Remington ride (v1.01)

 

Embed or link this publication

Description

Raccolta di brevi walkthrough romanzati in multitrama per Arma 2

Popular Pages


p. 1

Remington Ride Raccolta di brevi walkthrough romanzati in multitrama 30/12/2014 Non_Edizioni Il cazz@ro di 6502 Versione v1.01

[close]

p. 2

Note Legalesi. Il webmaster 6502 & Terminetor Magnetico ☺ sono contro la guerra, l’opera esprime tacitamente il concetto che la guerra è sempre ingiusta, inutile, mai santa. Le opinioni politiche e filosofiche espresse direttamente od indirettamente nel libro, così come le analisi storiche sono da ritenersi personali opinioni del webmaster. Tali opinioni non sono collegate in nessun modo alle persone, enti, organizzazioni e quant'altro citato direttamente od indirettamente nel website e nel libro, e come deja.dit, il contenuto del testo rappresenta esclusivamente e semplicemente la personale opinione del webmaster. E’ importante tenere presente che ogni riferimento esplicito od implicito a fatti o persone, enti, organizzazioni, eventi, circostanze future o presenti o passate che taluni lettori possono riconoscere od associare è del tutto casuale ed immaginario. Non esiste alcun collegamente diretto/indiretto tra l’autore e gli enti od organizzazioni citate direttamente od indirettamente, il cui riferimento è stato fatto per scopi letterari di fuffentertainment. L'ebook.pdf è no-profit l’autore non persegue nessuno scopo di lucro o profitto diffondendo online il materiale assemblato. Il volume è liberamente stampabile in tutto od in parte, è inoltre distribuibile senza alcuna limitazione legale, purchè non ne sia alterato il suo contenuto e purché non sia violato il Copyleft(by-nc-nd) . Se ci trovate frasi troncate, vocali mancanti, punteggiatura a ca%%o, abbiate pazienza... non è un prodotto commerciale, io non l’ho passato sui correttori che per altro nemmeno mi funziano!. A tale proposito, ricordo che questo documento non è un sito d'informazione e nemmeno un risultato di un prodotto editoriale, l'ebook in PDF contiene poche immagini (e la copertina è in cmyk) dovrebbero essere difficilmente stampabili essendo in RGB. Il testo é tuttavia intuitivamente rilegabile o spillabile in un vero libro già correttamente impaginato, ottimizzato per una stampa non in fronte retro. Le immagini non dovrebbero essere coperte da copyright, le ho trovate con google.images e lasciate in RGB per complicare la stampa, poche altre le ho sintetizzate artificialmente in CMYK per gli scopi letterari di copertina. In ogni caso le fotografie restano di proprietà dei loro legittimi proprietari bla, bla, bla… Non è "garantita al limone" la resa grafica ed il processo di stampa di cui ogni utente ne assume la responsabilità. Il webmaster non si assume la responsabilità della completezza delle informazioni pubblicate, dei problemi, danni di ogni genere che eventualmente possono derivare dall'uso proprio od improprio di tale file, dalla stampa, dall'interazione e/o download di quanto disponibile online. Tutti i marchi, loghi, organizzazioni citati direttamente od indirettamente sono di proprietà dei loro legittimi proprietari bla, bla, bla... tutelati a norma di legge dal diritto nazionale/internazionale, bla, bla, bla… legalmente registrati ecc... sì insomma dai!, non dite che non avete capito!. L’ebook “remington ride” v1.01 è tutelato dal COPYLEFT(BY-NC-ND) http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/ 6502 & Terminetor Magnetico Per consigli, suggerimenti, critiche o quant'altro info @ omaha-beach.net [X]Ebook autoimpaginato, da stampare NON in fronte retro 2

