Ristonews Ristoworld Maggio 2015

 

Embed or link this publication

Description

Trimestrale a cura di Ristoworld Italy

Popular Pages


p. 1

ANNO IV N. 18 APRILE MAGGIO 2015 RistoWorldItaly L’apertura di Expo punta i riflettori sul Made in Italy e sull’Eccellenza Tricolore Ristoworld Italy - www.ristoworld.org - www.ristonewstime.it

[close]

p. 2

RIVISTA UFFICIALE DI RISTOWORLD ITALIA Direttore Responsabile Marcello Proietto di Silvestro E-mail: redazione@ristoworld.net Mobile: +39 333.5021044 ristonews.ristoworld marshpr www.ristonewstime.it Associazione Culturale Ricreativa RISTOWORLD ITALY Presidente In Nome del Dio Denaro Olio di Palma Killer Andrea Finocchiaro www.ristoworld.org info@ristoworld.net ristoworld@pec.ristoworld.net groups/ristoworld Editore Pubblicazione Associazione Culturale Ricreativa Ristoworld Italy Via Zia Lisa 153 95121 Catania Stampa & Distribuzione On-line in PDF sul sito www.ristoworld.org RistoNews Rivista Ufficiale di Ristoworld Italia lascia agli Autori degli articoli l’intera responsabilità dei loro testi. Gli Autori delle ricette dichiarano che le stesse sono da loro realizzate e rispondono personalmente in caso di plagio o altro reato legato alle opere d’ingegno. Il grado di difficoltà espresso in testa alla ricetta segue la scala da 1 a 5. Ristoworld Italy assicura che i dati personali, in suo possesso, vengono trattati con tutta la riservatezza prevista dalla legge 196 del 2003 e ulteriori modifiche, garantendo che, su richiesta, i dati personali potranno essere rettificati oppure cancellati. Cucina Gluten Free a Gela Secondo Concorso Expo 2015 Ecco il Made in Italy Le Firme di questo numero. Grazie a: Andrea Finocchiaro, @marshpr, Salvatore Pizzo, Mikele Art, Titti Dell’Erba, Fabiana Navanzino, Mario Navanzino, Eugenio Piazza, Leonardo Massaro, Federica Sacco, Alessandro Dirienzo, Lorenzo Lacriola, Francesca Gigante, Stefano Ferro, Enrico Rapacciuolo, Mario Santamaria, Roberto Trimarchi, Maria Piazza, Rosa Cinque, Giovanni Fortugno, Michele Lepre, Tano Simonato, Stefano Borrelli, Ufficio Stampa Expo, Ufficio Stampa Caltagirone, Change.org Immagini e foto provengono da archivi privati e dal web Autorizzazione del Tribunale di Catania N. 02 del 2012 Bomboniere? Scelte di Gusto Tano Simonato A cena con lo Stellato Chiuso in redazione il 10 Aprile 2015 2

[close]

p. 3

EDITORIALE O rmai se ne parla da mesi e mesi del grande progetto Expo: l’Italia, finalmente, il 1 maggio ha dato vita alla piattaforma più grande del mondo dedicata all’alimentazione mondiale. Diversi padiglioni ospitano tutti gli stati che con le loro culture e le loro prelibatezze si affacciano verso altre realtà planetarie per far riscoprire le loro tradizioni. Sei mesi ricchi di eventi e show cooking dove tutti gli chef si esibiscono su di un grande palcoscenico mondiale portando a tavola i piatti delle loro tradizioni territoriali. Ristoworld Italy è presente, tra l’altro, ad Expo con un grande progetto in collaborazione con Tracce per la Meta, Casa Artistica Milanese ed i Navigli per la pubblicazione di un libro dedicato a favole e ricette rivolte a mamme e bambini: obiettivo è quello della educazione ad una sana e corretta alimentazione. Importante messaggio è quello di utilizzare prodotti sani e genuini che la nostra terra ci offre; inoltre la sana educazione alimentare da introdurre nelle scuole primarie e secondarie quali fonte di cultura e regime di vita è un messaggio assoluta- mente da passare e diffondere. Sperando che questo Expo 2015 porti un sano cambiamento ai nostri stili di vita, non resta che aspettare a bocca aperta questo grande scenario alimentare. Andrea Finocchiaro Presidente Ristoworld Italy 3

