Prescrizioni tecniche e garanzie per la realizzazione della nuova segnaletica stradale.

 

Embed or link this publication

Description

Prescrizioni tecniche e garanzie per la realizzazione della nuova segnaletica stradale.

Popular Pages


p. 1

PRESCRIZIONI TECNICHE E GARANZIE per la realizzazione della nuova segnaletica stradale Nuovo Codice della Strada (Regolamento di esecuzione) I NUOVI SUPPORTI PER SEGNALETICA STRADALE a norma europea UNI EN 12899-1:2008

[close]

p. 2

Regolamento di esecuzione Art.80 SEGNALETICA E SICUREZZA STRADALE Art.80 (Art.39 Cod. Str.) (Dimensione e formati dei segnali verticali) (con cornice perimetrale bianca - Circ. Min. LL.PP. n° 1515 del 20.09.1981) Decreto Ministeriale 27 Aprile 1990 n° 156 D.P.R. 16 Dicembre 1992 n° 495 e norme regolamentari modificate con D.P.R. 16.09.1996 n° 610 - misure in centimetri Tutti i segnali vengono consigliati in materiale “CG10” o “VTR” garantiti 10 anni come da bozza di garanzia rilasciata e depositata presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dal costruttore ART.1 - MISURE E FORMATI Realizzato a cura di: Centro Studi e Ricerche “Segnaletica e Sicurezza Stradale” - 3G - Italia - S. Sabina - 06132 San Sisto - PG - Tel. 075 5272405 Fax 0755279884 www.3gsegnaletica.it - 3g@3gsegnaletica.it 4 semilavorati, pellicole, caratteristiche e componenti richiesti dal nuovo C.d.S.

[close]

p. 3

Regolamento di esecuzione Art.80 Art.80 (Art.39 Cod. Str.) (Dimensione e formati dei segnali verticali) SEGNALETICA E SICUREZZA STRADALE (con cornice perimetrale bianca - Circ. Min. LL.PP. n° 1515 del 20.09.1981) Decreto Ministeriale 27 Aprile 1990 n° 156 D.P.R. 16 Dicembre 1992 n° 495 e norme regolamentari modificate con D.P.R. 16.09.1996 n° 610 - misure in centimetri Tutti i segnali vengono consigliati in materiale “CG10” o “VTR” garantiti 10 anni come da bozza di garanzia rilasciata e depositata presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dal costruttore H A H A E B E B F F E B E B F F D D H B H D C B D C L L R1 G R2 R2 D P G D F P H E M R3 M N H E G R3 M L S L L S N Realizzato a cura di: Centro Studi e Ricerche “Segnaletica e Sicurezza Stradale” - 3G - Italia - S. Sabina - 06132 San Sisto - PG - Tel. 075 5272405 Fax 0755279884 www.3gsegnaletica.it - 3g@3gsegnaletica.it semilavorati, pellicole, caratteristiche e componenti richiesti dal nuovo C.d.S. 5

[close]

p. 4



[close]

p. 5



[close]