[close]

p. 3

Esegesi palloccolose & cervellotiche. Arma2 è un videogioco non recentissimo, si differenzia dagli altri arcade sparatutto perché é posizionato come un simulatore tattico ludico. Vuol dire che forse é un pochino più realistico degli altri sparatutto ammazzasette guerrafondai. Cioé se si é da soli, non si può stendere una legione intera di nemici e poi uscire dalla missione senza nemmeno un graffio, compiacendosi dei bonus e punteggi ottenuti!. A differenza degli altri videogiochi che considero simili alla propaganda, questo arcade dovrebbe far pensare l’utente sulle più reali dinamiche della guerra. Una variante professionale dello stesso gioco, sarebbe usata dal Pentagono per un corso Basico delle truppe USA. Essendo ARM A2 meno decontestualizzato come gioco, ho provato ad integrare e romanzare alcune missioni con delle informazioni di fantasia (non presenti nel gioco) Qualcuno potrà pensare che sono un guerraffondaio ammazzasette ossessionato dalla guerra?! ☺ Io rispondo che sono in esplorazione/vedetta contro le guerre future ☺ Sono convinto che qualsiasi veterano che é stato in guerra, dirà che la guerra é una cosa da evitare come la peste e che non é di certo un'esperienza da far fare alle generazioni future!. Più i veterani saranno stati sul campo (e non a comandare scrivanie), più questi probabilmente cercheranno d’evitare le guerre. L'onere di restare di vedetta contro la guerra é una "corvè" che poi dovrebbe passare di generazione in generazione, tuttavia i rimpiazzi più adatti sono quelli che non credono nella guerra!. La guerra non é la continuazione della politica con altri mezzi, la guerra, come é stato evidenzato in OPERATION FLASHPOING, é un dilemma a cui (a priori) non c'é risposta perché consiste a)nello sparare contro la collina di Dio oppure b)nel sperare d’urlare sulla collina della gloria. Per evitare questo atroce dilemma (probabilmente insito nell’animo umano), basterebbe mantenere un comportamento pro-attivo sulle più probabili minacce poste "behind visual range". Il gap operativo che non riuscirà a fare l'umana logica posta in asimmetria informativa (perchè il futuro non é certo e non é noto a priori) per evitare le minacce future, si spera che potrà essere colmato in itinere dall'analisi OODA e dalla “ classica pezza messa dal buon Dio”. Tutti sono liberi di ragionare dei possibili rischi futuri, ma per identificare le "minacce behind visual range", occorrono skills ed informazioni di pubblico dominio, altrimenti si raccontano favole e si cazzeggia a vuoto!. Sensibilizzare un comportamento pro-attivo identificando e mitigando tali rischi con la diplomazia, l’interdipendenza economica, l’allargamento della zona Euro, potrebbe essere una cosa buona e giusta, così come il sesterzo romano portò vari secoli di pace in tutto il M editerraneo!. Si sarà capito che l'onere di vigilare pro-attivamente contro le guerre, spetterebbe per primo ai pacifisti e poi a quelli che non credono nella guerra (perchè quando le guerra scoppia... ormai le frittate sono fatte non c’é molto da fare, se non farsi sparare addosso e/o sparare addosso a qualcuno). Ecco perché la simulazione videoludica in Arma 2 é importante. Letterariamente permette di costruire anche con codice SQF personalizzato, generando ambienti e scenari guerraffondaici dai quali estrarre plausibili dinamiche guerraffondaiche e memorie sintetiche su rischi futuri. Spunti che poi sono reinterpretati in una narrazione romanzata in multitrama. Obiettivo ultimo é incuriosire, intrattenere, interessare, far riflettere il lettore, destando le altrui coscienze!. L’ebook l’ho scritto perché avevo qualcosa da dire sulla “ declinazione dell’evento complesso Guerre Puniche II”. Che cosa sono gli scenari e che cosa raccontano i testimoni letterari degli eventi?!. http://beam.to/guerrepunicheII 3

