mondorealenumero86

 

Embed or link this publication

Description

mondorealenumero86

Popular Pages


p. 1

anno iv numero 9 18 marzo 2011 n.86 latina il centrosinistra scalda i motori mentre il pdl ancora non decide il patto interviene sulla questione della sanità nel lazio sezze ospedale `san carlo e concessionaria dondi sono i nodi di campoli vitelli vs del duca botta e risposta sulla situazione del centrodestra editoriale di simone di giulio attualitÀ sermoneta viabilità nel caos ogni volta che piove norma in arrivo dodici alloggi a canone sostenibile che il mio non fosse un lavoro facile è una cosa che ho sempre saputo fin dall inizio quando mi cimentavo su un mensile di latina poi su anteprimasport sperduto nei campetti della ciociaria sperando che i giocatori che la settimana precedente avevo bastonato con le pagelle non fossero lì ad aspettarmi per prendermi a scarpate stesso discorso per quanto concerne la mia prima esperienza in un quotidiano provinciale ho sempre cercato di metterci qualcosa di mio anche rischiando ma sempre nel rispetto dei ruoli e della dignità di una professione che io ritengo essere un provilegio per pochi alla notifica del mio primo 415bis del codice di procedura penale vi invito ad informarvi per capire di cosa si tratta non so se essere felice o deluso perché in realtà ho fatto mio un pensiero di migliaia di cittadini di sezze raccogliendo informazioni preoccupazioni e stati d animo su una faccenda complicata in cui a rimetterci sono sempre i cittadini qualcuno in consiglio ha apertamente preso le mie parti tutte cose registrate e c è anche chi è arrivato ad utilizzare le mie stesse parole per sottolineare la gravità del problema non mi risulta che a questi noti esponenti politici titta giorgi e serafino di palma per essere precisi sia arrivato un avviso all indagato della conclusione delle indagini preliminari ma io da loro adesso mi aspetto una presa di posizione in mio favore netta univoca altrimenti inizierò a valutare di candidarmi a consigliere e se uscirò comincerò a sparare a zero dai banchi di palazzo de magistris tanto a quanto sembra da lì si può fare mentre dalle colonne di un giornale che un sacco di persone si fanno il mazzo ogni settimana per realizzare evidentemente no attualitÀ maenza ecco come vengono usati gli `spiccioli delle multe priverno alla `don santoro didattica alternativa per i 150 anni sopravvissuto allo tsunami la testimonianza di corrado mandoli giovane privernate reduce dall inferno in giappone cultura cinema e consigli il cigno nero sezze i `faoni di san giuseppe collettiva d arte a laranarossa doctorbrain ecco pornon@uta

[close]

p. 2

speciale di luca morazzano mondore@le numero 86 18 marzo 2011 11 marzo giappone in ginocchio ripetute scosse di terremoto e le onde dello tsunami hanno squassato la potenza nipponica il terremoto in abruzzo nell aprile del 2009 è stato terribile e terrificante tante le vittime molto ingenti i danni agli edifici e alle infrastrutture tantissimi gli sfollati a scuotere le coscienze e la solidarietà di tutti noi l emergenza è ancora in atto e la situazione è ancora lungi dal tornare alla normalità tutto quello però a confronto del cataclisma che ha colpito nei giorni scorsi il giappone passateci il termine rischia di essere una tragedia ben minore il terremoto di 8,9 gradi sulla scala richter che si è abbattuto venerdì alle 14,46 erano le 6,46 in italia sulla parte nord-orientale dell isola honshu la più grande del giappone a 380 km da tokyo una zona abituata ai sismi anche se a tale violenza i danni ci sono stati a mietere il bollettino peggiore però ci ha pensato poco dopo uno tsunami con onde alte fino a dieci metri si è abbattuto sulle coste affacciate sul pacifico radendo al suolo la provincia di sendai vicina all epicentro non è finita qui alle 19,59 ora italiana le 3,59 di sabato ora locale un nuovo sisma di 6,2 gradi richter in una zona completamente diversa presso joetsu sulla costa ovest superficiale 1o km di profondità il sisma ha provocato frane e valanghe a tokamachi zona montagnosa a 50 km da nagano e morioka dove nel 1998 vennero disputate le olimpiadi invernali alle 20,47 sisma di 6,6 gradi in una terza zona nel mar del giappone a nord-ovest di honshu sempre a 10 km di profondità alle 20,25 c era stata una scossa di 5,5 gradi a soli 80 km da tokyo a conferma dello spostamento degli epicentri delle scosse di assestamento verso sud-ovest più vicino alla capitale decine di migliaia di morti la tragedia in cifre impressionanti le immagini e le notizie che sono arrivate dalla zona di sendai dove vivono circa 1 milione di persone l acqua si è spinta fino a 5 chilometri all interno quando si è ritirata sono rimasti su una spiaggia da 200 a 300 corpi la pista dell aeroporto è stata invasa dalle acque case e magazzini in fiamme in vaste aree di kesennuma 70 mila abitanti il porto di miyagi si è riempito di carcasse di veicoli trascinati via dalla furia del mare una grande esplosione è avvenuta in un complesso petrolchimico a shiogama un sobborgo nei pressi di sendai immagini 2 diffuse dalla televisione mostrano fiamme alte decine di metri che avvolgono l impianto la diga di fujinuma nella prefettura di fukushima si è rotta riversando l acqua a valle che ha spazzato via l intera città di sukagawa ad aggiungere drammaticità alla tragedia lo spauracchio nucleare derivanti dalle esplosioni nella centrale di fukushima queste le cifre purtroppo ancora parziali del cataclisma 8,9 gradi il terremoto più violento in giappone da quando esistono le rilevazioni sismiche e il quinto più forte al mondo dell ultimo secolo grazie alle costru zioni antisismiche obbligatorie in tutto il giappone i crolli non sono stati numerosi la gran parte delle vittime e dei danni è stata causata dallo tsunami 10 centimetri lo spostamento provocato dalla scossa all asse dell intero pianeta terra 10000 circa le vittime mietute dalla sciagura secondo le stime attuali ma si teme di dover presto aggiornare il bilancio soprattutto a causa delle notizie nefaste che provengono dalla centrale di fukushima lo spettro della sciagura nucleare allo stato attuale appare ben più concreto di un cattivo presagio

[close]

p. 3

speciale di mario giorgi mondore@le numero 86 18 marzo 2011 dallo tsunami alla sua casa di priverno l ingegnere carlo mandoli era in giappone nei giorni del cataclisma ed è riuscito a tornare in italia cominciamo dalla fine corrado mandoli 32 anni di priverno ingegnere dei materiali da lunedì 14 marzo è al sicuro nella casa dei suoi genitori a villa mery alla periferia della città tra l affetto dei suoi cari eppure appena ci risponde al telefono non esita ad affermare che pur nella felicità dello scampato pericolo il suo pensiero è ancora fisso al giappone dove sottolinea vuole tornare per un motivo ben preciso perché un suo ritorno in quella parte del mondo starebbe a significare che quella terra martoriata dal terremoto e dallo tsunami e a forte rischio nucleare e quella gente tanto laboriosa quanto sfortunata è ritornata alla vita normale ma la curiosità giornalistica lo riporta indietro alla terribile esperienza vissuta nella città di tsukuba a circa settanta chilometri a nordest di tokyo corrado ricorda perfettamente quel che è accaduto alle 14:46 le 6:46 ora italiana quando il violento terremoto di intensità 8.9 gradi della scala richter ha colpito il giappone l ing mandoli si trovava con altre persone nel suo ufficio stanza 511 al quinto piano di una palazzina dell istituto nazionale dei materiali scientifici all inizio ricorda corrado abbiamo pensato che si trattasse di una delle tante scosse che spesso in giappone si avvertono ma quando c è stata una scossa di ben più forte intensità abbiamo capito la gravità della situazione e ci siamo rifugiati sotto le scrivanie mentre il soffitto ci cadeva addosso poi come da copione corrado e quanti erano nella palazzina si sono portati in un campo di calcio all aperto e si sono messi in salvo sabato notte avendo appreso dalla cnn che ormai si era in allarme rosso corrado la sua compagna claudia ed altri italiani hanno dormito si e no un ora perché in tutti loro era maturata l idea di tornare in qualche modo a casa sono riusciti a prendere un taxi per farsi accompagnare all aeroporto di tokyo nel frattempo corrado era riuscito a mettersi in contatto con il fratello federico che immediatamente aveva provveduto a prenotare due posti su un aereo della turkish airlines che si è alzato in volo alle ore 15 le 7 in italia ed è atterrato a fiumicino alle 10 di lunedì mattina lì ad attendere corrado c erano il papà franco la mamma elvira picozza e i suoi familiari tutti si sono stretti in un abbraccio liberatorio perché la paura e la preoccupazione di papà franco mamma elvira dei fratelli federico e carlo degli altri parenti e dei tanti amici che si sono stretti intorno alla famiglia mandoli avevano raggiunto livelli incontrolla bili soprattutto quando dopo lo tsunami e il terremoto che avevano provocato la morte di migliaia di persone s è registrata l esplosione della centrale nucleare di fukushima ma chi è corrado mandoli ha frequentato il liceo scientifico di priverno completando il corso di studi con il massimo dei voti poi l università la sapienza di roma una facoltà di quelle toste ingegneria dei materiali anche questo ostacolo superato con il massimo dei voti e la lode quindi il dottorato di ricerca a tor vergata poi il 1° giugno del 2009 la partenza per il paese del sol levante grazie ad una borsa di ricerca post-dottorato il sogno di corrado si stava materializzando l obiettivo era stato praticamente raggiunto il futuro sicuramente roseo si poteva realizzare dovunque in giappone come in europa fors anche in italia poi il terribile terremoto e il rocambolesco rientro in italia ma quel terremoto dell intensità di 8.9 gradi della scala richter di un venerdì mattina ha fermato soltanto temporaneamente un excursus di ricerca di studio e di lavoro che corrado riprenderà quanto prima dovunque se ne può essere certi perché chi come chi scrive lo ha conosciuto e seguito per cinque anni tra i banchi dello scientifico di priverno non ha dubbi che sarà così 3