p. 6

Regolamento di esecuzione Art.82 SEGNALETICA E SICUREZZA STRADALE Art.82 (Art.39 Cod. Str.) (Caratteristiche dei supporti e materiali usati per la segnaletica stradale) I NUOVI SEGNALI STRADALI A NORMA EUROPEA UNI EN 12899-1:2008 “CE” ART.2 - CARATTERISTICHE E PRESCRIZIONI TECNICHE 1) SUPPORTI A NORMATIVA EUROPEA UNI EN 12899-1:2008 attestati “CE” (Segnaletica verticale permanente per il traffico stradale - segnali permanenti). La gamma dei materiali da impiegare per la realizzazione della segnaletica stradale a norma europea UNI EN 12899-1:2008 certificati “CE” , sono quattro: CG10 - ALLUMINIO - VTR - LAMIERA Premesso che tutti i segnali devono essere perfettamente conformi a quanto stabilito dal Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada, il CG10 è l’alternativa ai segnali prodotti in alluminio essendo passibili di furti dato il materiale pregiato e ricercato per commercio illegale, mentre il VTR è il miglioramento tangibile della lamiera in quanto non subisce l’erosione dei danni atmosferici, in particolar modo la ruggine ed il danneggiamento da atti vandalici. a) i substrati per indicatori segnaletici retroriflettenti devono essere realizzati mediante stampaggio con materiale composito di resine a basso contenuto di leghe e rinforzati con fibre di vetro, denominati “CG10” garantiti 10 anni, con elevata deformabilità e resistenti agli atti vandalici e dalla corrosione anche in ambiente marino, dovranno essere certificati “CE” , approvati ed autorizzati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (vita utile di esercizio illimitata); Segnale in “CG10” completo di sistema di attacco e tappo di chiusura, certificato “CE” approvato ed autorizzato dal Ministero di cui alla norma europea EN 12899-1:2008 “CG10” a norma Europea EN 12899-1:2008, attestati “CE” , non è plastica, ma un composito a basso contenuto di leghe, è garantito 10 anni e riutilizzabile applicando nuove pellicole dopo la loro vita utile. Realizzato a cura di: Centro Studi e Ricerche “Segnaletica e Sicurezza Stradale” - 3G - Italia - S. Sabina - 06132 San Sisto - PG - Tel. 075 5272405 Fax 0755279884 www.3gsegnaletica.it - 3g@3gsegnaletica.it 8 semilavorati, pellicole, caratteristiche e componenti richiesti dal nuovo C.d.S.

[close]

p. 7

Regolamento di esecuzione Art.82 Art.82 (Art.39 Cod. Str.) (Caratteristiche dei supporti e materiali usati per la segnaletica stradale) SEGNALETICA E SICUREZZA STRADALE b) gli stessi possono essere realizzati anche in lamiera di alluminio con un titolo di purezza non inferiore al 99,5% ed uno stato di cottura semicrudo; dovranno essere certificati “CE” (vita utile di esercizio 7 anni escluse zone marine); Segnale in alluminio completo di sistema di attacco e tappo di chiusura certificato “CE” EN 12899-1:2008 c) gli stessi, vista la loro poca vita utile di esercizio, possono essere realizzati, dietro l’autorizzazione dell’Ente proprietario della strada, della direzione lavori e/o responsabile del procedimento, anche in lamiera di ferro tipo FEP01 per stampaggio secondo le norme UNI 152; dovranno essere certificati “CE” (vita utile di esercizio 18 mesi escluso zone marine); Segnale in lamiera completo di sistema di attacco e tappo di chiusura certificato “CE” EN 12899-1:2008 d) gli stessi possono essere realizzati anche in materiale composito “VTR” per la loro opposizione alla corrosione anche in ambiente marino, elevata deformabilità e consistente resistenza meccanica, garantiti 10 anni, e dovranno essere certificati “CE” , approvati ed autorizzati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (vita utile di esercizio illimitata). Segnale in “VTR” completo di sistema di attacchi e tappi di chiusura certificato “CE” EN 12899-1:2008 Segnale in “VTR” completo di attacco con bottone certificato “CE” EN 12899-1:2008 Realizzato a cura di: Centro Studi e Ricerche “Segnaletica e Sicurezza Stradale” - 3G - Italia - S. Sabina - 06132 San Sisto - PG - Tel. 075 5272405 Fax 0755279884 www.3gsegnaletica.it - 3g@3gsegnaletica.it semilavorati, pellicole, caratteristiche e componenti richiesti dal nuovo C.d.S. 9

