Compagnia della Corte / Bilancio Sociale 2013

 

Embed or link this publication

Description

Il Bilancio Sociale presenta, distinguendolo per ambiti di attività, tutto l’operato della cooperativa, realizzato nel 2013. Cerca di dar conto di tutte le questioni rilevanti per gli stakeholder. Nella presentazione dell’operato annuale, il Bilancio Soci

Popular Pages


p. 1

Bilancio Sociale 2013

[close]

p. 2

Compagnia della corte cooperativa sociale Onlus ! ! ! via Dei Mille 48 - 27100 PAVIA cod.fis. e p.iva: 01857410185 www.compagniadellacorte.com contatti: info@compagniadellacorte.com tel. 0382.574313

[close]

p. 3

Lettera del presidente agli Stakeholders Gentili Signori, per COMPAGNIA DELLA CORTE, il 2013 è stato il primo anno di una nuova vita. La trasformazione della forma sociale da cooperativa di lavoro in cooperativa sociale avvenuta alla fine del 2012, ci ha costretti a rivedere i nostri obiettivi e a chiederci quale sia la nostra vera identità. L’esserci accorti che l’attività fin qui condotta si è andata sempre più uniformando con l’attività propria di una cooperativa sociale, ci ha fatto capire che tutti questi anni di lavoro e di esperienza erano destinati a portarci a questa svolta. Il presente documento vuole dar conto di questa trasformazione, che è ancora in essere e che probabilmente richiederà alcuni esercizi per compiersi pienamente. Noi siamo qui, tutti insieme, per presentare il nostro lavoro e i nostri valori e per ascoltare, come è sempre stato, le critiche e le riflessioni di tutti coloro che vogliono condividere con noi un percorso difficile come, in questo periodo soprattutto, è quello della Cultura. Buona lettura e grazie Vittorio Renuzzi Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 3/20

[close]

p. 4

Premessa 
 Perché COMPAGNIA DELLA CORTE ha deciso di realizzare il bilancio sociale? Con la trasformazione di COMPAGNIA DELLA CORTE in cooperativa sociale, diventa necessario esplicitare lo spirito e le regole che hanno contraddistinto in questi anni la sua attività e il suo sviluppo, in modo da dar conto anche ai soggetti esterni la sua identità.
 Chi l’ha realizzato? Il Bilancio Sociale è stato redatto dagli amministratori. ! ! Quale grado di coinvolgimento interno c’è stato? In sede di approvazione del Bilancio di Esercizio, il Bilancio Sociale è stato discusso dall’assemblea dei soci, che ne hanno suggerito modifiche e integrazioni. Quale è l’ambito rispetto al quale il bilancio sociale si propone di rendere conto? Il Bilancio Sociale presenta, distinguendolo per ambiti di attività, tutto l’operato della cooperativa, realizzato nel 2013. Cerca di dar conto di tutte le questioni rilevanti per gli stakeholder. Nella presentazione dell’operato annuale, il Bilancio Sociale mette in relazione per ciascuna attività gli stakeholder coinvolti, il loro grado di coinvolgimento e l conformità con la mission programmatica e strategica della cooperativa. ! Quali sono i limiti individuati e quali i miglioramenti introdotti? quali ci si propone per il futuro? Il primo Bilancio Sociale di COMPAGNIA DELLA CORTE è uno sforzo concreto per trasmettere in modo chiaro il suo lavoro, la sua energia e la sua operosità. Come primo documento è certamente modificabile e migliorabile. Per le prossimi edizioni, infatti, è previsto un maggior coinvolgimento di tutti gli stakeholder, per farlo diventare un’occasione di dialogo e crescita. l’opinione, l’intervento, il consiglio e la richiesta di tutti i soggetti coinvolti, lo renderanno lo strumento per verificare l’efficacia e la corrispondenza dell’operato della cooperativa alle sue premesse statutarie. 
 ! Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 4/20

[close]

