Edizione Natale

 

Embed or link this publication

Description

ppppp

Popular Pages


p. 1

ANNO III N. 16 DICEMBRE 2014 Ristoworld Italy Il maestro pasticcere Giovanni Mangione interpreta la Natività. Ricerca e cura del dettaglio, arte allo stato puro All’interno lo speciale Italian Style con i nomi e le foto dei premiati Racconto di una kermesse fantastica Ristoworld Italy - www.ristoworld.org - www.ristonewstime.it

[close]

p. 2

RIVISTA UFFICIALE DI RISTOWORLD ITALIA Direttore Responsabile Marcello Proietto di Silvestro E-mail: redazione@ristoworld.net Mobile: +39 333.5021044 ristonews.ristoworld @marshpr www.ristonewstime.it Associazione Culturale Ricreativa RISTOWORLD ITALY Presidente Andrea Finocchiaro www.ristoworld.org info@ristoworld.net ristoworld@pec.ristoworld.net groups/ristoworld Direttore Editoriale Andrea Finocchiaro info@ristoworld.net ristoworld@pec.ristoworld.net groups/ristoworld www.ristoworld.org Via Albert Bruce Sabin 15 95045 Misterbianco (Catania) Associazione Culturale Ricreativa Ristoworld Italy Stampa & Distribuzione Editore Pubblicazione On-line in PDF sul sito www.ristoworld.org Impaginazione & Copertina Marcello P. di Silvestro Immagini e foto provengono da archivi privati e dal web Autorizzazione del Tribunale di Catania N. 02 del 2012 RistoNews Rivista Ufficiale di Ristoworld Italia lascia agli Autori degli articoli l’intera responsabilità dei loro testi. Gli Autori delle ricette dichiarano che le stesse sono da loro realizzate e rispondono personalmente in caso di plagio o altro reato legato alle opere d’ingegno. Il grado di difficoltà espresso in testa alla ricetta segue la scala da 1 a 5. Ristoworld Italy assicura che i dati personali, in suo possesso, vengono trattati con tutta la riservatezza prevista dalla legge 196 del 2003 e ulteriori modifiche, garantendo che, su richiesta, i dati personali potranno essere rettificati oppure cancellati. Le Firme di questo numero. Grazie a: Stefan Cernetic di Montenegro, Giovanni Mangione, Daniele Barresi, Fabiana Navanzino, Nicolò Cisarò, Emanuela Calì, Rosanna De Carlo, Daniela Mallò, Lisa Bonasera, Titti Dell’Erba, Serena Surdo, Alessandro Dirienzo, Salvatore Pizzo, Massimo Balsamo, Maurizio Altamura, Federica D’Adamo, Almerindo Santucci, Ombretta Orrù, Marcello Valentino, Nicol Semeraro, Ida Ladiana, Giuseppina Ognibene, Roberto Trimarchi, Roberta Petix, Mauro Sciancalepore, Roberto Saluzzi, Daniela Marchese, Cris Bortoloto, Morena Maci, Giacomlo Gelsomino, Luca Giannone, Rosaria Spadaro, Luigi Domicoli, Maria Piazza, Alessandro Russo, Mikele Art, Stefano Affatigato, Salvatore e Beatrice Boninelli, Nicola e Giuseppe Schilirò, Costantino Laudani. Chiuso in redazione il 5 Dicembre 2014 In copertina: lo Chef Pâtissier Giovanni Mangione Invia i tuoi articoli, lettere, commenti, recensioni e contributi fotografici a redazione@ristoworld.net 2 RistoNews

[close]

p. 3

SOMMARIO Auguri Reali di R IS TOWOR LD ITALY Stefan Cernetic Editoriale del Presidente Ristoword Italy Principe di Montenegro e Macedonia Gran Maestro Ordine Costantiniano Ortodosso di San Giorgio Ricettario Festoso Piccoli Professionisti crescono di Andrea Finocchiaro & del Direttore Responsabile Ristonews Piatti Ricette Dolci da tutto il Mondo Lisa Bonasera Marcello Proietto di Silvestro Almerindo Santucci Viaggio nella Riviera dei Gelsomini di Natale in Piazza Nicolò Cisarò Italian Style 2014 di Serena Surdo 7. Oro Mondiale a Daniele Barresi 51. L’arte pura di Roberto Saluzzi 8. Il Castello delle Mille Favole 54. Il bel Natale di Babuchka 38. Partnership con Golositalia 73. Natali...amo! a Licata (Ag) 3 RistoNews