[close]

p. 8

Regolamento di esecuzione Art.82 SEGNALETICA E SICUREZZA STRADALE Art.82 (Art.39 Cod. Str.) (Caratteristiche dei supporti e materiali usati per la segnaletica stradale) 2) FINITURA E COMPOSIZIONE DELLA FACCIA ANTERIORE DEL SEGNALE a) la superficie anteriore dei supporti in composito di resine e/o metallici sono finiti con l’applicazione sull’intera faccia a vista delle pellicole retroriflettenti di classe 1, classe 2 e classe 2 superiore microprismatica secondo quanto prescritto per ciascun tipo di segnale dall’art.79 - comma 11-12 del D.P.R. 16/12/1992 nr.495, come modificato dal D.P.R. 16/09/1996 nr.610. Sui triangoli e dischi della segnaletica di pericolo, divieto e obbligo, la pellicola retroriflettente è costituita da un rivestimento senza soluzione di continuità su tutta la faccia utile del cartello, nome convenzionale “a pezzo unico” , intendendo definire con questa denominazione un pezzo intero di pellicola sagomato secondo la forma del segnale, stampato mediante metodo serigrafico con speciali paste trasparenti per le parti colorate e nere opache per i simboli. Le pellicole retroriflettenti sono lavorate ed applicate sui supporti mediante le apparecchiature previste dall’art.194 - comma 1 - D.P.R. 16/12/1992 nr. 495 come modificato dal D.P.R. 16/09/1996 nr.610. L’applicazione sarà comunque eseguita a perfetta regola d’arte secondo le prescrizioni delle ditte produttrici. 3) PELLICOLE RETRORIFLETTENTI a) le pellicole retroriflettenti usate hanno le caratteristiche colorimetriche, fotometriche, tecnologiche e di durata previste dal disciplinare tecnico approvato dal Ministero dei LL.PP con decreto del 31/03/1995 e sono prodotte da ditte in possesso del sistema di qualità in base alle norme europee della serie UNI EN 29000 b) le pellicole retroriflettenti usate di classe 1 e classe 2 saranno certificate CE secondo la norma europea EN 128991:2007. Le pellicole microprismatiche dovranno essere certificate CE a seguito del relativo Benestare Tecnico Europeo (ETA) secondo il documento CUAP 2002 c) la scelta delle pellicole retroriflettenti da usare, deve essere effettuata dall’Ente proprietario della strada Art. 79 (Art. 39 Cod. Str.) comma 11. Realizzato a cura di: Centro Studi e Ricerche “Segnaletica e Sicurezza Stradale” - 3G - Italia - S. Sabina - 06132 San Sisto - PG - Tel. 075 5272405 Fax 0755279884 www.3gsegnaletica.it - 3g@3gsegnaletica.it 10 semilavorati, pellicole, caratteristiche e componenti richiesti dal nuovo C.d.S.

[close]

p. 9

Regolamento di esecuzione Art.78-79 Art.78 e 79 (Art.39 Cod. Str.) (Colori e visibilità dei segnali verticali) SEGNALETICA E SICUREZZA STRADALE DEFINIZIONI - Pellicole di classe 1 - a normale risposta luminosa - Pellicole di classe 2 - ad alta luminosità - Pellicole di classe 2 superiore - microprismatica 4) RETRO DEI SEGNALI il retro dei segnali è di colore neutro opaco, su esso, oltre la marcatura “CE” , devono essere chiaramente indicati l’ Amministrazione o l’Ente proprietario della strada, la ditta fabbricante il segnale e l’anno di fabbricazione, nonché gli estremi dell’ordinanza; si tratta di disposizione importante, che però, frequentemente non è osservata da parte degli Enti proprietari di strade, sicché capita di imbattersi in segnaletiche irregolari che, in quanto tali, non sono capaci di spiegare i propri effetti come ritenuto dai giudici. a) sui supporti in lamiera, quanto sopra, viene serigrafato con vernici, pertanto non indelebili, correndo il rischio che il segnale diventi irregolare. “Eventuale cancellazione scritta con elevato rischio di segnale irregolare” Realizzato a cura di: Centro Studi e Ricerche “Segnaletica e Sicurezza Stradale” - 3G - Italia - S. Sabina - 06132 San Sisto - PG - Tel. 075 5272405 Fax 0755279884 www.3gsegnaletica.it - 3g@3gsegnaletica.it semilavorati, pellicole, caratteristiche e componenti richiesti dal nuovo C.d.S. 11

