Gazzetta 3A Oriolo

 

Embed or link this publication

Description

maggio 2015

Popular Pages


p. 1

S.M.S. “Rosa Venerini” di Oriolo MAGGIO 2015 Num. 2 LA GAZZETTA DELLA 3A Periodico di attualità, satira e informazione UNA G IORNATA A ….RAI ISORADIO !!! Un giorno da veri giornalisti: intervistati alla radio e poi a spasso per la Rai, fino alla redazione del TG2! Diretto re: Prof. Valeria Ferrari C ap i red atto ri: Emanuele Canzonetta; Giulia Leonardi; Nadia Ouedragogo; Elisa Pompili Red atto ri: Julia Antonik;, Alessia Cesosimo; Lucretia De Vecchi; Alice Diamanti Danilo Di Carlo; Damiano Di Padova ; Sofia Fischer; Luca Giannini; Oana Gradinaru; Beatrice Lavini; Alessandro Leonardi; Virginia Marcantoni;; Vittorio Pelino,; Mattia Sgamma; Stefano Tosi La 3A con alle spalle il cavallo della Rai Qualche mese fa la nostra scuola è stata contattata dalla Rai per invitarci a parlare, durante una trasmissione di Isoradio, del nostro giornale di classe e noi siamo stati entusiasti di partecipare. Così abbiamo cominciato a lavorare sul nostro progetto in vista del 22 aprile, data stabilita per la nostra intervista. Ci siamo informati su che temi trattasse la radio, abbiamo scritto nuovi articoli e ci siamo impegnati molto per far sì che la gita fosse indimenticabile! LE REC ENSIONI DELLA 3A La serie TV: Breaking Bad I film: I cento passi; La mafia uccide solo d'estate Segue a pag. 2, 3, 4 Pag. 13, 14, 15 W LA COST IT UZIONE E' la legge di fondamentale noi del nostro stato, tutela e difende i diritti tutti cittadini. Abbiamo esaminato gli articoli più importanti PAURA D'ESAME Si stanno avvicinando i tanto temuti esami. Come affrontarli al meglio? Qualche serenità consiglio per viverli con QUAT T RO C H IAC C H IERE CON...PAOLA!! Segue a pag. 8 Segue a pag. 4 Segue a pag. 22

[close]

p. 2

LA GAZZETTA DELLA 3A Segue dalla prima pagina Tra un articolo e l'altro, i giorni sono passati in fretta e in un batter d'occhio ci siamo ritrovati al 22 aprile. La paura e l'ansia era molta soprattutto per i portavoce che eravamo io, Alice, Alessandro, Damiano . Il viaggio, intrapreso Eccoci alla partenza fuori coraggiosamente con i mezzi pubblici, è stato divertente e non c'è stato alcun tipo di problema, divertiti!. anzi ci siamo dalla nostra scuola!!! In attesa alla stazione del trenino Arrivati a destinazione, quando oramai era l'ora di pranzo, ci siamo concessi uno spuntino nei giardinetti davanti alla rai e ci siamo riposati sotto l'ombra degli alberi. Persino le erano Uno spuntino all'ombra degli alberi prima di incominciare! professoresse capita raramente!! rilassate e calme; cosa che

[close]

p. 3

LA GAZZETTA DELLA 3A Verso le 15 del pomeriggio siamo entrati negli studi della radio, e mentre i nostri compagni di classe ci guardavano da un grande vetro abbiamo noi, i portavoce, alle Damiano e Alessandro La 3A dietro al vetro risposto domande del conduttore. Al momento di andare in onda siamo andati un po' nel panico, ma abbiamo riscosso molto successo anche perché il conduttore è stato molto gentile con noi e ci ha aiutati quando eravamo in difficoltà. Il conduttore Alice e Elisa Al termine della trasmissione siamo stati accompagnati negli Negli studi della Rai studi della Rai, dove ci hanno illustrato lavorano. e spiegato comeNoi al TG2