[close]

p. 4

latina di sabrina de filippis mondore@le numero 86 18 marzo 2011 il centrosinistra scalda i motori moscardelli ha incontrato l esecutivo università e impresa i temi trattati per il rilancio della città si è tenuto lo scorso 13 marzo l incontro ufficiale tra il candidato sindaco del centrosinistra claudio moscardelli e l esecutivo provinciale del partito democratico l occasione ha permesso ai presenti di affrontare diverse tematiche care al partito l esperienza del centrodestra a latina ha esordito enrico forte segretario provinciale del pd ha dato alla città un sapore autarchico rinchiudendola entro i confini del comune e rendendola incapace di svolgere il suo ruolo di capoluogo di provincia e di seconda città del lazio il superamento di questo stato dei fatti per restituire a latina la dimensione che le compete è l obiettivo primario del partito democratico che ha schierato tutte le sue forze e tutte le sue risorse in sostegno della candidatura di claudio moscardelli l intervento di moscardelli è stato rivolto all università e all impresa in merito all università ha dichiarato il candidato pd ritengo che eventuali nuove facoltà non debbano essere ubicate nel centro storico che non può diventare un quartiere universitario perché non è dotato delle caratteristiche e dei servizi necessari credo che vada rivisto anche l impiego degli immobili esistenti poiché ad esempio l ex distretto è più idoneo a ospitare una facoltà umanistica mentre ingegneria ha bisogno di spazi diversi inoltre la nuova amministrazione dovrà adottare un crono programma relativo all università per evitare penalizzazioni degli studenti in merito allo sviluppo imprenditoriale moscardelli ha affermato sul territorio abbiamo esempi come quello del palmer ma il modello che prendo a riferimento è quello del chilometro rosso di bergamo finanziato dalle aziende e dall università per sviluppare ricerca e innovazione sui prodotti industriali in un periodo in cui si discute molto dei tagli del governo alla cultura il candidato del centrosinistra ribadisce l importanza della promozione e della gestione del settore È necessario ha sottolineato moscardelli restituire al palazzo della cultura la funzione per cui è nato liberandolo dagli uffici e garan tendogli un autonomia di gestione deve essere un luogo di produzione della cultura fruibile dai cittadini ed aperto tutto il giorno e sulla questione biblioteca moscardelli ha detto nino corona ebbe un intuizione geniale sulla stirling ma trent anni dopo non è più realizzabile anche per la mancanza di risorse palazzo m è quindi il luogo ideale per ospitare la biblioteca universitaria è vero che è di proprietà del demanio ma con il federalismo i beni demaniali passeranno ai comuni inoltre sono iniziati i lavori all ex icos finanziati dal provveditorato alle opere pubbliche del ministero per il trasferimento della guardia di finanza da palazzo m si possono però subito dislocare gli uffici della questura ad esempio negli ex monopoli di stato iniziando così a liberare un ala per la biblioteca l incontro è stata un occasione di dialogo e di confronto in merito ai punti salienti del programma in vista delle prossime amministrative moscardelli procede la sua campagna elettorale avendo dalla sua non solo il sostegno di tutte le componenti del pd ma anche quello del suo avversario alle primarie giorgio de marchis torna d attualitÀ l allarme nucleare dopo i fatti del giappone della pietà e giansanti ribadiscono in maniera netta il proprio dissenso di sabrina de filippis dopo il sisma nelle centrali in giappone l allerta nucleare ripropone la questione anche nella provincia di latina in merito a ciò la commissione provinciale sull ambiente si è riunita lo scorso martedì 15 marzo per presentare un documento politico attraverso il quale manifestare ancora una volta il suo no al ritorno all energia nucleare nella centrale di borgo sabotino diremo ancora no al nucleare ha sostenuto con fermezza il presidente della commissione ambiente enrico della pietà perché latina ha già dato una presa di posizione chiara e unitaria è indispensabile per garantire che non ci sia un ritorno del nucleare sul nostro territorio anche il presidente di libere idee andrea giansanti è intervenuto sul tema queste le sue dichiarazioni sono passati esattamente dieci anni da quando venne presentato il progetto di riconversione del sito della centrale nucleare di borgo sabotino in impianto ad energia solare con specchi capaci di produrre circa metà dell intero fabbisogno di latina il progetto spiega giansanti era completamente finanziato parte dallo stato e dalla regione e parte da un consorzio di privati a cui aveva aderito anche l eni l obiettivo era quello di ottenere energia pulita ad un costo di circa 50 centesimi di euro per kilowattora meno della metà del nucleare senza contare gli ulteriori incentivi del conto energia inoltre il solare termodinamico era un progetto italiano a differenza del nucleare il presidente di libere idee ricorda quello che è accaduto l 11 ottobre 2004 il sindaco vincenzo zaccheo bocciò l iniziativa dicendo che avrebbe creato inquinamento luminoso nel novembre successivo rubbia fu costretto ad abbandonare definitivamente il progetto di borgo sabotino lamentando troppa burocrazia e bastoni tra le ruote e si concentrò sull impianto solare gemello di priolo in sicilia che è stato regolarmente completato e inaugurato nello scorso luglio latina non solo ha perso una gigantesca opportunità sotto il profilo energetico occupazionale e di riconversione del sito di borgo sabotino ma oggi si ritrova col rischio di ospitare il deposito nazionale di scorie nucleari 4

[close]