[close]

p. 10

Regolamento di esecuzione Art.77 SEGNALETICA E SICUREZZA STRADALE Art.77 (Art.39 Cod. Str.) (Norme generali sui segnali verticali) b) solo sui supporti in composito di resine “CG10” - “VTR” e “ALLUMINIO” è possibile che mese e anno di fabbricazione, marcatura “CE” , approvazione ministeriale, nome dell’Ente proprietario della strada e gli estremi dell’ordinanza numero e data si possono ottenere incise, quindi indelebili. N.B.: E’ un Vostro diritto ma soprattutto un Vostro preciso dovere richiedere le scritte nei retrosegnali (meglio se incise) per renderli sempre e comunque a norma, ed avere la garanzia del prodotto acquistato. 5) INDIVIDUAZIONE SUPPORTI A NORMA EUROPEA UNI EN 12899-1:2008 IN COMPOSITO “CG10” e in “VTR” garantiti 10 ANNI come da bozza di garanzia rilasciata dal fabbricante al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a) il produttore dei supporti segnaletici in composito di resine rispondente ai requisiti di cui all’Art. 82 (art. 39 Cod. Str.) a norma europeaa UNI EN 12899-1:2008, dovrà provvedere a renderli riconoscibili a vista mediante il logotipo del fabbricante, la data con mese ed anno di fabbricazione e marcatura “CE” impressa sul retro del segnale indelebilmente stampata a caldo, oppure incisa. I fabbricanti dei segnali stradali dovranno curare, e gli enti acquirenti accertarsi che su ogni segnale sia impresso indelebilmente o inciso il contrassegno di cui sopra. Decadrà ogni tipo di garanzia se il segnale è sprovvisto di tale marcatura. Le analisi e prove da eseguire sui materiali così come previste potranno avere luogo solo previo accertamento della presenza del marchio, nome del fabbricante e data. 6) GARANZIE SUPPORTI a) La Ditta aggiudicataria la fornitura, dovrà garantire la perfetta conservazione della segnaletica verticale, sia con riferimento alla sua costruzione sia in relazione ai materiali utilizzati, per tutto il periodo di vita utile secondo quanto specificato ai punti 2.1 e 2.2 del disciplinare tecnico sui livelli di qualità delle pellicole retroriflettenti approvato con D.M. del Ministero dei LL.PP. e garantire i propri supporti per la durata minima di anni 10 contro: nebbie saline, corrosione, aggressione di ruggine al pari delle pellicole usate, e che tutti i segnali sono fabbricati in conformità alle specifiche tecniche dichiarate altresì idonei allo scopo cui sono normalmente destinati, certificati e/o approvati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. b) VALIDITA’ E GARANZIE DEI SEGNALI Il fabbricante dei segnali, dovrà sostituire i prodotti risultati difettosi (come da bozza di garanzia rilasciata al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti), entro e non oltre 30 gg. dal ricevimento della sottostante documentazione: a) l’Ente dovrà essere in possesso del certificato Ministeriale in copia autenticata rilasciata dal fabbricante dei segnali (capitolo II - Art. 1 del nuovo Capitolato speciale d’appalto) b) copia della fattura di acquisto. c) i segnali dovranno essere individuati come da art. 2 comma 4 e 5 capitolo II del capitolato speciale d’appalto. d) la sostituzione dovrà essere effettuata con le stesse identiche simbologie e misure del segnale reso. Realizzato a cura di: Centro Studi e Ricerche “Segnaletica e Sicurezza Stradale” - 3G - Italia - S. Sabina - 06132 San Sisto - PG - Tel. 075 5272405 Fax 0755279884 www.3gsegnaletica.it - 3g@3gsegnaletica.it 12 semilavorati, pellicole, caratteristiche e componenti richiesti dal nuovo C.d.S.