p. 5

Nota Metodologica Il BILANCIO SOCIALE si propone di illustrare ai soci e ai fruitori dei servizi lo spirito e le modalità di attuazione delle attività formative, da un lato per esplicitare in termini rigorosi le modalità operative e partecipative di ciascun socio e dall’altro per indicare ai possibili futuri fruitori dei nostri servizi lo spirito e la competenza con i quali saranno vengono realizzati. Principi e criteri di rendicontazione:! ! ! ! ! Destinatari principali: soci, collaboratori, fruitori, pubblica amministrazione. Diffusione: il documento, approvato dall’assemblea dei soci, è disponibile in formato elettronico sul sito di Compagnia della corte ed è fornito, in sede contrattuale, a tutti gli stakeholder. Riferimenti. Per l’elaborazione del documento sono stati adottati, come principali riferimenti generali: GBS, Principi di redazione del Bilancio Sociale (2001); Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale, Agenzia per le Onlus; Modello per la redazione del Bilancio Sociale dei CSV, (2006) • chiarezza: il presente Bilancio Sociale cerca di esprimere le informazioni in modo chiaro e comprensibile; • coerenza: fornisce informazioni idonee a far comprendere agli stakeholder il nesso esistente tra la missione dichiarata, gli obiettivi strategici, le attività effettivamente svolte e i risultati prodotti; • completezza: identifica gli stakeholder che influenzano e/o sono influenzati dall’organizzazione e inserirsce tutte le informazioni ritenute utili per consentire a tali stakeholder di valutare i risultati sociali, economici e ambientali dell’Organizzazione; • inclusione: coinvolge tutti gli stakeholder rilevanti per assicurare che il processo e il contenuto del Bilancio Sociale rispondano alle loro ragionevoli aspettative e/o esigenze; • rilevanza: si propone di rendicontare le attività che riflettono gli impatti significativi economici, sociali e che potrebbero influenzare in modo sostanziale le valutazioni e le decisioni degli stakeholder; • periodicità: la rendicontazione è annuale; • trasparenza:tutte le eventuali stime o valutazioni soggettive effettuate devono sono fondate su ipotesi esplicite e coerenti; • veridicità: le informazioni contenute sono verificabili, sia per gli aspetti positivi che per quelli negativi della gestione. Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 5/20

[close]

p. 6

Glossario Bilancio Sociale: strumento di rendicontazione delle responsabilità, dei comportamenti e dei risultati sociali, ambientali ed economici delle attività svolte da un’organizzazione. Ciò al fine di offrire un’informativa strutturata e puntuale a tutti i soggetti interessati non ottenibile a mezzo della sola informazione economica contenuta nel bilancio di esercizio. Codice di condotta: documento elaborato su basi volontarie che attesta gli impegni dell’ente verso i propri interlocutori. Codice Etico: il codice etico è un documento elaborato su basi volontarie che esprime gli impegni che l’azienda assume verso gli interlocutori interni. Inoltre, attraverso il codice etico l’impresa può orientare il proprio comportamento circa importanti questioni ambientali, sociali ed economiche. Customer satisfaction: processo di conoscenza delle percezioni e delle attese dei clienti verso un servizio o un prodotto. È utilizzato per confrontare in termini relativi la bontà di un determinato servizio offerto al pubblico. Efficacia: si intende la misura in cui l’ente raggiunge i propri obiettivi. Essa riguarda sia la dimensione propriamente operativa, ovvero la capacità di realizzare gli interventi e i servizi programmati (efficacia interna), sia quella sociale, vale a dire la capacità dell’azione amministrativa di soddisfare i bisogni collettivi e di apportare un cambiamento sul livello di benessere della comunità (efficacia esterna). Efficienza: è il rapporto tra input e output. L’efficienza tecnica (produttività) misura l’attitudine del processo produttivo a trasformare risorse (input) in prodotto (output). Quando agli input si associa il loro valore economico si ha l’efficienza economica del processo; essa è data quindi dal rapporto tra il costo degli input e gli output. L’organizzazione efficiente, pertanto, è quella che con la minore quantità di input produce una maggiore quantità di output. Gruppo di studio sul bilancio sociale (GBS): nato nel 1999, per iniziativa di docenti universitari, rappresentanti di società di revisione, di ordini professionali e di professionisti della comunicazione, con il compito di definire i principi di redazione del bilancio sociale. Missione: si riferisce alle ragioni d’essere dell’ente e agli obiettivi di fondo perseguiti dallo stesso. Personale retribuito: ci si riferisce non solo al personale dipendente, ma in generale al personale che lavora con una certa continuità per l’organizzazione anche con altre tipologie contrattuali (es. personale con contratto a progetto). Stakeholder: tutti i soggetti (interni o esterni) che influenzano e/o sono influenzati dall’organizzazione. Turnover: indica il ciclo di rinnovo o la sostituzione del personale (rapporto tra la differenza tra gli ingressi e le uscite dei lavoratori e il numero complessivo dei lavoratori dell’anno precedente). Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 6/20

