Philasport n. 82

 

Embed or link this publication

Description

Aprile/Giugno 2012

Popular Pages


p. 1

Editoriale Nel corso della manifestazione filatelica nazionale “Milanofil 2012” si è tenuta, il 24 marzo scorso, la nostra Assemblea annuale. Superiore ad ogni aspettativa il numero dei soci presenti o rappresentati per delega. Il bilancio consuntivo 2011 e quello di previsione del 2012 sono stati approvati all’unanimità e numerosi sono stati gli interventi dei presenti anche sulle prossime attività dell’UICOS: partecipazioni alla prossime manifestazioni di Verona (maggio e novembre), di Mortegliano (settembre) e Romafil (ottobre) nonché alla 18° Fiera Mondiale dei Collezionisti Olimpici di Atene (18-20 maggio). L’Assemblea ha anche deciso, dopo aver sentito una mia comunicazione sulla possibile creazione di una Federazione Internazionale di Collezionisti Olimpici (che dovrebbe sostituire l’attuale FIPO che cesserà di esistere nel prossimo ottobre), di aderire in linea di massima alla nuova Federazione con l’invio di un suo rappresentante all’assemblea costitutiva che si dovrebbe svolgere a Losanna, presso la sede del CIO, entro la fine di questo anno. Anche per il 2012 è stata quindi riconfermata la presenza dell’UICOS alle più importanti manifestazioni nazionali ed internazionali nonché la sua attività editoriale e divulgativa. A conferma di ciò troverete allegata a questo numero di Phila-Sport una interessante pubblicazione: “Io colleziono Roma’60” dedicata alla “memorabilia” dei Giochi della XVIIa Olimpiade. Gli autori sono il nostro segretario Pasquale Polo ed il socio Mario Capuano con la collaborazione di Alfiero Ronsisvalle. Nelle oltre 160 pagine sono presentati, riprodotti nei colori originali, migliaia di reperti legati alla storia ed alle gesta degli atleti che hanno dato vita all’Olimpiade romana del 1960. Le ricerche degli autori hanno portato all’individuazione dei più svariati oggetti: programmi, biglietti d’ingresso alle varie gare, manifesti, francobolli, medaglie, foto, cartoline, libri e pubblicazioni varie, distintivi di ogni tipo e tanta altra memorabilia. Di alcuni pezzi ne era finora ignota l’esistenza. Veramente una dimostrazione di cosa può arrivare a fare la passione e la ricerca collezionistica. L’ultimo atto della Fédération Internationale de Philatélie Olympique (FIPO) sarà l’organizzazione dell’Olympex 2012 di Londra (24 luglio – 9 settembre). Si tratterà di una esposizione filatelica più limitata ed esclusivamente su invito, per problemi di budget e di spazio, delle precedenti ma i nostri collezionisti, anche questa volta, saranno tra i maggiori protagonisti. Il nostro segretario Polo sta curando questa partecipazione e sono certo che ancora una volta l’UICOS si farà onore. Ringrazio fin d’ora i numerosi soci che hanno messo a disposizione le loro collezioni. PHILA-SPORT - PAG. 1 N. 82 APRILE/GIUGNO 2012

[close]

p. 2

PHILA-SPORT - PAG. 32 N. 82 APRILE/GIUGNO - 2012

[close]

p. 3

PHILA-SPORT - PAG. 33 N. 82 APRILE/GIUGNO - 2012

[close]

p. 4

PHILA-SPORT - PAG. 34 N. 82 APRILE/GIUGNO - 2012

[close]