p. 5

latina di sabrina de filippis mondore@le numero 86 18 marzo 2011 escorso 9 marzo confindustria latina ha organizzato un workshopreach ntra nel vivo il progetto lo sull argomento lo scorso 9 marzo confindustria latina in partnership con pa.l.mer parco scientifico e tecnologico del lazio meridionale l università la sapienza di roma e centro reach s.r.l di federchimica ha organizzato a latina un workshop dal titolo essere preparati agli obblighi del reach e alla prossima scadenza del 2013 l evento si è tenuto con lo scopo di illustrare i temi importanti in ambito del regolamento reach un regolamento che non riguarda soltanto i produttori e importatori di sostanze chimiche sono intervenuti esperti del nostro territorio delle nostre istituzioni e del mondo accademico professionisti di federchimica e di altri enti che hanno conseguito importanti esperienze nelle attività per la prima scadenza delle registrazioni reach il regolamento reach approvato dall unione europea ha spiegato il prof luigi campanella del dipartimento di chimica dell università la sapienza di roma rappresenta un primo importante traguardo nella direzione di assicurare la sicurezza di cittadini ed utenti la sua approvazione non è stata indolore infatti è chiaro che esso rappresenta da un lato un peso economico notevole per l industria costretta a garantire rispetto a differenti aspetti i composti che mette in circolazione in quantità significative e dall altra un impegno molto stringente per la comunità scientifica da due differenti punti di vista metodi e test di verifica la prima fase di registrazione è scaduta il 30 novembre 2010 e la seconda fase è già stata avviata è quindi importante per gli operatori coinvolti non farsi cogliere impreparati e farsi trovare pronti di fronte ai nuovi obblighi e alle prossime scadenze visto che presto verranno applicate anche nuove normative il patto scende in campo sulla sanitÀ all incontro dibattito organizzato da ignazio raimondo sono intervenuti molti esperti del settore di sabrina de filippis il movimento civico il patto è intervenuto nei giorni scorsi sullo scottante tema della sanità in un incontro-dibattito dal titolo la sanità eccellenze e problematiche dell esperienza a latina da servizio a risorsa organizzato e moderato da ignazio raimondo giornalista ed editore il movimento ha voluto sensibilizzare e coinvolgere i cittadini su tematiche di grande rilevanza politica e sociale tra le quali quelle relative al ruolo dei servizi sanitari quello che è emerso dalle testimonianze dei relatori è che a latina sul piano sanitario ci siano luci ed ombre e emerso anche come una maggiore attenzione all organizzazione del sistema sanità possa produrre non solo un netto miglioramento del servizio per i cittadini ma anche una crescita economica favorita dal traino di servizi complementari ed all avanguardia sono intervenuti cinque rappresentanti del mondo sanitario che hanno fornito un prezioso e costruttivo contributo attraverso il racconto delle proprie esperienze e storie professionali il dott federico bizzarri primario cardiochirurgia del polo universitario pontino-ospedale santa maria goretti la dott.ssa rita salvatori primario del reparto di medicina nucleare dell ospedale di latina il prof fabio miraglia responsabile delle rsa del gruppo giomi docente di economia sanitaria presso l università di reggio calabria il dott damiano coletta cardiologo dirigente medico utic dell osp s.m.goretti il dott giovanni maria righetti presidente dell ordine dei medici ed odontoiatri della provincia di latina ciascuno ha evidenziato come a latina ci siano grandissimi margini di miglioramento nel settore sanità tutti i relatori hanno concordato sul fatto che la voce di latina deve farsi sentire di più a livello regionale laddove si decide la politica sanitaria questo l invito fatto a chi sarà chiamato ad amministrare la città in particolare bisognerà riorganizzare per risparmiare risorse da destinare ad arricchire l offerta sanitaria facciamo sentire di più la voce di latina è questo il messaggio-conclusione emerso dal dibattito organizzato da ignazio raimondo 5

[close]

p. 6

sezze di simone di giulio mondore@le numero 86 18 marzo 2011 dondi e ospedale i nodi di campoli il primo cittadino ha spiegato i problemi legati alla concessionaria e al san carlo ospedale e dondi sono i problemi di questo 2011 per gli amministratori setini e quanto trapela dalle dichiarazioni del sindaco andrea campoli che lo scorso 10 marzo ha tenuto una lunga conferenza stampa nella quale ha affrontato i due nodi che stanno condizionando il paese le questioni legate al futuro dell ospedale s.carlo e il rapporto con la concessionaria del servizio idrico integrato dondi spa riguardo al nosocomio setino il primo cittadino ha affermato e stato avviato un confronto con la direzione della azienda sanitaria locale la quale in questi giorni sta producendo delle ipotesi che laddove venissero confermate sarebbero soluzioni comunque positive per la sanità e per l intero territorio se questo non dovesse andare in porto la nostra iniziativa politica ed istituzionale tornerà a calibrarsi rispetto alla concretizzazione di volontà che in questo momento anche se il nostro giudizio sul decreto è negativo appaiono comunque positive attendiamo la prova dei fatti che dovrà comunque definirsi a breve termine ha proseguito campoli perché la asl sta redigendo un atto aziendale come previsto dal decreto regionale il sindaco ha ricordato tutto l escursus compiuto dall amministrazione comunale che a fronte dei due decreti della presidente polverini con i quali si disponeva la riconversione dell ospedale di sezze ha ritenuto di dover protestare anche con la clamorosa occupazione della ferrovia abbiamo messo in campo ha puntualizzato campoli una serie di iniziative sia di mobilitazione che di contatti istituzionali sfociati successivamente in un incontro che ho avuto con la presidente e commissario alla sanità della regione lazio in quella circostanza la polverini accogliendo queste argomentazioni e motivando la natura del suo provvedimento con il deficit strutturale della sanità regionale ha sostanzialmente rimandato ad una successiva fase di confronto con la dirigenza della asl per cui il termine premesso dell 1 gennaio del 2011 per l attuazione dei provvedimenti sarebbe stato allungato nel tempo fino ad arrivare alla fine di giugno ad oggi c è l impegno ad ascoltare le argomentazioni delle istituzioni locali circa le modalità di attuazione dei decreti ci tengo a ribadire che nessuno sta vivendo questa vicenda in maniera inerte o passiva ma stiamo seguendo quei canali che riteniamo siano gli unici giusti per definire nel dettaglio una ipotesi di caratterizzazione di rilancio del nostro ospedale il sindaco ha sottilineato anche che l amministrazione comunale sta affrontando la questione della sanità locale in sinergia con la provincia il consiglio di via costa ha infatti approvato all unanimità un documento in cui si contrasta il piano di riordino della polverini si sta svolgendo ha aggiunto campoli un lavoro forse oscuro ma tuttavia orientato al raggiungimenro dei migliori risultati possibili per quanto concerne il rapporto con la dondi la giunta ha dato mandato al sindaco a stare e resistere nel giudizio promosso con la domanda di arbitrato notificata su istanza della costruzioni dondi s.p.a in data 16 febbraio 2011 con facoltà di nomina del legale di fiducia dell ente la concessionaria del servizio idrico integrato reclama il pagamento di 11.803.165,91 euro per i lavori svolti e per le utenze pubbliche del periodo 2005-2010 l ente si costituirà nell arbitrato nominando l avvocato alberico marracino del foro di roma esperto in contrattualistica pubblica quale componente del collegio arbitrale avendo preso atto di questo giudizio arbitrale nel quale sono contenute richieste assurde già bocciate nel precedente lodo arbitrale abbiamo precisato la nostra posizione siamo convinti ha spiegato campoli che sia inammissibile la clausula compromissoria contenuta nell atto aggiuntivo atrraverso la quale c è la possibilità dei contraenti di addivenire ad un giudizio arbitrale che dirima in via amichevole le questioni inerenti la gestioni questa procedura come già precedentemente contesta6 to è contra legem il primo elemento quindi che il nostro legale sottoporrà al giudizio arbitrale sarà la convinzione che la clausda compromissoria sia nulla qualora questa rimostranza non dovesse essere accolta crediamo di avere le argomentazioni per confutare le richieste della concessionaria in via ricompensionale dato che siamo stati chiamati in giudizio chiameremo la concessionaria a pagare le penali per le sue inadempienze che i cittadini di sezze vivono tutti i giorni sulle proprie spalle direttore responsabile simone di giulio vicedirettore luca morazzano caporedattrice paola bernasconi redattori domiziana tosatti luisa belardinelli sabrina de filippis marco fanella roberto tartaglia mario giorgi responsabile web alessandra carconi progetto grafico e sito web sketch[idea stampato presso artegraf via marittima 75 priverno contatti www.onirikaedizioni.it www.myspace.com/mondoreale mondorealemagazine@gmail.com tel 3394966093 la redazione di mondore@le sede di onirika edizioni si trova in via casali iv tratto snc 04018 sezze lt testata registrata presso il tribunale di latina il 29 febbraio 2008 rg 128/08 vg cr.323 registrazione stampa n.892 iscritto al roc dal 7 marzo 2008 n° iscrizione 17028 ogni forma di collaborazione con onirika edizioni salvo accordi presi in precedenza È da ritenersi totalmente gratuita chiuso in redazione il 16 marzo 2011

