneità tecnica dei VVF. 12

[close]

p. 13

1. L’INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI L’incendio Per incendio si intende il fenomeno conseguente all’infiammarsi ed al bruciare di sostanze costituenti colture e vegetazioni, opere di ingegneria, ovvero di altri beni mobili ed immobili, con danni a cose e/o persone. L’incendio è quindi una combustione della quale non si ha il controllo; l’obiettivo che si pone la prevenzione incendi è quello delle salvaguardia delle vite umane, a cui fa seguito quello della tutela dei beni. Per prevenire e combattere gli incendi è necessario imparare a conoscere le cause e le condizioni che possono favorire l’innesco di una combustione incontrollata, al fine di adottare preventivamente idonee precauzioni affinché: a) l’incendio non si verifichi, ovvero non si propaghi; b) le persone presenti sul luogo del sinistro, possano essere rapidamente poste in salvo; c) l’incendio, nel caso in cui si fosse comunque innescato, possa essere domato tramite i dispositivi di lotta agli incendi, o con la collaborazione dei VV.F.. Princìpi della combustione La combustione Per combustione s’intende una reazione di ossidazione accompagnata da sviluppo di luce e calore, con o senza fiamma. Tali reazioni sono dette combustioni vive, mentre sono dette combustioni lente quelle che per la lentezza con cui si verificano, non danno luogo ad emissione di luce e a fenomeni termici sensibili (1). Il combustibile Per combustibile s’intende una sostanza capace di bruciare all’aria, fornendo energia termica. Un combustibile può essere solido, liquido o gassoso, naturale od artificiale. Sono ad esempio combustibili: • solidi naturali: il legno, la torba, la lignite ecc.; • solidi artificiali: il carbone di legna, il coke ecc.; • liquidi naturali: il petrolio ed il bitume; • liquidi artificiali: le benzine, gli oli distillati dal petrolio e catrame, gli oli vegetali ecc.; • gassosi naturali: i gas naturali come ad esempio il metano, l’idrogeno ecc.; • gassosi artificiali: gas d’alto forno, gas d’olio, l’acetilene, l’ossido di carbonio ecc. Il comburente Per comburente s’intende la sostanza che aiuta o mantiene la combustione; generalmente essa è costituita dall’ossigeno presente nell’aria (2) atmosferica (la cui miscela gassosa consta della seguente composizione: ossigeno 20,93%; azoto 78,08%; anidride carbonica 0,04; argon 0,93 altri gas 0,02%). Di norma quindi la combustione è una reazione di ossidazione. Affinché tale processo possa verificarsi non è sufficiente la contemporanea presenza di combustibile e comburente. Il combustibile deve essere infatti riscaldato, almeno in parte, fino al raggiungimento della propria temperatura di accensione. Temperatura d’infiammabilità Per temperatura, o punto d’infiammabilità, s’intende la temperatura minima alla quale un combustibile (solido o liquido) emette vapori in quantità sufficiente a fornire con l’aria una miscela infiammabile che possa dare inizio ad una combustione in presenze di un innesco. (1) (2) Il fenomeno reale del meccanismo della combustione, è stato dimostrato dal chimico francese Lavosier Antonie Laurent (Parigi 1743 - 1794), solo nel 1775, quando dimostrò sperimentalmente che l’aria è (in gran parte) un miscuglio di ossigeno ed azoto, e che la combustione è un fenomeno di ossidazione; l’ossigeno funziona come comburente, mentre l’azoto non prende parte alla reazione. Si hanno dei casi, tuttavia, in cui l’ossigeno può essere fornito da qualche composto ossigenato che si decompone, oppure casi in cui il comburente non è l’ossigeno, come nel caso dell’idrogeno, che può bruciare in un’atmosfera di cloro, che funge così da comburente. 13