[close]

p. 4

RISTO EMERGENCY R IS TOWOR LD ITALY 4 RistoNews

[close]

p. 5

EDITORIALE R IS TOWOR LD ITALY R Andrea Finocchiaro Fondatore e Presidente Ristoworld Italia educi dalla meravigliosa esperienza di Italian Style edizione 2014, vediamo di lanciare qualche proposta per il 2015 ormai alle porte. Sarà un anno di svolta: iniziamo con il tesseramento. Ci sarà spazio dal 1 gennaio al 30 giugno 2015 per aderire con diverse formule di tesseramento. A gennaio via libera anche per il nuovo sito, rivisitato sia nella grafica quanto nei contenuti, con una sezione tutta nuova dedicata allo shop e alle varie attività che Ristoworld Italy porta avanti ormai da anni. Insomma le novità sono tante e man mano cercheremo di illustrarvele tutte: a partire dal giornale che cambierà veste grafica e diventerà sempre più voce e- sclusiva della nostra Associazione. La sede ufficiale di Catania aprirà le porte per tutta una serie di corsi di formazione per attribuire competenze e professionalità importantissime anche nella fase di ricerca di nuove opportunità di lavoro. Nuovi incarichi anche per quanto riguarda le ex delegazioni che diventano distretti territoriali in vista di un radicamento sul territorio quanto più capillare possibile. Sarà un anno di svolta e di combattimento per cercare anche di affermare alcuni concetti base che Ristoworld, a differenza di altre realtà associative, non si stancherà mai di sottolineare. La difesa della professione del cuoco e di quanti orbitano nel mondo della ristorazione, del Made in Italy nel mondo, della migliore tradizione e produzione enogastronomica del Belpaese. Tutti concetti più o meno sbandierati da quanti da 15, 20 o più anni dicono di occuparsi del futuro della bistrattata categoria e invece non fanno altro che organizzare pseudo concorsi di cucina, simposi autocelebrativi con collari e collarini a certificare competenze, per carità legittime, ma del tutto ormai superate. La professione è cambiata, prendetene atto. Riportiamo al centro delle attenzioni i cuochi, i cucinieri. I divi, i guru, gli showman lasciamoli alla tv, lasciamoli agli altri. Continuate a seguirci. E intanto Buon Natale e Felice Anno Nuovo a Voi e alle Vostre Famiglie. E che Dio ci benedica, tutti quanti! Marcello Proietto DS Direttore Responsabile Ristonews Italia Seguici su Facebook! www.facebook.com/groups/ristoworld 5 RistoNews

[close]

p. 6

AUGURI REALI R IS TOWOR LD ITALY 6 RistoNews

[close]

p. 7

CONTROCOPERTINA R IS TOWOR LD ITALY Lussemburgo Coppa del Mondo 2014 EXPOGAST VIlleroy e Boch WACS 7 RistoNews

[close]

p. 8

APPUNTI di VIAGGIO R IS TOWOR LD ITALY L udwig II di Baviera fu un sovrano romantico, poetico e sognatore che cercò, per tutta la vita, di permeare la sua terra dei suoi ideali, dei suoi sogni, estrinsecati nella costruzione di meravigliosi castelli. Ancora oggi è chiamato, affettuosamente in dialetto bavarese, “unser Kini”, (“il nostro re”). Egli era un giovane bello, alto, con due occhi dell’azzurro del lago, generoso e incantava. La sua non fu una vita facile, salì al trono a 18 anni, ma non aveva interesse per la politica, non amava le guerre, gli intrighi politici, le faccende di economia, era invece un grande mecenate, colto e raffinato, sostenitore del compositore Richard Wagner e affascinato dalle antiche leggende tedesche. Proprio questo suo amore per le leggende, i miti e la poetica wagneriana gli ispirò la costruzione di monumenti di una bellezza incredibile, come il famoso castello di Neuschwanstein. L’idea di re Ludwig era di riprodurre le glorie degli eroici cavalieri dei tempi trascorsi, in particolare le atmosfere del "Lohengrin" di Wagner. Scelse, per il castello, una posizione privilegiata sulla cima di una montagna che domina un paesaggio naturale fatto di gole rocciose, foreste e il castello dei suoi genitori. Se l’esterno del castello appare magnifico per i panorami spettacolari, l’interno lascia senza parole: la sala del trono in stile bizantino, la sala da pranzo con i meravigliosi dipinti, la camera da letto in stile tardo gotico ornata con sapienti intagli in legno, la sala dei cantori, alla quale si accede attraverso una stupenda grotta, in cui sono riprodotte le stalattiti e le stalagmiti, non lasciano indifferenti. 8 RistoNews