[close]

p. 4

LA GAZZETTA DELLA 3A Alla fine della gita, eravamo stanchi ma felici ed entusiasti del nostro lavoro. Questa esperienza ci ha dato e lasciato molto. Il progetto del nostro giornalino ci ha dato tante soddisfazioni. Lo ricorderemo per sempre con affetto e magari anche con un po' di malinconia. Elisa Pompili Relax in pullman PER ASCOLTARCI...CLICCA QUI LA PIU' BELLA DEL MONDO Un'analisi della nostra Costituzione “Dietro ogni articolo della Costituzione, o giovani, voi dovete vedere giovani come voi che hanno dato la vita perché la libertà e la giustizia potessero essere scritte su questa Carta” Piero Calamandrei, padre costituente La costituzione è la legge fondamentale della Repubblica italiana. Essa è stata elaborata dall'assemblea Costituente che la approvò il 22 dicembre 1947 e che entrò in vigore il 1° gennaio 1948. Essa è votata, cioè scelta liberamente dal popolo e e non concessa da un sovrano; è scritta e non basata esclusivamente sulla consuetudine è rigida in quanto per modificarla esiste una procedura molto complessa. I primi 12 articoli stabiliscono principi fondamentali che ispirano non soltanto la costituzione, ma tutte le leggi dello stato. In classe abbiamo analizzato gli articoli fondamentali, che fanno della nostra costituzione un esempio di democrazia, e che la rendono, come ha detto Roberto Benigni, “la più bella del mondo”.

[close]

p. 5

LA GAZZETTA DELLA 3A allo stesso modo: la ricca Articolo 1: (Alice Diamanti) ”l'Italia è una Repubblica democratica basata sul lavoro” Ascoltando le informazioni che mi giungono attraverso i vari mezzi di comunicazione mi sto rendendo conto che per i giovani trentenni italiani e non, questo diritto non è stato riconosciuto. E' proprio la mancanza di un lavoro stabile che spinge molti cervelli pensanti a lasciare la propria terra nella speranza di poter realizzare in un paese straniero le proprie aspettative, coronando in questo modo i propri sogni. Se torniamo indietro nella storia ci rendiamo conto che il '900 era iniziato proprio Questo articolo garantisce e tutela i cittadini nei loro il ruolo di grande potenza economica, era diventata la per tanti nostri connazionali disperati e affamati, oggi ad che vorrebbero mettere in diritti, considerati calpestarli. Così che tutti possano sviluppare personalità e fare libere scelte. Acanto ai diritti anche dei doveri, il cui America, che aveva conquistato inviolabili, nessuno può terra dei sogni e delle speranze pienamente la propria emigrare sono i giovani laureati però ogni cittadino ha pratica i loro studi all'interno adempimento è di laboratori specializzati nella indispensabile per la ricerca e che non possono farlo pacifica convivenza dei perché lo stato italiano non investe come dovrebbe sui giovani, sulla ricerca, sulla sanità e sulla scuola. Articolo 2: (Damiano Di Padova) “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo” cittadini e la stessa sopravvivenza del nostro stato. Articolo 3: (Nadia Ouedraogo) “I cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza alcuna distinzione” L'uguaglianza degli uomini è un principio fondamentale della democrazia. La mia idea è che nessuno ha

[close]

p. 6

LA GAZZETTA DELLA 3A diritti e doveri diversi dagli altri. poveri. Uomini La e donne, la italiani e stranieri, ricchi e religione, lingua, l'etnia non possono e non devono influire sulla piena realizzazione Lo è stato per amo delle deve questo questo persone. possibilità, motivo stato. che dire che l'Italia è una Repubblica fondata sul precariato. La situazione in questo paese è catastrofica; sono sempre più preoccupato ed ansioso del mio futuro e ogni giorno mi chiedo se mai troverò un lavoro. Io, da cittadino italiano, penso che forse possiamo migliorare questa situazione collaborando tutti insieme e unendo le nostre Italia ormai in piena crisi rispettare così l'articolo 4. Il Presidente Enrico De Nicola Costituzione dicembre 1947 Articolo 11: ( Emanuele firma il la 22 offrire a tutti le stesse forze per “combattere” questa Canzonetta) “L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa e come mezzo di risoluzione delle internazionali” Io sono d'accordo con ciò che è stato scritto in questo articolo perché le guerre seminano terrore e sconvolgono la vita dei civili che non le hanno chieste, ma che ne pagano le conseguenze più atroci. Io sono della stessa opinione di quei grandi uomini della storia, che sono racchiusi sotto il nome di costruttori di pace, che hanno lottato ed hanno messo a rischio la Sembra l'inizio di una battuta. Sarebbe più onesto propria persona pur di evitare l' uso delle armi. controversie Articolo 9: (Mattia Sgamma) alla libertà degli altri popoli “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la La Camera saluta Costituente nominata nel 1946. Articolo 4: (Danilo Di Carlo) “ La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove che le condizioni rendano dei Deputati appena ricerca scientifica e tecnica” Questo articolo purtroppo è rimasto sempre al livello delle buone intenzioni. L'Italia è da sempre il fanalino di coda dei paesi occidentali quanto al finanziamento della ricerca. Il nostro paese, che da sempre è stato definito il giardino d'Europa, è ricco di arte e di storia che andrebbero tutelate e valorizzate. l'Assemblea effettivo questo diritto”