p. 5

Perchè non sono diventato un campione di GOLF di Nino Barberis La conquista, al mio esordio in America, del “BS Award”, �������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������ nella quale lavoravo da dieci anni, fui inviato negli Stati Uniti per una “full irnmersion” di alcuni mesi, per conoscere gli uonini-chiave del Gruppo, per prendere contatto con i. vari stabilimenti, insomma per avere un’idea completa del microcosmo nel quale avrei dovuto operare. Furono ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������canti. Con me, per lo stesso ambaradam, c’erano altri due colleghi, un brasiliano ed un francese, più o meno miei coetanei, anch’essi dirigenti di fresca nomina e anche loro, come me, novellini nell’ambiente. Ci capitava spesso di essere invitati, durante i week-end, da qualche collega americano con il quale si entrava maggiormente in simpatia. Un capo-reparto della Divisione “Prodotti Diamantati” ci invitò tutti e tre a passare la domenica a casa sua. Aveva una grande, deliziosa casa di campagna a poche miglia da Worcester, con un vasto terreno ondulato attorno, che sul lato superiore era delimitato da un bosco. Ci viveva ��������������������������������������������������������� fatto costruire una piccola piscina, una cosa da favola, per me, in quei tempi. Era uno splendido mese di maggio e quella dimora mi sembrò un piccolo paradiso. Non potei evitare di fare le mie considerazioni: lui poteva permettersi tutto questo mentre io, che nella scala gerarchica aziendale ero di livello superiore aI suo, vivevo ancora in un appartamento �����������������������������������������������������������������������������������������������������������������gli, ma lui aveva due automobili mentre io adoperavo una macchina aziendale, con la quale avevo da poco sostítuito la mia “Lambretta” personale. Ci era stato detto che sua moglie era di origine russa e che avremmo fatto solo uno spuntino a mezzogiorrro ed una cena fredda “alla russa”, con Vodka, dopo la giornata all’aperto. ������������������������������������������������������glia di Vodka di gran marca (spaventosamente cara) e al nostro arrivo trovammo un altro ospite, loro amico, che era tornato dal Canada il giorno prima: anche lui aveva portato una bottiglia di Vodka, che aveva pagato un prez- zo ridicolo rispetto a quello che avevano pagato noi. Ed ora arrivo alla faccenda del golf. Tutto il terreno attorno, ������������������������������������������������������������ che era stato attrezzato cone campo da golf, a sei buche. Nel suo piccolo aveva “tutto”: un torrentello, un laghetto, alcune dune, uno spiazzo sabbioso. Al mattino fummo invitati ad andare ad esplorare, nel bosco, la sorgente del torrentello, che il padrone di casa diceva di non vedere più da anni, ma che sembrava buttasse poca acqua. Rimuovemmo parecchi pietroni per facílitare lo scorrimento; poi ��� ��� �������� ���� ��������� ����������� �� ������ ������������ dai vicini), per fare pulizia attorno alle buche perchè nel pomeriggio ci sarebbe stato un torneo internazionale di golf”. Dissi subito che io non avevo mai preso in mano un bastone da golf ma mi fu assicurato che era solo una cosa scherzosa, per tirare l’ora di cena. Il mio prino contatto con la serie dei bastoni dimostrò subito la mia più completa sconoscenza del gioco: ci fu subito Fig. 1 una risata generale quando io scelsi, per iniziare, un bastone che - mi si disse - era quello che serviva per il col���������������������������������������������������������� non si aspettassero di meglio da me e la conferma arrivò subito ai primi colpi, nei quali sollevai parecchie zolle di terreno. Per un po’ tutti credettero che lo facessi apposta; poi si accorsero che quei colpi ..... mi venivano naturali. Mi venne bene un solo colpo, nel quale riuscii a far fare un bel volo alla pallina, ma tra le risate generali la pallina ������������������������������������������������������������ manualmente ed a riportarla .... in pista (visto che i regolamenti internazionali non prevedevano questo caso), sarei ancora lì a cercare di farle scavalcare la rete, con grande Fig. 2 spavento di tacchini e di faraone. Per farla breve, quando, verso sera, i primi completarono il giro delle sei buche, io ero ancora all’attacco della seconda; ma il divertimento fu tanto, per tutti e sei i partecipanti, me compreso, protagonista del torneo. PHILA-SPORT - PAG. 35 N. 82 APRILE/GIUGNO - 2012

[close]