[close]

p. 4

CONTRAPPUNTI DI MARSH In nome del Dio Denaro O Marcello Proietto di Silvestro * C i stanno avvelenando, piano piano, in silenzio, ma ci stanno avvelenando. Sistematicamente. Nell’indifferenza più totale alimenti nocivi come l’olio di palma continuano ad essere utilizzati nella preparazione di cibi, molti dei quali dedicati ai più piccoli. Ristoworld Italy ha lanciato una campagna per la raccolta firme contro l’utilizzo dell’olio di palma. Ma ci vorrebbe una legge ad hoc (che non arriverà mai)…. * Direttore Responsabile rmai non c’è più alcuna giustificazione che tenga: continuare ad assumere cibi che contengono olio di palma è una scelta che porta a conseguenze gravi per la salute. L’ulteriore conferma arriva da uno studio italiano: l’olio di palma – dicono le Università di Bari, Padova e Pisa, in collaborazione con la Società Italiana di Diabetologia - è in grado di distruggere le cellule del pancreas che producono l’insulina. Conseguenza: l’olio di palma provoca danni irreversibili, tra questi – oltre ai già dimostrati danni a carico del sistema cardiovascolare - il diabete mellito. E assumere - anche inconsapevolmente – grandi quantità di questo grasso saturo non è poi così difficile. 4 Soprattutto per i bambini. L’olio di palma è infatti contenuto in molti prodotti della prima colazione, biscotti ( a n c he quelli della prima infanzia) e merendine. Nello studio portato avanti da Francesco Giorgino, professore dell’Università di Bari e coordinatore della ricerca, emerge che l’olio di palma agisce direttamente sulle cellule beta, distruggendole. Di qui la produzione inadeguata di insulina. Sotto la lente una proteina la p66Shc - contenuta tra l’altro anche se in quantità minore anche nel burro e nei formaggi. "La proteina p66Shc – ha spiegato il professor G i o r g i n o all’Adnkronos - è invece un potente induttore di stress ossidativo a livello cellulare. Agisce promuovendo la formazione di specie reattive dell’ossigeno, che sono in grado di danneggiare e uccidere le cellule. E funge anche da amplificatore di altri fattori in grado di promuovere lo stress ossidativo, quali l’iper glicemia nel diabete e un aumento della produzione di fattori coinvolti nell’infiammazion e”. Ed è questo so lo l’ultimo capitolo della lunga disputa sull’olio di palma che ha coinvolto anche le più importanti associazioni impegnate nella difesa dell’ambiente, dal WWF a Greenpeace. Anche perché l’olio di palma non è solo dannoso per la salute, ma pure per l’ambien te. huffingtonpost.it

[close]

p. 5

ANTEPRIME DI GUSTO 5

[close]

p. 6

ANTEPRIME DI GUSTO Official Partner 6

[close]

p. 7

ANTEPRIME DI GUSTO I l prossimo 13 maggio, Villa Fabrizio a Gela ospiterà il 2° Concorso Regionale Cucina Gluten Free e poi Cucina Fredda, Pasticceria, Artistico (Panificatori, Sculture Artistiche) e Cake Design dal tema Fashion Glamour. L’iniziativa, organizzata dallo chef Salvatore Pizzo, direttore dell’evento, in collaborazione con Ristoworld Italy, associazione culturale di Catania che annovera cuochi, ristoratori e quanti hanno a che fare con la ristorazione ed il Made in Italy, il Comune di Gela, Associazione Italiana Celiachia, Word Gluten Free Chef Academy, Gotha del Gusto e numerosi sponsor tecnici privati, registrerà la partecipazione di ospiti di caratura nazionale che hanno già dato conferma. Saranno presenti tra gli altri, Stefan di Montenegro e Macedonia, il pastry chef Alfonso Barone vicecampione del mondo pasticceria Glu- ten Free (che terrà una lezione pratica sulla pasticceria gluten free), Jack Bruno, icona della cucina mediterranea, Francesco Favorito, fo ndato r e de lla World Gluten Free Chef Academy, Elisa Piccioli, campionessa mondiale di cucina Gluten Free, e poi ancora i maestri Salvatore Cappello, Ezio D’Alia, Lillo De Fraia, Andrea Finocchiaro (presidente Ristoworld Italy), Peppe Leotta (presidente regionale Conpait), Mario Consentino, già responsabile Fic Agrigento, rappresentanti dell’Associa zione Italiana Celiachia, personalità del mondo politico e istituzionale. Personaggi dunque di grande spessore umano e professionale che rappresentano l’eccellenza nel campo della cucina, della pasticceria e della salvaguardia del gusto, senza di7 menticare quanti si trovano in situazioni di disagio a causa di patologie e intolleranze di vario genere. Il concorso ha un tema di estrema attualità e nel corso della giornata sarà approfondita, su più aspetti, la discussione sulla celiachia, una intolleranza permanente al glutine che viene sempre più spesso diagnosticata anche in età adulta o avanzata. Uno degli obiettivi prioritari della giornata in calendario è quello di permettere alle persone affette da celiachia di vivere la propria vita in modo sereno e consapevole senza privarsi del piacere