[close]

p. 7

LA GAZZETTA DELLA 3A Sto parlando King, di di di Martin Papa che, parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.” La libertà di stampa e di opinione sono diritti fondamentali nella vita di ogni possibilità di dar voce alle proprie idee e di renderle pubbliche. La libertà di pensiero e di stampa sono alla base di una democrazia che rispetta l'uomo come singolo individuo, garantendogli la la scuola è l'istituzione che può e deve garantire la formazione libera e indipendente di tutti i cittadini. 34: (Giulia Luther Teresa Benedetto XVI, di Madre Calcutta aiutandosi con le parole, con il dialogo e con la fede, si sono fatti promotori di questa lotta per il disarmo. Anche io sono convinto che i contrasti vadano risolti con la discussione perché di tutto la pace e lo con ciò e il è la dialogo finale garantire scopo cittadino perché viene data la Articolo Leonardi) “La scuola è aperta a tutti. L'istruzione anni, è inferiore, e impartita per almeno otto obbligatoria gratuita” giustizia tra le nazioni. Articolo 17: (Luca Giannini) “I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz'armi” Sono molto d'accordo con questo articolo perché credo che ognuno di noi abbia diritto di discutere dei problemi in cui si trova a vivere, senza però creare problemi pubblici. Articolo 21: (Oana Gradinaru ed Elisa Pompili) “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la possibilità di essere informati Questo articolo secondo me su ciò che accade nel mondo è importantissimo perchè tenendo sempre in dell'altro. considerazione il rispetto afferma il diritto di tutti ad avere un'istruzione dalle di economiche indipendentemente possibilità ciascuno, con un occhio di riguardo agli alunni capaci e meritevoli: Costituzione dicembre 1947 emana la nostra Costituzione Articolo 33: (Beatrice Lavini e Virginia Marcantoni) “L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento” Noi pensiamo che gli artisti debbano esprimersi in totale libertà e non ci debba essere un'arte e una scienza di stato e la nostra il sancisce La Gazzetta Ufficiale del 27 principio del merito. Classe 3A

[close]

p. 8

LA GAZZETTA DELLA 3A DUE CHIACCHIERE CON...PAOLA Più che essere la collaboratrice scolastica è l'amica di tutti gli studenti, la persona che sta sempre dalla nostra parte e ci difende dai prof.!!! L'abbiamo intervistata per conoscerla meglio. Da quanto tempo lavori nell'ambito scolastico? (Nadia e Damiano) Da quando è entrato l'euro, nel 2000-2001. Ti piace questo lavoro? (Sofia e Danilo) Si tanto, soprattutto se fosse stato formato solo da ragazzi. Quale fascia di età preferisci? (Oana e Elisa) Tre-cinque anni. Perché fra virgolette i bambini di tre anni hanno la loro sincerità, ti danno tanto. Quale parte del tuo lavoro preferisci?(Beatrice Alessandro) Bella domanda! Dipende,secondo dove uno sta e per esempio qui da noi è un continuo,stare con voi in classe. Poi all'asilo mi piace molto aiutare i bambini a fare i lavoretti. Sappiamo che sei molto attaccata a noi ragazzi. Cosa ne pensi delle terze che l'anno prossimo non ci saranno più? (Giulia e Emanuele) Mi mancheranno molto, però quando va via una

