come liberarsi dalla psoriasi Dot. Paul Dupont

 

Embed or link this publication

Description

come liberarsi dalla psoriasi Dot. Paul Dupont

Popular Pages


p. 1

Do ore Paul Dupont Traduzione Bongiovanni Florent, Università D’Annunzio, Pescara

[close]

p. 2

Come … liberarsi dalla PSORIASI con metodi naturali Dottore Paul Dupont Edizione …

[close]

p. 3

Liberarsi dalla PSORIASI con metodi naturali Dottore Paul Dupont ______________________________________________ Traduzione Bongiovanni Florent, Università D’Annunzio, Pescara Bongiovanni Laura, Università di Teramo ______________________________________________

[close]

p. 4

Introduzione E’ possibile oggi liberarsi dalla psoriasi, semplicemente, con cure naturali ? Senza essere del tutto rivoluzionaria, la medicina naturale che verrà presentata in quest’opera apre nuove prospettive di cura. Rimette in questione le attuali conoscenze scientifiche e permette di orientare le nostre ricerche fondamentali verso una causa metabolica. I fattori ambientali sono spesso le vere cause della psoriasi, più dei fattori genetici. Sono particolarmente le emozioni vissute male, non confessate, i pensieri e l’ansietà. Ma perché questi stati durano così à lungo ? Esiste dietro questo modo di reagire allo stress, una causa naturale che possa provocare questa tendenza all’inquietudine ? Una scoperta recente, che sarà descritta nel libro permette di considerare risposte nuove, e questo grazie all’approccio di una scienza in pieno sviluppo : la nutraceutica. Se a questa vanno unite certe regole di ciò che chiamerò igiene psichica, nonché le piante tradizionalmente utilizzate per combattere la psoriasi, diventa possibile sconfiggerla. Tutti questi elementi verranno affrontati in quest’opera, allo scopo di ridare speranza a migliaia di persone che vengono avviate verso terapie troppo pesanti. Perché oggi è effettivamente possibile fare regredire le placche di psoriasi con una medicina semplice e naturale.

[close]

p. 5

Quest’opera si propone di spiegare queste scoperte a tutti colo che hanno la psoriasi ; è un nuovo punto di vista che poggia le sue basi sulla medicina naturale, in antitesi alle medicine troppo forti, imposte oggi ai pazienti da una parte del corpo medico come unico rimedio. Tutte queste droghe che curerebbero il male sono all’opposto dei metodi di cui parleremo e che, invece, ristabiliranno il bene. Molte persone che hanno questa malattia da decine di anni sono completamente scoraggiate. Non credono più in questa medicina artificiale e chimica che spesso ha fatto loro più male che bene, e che talvolta hanno persino generalizzato la loro psoriasi. Sono giunte al punto di non fare più nulla poiché spesso questi trattamenti chimici non fanno che aggravare la malattia. Si ripiegano allora su se stesse, si isolano dalla loro cerchia di amici a causa dell’aspetto sgraziato di questa malattia, quando non cercano di curarsi da se a causa dei fallimenti delle terapie classiche. E’ a queste persone che questo libro è dedicato. Non a coloro che pensano ancora che soltanto la chimica di sintesi può guarirli. Dopo tutto, esiste una medicina per ogni tappa della malattia. Se alcuni intendono curarsi solo con prodotti chimici, lasciamo a loro questa scelta personale. In realtà, esistono forme più o meno gravi di psoriasi. Come avrò modo di spiegare, non c’è soltanto un unico caso di psoriasi, ci sono invece dei malati. Ognuno rappresenta un caso particolare ed è effettivamente questo terreno individuale che occorre curare. L’arte del medico e quella di ricollocare il paziente nelle condizioni più propizie alla sua guarigione e di frapporsi tra il corso della malattia e il processo attivo della natura che lo