[close]

p. 7

sezze di simone di giulio mondore@le numero 86 18 marzo 2011 vitelli e del duca botta e risposta i due esponenti del centrodestra si attaccano reciprocamente sulla questione forza del sud del duca partecipa alla presentazione a latina della lista forza del sud e le polemiche non mancano a parlare della situazione del centrodestra setino è il consigliere antonio vitelli che attacca il presidente del pdl setino ricordando gli errori che hanno portato alla disgregazione del partito in una nota vitelli afferma come era facilmente prevedibile il processo di disgregazione di ciò che fu forza italia nel territorio setino ha assunto ormai veste ufficiale con il passaggio dell ultimo rappresentante giovanni del duca alla nuova formazione politica forza del sud l esclusione di di palma ultimo candidato a sindaco della casa della libertà quella di reginaldi unico eletto di forza italia quella del sottoscritto ultima ruota del carro nel centrodestra ma con ruoli competenze ed esperienze amministrative solo sognati dai professionisti locali della sconfitta elettorale l abbandono di tutti i quadri vecchi e nuovi che facevano riferimento a quell area culturale e politica da pino ciarlo ex candidato a sindaco nel 2003 ad aldo lucidi rende pacifica la costatazione che il pdl setino sostanzialmente è ridotto a qualche ex an qualche ex lista mussolini qualche ex rifondazione comunista il segretario e qualche personaggio minore della prima repubblica fuori dalle competizioni elettorali da oltre 20 anni vitelli prosegue nella sua analisi ragionando sulle contraddizioni politiche che sarebbero emerse nell atteggiamento del popolo della libertà la linea politica di questi ultimi 2 anni si è incentrata contro gli autovelox in antitesi con le scelte della provincia che invece ha aumentato esponenzialmente le macchinette riducendo incidenti e morti e a favore dell acqua pubblica in antitesi con la politica e la storia del centrodestra italiano da quello nazionale a quello provinciale come dimostra acqualatina l unica voce di area ex forza italia sottolinea vitelli è quella di vittorio accapezzato che ogni tanto appare sulla stampa intervenendo a titolo puramente personale poiché non risulta essere mai stato tesserato pdl e non è più tesserato forza italia da anni e anni la disintegrazione del partito locale è stata mascherata alle ultime amministrative del 2007 poco più di 900 voti dall opera di di palma grazie agli innesti dell ultimissima ora di reginaldi e roscioli che insieme registrarono poco meno dei voti di tutti gli altri 18 candidati molti dei quali provenivano dalla civica locale md riducendo di fatto i consensi effettivi della lista di forza italia a meno di 200 voti una miseria assoluta nessun dramma all orizzonte chi si rivede nell area culturale di forza italia conclude vitelli potrà continuare a sostenere il pdl a livello provinciale regionale nazionale ed europeo mentre a livello comunale continuerà a fare ciò che da sempre contraddistingue gli elettori moderati valutare la serietà l onestà e le competenze politiche dei candidati insieme alla validità amministrativa dei progetti in campo immediata la replica di giovanni del duca alle parole del consigliere comunale setino in una nota il presidente del partito di sezze ha affermato vorrei chiarire che la mia appartenenza alla popolo della libertà non è mai stata in discussione sono stato iscritto a forza italia dal 1994 eletto capogruppo di forza italia nella giunta zarra ho poi ricoperto il ruolo di commissario nella delicata fase di unificazione dei partiti storici della casa della libertà nel pdl oggi prosegue del duca faccio parte del direttivo di sezze e collaboro in perfetta armonia con il segretario rinaldo ceccano e con gli amici della dirigenza alla crescita del partito in merito alla sua partecipazione alla presentazione a latina di forza del sud movimento del quale del duca è considerato uno dei coordinatori provinciali l esponente del pdl precisa ritengo che ad oggi forza del sud si presenti non come un ostacolo ma come un opportunità un valore aggiunto per consentire di avvicinarsi al centrodestra a persone che non sono nate con noi e per orientare nel tempo l attenzione del governo verso i problemi del centro?sud bilanciando l azione di lobbyng svolta dalla lega nord sono stato invitato all inaugurazione della nuova sede di latina dalla dirigenza di forza del sud e malgrado trovi lodevole e necessaria la loro iniziativa non ho mai sottoscritto nessun impegno ufficiale con questo nascente partito il mio impegno conclude del duca è e resta nell ambito del pdl e proprio in virtù di questo impegno mi rendo disponibile al dialogo con tutte le iniziative che collaborino in modo diretto o indiretto alla crescita del popolo della libertà anche e soprattutto nell interesse del mio territorio mi spiace molto che taluni sedicenti appartenenti al centrodestra ma di fatto sostenitori della giunta di sinistra del sindaco campoli abbiano colto l occasione per strumentalizzare lanciandosi in fantasiose analisi politiche sulla stabilità del pdl a sezze invito queste persone in particolare vitelli a farmi una telefonata la prossima volta che sognino la mia dipartita verso altri movimenti e ad astenersi se gli è possibile dall infangare costantemente il paziente e puntuale lavoro di opposizione svolto dai nostri 7

[close]

p. 8

sezze nel tentativo di fare chiarezza e dare un contributo alla comunità setina senza voler polemizzare con nessuno ritengo importante spendere ancora due parole sulla sagra del carciofo questa volta partendo dalla proposta del consigliere comunale roberto reginaldi che chiede di estendere a tre giorni la durata della manifestazione tirando in ballo la questione delle associazioni che battono cassa pessima espressine specchio dell attuale situazione di degrado in cui ci troviamo e che dovrebbe far preoccupare amministratori e cittadini a meno di un mese dall annuale appuntamento con la più importante vetrina promozionale del nostro paese giunta alla sua 42a edizione quello che a mio parere è da modificare se proprio vogliamo migliorare l evento non è certo la sua durata o una maggiore presenza delle associazioni infatti devo ricordare a tutti che nel 2007 nel 2008 e nel 2009 periodo che è coinciso con gli anni in cui ha funzionato la consulta delle associazioni da me presieduta le attività legate alla sagra iniziavano il giovedì e proseguivano per tutto il weekend con appuntamenti culturali ed enogastronomici a cui le associazioni di volontariato hanno dato un importante apporto per avere un idea di quanto è stato realizzato dai volontari nelle edizioni 38 39 e 40 8 mondore@le numero 86 18 marzo 2011 sagra del carciofo lo sfogo di romano basta collegarsi in internet a questo sito www.setino.it e visitare le pagine aspettando la sagra si trovano foto filmati e descrizioni delle attività realizzate documenti non battute gratuite nello stesso spazio oltre a seguire e a documentare quasi tutte le iniziative presentate in quei giorni ho sostenuto che la gestione della sagra andava ammodernata e condivisa con le diverse realtà del territorio ma tutte le mie proposte si sono infrante sull incomprensibile ostinazione dell ente comunale che ha preferito mantenere metodi e modi di procedere obsoleti di fatto abbandonando l idea di voler condividere con le associazioni di volontariato la gestione di eventi importanti così come riportato nel regolamento comunale della consulta documento in cui il ruolo delle associazioni è tutt altra cosa da quello descritto nella battuta di reginaldi in quel documento per esempio il sindaco è tenuto ad ascoltare le proposte che arrivano dalla consulta e le associazioni svolgono un importante compito sociale l assurdo che voglio ribadire è che l ente non può pensare dopo aver preso tutte le decisioni in una determina di poche righe di rivolgersi alle associazioni che attualmente non hanno neppure un punto di riferimento come accadeva due anni fa chiedendo la partecipazione e la condivisione su un progetto che come ho già definito lo scorso anno si organizza sostanzialmente attraverso un sistema autocratico così le cose forse funzionavano cinquant anni fa oggi occorre con urgenza una gestione moderna che prevede la progettazione degli eventi con largo anticipo e che si basa sul coinvolgimento di tutte le realtà del territorio con cui condividere i vari momenti pubblici gli obiettivi come si è capito sono molteplici e non riguardano solo la realizzazione di una fiera ma attorno a loro gira l intera vita della nostra comunità fatta di storia di tradizioni e di quotidianità.

[close]