[close]

p. 9

LA GAZZETTA DELLA 3A terza entra subito una prima e mi “coinvolge” perché sono bambini che stavano all'asilo e li conosco già. C'è un cambiamento che serve! Sia a voi che a me. Raccontaci uno degli episodi più strano che è successo a uno degli alunni che ti ha coinvolto di più. (Julia e Lucretia) Bhè,in prima media Luca (Giannini) si è rotto un dente e gli usciva il sangue dalla bocca, abbiamo chiamato il 118 che mi ha fatto salire con lui sull'ambulanza perché era ed è un minore. Quando siamo arrivati all'ospedale hanno soccorso Luca e mi hanno lasciata lì da sola a Bracciano, a piedi!! Ti piace questa scuola?Se avessi la possibilità la cambieresti? (Alessia e Julia) Cambiare no! Venire a scuola l'ho sempre odiato, anche da piccola; però come struttura mi piace. Non vorrei cambiarla finché non finiscono i bambini che già conosco dall'asilo. Che rapporto hai con gli alunni? (Vittorio e Mattia) una ricerca. e le maestre mi hanno coinvolto. Un rapporto da fratelli, siamo Leggi dei libri? Vedi dei sullo stesso piano...abbiamo la stessa età! Cerco di difenderli sempre,sono sempre dalla parte degli studenti, però sempre nei limiti. So anche essere severa con loro, poi mi pento tantissimo, però la voce la alzo. Come andavi a scuola? Qual era la tua materia preferita? (Luca e Stefano) A scuola andavo a piedi!!! Scherzo, insomma, così così, non mi piaceva molto studiare, la mia materia preferita era educazione fisica. Hai degli hobby? Quali sono? (Alice e Virginia) Io ho un hobby solo che comprende tante cose: lo sport, la cultura, tutto ciò che ci circonda...E' l'informatica, con tutto quello che comporta: la play station 3, la wii, il computer. film? (Lucretia e Alessia) Si soprattutto romanzi. I film mi piacciono di tutti i generi, dal comico al drammatico e a quelli strappalacrime. Lavoravi a scuola quando c'erano le tue figlie? (Mattia e Damiano) Si, ma non ho mai lavorato nelle loro stesse scuole perché mi è sempre stato vietato dalla più piccola. Il ricordo più bello che hai? (Luca e Alice) Ci sono tanti ricordi! Ad esempio un bambino dell'asilo veniva sempre in braccio a me, poi alle medie lui prendeva in braccio me. C'è un professore a cui sei più attaccata? (Stefano e Sofia) Come hai fatto a imparare a Beh con Feliziani ci sono usare il computer? (Nadia e cresciuta, perché siamo Stefano) nati tutti e due nello stesso paese, poi con quelli con cui lavoro da più tempo...però da grandi non c'è il Insieme ai bambini delle scuole elementari che dovevamo fare

[close]

p. 10

LA GAZZETTA DELLA 3A discorso di chi ti sta simpatico o meno, devi lavorare e basta. Comunque con la maggior parte di loro sono molto legata Cosa pensi della nostra preside? (Alessandro e Vittorio) E poi io penso di essere stata la Un augurio per i ragazzi? prima ad averla vista e conosciuta. Com'è il tuo rapporto con il fiduciario? (Giulia e Nadia) E' di amicizia ma anche di “scontro”, non ci risparmiamo mai una critica. (Virginia e Danilo) Non è una mia frase ma mi piace molto e la voglio dedicare a voi: “prendete in mano la vostra vita e fatene un capolavoro”. Classe 3A EDUCAZIONE ALLA LEGALITA' LA MAFIA Abbiamo cercato di scoprire cos'è, quali sono le sue origini e soprattutto quelle persone che l'hanno combattuta a prezzo della loro vita. Quest’anno abbiamo studiato la mafia e per approfondire abbiamo visto dei film su questo tema. Ma cos'è la mafia? Molte testimonianze riguardanti la nascita della mafia risalgono all’ottocento. Alexandre Dumas, uno scrittore francese, arrivato a Napoli nel 1860, scrive: E' molto brava, seria e preparata nel suo lavoro, si fa in quattro per la scuola. Cari lettori, Chi sono i camorristi? mi domanderete. I membri della camorra. Cos'è la camorra? Se foste a Napoli, vi risponderei semplicemente: la camorra è la camorra. Ma siete in Francia, e devo cercare di dirvi cosa essa sia.... La camorra è una specie di società segreta che, come tutte le società segrete, Però tutti gli scontri sono stati costruttivi. ha finito per diventare una società furto e pubblica...La dell'omicidio, dell'ozio, del camorra è l'impunità del l'organizzazione la la remunerazione del male, glorificazione crimine. La camorra è il solo potere reale al quale Napoli obbedisca...