[close]

p. 14

FORMAZIONE ANTINCENDIO Gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro Si riportano di seguito i punti d’infiammabilità di alcuni combustibili: Benzina - 21,00 °C Acetone - 18,00 °C Toluolo + 4,00 °C Gasolio > 50,00 °C Tale dato riveste una notevole importanza in quanto, i liquidi con un punto d’infiammabilità più basso potranno infiammarsi anche a temperature ambientali, mentre quelli che avranno un punto d’infiammabilità più elevato, avranno bisogno di un determinato riscaldamento per poter emettere vapori in sufficiente quantità. Infatti, come visto nell’esempio riportato, la benzina potrà infiammarsi facilmente in ogni latitudine ed in ogni stagione dell’anno, al contrario del gasolio. Temperatura di accensione Per temperatura di accensione (ovvero di autoaccensione) s’intende la temperatura minima alla quale un combustibile inizia spontaneamente a bruciare in presenza di ossigeno. Questa non è uguale per tutti i combustibili e generalmente viene raggiunta tramite il contatto con fonti d’innesco come: • fiamme libere o scintille dovute a processi di lavorazione (taglio, saldatura ecc.); • corto circuiti; • scintille elettrostatiche, da attrito o da archi elettrici; • corpi roventi; • faville provenienti da gas di scarico di motori a combustione; • fulmini ecc. Nella tabella seguente si riportano le temperature di accensione di alcuni combustibili solidi, liquidi e gassosi. Solidi Carta Legno Liquidi Benzina Gasolio Gassosi Idrogeno Metano °C 230 220 °C 250 220 °C 572 538 Reazione al fuoco dei combustibili I materiali solidi, in base alle loro caratteristiche, possono incendiarsi più o meno facilmente e successivamente partecipare o meno alla combustione. In base a tali caratteristiche questi materiali vengono classificati come: • non combustibili, che non possono bruciare; • difficilmente combustibili, che possono bruciare se vengono a contatto con una sorgente di accensione, ma una volta allontanati da tale fonte, smettono di bruciare (in quanto non sono in grado di bruciare da soli); • combustibili che una volta innescati, bruciano da soli. I combustibili, a loro volta, si dividono in: • facilmente accendibili, materiali che iniziano a bruciare a contatto con una sorgente di energia (scintilla, fiammifero ecc.); • difficilmente accendibili, materiali che possono essere accesi solo se entrano in contatto con una sorgente di accensione di elevata energia, applicata per un tempo prolungato. 14

[close]

p. 15

FORMAZIONE ANTINCENDIO Gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro Ciò significa che: • al di sotto del limite inferiore la combustione non può svilupparsi per difetto di combustibile (miscela troppo povera); • al di sopra del limite superiore la combustione non può svilupparsi per eccesso di combustibile (miscela troppo ricca). In relazione a ciò, ai materiali combustibili, sono state assegnate delle classi indicanti la loro partecipazione alla combustione. Tali classi vanno da 0 a 5: quelli di classe 0 sono non combustibili. Triangolo del fuoco Condizione necessaria affinché possa verificarsi il fenomeno della combustione (ovvero che s’inneschi un incendio) è la contemporanea presenza di: • Comburente (ossigeno) • Calore o temperatura di accensione (innesco) • Combustibile Tale condizione è rappresentata graficamente dal cosiddetto “triangolo del fuoco” (vedi figura), per cui l’incendio può essere innescato se risultano presenti tutti e tre i lati che compongono il triangolo e se si verificano le seguenti condizioni: 1. l’ossigeno raggiunge un minimo di concentrazione, generalmente non inferiore al 15% (fanno eccezione i nitrati, i clorati, i perclorati ecc., in quanto essi stessi contengono ossigeno che viene liberato); 2. l’energia somministrata è almeno uguale o superiore a quella minima necessaria per provocare l’innesco. 3. il combustibile risulta entro il proprio campo d’infiammabilità. Quest’ultimo consiste in un intervallo fra un limite di concentrazione minima e massimo, entro il quale può verificarsi una combustione di materiali infiammabili. 15

[close]

Comments

no comments yet