[close]

p. 6

guarisce. D’altronde è tempo per la medicina moderna di ritornare all’idea che il malato non può essere ridotto alla sola descrizione dei sintomi della sua malattia, né alle cure sintomatiche con il consenso esaltato dalla medicina allopatica. Il malato non può essere nominato con il solo nome della sua malattia. I dermatologi che conoscono la semiologia, hanno gli occhi aperti e si dedicano ad ognuno come a un caso individuale. Occorre tener conto della percezione individuale. Quindi quest’opera sarà anche l’occasione di accostarsi a delle regole d’igiene psichiche e dietetiche che sono utili per tutti coloro che soffrono di psoriasi. Se queste regole verranno rispettate, la guarigione sarà veramente possibile, non solo una remissione, ma un vero e proprio riequilibrio globale, e, occorre sperare, definitivo. C’è nella nozione di guarigione una sorta di contraddizione. Non si dice forse che si guarisce dall’influenza? Eppure la si può contrarre di nuovo prima o poi, anche quando si è immuni. Nonostante si consideri in regola generale la psoriasi come incurabile, non bisogna mollare. E con “ guarigione “, occorre intendere una remissione lunga e durevole. Dopo tutto, se alcuni ce l’hanno fatta, perché altri non potrebbero ugualmente liberarsi dalla psoriasi ? In medicina, è importante rinforzare una convinzione, una certezza, vale a dire che è possibile guarire. Così, il medico partecipa alla guarigione che, lo ripetiamo, soltanto la forza medicatrice della natura opera in noi.

[close]

p. 7

La psoriasi 1 – Che cos’è la psoriasi ? La psoriasi è una malattia cronica della pelle non contagiosa che colpisce circa il 3% della popolazione. La causa è ancora sconosciuta. Per circa un terzo dei casi, si pensa che si tratti di una malattia ereditaria indotta da più geni, vale a dire di una malattia multi genetica. Coinvolgerebbe infatti diversi geni. Ma non è questo il fatto più importante. Ciò che conta, è come curare la malattia. La psoriasi non è in se una malattia contagiosa. Si tratta di un terreno o modo di reazione ereditario o acquisito durante la vita. Sopraggiunge in genere in seguito ad uno shock emozionale. La pelle, che è il riflesso delle reazioni interne, viene sottoposta a un processo di accelerazione della crescita. Inizia a crescere sei volte più velocemente. Così, attualmente, si definisce la psoriasi come una disfunzione della crescita della pelle. Il meccanismo viene attribuito ad un’alterazione dell’immunità dei linfociti. Tuttavia le mie osservazioni mi hanno portato a dubitare di questa eziologia della psoriasi. In effetti mi è apparso chiaramente, come è il caso dell’eczema, che i

[close]

p. 8

fattori nutrizionali e psichici sono preponderanti nella genesi e nella conservazione delle placche della psoriasi. Osservando come spesso sia lo stress ad innescare le lesioni, ho acquisito la convinzione che proprio la reazione personale allo stress consumerebbe certi principi attivi. Queste sostanze vengono poi a mancare alle persone psoriasiche. E qui, ci si apre un vero e proprio campo terapeutico nuovo, comparabile alla scoperta qualche anno fa dell’azione delle prime vitamine. La mia ipotesi è che la psoriasi potrebbe in realtà avere tre cause intricate : certamente un fattore ereditario, ma anche un fattore scatenante psichico, il che è comunemente accettato, e in fine e soprattutto una causa metabolica. Prima di presentare l’avanzamento delle mie ricerche sull’argomento, facciamo il punto su quanto già sappiamo. Nella psoriasi, la pelle presenta delle placche più o meno rosse e estese ricoperte di squame bianche di spessore variabile. Queste lesioni possono essere dolorose e ed essere accompagnate da prurito. Sono rosse perché nelle placche i vasi sanguigni sono dilatati. A livello microscopico, la psoriasi è caratterizzata da una perdita di controllo del processo di rigenerazione delle cellule dell’epidermide. Le cellule giungono troppo velocemente alla maturità. Mentre il rinnovamento della pelle avviene normalmente in ventotto giorni, in caso di psoriasi può avvenire in una settimana. Le cellule allora non hanno il tempo di maturare. Ora, siccome l’epidermide è costituito da un sovrapporsi di strati successivi di cellule che man mano si eliminano verso l’esterno, questa accelerazione della crescita produce un ingombro. La migrazione dalla base verso la periferia è