[close]

p. 11

Regolamento di esecuzione Art.82 Art.82 (Art.39 Cod. Str.) (Caratteristiche dei supporti e materiali usati per la segnaletica stradale) SEGNALETICA E SICUREZZA STRADALE 7) “CG10” e “VTR” SUPPORTI INNOVATIVI CONSIGLIATI i segnali suggeriti in materiale composito “CG10” o “VTR” costituiscono l’alternativa ed il perfezionamento ai supporti metallici che risultano sempre più arrugginiti, ossidati e danneggiati da atti vandalici; questi prodotti innovativi, approvati dal Ministero e certificati “CE” , hanno molti motivi per essere preferiti e per questo consigliati. Estremamente leggeri e maneggevoli Non necessitano di verniciatura Indeformabili Coperti da garanzia decennale Resistenti alle basse e alte temperature - 80° + 110° Elevatissima resistenza meccanica Riciclabili Economicamente vantaggiosi Dielettrici e isolanti Resistenti alla nebbia salina ed all’aggressione di ruggine Dopo la loro vita utile sono addirittura riutilizzabili applicando nuove pellicole Attestati CE ed autorizzati dal Ministero ai sensi della norma UNI EN 12899-1:2008 a) NON ABBIATE PAURA DELLE INNOVAZIONI I nuovi supporti segnaletici “CG10” e “VTR” come da ultima normativa sono approvati ed autorizzati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, certificati a norma europea UNI EN 12899-1:2008, durano molto di più, sono riutilizzabili applicando nuove pellicole dopo la scadenza della loro vita utile, coperti da garanzia addirittura anche contro atti vandalici. Con un costo minore, a parità di durata in esercizio, non sono l’alternativa ma il perfezionamento ai segnali metallici che sempre più risultano ossidati, arrugginiti e danneggiati da atti vandalici. ART.3 - ACCESSORI PER SEGNALETICA STRADALE SOSTEGNI A PALO ART. 82 (Art. 39 Cod. Str.) i sostegni per i segnali verticali, dovranno essere in acciaio tubolare diametro 76 e/o 60 e/o 48 mm., rispettivamente spessore mm. 2,4 e, previo decappaggio del grezzo, dovranno essere zincati a caldo secondo le norme UNI 5101, muniti di dispositivo antirotazione del segnale rispetto al sostegno, tappi o terminali di chiusura. TAPPI E TERMINALI PER PALI TUBOLARI In alternativa ai tappi in plastica per pali tubolari in acciaio, l’Ente proprietario della strada e/o la direzione lavori potrà richiedere al fornitore terminali in resina colori a scelta RAL per pali del diametro mm. 60 e mm. 76 con linea innovativa ed elegante, gli stessi che saranno usati nelle colonnine, dissuasori e barriere di sicurezza individuando quelle più confacenti alle singole necessità, purché rispettino le tradizioni locali ed integrate con l'ambiente urbano. Moderna Marinara Medioevale Etrusca RAL 5010 RAL 1023 RAL 3020 RAL 9005 RAL 9010 RAL 8017 RAL 6005 RAL 3003 grigio anticato Realizzato a cura di: Centro Studi e Ricerche “Segnaletica e Sicurezza Stradale” - 3G - Italia - S. Sabina - 06132 San Sisto - PG - Tel. 075 5272405 Fax 0755279884 www.3gsegnaletica.it - 3g@3gsegnaletica.it semilavorati, pellicole, caratteristiche e componenti richiesti dal nuovo C.d.S. 13