[close]

p. 4

Gli scenari romanzati dei testimoni letterari delle future Guerre Puniche II Il futuro non é noto, non é certo; gli scenari vanno interpretati letteriamente come degli “ universi possibili e potenziali, da cui reperire testimonianze ”. Gli universi potenziali sono “ mete ipotetiche” ove la realtà attuale potrebbe dirigersi. I testimoni letterari degli eventi sono le fonti letterarie della narrazione, essi narrano in un romanzo: l’evento “guerre puniche II” per come lo hanno osservato, nell’universo in cui sono incastonati!. Scenario Atteso di Guerre Puniche II • cause endemiche oppure • diversione strategica WWIII Scenario: teatro italico e bizantino sotto invasione chartaginese, guerra asimmetrica e scontri urbani. Risposta unitaria degli USE alla crisi mediterranea. Testimoni letterari degli eventi: ►4 testimoni anonimi della mini collana “Orizzonti Sintetici” ►Lt. Armstrong, Cpt. Blackjack nell’ebook Operation Flashpoing v2.1 Scenario Ottimista di Guerre Puniche II • cause endemiche: abortite • diversione strategica WWIII: mitigata Scenario: nessun conflitto nel mediterraneo, solo “ scontri & insurrezioni africane” e zona di guerra sotto la fascia sub sahariana, risposta unitaria degli USE a tali minacce. Testimoni letterari degli eventi: Sgt. Graves, nel prossimo ebook “Rocky Top” Coming soon!! Scenario Pe ssimista di Gue rre Puniche II • cause endemiche non abortite E • per diversione strategica di WWIII non mitigate Scenario: inesistenza degli United States of Europe E/O tardiva risposta della UE (la quale é menomata dei suoi membri attuali, i teatri italici/greci sono teste di ponte chartaginesi a rischio nuclearizzazione) T estimoni letterari degli eventi: • Cpt. “ snake” James Gastovski in “ Nuovo Me dioe vo ” PREQUEL di questo ebook • Sgt Cooper in questo ebook “Re mington Ride ” Lo specchietto serve a RAZIONALIZZARE alcuni degli universi possibili. I diversi e caotici punti di vista con le relative testimonianze letterarie, sono contraddittori rispetto alla narrazione dello stesso evento!. Il lettore noterà che in taluni universi le circostanze sono molto favorevoli, in altri universi le condizioni ambientali degradano, sino a diventare le peggiori che potrebbero essere immaginate, raccontando “de facto” un’altra storia ☺ L’evento futuro “guerre puniche II” é declinato letterariamente attraverso un diverso spaziotempo e lo si può osservare solo tramite “ universi ipotetici, indipendenti, incompatibili ” (scenari di tre universi potenziali: atteso, ottimista, pessimista). Questo può creare per un lettore-osservatore, 4

[close]