[close]

p. 7

Identità ! Settore di attività ! Compagnia della corte utilizzando i linguaggi artistici opera prevalentemente nel settore della formazione. Svolge laboratori presso le case circondariali, gli ospedali e le scuole di ogni genere e grado. Nello svolgimento della sua attività formativa, rientra anche l’organizzazione di eventi teatrali e musicali in collaborazione con gli enti pubblici per la creazione di un nuovo pubblico, ritenendo che il miglioramento delle condizioni di vita dell’individuo passino dalla formazione culturale. Dal 2012 Compagnia della corte ha accentuato la propria ricerca sui mezzi e metodi di comunicazione, utilizzando l’esperienza teatrale e drammaturgica per potenziare il messaggio e il contesto narrativo. L’attività, attraverso una promozione sui media, mira a valorizzare il messaggio e rafforzare l’identità dell’evento o del soggetto specifico. Dati anagrafici e forma giuridica:! COMPAGNIA DELLA CORTE - cooperativa sociale a responsabilità limitata Sede legale: Pavia, via Dei Mille 48 ! ! Rappresentante legale e amministratore unico:! Vittorio Renuzzi In carica dal 24.10.2012 Composizione della base sociale! All’approvazione del presente bilancio sociale, Compagnia della corte è composta da 15 soci lavoratori, di cui 6 assunti con contratto di lavoro dipendente. ! ! Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 7/20

[close]

p. 8

Identità Oggetto Sociale come previsto dallo Statuto! La cooperativa si propone, con spirito mutualistico e senza fini speculativi, lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale dei cittadini, attraverso la gestione di servizi socio-sanitari ed educativi, di cui all'art. 1 lettera a) della legge 8 novembre 1991 n. 381. Il tutto con l'obiettivo di conseguire finalità di solidarietà sociale e di sostegno della società e delle famiglie nei settori dell'assistenza sociale e socio-sanitaria, della beneficenza, istruzione e formazione a favore prevalentemente, anche se non esclusivamente, di minori, adolescenti e giovani in ambito scolastico nonché a favore di detenuti e persone disabili per assicurare le migliori condizioni di vita sotto il profilo morale, sociale e materiale e per prevenire, ridurre e rimuovere le situazioni di bisogno, di rischio, di emarginazione e di disagio sociale. Ai fini di cui sopra, i servizi sociali possono essere forniti ai terzi, facenti parte delle categorie bisognose di intervento sociale per motivazioni connesse all'età o alla condizione personale, familiare o sociale, sia gratuitamente, sia a pagamento, a condizioni peraltro possibilmente migliori di quelle rinvenibili sul mercato. La cooperativa si propone, nel contempo, di far conseguire ai propri soci cooperatori occasioni di lavoro nel settore dei servizi sociali, ed una remunerazione dell'attività lavorativa prestata a migliori condizioni rispetto a quelle ottenibili sul mercato. Pertanto, lo scopo che i soci lavoratori intendono perseguire nella propria sfera individuale è quello di ottenere, tramite la gestione in forma associata e la prestazione della propria attività lavorativa a favore della cooperativa, continuità di occupazione, con le migliori condizioni economiche, sociali e professionali. La cooperativa, con riferimento ed in conformità al proprio scopo mutualistico e agli interessi e requisiti dei propri soci cooperatori, ha per oggetto la gestione stabile delle seguenti attività: - organizzazione di laboratori di teatro-terapia e musicoterapia rivolti a bambini, giovani o adulti portatori di disagio fisico, mentale o sociale; - organizzazione in proprio, o in collaborazione con altri, di eventi culturali volti alla raccolta di fondi a favore di enti no profit e alla sensibilizzazione verso particolari tematiche sociali o sanitarie; - produzione e promozione di ogni genere di servizio culturale di animazione (ricreativo ed educativo); - organizzazione e promozione di festival, rassegne e stagioni teatrali sempre finalizzati al raggiungimento dello scopo sociale; - organizzazione di incontri, convegni, mostre e iniziative culturali, con particolare attenzione al teatro per l'infanzia e per la gioventù; - organizzazione di laboratori, seminari, corsi di preparazione; - aggiornamento e formazione per insegnanti, educatori, animatori, genitori e studenti delle scuole dell'obbligo; - produzione, organizzazione, promozione e distribuzione di produzioni teatrali, spettacoli ed eventi rivolti in primo luogo a minori, giovani, detenuti o disabili; - elaborazione di materiale didattico diretto soprattutto agli operatori in ambito scolastico. Essa potrà inoltre compiere tutte le operazioni immobiliari, mobiliari, creditizie e finanziarie atte a raggiungere gli scopi sociali e potrà avvalersi di tutte le agevolazioni di legge. Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 8/20