[close]

p. 12

Regolamento di esecuzione Art.82 SEGNALETICA E SICUREZZA STRADALE Art.82 (Art.39 Cod. Str.) (Caratteristiche dei supporti e materiali usati per la segnaletica stradale) Tutti i segnali con marcatura “CE” in conformità alla norma UNI EN 12899-1, devono essere installati con le staffe certificate Sistema di fissaggio certificato “CE” UNI EN 12899-1 Certificate a norma “CE” UNI EN 12899-1 Realizzato a cura di: Centro Studi e Ricerche “Segnaletica e Sicurezza Stradale” - 3G - Italia - S. Sabina - 06132 San Sisto - PG - Tel. 075 5272405 Fax 0755279884 www.3gsegnaletica.it - 3g@3gsegnaletica.it 14 semilavorati, pellicole, caratteristiche e componenti richiesti dal nuovo C.d.S.

[close]

p. 13

Regolamento di esecuzione Art.82 Art.82 (Art.39 Cod. Str.) (Caratteristiche dei supporti e materiali usati per la segnaletica stradale) SEGNALETICA E SICUREZZA STRADALE STAFFE DI AGGANCIO Tutte le staffe di aggancio dovranno essere realizzate in acciaio, zincate previo decappaggio del grezzo. Sistema di aggancio certificato: staffa antiflessione più staffa a ponte Ø 60 e Ø 48 staffa antiflessione obbligatoria su ogni attacco segnale per un miglior e duraturo fissaggio certificata “CE” UNI EN 12899-1 staffa a ponte diametro 60 e 48 mm. certificata “CE” UNI EN 12899-1 staffa per segnali bifacciali diametro 60 e 48 mm. Moderna Marinara staffa per pali ad “U” e mensole a muro Medioevale Etrusca staffa per pali controvento staffa a doppio collare per pali diametro 48 - 60 - 90 Tappi terminali per: - pali tubolari; - paletti dissuasori; - barriere di sicurezza viti e grani speciali per qualsiasi staffa di fissaggio BAND-IT utensile mensola a muro MENSOLA A MURO RICHIUDIBILE A MOLLA Fornitura di mensole a muro universali richiudibili realizzate in ferro tubolare 40 x 40 mm, dispositivo di snodo a molla per un eventuale abbattimento del segnale. BASI MOBILI le basi mobili dovranno essere realizzate in tondino di ferro nervato diametro 12 o ferro piatto 40 x 4, zincate o verniciate a forma esagonale o circolare, predisposte per inserimento di pali tubolari diametro 60 e 48 mm. Realizzato a cura di: Centro Studi e Ricerche “Segnaletica e Sicurezza Stradale” - 3G - Italia - S. Sabina - 06132 San Sisto - PG - Tel. 075 5272405 Fax 0755279884 www.3gsegnaletica.it - 3g@3gsegnaletica.it semilavorati, pellicole, caratteristiche e componenti richiesti dal nuovo C.d.S. 15

[close]

