N.6, Giornalino Nostra Signora di Giampilieri, 21 Ottobre 2014

 

Embed or link this publication

Description

Giornale Cristiano Cattolico del Centro di Spiritualità L'Emanuele

Popular Pages


p. 1

21 Ottobre 2014 N. 6 1

[close]

p. 2

Sommario: 4. Editoriale “ Perché Gesù Piange ” 6. “ Sono lacrime vere ” 8. “ L’EMANUELE Dio con noi ” 10. “Prendete le misure necessarie per la Mia Cappella” 12. “ Siate voi stessi con Me, il rifugio dei peccatori “ 14. “ Chi vive in Maria, con Maria e per Maria, vive per Gesù “ 16. “Che Io sia il seme che il vento porti e cada in terra fertile “ 18. “ La preghiera è la sorgente della vita“ 20. “ Apparizioni mariane “ - di P. Guglielmo Fichera 26. “ Io sono la vite, voi i tralci “ 28. “ Il più grande Rosario del mondo“ 30. “ Beati voi se seminate il fiore della speranza in questa valle di lacrime“ 32. “Grati alla Madonna “ 34. “Pellegrini a Giampilieri” 36. “Speciale 25° anniversario” 42. “Amore per la preghiera” 44. “Come giungere a Giampilieri “ www.nostrasignoradigiampilieri.it +393425868437 2

[close]

p. 3

3

[close]

p. 4

Lacrime per la salvezza del mondo, lacrime per la durezza dei cuori PE RCH È GE SÙ PI AN GE ? Il Sangue del Figlio, le lacrime della Madre. in tutta la “CONVERTIRE DURI”. I A cura di Gaetano LICATA Sua potenza, CUORI PIU’ 21 ottobre 2014 ari lettori, questo è il più importante giorno che ricordiamo con immenso amore e gioia, è il giorno delle prime lacrime d’amore che il volto bronzeo di Gesù ha manifestato al mondo intero in Giampilieri Marina. C Perché mostrarsi lacrimante ? Perché Gesù inizia così a manifestarsi ? Quelle lacrime, preannunziano la Sua dolorosa passione, quella passione che ha portato la distruzione del peccato! Lacrime per la salvezza del mondo. Lacrime per la durezza dei cuori, lontani da Dio e dalle Sue leggi. Lacrime che si riversano su tutti gli uomini per condurli verso Sua Madre, la piena di Grazia. Le lacrime della Mamma sono più persuasive e insinuanti: come certe piogge lente e rade e senza vento, vanno in fondo, alle radici del sentimento e lo piegano verso la pietà. Gesù sulla Croce, piange anche per la Sua cara Madre, non vuole vederla soffrire. Il sangue dei Martiri lava la terra: le lacrime della Regina dei Martiri, di colei “che moriva senza poter morire con chi moriva” spietrano i cuori, li ammorbidiscono. Davanti a una Mamma in pianto anche le pietre si spaccano: quale cuore è così duro da resistere al pianto di una mamma ? Nel mistero della nostra Redenzione abbiamo il Sangue e le lacrime: il Sangue del Figlio, le lacrime della Madre. Quanti prodigi in 25 anni, quanti segni d’amore. Gesù si manifesta ancora oggi, per salvare l’umanità dall’egoismo, Oggi ricorre il primo Giubileo (25° anniversario) di quelle preziose lacrime bianche che iniziarono a sgorgare dagli occhi sofferenti di Gesù e che ancora oggi si riversano, trasformate in sangue. Sono passati 25 anni, eppure sembra un attimo, un soffio di vento, e mi domando: “cosa è cambiato nella mia vita ?” “Queste lacrime d’amore sono riuscite ad illuminare realmente il mio cuore ? ” E d i t o r i a l e Ho visto passare, tra quelle piccole mura di via Nazionale, migliaia e migliaia di persone, tutte desiderose di vedere il “segno”, il “prodigio”, desiderose di avere una “guarigione”. Molti sono stati i miracoli, ma i veri ed autentici segni straordinari li ho visti nel cambiamento di vita e nella trasformazione del proprio cuore. Dopo 25 anni, ho conosciuto, probabilmente, uno dei motivi per cui “Dio” ha scelto questo piccolo paesino per manifestarsi e mostrarsi 4

