Il Libro degli Alberi

 

Embed or link this publication

Description

Schede flipbook

Popular Pages


p. 1

        1  

[close]

p. 2

2

[close]

p. 3

ABETE ROSSO Nome Comune: Abete rosso Nome scientifico: Picea abies (L.) Karst. Classificazione: Coniferae Famiglia: Pinaceae Genere: Picea Specie: P. abies Identificazione: Piante forestali. Descrizione - L'Abete rosso o Peccio è originario delle zone a clima boreale1 dell'Europa: dalle Alpi Marittime attraverso l'Europa centrosettentrionale fino agli Urali. In Italia si incontrano bellissime peccete lungo tutto l'arco alpino. La pianta, a portamento piramidale, raggiunge l’altezza di 40-50 m. Fusto/tronco - Il tronco è diritto, colonnare, largo alla base fino a 2 m, con scorza2 da brunastra a grigiastra. Foglie/gemme - Le foglie aghiformi sono lunghe 1-3 cm e sono inserite sul ramo secondo linee a spirale. Le gemme hanno forma ovale e sono lunghe circa 4 mm. I fiori – I fiori maturano in aprile-maggio. I fiori femminili sono piccoli coni prima eretti e poi penduli da cui si formeranno le pigne. Sono di colore rosso violaceo mentre quelli maschili sono gialli. 1Il clima boreale (chiamato anche temperato freddo) è un tipo di clima con temperature medie molto basse e valori minimi invernali bassissimi. 2Parte esterna della corteccia 3

[close]

p. 4

I frutti – Sono chiamati comunemente pigne, sono cilindrici, penduli, lunghi 10– 20 cm e larghi 2–4 cm. Inizialmente sono di color verde o rossiccio, poi diventano marroni (in autunno). Cadono interi a maturità. La pianta comincia a dare frutti solo dopo 20-50 anni. Usi - Molto utilizzato per impieghi silvicolturali3 e come albero ornamentale. E' una specie preziosa per i rimboschimenti4, è semplice da coltivare e attecchisce facilmente nel bosco. Con la sua chioma è in grado di regolare la caduta sul suolo della pioggia. Il suo legno di ottima qualità, bianco-giallastro, tenero, viene utilizzato soprattutto nel settore edilizio. Grazie alle sue eccezionali proprietà di risonanza, viene impiegato in liuteria per la costruzione di tavole e casse armoniche per strumenti musicali. Dalla resina si ricava la trementina impiegata nell'industria di vernici e in cosmetica. L'abete rosso è una specie simbionte5 del fungo porcino (Boletus edulis). Dalla distillazione della sua resina si ricava la trementina (acquaragia6). La stessa resina si usa anche per produrre il nerofumo7. Dalla corteccia si estraggono tannini, usati per la concia8 delle pelli. L'abete rosso è una delle piante più longeve al mondo. In particolare, un esemplare scoperto in Svezia nel 2004, avrebbe ben 9550 anni, risultando così il più anziano del pianeta. È stato battezzato Old Tjikko. Fonti principali e immagini: wikipedia Impieghi che riguardano l’utilizzo dei boschi e delle foreste Ricostruzione di un bosco distrutto, degradato o tagliato 5Organismi diversi che vivono in rapporto tra loro traendo reciproco vantaggio dalla vita in comune 6 Solvente per vernici e cera 7Pigmento utilizzato soprattutto nell'industria della gomma per il settore automobilistico (pneumatici) 8 Trasformazione della pelle degli animali in cuoio 3 4 4