p. 14

Regolamento di esecuzione Art.178 SEGNALETICA E SICUREZZA STRADALE Art.178 (Art.42 Cod. Str.) (Elementi prefabbricati per salvagenti pedonali e delimitatori di corsia) ART.4 - SALVAGENTI PEDONALI E DELIMITATORI DI CORSIA DELINEATORI DI CORSIA ART. 178 (Art. 42 Cod. Str.) 1) gli elementi in rilievo, da utilizzare principalmente in ambito urbano devono essere costituiti da manufatti di gomma in mescola SBR vergini di colore giallo, atto a resistere ad oli, grassi, benzina, incastro maschio-femmina a forma semicircolare, devono essere dotati di un solido sistema di fissaggio alla pavimentazione, con ferro di aggancio per collegamento elementi in modo da garantirne il distacco e lo spostamento per effetto delle sollecitazioni del traffico, inserti in laminato rifrangente per renderli maggiormente visibili. “Omologati” a) Post Mondial “EVA” a) dimensioni mm. 1000x250x10 completo di foro per alloggiamento delinetore cilindrico “Post Mondial” b) de.fle.co. “EVA” b) per permettere una più rapida sostituzione dei delineatori danneggiati, senza dover ricorrere alla rimozione dell’elemento, vengono consigliati gli stessi cordoli completi di alloggiamento superiore a slitta per l’inserimento del tradizionale de.fle.co. c) sia i delineatori cilindrici “Post Mondial” che i “de.fle.co.” devono essere realizzati con materiale in EVA e comunque garantiti a sollecitazioni meccaniche minimo 300 passaggi veicoli. N.B. l’Ente proprietario della strada e/o la direzione lavori potrà accettare qualsiasi tipo di delimitatore per forma e dimensioni diversi, purché omologati e, non privi del gancio di collegamento in ferro incorporato tra elemento ed elemento. RAMPA PASSACAVI VALICABILE 3) Realizzato in mescola di gomma naturale vulcanizzata, elastica ad alta resistenza, 3 scanalature di cui due 50x65 mm e una 50x55 mm per passaggio cavi nei cantieri o zone lavoro, fissaggio al suolo semplice posa, incastro di giunzione, chiusura tramite sportello a cerniera di colore giallo, dimensioni mm 900x80x600 a) come sopra senza chiusura sportello Realizzato a cura di: Centro Studi e Ricerche “Segnaletica e Sicurezza Stradale” - 3G - Italia - S. Sabina - 06132 San Sisto - PG - Tel. 075 5272405 Fax 0755279884 www.3gsegnaletica.it - 3g@3gsegnaletica.it 16 semilavorati, pellicole, caratteristiche e componenti richiesti dal nuovo C.d.S.

[close]

p. 15

Regolamento di esecuzione Art.179 Art.179 (Art.42 Cod. Str.) (Rallentatori di velocità) SEGNALETICA E SICUREZZA STRADALE ART.5 - RALLENTATORI DI VELOCITA’ RALLENTATORI VELOCITA’ ART. 179 (Art. 42 Cod. Str.) a) i dossi artificiali, devono essere realizzati in mescola di gomma vulcanizzata da settori componibili con due incastri M/F di congiunzione e allineamento, elemento intermedio di colore nero in gomma bugnata antiscivolo con inserti in laminato elastoplastico rifrangente giallo, devono essere dotati di un solido sistema di fissaggio. “omologati” RALLENTATORI DI VELOCITA’ MAX Km 50 n° 8 inserti in laminato elastoplastico rifrangente giallo, velocità Km 50, misure ht cm 3x48x60 con 4 fori per fissaggio. TERMINALE PER RALLENTATORE Km 50 misure ht cm 3x24x60 m) terminale maschio f) terminale femmina RALLENTATORI DI VELOCITA’ MAX Km 40 n° 6 inserti in laminato elastoplastico rifrangente giallo, velocità Km 40, misure ht cm 5x50x90 con 5 fori per fissaggio TERMINALE PER RALLENTATORE Km 40 misure ht cm 5x27x90 m) terminale maschio f) terminale femmina RALLENTATORI DI VELOCITA’ MAX Km 30 Realizzati in mescola di gomma naturale vulcanizzata, settori componibili con incastri M/F di congiunzione e allineamento, elemento intermedio di colore nero bugnato antisdrucciolo, n° 4 inserti in laminato elastoplastico rifrangente giallo, velocità Km 30, misura ht cm 7x50x60 con 4 fori per fissaggio m) terminale maschio f) terminale femmina TERMINALI PER RALLENTATORI Km 30 misura ht cm 7x30x60 m) terminale maschio f) terminale femmina Realizzato a cura di: Centro Studi e Ricerche “Segnaletica e Sicurezza Stradale” - 3G - Italia - S. Sabina - 06132 San Sisto - PG - Tel. 075 5272405 Fax 0755279884 www.3gsegnaletica.it - 3g@3gsegnaletica.it semilavorati, pellicole, caratteristiche e componenti richiesti dal nuovo C.d.S. 17

[close]

Comments

no comments yet