p. 5

un’iniziale senso di spaesamento. Se gli scenari letterari vi hanno intrigato e vi state chiedendo ☺ quale sarà il path effettivo degli eventi (rispetto alla minaccia “ guerre puniche II”) ☺ la risposta non é interamente nota ☺ in quanto il futuro é indeterminato!. Dipenderà IM HO dalle dinamiche che esploderanno e/o faranno convergere ☺ la realtà a rassomigliare (in tutto od in parte) ad uno dei 3 scenari di detonazione delle “Guerre Puniche II” . Riflessioni pro-attive: vincere la guerra senza combatterla?!. Che cosa potrebbe fare la UE/l’Europa per far abortire/mitigare queste 2 minacce future (Guerre Puniche II/cause endemiche e/o Guerre Puniche II/diversione strategica WWIII ) ?! ►Intanto potrebbero assurgere gli USE United States of Europe in cui gli stati europei federati devolverebbero: •→la difesa dello Stato, nascita delle forze armate USE, armi & esplosivi come la lotta alle mafie Nascerebbero gli USE Army, USE Navy, USE Air Force e gli eserciti dei vari stati europei sparirebbero. Mezzi e uomini in un primo tempo confluirebbero nel dispositivo unico di difesa europeo per essere riorganizzati in un modo più razionale, in vista delle potenziali minacce esterne contro gli USE. •→i rapporti internazionali, i quali spetterebbero agli USE, come diritto di asilo e condizione giuridica dei cittadini extra.USE sparirebbero tutte le ambasciate nazionali con i relativi dignitari e consolati e costi di rappresentanza e sarebbero uniformi le modalità per acquisire la cittadinanza europea. •→politica economica e monetaria spetterebbero agli USE come moneta, tutela del risparmio, mercati finanziari, tutela della concorrenza, sistema tributario federale e contabile degli USE •→competenza diretta sulle reti (acqua, gas, luce elettrica, acque bianche e nere, radio, internet, dvb-t, dvb-s e giornali) in quanto uno stato federale non può funzionare senza avere uun’unica competenza diretta su tali ambiti (senza che i parlamenti nazionali possano snaturarne le direttive) Quali competenze resterebbero agli stati federati?! Più o meno quello che non é menzionato in questi punti, se siete curiosi dovete leggervi quello che resterebbero come competenze non devolute agli USE,scorrendo l’art.117 della nostra costituzione italiana. ►Gli USE United States of Europe dovrebbero allargare la zona Euro anche a tutti i paesi del bacino del mediterraneo! Guardando alla storia, l’ultima volta che nel mediterraneo é esistita una macronazione fu l’epoca dell’impero romano e prima della sua nascita scoppiarono le guerre puniche 1,2,3 che finirono attorno al 146ac. La “ pax romana” portò pace e prosperità sino al 476dc in tutto il medieterraneo per circa 6 secoli (escludendo le guerre tra Pompeo/Ottaviano per altro combattute tra legioni romane) e nonostante all’epoca non esistessero i diritti umani!. Ai paesi del bacino del mediterraneo, l’allargamento dell’area euro potrebbe sostanziarsi in un’offerta di federazione (che implicherebbe che i nuovi stati federati dovrebbero rinunciare alla difesa e politica estera e politica economica e monetaria e competenza sulle reti) accettando in pieno i diritti umani. ►Investire massicciamente nel solare termidinamico e fotovoltaico (www.desertec.org) per la produzione di idrogeno da fonti solari senza emissione di CO2, investire in produzione di energia 5

[close]

p. 6

elettrica a basso costo ed implementare un’agricoltura con tecniche agricole senza terra nel sahara. Basterebbero questi interventi a far abortire le guerre puniche II per cause endemiche e mitigare il rischio Guerre Puniche II/diversione strategica WWIII a delle rivolte subsahariane attorno al golfo di Aden?! Forse sì, purché fossero azioni poste in essere prima che il climate change faccia scoppiare le Guerre Puniche II per qualsiasi causa. Fantapolitica distopica?! ☺ Per il momento limitatevi a sapere che nell’ebook “ Remington Ride” esplorerete letterariamente in una narrazione romanzata, l’universo “Guerre Puniche II” osservato dal punto di vista pessimista. In buona sostanza sarete calati in quello che potrebbe accadere se non fosse posto in essere alcuna azione per far abortire il rischio Guerre Puniche II/cause endemiche E nessuna mitigazione del rischio Guerre Puniche II/diversione strategica WWIII. Come romanzare in multitrama un ottimo videogioco dinamico ed interattivo?! Come si fà a romanzare in multitrama un ottimo videogioco interattivo, dove si può rimanere accoppati in un conflitto a fuoco minore, oppure finire in una trappola, dove una “I.A.” predispone nei reload le forze nemiche per sterilizzare le vostre ultime scelte, e dove il software disvela al giocatore una bella trama dinamica, che varia al mutare dei “tipping points” selezionati dai giocatori?! Risposta: non é possibile romanzare in multitrama un ottimo gioco interattivo e dinamico!. Per cui, in questo ebook troverete sintetizzate da “Arma II” le missioni che ho ritenuto più plausibili e coinvolgenti. Le ho modificate nella loro narrazione letteraria, per renderla consistente con lo scenario pessimista delle Guerre Puniche II. Se siete utenti di Arma2 sappiate che non sono evidenziate tutte le soluzioni di gioco, essendo state adattate e contestualizzate allo scenario pessimista. Se non siete utenti di Arma2 approcciate all’ebook come un’opera di narrativa in multitrama ridotta, per scoprire quale sono le presunte memorie sintetiche dei tre personaggi principali, durante le Guerre Puniche II (scenario pessimista) Ogni ebook un M P3 e viceversa, quindi all’ebook ho associato un fantastico pezzo musicale del genere America’s Bluegrass Band–Remington Ride- il file lo potete ascoltare quì: http://youtu.be/9wz03j-NlxQ Per ragioni di adattamento letterario le missioni di Arma 2/Harvest Red romanzate sono: Primo a combattere, Nell’occhio del ciclone, Attacco anfibio, Harvest Red, Razor 2, Una settimana dopo, Manhattan, Freddo pungente, Zona desertica. I players sono stati rinominati ed adattati: Truppe CSI trasformate in Truppe Cedaki trasformate in Truppe del NAPA trasformate in Truppe del Chernarus trasformate in USM C nella parte Truppe regolari dell’impero Gengiskano Truppe d’irregolari mafiocamorroidi dei duchi & irregolari chartaginesi Truppe d’irregolari delle formazioni di Difesa M ontana Italiana Truppe semi-regolari dei regni italici dei coupons USM C 6