[close]

p. 9

APPUNTI di VIAGGIO R IS TOWOR LD ITALY Il Castello di Neuschwanstein è conosciuto come il Castello delle fiabe, ma è anche da dire che ad esso si ispirò il signor Walt Disney per disegnare quello che tutti conosciamo come il castello di Cenerentola, nonché il simbolo ufficiale della Casa Produttrice. SCHEDA TECNICA Ubicazione: Germania Land: Baviera Città: Schwangau Tipo: Castello Primo proprietario: Ludovico II di Baviera Stile: Neogotico Inizio costruzione: 5 settembre 1869 Termine costruzione: 1886 Costruttore: Ludovico II di Baviera Christian Janck Condizione attuale: Aperto al pubblico Sito web www.neuschwanstein.de La ragione dell’edificazione di questo maestoso castello risiede in alcuni eventi storici che avevano portato re Ludwig II a perdere parte dei suoi poteri e ad essere suddito della Prussia, limitazione che non riuscì mai ad accettare, convinto che un monarca era tale per grazia divina. Allora, egli costruì un mondo parallelo in cui potersi sentire un vero monarca. Ma solo, isolato, tormentato, fu dichiarato folle e inabile al governo: rinchiuso in una delle sue residenze, perse la vita ancora giovane. 9 RistoNews

[close]

p. 10

DOLCE NATALE R IS TOWOR LD ITALY https://www.facebook.com/ zuccheroamore.efantasia.50?fref=ts Medaglia d’Oro Italian Style 2014 10 RistoNews

[close]

p. 11

APPUNTI di VIAGGIO R IS TOWOR LD ITALY D opo la permanenza nel Salento, mi spostai lungo la statale che fiancheggia il mar Ionio, sino a giungere a Roccella Jonica, ridente cittadina sul mare, sulla rinomata riviera dei Gelsomini. Bellissime spiagge ben attrezzate ricche di appuntamenti serali, grazie ai quali ho goduto della possibilità di ascoltare del buon jazz, posso affermare di essere fortunato. Roccella Jonica è secondo molti storici antichissima, sarebbe infatti l'antica località di Amphisya ricordata nei poemi del poeta romano Ovidio. Sicuramente è un antico insediamento, infatti il primo documento che testimonia l’esistenza di Roccella Jonica, risale al 1270: si tratta di un atto notarile di donazione del Castello donato a Gualtieri de Collepietro da Carlo I d’Angiò. Roccella fu un importante feudo e rocca difensiva della costa, principalmente contro gli invasori saraceni, come simboleggiato anche nel gonfalone araldico, che rappresenta San Vittorio Martire che lotta con un moro. Come tutti gli antichi paesi, si contano un numero elevato di chiese e di conventi, molti dei quali ormai chiusi o abbandonati o riadattati ad altri usi, dopo l’avvento dei Savoia. Inoltre ospita e ospitava parecchie case nobiliari, tra cui non poteva mancare il palazzo Orsini. La famiglia Orsini pur annoverando due papi, una trentina di cardinali e un nu- Premio Ofelia Italian Style 2014 mero non stimabile di discendenti, verso il 1500 coprivano tutto il territorio italico, infatti troviamo qualche resto di palazzo ancora in Piemonte, sino alla Sicilia. Come molte famiglie nobili, con l’avvento dei Savoia sparirono. 11 RistoNews