[close]

p. 8

ANTEPRIME DI GUSTO della buona tavola. I lavori avranno inizio alle ore 9,30 con l’accreditamento dei partecipanti, la nomina delle giurie, l’esposizione dei piatti, il lunch buffet intorno alle 14 e nel pomeriggio, a partire dalle 16 e 30, una dimostrazione pratica di pasticceria Gluten Free; successivamente il passaggio della giuria e un momento di confronto media. Intorno alle 20 il dinner buffet di gala e la premiazione con la consegna di attestati e riconoscimenti anche da parte di altre realtà associative, quale ad esempio quello di Custode dell’ identità Locale dell’Uni versità Rurale Saper& Sapor Onlus. I regolamenti per le diverse categorie e le modalità di partecipazione possono essere richiesti alla mail salvatorepizzo@tiscali.it (3402651175). «Questa seconda edizione del concorso – commenta lo chef Salvatore Pizzo impegnato ormai da anni professionalmente sul fronte Gluten Free – ha varcato i confini regionali e quest’anno avremo partecipanti anche da altre regioni italiane ed ospiti di rilevo internazionale. Sul tema della celiachia i riflettori sono puntati da tempo e il fatto che si realizzano giornate di studio e confronto diventa una occasione utile per dare certezze sia a quanti fanno i conti ogni giorno con questo disagio sia ai professionisti della ristorazione che, conoscendo la problematica, possono operare al meglio, salvaguardando la salute e anche il di8 ritto al…gusto!». A moderare i lavori della giornata Marcello Proietto di Silvestro, direttore responsabile Ristonews Ristoworld, con la presenza, tra gli altri, anche di Titti Dell’Erba, Responsabile Puglia ed Event Relation Ristoworld Italy nonché firma storica di Ristonews, e il giornalista Giuseppe Stimolo, premio Ofelia 2014 per la sua attività pubblicistica sul fronte del cibo e dell’alimentazione.

[close]

p. 9

ANTEPRIME DI GUSTO 9

[close]

p. 10

EXPO 2015 E ’ con il volo spettacolare delle Frecce Tricolore sul sito di Expo Milano 2015 che è iniziata ufficialmente l’Esposizione Universale. La cerimonia di inaugurazione, che si è tenuta all’Open Air Theatre, si è aperta con il saluto del Commissario Unico Delegato del Governo per Expo Milano 2015, Giuseppe Sala: “Ringrazio tutti coloro che hanno sostenuto l’Esposizione Universale, a cominciare da Emma Bonino, Ermanno Olmi, Carlin Petrini, Salvatore Veca, Giorgio Armani e Andrea Bocelli. Ma soprattutto - ha aggiunto Sala - se siamo qui lo dobbiamo a chi ha lavorato alla costruzione del sito espositivo. Expo 2015 non è figlia di un miracolo italiano, ma di una devozione che pochi sanno esprimere ed è bello che parte rilevante della progettazione e della realizzazione si debba a una squadra di giovani”. Presente il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia, che 10 ha spiegato: “Non è più accettabile che 800 milioni di persone nel mondo soffrano la fame mentre altre sono obese, non è più accettabile un mondo in cui foreste e mari sono sfruttati in maniera indiscriminata. E’ questo il messaggio che deve partire da Milano. La città offre tutta se stessa per Expo, la sua arte, la sua storia, la solidarietà e il sorriso”.

[close]

p. 11

EXPO 2015 Anche il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni ha dato il proprio benvenuto alle delegazioni dei Paesi Partecipanti: “Sono onorato e fiero di rappresentare la regione che ospita l'Expo: una terra operosa e di cultura, scrigno di tesori artistici e naturali. Benvenuti nella prima regione agricola d'Italia, terra di innovazione e di ricerca, di lunga tradizione industriale. Questa Esposizione Universale - ha spiegato - è già un successo: lo dicono i numeri dei partecipanti, dei biglietti venduti, dei visitatori in arrivo da tutto il mondo. Ma, ancor più, ce lo testimonia l'interesse suscitato ovunque, in Italia e all'estero, dal tema”. Sulle sfide racchiuse in “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” si è soffermato inoltre il Presidente del Bureau International des Expositions (BIE) Ferdinand Nagy: “Per i prossimi sei mesi, Expo diventerà il centro del mondo. Milano - ha proseguito Nagy - sarà conosciuta non solo come centro finanziario industriale, per la cultura e il design”. Attesi milioni di visitatori da tutto il mondo per l’evento che consacra il Made in Italy 11