[close]

p. 5

E d i t o r i a l e dall’ateismo, dalla lussuria, dall’impurità sempre più incontrollata. Gesù si manifesta per richiamarci alla vera fede, alla sana dottrina. Gesù con le Sue lacrime vuole richiamare anche i suoi ministri, che spesso lo tradiscono. Gesù piange anche per la Sua amata Chiesa, molti sono i messaggi dati a Giampilieri per i continui sacrilegi commessi durante la celebrazione Eucaristica, come ad esempio prendere la santa Comunione nelle mani e non in bocca, come dovrebbe essere. Gesù piange perché non si crede più nel Paradiso, nell’inferno e nel purgatorio, tutto viene raccontato come una favola. Gesù piange perché nessuno prega il Padre che è nei Cieli, nessuno crede al Dio Trinitario, gli errori di una falsa teologia vengono diffusi a macchia d’olio, illudendo l’umanità che la chiesa interreligiosa sia l’unica soluzione per la pace, diffondendo sempre più una cultura ecumenica che tende a riunire le religioni, ciascuna con le proprie verità, cosa impossibile da attuare, eppure questi errori continuano a dilagare. Gesù piange per le continue distruzioni che avvengono nelle famiglie, senza Dio, senza pace, la piaga del divorzio distrugge i focolari domestici. Gesù piange per i continui peccati d’impurità commessi da molti giovani, distratti dal sesso e da qualsiasi azione contro natura e contro le leggi di Dio. Gesù piange perché l’umanità sta indirizzandosi verso l’egoismo più sfrenato. L’orgoglio, la lussuria, l’ateismo. Così facendo l’umanità andrà verso la terza guerra mondiale. Caro Gesù, siamo qui in questo giorno solenne, per ricordare le tue lacrime d’amore, siamo qui per consolare i nostri cuori affranti dal dolore che la vita ci propone, siamo qui a pregare per chi Ti disprezza e Ti odia, siamo qui per sciogliere il nostro cuore. Grazie Gesù di queste Tue lacrime. Gaetano Licata. 5

[close]

p. 6

Se solo ci fermassimo a pensare al vero legame che ci unisce alla Madonna, i nostri cuori inizierebbero a palpitare molto forte. Noi siamo i suoi figli, ma soprattutto Lei è nostra madre. Come reagisce ogni figlio di fronte al dolore dei propri genitori, cosa pensa un bambino, un fanciullo, un adolescente di fronte allo sguardo pieno di lacrime della propria mamma ? La prima reazione è quella di stupore. Non siamo forse noi figli ad avere bisogno della madre ? Non è lei quella che porta a soluzione tutti i nostri trambusti ed errori ? Eppure guardandola Ella piange copiosamente lacrime di profondo dolore. Il dolore di chi sa a cosa va incontro chi si allontana dalla strada di Dio. Il dolore di chi conosce l’altra parte, quella maligna e perversa che aspetta un nostro errore fatale per acchiapparci e trascinarci nel delirio del fuoco infernale. Come dovrebbe sentirsi una madre che avverte i propri figli del pericolo che essi stanno correndo ma che seppur urlando non viene ascoltata ? Nostra Madre piange e urla il nostro nome ma noi presi dalla vita materiale ed egoistica non l’ascoltiamo. “Cari figli miei, sono vostra 6