[close]

p. 12

APPUNTI di VIAGGIO R IS TOWOR LD ITALY Il nome “Costa dei Gelsomini” deriva dalla coltivazione del delicato e profumatissimo fiore, che si coltiva intensamente lungo la costa, e che le donne raccoglievano sin dal mattino per poi venderne l’olio essenziale alle industrie francesi di profumi. Sono da ricordare alcuni dei numerosi siti di interesse archeologico e storico presenti: risalgono all'epoca magnogreca gli scavi di Locri Epizefiri e di Kaulon, all'epoca romana la villa Romana di Casignana, mentre all'epoca bizant ina r isalgono la Cattedrale di Gerace, la Cattolica di Stilo e il Monastero di Santa Barbara di Mammola, oggi adibito a Parco Museo d'arte mo- derna dall'artista internazionale Nik Spatari. Da molti storici e critici d’arte il Parco Museo Santa Barbara è considerato uno dei più importati Musei di Arte Moderna a livello internazionale. Mammola è anche ricordato come il paese dello stocco, importato dai paesi nordici come mezzo di scambio. Ma questo territorio era, prima dei Savoia, il polo Siderurgico del Regno delle due Sicilie. Le Reali ferriere ed Officine di Mongiana o Polo siderurgico di Mongiana che dista circa 60 Km, da Roccella Jonica, è stato un importante centro industriale, costruito fra il 1770 ed il 1771 cir- ca, da parte della dinastia dei Borbone di Napoli, e che è parte integrante del complesso industriale e militare che nel 1860 a dava lavoro a circa 1.500 operai. Travolto dalle vicende legate al processo di unificazione politica della penisola italiana, fu messo in secondo piano da parte del governo sabaudo, ed iniziò un rapido declino, che lo portò a cessare le proprie attività nel 1881. (Era la fabbrica principale di produzione d'armi di Mongiana, destinate all’esportazione nei principali Stati Europei. Da ricordare che era il più moderno per quel periodo e a ciclo completo, estrazione del minerale, la fusione in cubilotti e trasformazione in materia finita, e gli operai avevano pure l’assistenza medica. In questa costa si inaugurò anche la prima ferrovia Calabrese di circa 30 Km, divisa in due tratti, la prima di circa 20 Km e la seconda di circa 10, a unire le due tratte venne utilizzata una teleferica. Di tutto questo non rimangono che ruderi, di un tempo ricco e gaio. Il Regno delle Due Sicilie non fa che stupirci continuamente. 12 RistoNews

[close]

p. 13

RICETTARIO FESTOSO R IS TOWOR LD ITALY 13 RistoNews

[close]

p. 14

EMOZIONI NATALIZIE R IS TOWOR LD ITALY Crema mousse al cioccolato all’arancia Per la tavola delle feste, ho pensato ad un dolce al cucchiaio di facile preparazione ma di grande effetto. La festa del Natale è considerata, quasi in tutto il mondo, la festa più importante dell'anno. Viene celebrata il 25 dicembre, nascita di Gesù Cristo e rappresenta la “luce”. Ingredienti: per 6 persone Difficoltà: 2 Tempo di esecuzione 15 minuti + 4 ore di raffreddamento Ingredienti per la crema mousse al cioccolato ½ dose di crema alla vaniglia (vedi preparazione in basso) 250g. di copertura di cioccolato extra fondente 70% 500g. di panna non zuccherata. Procedimento Mescolate la crema alla vaniglia calda alla copertura di cioccolato. Quando la crema avrà raggiunto i 30-32°C, incorporate la panna montata non zuccherata. Ingredienti per la crema alla vaniglia 900g. di latte 1 bacca di vaniglia Bourbon Madagascar 250g. di tuorli 300g. di zucchero semolato Procedimento Bollite il latte e la vaniglia e nel frattempo mescolate i tuorli e lo zucchero. Incorporate le due masse e portate a cottura alla rosa, cioè fino a una temperatura di 80° gradi circa. Per chi non avesse un termometro da cucina, un indicatore sarà la ve la t u r a d e l c u c c h ia io . Per riconoscere il corretto grado di cottura, una volta, si soffiava sul cucchiaio di legno contenente un velo di salsa: se questa formava un’increspatura simile ai petali Titti Dell’Erba della rosa la crema era pronta. Formate una crema. Inserite la crema mousse al cioccolato fondente nei bicchierini, decorate con granella di nocciole e bucce d’arancia candita. Raffreddate in frigo per almeno 4 ore prima di servire. Vino in abbinamento Malvasia delle Lipari 14 RistoNews

[close]

p. 15

DOLCE NATALE R IS TOWOR LD ITALY www.facebook.com/emanuela.cali.3?fref=ts Medaglia d’Oro Italian Style 2014 15 RistoNews

[close]

Comments

no comments yet