[close]

p. 12

EXPO 2015 Tutto il mondo guarda Milano e l’Italia... Expo è anche questo! In collegamento video, in diretta, dalla Città del Vaticano, Sua Santi- tà Papa Francesco ha spiegato: “Sono grato per la possibilità di unire la mia voce a chi è convenuto a Expo. Gesù ci ha insegnato a pregare dicendo ‘Signore, dacci oggi il nostro pane quotidiano’. Expo è l’occasione per globalizzare solidarietà, cerchiamo di non sprecarla, ma di valorizzarla pienamente. Affinché non resti solo un tema, è necessario che sia accompagnato dalla coscienza dei volti dei molti che hanno fame, di quelli che oggi 12 non mangeranno in modo degno di un essere umano”. Forte emozione ha suscitato la consegna della bandiera tricolore all’Arma dei Carabinieri da parte di cinque lavoratori di Expo Milano 2015 di diverse nazionalità, in rappresentanza delle migliaia di operai impegnati in questi mesi sul sito espositivo. Il Coro delle voci bianche di Milano insieme al Coro del corpo degli Alpini hanno poi eseguito l’inno nazionale italiano modificando l’ultimo verso del testo. Al posto della tradizionale conclusione “siam pronti alla morte l'Italia chiamò” i bambini hanno cantato “siam pronti alla vita, l'Italia chiamò”.

[close]

p. 13

EXPO 2015 Tutte le Regioni d’Italia a proporre il meglio della produzione locale E proprio dall’inno di Mameli eseguito in tale versione ha preso spunto il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, intervenuto alla cerimonia: “L’Italia s’è desta e siam pronti alla vita. Dimostriamo con l'Expo che l'Italia è orgogliosa delle sue radici, delle sue tradizioni. Il nostro vertiginoso passato ci invita a costruire e non soltanto a ricordare. Venite a scoprire che sa- pore ha l'Expo dell'Italia. Non è ancora una scommessa vinta, abbiamo sei mesi per vincerla. Oggi – ha proseguito il premier - inizia il domani, Expo sia innanzitutto uno spazio di libertà, un momento di confronto per le nuove generazioni, dimostriamo che l'Italia è orgogliosa delle proprie radici e tradizioni, ma la pagina più bella dobbiamo ancora scriverla tutti in- sieme”. Dopo aver sottoscritto la Carta di Milano, Matteo Renzi ha, infine, dichiarato ufficialmente aperta Expo Milano 2015. Tra le autorità politiche che hanno partecipato all’evento, in platea anche l'ex Capo dello Stato Giorgio Napolitano, il Ministro degli Interni Angelino Alfano, il Ministro degli Affari Esteri Paolo Gentiloni, il Ministro della Difesa Roberta Pinotti, il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina e il Ministro delle Infrastrutture Gra ziano Delrio. Ufficio Stampa Expo 13

[close]

p. 14

EXPO 2015 Otto grandi della cucina italiana 'ambasciatori' di Expo: Carlo Gli Chef Ambassador di Expo e la scommessa per una alimentazione sempre più salutare. Ingredienti particolari così come particolare è ognuno dei professionisti scelti come testimonial dell’evento Cracco, Davide Oldani, Ugo Alciati, Enrico Bartolini, Cesare Battisti, Ernst ualtiero Marchesi il famoso chef miKnam, Morelanese conosciuto e apprezzato in no Cedroni e tutto il mondo, entra a far parte della Pietro Lee- squadra degli Chef Ambassador di Expo mann si sono Milano 2015. Le sue creazioni culinarie G messi in gioco interpretando il tema dell'esposizione attraverso un ingrediente della loro cucina. Si spazia dall'uovo (Cracco) allo zafferano (Oldani), dal latte (Alciati) alla melanzana (Bartolini), dal riso (Battisti) al cacao (Knam), dall'o lio extravergine d'oliva (Cedro ni) al grano saraceno (Leemann). daranno un tocco di classe e qualità ad un evento che fa dell’alimentazione sana e consapevole il suo punto di forza. In occasione del suo ottantacinquesimo compleanno, Marchesi dimostra di credere fermamente in questa straordinaria avventura. “Expo è una grande occasione per dimostrare quello che possiamo fare. Sottolineo ‘possiamo’, perché basta che questo Paese lo voglia ed è capace di superare qualsiasi ostacolo. Solo così ritroveremo l’Italia che si fa rispettare”. È significativo il prodotto scelto dal Maestro per rappresentare la sua cucina: “Io amo il grano e lo scelgo come emblema, perché appartiene alla prima grande rivoluzione umana, quella neolitica”. 14

[close]

p. 15

EXPO 2015 15

[close]

Comments

no comments yet