[close]

p. 9

altresì troppo rapida. Quindi la pelle non ha il tempo di rigenerarsi correttamente ; le cellule morte non si eliminano bene, e le nuove non sono abbastanza mature per cicatrizzare in modo appropriato. Si viene così a creare un ispessimento della pelle, ma al di sotto del quale, è carne viva. Appaiono delle squame che si staccano a grandi lembi. Da lì deriva poi il nome della psoriasi (grandi squame). Sotto queste squame, l’epidermide scotta. Il fatto di scollare le squame e trovare queste lesioni sanguinolenti è una delle caratteristiche della psoriasi. Generalmente, le lesioni si localizzano inizialmente sulle zone di attrito : gomiti, ginocchia, ma anche dietro le orecchie e sul cuoio cappelluto. Ma possono esistere certe forme dette invertite, quando interessano le pieghe di flessione, in particolare l’inguine e la piega tra i glutei. Dovunque ci sia irritazione per attrito o per macerazione, può comparire la psoriasi. Altre forme vengono dette a goccia perché le lesioni sono generalizzate come gocce d’acqua poggiate sulla pelle. Talvolta sono le unghie ad essere colpite. Come si può constatare, esistono molte forme di psoriasi. 2 – I diversi tipi di psoriasi Si distinguono sette grandi tipi di psoriasi :  La psoriasi a placche  La psoriasi a gocce  La psoriasi del cuoio capelluto

[close]

p. 10

    La La La La psoriasi psoriasi psoriasi psoriasi infettata delle unghie invertita palmo-plantare Gli organi interni possono essere ugualmente colpiti. Si possono distinguere, a questo livello :  La psoriasi reumatica articolare  La psoriasi delle mucose in particolare intime  La psoriasi tissutale con coinvolgimento degli organi interni  La lingua psoriasica • I sette grandi tipi di psoriasi La psoriasi a placche  E’ la forma più frequente di psoriasi.  Le placche si localizzano abitualmente ai gomiti e alle ginocchia, sulla parte esterna delle braccia e delle gambe.  Le placche sono spesso simmetriche.  Tutte le parti del corpo possono essere colpite. La psoriasi a gocce  Colpisce soggetti giovani.  Ha un aspetto simile a gocce d’acqua di piccole dimensioni.  Queste gocce si localizzano un po’ ovunque ma soprattutto sul torace.

[close]

p. 11

 L’aspetto è scaglioso, roseo o rosso, talvolta squamoso. La psoriasi del cuoio capelluto  E’ spesso da qui che comincia la psoriasi.  E’ la fonte di due fastidi : il prurito e le forfora che ricopre i vistiti.  Le lesioni oltrepassano l’orlo del cuoio capelluto.  Non fa cadere i capelli.  Le placche danno al tatto una sensazione bernoccoluta, sono spesso piuttosto grasse ma non incollano i capelli. La psoriasi infettata  E’ spesso caratterizzata da lesioni da grattamento trasudanti e coperte di croste simili a piaghe da impetigo  E’ una forma che non può guarire spontaneamente se non viene curata l’infezione. La psoriasi delle unghie Può assumere diverse forme :  Unghie striate  Unghie con infossamenti puntiformi  Unghie gialle La psoriasi palmo-plantare  Colpisce il palmo della mano e la pianta dei piedi.  E’ sempre rossa e infiammata.

[close]

p. 12

 Si osservano a volte lesioni ricoperte di pustole.  Nel momento in cui si spella, la pelle sotto è viva come accade con le bolle.  Non c’è prurito ma la pelle è molto sensibile, lucente e rossa. Le squame sono trasparenti e brillanti.  Ci possono essere fessurazioni.  Talvolta la pelle al contrario si ispessisce e diventa cornea, specialmente ai talloni, poi si secca e si fessurizza. La psoriasi invertita  Viene così nominata quando sono le pieghe ad essere colpite dalla psoriasi.  La psoriasi prende allora l’aspetto a placche lisce, molto rosse e brillanti.  Si manifesta piuttosto nel cavo delle ascelle e nelle pieghe di flessione delle braccia e delle gambe.  Può colpire anche la piega dell’inguine e la piega tra i glutei, e, in questo caso può trasudare e diventare dolorosa. • La psoriasi degli organi interni La psoriasi reumatica articolare Le articolazioni più sensibili alla psoriasi sono le interfalangee distali (la punta delle dita delle mani e dei