p. 6

La cenetta fu stupenda, con ottimi salumi, carne fredda, verdure e salsine sapientemente elaborate dalla moglie ��������������������������������������������������������� trangugiata “alla russa”, tutti insieme, a bicchierini compleFig.3 Fig.6 ti. In sei arrivammo ad attaccare anche una terza bottiglia, oltre alle due portate da noi ospiti. lo, benché abbondantemente alticcio, pensavo con apprensione alle condizioni di quello che avrebbe dovuto riaccompagnarmi in albergo, come me; sembrava che ci fosse transitata una famiglia di talpe. Purtroppo il piccolo trofeo, che conservai per anni, ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������ questo caso di persone amiche che mi hanno aiutato a Fig. 4 Fig.7 ma mi si dette assicurazione che ci avrebbe provveduto un vicino, amico del padrone, che si era inpegnato per una cena virtuosa, Era evidente che era stato allertato in anticipo, chiaro segno che situazioni del genere non erano �������������������������������������������������������������miazione. Il nostro amico aveva procurato tre piccoli trofei, in grandezza decrescente con un basamento in pietra ar�������������������������������������������������������������� pensavo che fossero destinati ai primi tre e mi sembrava che fosse la cosa più naturale del mondo, Aveva vinto il Fig.8 francese (sul quale il padrone di casa, cavallerescamente, trovare qualche ora di serenità e di distensione in un periodo frenetico e stressante, ma che fu fondamentale per la mia carriera. P.S. Guarda se uno deve far ricorso a questi ricordi perso���������������������������������������������������������������� sul golf. Mi sono stati forniti da Valeriano Genovese, che lui il golf lo gioca davvro (e dicono non male) nonostante la sua venerabile età. Fig. 5 ������������������������������������������������������������ venne assegnato il trofeo più piccolo, sul quale però era stata applicata una piccola etichetta adesiva con la dicitura “BS Award”. Alla consegna ci furono risate generali, pacche sulle spalle, allegri conmenti multilingue: solo alla ��������������������������������������������������������glior zappatore). In realtà nessuno aveva arato il terreno Fig.1 - Negli anni ‘50 potevo anche sembrare un po’ così, ma escludo che le Poste americane abbiano sfruttato una mia foto per questo loro francobollo. Fig.2 - Quel piccolo terreno da golf era proprio così: era perfettamente rasato, ������������������������������������������������������������������������������������� dalla mia portata. Fìg.3 - Affrancatura meccanica del “Miami Open”: non ci hanno messo la data perché aspettavano la mia iscrizione.... Fig.4 - Questo è il “putt”, il maledetto bastone che - dicono - serve per mettere la pallina in buca. Io l’avevo preso come quello per il potente colpo d’avvio. �������������������������������������������������������������������������������� a mandare avanti la pallina, zolla dopo zolla. ������������������������������������������������������������������������������������� un tapino, come me, che sperava di riuscire a mettere la pallina in buca in un sol colpo (“hole in one”). Fig.7 - Io sono stato orgoglioso per il mio “BS Award”’ che riconosceva le mie qualità di “zappatore”. Speravo che si facesse un intero postale come questo di franchigia postale, per gli zappatori del Genio francese. Fig.8 - “Gioca di più a golf” è I’invito di questa “rossa”. Se avessi accettato I’invito, magari il mio avvenire avrebbe potuto prendere un’altra strada .... PHILA-SPORT - PAG. 36 N. 82 APRILE/GIUGNO - 2012

[close]

p. 7

Massimo Menzio La scomparsa di L'invito di Cipro per giocare a pallone da Vaccari News Massimo tra gli amici e soci nello stand dell'Uicos a "Veronafil" PHILA-SPORT - PAG. 37 N. 82 APRILE/GIUGNO - 2012

[close]

p. 8

Meccanofilia A cura di Franco Uccellari e Nino Barberis Giornata Olimpica: come siamo caduti in basso! Pattinaggio Comitato Olimpico ISK Pattinatrice PHILA-SPORT - PAG. 38 N. 82 APRILE/GIUGNO - 2012

[close]

p. 9

Bocce Automobilismo sportivo Le tre strisce in Italia cura Roberto Gottardi AA cura didi Roberto Gottardi Annulli Italiani L'elenco si riferisce agli annulli i cui bollettini sono stati diffusi entro il 19 aprile 2012 PHILA-SPORT - PAG. 39 N. 82 APRILE/GIUGNO - 2012

[close]

p. 10

Panorama A cura di Mauro Gilardi 2 LO SPORT A TREVISO AUTOMOBILISMO e GASTRONOMIA 1 3 PHILA-SPORT - PAG. 40 N. 82 APRILE/GIUGNO - 2012

[close]

p. 11

4 5 6 ITALIAN BASEBALL LEAGUE MUSEO FERRARI PHILA-SPORT - PAG. 41 N. 80 OTTOBRE/DICEMBRE - 2011

[close]

p. 12

7 9 8 !º CICLISMO SU STRADA !¡ !™ PHILA-SPORT - PAG. 42 N. 80 OTTOBRE/DICEMBRE - 2011

[close]

p. 13

SALVAROLA TERME 2012 !∞ !£ BASKETBALL OLIMPICO !§ OMAGGIO A GILLES !¢ PHILA-SPORT - PAG. 43 N. 80 OTTOBRE/DICEMBRE - 2011

[close]

p. 14

GAMBE E MENTE !¶ !• !ª @¡ @™ @º @£ PHILA-SPORT - PAG. 44 N. 80 OTTOBRE/DICEMBRE - 2011

[close]

p. 15

Recensioni A cura di Massimiliano Bruno Sport et Olympysme esprit n 62 Annullo meccanico continuo Svezia 1926, ultima edizione dei giochi nordici invernali. Volume 50 winter 2011 PHILA-SPORT - PAG. 45 N. 82 APRILE/GIUGNO - 2012

[close]

Comments

no comments yet