[close]

p. 11

LA GAZZETTA DELLA 3A Così dice la mafia. Voi ditelo a Giovanni Falcone, Diana, Borsellino.... se invece si avvicina al libro non avrà un futuro all'interno della famiglia. La mafia è una vera e propria multinazionale del crimine: traffica in droga, armi, riciclaggio di denaro sporco, loro vita per Dalla questo. diceva il Chiesa: Perché, generale come Don Peppe Paolo Come abbiamo studiato, le organizzazioni mafiose hanno delle regole che ogni membro deve rispettare e dei riti d'ingresso molto complessi, ad esempio i siciliani fanno bruciare la foto di un santo e la persona che deve in e entrare mano deve mentre la tenerla brucia “Certe cose non si fanno per coraggio, si fanno solo per guardare serenamente pizzo, prostituzione. Ma la cosa negli occhi i propri figli”. Noi non possiamo che più grave è l'infiltrazione mafiosa nello stato. A volte lo ricordare solo alcuni stato si è reso colpevole di non quegli uomini onesti aver saputo difendere i cittadini dalla mafia o peggio di essere stato complice o anche solo di essere stato a guardare senza intervenire. Se non è lo stato che ci protegge dalla mafia chi deve farlo? Sono tantissimi gli eroi che hanno cercato di combattere questa piovra e hanno sacrificato la coraggiosi: ROCCO di e pronunciare frase: “possa io bruciare come questa immagine se tradirò la mafia”; mentre i calabresi al battesimo del figlio del boss lo appoggiano su un tavolo e da una parte mettono bambino un si coltello avvicina e al dall'altra un libro, se il coltello sarà un grande boss, CHINNICI: Magistrato che ha fondato il primo pool antimafia. BORIS coraggioso antimafia. PIO LA TORRE: deputato che si è battuto per GIULIANO: commissario

[close]

p. 12

LA GAZZETTA DELLA 3A istituire sequestro mafiosi. CARLO ALBERTO DALLA CHIESA: Generale lasciato solo dallo stato per combattere la mafia. il dei reato beni di dei I magistrati Giovanni Falcone diventare il simbolo della e Paolo Borsellino PEPPINO IMPASTATO: Giovane di Cinisi che cerca di opporsi al potente boss locale Tano Badalamenti denunciando i suoi crimini e che per questo verrà ucciso. lotta alla mafia. associazione mafiosa e per il Ci impegniamo a educare i nostri figli nel rispetto degli altri, al senso del dovere giustizia. Ci impegniamo a non Giovanni e al senso di dimenticare Falcone e tutti i morti nella lotta contro la mafia e a ricordarli come nostri familiari per noi caduti. Beatrice Lavini e Virginia Marcantoni e tutta la 3A Il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa GIOVANNI PAOLO lavoro FALCONE e Peppino Impastato. Dietro BORSELLINO: sono riusciti a Magistrati che con il loro portare sotto processo 456 Radio Aut fondata da lui. Il funerale di Peppino Impastato a Cinisi Per non dimenticarli, e per non dimenticare il dovere di noi, futuri cittadini, di combattere la mafia, facciamo nostra la frase che i cittadini di Palermo mafiosi. E hanno pagato con la loro vita la loro lotta alla mafia. hanno letto al funerale di Giovanni Falcone, facendola

[close]

p. 13

LA GAZZETTA DELLA 3A LE RECENSIONI DELLA 3A Breaking Bad è una serie televisiva statunitense a dir poco perfetta. Regia strabiliante, pazzesca. fotografia superlativa e recitazione