[close]

p. 7

Madre salita al cielo poiché sono venuta in questo mondo per aiutarvi, Satana che ben lo sa si dimena in tutti i modi per allontanarvi da Me che sono vostra Madre e Madre dell’Amore. Vi attacca furiosamente e malignamente, mettendo in opera ogni artificio. Il Signore però ha anticipato l’ora della purificazione separando il bene dal male per le preghiere delle piccole anime che Mi seguono lavorando per il Signore”. Se allora non vogliamo ascoltare la sua meravigliosa voce straziata dall’ansia di perderci (anche solo uno) allora volgiamo lo sguardo al suo volto dolcissimo rigato da lacrime di sangue. Quello stesso sangue che il primo dei suoi figli, il Prediletto, ha versato con amore per noi tutti per ugual motivo: la salvezza. La Madonna a Giampilieri parla e piange, grida e soffre, ma facendo questo ci dona anche la grazia, attraverso quelle stesse lacrime di convertirci e di redimerci per ritornare tra le sue braccia e per incontrare nuovamente il Signore che è nei cieli e al quale apparteniamo da sempre. di Fabiana D’Urso 7

[close]

p. 8

“L’Emanuele, Dio con noi, è veramente l’Autore adorabile, amabilissimo, nostro conforto e gioia, che ci attira a Giampilieri Marina, per riempirci della sua Grazia, della sua Vita”. Con queste parole, cariche d’amore, Padre Giuseppe Raimondo, (+14.03.1996) esprimeva quella dolce e meravigliosa verità: Gesù è l’Autore di tutto ciò che stava accadendo a Giampilieri. L’Artefice è così grande che i segni risultavano essere sempre più straordinari. Quello che colpiva maggiormente il Frate, era l’amore e la gioia negli occhi di chi in fila, aspettava il proprio turno per potersi confessare, spinti da un impulso di cui non sapevano assolutamente rendersi conto e, con grande meraviglia, scopriva che molti da più di vent’anni non si erano più accostati a questo sacramento. Vedeva entrare in quella piccola 8

[close]

p. 9

casa, persone che si dichiaravano: atei, comunisti, rimasti lontani dalla chiesa per parecchi anni eppure, davanti a quel volto e alle sue lacrime, decidevano di ritornare ai Sacramenti. Tanti, abituati ad avere un linguaggio volgare, addirittura alla bestemmia, davanti a quel Volto cambiavano radicalmente. Padre Giuseppe Raimondo insiste ad informare più anime possibili anche attraverso dei libri da lui stesso scritti. Egli, era solito dire:<< ancora una volta non esito a ripetere l’invito: venite a vedere, per consolarvi, per lodare, ringraziare insieme l’Emanuele, il Dio con noi, per imparare pregando con devota gratitudine dobbiamo imparare dai suoi amorevoli messaggi la via della vera vita, della pace, della felicità eterna>>. Tutto questo portò il Frate Cappuccino a fondare, L’8 Marzo 1994, “L’EMANUELE”, associazione cattolica. Scopo dell’Associazione, era quello di realizzare un luogo dove pregare il SS. Rosario ed accogliere quindi i pellegrini provenienti da ogni luogo. “Vedete quanto sono utili le vostre preghiere e quanto sia utile la vostra costanza. A chi è costante Dio concede le grazie, pregate molto”. A ricordo di Padre Raimondo, che tanto ha seguito questi fatti straordinari e l’intera famiglia Micali, nonché tutti i fedeli che in questo luogo hanno trovato la conversione del cuore, pubblichiamo, qui a fianco, una breve intervista dell’epoca. Francesca GORPIA 9

[close]