[close]

p. 9

Storia Bilancio Sociale 2013 2002: La Cena de’ Folli 03.03.2000! costituzione 2001: Caccia notturna ! nel palatinato 2005: I racconti del Treppo 2000: Arianna 2011: Percorsi d’Acqua 24.10.2012:! trasformazione in cooperativa sociale 2005: gestione della Civica Scuola di Musica di Voghera 2010: Commedia & Romanzo 2009: Schisciott 2007: Sirenetta 2008: H2O legenda: eventi 2007: La Vedova Bianca 2008: don Giovanni progetti prosa teatro ragazzi Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 9/20

[close]

p. 10

Codice Etico ! Alla base dell’attività di COMPAGNIA DELLA CORTE ci sono alcuni principi inderogabili: ! 1. Chi si occupa di Cultura e Formazione deve essere trasparente e corretto; Non è possibile immaginare di creare Cultura a nessun livello se non si rifiutano scorciatoie, compromessi, elusioni fiscali o legali. L’onerosità burocratica, fiscale o amministrativa è un ostacolo che bisogna rimuovere anche con un’azione politica e collettiva e non aggirare con escamotage e furberie. Solo in questo modo si può crescere. ! 2. I rapporti tra i soci sono precisi e regolamentati; I soci e i collaboratori devono essere informati sulle condizioni economiche e gli obblighi connessi alla loro attività. La conoscenza della struttura dei costi, insieme alla consapevolezza del proprio ruolo all’interno di un processo consente di ottenere il massimo dell’efficienza nello svolgimento delle proprie mansioni nel rispetto degli sforzi che l’ente compie per garantire la qualità dei servizi offerti. (Il regolamento dei soci è stato approvato dall’Assemblea il 28.4.2006) ! 3. Il rispetto dell’Ambiente; L’attenzione per l’ecologia e la società sono fondamentali. Tutta l’attività deve essere compatibile dal punto di vista ecologico (tutta la documentazione di Compagnia della corte è prodotta e distribuita in formato elettronico, evitando il più possibile l’uso di carta e stampati) e da quello sociale (la formazione nei confronti di soggetti deboli o problematici è sempre supportata da consulenti esperti). ! 4. Preparazione e studio; Nessun progetto deve nascere dall’improvvisazione o dall’opportunità, ma ci deve essere un attento esame del problema da affrontare, uno studio dello stato dell’arte e un’analisi degli strumenti da adottare. L’autoformazione è alla base dell’efficacia delle azioni e della loro continuità nel tempo. Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 10/20

[close]

p. 11

Missione Laboratori! Il teatro e la scrittura sono i linguaggi/strumenti privilegiati per stimolare il corpo e lo spirito dell’individuo a prendere coscienza e affinare le capacità di attenzione e ascolto perché sia possibile raggiungere la pulizia del sentire necessaria a costruire o ri-costruire fondamenta solide per migliorare il proprio futuro. Strumenti! L’attività della cooperativa si indirizza essenzialmente su due settori specifici: un’attività laboratoriale indirizzata ai minori o ai soggetti disagiati; un’attività di diffusione della cultura con l’obiettivo del miglioramento e della formazione di un nuovo pubblico più consapevole. Gli strumenti per il perseguimento di questi fini sono legati allo spettacolo e alle arti dal vivo in particolare. La collaborazione con altri enti che possano fornire una consulenza psicologica, terapeutica o pedagogica è essenziale per l’arricchimento dei soci e il perfezionamento degli strumenti. Formazione culturale! L’attività nasce dalla necessità di creare nuove opportunità di formazione e crescita, per generare una dipendenza dal teatro e dall’arte che faccia crescere (anche numericamente). Portare in una comunità della buona arte, migliora il gusto e crea dipendenza. E la dipendenza spinge a cercare dentro e fuori di sé nuove suggestioni e ulteriore arte. Un individuo consapevole del suo bisogno di arte e cultura, vuole vivere in una società migliore. Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 11/20

[close]

p. 12

Mappa e coinvolgimento Stakeholder Pubblico Teatrale collaboratori volontari Enti Pubblici dipendenti Settore no profit Scuole Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 12/20

[close]

p. 13

Struttura e Organizzazione elegge Assemblea dei Soci propone progetti Amministratore Unico non percepisce compenso per l’attività di amministratore Collaboratori Dipendenti avvia i progetti; stipula i contratti Contratto su specifico progetto Diritti d’Autore Prestazione Occasionale CCNL Spettacolo CCLN Scuole laiche private Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 13/20

[close]

p. 14

Composizione Base Sociale genere 18-25 uomini donne età 25-40 40-55 7% 40% 60% 53% 40% Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 14/20

[close]

p. 15

Personale tipologia dipendente collaboratore professionista volontario soci 6 4 2 3 non soci 3 2 Compagnia della corte - Bilancio Sociale 2013 - pag 15/20

[close]

Comments

no comments yet