[close]

p. 7

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. Preludio. [8-9] Il successo o fallimento della missione del Capitano “snake” James Gastovski [11-19] Ultimo aggiornamento a bordo della USS Tarzawa [21-26] La campagna remington ride osservata dal cpt. M iller 5th Ranger [28-33] La campagna remington ride osservata dal sgt. Graves 7th Air Cavalry [35-42] La campagna remington ride osservata dal sgt. Cooper 5th Usmc Brigade [44-47] Epilogo Off Topic [Echo 1]: Previsioni Meteo, a pag.48 Epilogo Off Topic [Echo 2]: Quattro chiacchere con sgt. Cooper, a pag.51 7

[close]

p. 8

1.Preludio. Tra il 2013 e il 2019, l’indice di criminalità in Italia aumentò del +800%. Quella che un tempo fu la libera Repubblica Italiana diventò un paese allo sbando, immerso in un nuovo medioevo in cui il diritto e la proprietà privata, si vaporizzarono in favore della legge del più forte. L'Unione Europea dopo il crash finanziario e il collasso dello stato italiano, si compattò politicamente, per gestire la crisi economico-finanziaria, concentrando le residue risorse, solo per i restanti paesi membri di Fort Euro. Emersero così dalle ceneri dell’UE, gli United States of Europe. Accadde che gli eserciti francesi e tedeschi (e delle altre nazioni), si fusero creando l'USE Army, l'USE Navy e l'USE Air Force. Il neonato esercito europeo si accampò intorno ai confini dell'Italia per rendere efficace la chiusura delle vie di comunicazione. Questo violento provvedimento fu l'unica "idea politica" per arginare la fuga di emigranti e l'incunearsi della malavita organizzata, verso l'Europa del nord. Altro provvedimento infausto, fu l'introduzione di dazi e contingentamenti sugli italici beni e servizi, al fine di canalizzare la residua domanda interna dei membri USE, solo su “prodotti made in Euro”. Il simbolo della chiusura degli USE, divenne il muro di cinta di 20 metri lungo la linea di confine di quello che un tempo era la Repubblica Italiana. Le forze militari dell'USE oltre a presidiare i confini, scortavano i mercantili che navigavano nei pressi della penisola italiana. Il mediterraneo non era più un mare sicuro! Prese, infatti, a brulicare di pirat i, briganti, scafisti che salpavano dalle coste italiane per depredare le pacifiche navi europee . In Italia si era perso l'uso della moneta, non c'era più ricchezza sufficiente per pagare le importazioni di merci, petrolio, gas, elettricità, medicine straniere, la criminalità organizzata assieme al mercato nero, dopo aver divorato le istituzioni italiane, attaccarono indirettamente gli USE!. In Italia furono molto più numerose le catastrofi rispetto allo shock finanziario greco!. Le attività della criminalità organizzata italiana (così dense e sottovalutate, grazie alle collusioni politiche), fecero la differenza!. In poco tempo il popolo italiano tra il 2013 e il 2019 si sottomise alla situazione di fatto, adattandosi a un moderno nuovo medioevo!. Prima gli italiani si divisero in varie aree, poi si coagularono per interessi e/o sopravvivenza, attorno ai poteri malavitosi costituitisi come innumerevoli feudo-tribali, che imperarono nel territorio. Solo nei pressi di sporadiche basi militari (insediate per lo più lungo la costa e finanziate da anonime missioni ONU, per provare a combattere il brigantaggio e la pirateria), gravit ò un ricordo di quello che un tempo fu la società italiana e il suo sistema economico!. Dentro la penisola italiana c'erano gli italiani, prigionieri di se stessi e dei mondi che si erano creati, in un moderno nuovo medioevo!. Le regole per un visitatore dell'Italia erano semplici: una v olta entrati, non si esce più!. All'interno di questo lugubre scenario, il capitano “Snake James Gastovski” in missione nel territorio, narrò l'inferno di un nuovo medioevo 8