p. 10

Figlia mia, offri ancora le tue sofferenze con generosità. Poiché vi sono troppi figli miei, che amano tutto ciò che è legato alla terra, chiamo e raccolgo un gran numero di miei figli affinché facciano penitenza per loro. Per questo, figlia mia, dato che la Mia casa deve essere una Cappella e la casa della salvezza, che deve condurre alla penitenza numerose anime, il suo ingrandimento non è un lusso ma permette alla Mamma che sono Io, di chiamare e di radunare con amore molti figli. Per conseguenza, quando molti miei figli, per salvare il mondo, si raccoglieranno i primi sabati passando la notte in preghiera con me ed entreranno per la piccola porta portando la loro croce, allora i demoni batteranno in ritirata e i peccatori faranno penitenza e saranno benedetti. Mentre il mondo passa con tutte le sue concupiscenze, voi otterrete la salvezza, se veramente la desiderate e vivrete eternamente, se vi sforzate di vivere secondo la volontà di Dio, tenendo la Mia mano che è il legame che congiunge il cielo e la terra. La Madonna dell'insegnamento di Gesù? Preghiamo perché tutti gli uomini si donino a Dio, che si offrano a Dio, che si abbandonino e si rimettano nelle mani di Dio ristoro, riparo. Apriamo i nostri cuori, per lasciare entrare il Signore e satana non vincerà . Davanti alla morte si trova la vita; davanti all'indifferenza l'amore misericordioso; davanti alla falsità si trova la verità. Margherita Bertuccelli Q uesti sono momenti difficili per l' umanità, è tempo di aumentare la nostra preghiera, il più possibile, perché l'aria è satura come quando la nebbia è molto densa togliendo ogni visibilità. La preghiera è come il sole che scalda e piano piano fa sciogliere la nebbia ed allora si ritorna a vedere. Gesù ascolta tutte le nostre preghiere, chiediamogli protezione. I giovani corrono verso l'autodistruzione, le famiglie si disgregano, i valori veri non esistono più, il male è diventato bene. Restiamo in guardia, la preghiera è il nostro scudo, la nostra salvezza. Gli uomini hanno dimenticato tutto, la spiritualità è quasi scomparsa, vivono in un mondo che non è quello di Dio , che non è quel mondo che Dio ha voluto. Dove sono le virtù ? che se ne è fatto 10

[close]

p. 11

11

[close]

p. 12

FIGLI MIEI CARI, NELLA CAPPE CHE VI SIA UN LUOGO RISERVA SPAZIO PER ACCOGLIERE E CUR MALATI. QUESTO LUOGO SARÀ IL CARITÀ DEI MIEI FIGLI. VI INVITO FIDUCIA, AD UNIRE LE FORZE E OFFRIRANNO UN AIUTO PER LA DIVINA. IO SEGNO QUEST’OPER 12

[close]

p. 13

ELLA CHE SORGERÀ, DESIDERO ATO ALLA PREGHIERA ED UNO ARE I BAMBINI ABBANDONATI E L FRUTTO DELL’AMORE E DELLA D IPOTECARE LA PROVVIDENZA SUA REALIZZAZIONE O PER QUESTO AD AVERE TANTA RA E BENEDICO COLORO CHE 13

[close]

p. 14

Voglio condurre i miei figli verso la verità assoluta Figli miei, oggi questa Madre vuole essere presente in tutti i cuori. Figli miei cari, ci giungerò a misura che voi mi accettiate, agirò se vi lasciate condurre da Me. Guardate e contemplate gli occhi di questa mia statua e li vedrete colmi d’’amore per voi, anche il mio cuore lo è. Figli miei, ho 14 chiesto la mia cappella per svegliare da qui nei miei figli il bisogno di cercare Dio. Ho chiesto la mia cappella affinché i figli vengano verso la Madre ed attraverso Me vadano da Dio. In questa cappella ascolterò la voce di quei figli che elevano la loro preghiera con profondo amore a Dio.

[close]

p. 15

Il mio amore cade come una pioggia sui cuori avidi della misericordia del Signore. Questa Madre è venuta a portare ai figli la sicurezza. La sicurezza che Io vi do è grande, Figli miei, perché è grande il mio amore per voi. La mia protezione universale è già incominciata, adesso aspetto 15 che i figli di tutto il mondo vengano in cerca della mia protezione. Figli miei, amate e pregate la vostra Mamma Celeste in questo giorno di festa per tutti voi che amate questa Madre come Io amo voi.”

[close]

Comments

no comments yet