p. 9

pontinia di roberto tartaglia mondore@le numero 86 18 marzo 2011 pd e udc l alleanza È fatta la soddisfazione di tombolillo le forze moderate possono essere un forte alleato la conferenza stampa di presentazione ufficiale dell alleanza tra partito democratico e udc si è svolta nell aula consigliare del comune di pontinia lo scorso 12 marzo l udc è stato scelto come alleato per la sua continua avversione alla dichiarazione di dissesto con loro intendiamo dar vita ad un percorso di crescita armoniosa con particolare attenzione alle esigenze dei cittadini più deboli queste le parole che hanno risuonato quasi in coro al momento della presa di parola del sindaco tombolillo e dei segretari pd magnarelli e udc cengia qui ci conosciamo tutti ha aggiunto gianluca cengia e sappiamo bene qual è lo spirito che ci anima uno spirito improntato al bene comune seppur nel 2006 abbiamo fatto scelte diverse perché non eravamo ancora pronti la nostra alleanza ha basi storiche non è nata dal nulla ora l importante è che le segreterie facciano bene il loro lavoro e operino in armonia con il consiglio ramati ha poi aggiunto l importante è non fare mai la riserva forse l opinione pubblica pensa che io ora mi trovi in difficoltà poiché sono sempre stato alla minoranza ma ricordo che sono stato due anni in maggioranza con la giunta mochi l ho fatto perché vedevo il programma politico come il mio ma poi quando ho preso le distanze dalla dichiarazione di dissesto sono stato messo da parte l udc inoltre ci tiene a sottolineare che era già pronto un programma alternativo se l alleanza non fosse andata a buon fine ma ciò che più conta è che dalle loro parole si evince una spudorata sicurezza nella vittoria e nell assegnazione della maggioranza comunale all asse pd-udc e gli esponenti del partito democratico non son da meno sindaco in primis nonostante la riduzione dei posti assicuro che l udc starà all esecutivo dice tombolillo e credo che anche a livello nazionale sia il caso di allargare la base del pd pontinia è sempre stata un laboratorio e lo sarà anche in questo caso le forze moderate possono essere un forte alleato poi tombolillo lancia due bombe e la prima riguarda il suo futuro se anche la legge dovesse cambiare io non mi ricandiderò mai più a sindaco ho voluto farlo per l ultima volta perché sento il desiderio di lavorare per bene ed in serenità dopo cinque anni di tumulti la seconda riguarda la questione bilotta il problema di bilotta non esiste ha voluto sempre fare il consigliere solitario ed ora il suo operato in termini politici non ha alcun valore non gli ritiro la delega solo per non umiliarlo pubblicamente poi il sindaco ufficializza lo schieramento di subiaco dalla loro parte dando un ulteriore colpo al già frastagliato fronte del centrodestra che vedeva in subiaco un possibile leader intanto ci si chiede come mai l assessore patrizia sperlonga non abbia partecipato alla conferenza stampa a questo punto sembrano trovare conferma le voci di corridoio che vedono l attuale assessore come possibile illustre esclusa 9 torelli condanna l unione nel centrosinistra paolo torelli non vede assolutamente di buon occhio l alleanza tanto da scagliarsi con forza contro la decisione di donnarumma insieme a lui abbiamo impostato un modo nuovo di fare opposizione scrive torelli ma io sono sempre rimasto ben saldo e fedele ai miei ideali di destra la bussola del mio impegno è sempre stato il benessere della popolazione non il tornaconto personale e intrallazzi con la maggioranza poi il consigliere di opposizione passa a definire l alleanza con tombolillo come shoccante e riferendosi alle precedenti elezioni dice lui rappresentava il rinnovamento contro un sistema ventennale perpetrato da tombolillo 2.684 persone lo hanno votato per questo motivo oggi purtroppo le ha tradite tutte e ha tradito anche noi consiglieri comunali che credemmo nel progetto e continua senza mezze misure nella storia i grandi generali sconfitti in battaglia sapevano perdere con onore riconoscere la sconfitta e lavorare per rifarsi non ho mai visto che un generale diventasse subordinato del generale nemico che lo aveva sconfitto poco prima purtroppo donnarumma ha fatto così invece e conclude asserendo io preferisco la coerenza e se ciò vuol dire opposizione ci sarò per altri 5 anni ma torelli non soddisfatto del suo sfogo in riferimento alle delibere sul piano urbanistico approvate nel consiglio comunale del 4 marzo che hanno interessato tra l altro il piano di lottizzazione della zona c3 il dispositivo sulla salvaguardia architettonica dei nuclei poderali ex o.n.c e diverse opere in zona 167 popolare afferma abbiamo votato all unanimità in commissione urbanistica e poi in consiglio comunale a dimostrazione che questa è stata una legislatura costruttiva che ha posto al centro dell attenzione le esigenze socioeconomiche della collettività e non le contrapposizioni ideologiche o partitiche È stata abbandonata la via delle denunce e dei processi giudiziari sostenuta da qualche politico ormai datato per età e metodi politici torelli aggiunge che ciò che realmente interessa ai cittadini è una maggiore attenzione alle loro esigenze e non le beghe politiche chi non riesce a capire ciò è meglio che alle prossime elezioni resti a casa e dia più spazio ai giovani e a chi ha veramente voglia di lavorare per la collettività e per portare ricchezza sviluppo economico e nuovi posti di lavoro r.t

[close]

p. 10

sermoneta di domiziana tosatti mondore@le numero 86 18 marzo 2011 due giorni di pioggia e torna il caos bastano un paio di giornate di precipitazioni abbondanti e la situazione della viabilità va in tilt bastano due giorni di pioggia e tornano inesorabilmente alla luce tutti i problemi di un sistema urbano e di servizi fragile ed al quale non viene posto un rimedio programmatico le piogge delle ultime ore hanno di nuovo portato disagi viari di sempre e il caso della zona rurale di mancinella e pelliccio a sermoneta scalo dove è evidente la scarsa manutenzione viaria i residenti dell area ed i proprietari dei numerosi fondi terrieri ha osservato antonio scarsella capogruppo consiliare sono praticamente prigionieri dell acqua delle buche e dei fossi tanto che qualcuno sta già pensando ad un azione legale a tutela dei propri diritti essenziali esempio eclatante è via del serbatoio qui il tratto finale a causa degli ultimi lavori fatti su via della stazione su cui sfocia si allaga continuamente e puntualmente a causa della mancanza di un adeguato sistema di scolo delle acque meteoriche ancora più grave se si parla dell area di pontenuovo-carrara limitrofa al centro commerciale attorno al centro commerciale ha spiegato ancora scarsella esiste una sermoneta di serie b seppure nuova ed oggetto di interventi abitativi in corso via dell irto dove ci sono la scuola la ciesa ed il centro civico è un acquitrino dove ristagna l acqua e dove non c è un sistema di scolo e dove non esiste un adeguata pulizia del fosso teppia sullo stesso tratto continua a non essere garantita la sicurezza dei pedoni e le attività commerciali sono penalizzate attenzione alla manutenzione viaria andrebbe posta anche nel tratto del sottopasso ferroviario che collega borgata carrara a latina scalo il sottopasso ha dichiarato il consigliere è stretto allagato e con evidenti problemi di sicurezza cui continuano a non arrivare risposta torna prepotente quindi l esigenza dell elaborazione di un piano complessivo del traffico e della viabilità che sappia porre rimedio in maniera omogenea alle difficoltà del territorio scuola di doganella occorre attenzione scarsella sottolinea la necessità di lavori di messa in sicurezza per il plesso della frazione di ninfa mentre si sta procedendo con i lavori di realizzazione di un nuovo edificio scolastico che secondo il progetto originario dovrebbe ospitare la nuova scuola elementare e che invece sarà destinato sembra temporaneamente alla scuola media sin dal prossimo anno scolastico l edificio di fondazione che oggi accoglie i bambini delle elementari è soggetto a svariati disagi le problematiche si verificano soprattutto nei giorni di pioggia e ad evidenziare la questione è antonio scarsella capogruppo consiliare del gruppo misto che ha invitato l amministrazione guidata da giuseppina giovannoli a provvedere prima o almeno contestualmente alla realizzazione del nuovo edificio alla messa in sicurezza del vecchio in uso quando piove ha osservato l edificio scolastico di fondazione che attualmente ospita la scuola elementare e continuerà ad ospitarla secondo la volontà del comune di sermoneta va incontro e con esso gli insegnanti gli alunni e i genitori a diversi inconvenienti quali infiltrazioni d acqua impossibilità di accendere le luci per evitare che di creino cortocircuiti piazzale esterno reso scivoloso dal fango nel 2006 l amministrazione 10 comunale ha spiegato il consigliere aveva ottenuto un finanziamento dalla regione proprio per costruire una scuola elementare nuova che è appunto quella in costruzione ora la stessa amministrazione per mettere una pezza alla cattiva programmazione e alle sue promesse ci sposterà i ragazzi della scuola media È stata autorizzata dalla regione si è chiesto scarsella al cambio di destinazione di uso e chi dovrà continuare ad utilizzare l edificio della bonifica dovrà continuare a convivere con i disagi si rischia operando in tal modo secondo antonio scarsella di creare una scuola di serie a ed una di serie b tuttavia se l occupazione del nuovo edificio da parte della scuola media è solo temporanea si potrebbe mettere la media nel vecchio edificio visto che i ragazzi sono più grandi e che la sistemazione sarebbe limitata ad un periodo ed intanto sistemare il vecchio stabile comunque ha ribadito in chiusura è indubbio che occorre un intervento straordinario sull edificio attuale per porre fine oggi e nel prossimo anno scolastico e per chiunque lo occupi ad una oggettiva situazione di disagio d.t