[close]

p. 5

ACERO NEGUNDO Nome Comune: Acero americano (Acer negundo) Nome scientifico: Acer negundo L. Classificazione: Magnoliopsida Famiglia: Aceraceae Genere: Acer Specie: A. negundo Identificazione: Piante forestali. Descrizione - L'Acero negundo (o Acero americano) è una pianta originaria del Nord America introdotta in Europa agli inizi del 1700. In Italia è diffuso soprattutto al nord e al centro. E’ molto comune nella pianura Padana. Questo acero cresce molto rapidamente e raggiunge, a maturità, un’altezza massima molto variabile, compresa fra 5 e 20 metri, ma di solito arriva ad un’altezza di 10-15 m. La corteccia negli esemplari giovani è verde oliva, e successivamente diventa marrone grigio, con screpolature verticali via via più profonde. Fusto/tronco - Può avere l’aspetto di un albero, con chioma medio-alta e globosa1, o di un arbusto2-cespuglio, con più fusti brevissimi e chioma bassa con cima ampia. I rami, prima di diventare legnosi, rimangono a lungo verdi. La scorza3 nei rami più giovani è bruno-ocra mentre quella dei rami più vecchi è grigio-brunastra, irregolare ed incisa con strisce in rilievo. Tondeggiante Pianta legnosa con rami che partono dalla base 3 Parte superficiale della corteccia 1 2 5

[close]

p. 6

Foglie – Le foglie sono decidue4, imparipennate5,con 3-5-7 foglioline inserite su un picciolo comune. Le foglioline, lunghe 4-7 cm, sono di forma ovale o lanceolata con apice6 acuto e margine dentato-irregolare. Esistono varietà ornamentali con foglie screziate di bianco o giallo. Strutture riproduttive - Le infiorescenze maschili sono erette e di colore giallo-verdastro con sfumature rosate; quelle femminili sono infiorescenze pendule più lunghe e di color gialloverdastro. Fiorisce in aprile-maggio. I frutti sono legnosi con ali allungate (3-4 cm) che ne facilitano la disseminazione. Usi – E’ molto usata come pianta ornamentale grazie alla sua rapida crescita. Il legno chiaro, leggero e fragile non trova grande impiego in falegnameria, ma può essere usato per realizzare prodotti a base di fibra di legno. Fonti principali: wikipedia, agraria.org, Destinate a cadere Foglia composta da un numero di elementi dispari 6 Cima, punta 4 5 6

[close]

p. 7

ACERO PSEUDOPLATANOIDE VAR. ATROPURPUREUM Nome Comune: Acero palmato rosso,acero giapponese rosso Nome scientifico: Acer palmatumvar. dissectum 'Atropurpureum' Classificazione: Famiglia: Aceraceae Genere: Acer Specie: A. palmatum Identificazione: Piante forestali Descrizione - Si tratta di una varietà ornamentale molto bella e diffusa grazie al suo portamento elegante e al suo colore caratteristico. Raggiunge mediamente i 46 metri d’altezza. L'Acero palmato è una specie originaria dell'Asia orientale (Giappone, Cina, Corea, Taiwan), dove si trova in boschi collinari e montani di latifoglie1 in clima temperato2 su suolo ricco di sostanza organica. Fusto/tronco - Albero alto fino a 10 metri, possiede un tronco snello e sinuoso3, con chioma leggera. La scorza4 è grigio-bruna. Foglie/gemme – Le foglie sono decidue5, opposte, lunghe e larghe circa 5-10 cm, con lamina divisa in 5-7 lobi lanceolati6 molto appuntiti e con margine seghettato. Il colore può variare moltissimo dal verdetenero al viola-porpora. 1Piante 2 con foglie larghe Clima con temperature né troppo calde né troppo fredde 3Con curve 4Parte superficiale della corteccia 5Destinate a cadere 6A forma di lancia 7

[close]

p. 8

Fiori/Frutti - I fiori sono ermafroditi7, riuniti in infiorescenze poco evidenti (5-6 mm di diametro). Fioriscono nel periodo di marzo-aprile. Il fiore è composto da 5 sepali color porpora, giallo o verde e da 5 petali. In seguito si trasformano in frutti di colore rossastro che misurano 1,5-2 cm e presentano un lungo peduncolo. Maturano nella tarda estate. Il seme è grande 5-8 mm. Usi - E' una famosissima pianta ornamentale addomesticata dai Giapponesi in epoca molto antica. Fonti principali: wikipedia,agraria.org 7 Che presentano organi riproduttivi ia maschili che femminili 8