[close]

p. 9

Ti ricordi quale é stato l’esito della missione del Cpt. “snake” James Gastovski in Italia nel nuovo medioevo (quale é stato l’esito della tua prima lettura dell’ebook)?! Sì!, ho letto l’ebook “Nuovo Medioevo” e la missione fu un successo, vai a pag.13 Si!, ho letto l’ebook “Nuovo Medioevo” e la missione fu un fallimento, vai a pag.17 No!, non ho letto l’ebook “Nuovo Medioevo”, vai a pag.11 9

[close]

p. 10

10

[close]

p. 11

Sei invitato a leggere il PREQUEL “Nuovo Medioevo” prima di esplorare questo ebook!!! http://www.omaha-beach.net/ webmas/EBOOK002.HTM http://beam.to/guerrepunicheII Il racconto termina quì ☺ (per adesso) torna a pagina 1 11

[close]

p. 12

12

[close]

p. 13

Il successo della missione del cpt. “ snake” James Gastovski. La luce della saletta si spense, iniziò la proiezione di una serie di diapositive ed una breve sintesi dei rapporti scaturiti dalla brillante missione svolta tempo addietro in italia, dal capitano “snake” James Gastovski. Nonostante il dossier redatto dal capitano del 7th Air Cavalry, dimostrasse che un’intervento militare in italia sarebbe stato possibile con un minimo impegno di forze, il pentagono ed il “bureau of the war” degli USE, non erano favorevoli ad un’azione sul territorio italico!. Presso l’ONU non si raggiunse un’unità d’intenti anche a causa della crescente situazione d’instabilità che stava bollendo nel nord africa, dove il “ climate change” produceva nefasti effetti, assieme alle incontrollabili e crescenti correnti migratorie provenienti dalla fascia sub-sahariana sul nord africa. Inoltre i rapporti economico-politici tra Repubblica del Gange e l’Impero Gengiskano e Sumerico stavano deteriorandosi, il pentagono ed il “USE bureau of the war” non volevano impegnare truppe nel teatro italiano, per risolvere un problema che a loro giudizio non li riguardava direttamente. L’unica cosa che l’ONU riuscì a far votare fu una blanda azione di stabilizzazione della Sicilia per debellare i regni malavitosi che minacciavano le rotte commerciali nel Mediterraneo!. L’US Marines Corps assieme ad un cospicuo contingente gengiskano, si sarebbero avvicendati in sicilia con un’azione sul territorio, per ricercare una stabilizzazione e trovare una soluzione con i regni malavitosi e gli irregolari chartaginesi, che affluivano in massa dal nord africa. 13