[close]

p. 14

LA GAZZETTA DELLA 3A Breaking Bad è la storia di un geniale professore di chimica frustrato che ha un lavoro al di sotto delle sue capacità; lavoro sottopagato che lo costringe a farne un altro più umiliante, con un figlio disabile e una moglie in attesa di una bambina non programmata. Walter non ha soddisfazioni dalla vita e in aggiunta a ciò gli viene diagnosticato un cancro ai polmoni che, fatica all'ultimo stadio. la sua un Il film racconta la storia di Giuseppe Impastato, un ragazzo che fa parte di una famiglia mafiosa, ma che la sua Bryan interpreta Cranston, il che innata curiosità e in lo alcune comunista amicizie, del paese, Quando lo scompre realizza nonostante per essere possibili. Ed è proprio per questo che Breaking Bad in 5 stagioni è riuscito a non annoiarci mai! Il nostro personaggio preferito è Walter White, il protagonista, che da sottovalutato professore di chimica diventa un criminale. E l'attore è talmente bravo da riuscire quasi a trasformarsi fisicamente. Una frase di lui ci ha colpito maggiormente, quando dice alla moglie: “io non sono in pericolo Skyler, IO SONO IL PERICOLO”. I FILM I CENTO PASSI di Marco tullio Giordana lavoratore onesto, la vita lo ha sempre preso a calci e decide dunque di mettersi al servizio della malavita. Lo farà insieme a un suo ex allievo. assurde problemi. Il successo della serie deriva secondo noi dall'argomento,estremamen te originale e dalla recitazione degli attori. Le situazioni in cui sono immersi i personaggi non sono molto credibili, ma le loro reazioni sono talmente ben recitate da sembrare e Da un qui mare si di svilupperanno situazioni protagonista particolare quella dell'unico porterà a contestare tutto Walter White Damiano Di Padova, e a ribellarsi alla mafia. La vicenda è ambientata negli Luca Giannini, Alessandro Mattia Leonardi, anni 70' a Cinisi, un piccolo Sgamma comune siciliano controllato Badalamenti,che abita dal capo mafioso Gaetano a “cento passi” di distanza da lui. Peppino fonda con i suoi amici una radio, chiamata

[close]

p. 15

LA GAZZETTA DELLA 3A “Radio Aut”, in cui esprime liberamente le sue opinioni sulla delitti mafia e gli e con affari cui dei denuncia quotidianamente i mafiosi di Cinisi. Peppino è un ragazzo che crede nei propri ideali e li difende, è impulsivo e non si lascia influenzare da chi cerca di portarlo su una strada che non è quella che ha scelto lui stesso. È una persona Un'immagine del film riflessiva e a cui piace molto leggere e che non si lascia intimorire da niente e nessuno. Per questo verrà ucciso dai sicari del boss Tano Badalamenti, che cercheranno di far passare l'omicidio per un attentato finito dallo vorranno male stesso anni organizzato Peppino. perché Ci si smettere di lottare per i propri La ideali, anche se molti si metteranno contro di te e anche se cercheranno di fermarti, perché la libertà di più importante . mafia è, uccide infatti, solo una d’estate storia d’amore che racconta i tentativi di Arturo di conquistare il cuore della amata Flora, una compagna di banco di cui si è invaghito alle elementari e che vede come una principessa. Attraverso la cronistoria del suo amore per Flora, alcuni Arturo degli ricostruisce parola di ognuno di noi è la cosa sua episodi più cruenti di Cosa Nostra. La cosa che mi ha Elisa Pompili e Alessia colpito di più è stato il Cersosimo fatto che il film era diviso LA MAFIA UCCIDE SOLO D'ESTATE in due parti: il tentativo di conquistare il cuore di Flora di Arturo e l’influenza della mafia negli anni 70. si può parlare di mafia anche con un sorriso. Il personaggio colpito di che più è mi ha stato di Pierfrancesco Diliberto Questo film ci insegna che arrivi a ricostruire la verità e a incarcerare i colpevoli. Gli bravi attori e sono davvero a sono riusciti Arturo, perché all'inizio ci fa vedere il mondo con gli Crescere e amare nella Palermo occhi ingenui di un bambino, della mafia. Un racconto lungo ma poi diventa grande e vent’anni attraverso gli occhi di realizza che la mafia esiste un bambino, Arturo, che diventa grande in una città affascinante e terribile, ma dove c’è ancora spazio per la passione e il sorriso. e bisogna combatterla, ed è questo che insegna a suo figlio. Danilo Di Carlo creare fortissime emozioni. Questo film ci ha insegnato molte cose. Ci ha mostrato realmente che cos' è la Mafia, quanto poco ci siamo evoluti nei confronti di quest'ultima e ci ha fatto capire che non si deve mai

[close]

Comments

no comments yet