[close]

p. 13

piedi), le sacro-iliache (tra il bacino e il sacro) e le cervicali. La psoriasi delle mucose, specialmente intime Ha sede negli organi genitali, il pene per l’uomo al livello del glande oppure il collo dell’utero per la donna. La psoriasi tissutale con coinvolgimento degli organi interni E’ legata ad una perturbazione metabolica, che per altro va nel senso della mia scoperta. E’ contadistinta da depositi tissutali di corpi grassi : steatosi nel fegato (fegato grasso) e placche aterosclerotiche nelle arterie (con conseguente aumento dei rischi di problemi coronari). Non tutti i pazienti colpiti da psoriasi hanno questi problemi ma i rischi spiegano che è consigliato smettere di fumare e anche limitare i grassi e l’alcol. La lingua psoriasiaca Le fessure sulla lingua si vedono spesso in certi psoriasici Le fessure sono dapprima mediane, che poi si ramificano sempre più profonde. Compaiono contemporaneamente a ogni ripresa della malattia. Accanto alle psoriasi che si manifestano come malattie autonome, esistono psoriasi indotte e alimentate da certe medicine. • Le psoriasi indotte da farmaci Certe psoriasi sono indotte o aggravate da farmaci.

[close]

p. 14

Diversi farmaci di sintesi possono provocare la psoriasi in persone che altrimenti non sarebbero soggette a sviluppare la malattia. Non l’hanno mai avuta prima e non c’è nessuna eredità psorisiaca nella loro famiglia. L’elenco dei prodotti in causa non è esaustivo e forse andrà allungandosi con il tempo. Ci sono per altro tra le novità le psoriasi provocate dalle bioterapie allopatiche che dovrebbero curare la psoriasi e che invece lo provocano proprio. Tra i farmaci che notoriamente inducono la psoriasi, si trovano certi antipertensivi come i betabloccanti e i loro derivati, gli inibitori dell’enzima di conversione, i sartani, gli antimalarici e i derivati del litio. Se vi sorge qualche dubbio, occorre parlarne con il vostro medico. La testimonianza di una paziente che presentava questo tipo di eruzione cutanea è interessante. In effetti, descriveva una sensazione soggettiva caratterizzata da “ periodi di fitti dolori nei nervi “, era un po’ come ricevere delle punture d’ago, il che la portava a pensare che i suoi nervi erano colpiti da qualche cosa. Ora, la paziente prendeva dei betabloccanti che vanno ad agire proprio sulla giunzione tra il sistema nervoso simpatico e la pelle. La pelle è la sede delle terminazioni nervose del sistema simpatico. Allo stesso modo, i betabloccanti modificano la circolazione sanguigna periferica e agiscono sui nervi simpatici. Sarebbe anche tramite questo passaggio che farebbero scattare la psoriasi. Questa sensazione della paziente, anche se è molto soggettiva, va nel senso di una perturbazione dei mediatori del sistema nervoso neurovegetativo nella psoriasi. E questo può essere probabilmente la causa della psoriasi indotta dai betabloccanti.

[close]

p. 15

La psoriasi è ugualmente aggravata dalla mancanza di sonno, dal tabacco o l’alcol. Ed è ugualmente per motivi probabilmente simili che la psoriasi si aggrava sotto gli effetti del tabacco e dell’alcol. Queste due sostanze assunte in quantità eccessive costituiscono delle droghe che vanno a distruggere determinate molecole. Il principio attivo di cui parleremo ne subisce indirettamente ripercussioni sensibili. La mancanza di sonno, mettendo i nervi sotto tensione, può ugualmente provocare la psoriasi.

[close]

Comments

no comments yet