[close]

p. 9

ACERO PSEUDOPLATANOIDE Nome Comune: Acero montano Nome scientifico: Acer pseudoplatanus. Classificazione: Magnoliopsida Famiglia: Aceraceae Genere: Acer Specie: A. pseudoplatanus Identificazione: Piante forestali. Descrizione - L'acero montano è conosciuto anche come sicomoro. È una pianta decidua1 ad alto fusto. E’ originario dell'Europa dove cresce spontaneamente. E’ diffuso in Italia settentrionale e centrale nei valloni dell'arco alpino e nelle zone fresche della fascia montana tra 200 e 1700 metri di quota. Predilige i climi umidi. Fusto/tronco - il fusto può raggiungere 25– 40 m di altezza e il diametro del tronco arriva ai 3,5 m. Ha una chioma globosa2 e ampia con una corteccia bruna dapprima liscia e tendente a sfogliarsi a maturità (simile al platano), da cui il suo nome scientifico di pseudoplatanoide. 1 2 Con foglie destinate a cadere Tondeggiante 9

[close]

p. 10

Foglie/gemme - le foglie hanno un lungo picciolo (5-15cm), sono semplici, opposte, caduche,3 di 10-15cm di lunghezza e larghezza, palmate con 5 lobi poco acuti. Il margine è debolmente dentato. La pagina superiore è verde scuro mentre quella inferiore è glauca4. 3 4 Destinate a cadere Colore verde che tende all’azzurro 10

[close]

p. 11

Fiori/frutti - I fiori appaiono dopo la comparsa delle foglie nel periodo da aprile a maggio. Sono di colore giallo-verdastro, sono piccoli e riuniti in grappoli pendenti. Il frutto è una doppia samara5. Usi - Cresce rapidamente e resiste agli agenti inquinanti. La pianta viene utilizzata per scopi ornamentali e offre una discreta legna da ardere. Il legno dell'acero montano (considerato di elevato pregio) è usato principalmente in liuteria. Come tutti gli aceri, la linfa contiene una certa quantità di zuccheri. Una volta veniva incisa la corteccia e con la linfa fermentata si produceva una bevanda leggermente alcolica. La linfa presa direttamente, contiene buone quantità di vitamina C e veniva usata per combattere lo scorbuto6. Il legno è, molto richiesto per mobili, pavimenti ed ebanisteria7 fine. Etimologia - Il nome “acero” deriva dal latino "acer" che significa "appuntito", "aguzzo" come le foglie dell'acero. “Pseudo” deriva dal greco "pseúdos" falso, confondibile con "Plátanos", deriva da "platýs" che significa“ampio, largo”, è dovuto, sia alla forma delle foglie sia alla corteccia delle piante adulte che si desquama in larghe placche. Fonti: wikipedia, actaplantarum.org secco contenente un solo seme e caratterizzato da un'ala membranosa che ne facilita la diffusione per mezzo del vento 6Malattia provocata da alimentazione con grave carenza di vitamina C, caratterizzata da emorragie multiple, disturbi gastro-intestinali, alterazioni ossee e deperimento organico progressivo 7 Arte del lavorare il legno 11 5Frutto

[close]

p. 12

ACERO SACCARINO Nome Comune: Acero saccarino o Acero argenteo Nome scientifico: Acer saccharinum L. Classificazione: Dicotyledones Famiglia:Aceraceae Genere: Acer Specie: A. saccharinum Identificazione: Piante forestali. Descrizione - L'acero saccarino o acero argenteo ha un portamento espanso, cresce molto velocemente e normalmente ha un’altezza di 8–10 m, ma può raggiungere anche i 25–40 m. E’originario delle regioni nord-orientali del continente nordamericano. Fusto/tronco - Il tronco, corto e nodoso, si ramifica in modo disordinato formando una larga chioma. La corteccia è di colore grigiobruno e con il passare degli anni si desquama. I rami, simili a canne, sono piuttosto esili e si possono danneggiare a causa di tempeste e nevicate forti, ma ricrescono velocemente. Foglie - Le foglie, lunghe fino a 16 cm, hanno 5 lobi1 appuntiti, a loro volta profondamente incurvati o lobati. La pagina inferiore è argentata. In autunno le foglie assumono una colorazione rossa. 1 Parti rotondeggianti 12

