Libro Infiorata - Quinta Parte agg

 

Embed or link this publication

Popular Pages


p. 1



[close]

p. 2



[close]

p. 3

parte quinta:

[close]

p. 4

l infiorata di gerano storia devozione folklore la fontana angolo caratteristico di gerano disegnata e pronta per essere allestita con i fiori anno 1980 158

[close]

p. 5

parte quinta i bozzetti e le realizzazioni 159

[close]

p. 6

l infiorata di gerano storia devozione folklore 160

[close]

p. 7

parte quinta i bozzetti e le realizzazioni 161

[close]

p. 8

influsso dei disegni dell infiorata sui dolci 162 da gerano stop n 68 del 1984 pp 325-326

[close]

p. 9

ss vergine del cuore gerano è in festa e tutta si ricopre di fiori di colori e d allegria e tutti lieti son per te o maria che sempre guardi e aiuti cantano le campane e spronan l opre di costanti amator che sulla via curva la fronte ognor paziente e pia opera svolgon muti per gemme incastonar sapientemente su nuda terra e gran tappeto bello tutto a disegni senza usar pennello tesser per te o regina e tu passi sui fior beatamente di primavera lieta e ogni cervello lascia il dolor e sotto il tuo mantello cerca pietà in sordina proteggo o madonnina del gran cuore questa terra gentil che a te fa festa e al popolo de campi non tempesta distruggitrice e nera ma l acqua e il sol riuniti ne l amore rendono la stagione gravida e lesta e sempre tu regina invitta resta di gerano che spera fornari angelo roma aprile 1950 poesie madonna der core chann è la festa sea la madonna resce a spalla d ommini pé le vie de jeranu resbrilluccica de sole piena d oro e propriu bella gni unu ci vede la madre na coperta de fiuri recamata a mani sta stesa longu tutta la piazza l infiorata viva maria viva maria responnanu comme sordati la banda sona lacciola spara pilozze ju ceru se recagna j arciprete lestu orronza benedice e azza la cianca troni saette e furmini se scontranu pell aria festa de maggio mò piove a sicchi mendico fernando madonna mea deret annammacchina comme n iereme t aio vistu repassà pè lle noceta madonna méa del core non m aspettatu me sì resciuta a nnanzi a mi de jeranu cristianu senza capu e senza cova che facci appòce cò san rocco e sant anatòlia figli bravi dé casta téa che più prometto e più restòng addudici ma non m abbandonà se no o si buciarda tu o lo è mammoma censi giovanni alla nfiorata eranu i fiuri più begli chigli che vulii chist anno alla piazza madonna mea del core chelle gocce de piantu chello pane suatu chigliu mare d amore che nfonne chiunque animale più bbonu o cattivu censi giovanni

[close]

Comments

no comments yet