[close]

p. 11

bassiano di domiziana tosatti mondore@le numero 86 18 marzo 2011 trasformiamo lo giovani che vuole farne la propria sede sportello iat la proposta scaturita dall ultimo consiglio dei trasformare i locali che oggi ospitano lo sportello di informazione al turista iat nella sede operativa del consiglio dei giovani che dal proprio canto si impegna a gestire lo stesso sportello in maniera gratuita questa la proposta scaturita dall ultima seduta di consiglio e discussa anche in presenza del primo cittadino costantino cacciotti lo sportello oggi è dato in gestione attraverso una delibera di giunta all associazione della pro loco che tuttavia con le proprie risorse umane fino ad ora non è ancora riuscita a rendere di fatto operativo il servizio l assenso del sindaco ad un protocollo d intesa tra il consiglio e l associazione sarebbe la risoluzione di due problematiche da una parte la destinazione finalmente di un locale al conisglio dei giovani dall altra l operatività del servizio iat avremmo finalmente una sede in cui operare ha osservato il presidente del consiglio alessandro gnessi e d altro canto renderemmo concreta la nostra disponibilità volontaria a lavorare al fianco del mondo dell associazionismo al fine di creare un sistema sociale che porti benefici effetti per l intero territorio comunale offrendo in modo particolare servizi alla popolazione giovanile se l amministrazione comunale accettasse la nostra proposta si affermerebbe di certo un metodo per incentivare la partecipazione ed il coinvolgimento dei giovani sia alla vita politica che all associazionismo due elementi di imprescindibile importanza per gettare le basi di un futuro migliore favorevole alla proposta si è già detto il presidente della pro loco gio battista lambiasi che in una lettera al primo cittadino ha espresso il proprio accordo ad affidare la gestione dello sportello di informazione al turista al consiglio dei giovani a nostro parere ha scritto lambiasi risulta opportuno ridare la giusta dinamicità alla collaborazione affinché porti risultati a favore della comunità affidare la gestione al consiglio dei giovani significherebbe delineare in ordine alla politica turistico-culturale una proposta di struttura permanente di accoglienza assistenza e promozione dal momento ha osservato che l accoglienza è il biglietto da visita più immediato che un paese presenta ai propri visitatori l ufficio di informazione ed accoglienza risponderebbe al criterio di professionalità e sarebbe il primo interfaccia tra il titolare dell offerta turistica e chi ne intende beneficiare negli anni è sempre stato difficile reperire risorse volontarie per la gestione del servizio e a tale mancanza di sopperirebbe con la disponibilità dei ragazzi del consiglio di domiziana tosatti norma 12 alloggi a canone sostenibile gio popolare di avere un abitazione pagando un affitto calmierato rispetto ai prezzi di mercato saranno 12 le famiglie interessate gli alloggi saranno destinati sia alle fasce sociali in possesso dei requisiti per l accesso al sistema dell edilizia residenziale pubblica che a categorie di cittadini che superano i limiti di accesso ma si trovano comunque in condizioni di disagio abitativo un intervento importante ha commentato il sindaco sergio mancini perché destinato a soddisfare le esigenze abitative di fasce deboli ed economicamente svantaggiate al piano terra dell edificio sorgerà anche un asilo nido di cui norma fino ad oggi è stata sprovvista l asilo nido è un servizio primario per le giovani coppie che lavorano inoltre sorgerà non distante dall area destinata ad ospitare il nuovo polo scolastico per il quale giunto a compimento l iter burocratico per l approvazione della progettazione esecutiva si sta lavorando al bando di gara dodici alloggi a canone sostenibile ed un asilo nido all interno della zona 167 che ospita le casa di edilizia pubblica questo il progetto del comune di norma seguito dall assessore all urbanistica mauro ferrarese che la regione lazio ha ammesso nei giorni scorsi al finanziamento complessivo di 565mila euro nell ambito del programma di riqualificazione urbana approvato nel 2008 dal ministero delle infrastrutture il programma del ministero prevede il finanziamento di interventi volti al recupero di aree urbane degradate ed alla realizzazione di servizi abbiamo scelto di elaborare un progetto che riguardasse la zona 167 ha spiegato ferrarese in linea con quanto fatto fino ad oggi da questa amministrazione il nostro progetto è stato ammesso al finanziamento di 565mila euro ed il comune parteciperà con la messa a disposizione dell area su cui sorgeranno gli alloggi stimata in 150mila euro in questo modo si darà l opportunità anche a chi non ha potuto accedere all allog un corso per genitori iniziativa avis a sermoneta mamma e papà si diventa è un corso di formazione e di confronto sul ruolo genitoriale promosso dallo sportello spazio donna del comune di norma di cui sono responsabile la delegata alle pari opportunità nadia dell omo e l assistente sociale gabriele carandente una serie di incontri formativi che possano sostenere le giovani coppie nel delicato ruolo di genitori l obiettivo ha spiegato nadia dell omo è quello di fornire strumenti e consigli pratici sullo status di padre e di madre nella cura del bambino nei primi momenti di vita sono previsti colloqui di gruppo con esperti quali pediatra ostetrica ginecologo e psicologo dell età evolutiva e delle relazioni di coppia il corso ha spiegato l assistente sociale è rivolto alle giovani coppie con figli da zero ad un anno di età a chi ne farà richiesta lo sportello spazio donna fornisce anche un supporto individuale per le iscrizioni è possibile telefonare ai numeri 0773/352808 352821 o al numero 345 2905554 proseguono le iniziative di screening sanitario promosse dall associazione avis di sermoneta che mira ad essere sempre più presente sul territorio e a divenire uno tra i punti di riferimento per la sensibilizzazione alla prevenzione i prossimi sabato e domenica 19 e 20 marzo ci sarà una campagna di screening per lo studio delle patologie della tiroide l iniziativa verrà effettuata in collaborazione con l associazione onlus tendi la mano a.i.p.o.m associazione italiana patologie osteometaoliche che da anni effettua screening sulle patologie tiroidee nel territorio dell agro pontino essa metterà a disposizione specialisti esperti nella metodica in oggetto ogni valutazione comprenderà un inquadramento anagrafico particolare riguardo al rischio di patologia tiroidea un ecocolordoppler tiroideo ed eventuale consulenza specialistica nell eventualità in cui i sanitari riscontrassero alterazioni ecografiche degne di nota queste verranno comunicate al medico curante che provvederà ad un eventuale approfondimento diagnostico le malattie legate alla tiroide sono diverse ma fortunatamente si legge nella nota dell avis anche quando si presentano in forma severa sono facilmente individuabili e curabili con ottime prospettive di guarigione quanto più la diagnosi è precoce l avis il comune e la regione lazio hanno ritenuto particolarmente utile offrire ai cittadini una nuova opportunità di tutela della salute d.t 11

[close]

p. 12

priverno di mario giorgi mondore@le numero 86 18 marzo 2011 unitÀ d italia e didattica alternativa tanti gli eventi in programma fino al 18 alla scuola don andrea santoro ricordando i 150 anni e diventata ormai una tradizione del primo circolo didattico la settimana di didattica alternativa in programma dal 14 al 18 marzo organizzata dalla scuola statale don andrea santoro di priverno quest anno però ha avuto un significato particolare si è aperta infatti con la sfilata celebrativa dei 150 anni dell unità d italia e con l inaugurazione della mostra l unità d italia vista attraverso gli occhi dei bambini curata dalle classi quarte e allestita dalle operatrici della ludoteca comunale l evento organizzato dal comune di priverno in collaborazione con le scuole del territorio e l associazione onlus insieme supportati dalla locale sezione della croce rossa italiana e dal nucleo protezione civile di priverno avrebbe dovuto aprirsi con un intervento del maestro raffaele stranges teso ad approfondire il significato della ricorrenza del centocinquantesimo anniversario dell unità d italia purtroppo però il maestro è venuto a mancare improvvisamente proprio a pochi giorni dall evento il dirigente scolastico del primo circolo didattico don andrea santoro prof ernesto fiorini e i docenti delle scuole dell infanzia e primaria della scuola di via matteotti cui il maestro tanto ha dato nella sua lunga carriera di educatore hanno voluto ricordare nella circostanza la continua attenzione alle vicende della scuola e l indiscussa professionalità del maestro stranges per quel che concerne la settimana di didattica alternativa il prof ernesto fiorini ha spiegato che è una tradizione consolidata della nostra scuola ed è l espressione concreta di una offerta formativa che si apre al territorio e si proietta al di là del limite ristretto dell aula per abbracciare la complessità di un mondo esterno che è insieme opportunità formativa e luogo di conoscenza durante questa settimana le lezioni vengono sospese per dare spazio ad attività ed esperienze le più svariate da quelle sportive a quelle ricreative da quelle culturali a quelle musicali si segnalano in particolare l esibizione del coro don andrea santoro che ha presentato presso la chiesa di san benedetto canti patriottici e gospel supportati questi ultimi dall english gospel choir di priverno l incontro con sergio zerunian autore del libro ian sturio e i bracconieri del mediterraneo la visione del film di animazione animals united che affronta un tema di indiscussa attualità come l indifferenza dell uomo di fronte alla distruzione dell ambiente le visite di istruzione e le escursioni sul territorio guidate dagli operatori del centro ambientale del museo archeologico e del laboratorio di democrazia partecipata del comune di priverno commercianti per un giorno in onore di san tommaso nell ambito dei festeggiamenti di s tommaso d aquino patrono della città gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola elementare statale del circolo didattico don andrea santoro di priverno hanno aderito all iniziativa commercianti per un giorno promossa dall associazione dei commercianti di via consolare i bambini hanno fatto un esperienza di preparazione esposizione e vendita di vari prodotti avvicinandosi ad una realtà di cui finora erano stati solo fruitori la nostra scuola ha accolto con grande soddisfazione la proposta ha detto il dirigente scolastico prof ernesto fiorini in quanto arricchisce l offerta formativa del nostro circolo dilatando la relazione scuola-territorio al mondo del lavoro e stata anche occasione ha sottolineato il prof fiorini per promuovere un percorso di partecipazione civile che consideri i luoghi del commercio come fondamentali spazi di connessione sociale anche il rappresentante dei commercianti cesare minotti ha espresso compiacimento per la buona riuscita dell iniziativa e per l entusiastica partecipazione degli alunni ma.gi 12