[close]

p. 13

Frutti - I frutti sono samare2 appaiate (disamare) e unite, con ali leggermente ritorte. Fiori - I fiori sono poco evidenti perché privi di petali. Sono sia unisessuali che ermafroditi3 riuniti in infiorescenze. Fiorisce in febbraiomarzo prima che spuntino le foglie. Usi - Viene impiegata come pianta ornamentale nei parchi e lungo le strade per creare viali. Dalla linfa, ottenuta incidendo la corteccia, si ricava lo sciroppo d'acero, usato sui pancakes. Fonti principali e immagini: wikipedia, agraria.org, Frutto secco contenente un solo seme e caratterizzato da un'ala membranosa che ne facilita la diffusione per mezzo del vento 3 Che presentano organi riproduttivi sia maschili che femminili 2 13

[close]

p. 14

AGRIFOGLIO ARGENTEOMARGINATA Nome Comune: Agrifogliover. argenteo marginata, Agrifoglio variegato Nome scientifico: lexaquifolium argenteo marginata, Aquifolium “Argentea Marginata” Famiglia:Aquifoliaceae Genere:Ilex Specie: I.aquifolium Identificazione: Arbusti ornamentali Descrizione - E’ un albero sempreverde, dal portamento eretto, piramidale. E’ una pianta che ha bisogno di poca manutenzione e cresce lentamente. In Italia la specie è presente allo stato spontaneo in tutto il territorio, ma è più diffusa al Nord rispetto al Sud. E’ distribuita anche in ampie zone del territorio europeo. Fusto/tronco - Si presenta come un arbusto1 con portamento cespuglioso o come albero, a tronco diritto e corteccia di colore verde scuro. Raggiunge l’altezza di 8-10 metri. I rami, da giovani, sono ricoperti di peluria che scompare a partire dal secondo anno di vita. 1Pianta legnosa con rami che partono dalla base 14

[close]

p. 15

Foglie e gemme - Le foglie sono di colore verde variegate bianco-crema. Hanno forma ovale, con margine spinoso. Produce abbondanti bacche di color rosso acceso nel periodo invernale. Le bacche sono fortemente tossiche per l’uomo. Fiori e Frutti - I fiori sono di colore bianco e presentano quattro piccoli petali. Usi - E’ utilizzata per realizzare bordure, come pianta singola o in siepi. Durante le feste natalizie e a capodanno i rami con le bacche vengono impiegati per realizzare decorazioni beneauguranti. Il legno bianco, durissimo, compatto, elastico e resistente, è utilizzato per realizzare manici di ombrelli, bastoni, e oggetti vari o per pregiati lavori di tornitura, ebanisteria2 e intaglio. Curiosità - Conosciuta fin dall’antichità, le sue spine fogliari sono sempre state considerate elemento di difesa contro nemici veri o presunti3. Infatti, i rami di agrifoglio si usavano per tenere lontani i topi dalle carni salate e da altri alimenti. Durante le feste romane dei “Saturnali”, celebrate nei giorni vicini al Solstizio4 d’inverno (21 Dicembre), ci si appuntava un rametto di agrifoglio sui vestiti come talismano portatore di prosperità5. I Romani lo piantavano davanti alle case per tenere lontani i malefici e lo regalavano agli sposi in segno di augurio. Fonti principali e immagini: wikipedia, 2Arte 3 del lavorare il legno Che si ritengono tali 4 Momento dell’anno in cui il sole raggiunge la massima inclinazione 5 Benessere 15

[close]

Comments

no comments yet