[close]

p. 14

Il problema era l’Italia, dopo il crash finanziario era diventata una spina nel fianco per gli USE. Per altro la situazione nella zona di Camp Sigonella stava diventando caldissima!. Nella base sovvenzionata dalla precedente missione ONU, venivano concentrati gli scarsi aiuti internazionali, i quali erano usati per combattere la pirateria ed i regni feudali che si erano creati in sicilia. Per lo più si usavano equipaggiamenti datati; surplus dismessi dell’epoca della guerra del Vietnam, perché poco costosi e già disponibili!. La base di Camp Catania cercava di contrastare i regni dei duchi malavitosi che dominavano il territorio. Dopo lo schock finanziario e dopo il collasso dello stato italiano, il controllo sulle persone svolto dalle attività malavitose si era trasformato in proprietà delle persone, a causa della grande migrazione dai centri abitati verso le campagne. Il fenomeno del caporalato si era sviluppato in una sorta di braccio armato, con milizie al soldo dei feudi malavitosi. Il possesso del territorio si era trasformato in proprietà con il ritorno del latifondo. I referenti politici erano scomparsi ed i capoccia malavitosi si erano autodichiarati feudatari dei loro regni, fondendo potere esecutivo, legislativo e giudiziario. La popolazione da sempre intimorita, con la diffusione delle armi era stata facilmente soggiogata e per convenienza, paura ed abitudine, la società finì per raggrumarsi in una casta di servi della gleba attorno al feudatario di turno, che garantiva loro un piatto di minestra ed una coperta. In cambio il despota locale, si prendeva tutto!, avendo fatto evaporare la società moderna per instaurare un nuovo regno medioevale!. Era difficile trovare truppe e volontari, in quanto la società malavitosa era stata da sempre presente sul territorio e con l’avvento del modello sociale del nuovo medioevo, le giovani generazioni avevano accettato la situazione di fatto. Era considerato socialmente un grande “onore” essere cooptati come truppa o caporali al servizio dei Duchi, dato che si potevano avere molti benefits ed una larga discrezionalità ed impunità nel distribuire violenza gratuita, a patto di mostrare lealtà assoluta al duca. Queste forze erano state irregimentate come braccio operativo, con cui opprimere la popolazione. Le opzioni di vita sociale erano due: vivere in schiavitù come servi della gleba e/o manovalanza semilibera presso i latifondi, oppure auspicare la cooptazione nelle forze dei Feudi malavitosi. 14

[close]

p. 15

C’era poi una terza strada, che in pochi percorrevano perché implicava la fuga e l’arruolamento nella milizia lealista alla Repubblica Italiana a Camp Sigonella. Questo implicava spesso una ritorsione terribile sui familiari nella comunità da cui c’era stata la fuoriuscita dalla società feudale. Attualmente, come aveva dimostrato la missione del capitano Gastovski, i feudi malavitosi commerciavano con Chartagine la quale stava stringendo un’asse commerciale molto forte con l’impero sumerico e gengiskano. I feudi malavitosi scambiavano prodotti alimentari per armi ed i regni del sud italia sempre più spesso importavano contingenti d’irregolari cartaginesi, i quali si affiancavano alle truppe feudali, imponendo uno stringente controllo su territorio e sulla popolazione. Ogni giorno c’era un cruento conflitto a fuoco con una pattuglia delle truppe lealiste ONU. Un attacco ad un posto d’avvistamento, un bombardamento con mortai, un’ambush, ogni giorno almeno 5 o 10 morti, con altrettanti feriti e molti danni collaterali!. Continua a leggere a pag.21 15

[close]

Comments

no comments yet