[close]

p. 13

maenza di luca morazzano mondore@le numero 86 18 marzo 2011 la giunta destina i proventi delle multe come previsto dalla legge il 50 speso in sicurezza solo mille euro a fronte delle tante infrazioni la delibera numero 22 della giunta comunale datata 9 marzo 2011 sancisce che nel rispetto delle normative vigenti la metà dei proventi derivanti dalle sanzioni amministrative per violazioni delle norme del codice della strada per l anno 2011 vengano destinate per interventi strettamente connessi alla viabilità presenti quattro su sette dei componenti all unanimità è stato deciso infatti di dividere in tre la somma destinabile che ammonta in totale a mille euro ovvero il 50 esatto dei 2000 euro apposti dall ente come voce d entrata in merito nel bilancio di previsione dell esercizio 2011 le tre voci individuate come riportato nella stessa delibera viste le proposte di spesa formulate dal responsabile del servizio di polizia municipale che dopo la rimozione di aldo polidoro è lo stesso sindaco francesco mastracci ovvero uno dei quattro votanti unanimi dell approvazione relativamente a spese riconducibili al decreto legislativo 285/1992 sono risultate essere segnaletica stradale potenziamento dell attività di controllo e miglioramento della sicurezza nel particolare della tabella allegata euro 250 pari al 12,5 dei 2000 euro totali saranno destinati ad interventi di sostituzione e ammodernamento potenziamento messa a norma e manutenzione della segnaletica stradale un altro 12,5 e quindi altri 250 euro verranno investiti per il potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale anche attraverso l acquisto di automezzi mezzi e attrezzature dei corpi di polizia municipale il restante 25 ovvero 500 euro verranno impiegati infine per il miglioramento della sicurezza stradale ora in considerazione del fatto che alle prese con cifre tanto esigue non ci si potranno certo attendere miracoli in materia occorrerà ottimizzare i capitoli in questione una prima constatazione tracciabile è quanto esigua sia la cifra derivante dall accertamento delle infrazioni in considerazione dell abbondanza delle stesse l applicazione di una politica di minor tolleranza di fronte ad atteggiamenti esplicitamente irregolari da parte degli automobilisti soprattutto in materia di parcheggio farebbe aumentare gli introiti oltre a migliorare sensibilmente la viabilità a patto però che i parcheggi consoni aumentino attraverso l apertura dello spazio in via circonvallazione che dopo un effimera inaugurazione è oramai di nuovo transennato da mesi per lavori al muro che sostiene la strada sovrastante per quanto riguarda invece la segnaletica stradale con piccoli interventi si potrebbero ottenere grandi risultati come nel caso del cartello temporaneo ormai obsoleto all imbocco di via madonna delle grazie che è ancora lì 13

[close]

p. 14

cultura di paola bernasconi mondore@le numero 86 18 marzo 2011 un consiglio per andare al cinema il cigno nero gli oscar sono andati i vincitori hanno ringraziato e chi è tornato a casa a mani vuote sorride perché così deve essere noi di mondore@le abbiamo seguito quella notte magica vedendo sfilare sul red carpet attrici e attori vestiti e truccati di tutto punto dei film in gara esce vincitore il discorso del re con statuette anche per miglior attore protagonista colin firth e miglior regia tom hooper tra le donne spicca invece su tutte una natalie portman in dolce attesa che dopo aver ricevuto il golden globe entra nella storia degli oscar come migliore attrice protagonista per il film il cigno nero e proprio di questo film abbiamo deciso di offrirvi una panoramica perché è tanto che non parliamo di cinema perché ancora siete in tempo per andarlo a vedere in sala perché c è piaciuto e vogliamo raccontarvelo la trama è piuttosto semplice nel durissimo mondo della danza classica nina sayers la portman è una ragazza che dedica l intera sua vita ad allenarsi complice una madre ex ballerina che non è riuscita a realizzare una sua carriera e per questo tenta di riporre su sua figlia tutte le sue aspettative nel momento in cui il regista e coreografo thomas leroy vincent cassel decide di mandare in scena il lago dei cigni e sceglie proprio nina come prima ballerina la vita della giovane cambia radicalmente essere protagonista in uno dei balletti più famosi del novecento musicato da ?ajkovskij è un occasione irripetibile soprattutto per la difficoltà nell interpretarla nina sarà infatti costretta a dare la voce all angelica principessa odette il cigno bianco e alla seducente ed aggressiva odile il cigno nero due lati della stessa medaglia che diventano un ostacolo insormontabile per la timida ragazza ad aggravare la situazione la venuta di lily mila kunis sensuale e perfetta nei panni di odile nella rivalità tra le due ballerine si sviluppa black swan thriller dai risvolti pseudo-paranormali che lascia un inquietudine nella mente dello spettatore a tenere banco la relazione tra nina e lily tra nina e thomas tra lily e thomas un intreccio di attrazioni che lega i tre protagonisti in un vortice di tensione a dover lasciarsi andare la virginale portman che per compito a casa deve toccarsi e rilassarsi senza mai riuscirci a fondo finché l aiuto della trasgressiva rivale non le permette di ribellarsi a sua madre e a se stessa un tunnel di sensualità nel quale vita reale e sogno si mescolano non lasciando a chi guarda opportunità di capire immediatamente su che livello ci si trova un film vagamente onirico non troppo originale ma certamente ben girato ed interpretato la compostezza e la magrezza dell attrice protagonista non passano inosservate segno di un impegno a tutto tondo del lavoro svolto sul personaggio gli sguardi e le movenze della portman generano un lieve senso di inadeguatezza quasi a voler sentire il peso e la difficoltà della sua impossibile vita da ballerina fatta solo di allenamenti un unico neo nonostante il suo impegno il viso di lei resta pur sempre troppo pulito ci pensa però un buon trucco a sottolineare i cambiamenti di stato d animo della protagonista per il resto nulla da eccepire sezze in localitÀ chiesa nuova il 19 ci sono i faoni venerdì 18 marzo alle ore 19.00 a suso località chiesa nuova questo l appuntamento da non perdere per rivivere il tradizionale faone fuoco di san giuseppe ad organizzarlo per il diciassettesimo anno consecutivo l associazione culturale noi di suso con il patrocinio del comune di sezze una manifestazione che ha radici lontane a cavallo tra riti pagani e cristiani e che nei comuni lepini è stata sempre molto sentita anche bassiano dedica agli storici fauni una festa un fuoco propiziatorio di questo si tratta acceso in onore del dio fauno al quale vengono chieste messi abbondanti un falò sacro che segna il passaggio tra il freddo inverno e l inizio della primavera al quale tutti i cittadini partecipavano rivaleggiando tra un quartiere e l altro a chi riuscisse a mettere su il fuoco più grande un evento propiziatorio a cui l associazione noi di suso tiene particolarmente al fine di evitare che venga dimenticato dalle nuove generazioni la manifestazione avrà inizio alle ore 19.00 con l accensione del faone e proseguirà con l esibizione delle majorettes green angels alle 20.00 ora di cena verranno distribuite gratuitamente penne all arrabbiata vino e bruschette un momento certamente da vivere per ritornare alle proprie radici culturali per avere altre informazioni è possibile contattare il numero 0773.88055 oppure visitare il sito ufficiale dell associazione all indirizzo www.noidisuso.it p.b appuntamenti vari nei parchi del golfo di gaeta di paola bernasconi un fine settimana di festeggiamenti dedicati ai 150 anni dell unità d italia e noi di mondore@le vi diamo un idea per qualche gita fuori porta ricco il programma del parco riviera di ulisse mosaico di terra e mare che si snoda lungo la costa del golfo di gaeta iniziato domenica 13 febbraio si concluderà giovedì 2 maggio con una gara podistica tra gaeta e formia in palio il trofeo parco regionale riviera di ulisse 150° anniversario d italia fino a sabato 19 marzo sarà invece possibile visitare il castello aragonese caserma mazzini per una mostra filatelico-numismatico documentaria dal titolo 150 uniti sempre qui verrà trattato il tema del risorgimento italiano focalizzandosi sull assedio di gaeta proposto in collaborazione con la lega navale italiana sezione di sperlonga e la scuola nautica della guardia di finanza di gaeta dopo i convegni che si sono svolti in questa settimana italia la nascita di un idea la nascita di una nazione dai borbone all unità d italia mercoledì 23 marzo sarà possibile seguire un incontro con salvatore antetomaso sulla storia del dialetto gaetano sicuramente interessante l appuntamento di sabato 7 maggio alle ore 11.00 presso il teatro arsiton di gaeta con il prof lucio villari docente di storia contemporanea presso l università degli studi roma tre che presenterà il suo libro bella e perduta l italia del risorgimento se invece siete più propensi ad un weekend naturalistico l ente che gestisce i parchi e le riserve naturali del lazio vi propone per il 19 e 20 marzo una passeggiata a cavallo sulla spiaggia di serapo fino alla macchia mediterranea di monte orlando curata dall associazione equitrek la selva l escursione che prevede un esperienza minima di equitazione durerà circa due ore qualora preferiate una passeggiata a piedi allora per sabato 19 potreste seguire un itinerario storico-archeologico curato dall associazione ganimede che vi permetterà di ammirare i resti della villa di mamurra parco di gianola e monte di scauri un alternativa estrememente salutista e salutare è quella infine organizzata per domenica 20 marzo dall associazione atargatis presso il parco di monte orlando potrete partecipare ad una passeggiata per ragazzi e adulti per apprendere come migliorare la propria postura e intanto godervi un po di aria pulita 14

[close]

p. 15

cultura di luisa belardinelli mondore@le numero 86 18 marzo 2011 gianluca pannone svela il suo film ma che storia una squadra forte e carica di passione risorgimentale quella composta dal regista gianfranco pannone il montatore angelo musciagna e l etnomusicologo ambrogio sparagna lunghe ricerche scrupolose nei polverosi ma preziosissimi archivi luce hanno permesso al regista pannone di creare il coinvolgente film ma che storia attraversando così i 150 di storia italiana da giuseppe garibaldi ad aldo moro dal nord al sud ripercorrendo vicende divertenti e drammatiche culture tradizioni e musiche locali che hanno fatto grande l italia eppure a pensarci bene 150 anni non sono tanti nomi come mazzini garibaldi cavour ci sembrano lontani anni luce ma realisticamente non lo sono forse è per questo motivo che spesso non ci sentiamo propriamente italiani proprio per questo correre dimenarsi per raggiungere il nuovo e dimenticare il vecchio emarginando così le antiche tradizioni la trama del film ma che storia presentato anche alla mostra del cinema di venezia è un lungo viaggio da nord a sud per l italia dove si alternano filmati documentari e cinegiornali che raccontano anche attraverso la lettura di noti brani interpretati da leo gullotta ugo gregoretti e molti altri non solo il paese degli statisti ma anche l italia popolare e quella intellettuale mi soffermo un istante sui volti della gente soprattutto di quella più umile i lavoratori della terra tempi lunghi di inquadratura con lo scopo di scavare nello sguardo nelle movenze e nelle rughe del popolo che racconta l amore e il dolore per la propria terra potremmo definire il film una pura ed elegante esaltazione delle potenzialità e delle scoperte della nostra pigra terra inoltre uno degli elementi portanti del film è proprio la musica l etnomusicologo ambrogio sparagna grazie alla sua esperienza riporta in auge vecchi brani rivisitazioni di canti e suoni popolari durante i titoli di coda è come se anche il tuo cervello stesse resettando le immagini appena viste con quelle studiate raccontate o immaginate e una strana sensazione di sana malinconia e di confusione che viene poi sciolta trovando un proficuo confronto con chi ti siede accanto un film che merita di essere visto e che mi auguro riesca a lasciare il segno anche tra le opere più significative per la celebrazione dei 150 anni dell unità di italia di domiziana tosatti a norma il centro petern pan compie un anno ha spento la prima candelina delle proprie attività il centro di aggregazione peter pan dato dal comune in gestione alla cooperativa sociale ninfea e situato presso la scuola media statale di via salvo d acquisto voluto dalla consigliera delegata alle pari opportunità nadia dell omo in sinergia con l assistente sociale comunale gabriele carandente il centro è sempre più punto di riferimento importante per minori ed adolescenti sul territorio e permette a bambini ed adolescenti di orientare positivamente ed in maniera costruttiva il loro tempo libero la frequenza elevata dei minori e adolescenti che frequentano il centro peter pan nel pomeriggio ha osservato il sindaco sergio mancini spiega la necessità e l utilità di tale progetto ed un forte bisogno espresso dal territorio il centro sta permettendo di svolgere attività didattiche ed educative grazie al lavoro di educatori professionali ha commentato il presidente della cooperativa ninfea allen trenta che sono mirate a sostenere e potenziare attraverso il gioco e le attività ludiche-ricreative tale fascia di utenza alla base del progetto ci sono i saldi principi della promozione della cultura dell aggregazione giovanile e del sostegno di interventi educativi territoriali attraverso il supporto di professionisti dell educazione ed animatori qualificati il centro rientra in un progetto distrettuale della durata di tre anni e si rivolge in modo particolare a minori ed adolescenti numerose le attività svolte tra cui giochi di gruppo e di squadra dalle finalità didattiche nel vivere comune non dimenticando tuttavia l insegnamento ai bambini attraverso il gioco e la vita in gruppo a laranarossa gallery collettiva d arte contemporanea di luisa belardinelli un interessante rassegna di arte contemporanea fino al 31 marzo per ridare colore agli animi e al grigiore cittadino nella suggestiva sede della laranarossa gallery in via parini 27 a latina sono pronte a trasmetterci forti emozioni le opere di paolo assenza margherita baratta marco de matteo ersilia sarrecchia e tania welz gli artisti si sono formati e vivono a roma fatta eccezione di tania welz nata a monaco e di ersilia sarrecchia padrona di casa nonché curatrice della collettiva insieme alla critica d arte ivana iacomini tutti gli artisti possiedono un percorso di formazione eccellente che li ha portati ad intraprendere esperienze all estero assorbendo maggiore creatività e slancio ben lontana dagli schemi sociali locali precostituiti come afferma infatti la critica d arte ivana iacomini questa rassegna di arte contemporanea mostra cinque artisti tutti diversi menti e anime che hanno trovato il proprio codice personale in tecniche e forme differenti cercando nella pennellata nel taglio della tela nel graffio e nel pixel i mezzi per comunicare e dare vita alla propria realtà entrando nella galleria i visitatori sono come avvolti dall essenzialità della struttura dedicata esclusivamente ad accogliere le opere donando alle stesse maggiore rilievo ed eleganza in un momento in cui lo spettatore è il fruitore del museo virtuale e all obiettività della forma si è opposta la tele-obbettività dei mezzi di comunicazione di massa sottolinea sempre ivana iacomini ci facciamo carico di una volontà nuova ristabilire un adiacenza tra colui che crea e colui che fruisce delle immagini ed proprio da questo nobile e generoso obbiettivo che rassegna 1 ha intrapreso il suo percorso volto a proseguire da aprile fino a giugno con una serie di mostre personali approfondendo uno ad uno gli artisti partecipanti alla collettiva in corso cos è laranarossa il laboratorio d arte nasce nel 2002 per merito della conosciuta e coraggiosa artista locale ersilia sarrecchia al suo interno vengono progettati e realizzati complementi d arredo ceramiche e accessori moda nel 2009 con la collaborazione del product designer marco ramundo laranarossa diventa un brand che aggiunge alla produzione artigianale quella industriale nel dicembre 2010 viene inaugurata laranarossagallery che oltre ad ospitare lo showroom laranarossa è una vera e propria galleria d arte volta alla promozione di giovane arte contemporanea la ranarossa gallery è aperta dal lunedì al sabato dalle ore 17:00 alle ore 20:00 l ingresso è libero 15

[close]

Comments

no comments yet